Stretta sulle plusvalenze: ecco cosa cambia per i club


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2023/02/02/plusvalenze-nuova-norma-decreto-milleproroghe/

Plusvalenze nuova norma – Dopo l’esplosione del caso Juventus, è arrivata la stretta contro le plusvalenze annunciata dal Governo e in particolare dal ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. La nuova regola, che modifica l’articolo 86 del Testo unico sulle imposte sui redditi, avrà la forma di un emendamento governativo che sarà presentato nella giornata di oggi al Milleproroghe in discussione al Senato.

La nuova norma agirà in due modi sul tema plusvalenze, a cominciare dall’introduzione di una disciplina specifica per «le plusvalenze realizzate mediante cessione dei diritti all’utilizzo esclusivo della prestazione dell’atleta per le società sportive professionistiche». Queste somme si dividono in due parti: la quota «corrispondente al corrispettivo eventualmente conseguito in denaro» potrà entrare nella rateizzazione come di consueto, mentre il resto andrà direttamente «a formare il reddito nell’esercizio in cui è stata realizzata».

Plusvalenze nuova norma – Le due novità

La seconda novità riguarda invece le regole generali per la rateizzazione. Il testo attuale permette un regime favorevole alle società sportive, che possono diluire la plusvalenza anche quando il giocatore rimane per un solo anno nella proprietà del club, mentre le altre imprese hanno bisogno di mantenere il “bene” in portafoglio almeno per tre anni per vedersi aprire le porte della dilazione.

Il regime di favore viene ora abolito, allineando la disciplina dello sport a quella generale che impone di aspettare il triennio. L’obiettivo della doppia mossa è chiaro, e punta a stringere le viti fiscali intorno alle cosiddette plusvalenze “fittizie” realizzate dai club per sostenere i propri conti senza che però i valori abbiano un corrispettivo effettivo di mercato.

Nasce così un doppio regime: sulle plusvalenze che si traducono in un effettivo scambio di denaro la mano del fisco è più leggera. Per quelle che producono numeri nei bilanci ma non trasferimento di denaro, invece, non c’è scampo: vanno integralmente ad alimentare il reddito dell’anno, e quindi le imposte da pagare, con un disincentivo che dovrebbe frenare il fenomeno.

In sostanza, quindi, cambia il regime agevolato a livello fiscale di cui hanno goduto le società, che ora dovranno pagare subito l’intera cifra legata alle tasse sulla plusvalenza in caso di cessione di un giocatore dopo una o due stagioni nel club (mentre potranno rateizzare la cifra in caso di cessione a partire dalla terza stagione in poi). Inoltre, la rateizzazione non sarà comunque permessa in caso di plusvalenza derivante da uno scambio di giocatori senza passaggio di denaro, nemmeno dopo tre anni, e quindi le tasse dovranno essere versate interamente nell’anno in cui è stata effettuata la cessione. La mossa del Governo costringerà quindi i club, soprattutto nel caso in cui una operazione a specchio sia effettuata solo per “abbellire” i conti, a dovere comunque versare subito la quota di tasse legata alla plusvalenza dando dimostrazione di avere comunque la liquidità necessaria.

“Hulk Hogan sta bene”:L’ex star del WRESTLING non ha le gambe paralizzate – Il dramma di Hulk Hogan: non sente più le gambe


articolo di Alessandro Guarisco: https://www.drcommodore.it/2023/02/01/hulk-hogan-sta-bene/

Il wrestling è uno sport-spettacolo che ha una grande seguito nel nostro Paese, grazie agli incontri della WWE (World Wrestling Entertainment) trasmessi da molti anni in Italia. Una delle star di questa disciplina più famose e amate anche nel nostro Paese è sicuramente Hulk Hogan, pseudonimo di Terry Eugen Bollea.

Soprannominato The Himmortal, Hulk Hogan è stato uno dei pro-wrestler più prolifici della WWE, con una carriera durata ben 35 anni. Come tanti colleghi del mondo del wrestling, The Immortal è comparso anche in diversi film, quali Rocky IIIGremlins 2 o Secret Agent. Senza contare i suoi cameo in serie TV come Baywatch o Walker Texas Ranger.

Nelle ultime ore Hulk Hogan è tornato in tendenza in Italia per una notizia circolata tra la notte e la mattina del 30/31 gennaio. Riportata dalla maggior parte delle testate italiane, secondo tale news Hulk Hogan “non sentirebbe più le gambe”, dopo una serie di operazioni in cui sarebbero stati “tagliati i nervi degli arti inferiori”. Notizia che però è stata smentita in serata da un rappresentante della WWE.

“Va tutto bene con la salute di Hulk Hogan”Tutto è nato da una dichiarazione fatta venerdì scorso da Kurte Angle, durante il suo show. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un ex-wrestler come Hogan, che si è ritirato dal professionismo nel 2019.

Ad ogni modo, Kurt Angle in una puntata del suo podcast ha parlato della salute di The Immortal parlando di condizioni molto gravi per l’ex star del wrestling.

Hogan ha avuto un’altra operazione alla schiena. Gli avrebbero tagliato i nervi della parte inferiore del corpo, non sente gli arti inferiori. Per questo deve usare un bastone per camminare

Le parole di Kurt Angle hanno fatto il giro del mondo, passate tra una testata e l’altra. E così anche in Italia si è diffusa la notizia della possibile paralisi di Hulk Hogan. Ora: è vero che The Immortal dopo il suo ritiro dal wrestling ha avuto seri problemi alla schiena e alla ginocchia, dovendo subire molte operazioni. continua a leggere

Il dramma di Hulk Hogan: non sente più le gambe

articolo: https://www.corrieredellosport.it/news/attualit/2023/01/31-102962194/il_dramma_di_hulk_hogan_non_sente_piu_le_gambe

NEW YORK (Stati Uniti)

L’ex campione di wrestling recentemente si è sottoposto a un intervento chirurgico, ma la sua situazione appare compromessa

E’ stato a lungo idolo delle folle prim’ancora che nascessero i social. Nonostante questo, è conosciuto in tutto mondo. Hulk Hogan, uno dei wrestler più famosi della storia, non sta attraversando un buon momento di salute. La rivelazione arriva dal suo ex collega Kurt Angle, che si dice preoccupato per le condizioni di salute.

Deambulazione precariaHulk Hogan – secondo l’amico Angle – negli ultimi tempi si sarebbe sottoposto a un intervento chirurgico agli arti inferiori per risolvere un problema piuttosto importante di salute. Ma, nonostante questo, Hulk Hogan starebbe perdendo sensibilità alle gambe. L’ex campione di lotta fatica a camminare, e negli ultimi giorni è costretto a sorreggersi con un bastone anche per fare spostamenti minimi.

