Poesie di Alda Merini


Gli aforismi e le poesie più belle di Alda Merini

  • “Non sono bella, sono soltanto erotica.”
  • “Non sono una donna addomesticabile.”
  • “Ma anche io come Pinocchio vendo il mio abbecedario per un bacio d’amore.”
  • “Non posso farmi santa perché ho sempre in mano l’arma del desiderio.”
  • “Quando un amante ti perde significa che è un vigliacco. Quando un amante non riesce a perderti è un ladro.”
  • “Perché la mancanza d’amore è la mia pestilenza.”
  • “La menopausa è il periodo dorato dell’amore.”
  • “Lo cercherò per nudisentieri. Lo cercherò oltre la morte, oltre i paradisi perduti. Io so dove abita: è entrato in simbiosi con la mia mente. Due mentidiverse diventano una mentefolle.”
  • La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.”
  • “Una rosa mi sboccia sulla guancia se mi baci e io ti guardo e ho paura di rompermi.”
  • “Se le donne sono frivole è perché sono intelligenti a oltranza.”
  • “Io mi adagio al tuo lato come una vergine stanca né so cosa tu mi puoi dare né sai cos’io vogliadire.”
  • “La tavolozza ha sette mutamenti uno per ogni bacio che mi hai dato. Sette baci di labbra e assoluto.”
  • “Il ruolo di casalinga-moglie-madre è il solo ruolo possibile per la donna ipotizzato come naturale, come l’essenza stessa del viverefemminile.”
  • “Tutti noi, quando viviamo un momento terribile della nostra esistenza e poi lo superiamo, tendiamo a dimenticare il male patito e ricevuto. È un po’ la soluzione del parto, un procedere fisiologico molto bello: se tutte le madri dovessero ricordare quello che hanno patito durante il travaglio, non ci sarebbero più figli. Di fatto la natura è…”
  • “Nessun uomo può dire di non essere stato crocifisso almeno una volta a quel ramo di ulivo che è la donna.”
Nel giorno della festa della donna condividiamo la poesia di Alda Merini
 
“Sorridi donna
sorridi sempre alla vita
anche se lei non ti sorride.
Sorridi agli amori finiti
sorridi ai tuoi dolori
sorridi comunque.
Il tuo sorriso sarà
luce per il tuo cammino
faro per naviganti sperduti.
Il tuo sorriso sarà
un bacio di mamma,
un battito d’ali,
un raggio di sole per tutti.”

 

Alda Merini, la sua «casa» ora ospiterà l’arte che racconta le donne fragili

articolo: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_gennaio_27/alda-merini-sua-casa-ora-ospitera-l-arte-che-racconta-donne-fragili-1680e59e-60c9-11eb-b90c-509c7d96fdd2.shtml

Cambia gestione il museo della poetessa, nell’ex tabaccheria di via Magolfa: l’Associazione Piccola Ape Furibonda ha vinto il nuovo bando. «La nostra attività improntata alla speranza»

«Io da lì non me ne vado», avrebbe detto la Merini del suo museo in via Magolfa. «Che cambino pure il direttore, qui c’è un buon profumo di tabacco, ormai è casa mia». Così è, infatti: lì, ad un passo dai Navigli, in una ex tabaccheria, sei anni fa è nato il museo cittadino dedicato alla poetessa del ‘900. Un luogo dove si può rivivere la sua vita, le sue «invenzioni», come l’agenda riportata sul muro: indirizzi e numeri di telefono scritti con il rossetto o un pennarello. La «Casa delle Artiste» ha fatto di tutto per riscaldare quel sito: un bar, eventi, reading di poesia, visite guidate. Un successo garantito. Ma i mandati scadono.

Oggi le mura della Merini passano ad altra associazione. Si chiama «Piccola Ape Furibonda» la nuova realtà composta da tante associazioni che fanno capo al Cetec (Centro europeo teatro e carcere) che ora assumerà la nuova gestione. Coordinatore del progetto è Donatella Massimilla, da trent’anni impegnata a San Vittore, con detenuti e artisti, fuori e dentro le sbarre, per creare momenti di spettacolo, insieme a gruppi che lei definisce «ribelli». Ebano, Errante e Promise sono i nomi delle associazioni che operano nelle periferie in favore delle donne fragili. «L’ inaugurazione — dichiara la nuova presidente — speriamo si possa fare il 21 marzo (giorno del compleanno di Alda Merini) con musica e poesia di strada. Un evento a cui saranno invitati tutti i cittadini. Un percorso all’aperto in cui chiederemo la partecipazione di tutti e, in particolare, dei tanti amici di Alda».

