Multa da 225 mln a WhatsApp per violazione leggi privacy Ue


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/2021/09/02/multa-da-225-mln-a-whatsapp-per-violazione-leggi-privacy-ue-_fc6b1d70-0573-45b0-9769-116e380bd694.html

Multa da 225 mln a WhatsApp per violazione leggi privacy Ue

L’Irlanda, sede europea di Facebook, ha imposto una multa di 225 milioni di euro a WhatsApp per aver violato le leggi sulla privacy dei dati dell’UE. Risultato di una indagine avviata nel dicembre 2018, la sanzione inizialmente decisa dall’Irlanda è stata rivista al rialzo su richiesta degli enti regolatori europei.

La Commissione per la protezione dei dati (DPC) irlandese è in gran parte responsabile del controllo dell’adesione alla carta dei diritti dei dati GDPR dell’UE. L’app di messaggistica non avrebbe “assolto ai suoi obblighi di trasparenza” per quanto riguarda la comunicazione agli utenti sull’utilizzo dei dati.

Non siamo d’accordo con la decisione odierna sulla trasparenza che abbiamo fornito alle persone nel 2018 e le sanzioni sono del tutto sproporzionate. Faremo appello contro questa decisione”: è il commento alla multa comminata dall’Irlanda di un portavoce di WhatsApp, che sottolinea come la piattaforma “si impegna a fornire un servizio sicuro e privato. Abbiamo lavorato per garantire che le informazioni fornite siano trasparenti e complete e continueremo a farlo“.

Che cos’è una Vpn, a cosa serve, come usarla e quanto costa


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/08/13/news/che_cos_e_una_vpn_a_cosa_serve_come_usarla_e_quanto_costa-312726175/

Su internet nessuno sa che sei un cane”, recitava la celebre vignetta pubblicata dal New Yorker nel lontano 1993. Quasi trent’anni dopo, sappiamo invece che non solo, in Rete, tutti possono scoprire chi siamo, ma anche cosa compriamo, come ci informiamo, dove andiamo in vacanza, quali vestiti preferiamo, pure dove andiamo al ristorante e perfino quali sono le nostre speranze o timori (per i quali di solito chiediamo a Google).

In poche parole, su Internet la privacy è molto limitata. Ed è per questa ragione che si stanno diffondendo sempre di più i software che impediscono il tracciamento tramite cookie della nostra attività online, che mantengono private le nostre conversazioni o altro ancora. Strumenti che fungono quindi da (parziale) scudo verso chiunque voglia monitorare le nostre attività in Rete, solitamente a scopi pubblicitari, ma anche per sorveglianza, furto di dati e altro ancora. Uno degli strumenti che protegge più ampiamente le nostre attività online da sguardi indiscreti, fornendo anche ulteriore sicurezza, è la Vpn: la sigla sta per Virtual private Network e in italiano si può tradurre con Rete privata Virtuale.

A cosa serve una Vpn e come funziona – Quando siamo online, il dispositivo che stiamo utilizzando invia costantemente dati, ricevendone in cambio altri (per esempio, il contenuto di un sito): tutti questi dati possono essere monitorati dal nostro Internet service provider e da eventuali terze parti in grado di intercettarci durante la navigazione. Se però utilizziamo una Vpn, tutti i dati vengono cifrati, resi quindi incomprensibili a chiunque ne entri in possesso con la sola eccezione di chi possiede la chiave necessaria per decifrarli.

Il secondo beneficio è che se usiamo una Vpn il punto di origine visibile della nostra connessionnon sarà più l’area geografica del nostro provider, ma uno dei server impiegati dalla società che fornisce la Vpn che stiamo utilizzando. Prima di lasciare il nostro computer (o smartphone), i dati vengono quindi cifrati e poi inviati a uno dei server utilizzati dal software Vpn. L’indirizzo Ip di questo server (la serie univoca di numeri che solitamente identifica ogni dispositivo), ovunque sia collocato nel mondo, diventerà quindi il nostro indirizzo Ip, rendendo di fatto non più rintracciabile quale sia la nostra vera posizione.

Questo è un aspetto fondamentale: le società che offrono questo tipo di servizi possiedono migliaia di server sparsi in ogni angolo del pianeta. Quando ci connettiamo a Internet usando una Rete privata Virtuale (che possiamo scegliere e cambiare a piacimento), i nostri dati cifrati vengono inviati a uno tra migliaia di server, che li decripta e li invia alla destinazione da noi cercata.

Un’analogia con il mondo reale (per quanto estremamente semplificata) può essere utile per capire: basta immaginare di compilare una cartolina e poi di spedirla con le poste tradizionali; solitamente, il postino e magari anche i vicini sono in grado di scoprire cosa c’è scritto sulla cartolina, chi l’ha spedita e da dove. Utilizzando una Vpn, ciò che c’è scritto sulla cartolina risulta incomprensibile a chiunque finché non raggiunge il luogo in cui si trova il server della Vpn; qui la cartolina viene decifrata, affidata a un corriere assoldato dalla stessa Vpn e portata a destinazione, indicando come luogo di provenienza quello dell’area geografica del server Vpn.

Un esempio di funzionamento di una Vpn 

Perché usare una Vpn – Grazie alle Reti private Virtuali, quindi, si può nascondere ogni attività online. Ma perché farlo? Proteggere la privacy, oltre a essere un diritto, può avere parecchi vantaggi concreti. Uno che si impedisce la cosiddetta discriminazione dei prezzi, quella pratica per cui vediamo prezzi diversi, magari di un biglietto aereo, a seconda di quale sia il nostro presunto potere d’acquisto, desunto principalmente (ma non solo) sulla base della nostra posizione.

Un’altra ragione pratica è quello di poter accedere anche a siti bloccati: usare i social network anche all’interno di una rete aziendale che li blocca, connettersi a piattaforme vietate in Italia (come un sito di torrent), oppure vedere Netflix anche se ci si trova in Paesi in cui non è disponibile. Infine, è importante usare una Vpn ogni volta che ci si connette a una rete wifi pubblica, notoriamente poco sicure.

Non solo: le Vpn diventano strumenti cruciali per aggirare la censura dei regimi autoritari, che impediscono l’accesso a innumerevoli piattaforme (l’esempio classico è quello della Cina, dove sono bloccati Facebook, Google, Twitter, Whatsapp e altri). Sempre nei Paesi non democratici, la Vpn è anche molto utile per rendere più difficile rintracciare i dissidenti che organizzano proteste e altro attraverso la Rete. Proprio per questa ragione, usare le Vpn è vietato in Cina, Iran, Russia, Turchia, Emirati Arabi e altri ancora. Nei Paesi democratici, invece, usare una Vpn è assolutamente legale.

Come si installa una Vpn?
Prima di tutto, dipende da quale sistema operativo si utilizza, su quale dispositivo la si sta installando e quale Vpn si sceglie. In linea di massima, i passi da compiere sono sempre gli stessi. Dopo essersi registrati sul sito della Vpn e averla scaricata, dobbiamo installarla come faremmo con qualunque altro software. Terminato questo processo, dobbiamo aprire il programma e inserire le nostre credenziali. Ci troveremo di fronte a una schermata che segnalerà che siamo ancora disconnessi dalla Vpn.

Quali Vpn scegliere e quanto costano – Esistono Vpn gratuite, ma è sconsigliato utilizzarle perché la protezione che offrono è molto parziale. È inoltre importante scegliere una Vpn che permetta di proteggere più dispositivi, perché oggi nessuno usa Internet solo sul computer, ma anche (se non soprattutto) su smartphone e tablet. Detto questo, quali sono le migliori Vpn?

La più nota è probabilmente NordVpn, che permette di connettere fino a 6 dispositivi e offre una selezione di oltre 5mila server nel mondo. Non è gratuita: i prezzi vanno da 10 euro per l’abbonamento mensile, ma scendono a 4 al mese se ci si abbona per un anno e a 2,6 euro se si sceglie la formula della durata di due anni. NordVpn è compatibile con Windows, Mac, Linux, Android, iOS e così via.

Altra Vpn molto apprezzata è ExpressVpn, particolarmente facile da usare e molto efficace per aggirare i blocchi territoriali. Protegge però solo 5 dispositivi e offre circa 3mila server. I prezzi non sono bassi: 11 euro per la tariffa mensile8,6 euro al mese per quella semestrale e 5,8 per quella annuale (con 3 mesi gratuiti inclusi)Surfshark è invece una Vpn nota per la la velocità e l’offerta di connessioni illimitate: i prezzi vanno dai 10,9 euro dell’abbonamento mensile ai 2 euro/mese di quello biennale.

Infine, Private Internet Access, che oltre a offrire 10 connessioni simultanee può fare affidamento su ben 11mila server: i suoi client sono ampiamente configurabili, il che è un vantaggio per gli utenti più navigati, ma potrebbe scoraggiare quelli meno esperti. Il costo va dagli 11,69 euro dell’abbonamento mensile fino a meno di 2 euro al mese per quello lungo ben 3 anni.

Nuovo digitale terrestre, rinviato il passaggio allo standard DVB-T2: quando sarà lo Switch Off


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_luglio_28/nuovo-digitale-terrestre-rinviato-passaggio-dvb-t2-switch-off-780ac186-ef8f-11eb-9f04-73cbb9ab1451.shtml

Il ministero dello Sviluppo economico ha posticipato la data per il nuovo digitale terrestre: si passerà al nuovo standard di trasmissione DVB-T2 il primo gennaio 2023. Confermato il trasferimento della banda 700 alla telefonia il primo luglio 2022

Doppio rinvio di date per il mondo del digitale legato televisione. Il 1° settembre era il giorno segnato sul calendario per il passaggio della codifica dei canali da Mpeg2 a Mpeg4: stando a quanto emerso dopo l’audizione del ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, nulla si muoverà prima del 15 ottobre. A slittare è anche l’arrivo del digitale terrestre di seconda generazione, il DVB-T2, originariamente previsto per il 30 giugno 2022 ma rimandato a partire dal primo gennaio del 2023.

In ordine sparso (e volontario) – L’adozione di qui a un mese del sistema Mpeg4 sembrava in effetti troppo ravvicinata nel tempo, nonostante sia sempre stata confermata anche dallo stesso Mise con interventi sui social. Su questo fronte tutto è stato rimandato di 45 giorni, anche se la tabella di marcia del passaggio sarà alquanto frammentata perché lasciata alle decisioni delle singole emittenti. La Rai ha fatto ad esempio sapere che in quella data passerà in Mpeg4 solamente i canali specialistici mentre Rai 1, 2 e 3 rimarranno visibili in Mpeg2. Mediaset e La7 al contrario non si sono apertamente espresse. La dismissione definitiva della codifica Mpeg2 sarà stabilita in un altro provvedimento entro la fine del 2021.

Il Bonus Tv – A cascata viene poi anche ritardato lo spegnimento dello standard DVB-T in favore del DVB-T2. L’effetto concreto sulle famiglie di questi due slittamenti è un aumento della quantità di tempo per dotarsi di un televisore che supporti il nuovo standard, senza il quale non si potrà più usufruire dei canali (in questa guida è spiegato come verificare se il proprio tv è già compatibile o meno). Il governo si era già occupato della questione con il Bonus Tv previsto dal decreto Sostegni attraverso cui qualsiasi persona residente in Italia, a prescindere dal reddito, può ottenere uno sconto fino a un massimo di 100 euro per l’acquisto di un nuovo apparecchio.

La partita delle frequenze – L’intera questione, già di per sé piuttosto tecnica, è ulteriormente legata alla necessità di liberare le frequenze 700 che saranno utilizzate dal mondo della telefonia per la connessione 5G. Il Mise ha confermato il passaggio della banda 700 MHz per il 1° luglio del 2022. Questo punto fermo però fa assumere un certa rilevanza allo slittamento a inizio 2023 del passaggio al DVB-T2: il sistema televisivo non potrà fare subito affidamento sul nuovo standard per recuperare la capacità trasmissiva persa con la cessione delle frequenze 700. A livello concreto significa che le emittenti si troveranno a dover scegliere se spegnere alcuni dei canali meno importanti oppure andare a ridurre la qualità delle proprie trasmissioni.

Il Bonus Tv e il nuovo digitale terrestre DVBT2: come scoprire se devi cambiare televisore

articolo: https://acquisti.corriere.it/audio-video/migliori-decoder-digitale-terrestre-dvbt2/

Entro giugno 2022 si completerà la transizione al digitale terrestre di seconda generazione (DVBT2). Ecco una guida su come capire se si dispone di un decoder o una Smart TV compatibili, e come procedere

Il decreto è stato firmato. Il Bonus Tv è realtà (qui trovate tutti i dettagli). Consente a tutti di acquistare un nuovo televisore con uno sconto del 20 per cento fino a un massimo di 100 euro. E si aggiunge (non sostituisce) il vecchio incentivo da 50 euro per le famiglie con ISEE fino a 20mila euro. Ma perché il governo vuole aiutare i cittadini a cambiare apparecchio televisivo? In altre parole, a cosa serve il Bonus Tv?