Malore per Antonio Conte: in ospedale…..


Malore per Antonio Conte: in ospedale, sarà operato alla cistifellea

articolo di Davide Chinellato: https://www.gazzetta.it/Calcio/Premier-League/01-02-2023/conte-ospedale-sara-operato-cistifellea-46030815737.shtml

L’annuncio del Tottenham: “Guarisci presto, Antonio”. Il ricovero dopo forti dolori addominali, la diagnosi è di colecistite. L’obiettivo: tornare in panchina l’11 febbraio per la trasferta di Leicester

Guarisci presto, Antonio”. Il Tottenham ha annunciato in un comunicato che Antonio Conte deve fermarsi, costretto a sottoporsi ad un’operazione chirurgica che lo terrà lontano dal campo per un periodo di tempo ancora indeterminato. Il tecnico si trova in Italia, dove era rientrato domenica mattina.

IL COMUNICATO – “Antonio recentemente si è sentito male, accusando forti dolori addominali – ha fatto sapere il Tottenham in un comunicato diffuso poco dopo le 11 italiane -. In seguito ad una diagnosi di colecistiti, oggi verrà sottoposto ad intervento chirurgico per l’asportazione della cistifellea. Ritornerà dopo un periodo di recupero. Tutti al club gli augurano una pronta guarigione”.

LO STOP  – Conte era regolarmente in panchina sabato, nella sfida di FA Cup che il Tottenham ha vinto in casa del Preston North End, ma aveva lasciato al suo vice Cristian Stellini il compito di parlare con i giornalisti prima e dopo la partita. Sembrava il solito Conte, così agitato a bordo campo che gli Spurs hanno inventato la Conte Cam, una telecamera che segue il tecnico per tutta la partita i cui video sono diventati popolarissimi sui social. Dopo il match è rientrato in Italia, approfittando dei due giorni di riposo per stare con moglie e figlia che vivono a Torino. È qui che il dolore è peggiorato: Conte a quel punto è andato a farsi visitare da un medico, che gli ha consigliato l’operazione. D’accordo col Tottenham, Conte ha deciso di procedere immediatamente. continua a leggere

Partite truccate e scommesse illegali: 23 arresti in Spagna


articolo di Redazione: Partite truccate e scommesse illegali: 23 arresti in Spagna | Calcio e Finanza

L’operazione Conifera, che indaga su partite truccate in Spagna da allibratori clandestini con l’ausilio di alcuni calciatori, ha portato ad altri 23 arresti per una truffa via online scoperta dalla polizia nazionale spagnola, in collaborazione con Interpol ed Europol.

Le indagini vanno avanti del 2021 e hanno portato gli inquirenti a verificare che sono state più di 30 le partite truccate sulle quali sono state piazzate scommesse illegali che hanno portato nelle tasche degli allibratori clandestini un guadagno tra i 4mila e i 20mila euro per gara falsata. Sono coinvolte nell’inchiesta la Federcalcio spagnola, la Lega Nazionale di Gibilterra e la Lega Andorrana.

Le 23 persone arrestano si vanno così a sommare alle 21 catturate nella prima fase dell’operazione. Per piazzare le scommesse, i sospetti sfruttavano i loro legami personali con giocatori e membri di squadre di calcio.L’analisi dei dati ha permesso agli investigatori di approfondire il modus operandi del sistema fraudolento, identificando sia i calciatori che avevano partecipato alla manipolazione delle partite di calcio, sia le persone che si occupavano di aprire i conti di gioco online e i conti bancari attraverso i quali circolava il denaro.L’organizzazione, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, prevedeva due persone che gestivano i conti del gioco online e le scommesse con i calciatori che influenzavano le squadre per ottenere il risultato concordato. Alla fine della catena c’erano individui che fornivano l’identità per operare online e quelle che si recavano nei locali per piazzare le scommesse e riscuotere le vincite.

UEFA: «Superlega? Decisione spetta alla Corte UE»


articolo di Redazione: UEFA: «Sulla Superlega la decisione spetta alla Corte di Giustizia Ue» (calcioefinanza.it)

Quanto deciso in Spagna a proposito del tema Superlega non avrà riflessi particolari sulla situazione attuale. E’ questo il pensiero della UEFA in merito alla pronuncia odierna del Tribunale provinciale di Madrid, che ha stabilito il divieto di sanzioni da parte della Federcalcio europea e della FIFA nei confronti dei club coinvolti nel progetto.

La UEFA sottolinea che «questa decisione riconosce l’importanza primaria del procedimento pendente dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE), in Lussemburgo. Il procedimento principale dinanzi al Tribunale commerciale di Madrid è attualmente sospeso in attesa della decisione della CGUE».

Il tutto «a seguito dell’inequivocabile parere dell’Avvocatura generale della CGUE a sostegno della missione centrale della UEFA di guidare il calcio europeo. La UEFA attende ora la sentenza della CGUE, che sarà poi notificata al Tribunale commerciale di Madrid in modo che possa essere applicata nel procedimento principale»

Fiamme in un treno Italo in Stazione Centrale


articolo: Incendio a treno Italo 31 gennaio 2023 evacuato (milanotoday.it)

Attimi di paura, il convoglio è stato evacuato

Paura a Milano nel pomeriggio di martedì 31 gennaio per un principio d’incendio a un treno dell’alta velocità

E’ successo verso le sei di pomeriggio in Stazione Centrale, presso il binario 9. Il treno è stato evacuato immediatamente. Nessuno è rimasto ferito, secondo quanto riferisce Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza). Sul posto le ambulanze del 118 e i vigili del fuoco, oltre al personale della polizia ferroviaria.

Usa, tempesta di ghiaccio: quasi mille voli cancellati in 24 ore


articolo: Usa, tempesta di ghiaccio: quasi mille voli cancellati in 24 ore (mediaset.it)

Gli Usa sono stati colpiti da una violenta tempesta di ghiaccio al sud che ha provocato la cancellazione di quasi mille voli nazionali nelle ultime 24 ore.

