Archivi categoria: Tecnologia

Facebook, Instagram e WhatsApp Down, malfunzionamento in Europa


Migliaia di utenti segnalano il tilt dei principali social e della app di messaggistica. Il disservizio, a un mese dal blocco più lungo della storia, è durato circa tre ore

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2019/04/14/news/facebook_instagram_e_whatsapp_down_-223989080/

La mappa (Credits: DownDetector.com)   

Facebook, Instagram e WhatsApp Down, malfunzionamento in Europa

Prima il rallentamento, poi il blocco. Dalle ore 12 circa sono stati tantissimi a registrare il malfunzionamento dei principali social – sia da computer fisso che da cellulare – che sono tornati a funzionare quasi dovunque dopo le 15.

Sul caso Facebook ha commentato: “Nel corso della giornata, alcune persone potrebbero aver riscontrato problemi di accesso alle app della famiglia Facebook. Ci scusiamo per l’inconveniente”. Restano però sconosciute le ragione del guasto ma si escluderebbero attacchi hacker o eventuali interferenze esterne.

Il down arriva a un mese dal blocco più lungo della storia dei social che per oltre quattordici ore tenne il mondo offline. Il motivo venne attribuito a un problema ai server e anche in quella occasione fu esclusa l’ipotesi di un attacco hacker.  

Sia Instagram che WhatsApp fanno parte del gruppo Facebook Inc, rispettivamente dal 2012 e dal 2014. Ora il colosso di Menlo Park starebbe lavorando all’integrazione delle tre piatatforme, in modo che gli utenti dell’uno o l’altro servizio possono scambiarsi messaggi tra di loro senza limite. continua a leggere

Sky non comprerà la piattaforma R2 di Premium ……. – Il Garante multa Mediaset Premium: ……


Sky non comprerà la piattaforma R2 di Premium e siglerà nuovo accordo con Mediaset

Evoluzione dell’istruttoria Antitrust. La cessione salta perché – comunicano le due aziende – il Garante della Concorrenza non avrebbe concesso un via libera incondizionato. I servizi saranno ora a disposizione di tutto il mercato della pay-tv

articolo: https://www.repubblica.it/economia/2019/04/12/news/sky_non_comprera_la_piattaforma_tecnica_di_premium_bloccati_dall_antitrust_-223876253/?ref=RHPPBT-VE-I0-C6-P15-S4.2-T1

ROMA, 12 aprile 2019 – Mediaset e Sky comunicano che a seguito dell’evoluzione dell’istruttoria dell’Autorità Antitrust (“Agcm”) relativa all’acquisizione della società R2 da parte di Sky Italia, appare ormai improbabile che l’Agcm possa concedere un’autorizzazione incondizionata come invece previsto dagli accordi sottoscritti tra le parti

La cessione di R2, piattaforma erogatrice esclusivamente di servizi e tecnologie e giuridicamente distinta da Mediaset Premium, è stata resa possibile dal “Piano di Londra”, comunicato da Mediaset nel 2017, che ha stabilito una rifocalizzazione della strategia del Gruppo nel settore della pay tv

Pertanto, in relazione agli sviluppi della procedura antitrust e in coerenza con gli accordi di cessione di R2, le parti hanno concordato in data odierna le modalità di rientro di R2 nel Gruppo Mediaset malgrado il Gruppo non eserciti più l’offerta di pay tv classica e non necessiti quindi più di tali servizi.

A seguito di tale rientro, Sky ha richiesto a Mediaset che i servizi di piattaforma tecnica a supporto della trasmissione sul digitale terrestre – a esclusione delle attività commerciali, di marketing e di gestione del cliente – continuino a esserle fornite da R2 su base non esclusiva sino al 30 giugno 2021. Tale rapporto di fornitura a Sky non preclude dunque la possibilità che la piattaforma sia aperta a utilizzatori terzi a condizioni eque, trasparenti e non discriminatorie

Mediaset, da parte sua, ha verificato la possibilità di erogare il servizio con un adeguato ritorno economico generato da un contratto biennale e ne ha favorevolmente accolto la richiesta

Mediaset conferma quindi la volontà di continuare a fornire a tutto il mercato della pay tv sul digitale terrestre i servizi tecnici della società R2.