Le migliori Tv da acquistare con il bonus da 100 euro

Migliori TV LED 2021: ecco quali acquistare

Il Bonus Tv è l’aiuto che il governo vuole dare a quei milioni di italiani che tra qualche mese si ritroveranno in casa un televisore che non funziona più. È previsto uno «switch» tecnologico entro giugno 2022, che comporta il passaggio al DVB T2, ovvero il digitale terrestre di seconda generazione. Già a partire da settembre 2021 oltre 9 milioni di apparecchi presenti nelle case degli italiani non saranno in grado di ricevere le trasmissioni. Il motivo si deve al fatto che il prossimo autunno verrà abbandonata la codifica MPEG-2 per passare a MPEG-4/h.264; in pratica funzioneranno solo le televisioni e i decoder che supportano l’alta risoluzione (HD). La transizione è iniziata dal primo gennaio 2020 ed è necessaria per liberare le frequenze mobili della banda 700 (compresa tra i 694 e i 790 MHz), indispensabili per la diffusione della rete mobile 5G.

Si può spendere per l’acquisto di TV e decoder idonei alla ricezione di programmi televisivi con i nuovi standard trasmissivi (DVBT2/HEVC Main 10), nonché per l’acquisto di decoder per la ricezione satellitare. Per avere diritto al bonus basta essere residenti in Italia, pagare regolarmente il canone Rai e rottamare il vecchio televisore non compatibile.

Come sapere se ho già dispositivi compatibili? – Al netto delle sigle da controllare sui manuali tecnici dei propri apparecchi, la strada più semplice per sapere se il proprio decoder o TV con decoder integrato sono compatibili con la nuova modalità di trasmissione è quella di sintonizzarsi sul canale 200 (canale di test Mediaset) o sul 100 (canale di test Rai). Se viene mostrata la scritta “Test HEVC Main10 vuol dire che si è pronti al salto tecnologico. In caso contrario bisognerebbe provare a ri-sintonizzare tutti canali in automatico e riaccedere ai canali 200 o 100. E l’appuntamento di settembre 2021? In questo caso basta provare a sintonizzarsi con i canali dal 501 in poi, dove sono posizionati quelli HD di Rai, Mediaset e La7. Se accessibili si ha la certezza di non dover effettuare alcun acquisto con urgenza.

Televisori QLED: cosa sono, come funzionano e quali sono i modelli migliori

TV 8K, tutto quello che c’è da sapere prima di acquistarne uno

TV: quali sono i migliori per vedere gli Europei?

Da considerare comunque un dettaglio importante. Tuttitelevisori acquistati dopo il 1° gennaio 2017 avrebbero dovuto per legge disporre del decoder DVBT2 e decodificare il formato video HEVC. Quindi chi ha un televisore da circa tre anni dovrebbe essere piuttosto tranquillo. Rimane un unico nodo per quelli più vecchi, magari di fascia alta: potrebbero supportare lo standard DVB-T2 ma non il formato video HEVC e quindi obbligare all’acquisto di un nuovo decoder.

32 pollici? Ecco le migliori alternative sul mercato per chi ha poco spazio

I migliori TV 65 pollici sotto i 1000 euro

Migliori TV OLED 2021: ecco quali acquistare

Il nuovo Bollino tivù Zapper – L’associazione HD Forum Italia, che include le principali realtà del settore televisivo italiano, insieme a Tivù, la società creata da Rai, Mediaset, Telecom Italia, Confindustria Radio Televisioni e Aeranti-Corallo, hanno annunciato il nuovo Bollino tivù Zapper (T2). “Nasce a garanzia delle caratteristiche tecnico qualitative e dei requisiti di minima dei ricevitori ed a tutela del consumatore”, spiegano. “Il Bollino offre una garanzia di qualità di prestazioni tecniche fondamentale per tutte le emittenti televisive nazionali e locali”.

In pratica una volta stabiliti i requisiti minimi dei set-top-box zapper DTT – i decoder esterni molto basilari con ridotte funzioni avanzate – è stato redatto il documento Volume HD Z-Book 1.0. In questo modo il bollino “garantisce la conformità del decoder agli standard qualitativi della nuova TV digitale di seconda generazione, con la compressione HEVC main 10”. Diversi produttori quindi metteranno sul mercato decoder con questo bollino al fine di garantire il prossimo passaggio tecnologico.

Televisore nuovo? Ecco tutto ciò che bisogna sapere per fare la scelta giusta

LED, QLED e OLED: quale televisore scegliere?

Quantum Dots, MiniLED, Qned e OLED Evo: le TV di oggi e di domani

Le migliori TV per vedere Netflix sotto i 500 euro

Nello specifico viene garantita la compatibilità con le trasmissioni future del digitale terrestre di seconda generazione con la compressione HEVC main 10, la ricezione di tutti i canali trasmessi con la nuova tecnologia DVB-T2 e il supporto a tutti i contenuti video nello standard HD.

A breve saranno avviate le vendite dei primi decoder con Bollino tivù Zapper.

Qui sotto trovate una selezione di decoder DVBT2. Per chi invece vuole cambiare televisore, qui c’è la nostra guida sempre aggiornata sui migliori modelli da scegliere.

I migliori decoder DVBT2

Edision Piccollo è un un decoder DVBT2 HEVC 10 con telecomando che supporta la risoluzione Full HD (1080p) e capace di elaborare anche il segnale satellitare. Dispone anche dello del lettore di schede e ha due porte USB, una HDMI, ingressi RCA, ottico SPIDG e LAN.

Edision Piccollo

Trevi HE 3375 TS è un decoder DVBT2 HEVC 10 con telecomando che supporta la risoluzione Full HD (1080p) e capace di registrare i programmi (su unità esterna) e contemporaneamente guardarne un altro. Funziona anche come lettore multimediale per vedere film, ascoltare musica o guardare foto in formato JPEG, MPEG4, MP3 e HEVC. Dispone di una porta USB 2.0, HDMI e SCART.

Trevi HE 3375 TS

Digiquest 990 rec è un decoder DVBT2 HEVC 10 con telecomando che supporta la risoluzione Full HD e capace di registrare i programmi preferiti su unità esterne alimentate. Ha funzioni di lettore multimediale per vedere film, ascoltare musica o guardare le foto direttamente sul televisore. Integra una porta USB 2.0, HDMI, SCART ed Ethernet.

Digiquest 990 rec

Telesystem TS6820 T2 TWIN è un decoder DVBT2 HEVC 10 con telecomando che supporta fino alla risoluzione Full HD (1080p) e capace di registrare i programmi in alta definizione su unità esterna e contemporaneamente guardarne un altro. Supporta il Dolby Digital. Si trasforma all’occorrenza in lettore multimediale per riprodurre musica, foto e video direttamente sul TV di casa anche con compressione MPEG4 H.265. Dispone di due porte USB 2.0, HDMI 1.4 e SCART.

Telesystem TS6820 T2 TWIN

ADB i-CAN 5000T+ è un decoder DVBT2 HEVC 10 con telecomando che supporta fino alla risoluzione Full HD (1080p). Consente di registrare  i programmi preferiti in alta definizione su unità esterna e contemporaneamente guardarne un altro. Supporta il Dolby Digital e il servizio tivùon!. Dà accesso alla programmazione Free e Pay (Mediaset Premium). Supporta anche il Wi-Fi. Dispone di una porta USB 2.0. SCART e HDMI.

ADB i-CAN 5000T+

Le chat audio di Clubhouse disponibili a tutti


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2021/07/22/le-chat-audio-di-clubhouse-disponibili-a-tutti_11c98925-5c23-44a5-af73-e1729a9fb60f.html

Clubhouse esce dalla fase beta e rimuove il sistema delle liste d’attesa in vigore finora. Chiunque voleva provare le chat audio dell’app, sia su iOS che Android, doveva infatti aspettare che un altro utente lo facesse entrare, una volta che il suo nome appariva nel menu ‘waiting list‘. Sedici mesi dopo il suo debutto, l’app delle conversazioni apre a tutti.

Per ufficializzare il cambiamento, l’azienda ha presentato anche un nuovo logo e un sito web, www.clubhouse.com, dove essenzialmente sono presenti le linee guida della comunità e gli articoli del blog. La mossa è chiaramente rivolta a far crescere il numero di iscritti.

Clubhouse ha aggiunto un sistema di messaggistica diretta la scorsa settimana, sottolineando che da quel momento le persone hanno inviato un totale di 90 milioni di messaggi. Stando alle ultime statistiche, in media gli utenti trascorrono più di un’ora al giorno sulla piattaforma, che ha beneficiato del lancio su Android dopo aver raggiunto una certa saturazione su iOS. Nel frattempo, i principali social, tra cui Twitter, Facebook, Instagram, Discord e Spotify, hanno presentato le loro versioni delle chat audio, accrescendo la concorrenza nel settore. “Sappiamo che ci saranno molti alti e bassi man mano che cresceremo, con la concorrenza delle grandi reti che si farà sempre più aggressiva. Ma crediamo che il futuro sia creato da un atteggiamento positivo e siamo entusiasti di continuare a lavorare per costruire un diverso tipo di social network” ha spiegato il team. (ANSA).

Con Pes scompare il simbolo di una generazione di videogiochi: ora è il momento di eFootball


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/07/23/news/addio_pes_simbolo_di_una_generazione_benvenuto_efootball-311395083/

Konami rivoluziona il suo storico gioco di calcio: una decisione sensata ma che in qualche modo chiude definitivamente un ciclo storico

“Non sono qui per seppellire Pro Evolution Soccer, ma per lodarlo” potremmo dire per commentare la notizia che Pes cambia nome, cambia pelle e cambia filosofia per cercare di sopravvivere in un settore fagocitato da Fifa e dal suo modello economico di pacchetti in cui se ti va bene e spendi abbastanza soldi magari trovi Ronaldo.

Il suo nuovo nome è eFootball, che da una parte è un approccio intelligente all’idea di posizionarsi come gioco di calcio che guarda agli esport e dall’altra sembra il nome di un titolo di fine anni ’90 che compravi in edicola, tipo Pc Calcio

Grazie alla scelta di abbandonare il concetto vetusto è anche un po’ fastidioso del gioco di calcio annuale che aggiorna poco più delle rose, eFootball punta a diventare una piattaforma tipo Fortnite, dal quale prende il motore grafico, in cui il gioco online sarà gratuito (ma ovviamente aspettiamoci pacchetti e pacchettini di giocatori rari) e quello offline idem, a patto di utilizzare i team che sponsorizzano il tutto, altrimenti si vedrà.

È una mossa molto sensata per contrastare lo strapotere di Fifa, che ricorda un po’ la filosofia di Xbox di fronte alla PlayStation: da una parte il modello economico che ha funzionato sinora, dall’altra un’idea nuova che dà qualcosa in più sperando in un ritorno futuro. C’è però da dire che il modello Fortnite applicato al calcio non prospetta scenari particolarmente incoraggianti per il sistema di monetizzazione. Dubito che eFootball voglia solo venderci skin e stadi.

Nel mezzo di questa rivoluzione c’è una generazione, forse due, che con Pro Evolution Soccer ci è cresciuta e che oggi si sente senza un punto fermo, come se improvvisamente Castolo, Minanda, Ximeles, Iorga e gli altri punti fermi della Master League fossero spariti. Anche se le ultime versioni non hanno convinto, anche se poi lo scettro per qualche anno è passato a Fifa e oggi un ventenne ti guarda strano se preferisci altro, Pes era come un vecchio amico a cui non negavi un’uscita se ti chiamava.

Ma la verità è che Pes ha sempre cambiato nome, perché alcuni lo hanno conosciuto come Winning Eleven, altri come International Super Star Soccer Pro. L’unico punto comune è stato un periodo compreso tra le prime due generazioni di PlayStation in cui i videogiochi di calcio sono stati definiti da questo titolo dai molti nomi che, per comodità chiameremo Pes, con cui i giapponesi hanno dimostrato di sapere cosa è questo sport.

Il mio impatto con Pes fu totalmente casuale. Il giorno prima vivevo sereno, quello dopo avevo bisogno di un videogioco dedicato al campionato giapponese in cui militavano vecchie glorie come Schillaci e Massaro, oltre a illustri sconosciuti che avrei imparato ad amare. Improvvisamente i miei pomeriggi erano definiti da nomi tipo Sanfrecce Hirosima, Kashiwa Reysol, Jubilo Iwata e da una telecronaca giapponese fatta di storpiature dei termini inglesi e un entusiasmo degno dei commentatori brasiliani. E poi i cori, persino i cori del pubblico erano perfetti. Improvvisamente eravamo passati dai giochi che volevano imitare il calcio al calcio vero.

Per anni Pes, che già aveva gettato le basi sulle piattaforme Nintendo, ha rappresentato la lingua franca di milioni di ragazzini italiani che per la prima volta si sono trovati di fronte a un gioco di calcio che sembrava offrire esattamente ciò che stavano cercando. E pazienza se i nomi erano storpiati, una soluzione artigianale si trovava. 