Lo riporta il sito di monitoraggio del trasporto aereo FlightAware. Il maltempo ha colpito soprattutto l’area dell’aeroporto di Dallas-Fort Worth, anche se è stato più il sud-ovest degli Stati Uniti che ha visto la maggior parte dei voli cancellati (419)

Leao, dopo lo strappo: il Milan prepara l’asta per l’estate


articolo Marco Pasotto: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Milan/31-01-2023/leao-milan-trattative-estate-46016599796.shtml

A meno di un riavvicinamento nelle prossime settimane, il club rossonero è chiamato a due esigenze: monetizzare il più possibile dalla cessione e trovare un sostituto all’altezza

A un certo punto ha smesso di sorridere, ed è stato impossibile fare finta di nulla. Ma se la squadra va a rotoli mica si può sorridere, verrebbe da dire. Eppure Rafael Leao in passato lo faceva anche quando le cose non filavano lisce. Fa parte della sua impronta caratteriale, una sorta di leggerezza che sotto alcuni aspetti è indiscutibilmente uno dei suoi punti di forza.

DISTRAZIONI – Ora anche Rafa è appesantito. Nell’anima, s’intende. E quando i pensieri affollano la mente e scuriscono l’orizzonte, i sorrisi non escono più e a pesare sono pure le gambe. Sono settimane che il portoghese dà l’impressione di essere diventato un corpo estraneo. Dà la sensazione di andare in campo perché occorre farlo, e non per il piacere di farlo. E quando succede così, di solito non resta molta strada da fare. Gli va dato atto che, fino al termine del 2022, le turbolenze contrattuali non lo avevano distratto. Forse perché nutriva una certa sicurezza sul lieto fine, forse perché il problema sembrava rimandabile, più probabilmente perché fin quando la squadra è rimasta agganciata al Napoli in scia scudetto, i pensieri si rivolgevano soprattutto a quello. continua a leggere

Rafael Leao, 23 anni. Getty

Calciatore in ospedale per polmonite, i medici gli amputano entrambe le gambe: «Era l’unico modo per salvarlo»


Levi Dewey era stato ricoverato lo scorso 7 dicembre. In un mese le sue condizioni sono precipitate, fino alla necessità di operarlo

articolo di Valerio Salviani: Calciatore in ospedale per polmonite, i medici gli amputano entrambe le gambe: «Era l’unico modo per salvarlo» (leggo.it)

Ricoverato in ospedale per una crisi respiratoria dovuta alla polmonite, un ragazzo di 21 anni si è aggravato velocemente e in poco meno di 2 mesi ha subìto l’amputazione delle gambe. Colpa di una sepsi, una grave infiammazione che l’ha messo in pericolo di vita.

Levi Dewey, calciatore dilettante, aveva solo il 30 percento di possibilità di sopravvivere, secondo i medici. L’operazione è stata necessaria per evitare che morisse. Ora si sta riprendendo e la famiglia ha raccolto quasi 80mila sterline, che serviranno anche a comprare le protesi che lo aiuteranno a camminare di nuovo.

Il raccontoLevi Dewey era stato ricoverato lo scorso 7 dicembre al Royal Derby Hospital. I medici hanno scoperto che soffriva di influenza B e polmonite pneumococcica. Nonostante non avesse mai avuto problemi e conducesse una vita da sportivo, ai dottori è parso subito chiaro che la situazione sarebbe precipitata in breve tempo. «Ci hanno detto quasi subito che ci sarebbe stata la possibilità dell’amputazione delle gambe per salvargli la vita», ha raccontato la mamma del giovane. 

«Ovviamente quello che è successo ci cambierà la vita, ma siamo uniti e pronti a supportarlo», le parole della donna, riportate dal The Independent. È stato in terapia intensiva per 20 giorni e in coma indotto per 14 giorni. L’11 gennaio ha ricevuto la terribile notizia: «Dovremo amputarti le gambe a causa della sepsi». L’operazione è stata fatta due giorni prima del suo 21esimo compleanno.

La raccolta fondiLevi Dewey ha perso entrambe le gambe, dal ginocchio in giù. La famiglia ha promosso una raccolta fondi su GoFundMe. «Inizialmente puntavamo a raccogliere 10mila sterline, ma siamo stati travolti da un’ondata di amore e siamo arrivati quasi a 80mila. Li useremo per fargli avere le cure migliori e delle protesi che lo rendano più indipendente possibile».

Juventus, La sentenza: Corte FIGC: «Da Agnelli a Elkann, tutti consapevoli del modus operandi»


Nel primo pomeriggio di oggi, la Corte federale della FIGC ha pubblicato le motivazione della sentenza 

la sentenza alla pagina:

https://alessandro54.com/juventus-plusvalenze-plusvalenze-artificiali-consob-ecc/

Varese, uomo tiene in ostaggio il bus. Cosa è successo in piazzale Trieste


articolo: https://www.ilgiorno.it/varese/cronaca/uomo-bus-piazzale-trieste-1.8491086

Protagonista un uomo in evidente stato di confusione fermato e identificato da una pattuglia dei carabinieri

Varese, 30 gennaio 2023

Momenti di tensione stamattina a Varese nei pressi di piazzale Trieste: un uomo in evidente stato confusionale, prima si è steso sotto un autobus di linea, poi in mezzo alla strada e infine a piedi nudi è salito sul tetto di un altro busL’episodio sconcertante ha creato problemi al traffico e ha ritardato di una decina di minuti la partenza dell’autobus diretto a Luino. L’uomo appariva tranquillo e non si è mostrato aggressivo. A dare l’allarme un autista di Autolinee Varesine che ha chiamato i carabinieri che sono arrivati sul posto con una pattuglia: lo hanno bloccato, identificato mentre sono in via di valutazioni le sue condizioni di salute. La situazione è poi rientrata nella normalità.

Caos Milan: divampano le tensioni tra Maldini e la proprietà


articolo Di Matteo Petrera: Caos Milan: divampano le tensioni tra Maldini e la proprietà (numero-diez.com)

Il Corriere dello Sport non scende a mezze misure: “Milan, così viene giù tutto” scrive il quotidiano a proposito del club rossonero. Dopo la pesantissima sconfitta per 2-5 in casa contro il Sassuolo, la squadra di Pioli è nell’occhio del ciclone. 12 gol subiti nelle ultime tre gare per una squadra che solo la scorsa stagione ha vinto il campionato basandosi su una perfetta fase difensiva.

Secondo quanto riportato da Il Corriere dello Sport, sono esplose le tensioni tra la proprietà e Paolo Maldini, con l’allenatore Stefano Pioli ora in discussione. La situazione a Milanello è quella di un “tutti contro tutti“, scrive il quotidiano, che definisce il Milan “una polveriera pronta ad esplodere“.