Il Garante multa Mediaset Premium: “Limitato il diritto di recesso degli abbonati”

articolo: https://www.repubblica.it/economia/2019/04/12/news/il_garante_multa_mediaset_premium_limitato_il_diritto_di_recesso_degli_abbonati_-223877320/

ROMA, 12 aprile 2019 – Non è un gran momento, per Mediaset, nel rapporto con i garanti. L’Antitrust annuncia dei paletti alla cessione della piattaforma tecnica di Mediaset Premium a Sky, e l‘operazione così salta. Intanto un secondo garante – quello delle Comunicazioni (l’AgCom) – multa Mediaset Premium per 58 mila euro. Secondo l’AgCom, Mediaset Premium ha limitato il diritto dei suoi abbonati e clienti a recedere dal contratto. 

L’AgCom – relatore del provvedimento Antonio Nicita – si è mossa sulla base della legge 124 del 2017. Questa legge assegna all’utente la prerogativa di chiudere un contratto oppure di cambiare fornitore di un servizio nella maniera più “semplice” possibile. Le procedure per rescindere un contratto anche con Mediaset Premium devono essere dunque “di immediata attivazione“. continua a leggere

Alexa ci ascolta: e le “orecchie” dei gadget Amazon sono anche umane


Amazon Alexa è un assistente personale intelligente sviluppato dalla azienda statunitense Amazon, utilizzato per la prima volta nei dispositivi Amazon Echo e Amazon Echo Dot sviluppati dalla sezione Amazon Lab126.

Anche Alexa ci spia: dipendenti Amazon ascoltano le nostre conversazioni, come evitarlo sempre

https://www.optimagazine.com/2019/04/12/anche-alexa-ci-spia-dipendenti-amazon-ascoltano-le-nostre-conversazioni-come-evitarlo-sempre/1433319

Alexa-740x350

Alexa ci ascolta: e le “orecchie” dei gadget Amazon sono anche umane

https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/04/11/news/alexa_ci_ascolta_e_le_orecchie_dei_gadget_amazon_sono_anche_umane-223784861/

DUNQUE Alexa non ha solo orecchie artificiali ma anche umane. Il software di riconoscimento vocale per interpretare ed eseguire le richieste e i comandi impartiti dagli utenti non è – e non poteva essere – l’unico ascoltatore dall’altra parte del sistema. Certe volte fra il pubblico, per così dire, possono esserci anche analisti in carne e ossa distribuiti in una serie di centri fra Boston, la Romania, l’India e la Costa Rica. Lo spiega un’indagine di Bloomberg basata sulle rivelazioni di sette diverse fonti secondo cui certi campionamenti dei comandi audio inviati ai gadget di Amazon affinché l’assistente Alexa risponda ed esegua (“Alexa, che tempo farà oggi?”, “Alexa, accendi le luci in salotto” e così via) vengono passati ad esseri umani per essere trascritti, annotati e restituiti in pasto al sistema. Per migliorarne le prestazioni, che devono farsi sempre più precise.

D’altronde la questione era davanti agli occhi di tutti, e perfino inserita – pur senza parole esplicite – nei criptici termini di servizio o, fra le righe, nelle domande più frequenti sul sistema dove si legge che “più dati usiamo per allenare questi sistemi, meglio Alexa lavorerà e addestrarla con registrazioni vocali da diversi tipi di clienti aiuta Alexa a essere più efficiente con tutti“.  continua a leggere

Ecco in 8 mosse come mettere al sicuro la propria vita digitale


articolo: https://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2019-03-29/ecco-8-mosse-come-mettere-sicuro-propria-vita-digitale-154132.shtml?uuid=AB9QSCjB

Cosa fare allora? Le risposte le prendiamo da Ermes Cyber Security, startup nata come spin-off del Politecnico di Torino, specializzata nella difesa delle aziende da parte dei pericoli del Web. «Per iniziare a fare il backup è bene seguire la cosiddetta ‘regola del backup 3-2-1′: salvare i dati 3 volte, utilizzare 2 differenti tecnologie, tenere 1 dei backup fuori dall’ufficio o dall’ambiente domestico», ricorda il founde Hassan Metwalley. Ma vediamo le otto mosse suggerite da Ermes nel dettaglio.