Mentre la concorrenzaFifa compreso, sembrava ingessata in meccanismi predigeriti, Pes apparecchiava il vero calcio, fatto di manovre, passaggi, rimpalli, tecnica e crudeli casualità. 

A rendere il tutto ancora più bello c’era la Master League, ovvero l’esperienza calcistica più vicina al racconto epico che si possa desiderare: una simulazione gestionale in cui bisognava portare una squadra si sconosciuti dagli ultimi posti in classifica alla gloria, attraverso una serie di acquisti oculati. Imprescindibile Babangida dalla Nigeria, ottima ala a buon mercato. E poi l’idea, geniale, di dare a ogni giocare uno stato di forma casuale, prima con delle faccine, poi con le frecce, che poteva sparigliare le carte delle partite già decise, azzoppare campioni o far fare la partita della vita ai panchinari. 

L’arrivo della PlayStation 3, va detto senza nascondersi, ha danneggiato Pes in maniera irreversibile. Mentre Fifa evolveva e passava dall’essere un titolo imbarazzante e filoguidato alla nuova espressione del calcio, con un occhio all’online, Pes restava in panchina, salvo poi emergere negli ultimi anni come un ottimo titolo simulativo, seppur caratterizzato da vendite inferiori.

La trasformazione di Pes in eFootball è senza dubbio un segno dei tempi. Da un certo punto di vista è il tramontare di un’idea, di un progetto, dell’unico gioco che in questi anni ha tenuto botta, evitando che le simulazioni calcistiche diventassero un monopolio, dall’altra è l’ottimo esempio di una evoluzione del settore.

Non sono più i tempi di Coliuto, Raggio, Carboni, né quelli di Massaro e Schillaci, la scelta di Konami, per quanto crudele, è sensata: un gioco gratuito, modulare, che volendo la Master League te la vende a parte (e speriamo sia così) mentre garantisce a chi gioca online, ovvero le persone che contano di più, un titolo in cui ogni anno non devi ripartire da zero nel formare una squadre con cui sfidare gli altri.

Potenzialmente è la mossa giusta per ribaltare il tavolo, sconfessare lo status quo e cercare una via oltre Fifa, ma per la mia generazione è l’ennesimo segnale del tempo che passa e non ti aspetta, di un mondo che pensavi tutto sommato alla tua portata e che improvvisamente ti svanisce dalle mani come quel ricordo dei primi del 2000, quando invece di studiare puntavi a un pomeriggio imbattuto con gli amici, partita dopo partite.

WhatsApp blocca 2 milioni di account nella lotta alle bufale


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/internet_social/2021/07/19/whatsapp-blocca-2-milioni-di-account-nella-lotta-alle-bufale_8e7569ba-a58c-4736-a0ed-8ed3caa4e697.html

WhatsApp ha bloccato più di 2 milioni di utenti in India per aver infranto una regola poco conosciuta, applicata per la prima volta. Con un annuncio dell’aprile 2020, la piattaforma aveva limitato la condivisione di un identico messaggio a più persone, tramite la funzione di inoltro.

Nonostante ciò, milioni di utenti in India hanno creato nel tempo account secondari per aumentare la ‘viralità‘ dei messaggi. Il limite era stato pensato per combattere lo spam e la diffusione di voci, foto e bufale nel Paese. Un grosso problema per una nazione dove molte persone si affidano all’app di chat per tenersi informati su fatti di cronaca, incluso l’andamento del Covid-19. La società ha affermato che la mossa interessa esclusivamente coloro che hanno inviato, con un “tasso di messaggi elevato e anormale“, notizie non verificate, così come foto e video. Lo riporta il sito locale Express. Oltre il 95% dei divieti è dipeso “dall’uso non autorizzato di messaggi automatici o di massa“. L’India è il più grande mercato per WhatsApp, con oltre 400 milioni di iscritti. Stando a quando ha sottolineato il client di proprietà Facebook, per individuare gli account spam è entrato in gioco l’algoritmo di Intelligenza Artificiale, in grado di analizzare il comportamento degli utenti senza leggere il contenuto delle conversazioni, sempre protette dalla crittografia end-to-end. Ogni mese, WhatsApp riconosce e blocca una media di otto milioni di account fake, in tutto il mondo, parte degli oltre 2 miliardi attualmente attivi.  

Stop al tormento dei cookie sui siti: ci sono le linee guida del garante della Privacy


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/07/09/news/stop_al_tormento_sui_siti_web_ecco_le_linee_guida_del_garante_privacy-309725793/

Domani 10 luglio escono in Gazzetta Ufficiale le linee guida: sarà possibile rifiutare i cookie con i click e non si dovrà subire la richiesta di consenso ogni volta che accediamo a un sito

Una rivoluzione è in arrivo sui cookie dei siti web e in particolare per quelle finestre che si aprono ogni volta che accediamo a un sito nuovo chiedendoci di accettare i cookie. Ossia quei piccoli file che, caricati sui nostri dispositivi, permettono ai siti di ricordarsi di noi, anche allo scopo di un trattamento pubblicitario.

Le principali novità Domani escono in Gazzetta Ufficiale le linee guida, da tempo attese, con cui il Garante Privacy impone a tutti i siti web nuove regole a favore degli utenti. Due le principali novità. Sarà possibile rifiutare i cookie con un solo click e non dovremo ribadire la nostra scelta ogni volta che accediamo al sito

I problemi attuali – Al momento uno dei problemi è che alcuni siti ci ripresentano la stessa richiesta – accettare o no i cookie – se l’abbiamo rifiutata in precedenza.  Della serie: ci prendono per sfinimento. Idem per l’altro problema affrontato dalle linee guida: a volte i siti ci danno solo due opzioni, accetta tutti i cookie oppure accetta solo i cookie selezionati. “Ma quando entriamo su un sito vogliamo leggere subito i contenuti, pochissimi hanno la pazienza di cliccare sulla seconda opzione; scomoda per altro sui piccoli schermi dei cellulari“, spiega Guido Scorza, del Garante Privacy. “Noi vogliamo rendere il rifiuto facile come l’accettazione“, aggiunge. 

Come cambia il meccanismo – Le nuove regole impongono ai siti di permettere agli utenti di rifiutare tutto con un semplice clic, su una “X” che chiuda la finestra di richiesta consenso. I siti hanno sei mesi di tempo per adeguarsi (a partire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale), dopodiché si applicano le possibili sanzioni del Garante Privacy, che in quest’ambito possono essere abbastanza salate (fino al 20% del fatturato mondiale dell’azienda in questione).

Sarà semplice rifiutare i cookie – Potremo insomma limitarci “a chiudere il banner mediante selezione dell’apposito comando usualmente utilizzato a tale scopo, cioè quello contraddistinto da una X posizionata di regola, e secondo prassi consolidata, in alto a destra e all’interno del banner medesimo, senza essere costretti ad accedere ad altre aree o pagine a ciò appositamente dedicate“, si legge nel provvedimento. “Tale comando dovrà avere una evidenza grafica pari a quella degli ulteriori comandi o pulsanti negoziali idonei ad esprimere le altre scelte nella disponibilità dell’utente, di cui si dirà in appresso. Le modalità di prosecuzione nella navigazione senza prestare alcun consenso dovranno, in altre parole, essere immediate, usabili e accessibili quanto quelle previste per la prestazione del consenso”.

Il Garante così para il colpo dei dark pattern, ossia quegli stratagemmi tecnici con cui moltissimi siti (anche Amazon, come risulta da una recente inchiesta del Wall Street Journal) mette in evidenza grafica l’opzione favorevole all’azienda e sbiadita quella opposta. Così da indurre l’utente a cliccare in un certo modo, prestando un consenso privacy o rinnovando un abbonamento (ad esempio).

Il dark pattern è una forma di manipolazione dell’utente (come evidenziato da molti studi, come uno di maggio scorso dell’università di Chicago, pubblicato sul Legal Analysis Journal). È quindi molto lontano dai principi del Gdpr (regolamento privacy) europeo, improntato a trasparenza e un corretto rapporto tra utenti e aziende.

In altri termini, il consenso potrà intendersi come validamente prestato soltanto se sarà conseguenza di un intervento attivo e consapevole dell’utente, opportunamente riscontrabile e dimostrabile, che consenta di qualificarlo come in linea con tutti quei requisiti (libero, informato, inequivoco e specifico, cioè espresso in relazione a ciascuna diversa finalità del trattamento) richiesti dal Regolamento“, si legge infatti nel regolamento.

Per la precisione, tale banner dovrà allora contenere, oltre alla X in alto a destra, almeno le seguenti indicazioni ed opzioni: l’avvertenza che la chiusura del banner mediante selezione dell’apposito comando contraddistinto dalla X posta al suo interno, in alto a destra, comporta il permanere delle impostazioni di default e dunque la continuazione della navigazione in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici; una informativa minima relativa al fatto che il sito utilizza – se così è ovviamente – cookie o altri strumenti tecnici e potrà, esclusivamente previa acquisizione del consenso dell’utente da prestarsi con modalità da indicarsi nella medesima informativa breve (cfr. punto iv che segue), utilizzare anche cookie di profilazione o altri strumenti di tracciamento al fine di inviare messaggi pubblicitari ovvero di modulare la fornitura del servizio in modo personalizzato al di là di quanto strettamente necessario alla sua erogazione, cioè in linea con le preferenze manifestate dall’utente stesso nell’ambito dell’utilizzo delle funzionalità e della navigazione in rete e/o allo scopo di effettuare analisi e monitoraggio dei comportamenti dei visitatori di siti web; il link alla privacy policy, ovvero ad una informativa estesa posizionata in un second layer – che sia accessibile con un solo click anche tramite un ulteriore link posizionato nel footer di qualsiasi pagina del dominio cui l’utente accede – ove vengano fornite in maniera chiara e completa almeno tutte le indicazioni di cui agli artt. 12 e 13 del Regolamento, anche con riguardo ai predetti cookie o altri strumenti tecnici (cfr., al riguardo, il successivo paragrafo 8); un comando attraverso il quale sia possibile esprimere il proprio consenso accettando il posizionamento di tutti i cookie o l’impiego di eventuali altri strumenti di tracciamento; il link ad una ulteriore area dedicata nella quale sia possibile selezionare, in modo analitico, soltanto le funzionalità, i soggetti cd. terze parti – il cui elenco deve essere tenuto costantemente aggiornato, siano essi raggiungibili tramite specifici link ovvero anche per il tramite del link al sito web di un soggetto intermediario che li rappresenti – ed i cookie, anche eventualmente raggruppati per categorie omogenee, al cui utilizzo l’utente scelga di acconsentire.

In quest’ultima ipotesi, quando cioè i cookie siano raggruppati per categorie omogenee, qualora si verificassero successive modifiche nel novero delle terze parti corrispondenti ai link posizionati in questa area e dunque ulteriori soggetti terze parti venissero aggiunti alla lista, è rimessa alla prima parte, cioè al gestore del sito, la loro accurata selezione, come pure la necessaria attività di vigilanza per assicurare che l’ingresso di tali soggetti ed il trattamento che ne discende permanga in linea con il raggruppamento per categorie omogenee come già effettuato.

Anche in questo caso, il rispetto degli obblighi di privacy by default impone che le possibili scelte granulari siano inizialmente tutte preimpostate sul diniego all’installazione dei cookie, e che pertanto l’utente possa, esclusivamente, accettarne, anche appunto in modo granulare, il posizionamento.

Nell’eventualità in cui sia prevista la sola presenza di cookie tecnici o altri strumenti analoghi, di essi potrà essere data informazione nella homepage o nell’informativa generale senza l’esigenza di apporre specifici banner da rimuovere a cura dell’utente.

Possibilità di modificare le scelte – Non solo. “Gli utenti, naturalmente, dovranno essere posti in condizione di modificare le scelte compiute – sia in termini negativi che in termini positivi e dunque prestando un consenso negato o revocando un consenso prestato – in ogni momento e ciò in maniera semplice, immediata e intuitiva attraverso un’apposita area da rendere accessibile attraverso un link da posizionarsi nel footer del sito e che ne renda esplicita la funzionalità attraverso l’indicazione di “rivedi le tue scelte sui cookie o analoga“, si legge ancora nel provvedimento.

Non si potrà richiedere il consenso ancora e ancora – L’osservazione del comportamento dei siti web e le segnalazioni pervenute al Garante Privacy hanno evidenziato “l’ulteriore problematica della spesso ridondante ed invasiva riproposizione, da parte dei gestori dei siti web, del meccanismo basato sulla presentazione del banner ad ogni nuovo accesso dell’utente al medesimo sito anche quando quest’ultimo abbia liberamente scelto“. “Una implementazione che, se da un lato compromette la fluidità della user experience, non trova ragione negli obblighi di legge ed ha contribuito sin qui ad una probabile sottovalutazione del valore del contenuto con esso proposto“. 