Il prossimo match sarà il derby contro l’Inter. Una partita cruciale, sotto ogni punto di vista.

Juventus, oggi le motivazioni della penalizzazione: pronto il ricorso


articolo Di Matteo Petrera : Juventus, oggi le motivazioni della penalizzazione: pronto il ricorso (numero-diez.com)

Nella giornata di oggi verranno rese note le motivazioni che hanno portato alla penalizzazione della Juventus di 15 punti in classifica. Secondo quanto riportato da Tuttosport, la Juve ha già deciso e comunicato la volontà di presentare ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport, il terzo grado della giustizia sportiva.

I bianconeri pensano di possedere due assi nella manica, legati al mancato rispetto delle tempistiche e dell’iter processuale da parte della Procura. In questo caso, scrive il quotidiano, si aprirebbero tre possibili scenari: la conferma dei 15 punti di penalizzazione; la richiesta da parte del Collegio di riformulare il verdetto in caso di alcuni difetti di legittimità; l’annullamento della sentenza in caso di gravi ed evidenti difetti di legittimità.

Tutto ancora è da capire. Oggi, quando saranno pubbliche le motivazioni ufficiali, avremo ulteriori informazioni. Ora non ci resta che attendere.

Notte di paura per Zaniolo: inseguito fino a casa e minacciato di morte, interviene la Polizia


articolo di Emanuele Zotti: Zaniolo, minacce di morte: interviene la Polizia – La Gazzetta dello Sport

Esattamente come era successo a Rick Karsdorp dopo le pesanti accuse di José Mourinho, anche Nicoló Zaniolo si è ritrovato a fare i conti con la rabbia di alcuni tifosi della Roma. In questo caso non si tratta di striscioni insultanti o scritte offensive, ma di un vero e proprio faccia a faccia andato in scena all’esterno dell’abitazione del numero 22 giallorosso. Nella notte tra domenica e lunedì infatti, subito dopo la sconfitta subita dalla Roma a Napoli, una quindicina di individui si sono presentati davanti all’ingresso di casa Zaniolo per “invitare” il classe ‘99 a cambiare aria il prima possibile.

I FATTI Zaniolo, che stava rientrando a casa, si è trovato a dover fare i conti con un gruppo di persone armate di intenzioni non proprio amichevoli. Il calciatore è stato inseguito e minacciato di morte. Lo spavento chiaramente è stato tale da spingere l’attaccante a richiedere l’intervento della polizia. Nel giro di pochi minuti una pattuglia si è precipitata a casa del giocatore, per monitorare la situazione e garantire sicurezza e tranquillità alla famiglia. Il messaggio però è stato chiarissimo: se Zaniolo dovesse rimanere a Roma fino a giugno, i prossimi mesi rischiano di diventare complicatissimi per lui. Un’intimidazione inaccettabile, su cui adesso indaga la polizia.

Pugni, schiaffi e spintoni, la partita degli under17 finisce in rissa. E i genitori fanno invasione di campo


articolo: https://palermo.repubblica.it/cronaca/2023/01/29/news/pugni_schiaffi_e_spintoni_la_partita_degli_under17_finisce_in_rissa_e_i_genitori_fanno_invasione_di_campo-385655666/

E’ successo a Palermo. La denuncia arriva dallo Sporting Termini, una delle squadre coinvolte, che sui social pubblica le foto dei suoi giocatori doloranti

Lividi, unghiate, volti tumefatti. Finisce con una rissa e un’invasione di campo di genitori inferociti dopo la sospensione della partita: è quanto accaduto a Palermo durante una partita di allievi regionali under 17 tra Sporting Termini e Fincantieri.
A denunciarlo, con tanto di foto dei suoi giocatori doloranti nello spogliatoio è lo Sporting, che sui social parla di comportamento “vergognoso e inspiegabile” dei calciatori della Fincantieri che, furiosi per l’espulsione di due loro giocatori, avrebbero “aggredito con pugni, calci e pestati a terra con violenza inaudita inspiegabile” i loro avversari.”Sembravano animali impazziti“, hanno scritto i dirigenti dello Sporting.

Le due squadre sono in lotta per la salvezza e la caccia ai playoff si è giocata al comunale di Campofelice di Roccella, nel capoluogo siciliano. Animi subito accesi al punto che dopo 10 minuti “il mister della Fincantieri sostituisce un proprio giocatore reo di una testata a palla ferma ad avversario“, raccontano i dirigenti dello Sporting lodando la decisione come “esemplare”.
Gli ospiti erano anche passati in vantaggio nel primo tempo ma nella ripresa la partita è degenerata in seguito all’espulsione di un giocatore ospite per una rovesciata che ha preso in piena faccia un avversario. “Spintoni e minacce di ogni tipo che portano ad un ennesimo cartellino rosso che porta a scene di ordinaria follia“, scrive lo Sporting.

Alla fine, padri e madri sugli spalti ci hanno messo del loro e il match si è concluso con “l’invasione di campo da parte dei genitori (padri e madri) che hanno inveito e strattonato l’arbitro che aveva sospeso la partita“.

Solo “l’intervento 20 minuti dopo di due pattuglie dei carabinieri ha portato alla calma e i giocatori dello Sporting hanno potuto raggiungere lo spogliatoio“, raccontano i dirigenti del club di casa che denunciano anche “atti di vandalismo e violenza nello spogliatoio ospite dove è stato sradicato un rubinetto e buttato nel gabinetto“.
Abbiamo refertato i giocatori che hanno subito danni fisici e sia come società che qualche genitore personalmente sta pensando di addire per le vie legali“, spiegano i dirigenti, “adesso aspettiamo con fiducia il referto arbitrale e le decisioni della giustizia sportiva. Il calcio giovanile ha perso di nuovo“.

Accusa un malore negli spogliatoi Morto l’ex bomber Vito Chimenti


articolo di Carlo Testa: Accusa un malore negli spogliatoi Morto l’ex bomber Vito Chimenti – CorrieredelMezzogiorno.it

Aveva 69 anni. Si è sentito male negli spogliatoi del campo sportivo di Pomarico
Divenne famoso per la «bicicletta», il dribbling con cui saltava gli avversari

Vito Chimenti@CorriereMezzogiornoWeb-Mezzogiorno

Si è spento all’età di 69 anni, Vito Chimenti, barese, ex centravanti di calcio, diventato popolare in tutta Italia per la sua «bicicletta», il dribbling con cui riusciva a saltare gli avversari che provavano a fermare la sua corsa verso la porta avversaria. L’ex bomber è morto nel pomeriggio a causa di un malore,negli spogliatoi del campo sportivo di Pomarico (Matera), prima della partita di Eccellenza lucana PomaricoReal Senise, che poi non è stata disputata. Chimenti, che era allenatore della squadra giovanile del Pomarico, è stato soccorso dagli operatori del 118, che hanno a lungo tentato di rianimarlo, ma senza successo.

