Sardegna e Molise in zona arancione, la Campania resta rossa: i nuovi colori delle Regioni. L’ordinanza


articolo: https://www.corriere.it/cronache/21_marzo_19/sardegna-molise-zona-arancione-campania-rossa-27dac5da-88dd-11eb-9214-48facb37773c.shtml?fbclid=IwAR11uXBdGggMwL0odTBXsoSQqR67SdYbFkpWYRKAfupcblvrNaSBTlAz5R8

L’ordinanza del ministro Speranza: da lunedì la Sardegna, finora in zona bianca, passerà in zona arancione, così come il Molise; la Campania resta in zona rossa

Il ministro della Salute Roberto Speranza, «sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia», firmerà questa sera l’ordinanza che stabilisce i nuovi colori delle regioni. Lo si legge in una nota del ministero della Salute. Sardegna e Molise passeranno in zona arancione, mentre viene prorogata l’ordinanza in scadenza relativa all’area rossa in Campania.
I nuovi colori saranno in vigore a partire da lunedì 22 marzo.

Il cambio di colore (doppio) della Sardegna – Da giorni i dati relativi alla Sardegna erano in peggioramento. «Aspettiamo i dati della cabina di regia e le comunicazioni del governo», avevano spiegato gli uffici del presidente Solinas. «A decidere le fasce è un algoritmo, basta una leggera sfasatura dei dati e può cambiare tutto, anche in una situazione positiva e sotto controllo come quella che viviamo in Sardegna», aveva detto l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu. La Sardegna compie un doppio cambio di fascia (con il decreto legge che regola i comportamenti fino al 6 aprile infatti nessuna regione può più essere in fascia gialla), passando dalla zona bianca a quella arancione, che impone la chiusura di bar e ristoranti e limitazioni agli spostamenti.

Il Molise e le altre Regioni – Cambia colore — questa volta per passare dal rosso all’arancione — anche il Molise. La Calabria, che rischiava il rosso, rimane in arancione, nonostante alcuni indicatori suggerissero la possibilità di un irrigidimento delle misure di contenimento dei contagi.

Le regioni passate in rosso una settimana fa devono invece attendere. Per Lombardia, Lazio, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Marche, Puglia e Trento la data chiave è il 26 marzo.

In base ai dati pubblicati oggi, l’Rt nazionale è stabile, a 1,16. La Lombardia continua a sperare di entrare in zona arancione dalla prossima settimana: l’Rt è sceso da 1,30 a 1,16 — un dato da zona arancione.

Facebook, WhatsApp e Instagram down: irraggiungibili a livello globale


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2021/03/19/news/whatsapp_giu_malfunzionamento_dell_app_di_chat-292987596/?ref=RHTP-BH-I288512892-P1-S2-T1

Il malfunzionamento per le tre app dal pomeriggio. Disagi per utenti e smart working

Le piattaforme di Zuckerberg in tilt in tutto il mondo: Facebook a rilento come anche la chat Messenger, la popolare applicazione di messaggistica WhatsApp e il social di immagini Instagram sono irraggiungibili dal pomeriggio di venerdì 19. Il malfunzionamento appare esteso globalmente. Disagi per utenti e per chi usa le piattaforme per lo smart working.

La Maddalena esce dalla zona rossa, in cui si trovava da tre settimane.


La Maddalena esce dalla zona rossa, in cui si trovava da tre settimane.
Lo comunica il sindaco, Fabio Lai, con un video pubblicato sui social.
Il primo cittadino fornisce il bilancio attuale sulla diffusione del coronavirus: 21 sono le persone guarite, i ricoverati scendono a 4, e i positivi sono ora 78 (con un incremento di 11 nuovi casi).
I positivi, sottolinea, “sono tutti in quarantena e tracciati“.
Quindi, “numeri alla mano – dice Lai – i dati sono sotto l’indice previsto per continuare la zona rossa“.
Dalle 14 di oggi La Maddalena è entrata in zona bianca. “Questo – precisa il sindaco – non vuol dire ‘liberi tutti’, anche la zona bianca ha prescrizioni da rispettare per evitare di tornare in zona rossa. Atteniamoci scrupolosamente alle disposizioni contenute nell’ordinanza regionale numero otto, non voglio rischiare di compromettere la stagione“. E annuncia, “fin da adesso: i controlli continueranno a essere inflessibili“.
➖
Tutte le altre notizie su www.videolina
 