1 – Salva i dati 3 volte
I dati dovrebbero essere salvati 3 volte: la prima nel dispositivo che si utilizza di solito e le altre due su dispositivi di archiviazione separati, così da avere sempre almeno una memoria recuperabile.

2 – Usa due diversi supporti
Per fare i backup è consigliabile utilizzare 2 diverse tecnologie, quindi due tipi di dispositivi diversi (es.: Hard Disk + USB), per ridurre la possibilità di perdere i propri dati qualora, ad esempio, una partita di hard disk risultasse avere dei problemi di fabbrica. Inoltre, 1 dei dispositivi di archiviazione andrebbe preferibilmente collocato lontano dal principale, per evitare che un furto o un incendio impediscano di accedere ad entrambi i backup.

3 – Fidati della nuvola
Oltre al backup locale su memorie esterne, l’ideale sarebbe realizzare uno dei 3 backup su piattaforme cloud online, come ad esempio Dropbox, Drive, iCloud, che non sono vincolate ad un singolo dispositivo e permettono di recuperare i dati anche da remoto.

4 – Cripta dove possibile e scegli password complesse
Sia per criptare i backup su supporti fisici che – soprattutto – per proteggere gli account delle piattaforme cloud, è bene impostare delle password complesse utilizzando dagli 8 ai 10 caratteri, lettere maiuscole e minuscoli, numeri e caratteri speciali.

5 – Fai test per il ripristino dei dati
Alla regola 3-2-1 è possibile aggiungere anche la regola zero, che sta per “zero errori”. Effettuare un backup non basta infatti per stare tranquilli. Bisogna anche verificare che questi siano andati a buon fine e che non contengano, appunto, errori. Il salvataggio dei dati, specialmente se effettuato con software ad hoc, difficilmente non va a buon fine, al contrario è proprio il ripristino degli stessi che può dare problemi. Sempre meglio fare dei test prima che sia troppo tardi.

6 – Lascia il lavoro sporco ai computer
Fare il backup manualmente di grandi quantità di dati è un lavoro impegnativo, frustrante e decisamente time consuming. Per questo è meglio affidarsi a software in grado di effettuare i salvataggi per noi con cadenza regolare. Tali programmi sono in grado di copiare dati in modo invisibile, lavorando in background, e spesso in modo incrementale, ovvero senza la necessità di salvare ogni volta tutti i dati in nostro possesso ma semplicemente aggiornando gli archivi con le modifiche più recenti.

7 – Non risparmiare
Non è il caso di puntare al risparmio quando in ballo c’è il lavoro di una vita. Evitate supporti che si deteriorano facilmente con il passare del tempo, come CD o Blu-Ray, e scegliete invece un hard disk di ultima generazione, magari un SSD o anche una pendrive, ponendo attenzione anche a scegliere marche affidabili.

8 – Non rimandare
Il consiglio più importante per quanto riguarda i backup è quello di non rimandare a domani quello che potete fare oggi. Per quanto costosi e ben costruiti, i computer restano delle macchine e, in quanto tali, vittima dell’usura, di difetti e di bug. Se state lavorando ad un progetto importante o semplicemente avete appena finito di riordinare le foto delle vostre vacanze, il miglior momento per effettuare un backup resta sempre oggi.