La carrieraNato a Bari nel 1953, Chimenti ha giocato in Serie A, B e C con Pistoiese, Catanzaro, Palermo (29 reti in due stagioni), Taranto, Salernitana e Lecco. Diventato allenatore, ha fatto parte dello staff tecnico di Salernitana, Foggia, Messina, Matera, Lanciano, Rimini e Virtus CasaranoLa fama di Chimenti è legata alla «bicicletta», il dribbling con il quale scavalcava gli avversari facendo passare la palla sopra la testa. Una giocata che stregò gli appassionati di calcio e divenne parte della storia del calcio italiano. Chimenti, zio di Antonio Chimenti, ex portiere di Juventus e Roma, esordì in serie C con il Matera nel 1972 e sempre con la squadra lucana vinse il suo girone di serie D 1975-1976. Nel 1977 fu acquistato dal Palermo e al club rosanero è legato il suo periodo di maggior successo: mise infatti a segno 29 reti in 74 partite segnando un gol nella finale di Coppa Italia persa a Napoli per 2-1 contro la JuventusDopo l’addio al Palermo, fece il suo esordio in serie A a Catanzaro e passò successivamente alla Pistoiese e all’Avellino, per poi chiudere la carriera al Taranto dove disputò tre stagioni con 22 gol in 83 partite.

Il cordoglio del PalermoLa scomparsa di Chimenti ha suscitato grande commozione e cordoglio in tutta Italia. Il presidente del Palermo, Dario Mirri, lo ha ricordato così: «Se ne va un amico del Palermo, un amico di chi ama il Palermo, un amico mio. Un animo gentile che ha sempre rappresentato l’amore per la nostra maglia». «Non a caso – ha aggiunto Mirri – qualche anno fa lo abbiamo voluto omaggiare con un’opera d’arte interamente dedicata a lui al Palermo Museum. Resterà sempre con noi, come il ricordo della sua “bicicletta”, ormai parte della nostra storia», ha aggiunto Mirri. Chimenti, storica bandiera del club in campo e fuori, è stato anche rappresentante dei tifosi rosanero nella Consulta d’indirizzo della società in serie D e nel primo anno in serie C. L’allenatore del Palermo Eugenio Corini e l’attaccante Matteo Brunori nel post partita di Ascoli dopo la vittoria contro i padroni di casa per 2-1 hanno dedicato a lui il successo.

Il sindaco di Matera: figura esemplare – Anche il Comune di Matera ha voluto ricordare Chimenti. In una nota il sindaco, Domenico Bennardi, esprime il proprio cordoglio definendo l’ex calciatore una «figura esemplare nel mondo del calcio e dello sport in genere. Era una persona generosa, impegnata per i giovani».

Si rompe un finestrino dell’aereo, paura sul volo del Palermo. Match rinviato di 24 ore


articolo: Palermo, stop al volo per finestrino rotto all’aereo – La Gazzetta dello Sport

L’aereo che doveva portare i rosanero a Roma per la trasferta con l’Ascoli è costretto a fare retromarcia subito dopo il decollo. Tensione e un po’ di panico a bordo

Una trasferta da incubo per il Palermo verso Ascoli Piceno, dove avrebbe dovuto scendere in campo alle ore 14. Il volo programmato per il venerdì sera è decollato per Roma ma subito dopo ha fatto rientro al Falcone e Borsellino per un guasto a un cristallo e la squadra è rimasta a terra in attesa di un altro aereo. Il secondo volo charter, con destinazione Pescara, ha permesso alla squadra di Corini di arrivare ad Ascoli Piceno in nottata. Dopo mille peripezie infatti è stato trovato un volo con decollo alle 3 e arrivo poco prima dell’alba.

RATTATIVE – Già ieri sera sono cominciate immediatamente le trattative serrate con la Lega B e l’Ascoli per posticipare la partita. Nella notte è arrivato il comunicato ufficiale, col match spostato di 24 ore: si giocherà così alle 14 della domenica invece che alle 14 di oggi.

Morto Carlo Tavecchio: fu presidente della Figc dal 2014 al 2018


articolo: Morto Carlo Tavecchio: fu presidente della Figc dal 2014 al 2018 – La Gazzetta dello Sport

Si è spento in nottata a 79 anni, lunedì i funerali: attualmente era a capo della Lnd Lombardia. Minuto di silenzio in tutte le partite dei campionati nazionali previste per il weekend

Carlo Tavecchio, 79 anni. Ansa

Si è spento a 79 anni Carlo Tavecchio, ex presidente della Federcalcio. Dopo il mancato approdo dell’Italia guidata da Ventura al Mondiale 2018, si dimise dalla sua carica, che ricoprì dall’11 agosto 2014 al 20 novembre 2017 anche se restò al timone della Figc fino alla successiva assemblea elettiva del 29 gennaio 2018. Il 9 gennaio 2021 a 77 anni divenne presidente della LND Lombardia, il comitato regionale dei dilettanti che aveva guidato fino al 1999.

RICOVERO – L’ultima uscita pubblica due settimane fa in occasione dell’assemblea proprio della LND Lombardia, poi alcuni problemi di natura polmonare e l’improvviso peggioramento delle condizioni lo hanno portato lo scorso mercoledì al ricovero in un ospedale brianzolo. I funerali si svolgeranno lunedì 30 gennaio a Ponte Lambro

MINUTO DI SILENZIOLa Figc ha disposto che prima di tutte le partite dei campionati nazionali previste per il weekend (compresi i posticipi di lunedì) venga osservato un minuto di raccoglimento per ricordarlo. In segno di lutto, inoltre, le bandiere del palazzo di Via Allegri – sede della Federazione – e del Centro Tecnico Federale di Coverciano sono tenute a mezz’asta.