La riproposizione potrà avvenire solo se ricorre almeno una di queste tre variabili: quando mutino significativamente una o più condizioni del trattamento e dunque il banner assolva anche ad una specifica e necessaria finalità informativa proprio in ordine alle modifiche intervenute, come nel caso in cui mutino le “terze parti“; quando sia impossibile, per il gestore del sito web, avere contezza del fatto che un cookie sia stato già in precedenza memorizzato sul dispositivo per essere nuovamente trasmesso, in occasione di una successiva visita del medesimo utente, al sito che lo ha generato (ad esempio nel caso in cui l’utente scelga di cancellare i cookie legittimamente installati nel proprio dispositivo senza che il titolare abbia modo, dunque, di tenere traccia della volontà di mantenere le impostazioni di default e dunque di proseguire la navigazione senza essere tracciati); quando siano trascorsi almeno 6 mesi dalla precedente presentazione del banner.

I prossimi passi – Le linee guida erano molte attese. Da tempo il problema cookie era all’attenzione del Garante Privacy, ma pendeva l’approvazione del regolamento ePrivacy, destinato a cambiare le regole del settore. L’approvazione è stata rimandata tante volte e non è ancora in vista. L’intervento sui cookie non era però più rimandabile.

Altri aspetti andranno però risolti – “Il Garante torna a sottolineare tuttavia l’importanza di avviare nelle sedi più opportune e tra tutti i soggetti interessati (accademia, industria, associazioni di categoria, decisori, stakeholder etc.) una riflessione circa la necessità dell’adozione di una codifica standardizzata relativa alla tipologia dei comandi, dei colori e delle funzioni da implementare all’interno dei siti web per conseguire la più ampia uniformità, a tutto vantaggio della trasparenza, della chiarezza e dunque anche della migliore conformità alle regole“, si legge nel provvedimento. “Tale esigenza, che sulla base dei contributi pervenuti nell’ambito della consultazione pubblica risulta essere unanimemente avvertita e condivisa, non ha tuttavia sin qui trovato delle proposte concrete idonee al conseguimento dello scopo“.

I commenti “Abbiamo cercato una posizione di equilibrio tra l’esigenza di garantire agli utenti più trasparenza e controllo sui dati personali e quella di non demonizzare dei trattamenti che, se posti in modo corretto, possono contribuire a rendere sostenibile l’attività degli editori online“, spiega Scorza.

Il fatto che questo provvedimento abbia origine da una consultazione pubblica dimostra un approccio rivoluzionario da parte dell’authority: il Garante ha dimostrato di voler applicare principi che siano attinenti alla realtà dei fatti e alle prassi, ponendosi in equilibrio di interessi tra l’utente e il marketing delle aziende, ma con la consapevolezza come presupposto assoluto“, aggiunge l’avvocato Antonino Polimeni.

Apprezzamento anche dall’avvocato Rocco Panetta: “Le Linee guida cookie e altri strumenti di tracciamento adottate dal Garante a valle della consultazione pubblica avviata lo scorso novembre rappresentano un provvedimento lungimirante e di grande dettaglio operativo“.

Aggiunge Polimeni: “Il Garante vuole evitare che l’accettazione dei cookie diventi un gesto quasi involontario da parte dell’utente che pur di continuare a navigare clicca sul pulsante “accetta tutto“. Si punta alla coscienza del navigatore ma, in caso egli sia distratto, nei siti web dovrà essere sempre presente un tasto di chiusura alternativo all’accettazione, di pari grandezza e di equivalente semplicità di click“, continua.

Conferma l’avvocato Massimiliano Nicotra: “Le nuove linee guida, anche rispetto a quelle già adottate da altre autorità di controllo (come quella spagnola, francese ed inglese) appaiono di respiro più ampio, confermando da una parte l’illegittimità di pratiche che si erano affacciate nell’immediata entrata in vigore del GDPR (come i cd. “cookie Wall”), ma esaminando in maniera più dettagliata rispetto a quanto fatto negli altri paesi la possibilità di utilizzare lo “scrolling” quale forma di manifestazione del consenso (se rappresentativo di una scelta inequivoca e consapevole). Un plauso inoltre deve essere compiuto alla valorizzazione da parte del Garante italiano degli strumenti di “legal design” per facilitare la comprensione degli utenti, in attuazione del principio di trasparenza codificato nell’art. 5 del GDPR”.

Usa, iPhone highlander «sopravvive» per tre giorni in fondo a un fiume: ritrovato grazie al suono della sveglia


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_luglio_01/usa-iphone-highlander-sopravvive-tre-giorni-fondo-un-fiume-ritrovato-grazie-suono-sveglia-a5539254-d837-11eb-b949-f9df7b28a0a6.shtml?fbclid=IwAR3W4clKRT9je3LJ8xKS9-aXz724aDJs7kVR1ufUZs4hg37wZL-UDdROWJM

Record di «apnea» per lo smartphone di un utente dell’Idaho ribaltatosi in kayak: nonostante il lungo tempo trascorso sott’acqua è risultato perfettamente funzionante

Non è un mistero che, a partire dal 2016 con iPhone 7 e 7 PlusApple abbia reso i suoi smartphone resistenti all’acqua. Che tuttavia un esemplare riuscisse a «sopravvivere» sul fondo di un fiume per oltre tre giorni, restando nel frattempo pienamente operativo, con ogni probabilità non se lo sarebbero aspettati nemmeno i più ottimisti ingegneri di Cupertino. È invece quanto realmente accaduto a Tom Adams, un fortunato utente dell’Idaho che sabato 12 giugno aveva deciso di percorrere in kayak un tratto del fiume Snake, nei pressi della cittadina di Blackfoot, insieme alla moglie e ad alcuni amici. Ribaltatosi a causa della forte corrente, aveva infatti perso in un sol colpo portafoglio, chiavi di casa, canna da pesca e, per l’appunto, il suo costoso iPhone (ignoto il modello, ma fonti locali lo hanno definito «nuovo»). Sembrava un guaio irrimediabile. Invece, contro ogni probabilità, il dispositivo è stato poi recuperato il martedì successivo risultando ancora in perfette condizioni.

La sveglia suonava ancora – A individuare in appena 20 minuti sia le chiavi che l’iPhone a oltre tre metri di profondità ci ha pensato uno dei sommozzatori del Bingham County Search and Rescue Dive Team, una squadra di specialisti locali che ha approfittato dell’occasione per condurre un’esercitazione. In questo senso, un assist a dir poco inatteso alle operazioni di recupero è arrivato nientemeno che dalla sveglia che Adams aveva già impostato per la domenica mattina, per evidenti ragioni non ancora interrotta. Non solo, dunque, il telefono aveva continuato a funzionare come se nulla fosse, ma nonostante stesse suonando senza sosta da più di 48 ore non aveva ancora esaurito la carica residua. I pesci della zona non saranno stati certo contenti dell’interminabile baccano subacqueo, ma tant’è. «Io e la mia famiglia siamo incredibilmente grati al Bingham County Search and Rescue Dive Team – ha detto Adams, cui è stata poi restituita anche la canna da pesca –. Siamo rimasti davvero colpiti da tutti loro e siamo felici che utilizzino queste opportunità per esercitarsi per salvare vite umane in futuro».

Il precedente – Non è la prima volta che un iPhone dimostra insospettabili capacità di «apnea». Giusto un mese fa, per esempio, a Berlino un 12 Pro era stato recuperato da un canale profondo un metro grazie all’utilizzo di un’improvvisata canna da pesca con un magnete al posto dell’amo. E anche in quel caso, nonostante dal momento della caduta fossero passate diverse ore, il dispositivo non aveva evidenziato particolari danni. Senz’altro un’ottima notizia in vista dell’estate, ma meglio non avventurarsi in imprudenti test al mare o al lago: se solitamente si raccomanda di non scherzare con il fuoco, a volte anche l’acqua può essere foriera di cattive sorprese.

LinkedIn violato di nuovo: in vendita online i dati del 92% degli iscritti


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/06/30/news/linkedin_violato_di_nuovo_in_vendita_online_i_dati_del_92_degli_iscritti-308296450/

Rubate informazioni su numeri di telefono, indirizzi (mail e fisici), dati di posizionamento, account e username su altri social network, sesso, datore di lavoro e pure stipendio di 700 milioni di iscritti


Nuovo, impressionante data breach per LinkedIn, il social network dedicato al lavoro e ai professionisti: secondo quanto riportato da Privacy Sharks (e poi confermato da molti altri siti specializzati), sarebbero stati violati i dati di circa 700 milioni di iscritti, cioè oltre il 92% del totale. Praticamente tutti, insomma.

Anche se da LinkedIn si sono affrettati a dire che questo non è un data breach e che “i dati sono stati estrapolati da LinkedIn e da altre fonti” (è stato portato a termine quello che in gergo si chiama scraping), resta il fatto che le informazioni su numeri di telefono, indirizzi (mail e fisici), dati di posizionamento, account e username su altri social network, sesso, datore di lavoro e pure stipendio degli iscritti, che erano presenti su LinkedIn, ora sono in vendita online su raidforums.com e che secondo le verifiche condotte da Privacy Sharks queste informazioni sarebbero veritiere e aggiornate.

La compagnia ha spiegato di essere “al lavoro per ricostruire l’accaduto“, ricordando che “lavoriamo costantemente perché la privacy dei nostri iscritti sia sempre tutelata” (anche se i dati di circa mezzo miliardo di loro sono stati violati lo scorso aprile), ma il consiglio è ovviamente quello di cambiare la password del proprio profilo su LinkedIn: anche una piccola parte di questi dati personali può essere usata per inondare le caselle di posta elettronica delle vittime di mail indesiderate, di pubblicità e spam, ma anche per tentare furti d’identità, per phishing o altre truffe online.

Hacker attaccano big videogiochi Electronic Arts


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/2021/06/11/hacker-attaccano-big-videogiochi-electronic-arts_e835e550-e5d5-424f-8c6b-f8663892b2c6.html

Furto codice sorgente, ‘nessun rischio per la privacy’

Attacco hacker contro Electronic Arts, uno dei giganti mondiali dei videogiochi. “Stiamo indagando la recente intrusione nella nostra rete con la quale è stato rubato un ammontare limitato di codice sorgente“, afferma la società in una nota, sottolineando che gli hacker non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e “non c’è ragione di ritenere che la privacy” di chi giocasia a rischio“.

Ogni volta che trapela un codice sorgente tutti dovrebbero preoccuparsi.

Con queste preziose informazioni in possesso, gli hacker possono facilmente vedere il funzionamento interno di un gioco, sfruttare delle falle di sicurezza e persino fare il reverse engineering dei giochi con scopi dannosi – spiega Marco Fanuli, Security Engineer Team Leader di Check Point Italia Se gli hacker procedono con la vendita del furto nel darkweb, queste attività malevoli possono essere scalate. Alcuni report ci dicono che il codice sorgente di questo leak che coinvolge EA Games è già stato pubblicizzato nel darkweb. La cosa non sorprende, dato che gli hacker di solito sono veloci a monetizzare ciò che rubano, persino tali informazioni proprietarie che possono fruttare molti soldi agli hacker

Con iOS 15 Apple mette a frutto il suo vantaggio sulla privacy


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/06/09/news/con_ios_15_apple_mette_a_frutto_il_suo_vantaggio_sulla_privacy-305021589/

In un passaggio molto breve del keynote di apertura della Worldwide Developer Conference, la vicepresidente Jennifer Bailey, responsabile di Apple Pay e dell’app Wallet, ha annunciato che entro la fine dell’anno in alcuni Stati americani sarà possibile utilizzare l’iPhone come carta d’identità: con iOS 15 si potrà scannerizzare il documento e archiviarlo in maniera sicura nell’applicazione in cui già teniamo le carte di credito digitali, i biglietti per i concerti, le carte di imbarco per i viaggi in aereo. La Tsa, hanno spiegato da Apple, sta già collaborando a un sistema che potrà riconoscere questo tipo di documento digitale.

È stato un passaggio brevissimo, qualche decina di secondi cui in tanti non hanno dato peso, soprattutto perché riguardava novità limitate al mercato americano. Eppure quell’annuncio mostra come l’attenzione di Apple al tema della privacy, da sempre motivata come una questione di principio (“pensiamo che la privacy sia un diritto umano”, ripetono spesso i dirigenti di Cupertino), stia fornendo all’azienda un vantaggio competitivo che i concorrenti difficilmente riusciranno a colmare. Se andremo, come è prevedibile, verso un domani in cui i nostri smartphone diverranno sempre di più la cassaforte in cui tenere al sicuro le nostre vite digitali (i Green Pass sono una prova generale, per esempio), i dispositivi Apple avranno dalla loro anni di funzioni pensate esattamente per questo futuro. Funzionalità innestate su un sistema valoriale anomalo fra le big del tech, che sinora ad Apple sono costate tempo, denaro e scontri al fulmicotone con concorrenti come Facebook, che devono le proprie fortune alla profilazione degli utenti a scopo pubblicitario.