World backup day,


World backup day, il 65% degli utenti perde dati: i consigli per metterli al sicuro

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/30/news/world_back_up_day_il_65_degli_utenti_perde_dati_-222891727/

NEL NOSTRO smartphone, nel nostro tablet o nel computer a casa o al lavoro, ormai, conserviamo gran parte della nostra vita. Immagini, ricordi, amicizie, contatti, ma anche dati sensibili come il nostro account bancario, la nostra dichiarazione dei redditi, le password di accesso al nostro sistema d’allarme o di videosorveglianza, le credenziali per l’uso del computer aziendale, i nostri account ai vari social network. Per non perdere questi dati, abbiamo imparato ormai che i nostri device vanno difesi da “attacchi”, che è opportuno farne una copia su supporti  esterni, che bisogna conservare e proteggere gli account per non renderli utilizzabili da malintenzionati nel momento in cui perdiamo o ci rubano lo smartphone, il portatile, il tablet. Ma salvare i dati spesso non è sufficiente, anche perché la maggioranza di noi lo fa solo per uno dei device in nostro possesso. Non soltanto: tenere i propri dati al sicuro, seppure è ormai diventata un’abitudine diffusa, non ci salva dalla necessità di reinstallare tutte le applicazioni su un nuovo smartphone, su un nuovo tablet o su un nuovo Pc. Con tutto quello che ne consegue in perdita di tempo e, spesso, nell’impossibilità di ripristinare tutto il nostro “mondo virtuale” all’interno degli apparecchi in uso.

Il 31 marzo è la data dedicata al “World Backup Day”, l’occasione per ricordarsi non solo di salvare i propri dati, ma di fare un vero e proprio backup costante dei nostri device. Qual è la differenza tra salvataggio dei dati e backup? E’ presto detto: nel primo caso, avremo l’integrità dei nostri dati sempre disponibile, ma, nel caso di perdita, furto o guasto, dovremo reinstallare da zero i programmi e le app in un nuovo device. Nel secondo caso, invece, potremo quasi senza problemi, riavere in breve tempo tutto il nostro sistema pronto ad essere utilizzato Acronis ha presentato i dati del sondaggio globale commissionato per il World Backup Day 2019 per fare luce sulle abitudini globali di protezione dati degli utenti. Dall’indagine emerge che il 65,1% degli utenti intervistati o un membro della loro famiglia ha perso dati in seguito a un’eliminazione involontaria, un guasto o un problema software, con un aumento del 29,4% rispetto allo scorso anno. continua a leggere

 

Più di mille italiani intercettati sul cellulare, per errore, da hacker di Stato


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/30/news/molte_centinaia_di_italiani_intercettati_su_cellulare_per_errore_da_hacker_di_stato-222865990/

Il problema scoperto e denunciato dalla società no profit Security Without Borders. Il software, lo spyware “Exodus“, era pensato per spiare legalmente criminali ma per un presunto errore di programmazione ha finito per intercettare anche cittadini normali

ROMA – Alcune centinaia di utenti italiani, forse oltre un migliaio, sono stati infettati per errore da un software pensato per intercettazioni di Stato, tramite una ventina di app inserite su Google Play Store. Lo spyware, il cui nome è Exodus, è stato scoperto dalla società no profit Security Without Borders, in un’inchiesta fatta in collaborazione con la rivista Motherboard. A quanto si legge nel rapporto, come poi confermato da molti esperti a Repubblica, Exodus è usato dalle principali procure per intercettare criminali (le loro telefonate, registrare i suoni ambientali, copiare la rubrica, il registro telefonico, la posizione gps, le conversazioni Facebook e via di questo passo). Il problema è che per un errore nel codice questo software finiva per intercettare in modo indiscriminato chiunque scaricasse queste app con lo spyware, presenti liberamente sullo store di Google (prima che Big G le rimuovesse proprio nei giorni scorsi). Perlopiù si trattava di app (ovviamente all’apparenza normali) che si presentavano come strumenti per migliorare le prestazioni del cellulare oppure per ricevere offerte promozionali del proprio operatore e quindi esclusive per chi le installava.