Tyre Nichols pestato a morte da 5 agenti: il video choc scuote Memphis. Proteste in tutti gli Stati Uniti – Afroamericano ucciso, scoppiano proteste in molte città Usa


Tyre Nichols pestato a morte da 5 agenti: il video choc scuote Memphis. Proteste in tutti gli Stati Uniti

articolo di Viviana Mazza: Tyre Nichols pestato a morte da 5 agenti: il video choc scuote Memphis. Proteste in tutti gli Stati Uniti- Corriere.it

Diffuso ieri dalla polizia il video dell’arresto di Tyre Nichols, 29 anni: è stato picchiato a morte dalla polizia che lo ha fermato per eccesso di velocità. Le sue ultime parole: «Mamma, mamma, mamma»

Video of deadly police beating of Tyre Nichols releasedCGTN

Pestato a morte da cinque poliziottiTyre Nichols, 29 anni, ripeteva: «Che cosa ho fatto?». «Mamma, mamma, mamma» sono state le sue ultime parole, riprese in video dalle bodycam degli agenti e da una telecamera di sorveglianza a 90 metri da casa sua a Memphis, in Tennessee. Una vicenda che ha turbato e indignato le stesse autorità della polizia, che hanno pubblicato il filmato ieri notte su YouTube. Nichols, afroamericano, un figlio di 4 anni, è stato fermato al volante della sua auto sabato 7 gennaio alle 8:30, da cinque agenti, anche loro neri. Tadarrius Bean, Demetrius Haley, Emmitt Martin III, Desmond Mills Jr e Justin Smith sono stati licenziati e poi incriminati con accuse che includono omicidio di secondo grado, aggressione aggravata, rapimento aggravato.

Il rapporto degli agenti parla di fermo per eccesso di velocità; ma Cerelyn Davis, la prima donna nera a capo della polizia di Memphis, ha detto che non ci sono prove di alcuna infrazione da parte di Nichols e ha paragonato il suo pestaggio a quello di Rodney King, che scatenò le rivolte del 1992 a Los Angeles. I genitori e le autorità, inclusi il presidente Biden e il ministro della Giustizia Merrick Garland che ha aperto un’inchiesta separata, hanno lanciato molteplici appelli che le proteste siano pacifiche. I cinque poliziotti fanno parte di un’unità chiamata Scorpion (Street Crimes Operation to Restore Peace in Our Neighborhoods), creata nel 2021 per riportare «la pace nei nostri quartieri» dopo un aumento dei crimini e della violenza a Memphis.

Il noto avvocato dei diritti civili Ben Crump, che rappresenta i genitori di Nichols, ne chiede lo scioglimento: «Altri cittadini neri innocenti fermati, picchiati e minacciati in cerca di droga e di armi da quell’unità ne avevano denunciato gli abusi alla polizia ma non sono stati ascoltati». Già quando i cinque agenti fermano Nichols «c’è un livello di aggressione inspiegabile», nota la dirigente della polizia. Lui cerca di scappare a piedi e il fatto stesso che lo faccia scatena la rabbia degli agenti. Usano spray al peperoncino e taser all’inizio, poi dopo averlo catturato lo picchiano per tre minuti di seguito.

Cruciali, più delle riprese delle bodycam, sono state quelle di una telecamera su un palo della luce nel quartiere: mentre sentiamo gli agenti mentire, ad un certo punto, come se parlassero alle loro bodycam affermando che il sospetto aveva cercato di strappare ad uno di loro la pistola , la telecamera dall’alto mostra la brutalità immotivata delle loro azioni. Usano un bastone di metallo estraibile, lo prendono a pugni ripetutamente, «uno lo prende a calci come fosse una palla da football», ha notato il padre Rodney Wells. «La cosa più significativa — per lui — è il fatto che ci sono forse dieci agenti e nessuno cerca di fermare il pestaggio di mio figlio, nemmeno dopo: fumano sigarette, come fosse tutto tranquillo. Lo appoggiano all’auto, lui si accascia e un agente grida: “Siediti, figlio di puttana”, ma è ammanettato. Lo devono tirare su, più di una volta. Ma nessuno gli presta soccorso». continua a leggere

USA, scontri dopo i video di Tyre Nichols ucciso dalla poliziaTeleAmbiente

Afroamericano ucciso, scoppiano proteste in molte città Usa

articolo di Redazione Online: Afroamericano ucciso, scoppiano proteste in molte città Usa- Corriere.it

La diffusione del video che mostra la brutale aggressione a Tyre Nichols, 29 anni, da parte di cinque poliziotti neri ha innescato violenze in tutto il Paese

Proteste sono scoppiate in numerose città degli Stati Uniti a seguito della diffusione dei video sull’ uccisione di Tyre Nichols da parte di cinque agenti della polizia a Memphis. Nella città del Tennessee — riferiscono i media locali — i manifestanti hanno bloccato il ponte dell’Interstate 55 che attraversa il fiume Mississippi e porta verso l’Arkansas. continua a leggere

Come fare il reclamo per Libero e Virgilio mail e dove scaricare il modulo per il risarcimento


articolo di  redazione LOGIN: Come fare il reclamo per Libero e Virgilio mail e dove scaricare il modulo per il risarcimento | Corriere.it

Tre associazioni di consumatori (Altroconsumo, Codacons e Aeci) stanno affrontando il danno agli utenti dopo il problema tecnico di Italiaonline

Mentre la situazione sta tornando lentamente alla normalità, il blocco delle mail di Libero e Virgilio ha spinto le associazioni dei consumatori ad organizzarsi subito per aiutare coloro che hanno subito disagi, non potendo accedere alla loro posta elettronica per giorni. E già propongono diffide, class action e anche un modulo per richiedere il risarcimento.

Il blocco dei servizi che ha reso inaccessibili le email dal 23 gennaio (qui le cause del down) ha messo in moto in particolare tre entità, Altroconsumo, Codacons e Aeci, che stanno affrontando il danno agli utenti (le email colpite in totale sono 9 milioni) in modo differente. Vediamoli in ordine. 

Il modulo per il risarcimento – Partiamo dal risarcimento. Lo propone l’Aeci (Associazione europea consumatori indipendenti) sul proprio sito. Pagando due euro si può scaricare il modulo per fare reclamo e chiedere il risarcimento. La richiesta, sottolinea l’associazione, riguarda non solo gli utenti business ma anche gli utenti free. La ratio è che «i consumatori “pagano” i servizi con l’accesso ai propri dati personali». Il modulo è qui.