I nuovi sistemi operativi per iPhone, iPad e Mac proseguono così nel solco già profondo tracciato da iOS 14 con novità come le schede sulla privacy nell’App Store e la App Tracking Transparency, una funzionalità che dà la possibilità di bloccare la profilazione pubblicitaria nelle app per iPhone e iPad tramite un semplice popup. 

Con iOS 15, iPadOS 15 e macOS Monterey, Apple introdurrà un nuovo report sulla privacy nelle impostazioni, permetterà a Siri di funzionare senza inviare audio ai server remoti e soprattutto blinderà le email contro i famigerati pixel di tracciamento, una mossa che metterà i bastoni fra le ruote al mercato del marketing diretto e delle newsletter.

Le email non ci potranno tracciare – L’insieme di novità per proteggere le email dalla profilazione selvaggia si chiama “Protezione della Privacy di Mail”: le nuove versioni dell’app di posta per iPhone, iPad e Mac saranno in grado di disattivare in automatico i cosiddetti “pixel invisibili” con cui le aziende raccolgono informazioni personali come l’indirizzo Ip e lo stato di apertura del messaggio. In questo modo l’indirizzo del dispositivo non potrà essere utilizzato per tracciare l’utente su altri siti o applicazioni, e i sistemi di invio delle newsletter non saranno in grado di verificare se abbiamo dato un’occhiata all’email oppure no. Il blocco della lettura dell’indirizzo Ip ora si applica anche a Safari, in cui la funzione anti-profilazione chiamata Intelligent Tracking Prevention è presente già da qualche anno.

Il report sulla privacy – Nell’ambito delle funzioni anti-tracciamento, il browser Safari offre anche la possibilità di verificare quali e quanti “tracker” sono stati bloccatsu un determinato sito. Nel segno della trasparenza, iOS 15 introduce un report analogo anche per le applicazioni (una funzione simile, chiamata Privacy Dashboard, sarà disponibile anche su Android 12). Vi si potrà accedere dalla voce Privacy delle Impostazioni, e mostrerà queste informazioni:

  • Quando e quante volte le app accedono al microfono, alla geolocalizzazione e alle altre informazioni private per le quali l’utente ha garantito l’accesso
  • Le pagine web visitate tramite il browser interno dell’applicazione (come i link aperti su Instagram senza lasciare l’app)
  • I domini di terze parti contattati silenziosamente dall’app, in modo da capire con quali servizi l’applicazione condivide i dati degli utenti

Siri funziona sui dispositivi – Un’altra novità importante riguarda Siri, che sui nuovi sistemi operativi potrà elaborare un sottoinsieme di richieste direttamente sul dispositivo, senza inviare gli audio ai server remoti di Apple. Il modo in cui l’azienda di Cupertino ha gestito in passato le registrazioni delle richieste a Siri è stato oggetto di critiche e offriva il fianco ai detrattori della politica Apple sulla privacy. Questo aggiornamento ha anche il vantaggio di rendere Siri più reattiva nell’uso di tutti i giorni. Fra le richieste che l’assistente vocale potrà processare direttamente sul dispositivo ci sono i comandi per la riproduzione musicale, quelli per l’attivazione di timer o sveglie, l’avvio di una chiamata verso un contatto, l’apertura di applicazioni specifiche. 

C’è un però: il riconoscimento vocale “in loco”è un processo ad alta intensità, che richiede quindi un chip potente. Per questo la funzione sarà disponibile soltanto su iPhone e iPad che abbiano almeno un chip A12 o superiore. In altre parole: 

  • iPhone XS e XS Max o successivi
  • iPad Mini 5a generazione o successivi
  • iPad Air 2019 o più recente
  • iPad 2020 di ottava generazione o successivo
Una specie di Vpn – Altre opzioni legate alla privacy arriveranno su iOS 15, iPadOS 15macOS Monterey solo nell’ambito del nuovo servizio iCloud+, che è il nome che Apple ha dato a tutte le versioni a pagamento di iCloud. I prezzi sono gli stessi che adesso si pagano sulla base dello spazio di archiviazione aggiuntivo, dunque 99 centesimi per 50 Gb, 2,99 euro per 200 o 9,99 euro per 2 Tb; in alternativa, iCloud+ sarà incluso in Apple One, che in un unico abbonamento unisce vari servizi Apple. 

iCloud+ introdurrà una funzione chiamata Private Relay, con cui sarà possibile navigare in maniera anonima e criptata: quando si attiva il servizio, l’indirizzo del sito richiesto viene criptato, l’indirizzo Ip passa da un primo server Apple, che lo sostituisce con un altro indirizzo da cui si può ricavare l’area geografica dell’utente, ma non la sua posizione effettiva; da qui la richiesta passa a un secondo “relay server” che decripta l’indirizzo richiesto e instrada la visita verso il sito corrispondente. È un sistema che potrebbe ricordare una Vpn, ma di fatto non lo è, secondo quanto spiegato da Apple: questo perché mentre le aziende che gestiscono i server Vpn sono in grado di leggere le informazioni degli utenti prima di offuscarle, con il sistema a doppio relay privato nessuno che stia nel mezzo fra l’utente e il sito può ricostruire la richiesta originaria criptata, neppure Apple. Inoltre, a differenza di una Vpn la funzione Private Relay non dovrebbe rallentare la navigazione ed è compatibile con app come Netflix o Prime Video, che di solito si bloccano quando si accorgono dell’uso di una Vpn.

Con iCloud+ sarà inoltre possibile generare email casuali per l’iscrizione a servizi Web. Tutte le email si potranno tenere sempre sotto controllo su iCloud, Mail o Safari, e indirizzeranno tutti i messaggi all’email principale dell’utente, senza che terzi possano però vederla o registrarla. L’altra novità riguarda infine i filmati delle videocamere di sicurezza compatibili con i video sicuri di HomeKit: con iCloud+ le riprese verranno salvate in maniera criptata end-to-end e non contribuiranno al consumo dello spazio di archiviazione del piano scelto dall’utente.

Quando arrivano le nuove funzioni? – Le nuove funzionalità per la privacy saranno parte dell’aggiornamento di iOS 15 per iPhone (compatibile con tutti gli smartphone su cui gira iOS 14), di iPadOS 15, WatchOS 8 e Monterey, tutti in arrivo in autunno. Due di queste, cioè il report sulla privacy delle app nelle impostazioni e Nascondi la mia email, arriveranno invece nei mesi successivi, con un aggiornamento maggiore dei vari sistemi operativi.

Microsoft, il nuovo Windows ……..


Microsoft, il nuovo Windows arriva il 24 giugno

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2021/06/05/microsoft-il-nuovo-windows-arriva-il-24-giugno_463277ae-cf35-43e3-8049-fb586b910b16.html

Nell’ultima Conferenza degli sviluppatori pochi giorni fa il Ceo di Microsoft Satya Nadella aveva detto che per Windows ci sarà “un grande aggiornamento“. Gli utenti lo scopriranno il 24 giugno quando la società svelerà tutti i dettagli delll’evoluzione del sistema operativo.

A presentarlo sarà proprio il numero uno del gruppo di Redmond insieme a Panos Panay (Chief Product Officer), sempre più centrale nei progetti relativi a Windows 10 e alla famiglia di prodotti Surface.

L’annuncio alle 17 ora italiana dovrebbe riguardare il restyling dell’interfaccia noto internamente come Sun Valley e di cui sono già trapelati alcuni dettagli. Ma dovrebbe anche evolvere in modo da andare incontro alle esigenze degli sviluppatori, come sottolineato dal gruppo proprio in occasione della conferenza degli sviluppatori Build 2021. Potrebbe essere introdotto un nuovo store e ampliando le opportunità di monetizzazione degli sviluppatori. Il debutto dell’aggiornamento è atteso entro la seconda metà dell’anno.

La truffa delle mail:


La truffa delle mail: se premi il tasto per disiscriverti a un servizio «regali» il tuo indirizzo agli hacker

articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_giugno_01/truffa-mail-se-premi-tasto-disiscriverti-un-servizio-regali-tuo-indirizzo-hacker-6c52e542-c2af-11eb-8124-01fce1738742.shtml

Basta premere un tasto o un link per far partire una reazione a catena che ci espone a un bombardamento di spam

Talvolta la cura è peggiore del male. Alcuni truffatori digitali stanno utilizzando false e-mail di cancellazione (o meglio «unsuscribe») per scovare indirizzi email validi da bombardare di spam.

 

Un sistema semplice e geniale – Il tasto o il link di «unsuscribe» è nato per disiscriversi da servizi email, come le newsletter, che non vogliamo più ricevere. Tutti abbiamo ricevuto almeno una volta una missiva che chiedeva di «premere qui se non vuoi più ricevere le nostre mail», di «cliccare sul link disiscrizione», di «seguire il link per la cancellazione». Fin qui nulla di male, la maggior parte delle volte sono link reali. Visti al contrario però quei tasti e link sono degli strumenti potentissimi. Come rilevato dal sito di cybersecurity Bleeping computer, truffatori digitali utilizzano sempre più spesso questi link di disiscrizione per verificare il nostro indirizzo email. Cliccando infatti confermiamo che l’account è attivo e quindi perfetto per ricevere spam ed essere bombardato da email non volute.

email-kfsD--656x492@Corriere-Web-Sezioni

 

Come funziona la trappola – Il sito ha scovato anche delle mail ad hoc inviate dagli «scammers». Sono messaggi semplici, il cui oggetto può essere «Conferma il tuo indirizzo email», «Verifica», «Per favore, conferma la tua cancellazione» e cose simili. Dentro l’email si trovano link e tasti, spesso colorati e bene in evidenza, che invitano a confermare la propria scelta di cancellazione. Una volta cliccati ecco partire la reazione a catena: il nostro account invia un’email a numerosi account dei truffatori e così la trappola è scattata. Il nostro indirizzo email è pronto per essere bombardato. Va detto che queste email sono piuttosto facili da riconoscere. Sono spesso di scarsa fattura, con colori improbabili, grafica in bassa risoluzione, sgrammaticate. In consiglio però è di fare sempre attenzione ai link nelle mail che chiedono di disiscriversi da qualcosa. Spesso infatti sono camuffati all’interno di messaggi insospettabili.

Addio Internet Explorer, Microsoft manda in pensione un pezzo di storia del web


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_maggio_20/addio-internet-explorer-microsoft-manda-pensione-pezzo-storia-web-5c1645ba-b946-11eb-9c80-c1fe6e22b062.shtml?fbclid=IwAR3Tedr3lFtnGvewQyLc0zaBuUZ5Y-fB-EeKWVdujTTN3oGVg4TrMa_f5aA

Il sistema operativo verrà dismesso il 15 giugno 2022 e pensare che per decenni è stato il monopolista del web

Con la dipartita di Internet Explorer se ne va un pezzo di storia del web. Una storia non sempre gloriosa ma che comunque ha riguardato tutti noi. Ieri Microsoft ha annunciato la definitiva uscita di scena dopo 26 anni di (non sempre) onorata carriera. Dal 15 giugno 2022 Internet Explorer non sarà più disponibile sulle versioni consumer di Windows 10 mentre le aziende potranno usare il nuovo browser di Microsoft, Edge, con la modalità IE .

Il monopolista del webUscito nel 1995, Internet Explorer è stato per anni il sinonimo stesso di navigazione. Aveva superato Netscape Navigator nella cosiddetta prima guerra dei browser di quegli anni, scalzandogli il ruolo di monopolista con un sistema semplice ed efficace: era integrato in Windows 95. Accendevi il nuovo computer e ti trovavi quella E celeste davanti agli occhi pronta a portarti nei lidi digitali mentre Nescape andava scaricato a parte. La battaglia era impari. Due anni dopo Microsoft fu condannata per abuso di posizione dominante ma ormai Explorer aveva vinto e il suo trono sarebbe tremato solo due decenni dopo, nella seconda guerra dei browser, quella che negli anni Duemiladieci ha visto contendenti del calibro di Firefox, Chrome, Safari, Opera.

Le tante criticità – Ora che avevano delle vere alternative, gli utenti si erano accorti delle molteplici criticità di Explorer. La prima è la sicurezza con la Germania che nel 2010 era arrivata perfino a sconsigliarlo perché troppo facile da bucare. Era diventato poi sempre più sinonimo di lentezza e il bersaglio preferito di tanti meme che lo ritraevano come lo scemo del villaggio globale rispetto ai numerosi e performanti concorrenti. Ciononostante quella integrazione in Windows gli permise di andare avanti nelle quote di mercato. Se nel 2004 il browser contava il 90% del mercato, nel 2013 ancora resisteva al 55%. Il quasi monopolio europeo si era già incrinato nel 2009 quando la Ue aveva aperto una causa antitrust contro il programma. Microsoft era stata costretta a distribuire una versione leggermente modificata di Windows 7 che consentiva agli europei di scegliere il browser di default e molti avevano virato verso i concorrenti.