 

Terremoto spaventa la Sardegna: «Una scossa sismica fortissima. Si è spostato tutto»


articolo: https://www.ilmessaggero.it/italia/terremoto_sardegna_cosa_e_successo_sassari_alghero-5839814.html?fbclid=IwAR1wEWNWubLrm2joPCRhW0RDIp5oPAKFLVmG33sE7mCtFmG9NsFuNluvrZw

Terremoto spaventa la Sardegna

La paura del terremoto si diffonde in Sardegna e corre sui social network. «L’avete sentito anche voi?», il commento che si legge di più. Una ragazza racconta: «Ero a letto, ma ero ancora sveglia, e si è spostato tutto come fossi stata su una nave col mare mosso». «Pensavo di essere pazzo», spiega invece un giovane trovando conforto nell’allarme lanciato da un’amica. «Era una scossa sismica fortissima», risponde un altro, mentre tra i commenti c’è chi ammette candidamente: «me la sono fatta sotto».

Avvertita in particolare tra Sassari e Alghero – La forte scossa di terremoto di magnitudo 6.2 è avvenuta stanotte poco dopo l’1 di fronte alla costa dell’Algeria. È stata di un’intensità tale da svegliare di soprassalto numerosi sardi che abitano nell’area nord-occidentale dell’isola, in particolare tra Sassari e Alghero. In molti hanno anche pensato che si trattasse di un’esplosione. «Che brutta sensazione», confessa una donna, mentre l’amica le spiega che a casa sua «ha fatto rumore la porta e si è mosso il divano, tanto che ho pensato che ci fosse qualcuno». C’è chi prova a sdrammatizzare ancora prima che albeggi. «Pensavo fosse come ogni volta frutto della fantasia di mia figlia, invece aveva ragione», scrive una madre. «Ho sentito una scossa pochi minuti dopo essere andato a letto, verso l’1.10 – assicura un uomo – ha fatto cadere le cose che erano sul comodino, che spavento».

Covid, in Lombardia l’Rt scende: dati da zona arancione, ma la regione resta rossa fino a lunedì 29


articolo: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_marzo_19/covid-lombardia-l-rt-scende-dati-zona-arancione-ma-regione-resta-rossa-fino-lunedi-29-0f916342-88a3-11eb-9214-48facb37773c.shtml?fbclid=IwAR00-3kSve5G0Xk_ZScdQKV1xWJpIrX0cQsQg1wRWjYbXkB2Krx9paxapq4

L’indice che misura la velocità del contagio inverte la tendenza e passa da 1,30 a 1,13. A Milano si attesta a 1,11, in discesa da più di una settimana. Resta comunque in vigore l’ordinanza di 15 giorni firmata dal ministro Speranza

Un altro indizio che rema verso il consolidamento delle stessa prova. In Lombardia le curve hanno girato in questa terza ondatina di primavera. L’Rt regionale, calcolato sui positivi, che all’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità registrava il dato (in crescita) di 1,30, ha invertito il suo trend e oggi si attesta su 1,13. È la dimostrazione che la velocità del contagio ha perso ritmo. Un dato riferito alla settimana scorsa, che lascia intuire come il dato «reale» di questi giorni possa essere ancora più basso. In parallelo resta in discesa anche il dettaglio dell’Rt di Milano, oggi a 1,11, in discesa da più di una settimana.