Il reclamo di Altroconsumo – Altroconsumo propone il reclamo. L’associazione fa sapere di aver «inviato una diffida a Italiaonline (e per conoscenza anche all’AgCom) per chiedere che venga anche prevista per i clienti Libero Mail e Virgilio Mail una forma di ristoro a titolo di risarcimento, per il mancato utilizzo del servizio di email di questi giorni». Propone quindi di inviare un reclamo tramite il proprio sito. Il link è questo. continua a leggere

Frana nella notte alla cava di Crevoladossola: chiusa la strada provinciale


articolo Redazione: https://www.novaratoday.it/zone/verbano-cusio-ossola/frana-cava-crevoladossola.html

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri e la guardia di finanza

E’ chiusa al traffico da questa notte la strada provinciale 166 a Crevoladossola, nel tratto in località San Giovanni, dove intorno alla mezzanotte una grossa frana mezzi, uffici e spogliatoi della cava, arrivando fino alla strada provinciale.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Domodossola, per verificare che non ci fossero persone coinvolte e per mettere in sicurezza l’area. Presenti anche i carabinieri, la guardia di finanza, e il personale della Provincia per la chiusura della strada.

Terremoto: scossa di 4.1 gradi in provincia di Forlì-Cesena


26 Gennaio 23articolo di Redazione Metronews: Terremoto: scossa di 4.1 gradi in provincia di Forlì-Cesena – MetroNews

Terremoto in provincia di Forlì-CesenaL’evento sismico è stato registrato alle ore 11.45 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con magnitudo 4.1. La Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio Nazionale della Protezione civile. Dalle prime verifiche effettuate l’evento risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose.

A Cesenatico evacuate scuole – A seguito della scossa di terremoto che ha colpito Cesenatico, alle 11.45, il sindaco della cittadina in provincia di Forlì-Cesena, Matteo Gozzoli, tramite il suo profilo Facebook ha fatto sapere che tutti gli studenti sono stati fatti uscire dagli istituti scolastici e che l’amministrazione comunale è in contatto con la Protezione civile. “Invitiamo i genitori, appena possono, ad andare a prendere i bambini – scrive il sindaco sul suo profilo social -. Nel frattempo, il personale scolastico attenderà all’esterno fino all’arrivo del trasporto pubblico. Stiamo già controllando gli edifici”. Nell’attesa di aggiornamenti, il primo cittadino romagnolo ha pubblicato un post in cui ricorda tutti i comportamenti da adottare e tenere durante e dopo il terremoto. Quella delle 11.45, di magnitudo 4.1, è stata la quinta scossa in poche ore: la prima, stamattina, è stata rilevata alle 5.44 a Cesenatico (con magnitudo di 3.2), la seconda e la terza alle 6.22 e alle 7 a Gambettola (magnitudo 2.1 e 3.5) e la quarta era stata segnalata alle 7.08, sempre a Cesenatico (magnitudo 2.1). Secondo le prime informazioni, la quinta scossa, la più forte, sarebbe stata avvertita anche a Rimini.

La Procura di Milano indaga sulla vendita del Milan & Milan,tutte le tape dello scontro Elliott e Blue Skye


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2023/01/26/indagine-sulla-vendita-milan-acquisizioni-della-gdf/

Il Nucleo speciale di polizia valutaria della Gdf sta effettuando acquisizioni nell’ambito di un’inchiesta con al centro la vendita del Milan dal fondo Elliott a RedBird di Gerry Cardinale dell’agosto scorso. Lo riporta l’Ansa.

Indagine che più nello specifico parte da un esposto dell’ex socio di minoranza nella gestione del club, la lussemburghese Blue Skye. Esposto sulla vicenda di un pegno legato al fondo Elliott già contestata anche in altre sedi. Il fascicolo del pm di Milano Giovanni Polizzi e dell’aggiunto Maurizio Romanelli al momento è a carico di ignoti e ipotizza una presunta appropriazione indebita: al momento non risultano indagati.

Nel dettaglio, lo scorso settembre Blue Skye aveva rinunciato al ricorso cautelare presentato al tribunale di Milano bloccare la vendita del club rossonero da Elliott a RedBird di Gerry Cardinale. Tuttavia, l’ex socio di minoranza di Elliott si aveva presentato altre azioni legali, a partire da una causa nel merito, intentata il 9 settembre scorso, con cui chiedeva “l’accertamento della invalidità della rinuncia” al pegno “esistente in favore di Project Redblack”, società veicolo costituita nel 2017 per l’operazione di investimento nel Milan e in cui entrò all’epoca Blue Skye.

Milan, tutte le tappe dello scontro tra Elliott e Blue Skye

articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2023/01/26/milan-scontro-elliott-blue-skye/

Il Nucleo speciale di polizia valutaria della Gdf sta effettuando acquisizioni nell’ambito di un’inchiesta con al centro la vendita del Milan dal fondo Elliott a RedBird di Gerry Cardinale dell’agosto scorso. L’indagine parte da un esposto dell’ex socio di minoranza nella gestione del club, la lussemburghese Blue Skye. Esposto sulla vicenda di un pegno legato al fondo Elliott già contestata anche in altre sedi.

Milan scontro Elliott Blue Skye – La causa a Milano – Lo scorso settembre, Blue Skye – guidata da Gianluca D’Avanzo (ex membro del CdA del Milan) e Salvatore Cerchione – e la sua controllante Luxembourg Investment Company avevano presentato al Tribunale civile di Milano un ricorso d’urgenza per bloccare la vendita del club rossonero, ma poi avevano rinunciato all’istanza cautelare – con condanna al pagamento di 20mila euro di spese legali – prendendo atto che la compravendita era stata già perfezionata a fine agosto.

Nel ricorso le società lussemburghesi lamentavano, tra le altre cose, di non aver mai «potuto ottenere alcuna informazione su questa vendita, alla quale erano direttamente interessate» e parlavano di un’operazione “opaca”. Ed era stato spiegato dai legali che restava pendente un procedimento, avviato sempre da Blue Skye contro Elliott, su un capitolo della vicenda, in particolare quello del pegno.

Blue Skye aveva spiegato, infatti, che pendeva davanti al Tribunale milanese una causa nel merito, intentata il 9 settembre, con cui si chiedeva «l’accertamento della invalidità della rinuncia» al pegno «esistente in favore di Project Redblack», società veicolo costituita nel 2017 per l’operazione di investimento nel Milan e in cui entrò all’epoca Blue Skye. In Lussemburgo, intanto, era stato aperto un altro procedimento sulla richiesta, sempre di Blue Skye, di annullare l’accordo che aveva portato alla vendita del Milan. E una causa era stata intentata pure a New York, con al centro documentazione richiesta da Blue Skye a Elliott.