Il futuroOggi il browser ha solo l’1 per cento del mercato desktop e il nuovo campione della Rete è Google Chrome. Con il suo 67% sembra insuperabile per il successore di Explorer, Edge, che è nato nel 2015, è basato su Chrome stesso, e conta solo per l’8%. Però, come insegna la tecnologia, non si sa mai. C’erano tempi in cui Explorer sembrava imbattibile e oggi siamo qui ad annunciarne la morte.

IPTV e Streaming illegale, 1,5 milioni di abbonamenti oscurati dalla polizia postale


Azzerato l’80% del flusso illegale delle IPTV in Italia. La polizia postale di Catania ha oscurato 1,5 milioni di abbonamenti streaming illegali a servizi come Sky, Dazn, Mediaset e Netflix

Si tratta di un giro d’affari – illegale – dal valore di milioni di euro. A rimetterci sono i principali servizi streaming, da Sky a Dazn, da Netflix a Mediaset. A guadagnarci, invece, erano coloro che offrivano abbonamenti in streaming illegali, grazie alle IPTV, che sta per Internet Protocol Television. Si tratta di una delle principali modalità di distribuzione illecita dei contenuti: i «pirati» acquisiscono i palinsesti televisivi delle maggiori piattaforme a pagamento, li ricodificano e poi li spediscono ai propri «clienti». La polizia postale di Catania, coordinata con il servizio di polizia postale e delle comunicazioni di Roma, ha condotto l’ennesima maxi operazione che ha oscurato 1,5 milioni di questi abbonamenti. Arrivando così a bloccare l’80 per cento del flusso illegale di IPTV in Italia.

La rete illegale di streaming – Sono 45 le persone indagate per associazione per delinquere, accesso abusivo a sistema informatico, frode informatica e riproduzione e diffusione a mezzo internet di opere dell’ingegno. Gli «abbonati» a questi servizi pagavano un canone di 10 euro ciascuno al mese, creando un giro d’affari fraudolento mensile da 15 milioni. I provvedimenti sono stati eseguiti in diverse città italiane e sono stati impiegati nell’operazione più di 200 specialisti. Una importante «centrale» è stata individuata a Messina. La tecnica era «piramidale» e vedeva la collaborazione tra loro di persone che non si conoscevanoI contenuti protetti da copyright erano acquistati lecitamente, come segnale digitale, dai vertici dell’organizzazione (le «Sorgenti») e, successivamente, attraverso la predisposizione di una complessa infrastruttura tecnica ed organizzativa, vengono trasformati in dati informatici e convogliati in flussi audio/video, trasmessi ad una rete capillare di rivenditori ed utenti finali, dotati di internet ed apparecchiature idonee alla ricezione (il cosiddetto «Pezzotto»).

Pezzotto e IPTV, come funzionano – Come detto, i criminali dello streaming acquisiscono – legalmente i contenuti distribuiti sulle diverse piattaforme. Dopo averli ri-codificati (il contenuto viene fatto passare attraverso un sistema di decoder/encoder per non far risalire al codice della sottoscrizione originaria) sono in grado di distribuirli (illegalmente) grazie al pezzotto. Per pezzotto si intende un set top box, solitamente Android, in grado di collegarsi alla propria tv e a internet per la ricezione delle immagini. Si tratta quindi di un decoder che, grazie al sistema IPTV (Internet Protocol Television) può ricevere il segnale dei canali televisivi attraverso lo streaming online. Al suo interno c’è un software che funziona da mediacenter, in grado di codificare la trasmissione dei contenuti e di rilasciarli come flusso di immagini. L’evolversi della tecnologia ha dato la possibilità di usufruire di questi contenuti sulla propria tv anche grazie alle chiavette con entrata Hdmi oppure sui propri smartphone, attraverso la condivisione sulle chat Whatsapp e Telegram.

Gli sforzi per bloccare lo streaming illegale – Questa è solo l’ultima delle tante operazioni della polizia italiana ed europea per smantellare queste reti illegali che propongono i contenuti delle piattaforme streaming a prezzi ribassati, creando un enorme danno al settore. Nel giugno 2020, per esempio, uno sforzo europeo aveva bloccato un’organizzazione che operava in 9 diversi Paesi sin dal 2014. Due milioni di utenti. Mentre ancora prima, a febbraio, la Guardia di Finanza italiana aveva identificato e denunciato oltre 200 utenti del «pezzotto». Grazie anche alla chiusura di Xtream Codes, unao dei gruppi più importanti che offriva questo tipo di servizi illegalmente grazie ai suoi oltre duecento server.

Adobe scopre gravi falle in Acrobat e Reader per Windows e Mac: aggiornare i programmi


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_maggio_13/adobe-scopre-gravi-falle-acrobat-reader-windows-mac-aggiornare-programmi-878de698-b3d4-11eb-92ee-af36a1f66d3c.shtml

Quattordici in tutto le vulnerabilità segnalate, preoccupano soprattutto gli attacchi exploit-in-the-wild. Già rilasciata la patch, ecco come scaricarla per proteggersi

Adobe ha annunciato il rilascio di un nuovo aggiornamento – APSB21-29 – che risolve «diverse vulnerabilità critiche e importanti» su Reader e Acrobat, i suoi due popolari software dedicati rispettivamente alla lettura e alla modifica dei file Pdf. Chiunque utilizzi una versione Windows o macOS di Acrobat DC, Acrobat Reader DC, Acrobat 2020, Acrobat Reader 2020, Acrobat 2017 e Acrobat Reader 2017 viene dunque invitato a installare la patch per evitare ulteriori problemi di sicurezza. Questione di una manciata di clic: è sufficiente recarsi nel menu «Aiuto» («Help»), contrassegnato da un punto di domanda (?), e successivamente selezionare l’opzione «Ricerca aggiornamenti» (Check for Updates).

Rischio exploit-in-the-wild – Tra le quattordici falle che è ora possibile chiudere, quella identificata con il codice CVE-2021-28550 sembra preoccupare Adobe più delle altre. La software house di San Jose ha infatti riferito che è già stata oggetto di «limitati attacchi» di tipo exploit-in-the-wild ai danni degli utenti di Adobe Reader su Windows. Si tratta di un errore che consente l’esecuzione di un codice malevolo atto ad aprire un’ulteriore breccia all’interno del programma così da permettere agli hacker di assumerne il controllo a proprio piacimento. Non si hanno invece notizie di attacchi analoghi diretti agli utenti macOS, ma naturalmente ciò non significa che non si siano effettivamente verificati. A presentare lo stesso grado di pericolosità di CVE-2021-28550 – ossia «critico» – sono comunque altre nove vulnerabilità. Alle restanti quattro è stato invece assegnato quello di «importante».

Le tecniche di hackeraggio – A raccomandare agli utenti di scaricare l’aggiornamento è stato anche l’esperto di cybersecurity Sean Nikkel, senior cyber threat intel analyst presso Digital Shadows, che ha spiegato a Zdnet che file Pdf pericolosi vengono da anni largamente utilizzati per introdursi nei sistemi informatici altrui «sia da vari attori riconducibili a Stati-nazione (come la Russia?, ndr) che da gruppi criminali». In particolare, i malintenzionati «hanno storicamente impiegato email di phishing con allegati Pdf per invogliare gli utenti a scaricare e aprire file, generalmente con la scusa che fossero contenuti importanti da visionare, come per esempio documenti finanziari, articoli giornalistici o etichette di spedizione». In altri casi, invece, a ospitare Pdf malevoli sono direttamente siti creati ad arte apparentemente affidabili. «In genere i documenti Pdf possono contenere Javascript dannosi o consentire qualche altra interazione di sistema che permette l’esecuzione di codice o di altri vettori di attacco, a volte senza che l’utente lo sappia», ha poi concluso Nikkel riferendosi proprio agli exploit-in-the-wild. Meglio dunque correre ai ripari.

WhatsApp e i nuovi termini di utilizzo: accettateli o l’app sarà inutilizzabile dal 15 maggio


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_maggio_09/whatsapp-avverte-utenti-si-nuovi-termini-utilizzo-o-app-sara-inutilizzabile-15-maggio-9dfdbf1c-b0a9-11eb-b5e4-ce48dcf21aca.shtml?fbclid=IwAR1BzcZSbh1Xr0tjux1wSOkHSam5Xyf-6B8YLQAFriRoNgLjUZTtDvpH-bY

A pochi giorni dall’entrata in vigore delle nuove condizioni d’uso, una specifica dell’azienda chiarisce che chi non avrà aderito potrà subire un blocco delle funzioni

La data è sempre più vicina: sabato 15 maggio l’app di messaggistica più utilizzata al mondo avrà delle nuove condizioni di utilizzo che da inizio gennaio sono state diramate a tutti gli utenti per chiederne l’approvazione. La novità non era stata accolta senza polemiche e perplessità, salvo poi scemare soprattutto per l’Europa, infatti grazie al GDPR (il regolamento europeo per la protezione dei dati personali) gli utenti italiani e di altri Paesi Ue non avranno delle grandi differenze nel trattamento dei loro dati. L’ultima notizia arrivata direttamente dell’azienda, però, torna a far discutere: nelle Faq del sito di WhatsApp, infatti, è apparsa una nuova specifica: l’app, si legge, potrebbe bloccarsi se non sono stati accettati i nuovi termini di utilizzo.

Account esistente ma inutilizzabile – L’account, di fatto, non verrà completamente disattivato, ma sarà impossibile fare molte operazioni con la chat, tra cui scrivere e ricevere messaggi, per cui in pratica WhatsApp risulterà inutilizzabile. In quest modo l’app di messaggistica non lascia più alternative agli utenti: o accetteranno i termini, o non riusciranno più a usarla. Il 15 maggio, inoltre, è l’ultima data disponibile per poter scaricare le chat di conversazione sui dispositivi Android o iPhone.

Che cosa cambierà – La differenza rispetto al passato riguarda la condivisione di dati come numero di telefono, transazioni, informazioni relative ai servizi e su come si interagisce con gli altri utenti. Nel termini di utilizzo un paragrafo «Società affiliate» informa che «WhatsApp riceve informazioni da, e condivide informazioni con, le aziende di Facebook» anche per «fornire integrazioni che consentano all’utente di connettere la sua esperienza WhatsApp con altri Prodotti di un’azienda di Facebook, per garantire sicurezza, protezione e integrità nei Prodotti di un’azienda di Facebook e per migliorare le inserzioni e l’esperienza dell’utente relativa ai prodotti facenti parte dei Prodotti di un’azienda di Facebook».

WINDTRE DOWN, INTERNET NON FUNZIONA: PROBLEMI DI CONNESSIONE IN ITALIA


articolo: https://sicilia.opinione.it/windtre-down-internet-non-funziona-problemi-di-connessione-in-italia/

Internet non funziona sulla rete dati di Windtre. Il problema si è verificato poco dopo le ore 23 del 29 aprile e ha generato tantissime segnalazioni in Italia: una fase di down durata circa un’ora ma notata ben presto da molti utenti che hanno rilanciato sui social – twitter in particolare – l’hashtag di riferimento.

Il problema ha riguardato principalmente il servizio di connessione dati (internet) offerto da Windtre, mentre il servizio strettamente legato alla telefonia sarebbe rimasto operativo. Problemi (seppur in misura minore) sarebbero stati però segnalati anche su rete fissa.

La compagnia telefonica si sta adoperando per cercare di gestire le tante segnalazioni pervenute e risolvere il prima possibile il problema segnalato dagli utenti.

__________________________________________________________________________________

Blackout internet, WindTre down: disagi in tutta Italia

articolo: https://it.notizie.yahoo.com/blackout-internet-problemi-alla-rete-wind-tre-disagi-in-tutta-italia-215140913.html

La maggior parte degli utenti del gestore WindTre, sia su rete fissa che mobile, hanno riscontrato l’impossibilità di collegarsi a internet nella tarda serata di giovedì 29 aprile 2021. Le segnalazioni, come riporta il sito Downdetector, arrivano da ogni parte d’Italia: da Milano a Roma, passando per Napoli e le isole. Il problema, quindi, sembra essere diffuso in tutta Italia. Su Twitter è in trend l’hashtag #windtredown.

I problemi, stando a quanto riportato da Downdetector, non riguardano solo WindTre ma anche altri gestori: alcuni utenti TIM e Vodafone, infatti, hanno lamentato gli stessi disagi.

Gli utenti si sono accorti improvvisamente del disservizio perché hanno smesso di funzionare, dopo le 23 di giovedì 29 aprile, social network come Whatsapp e Facebook, oltre a Instagram. Il tutto, però, è dovuto a un problema di linea e non delle singole applicazioni.

Le chiamate e gli SMS sembrano funzionare correttamente, mentre si riscontrano problemi con le connessioni dati 4G. L’azienda WindTre non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali, così come le altre compagnie coinvolte.