L’indice Rt – che ci dice quante persone possono essere contagiate da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo – resta tra gli indicatori determinanti sul tavolo della cabina di regia che si riunisce ogni venerdì, ma non l’unico. Il parametro tornato adesso in una fascia «da arancione», viene combinato però con l’incidenza e soprattutto la pressione sul sistema sanitario che in Lombardia resta sopra la soglia di rischio. Il motivo è che è il numero dei contagi è il primo a frenare, mentre sui ricoveri si paga ancora il contagio delle scorse settimane.

La Lombardia resterà comunque in zona rossa almeno fino a lunedì 29, dato che l’ordinanza firmata dal ministro Roberto Speranza ha validità di 15 giorni. Come evidenziato qualche giorno fa dal governatore Attilio Fontana, la situazione complessiva vive la prima fase di miglioramento e entro domenica si dovrebbe registrare il picco: la somma dei contagi di questa settimana è inferiore a quella precedente, altro segnale evidente della regressione dell’onda epidemiologica.

Fontana: “Lombardia arancione? Vedo un leggero miglioramento”

Champions, i sorteggi in diretta: ecco i quarti di finale & Europa League


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_marzo_19/champions-sorteggi-diretta-ecco-quarti-finale-4eba8f78-889c-11eb-9214-48facb37773c.shtml

A Nyon, in Svizzera, sono stati sorteggiati i quarti di finale di Champions League: sarà Real Madrid contro Liverpool e Bayern contro Psg

A Nyon, in Svizzera, si sono tenuti i sorteggi dei quarti di finale di Champions League. Le squadre rimaste nella competizione, dopo gli ottavi, sono — oltre ai campioni d’Europa in carica del Bayern Monaco — Borussia Dortmund, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Porto (che ha battuto la Juventus agli ottavi), Psg e Real Madrid (che ha eliminato l’Atalanta).

Ecco i quarti di finale di Champions League:

• Manchester City – Borussia Dortmund
Porto – Chelsea
• Bayern Monaco – Paris Saint-Germain
• Real Madrid – Liverpool

La finale e il calendario: La finale si giocherà a Istanbul il 29 maggio, all’Ataturk Olympic Stadium. Il calendario dei quarti di Champions 2020-2021 è il seguente: andata, 6-7 aprile 2021ritorno, 13-14 aprile 2021. In semifinale la vincente di Bayern-Psg sfiderà la vincente di City-Dortmund. Nella seconda semifinale la vincente di Real-Liverpool sfiderà la vincente tra Porto e Chelsea


Europa league

Europa League: la Roma trova l’Ajax e rischia il Man United in semifinale

articolo: https://roma.corriere.it/notizie/sport/21_marzo_19/europa-league-roma-trova-l-ajax-se-passa-man-united-semifinale-fef024aa-88a8-11eb-9214-48facb37773c.shtml?cx_testId=25&cx_testVariant=cx_1&cx_artPos=2#cxrecs_s

La squadra di Fonseca incontrerà nei quarti i campioni di Olanda (andata 8 e ritorno il 15 aprile) e, in caso di qualificazione, la vincente tra i favoritissimi inglesi e il Granada

Sorteggio difficilissimo per la Roma in Europa League. Sarà l’Ajax l’avversaria dei giallorossi, unica squadra italiana ancora in corsa nelle Coppe, nei quarti di finale di Europa League. Gara di andata l’8 aprile ad Amsterdam e ritorno il 15 all’Olimpico. Il sorteggio di Nyon ha già deciso anche gli eventuali intrecci delle semifinali (29 aprile-6 maggio): se la Roma passerà il turno incontrerà la vincente di Granada-Manchester United. La finale di Europa League sarà giocata a Danzica (Gdansk Stadium) il 26 maggio.