Che cosa è successo a chi ha scaricato l’app
Una volta installata l’app, lo spyware permette, a chiunque lo controlli, di gestire a distanza il cellulare dell’utente. Il controllore può essere la società che ha sviluppato il software o chiunque ci abbia poi messo le mani e sia riuscito a farlo installare all’utente. Il rapporto pubblica una lunga lista delle cose che lo spyware permette di fare. In sostanza è possibile sapere non solo tutto quello che l’utente sta facendo con il cellulare; ma anche le cose che fa – di persona, fisicamente – quando ha il cellulare con sé. Oltre alle chiamate, le chat (anche quelle in teoria criptate), gli indirizzi web visitati, la rubrica dei contatti, le foto scattate, i suoi appuntamenti messi in agenda, rivela anche la sua posizione fisica momento per momento (registrata dal gps e dalle antenne degli operatori). La password del Wi-Fi, poi,  permette di entrare nella rete domestica dell’utente e fare ulteriori intercettazioni. Il controllore dello spyware può aprire il microfono del cellulare e quindi ascoltare tutti i rumori circostanti, quindi le conversazioni fatte di persona dall’utente. Può far scattare foto e così vedere i volti delle persone vicine allo smartphone.

continua a leggere

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare


Dal 14 gennaio 2020 il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Le soluzioni possibili, dal cambio di pc all’open source

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/prodotti/2019/03/26/news/windows_7_va_in_pensione_un_anno_di_tempo_per_cambiare-222489386/

L’ULTIMA patch di Windows 7, l’aggiornamento KB4493132, è in realtà un promemoria: avverte che dal 14 gennaio 2020, il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Niente aggiornamenti di sicurezza, per capirsi, niente miglioramenti delle varie feature contenute in Win7. “Dopo dieci anni di servizio, il 14 gennaio 2020 sarà l’ultimo giorno in cui Microsoft offrirà gli aggiornamenti di sicurezza per i computer con Windows 7 SP1. Questo update abilita i promemoria in merito al termine del supporto“, si legge sulla pagina ufficiale della software house di Redmond.

Risultati immagini per windows 10
Ma a chi è rivolta? Innanzitutto, chiariamo che riguarda gli utenti consumer, perché le aziende potranno avere supporto mediante il programma Extended Security Updates, fino al 2023. Ma ad un prezzo, letteralmente: costerà sempre di più, proprio per invogliare le aziende a investire nel nuovo sistema operativo, Windows 10.

A tutt’oggi, Windows 7 è presente sul 33,89% (fonte StatCounter) dei pc Windows in circolazione a livello globale. Per fare un paragone, Windows 10 invece è già presente sul 54,8 per cento dei computer.  In Italia, Windows 7 è ancora presente sul 33% dei pc.

Se per le aziende c’è più tempo per passare ad un nuovo sistema operativo, per l’utente privato, invece ci sono ancora pochi mesi. Che fare quindi, tenendo conto che molti di coloro che usano ancora Windows 7 hanno computer (soprattutto i portatili) ‘datati’ e che potrebbero non essere in grado, per le caratteristiche hardware, di ‘sostenere’ Windows 10.

La soluzione più semplice, immediata e sicura, in particolare per chi ha un laptop, e vuole continuare ad avere un sistema operativo Microsoft è quella di acquistare un nuovo computer. Per i desktop c’è anche la possibilità di aggiornare, in qualche modo, l’hardware (quando è possibile), per garantire che funzionino sotto Windows 10. Ma entrambe le soluzioni hanno un costo, spesso non indifferente. Se si sceglie di passare ad un nuovo computer, forse vale la pena di aspettare ancora qualche mese, quando, a ridosso della scadenza di ‘chiusura’ di Windows 7, probabilmente i produttori faranno offerte convenienti per acquistare un pc più recente e in grado di supportare Windows 10.

Per chi invece non se la sente o non può acquistare un nuovo computer, le strade sono soltanto due. La prima, un po’ complessa per chi non ha una certa dimestichezza con l’implementazione di driver e con la gestione a livello software del computer, è quella di installare al posto di Windows 7 un sistema operativo open source, come Ubuntu, Linux e altri. Attenzione, però, in questo caso bisogna partire da zero… continua a leggere