Hacker usano Telegram per distribuire virus, 130 attacchi


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2021/04/22/hacker-usano-telegram-per-distribuire-virus-130-attacchi_3919dba0-5854-41b2-a9cb-e79cb16b8cb1.html

Gli hacker utilizzano sempre di più Telegram, l’app di messaggistica con oltre 500 milioni di utenti attivi nel mondo, per distribuire virus informatici malevoli.

Sono stati rintracciati oltre 130 attacchi informatici negli ultimi tre mesi. E’ l’allarme lanciato dai ricercatori di Check Point Software Technologies, gli aggressori hanno continuato in questo periodo a diffondere malware negli allegati e-mail, con conseguente controllo del file, perdite di dati e installazioni di ransomware ai destinatari.

Gli attacchi degli ultimi mesi – spiegano i ricercatori – hanno usato un trojan ad accesso remoto (rat) soprannominato ToxicEye, “fornisce il pieno controllo remoto del sistema e comunica con il server dell’hacker per sottrarre dati“.

Si diffonde tramite e-mail di phishing contenenti un file dannoso. Dopo l’apertura dell’allegato, ToxicEye si installa sul pc della vittima e inizia ad agire senza che questa se ne accorga.

I criminali informatici vedono Telegram come parte integrante dei loro attacchi a causa di una serie di vantaggi operativi – spiegano i ricercatori – non è bloccato dai motori antivirus aziendali, né dagli strumenti di gestione della rete. Gli aggressori possono rimanere anonimi poiché il processo di registrazione richiede solo un numero di cellulare ed è disponibile in tutte le località del mondo“.

Esortiamo vivamente le organizzazioni e gli utenti di Telegram a essere consapevoli delle e-mail dannose e ad essere più cauti con le e-mail che hanno per oggetto il loro nome utente e quelle con un linguaggio poco scorrevole – concludono – Dato che Telegram può essere utilizzato per distribuire file dannosi o come canale di comando e controllo per malware controllato da remoto, ci aspettiamo che ulteriori strumenti che sfruttano questa piattaforma continuino a essere sviluppati in futuro“. (ANSA).

Come prepararsi al calcio via streaming: una buona connessione internet


articolo: https://www.repubblica.it/economia/2021/04/19/news/come_prepararsi_al_calcio_via_streaming_una_buona_connessione_internet-296883462/

Sì, l’assemblea che riunisce le società del campionato, dopo mesi di discussioni e spaccature, ha deciso di affidare i diritti televisivi delle partite per il triennio 2021/2024 all’operatore streaming Dazn (con Tim), che quindi avrà la possibilità di trasmettere tutte e 10 le partite di ogni giornata, di cui 7 in esclusiva. A Sky, partner della Serie A da 18 anni, potrebbe andare il secondo pacchetto: tre partite in co-esclusiva.

Vedere il calcio in diretta su streaming richiede una buona connessione banda ultralarga. Gli esperti sono concordi nel ritenere che ci sono tre livelli di complessità nelle applicazioni streaming: film, calcio in diretta e gioco online. Livelli crescenti. I film non sono in diretta, è meno difficile garantire una qualità finale. Il calcio, come tutti gli spettacoli in diretta, soffrirebbero tantissimo di ritardi o persino blocchi anche di una manciata di secondi. Il gioco online è la sfida più estrema perché anche un ritardo minimo sui tuoi avversari, per una connessione scadente, ti penalizza nella partita. E se un server non riesce a dare buone prestazioni di banda, i rallentamenti che ne seguirebbe renderebbero il tutto ingiocabile.

Con il calcio ora ci sono due incognite da considerare. La qualità della rete su cui Dazn (anche con il partner Tim) offrirà il servizio. E la qualità della connessione dell’utente. La prima sarà una sfida che Dazn affronterà nei prossimi mesi. Per la seconda si pone invece l’utente, che dovrà sperare di essere coperto da una connessione di sufficiente qualità e quindi abbonarvisi (se non l’ha già fatto).

La buona notizia è che secondo dichiarazioni di operatori di streaming e diversi test tecnici basta una connessione con 7-10 Mbps reali per vedere uno streaming HD.

Sarebbe meglio avere almeno il doppio, in verità, perché 7-10 è il limite; dovremo chiedere ad altri familiari di non usare internet (o andare su un’altra rete, ad esempio mobile togliendo il Wi-Fi) mentre vediamo la partita.

Ebbene, circa il 90% della popolazione può aspirare a 7-10 Mbps, che è quando offerto da un’Adsl 20 Mbps di livello decente (dove i doppini non sono troppo lunghi; si può porre un problema in campagna).

Per stare tranquilli abbiamo bisogno di 20-30 Mbps reali e quindi di una connessione banda ultra larga con fibra fino all’armadio, fixed wireless 30 Mbps (antenna allacciata in fibra ottica) o, il top, fibra fino all’appartamento.

Possiamo verificare dal sito https://geo.agcom.it/agcomapps/BB4/BB4_BBvoucherTutti_app9_2.0/ se la nostra casa è coperta da almeno 30 Mbps, cosa che per altro ci dà diritto a un voucher (sconto), per ora solo per Isee fino a 20mila euro.

Facciamo un giro tra i siti degli operatori (Tim, Vodafone, Wind 3, Fastweb, Tiscali…) per vedere quanta velocità ci danno; ora fanno anche stime su quella reale per il nostro indirizzo civico.

Se non siamo soddisfatti, proviamo anche uno fixed wireless access (Linkem, Eolo).

Non basta: bisogna anche dotare la casa di una buona rete Wi-Fi, assicurandoci che la tv sia collegata senza eccessive interferenze o degradazione del segnale. Serve un buon router e forse ripetitori. Ma questo è un tema che richiederebbe una guida a parte. Chi non trova soluzioni si riduce a cablare un cavo ethernet dalla tv al router.

I club di serie A scrivono a Dazn: “Il blackout non si ripeta”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/2021/04/12/news/lettera_club_serie_a_dazn-296073516/

Nella lettera l’organo che rappresenta i 20 club del massimo campionato chiede spiegazioni al broadcaster dopo i problemi che hanno impedito la visione di Inter-Cagliari e Verona-Lazio


Dopo il blackout di tre ore che ha impedito ai tifosi la visione di Inter-Cagliari e Verona Lazio, l’amministratore delegato della Lega di Serie A scrive a Dazn. Nella lettera, firmata da Luigi De Siervo e rivolta alla manager Veronica Diquattro, l’organo che rappresenta i 20 club del massimo campionato chiede spiegazioni al broadcaster, che dalla prossima stagione potrà trasmettere in streaming tutte e 10 le partite di ogni giornata, di cui 7 in esclusiva.

Il disagio e i ritardi – Nella lettera, la Lega segnala “il grave disservizio riscontrato in data odierna” e chiede “immediate e dettagliate spiegazioni dell’accaduto“. E ancora: “Auspichiamo che il problema tecnico odierno (che, tra l’altro, non risulta essere stato risolto con tempistiche adeguate) non si ripeta eal fine di tutelare il prodotto della Serie A e i suoi tifosi – riteniamo improcrastinabile ricevere da voi rassicurazioni e garanzie circa gli accorgimenti tecnici da voi implementati per scongiurare che simili episodi di verifichino in futuro“.

La risposta di Dazn – La tv in streaming precisa che la sospensione del servizio sarebbe derivata “dal fallimento del servizio di autenticazione fornito da un nostro partner esterno“. Il partner in questione è la “Comcast Technology Solutions (CTS), che ha avuto un impatto su Dazn e su altri broadcaster europei“. In pratica, secondo Dazn, il black out sarebbe dipeso dall’inefficienza di una società del gruppo Comcast, proprietario fra l’altro di Sky, sconfitta proprio da Dazn nella gara per l’aggiudicazione dei diritti tv della Serie A per il triennio 2021/2024. Abbastanza per pensare a una ripicca? Assolutamente no: Cts è fornitore anche di Eurosport e Vivaplay, che in tutta Europa hanno avuto gli stessi disagi. Dazn annuncia ai tifosi che non hanno potuto vedere la partita “opportuni indennizzi, che saranno comunicati nei prossimi giorni“.

Facebook e Instagram down, i due social irraggiungibili o malfunzionanti in Italia


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2021/04/08/news/facebook_e_instagram_down_i_due_social_irraggiungibili_in_italia-295612469/

Fb bloccato con messaggi di errore, su Ig flusso interrotto e contenuti che si ripetono


Errore, c’è un problema“. Questa la scritta sulla pagina, essenzialmente bianca, che migliaia di utenti italiani di Facebook italiani si sono trovati davanti in serata. Si Instagram invece flusso dei contenuti bloccati e app “impallata“.
I due social di Mark Zuckerberg risultano al momento o irraggiungibili o incastrati in un loop di notifiche ripetute. Alla chiusura della pagina web, il social risponde con il messaggio d’errore di cui sopra. Non sono al momento note le cause o i tempi necessari al ripristino, ma intanto su Twitter già spopola il classico hashtag #Facebookdown.

Il Garante sui dati rubati su Facebook: «Attenti a eventuali anomalie al telefono»


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_aprile_06/garante-dati-rubati-facebook-attenti-eventuali-anomalie-telefono-557c2f4c-96f7-11eb-b9bd-e7351dbb7d6a.shtml. 

Il garante della Privacy interviene sul caso dei dati di oltre 35 milioni di italiani, rubati e pubblicati online. Ecco cosa fare

Facebook renda «immediatamente disponibile un servizio che consenta a tutti gli utenti italiani di verificare se la propria numerazione telefonica o il proprio indirizzo mail siano stati interessati dalla violazione».

A chiederlo è il Garante italiano per la privacy, in seguito alla diffusione in Rete dei dati di circa 35 milioni di italiani iscritti a Facebook (35,6 milioni, secondo le informazioni disponibili finora, tenendo conto del fatto che potrebbero esserci dei duplicati). 
Come avevamo scritto ieri, si tratta di numeri di telefono e in alcuni casi nome e cognome, data di nascita e indirizzo di posta elettronica di un totale di 533 milioni di persone di tutto il mondo, fra le quali ci sono i nostri 35 milioni, che sono stati pubblicati su un sito per hacker e sono accessibili gratuitamente. (Qui il sistema per capire se si è coinvolti).

Prosegue l’Autorità: «Il numero di telefono potrebbe essere utilizzato per una serie di condotte illecite, che vanno da chiamate e messaggi indesiderati sino a serie minacce come il cosiddetto “SIM swapping”, una tecnica di attacco che consente di avere accesso al numero di telefono del legittimo proprietario e violare determinate tipologie di servizi online che usano proprio il numero di telefono come sistema di autenticazione».

Il Garante avverte «chiunque sia entrato in possesso dei dati personali provenienti dalla violazione che il loro eventuale utilizzo, anche per fini positivi, è vietato dalla normativa in materia di privacy, essendo tali informazioni frutto di un trattamento illecito».

E richiama «tutti gli utenti interessati dalla violazione alla necessità di prestare, nelle prossime settimane, particolare attenzione a eventuali anomalie connesse alla propria utenza telefonica: come, ad esempio, l’improvvisa assenza di campo in luoghi dove normalmente il cellulare ha una buona ricezione. Un tale evento potrebbe essere il segnale che un criminale si è impossessato del nostro numero di telefono per usarlo a scopo fraudolento».

Cosa fare? «In questo caso è importante contattare immediatamente il call center del proprio operatore telefonico per verificare le ragioni del problema e, in particolare, per verificare che terzi, fingendosi noi, non abbiano chiesto e ottenuto un trasferimento della nostra numerazione su un’altra SIM».

Il consiglio è poi di «diffidare di eventuali messaggi di testo provenienti dal numero di telefono di persone che conosciamo, con i quali vengano chiesti soldi, aiuto o dati personali, perché potrebbe trattarsi di una truffa azionata da malintenzionati che si sono impossessati della nostra numerazione».

Contattato dal Corriere, Facebook per ora non commenta la nota del Garante. Sabato aveva dichiarato che si tratta «di dati e di un problema individuato e risolto nel 2019».

Il Garante irlandese per la privacy, che ha la responsabilità di applicare il regolamento europeo Gdpr, sta verificando se sia effettivamente così. In ogni caso, il problema rimane: numero di telefono, indirizzo di posta elettronica e altre delle informazioni diffuse spesso rimangono valide a distanza di pochi anni.

Facebook, WhatsApp e Instagram down: irraggiungibili a livello globale


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2021/03/19/news/whatsapp_giu_malfunzionamento_dell_app_di_chat-292987596/?ref=RHTP-BH-I288512892-P1-S2-T1

Il malfunzionamento per le tre app dal pomeriggio. Disagi per utenti e smart working

Le piattaforme di Zuckerberg in tilt in tutto il mondo: Facebook a rilento come anche la chat Messenger, la popolare applicazione di messaggistica WhatsApp e il social di immagini Instagram sono irraggiungibili dal pomeriggio di venerdì 19. Il malfunzionamento appare esteso globalmente. Disagi per utenti e per chi usa le piattaforme per lo smart working.