Questi i sorteggi:

  • Granada-Manchester United;
  • Arsenal-Slavia Praga;
  • Villarreal-Dinamo Zagabria.
  • Aiax – Roma

Le Regioni blindano le seconde case. Scontro col governo


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2021/03/18/news/le_regioni_blindano_le_seconde_case_scontro_col_governo-292873776/?ref=RHTP-VS-I270681067-P17-S1-T1

Dalla Sardegna all’Alto Adige si moltiplicano gli stop. Roma valuta il ricorso

RomaLe duemila ville della Costa Smeralda a Pasqua rimarranno chiuse. Quelle del golfo di Napoli, dipende da chi è il proprietario o l’affittuario: se è campano dovrà rinunciare, se invece viene da qualsiasi altra parte d’Italia potrà andare. Anche chi abita altrove e ha uno chalet di montagna in val d’Aosta o Alto Adige non potrà usufruirne. E la Versilia e il Chianti si preparano a fare lo stesso: sbarrare le porte ai proprietari di seconde case nonostante il governo abbia deciso che, anche nei giorni di Pasqua in cui tutta l’Italia sarà in rosso, sia possibile trasferirsi con la famiglia nell’abitazione in cui si è soliti passare alcuni periodi dell’anno.

Fonti di governo confermano: niente pranzi al ristorante, niente viaggi per turismo ma almeno passare la Pasqua con il nucleo familiare convivente sì. E in queste ore, dopo le fughe in avanti di alcuni governatori che sono andati ben oltre le loro prerogative, si valuta l’impugnativa delle ordinanze di Sardegna, Val d’Aosta, Alto Adige che hanno vietato l’ingresso nei loro territori ai proprietari di seconde case a meno che non debbano raggiungerle per motivi di lavoro, di salute o di necessità.

Provvedimenti illegittimi secondo il costituzionalista Pietro Ciarlo: «Le regioni non possono bloccare gli arrivi. Solo il governo nazionale può limitare la libera circolazione tra le regioni. I controlli in ingresso, disposti a livello regionale, sono già ai limiti di ciò che l’ordinamento può contemplare». Insomma, una cosa è disporre l’obbligo di tampone negativo per chi arriva, come ad esempio fa la Sicilia ormai da tre mesi, altro è impedire l’ingresso e privare i cittadini dell’utilizzo di un bene inalienabile come la propria casa. continua a leggere

Niente vacanza in zona bianca: in Sardegna solo per lavoro, salute o necessità

Niente vacanza in zona bianca: in Sardegna solo per lavoro, salute o necessità (olbianova.it)

Entrata killer, portiere Slavia esce in barella


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2021/03/18/entrata-killer-portiere-slavia-esce-in-barella_2ddb5f91-e2ab-4533-b8de-9ca49b2e9240.html

Colpo da kung-fu di Roofe su Kolar, Rangers chiudono match in 9

Bruttissimo fallo nel corso della ripresa di Rangers-Slavia Praga di Europa League. Un vero e proprio colpo da kung-fu da parte del giocatore scozzese Roofe sul portiere ceco Kolar si tramuta in una espulsione immediata e nell’uscita del portiere degli ospiti in barella per una brutta ferita sul volto.    L’estremo difensore classe 1994, ha subito un intervento killer: Roofe, alla caccia del pallone, ha infatti colpito il portiere avversario sul volto con i tacchetti.
    Il resto della partita (terminata 2-0 per lo Slavia Praga qualificato ai quarti) è stato all’insegna del nervosismo tanto che i Rangers hanno chiuso in nove a causa dell’espulsione anche di Balogun per un altro brutto fallo. Poi altri falli e una rissa nel finale.