Il progetto che ha vinto il bando di gara indetto dal Comune di Milano, ha un titolo che già lo rivela: «Le Stanze di Alda». Un modo di raccontare la vita dei più deboli attraverso tante forme artistiche, dalla musica al teatro, dalla poesia alla pittura. «Proprio come in una grande casa — afferma Donatella Massimilla — ci saranno vari luoghi che diventeranno spazi per esprimere, attraverso l’arte, la sofferenza ma anche il tripudio delle donne più disagiate che poi ce l’hanno fatta. Alda, che dalla violenza degli elettroshock è passata vicinissima al Nobel per la letteratura, ne è un fulgido esempio. La nostra attività sarà un messaggio improntato alla speranza. Come quello che da tanti anni sto portando nel carcere di San Vittore. Non c’era per noi miglior viatico della possibilità di render conto della vita e delle opere della Merini. Una donna che, dalle mura di Gerico, come lei definiva il manicomio, ne è uscita vittoriosa. Il simbolo della rinascita di una persona naufragata nel male di una società distimica, capace però, con la poesia e con l’arte di riconquistarsi la vita. La psicoterapia della speranza, del reinserire invece del confinare, del bene contro il male, saranno il nostro filo conduttore. L’attività svolta dalle colleghe della Casa delle Artiste per noi è preziosa. Loro hanno aperto la strada per la gestione di questa casa–museo, che ormai è un simbolo di Milano. Un tesoro di esperienza che con Alda Merini, a farla da padrona, ci servirà per far bene. E per accontentare Alda. Che non faceva sconti a nessuno».


La figura di Alda Merini rivive sul lungo muro realizzato nel 2016 a più mani (da Ratzo con Artkademy) per l’associazione Magolfa Terra di mezzo. Un collage di ritratti, aforismi e disegni, sullo sfondo delle case di ringhiera vecchia Milano. In un mix equilibrato tra stile pop, realismo e raffinato writing. Si trova in Via Magolfa dal n. 32 all’incrocio con via Fusetti.

Scelto perché  È l’omaggio alla poetessa milanese, accanto alla Casa della Poesia, il piccolo museo a lei dedicato nel cuore dei Navigli.

“Sorridi donna
sorridi sempre alla vita
anche se lei non ti sorride.
Sorridi agli amori finiti
sorridi ai tuoi dolori
sorridi comunque.
Il tuo sorriso sarà
luce per il tuo cammino
faro per naviganti sperduti.
Il tuo sorriso sarà
un bacio di mamma,
un battito d’ali,
un raggio di sole per tutti.”
 
La poesia di Alda Merini letta a Che Tempo Che Fa da Enrico Brignano.
 

Link: http://www.aldamerini.it/


l Ponte Alda Merini sul Naviglio Grande di Milano: da oggi è intitolato alla poetessa scomparsa dieci anni fa

articolo e foto: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/11/06/foto/alda_merini_ponte_naviglio_grande_milano-240386149/1/#9

134344807-0d2215d2-c53c-4595-b08c-0b5aea480ec7.jpg

134344593-a7339c8c-4796-441e-b861-2d1f913156ad.jpg

E’ di fronte a quella che è stata la sua casa, in Ripa di Porta Ticinese. E da oggi è dedicato a lei: a Milano il ponte di pietra sul Naviglio Grande è stato intitolato ad Alda Merini, la poetessa morta nel novembre di dieci anni fa e ricordata, in questi giorni, con tante iniziative.

 LEGGI L’ARTICOLO

Link: http://www.aldamerini.it/

Alda Merini, a dieci anni dalla morte Milano le intitola il ‘suo’ ponte sul Naviglio Grande

Alda Merini, a dieci anni dalla morte Milano le intitola il 'suo' ponte sul Naviglio Grande

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/10/21/news/alda_merini_dieci_anni_morte_ponte_navigli_comune_milano-239115219/

Milano si prepara a celebrare il decimo anniversario della scomparsa della poetessa Alda Merini, avvenuta il 1° novembre 2009, con una serie di iniziative in diversi luoghi della città. L’iniziativa più fortemente simbolica sarà la cerimonia di intitolazione del ponte sul Naviglio Grande vicino alla casa di Ripa di Porta Ticinese in cui la poetessa ha vissuto a lungo.