Carte di credito, conti bancari e dati anagrafici…….


Carte di credito, conti bancari e dati anagrafici. Oltre 1700 clienti di 100 banche italiane colpiti da un gruppo di hacker

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2021/03/02/news/carte_di_credito_conti_bancari_e_dati_anagrafici_oltre_1700_clienti_di_100_banche_italiane_colpiti_da_un_gruppo_di_hacker-289898225/

Lo rivela l’Avast Threat Labs. “Abbiamo trovato date di scadenza e codice di verifica delle carte, dati anagrafici e altro ancora”. Giù avvertiti gli istituti di credito interessati  

Oltre cento banche italiane coinvolte e le credenziali di mille e 700 dei loro clienti trafugate. Questo il bottino digitale che è stato rintracciato dagli Avast Threat Labs per un errore commesso dal gruppo di criminali informatici che ha condotto l’operazione. E così gli istituti di credito sono stati avvertiti in modo da correre ai ripari.

“Abbiamo trovato numeri di carta di credito con date di scadenza e codice di verifica, di conti bancario, dati anagrafici e altro ancora”, racconta dalla Repubblica Ceca in collegamento video Michal Salat, ricercatore dei laboratori Avast. “Il gruppo che ha compiuto il furto è lo stesso che di recente ha colpito anche in Spagna e Scozia attraverso il malware Ursnif, nome con il quale per ora definiamo anche la banda stessa di pirati informatici”.  continua a leggere

Whatsapp, torna la truffa del codice a sei cifre: cos’è e come evitarla


articolo: Whatsapp, torna la truffa del codice a sei cifre: cos’è e come evitarla- Corriere.it

Un sistema molto semplice permette ai truffatori di prendere il controllo del nostro account ma fermarla è facile

Difficile debellare la «truffa del codice a 6 cifre», un sistema semplice e ingegnoso che permette di prendere il controllo del Whatsapp altrui. Visto che funziona tramite messaggi, verso Capodanno c’era stato un picco con la truffa camuffata da auguri di Buon Anno ma ora sono stati segnalati nuovi casi. Vediamo come funziona e come evitarla. Nonostante venga da molti descritta come un virus, quella del codice a sei cifre è una truffa vera e propria che prevede un coinvolgimento attivo della vittima. Per prima cosa questa riceve un messaggio su Whatsapp con una stringa di sei cifre. È autentico e proviene davvero dal servizio assistenza dell’applicazione. Quel codice si usa per trasferire il nostro account su un altro dispositivo o un nuovo numero di telefono ma a richiederlo è stato il truffatore stesso che ora ne ha bisogno per prendere possesso del nostro profilo.

Il raggiro – È qui che scatta la parte più ingegnosa (o diabolica) dell’operazione. Ricevere una richiesta da sconosciuti renderebbe palese la truffa ma l’impostore sa come muoversi. Quella richiesta, che va dal «Ti ho inviato un codice per sbaglio, me lo rimandi?» al «Puoi rimandarmi questo codice a 6 cifre?» può arrivarci in due modi: dal numero di un nostro conoscente che è caduto vittima del raggiro o da un account fasullo che mostra il nome e la foto di un nostro contatto. Sembra reale.

Mai rispondere – Una volta inviatogli il codice siamo in trappola. Il truffatore ora può fare finta di essere noi, può trasferire il nostro Whatsapp sulla sua Sim (a quello serve il codice) e mietere altre vittime spedendo il messaggio che abbiamo ricevuto ai nostri contatti. Oppure può diffondere malware e link di phishing con cui rubare altri dati. Così il sistema piramidale si perpetua con una lunga catena che a quanto pare ancora non si è fermata.

Se si è stati colpiti – Come misura preventiva basta non rivelare il codice a terzi e non rispondere al messaggio. Nessuno e per nessun motivo potrà mai chiederci di inviarglielo semplicemente perché serve solo a noi. Se invece siamo stati colpiti possiamo recuperare il controllo del nostro profilo chiedendo a Whatsapp di inviarci un nuovo codice. Lo riceveremo sul nostro numero di telefono che il truffatore, ovviamente, non possiede (è per questo ci aveva chiesto il codice di autenticazione). Inserendo numero di telefono e codice saremo in grado di accedere di nuovo al nostro profilo e averne il pieno controllo.  Nel caso in cui l’impostore avesse trasferito il nostro profilo sulla sua Sim non ci resta che contattare Whatsapp e, in casi estremi, disattivare l’account.

https://alessandro54.com/2020/12/29/il-virus-del-codice-di-whatsapp-colpisce-ancora-come-difendersi/

Clubhouse, il social senza foto: si parla e basta (e piace ai vip, da Musk a Fiorello)


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_febbraio_05/clubhouse-social-senza-foto-si-parla-basta-piace-vip-musk-fiorello-1dc11866-6785-11eb-92aa-881f0caf741f.shtml

Clubhouse fa mezzo milione di nuovi utenti al giorno. Nelle stanze virtuali a tema si può conversare anche con Elon Musk o Fiorello. L’accesso? Solo su invito

Oh no, un nuovo social network. Proprio quando sembrava sconfitta l’ansia di sentirsi tagliati fuori dalle feste a cui tutti vanno, non essendoci più feste, ecco una nuova «festa», seppur digitale, per cui da una settimana tutti sembrano smaniare. Si chiama Clubhouse: cresce di mezzo milione di utenti al giorno. È un social accessibile a inviti e basato sulla sola voce: anziché con foto o interventi scritti si partecipa aprendo una conversazione, chiamata metaforicamente room, stanza, e si sceglie se gli altri possono intervenire, dando loro la parola (sistema che impedisce i litigi) o solo ascoltare voci o musica che trasmettiamo in diretta.

Chi vuole ascoltare può entrare nelle «stanze» che l’app gli propone, secondo gli interessi che ha specificato: c’è di tutto, da «Politica estera» a «Identità», e un generico «Arts» che accorpa libri, moda e pure cucina. A differenza delle recenti novità social, come TikTok dove spopolano video ballerini con cui è difficile tenere il passo se si è sopra i 30, Clubhouse è alla portata di chi è sì tentato dall’esistenza di un nuovo modo di comunicare  — l’app è nata ad aprile scorso, per chi nella solitudine da lockdown bramava di conversare per davvero, e non a mezzo fumettini, con chicchessia — ma è già esausto alla sola idea di impararne le regole. Come su Facebook all’inizio, si accede solo su invito. Ma trovarne uno pagando non è difficile (sulla piattaforma Unloved.com, ad esempio, costa 45 euro) e gli sviluppatori stanno moltiplicando gli inviti a disposizione. Per ora si usa solo da Apple, ma è iniziato lo sviluppo dell’app anche per Android.   continua a leggere

WindTre down, problemi a chiamate Wind in molte città italiane


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_febbraio_03/windtre-down-problemi-chiamate-wind-molte-citta-italiane-e009bd72-663d-11eb-824f-582a8d82b7ed.shtml?fbclid=IwAR1Teecn4SUBFazEOMdGnaBHRte4yzQd20M_x0of_Hg-vb2c3WQUVLN5VB8

Gli utenti stanno segnalando malfunzionamenti in particolare a Milano e Napoli. Ma anche Bologna, Roma e Torino

«Non è possibile chiamare nessuno, cade la linea». «Impossibile telefonare». Gli utenti WindTre, dalle 16 circa del pomeriggio di oggi, 3 febbraio, stanno riscontrando diversi problemi sulla linea telefonica. Le segnalazioni, raccolte dal sito DownDetector, arrivano in particolare dalle principali città italiane. Milano e Napoli, ma anche Bologna, Roma e Torino. Alcuni segnalano anche malfunzionamenti sulla Rete internet.

Energia, l’Europa ha rischiato un blackout: Francia e Italia l’hanno sventato


articolo: https://www.repubblica.it/economia/2021/01/18/news/energia_l_europa_ha_rischiato_un_black_out_europeo-283070068/?ref=RHBT-VS-I270681073-P4-S6-T1

Venerdì scorso, per oltre un’ora, un calo di tensione senza precedenti ha messo in allarme gli operatori di tutto il continente: incidente evitato grazie ai meccanismi che coinvolgono le attività industriali “interrompibili” in Italia e Francia. Indigine in corso per l’inconveniente nato in Romania che ha divisto in due l’Europa

ROMA – Tutta Europa ha rischiato di rimanere al buio. E’ successo venerdì scorso: per oltre un’ora si è concretizzata la possibilità di un black out di proporzioni continentali, cosa mai accaduta e che avrebbe avuto ripercussioni senza precedenti. A evitare un disastro – che sarebbe stato ben più grave di quanto accaduto nel 2013 quando vennero coinvolte “soltanto” Italia, Svizzera, Francia e Slovenia – è stato il meccanismo che consente in alcuni paesi dell’Unione Europea di staccare la fornitura di elettricità dei grandi gruppi industriali “energivori”. In particolare, i cittadini europei non si sono accorti di nulla, grazie ai meccanismi di salvaguardia attivi in Francia e in Italia.

Ma come è potuto accadere ed esattamente cosa è avvenuto? La causa del tutto è stato un calo di frequenze sulla rete elettrica ad alta tensione della Romania che ha di fatto diviso in due le infrastrutture europee: da una parte l’area balcanica e tutto il centro-est, dall’altra l’Europa del sud-ovest. In sostanza, il calo di tensione – mai rilevato in modo così consistente – ha rischiato di far saltare l’equilibrio della rete, provocando l’interruzione del servizio.

Questo è dovuto al fatto che l’infrastruttura ad alta tensione è strettamente connessa in tutta Europa. Ma proprio il fatto di operare come se fosse una rete unica ha impedito un disastro che sarebbe finito per giorni sulle prime pagine di giornali e siti. Il coordinamento delle reti europee si chiama Entso-e, acronimo che sta per European network of transmission system operators for electricity e mette insieme 43 operatori, andando ben oltre i confini della Ue.

Intervenuto non appena si è capita la gravita dell’inconveniente avvenuto in Romania, è scattata la salvaguardia rappresentata dal meccanismo degli interrompibili: Italia e Francia – attraverso i rispettivi gestori della rete Terna e Rtehanno attivato gli accordi che hanno permesso di staccare dalla rete rispettivamente 400 e 1.200 megawatt.

Con “interrompibili” si intendono le industrie che hanno accettato di sottoscrivere un accordo per cui possono essere chiamate a interrompere l’attività, in conseguenza di uno stop alle forniture di energia in caso di necessità. Si tratta di attività che consumano grandi quantità di elettricità, come cementifici, acciaierie o industria del vetro e della ceramica. Un sistema per cui ricevono ogni anno una indennità economica, pagata dagli utenti in bolletta. Un po’ come una assicurazione: il più delle volte paghi anche se non ne hai bisogno, ma quando succede evita guai peggiori.   

In Romania è in corso una indagine sulla causa che hanno mandato in tilt la rete locale. Lo stesso ha fatto il network delle reti europee Entso-E: sulla base dei risultati scatteranno poi le richieste di risarcimenti visto che per almeno un’ora ci sono stati disservizi sulle reti locali, per quanto gestiti dagli operatori e senza conseguenze per l’utente finale.

Addio Flash, il web ti saluta. Adobe dismette l’estensione per sempre


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/01/11/news/addio_flash_il_web_ti_saluta_adobe_dismette_l_estensione_per_sempre-282144975/

Dal 12 gennaio 2021 il programma smetterà definitivamente di funzionare. Ma è stato una colonna portante dell’evoluzione di internet

E venne il giorno. Una ventina di anni fa, nel 1996 per l’esattezza, il futuro del web aveva un nome: Flash. Sviluppato da Macromedia e poi acquisito da Adobe, Flash è, anzi era, un’infrastruttura sviluppata per realizzare contenuti ricchi dal punto di vista multimediale: animazioni vettoriali, grafica e suono impensabili al tempo su un browser. Ma soprattutto Flash portava su internet l’interattività a livelli avanzati, fino a realizzare vere e proprie applicazioni e videogame, dai giochini passatempo a prodotti anche molto complessi.

Divenuto in poco tempo un asset irrinunciabile della programmazione web, Flash nei suoi vent’anni di vita si è andato sempre più strutturando e arricchendo, effettivamente portando nei browser di tutto il mondo qualcosa di molto simile alle esperienze desktop di applicazioni nate per funzionare nativamente sui computer. Ma insieme alle possibilità crescevano le falle e aumentava il peso che la complessità del programma portava in dote. E naturalmente i concorrenti, come l’HTML5, si facevano sempre più potenti e agili, fino a superare il maestro. Così, dalla transizione di Youtube da Flash a Html5 e l’embargo di Steve Jobs che già dieci anni fa annunciava di la chiusura di iPhone e iOS al prodotto di Adobe (tanto da generare un noto meme, in cui un omonimo Flash manca tra i supereroi), il declino della piattaforma era inevitabile.  continua a leggere