Il vaccino italiano di ReiThera inizia le fasi due e tre delle sperimentazioni


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2021/03/18/news/il_vaccino_italiano_di_reithera_inizia_le_fasi_due_e_tre_delle_sperimentazioni-292836122/

Novecento volontari arruolati in 26 centri italiani e uno in Germania. L’obiettivo è essere pronti in estate con 100 milioni di dosi all’anno

Il vaccino italiano di ReiThera inizia le fasi due e tre delle sperimentazioni

I novecento volontari sono già stati arruolati in 26 centri italiani e uno ad Hannover, in Germania. Sono pronti a partire per la fase due delle sperimentazioni del vaccino italiano di ReiThera, subito seguita dalla fase tre. L’obiettivo è concludere i test e mettere a disposizione dell’Italia il vaccino prodotto a Castel Romano, a sud di Roma, in estate se tutto andrà bene. La biotech laziale ha la capacità di produrre 100 milioni di dosi all’anno.

La fase uno era iniziata il 24 agosto dell’anno scorso ed era stata condotta su quasi cento volontari. I dati erano stati presentati all’Istituto Spallanzani di Roma, che avevano coordinato i test, il 5 gennaio di quest’anno. Il vaccino ha dimostrato di essere sicuro e di stimolare il sistema immunitario, sia sul fronte della produzione di anticorpi che su quello della formazione di linfociti T. Nella fase due i 900 volontari saranno divisi in tre coorti: uno riceverà un placebo, uno un’unica dose, uno due dosi. I risultati saranno messi a confronto per valutare l’efficacia del vaccino.

ReiThera a gennaio aveva ricevuto un’aiuto finanziario da parte di Invitalia, l’agenzia diretta dall’allora commissario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri. In cambio la biotech si è impegnata a soddisfare le esigenze dell’Italia in via prioritaria. “Siamo molto orgogliosi di portare il nostro candidato vaccino in una fase avanzata di sperimentazione clinica. Per affrontare la portata mondiale di quest’emergenza sanitaria c’è ancora necessità di nuovi vaccini sicuri ed efficaci che si aggiungano all’arsenale di quelli già approvati in Italia e nel resto del mondo” ha dichiarato la presidente di ReiThera, Antonella Folgori. “Siamo grati alle Istituzioni pubbliche e a tutti coloro che hanno riposto la loro fiducia nel nostro lavoro”.

In collaborazione con lo Spallanzani abbiamo messo a punto uno studio clinico che si avvale di avanzati sistemi digitali e di piattaforme di telemedicina. Vorrei ringraziare il coordinatore dello studio, il dottor Lanini dello Spallanzani, i siti clinici che hanno accettato di far parte del programma e le migliaia di volontari che hanno già presentato domanda di partecipazione allo studio” ha aggiunto Roberto Camerini, direttore medico di ReiThera.

Ginnastica, Vanessa Ferrari positiva al Covid: “Peccato, proprio adesso che ero in forma”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/vari/2021/03/17/news/ginnastica_coronavirus_vanessa_ferrari_positiva-292693872/

La trentenne azzurra lo comunica sui social: “Ho iniziato a stare male con tutti i sintomi influenzali, quindi adesso sono in quarantena. Proprio adesso che stavo raggiungendo un’eccellente forma e stavo facendo ottimi progressi”

 ROMA –  Vanessa Ferrari è positiva al Covid-19. Lo ha annunciato la stessa trentenne ginnasta azzurra ai suoi sostenitori attraverso i social.

“Casi positivi dopo la gara di Ancona” Sono davvero dispiaciuta nel comunicarvi che sono positiva al Covid – ha scritto l’azzurra, laureatasi campionessa mondiale di artistica ad Aarhus, in Danimarca, nel 2006 – Dopo la gara di Ancona (prima tappa della Serie A di sabato 6 marzo, ndr) sono risultati alcuni casi di positività, quindi sono state prese le precauzioni del caso e i distanziamenti, in attesa dei tamponi. Poi ho iniziato a stare male, febbre, ecc, tutti sintomi influenzali, quindi adesso sono in quarantena“.