Promosso e coordinato da Comune di Milano|Cultura e Associazione Alda Merini, il programma è realizzato in collaborazione con Associazione Casa delle Artiste, Casa Museo Boschi-Di Stefano e Comune di Brunate. Le iniziative proseguiranno fino al 18 novembre, ma il programma ha già preso il via lo scorso 2 ottobre con l’inaugurazione della mostra ‘Alda Merini e Alberto Casiraghy. Storia di un’amicizia’, ideata e curata da Andrea Tomasetig e dedicata all’intenso sodalizio intellettuale e umano tra Alda Merini e il tipografo-poeta-artista-editore Alberto Casiraghy. Il 28 e 29 ottobre, presso la Sala Napoleonica dell’Università degli Studi, si svolgerà il Convegno dal titolo ‘Io sono una città nera/e una rondine notturna. Alda Merini, poeta di Milano’, il primo a lei dedicato con relazioni di autorevoli studiosi e tavole rotonde, promosso dall’Università degli Studi e dall’Associazione Alda Merini con il contributo di Regione Lombardia. continua a leggere


Link: http://www.aldamerini.it/

Alda Merini, nove anni fa moriva la poetessa dei Navigli

articolo: https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/alda-merini-1.4273324

Milano, 1 novembre 2018 – Nove anni fa moriva Alda Merini. La poetessa dei Navigli si è spenta l‘1 novembre 2009 nel reparto di oncologia dell’ospedale San Paolo di Milano: aveva 78 anni.  Rimane una delle penne più belle e più pungenti della poesia e della letteratura del belpaese. Celebri tante delle sue frasi, così come le sue poesie e le sue opere. continua a leggere

 per tutti coloro che amano la grandissima Alda Marini e con la straordinaria partecipazione di Carla Fracci e Vanni Scheiwiller. Firenze

“Un ponte sui Navigli per Alda Merini”

http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/10/23/news/milano_alda_merini_navigli_ponte_petizione_raccolta_firme-179146813/?ref=fbplmi#gallery-slider=69504893

 parte la petizione online

La raccolta di firme su Change.org in pochi giorni ha raccolto quasi 2mila adesioni. Il 2 novembre un reading per presentare l’iniziativa, che vuole fare di questo angolo di Milano un luogo della poesia.

Risultati immagini per alda merini

23 ottobre 2017 – Dedicare un ponte sui Navigli ad Alda Merini. Non uno qualsiasi, ma quello che unisce Ripa di Porta Ticinese all’Alzaia Naviglio Grande, all’altezza di via Magolfa, che la poetessa percorreva quotidianamente. La richiesta arriva dal gruppo ‘Il ponte Alda Merini‘, che invita tutti a firmare una petizione online e a partecipare a un incontro, giovedì 2 novembre, per promuovere la proposta e ricordare attraverso i suoi versi l’indimenticabile poetessa dei Navigli. 

Per promuovere l’iniziativa il gruppo ha aperto una raccolta firme sul sito Change.orgche in pochi giorni ha già superato quota 1.800. Il destinatario della richiesta è Filippo Del Corno, assessore alla Cultura del Comune di Milano. Il 2 novembre, poi, il progetto sarà presentato ‘ufficialmente’ ai cittadini con una serata evento alla Casa delle arti. Nel corso dell’evento i partecipanti saranno invitati a scegliere la loro strofa preferita di Alda Merini e a condividerla con gli altri leggendola ad alta voce.  continua

Risultati immagini per alda merini

Risultati immagini per alda merini

Alda Merini, le parole del suo mondo non sono né in prosa né in poesia

Alda Merini, le parole del suo mondo non sono né in prosa né in poesia https://t.co/h1opplZaoR

«La vita facile»è un sillabario che raccoglie in ordine alfabetico impressioni di una vita. Il volume, a cura di Chicca Gagliardo e Guido Spaini, è illustrato da Carlo Stanga.

Fonte e articolo: http://www.corriere.it/cultura/17_marzo_26/libro-bompiani-alda-merini-la-vita-facile-c6885780-1233-11e7-a037-a2d5af436a5d.shtml

La Merini, bisogna dirlo, non ha mai scritto poesie. Almeno quelle, così intese, nel senso comune del termine. Ha scritto i suoi pensieri. Gli stessi che raccontava — meglio al telefono che di persona — agli amici, al parroco, al medico di turno.

«Ma io so anche che il legno è il simbolo della memoria e che scarica gli affetti e le bontà altrui. Tenendo inchiodate le nostre mani al legno delle panche dei manicomi veniva attutito il messaggio rapido del pensiero. E quell’aggressione e quelle panche divennero un giorno enormi come cactus, scorrevoli come rosari».