“Proprio ora che ero in forma” – Vittima di numerosi infortuni, la bresciana si rammarica soprattutto per lo stop improvviso che le complica, nell’anno olimpico, i piani: “Dopo tutta la preparazione e tutto il lavoro fatto per preparare queste gare e tornare sui 4 attrezzi, sono costretta a fermarmi e non so quando potrò riprendere ad allenarmi. Proprio adesso che stavo raggiungendo un’eccellente forma e stavo facendo ottimi progressi. Vi aggiornerò appena avrò novità“, ha concluso Vanessa Ferrari.

Milan-Manchester United 0-1, rossoneri eliminati dall’Europa League: decide un gol di Pogba


https://www.corriere.it/sport/21_marzo_18/milan-manchester-united-0-1-rossoneri-eliminati-decide-pogba-72ebc086-882b-11eb-b36f-34a1dcf4e6aa.shtml?fbclid=IwAR3Oq0yZP3WnqrnJ5UnnfoAh0xTTyAfcrrzoemYm5Q8pZdkoaXtTBh8CAS0

Zlatan Ibrahimović

Entra il francese e cambia gli equilibri, i rossoneri escono comunque a testa alta

La dedizione non basta. Il Milan esce dall’Europa League e completa il fallimento italiano: venerdì a Nyon, nel sorteggio dei quarti delle Coppe, ci sarà solo la Roma. Una squadra su sedici. Il Diavolo viene battuto, ma non umiliato dai diavoli di Manchester. Una sconfitta amara nel segno di Pogba, il Polpo Paul, che la Juve rivorrebbe in estate a Torino. Solskjaer lo manda in campo a inizio ripresa al posto dello spento Rashford e dopo meno di tre minuti il centrocampista campione del mondo rompe l’equilibrio, approfittando della grave incertezza di Meitè dentro la sua area. Ma proprio questo fa un campione: sfrutta con cinismo le debolezze degli altri.

Il Milan esce a testa alta e con mille rimpianti, soprattutto a causa dell’emergenza, sgradita compagna di viaggio in questo inizio del 2021. Con Ibrahimovic sin dall’inizio, o almeno con uno straccio di centravanti da mandare in campo, probabilmente questa specie di finale anticipata finirebbe diversamente. Invece per oltre un’ora Pioli si deve accontentare di Castillejo falso nove. Un esperimento che non paga. Ma c’è poco da fare: senza Leao, Rebic e Mandzukic, anche senza il giovane Maldini, soluzioni non ce ne sono. Senza contare che Calhanoglu non è quello di inizio campionato e non si accende mai. Ibra entra a metà ripresa e fa quel che può. La squadra non graffia. E lo United è una montagna difficile da scalare. Inoltre San Siro è diventato un tabù. Da cinque partite il Diavolo non riesce a vincere in casa: tre sconfitte e due pareggi. Ora resta la corsa Champions. Il Milan deve vincere domenica a Firenze e sperare nella sosta di recuperare più gente possibile per lo sprint finale. «È un’eliminazione che brucia, dovevamo fare un gol nel primo tempo», la delusione di Pioli. continua a leggere

Fausto e Iaio, a Milano la commemorazione dell’omicidio dei due giovani militanti del Leoncavallo 43 anni dopo


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/03/18/foto/fausto_e_iaio_milano_leoncavallo_commemorazione-292873787/1/

https://it.wikipedia.org/wiki/Omicidio_di_Fausto_Tinelli_e_Lorenzo_”Iaio”_Iannucci

L’omicidio di Fausto Tinelli e Lorenzo Iannucci (detto Iaio) fu commesso a Milano il 18 marzo 1978. Le vittime erano due ragazzi all’epoca diciottenni (Tinelli era nato il 25 novembre 1959 e Iannucci il 29 settembre dello stesso anno), entrambi frequentatori del Centro Sociale Leoncavallo. A ucciderli furono 8 colpi di pistola esplosi in via Mancinelli 8. L’omicidio fu rivendicato da estremisti di destra. Il 18 marzo 2012, a 34 anni dall’omicidio, la giunta comunale ha dedicato al nome delle due vittime i giardini pubblici milanesi di Piazza Durante.