Il passo riportato è tratto da «Angeli», un brano di La vita facile (Bompiani), sillabario redatto a cura di Chicca Gagliardo e Guido Spaini. Il libro si riempie dei sogni e dei dettati di Alda Merini: un po’ illuminazioni, un po’ preghiere che l’autrice sembra rivolgere più a se stessa che agli altri.

“La vita facile” di Alda Merini (Ed. Bompiani)<!– –>

Risultati immagini per La vita facile

Fonte: https://www.ibs.it/vita-facile-libro-alda-merini/e/9788845283581

La vita facile” raccoglie in ordine alfabetico le impressioni di una vita. Dal manicomio alla sua proverbiale voglia di vivere, dalla passione amorosa all’invecchiamento, dagli elettroshock alla solitudine della sua casa di Milano, abbandonando la scrittura in versi che l’ha resa celebre per una prosa poetica sincera e spietata fatta di brevi e brillanti aforismi, Alda Merini ha consegnato a queste pagine più che un testamento una vera e propria resa dei conti con un’intera esistenza.

Altre volte il canto della Merini si fa invece più lieve e compare quella nota sarcastica che la segnava, in vita, come in un contrappasso. Così, parlando di se stessa (tratto dalla pagina intitolata «Ira»), dice: «Mi ricordo che già da bambina ero iraconda come adesso. Ma se non fossi così arrabbiata forse non riuscirei a scrivere tanto. Le mie Muse sanno farmi saltare i nervi».

Milano, al via il primo festival dedicato ad Alda Merini

Fonte: http://tg24.sky.it/tg24/spettacolo/photogallery/2017/03/17/alda-merini-festival.html

Dal 21 al 23 marzo la prima edizione della rassegna nello spazio dedicato alla grande poetessa e scrittrice, in via Magolfa 32, presso la Casa delle arti. Tre giorni per promuovere la vita e le opere di una donna coraggiosa.

Risultati immagini per alda merini

Morta nel 2009 in povertà e tra mille problemi di salute. La sua esperienza in manicomio, a causa di un presunto disturbo bipolare, la segno profondamente per tutta la vita.

La poetessa nata “il ventuno a primavera“, come amava dire, sarà ricordata nel giorno del suo compleanno dai poeti Giancarlo Majorino, Maurizio Cucchi, Giampiero Neri, Vivian Lamarque, Guido Oldani, Mario Santagostini. L’incontro verrà realizzato in concomitanza con la Giornata mondiale della poesia.  Nello stesso giorno ci sarà anche un “poetry slam” (ossia una competizione di poesia) dal titolo “Un verso per Alda“: si affronteranno diversi esponenti della poesia, in una sfida a microfono aperto.

http://www.aldamerini.it/ 

Alda Merini - Per Milano

Risultati immagini per femminicidio frasi

Risultati immagini per femminicidio frasi

Risultati immagini per femminicidio frasi

Trova acquirente muro casa Alda Merini

Fonte: http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2016/06/17/trova-acquirente-muro-casa-alda-merini_b0ce0167-17a6-4b7d-97e8-6ee3c9d5fe84.html

Muro Alda Merini

Torino 17 Giugno – Il frammento di muro della casa sui Navigli di Alda Merini, rimasto invenduto ieri all’asta Bolaffi, è stato acquistato da un cittadino residente in Lombardia. Lo rende noto l’ufficio stampa della casa d’aste, a cui l’uomo si è rivolto dopo aver letto sui giornali che nessuno, tra privati e istituzioni, si era interessato a quel pezzo di storia di Milano.

Si tratta della porzione non utilizzata per la ricostruzione del cosiddetto “muro degli angeli“, posto in origine dietro al letto, e riporta alcuni numeri di telefono appuntati dalla stessa poetessa con penna biro e pastello rosso

Pirellone intitola sala ad Alda Merini

Fonte : http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2016/06/07/pirellone-intitola-sala-ad-alda-merini_4b0d5f9d-6899-4577-a709-e63bb17a0a7a.html

Milano , 7 Giugno 2016 –  Il Consiglio regionale della Lombardia ha intitolato ad Alda Merini una sala del secondo piano del Pirellone, in cui solitamente si riuniscono le commissioni. La targa apposta nel corso di una cerimonia riporta una frase della poetessa dei Navigli: “Chi regala le ore agli altri, vive in eterno“. L’intitolazione è stata decisa dall’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale su richiesta dei vicepresidenti Fabrizio Cecchetti e Sara Valmaggi, che hanno ricordato come Alda Merini fosse una figura “straordinaria”, che amava gli emarginati e le persone fragili. “Oggi abbiamo bisogno del suo spirito spesso inquieto – ha detto il presidente Raffaele Cattaneo -, consapevoli che il suo esempio può insegnare molto anche alle nostre istituzioni”.

alda-merini-ti-aspetto-___[1]

Alda Merini le frasi più belle

graphtag-216[1]

407390_2994726384788_1161051412_32595096_216576482_n[1]i74s36[1]

merini_d[1]

1bd65b47b8f01250d5ccbc85579bf5ed[1]

Alda Merini (1931-2009) è stata una scrittrice e poetessa milanese. Considerata una delle maggiori poetesse del novecento la sua vita e la sua produzione letteraria sono segnate dalle esperienze del disagio fisico ed economico, oltre che dalla follia. Attiva in campo letterario fin dall’età di 15 anni, conosce ben presto quelle che definirà “prime ombre della sua mente” venendo internata in un’ospedale psichiatrico per un mese. Alda Merini alterna frequenti periodi di salute e malattia, in cui continua la produzione di racconti e poesie, grazie anche alla conoscenza e amicizia con Salvatore Quasimodo. Tra le sue numerose opere ricordiamo Folle, folle, folle d’amore per te, La vita facile, La Terra Santa e Tu sei Pietro. L’ultima produzione risale al 2006, Alda entra nel genere noir con l’opera “La nera novella“. Dalle poesie di Alda Merini è inoltre stato ricavato un disco cantato da Milva

Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

Poesie di Alda Merini

  • Quelle come me (Alda Merini)Quelle come me regalano sogni,
    anche a costo di ri…manerne prive…
    Quelle come me donano l’Anima,
    perché un’anima da sola è come
    una goccia d’acqua nel deserto…
    Quelle come me tendono la mano
    ed aiutano a rialzarsi, pur correndo il rischio
    di cadere a loro volta…
    Quelle come me guardano avanti,
    anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro…
    Quelle come me cercano un senso all’esistere e,
    quando lo trovano, tentano d’insegnarlo
    a chi sta solo sopravvivendo…
    Quelle come me quando amano, amano per sempre…
    e quando smettono d’amare è solo perché
    piccoli frammenti di essere giacciono
    inermi nelle mani della vita…
    Quelle come me inseguono un sogno…
    quello di essere amate per ciò che sono
    e non per ciò che si vorrebbe fossero…
    Quelle come me girano il mondo
    alla ricerca di quei valori che, ormai,
    sono caduti nel dimenticatoio dell’anima…
    Quelle come me vorrebbero cambiare,
    ma il farlo comporterebbe nascere di nuovo…
    Quelle come me urlano in silenzio,
    perché la loro voce non si confonda con le lacrime…
    Quelle come me sono quelle cui tu riesci
    sempre a spezzare il cuore,
    perché sai che ti lasceranno andare,
    senza chiederti nulla…
    Quelle come me amano troppo, pur sapendo che,
    in cambio, non riceveranno altro che briciole…
    Quelle come me si cibano di quel poco e su di esso,
    purtroppo, fondano la loro esistenza…
    Quelle come me passano innosservate,
    ma sono le uniche che ti ameranno davvero…
    Quelle come me sono quelle che,
    nell’autunno della tua vita,
    rimpiangerai per tutto ciò che avrebbero potuto darti
    e che tu non hai voluto…

La pace

La pace che sgorga dal cuore
e a volte diventa sangue,
il tuo amore
che a volte mi tocca
e poi diventa tragedia
la morte qui sulle mie spalle,
come un bambino pieno di fame
che chiede luce e cammina.
Far camminare un bimbo è cosa semplice,
tremendo è portare gli uomini
verso la pace,
essi accontentano la morte
per ogni dove,
come fosse una bocca da sfamare.
Ma tu maestro che ascolti
i palpiti di tanti soldati,
sai che le bocche della morte
sono di cartapesta,
più sinuosi dei dolci
le labbra intoccabili
della donna che t’ama.

imagesRDSZVMM1 imagesBXJ7855O images1OGLUA15

O il veleggiare del tuo caldo pensiero

O il veleggiare del tuo caldo pensiero
sopra la mia parola
e il tuo dormire selvaggio
accanto al mio seno vivo;
o l’adombrarsi della primavera
quando cade il suono del seme
sulla terra feconda di parola.
Così tu sei l’esempio
del sole mio

3 pensieri riguardo “Poesie di Alda Merini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...