Milan scontro Elliott Blue Skye – Il contenzioso in Lussemburgo – Era stata proprio la cessione del Milan a RedBird a fare scattare la rivendicazione da parte di Blue Skye Financial Partners, società che fa capo a Salvatore Cerchione e Gianluca D’Avanzo e che deteneva il 4,27% di Project Redblack, la società che prima della cessione del Milan al fondo di Gerry Cardinale controllava il 100% di Rossoneri Sport Investment Sarl e che a sua volta controllava il 99,93% del club rossonero.

Blue Skye, attraverso le parole di Salvatore Cerchione, aveva fatto sapere al Financial Times di non essere soddisfatta dell’operazione per la cessione della maggioranza e di essere pronta ad andare in tribunale qualora non avesse ricevuto più del 4,27% ad essa spettante. Un concetto che aveva ribadito anche a Calcio e Finanza, con quest’ultimo che aveva lamentato la poca trasparenza nei confronti di soci e consiglio a proposito dell’affare con RedBird.

Milan scontro Elliott Blue Skye – Per il fondo tentativi «frivoli e vessatori» – I tentativi della società di bloccare la vendita non hanno tuttavia mai preoccupato il fondo Elliott, che sulla vicenda si era così espresso: «Dopo l’annuncio della vendita di AC Milan a RedBird, Blue Skye ha avviato una serie di contenziosi frivoli e vessatori in Lussemburgo e ora a New York, che Elliott e il co-investitore Arena Investors considerano nient’altro che un tentativo di estrarre un valore a cui Blue Skye non ha diritto».

BlueSkye all’epoca non possedeva «altro che una piccola partecipazione indiretta in AC Milan, la cui stragrande maggioranza è costituita da capitale controllato e versato da Arena Investors, che a sua volta condanna fermamente e pubblicamente le azioni di Blue Skye», recitava la nota dell’epoca.

«L’operazione con RedBird rispetta pienamente tale interesse, tutte le necessarie approvazioni societarie sono state ottenute in ogni fase della transazione e Blue Skye riceverà tutte le somme a cui ha diritto. Elliott e Arena Investors difenderanno ovviamente con vigore ogni loro interesse contro le azioni frivole e vessatorie di Blue Skye, e si aspettano pienamente di avere la meglio», concludeva il comunicato.

In un’intervista rilasciata a Calcio e FinanzaDan Zwirn, co-fondatore di Arena Investors nel 2015 e attuale CEO della società, aveva così commentato i contenziosi aperti da Blue Skye: «Salvatore e Gianluca (Cerchione e D’Avanzo, ndr) erano originariamente analisti junior (uno era un VP e uno era un Associate) che ho assunto rispettivamente da Morgan Stanley e BC Partners, circa 20 anni fa per la mia precedente società, D.B. Zwirn & Co. La loro società, Blue Skye, è una delle oltre 40 joint venture che Arena Investors ha in tutto il mondo, dove vanta investimenti privati ​​in oltre 20 Paesi. Non è esclusiva in nessuna delle due direzioni. Vista la lunga relazione, siamo ovviamente profondamente delusi dalla situazione attuale (luglio 2022, ndr)».

«Sfortunatamente, non comprendiamo le ragioni di questa azione poiché Elliott non ha fatto altro che aggiungere valore al club e hanno sempre operato in maniera trasparente e professionale», aveva aggiunto Zwirn a proposito dell’operazione che aveva portato alla cessione del club rossonero.

Microsoft, servizi ripristinati: «Effetto domino dopo blocco cloud Azure»


Migliaia di segnalazioni in tutto il mondo per disservizi sulle app di Office 365

articolo: https://www.ilsole24ore.com/art/microsoft-impossibile-accedere-outlook-e-teams-AE6rf9ZC

Microsoft ha comunicato di aver ripristinato tutti i suoi servizi dopo un’interruzione durata circa quattro ore che ha interessato la sua piattaforma di cloud Azure e a cascata servizi come Teams e Outlook utilizzati da milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto dopo la pandemia e lo smart working. Microsoft Teams è utilizzato da oltre 280 milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto da aziende e scuole, dove viene usato per call e riunioni.

La pagina di status di Azure mostra che l’interruzione ha interessato Stati Uniti, Europa, Asia Pacifico, Medio Oriente e Africa. Migliaia di utenti in tutto il mondo avevano segnalato l’impossibilità di accedere ai servizi Microsoft, in particolare quelli di Office 365 (tra cui, appunto Teams e Outlook) ma anche Xbox Live. Downdetector, che tiene traccia dei siti web, denuncia diverse segnalazioni di disservizio in tutto il mondo.

Sciopero benzinai, revocato il secondo giorno: dalle 19 torna il self service, domani servizio regolare


articolo di Claudia Voltattorni: https://www.corriere.it/economia/lavoro/23_gennaio_25/sciopero-benzinai-revocato-secondo-giorno-19-riaprono-self-service-domani-servizio-regolare-217e165a-9cc8-11ed-98d0-d76eb160bd17.shtml

Sciopero revocatoDalle 19 di oggi riaprono tutti i benzinai, inclusi i self service. Fegica e Figisc Confcommercio, le sigle sindacali finora contrarie a dimezzare di 24 ore la protesta, alla fine hanno aderito alla revoca del secondo giorno di sciopero annunciata martedì dalla Faib Confesercenti.

La scelta dopo l’ennesimo incontro al ministero delle Imprese (ex Mise) con i tecnici del dicastero che hanno ribadito quanto proposto martedì dallo stesso ministro Adolfo Urso (riduzione delle sanzioni e dilazione dei tempi di comunicazione al ministero dei prezzi dei carburanti). Un incontro senza novità, ma che ha portato le due sigle a decidere che «insistere nel proseguire nell’azione di sciopero, non ha più alcuna ragione di essere. È ai cittadini — scrivono Fegica e Figisc in una nota — che i benzinai si rivolgono revocando il secondo giorno di sciopero già proclamato, eliminando ogni possibile ulteriore disagio». Urso sottolinea quindi che «la revoca indica che è stato apprezzato l’impegno del governo a migliorare il testo».

Dunque dalle 19 di oggi (mercoledì) su strade e autostrade torneranno operativi tutti i benzinai, inclusi i self service. continua a leggere

Microsoft, problemi di accesso a Outlook e Teams


Migliaia di segnalazioni in tutto il mondo per disservizi sulle app di Office 365

articolo:https://www.ilsole24ore.com/art/microsoft-impossibile-accedere-outlook-e-teams-AE6rf9ZC

Migliaia di utenti in tutto il mondo hanno segnalato l’impossibilità di accedere ai servizi Microsoft, in particolare quelli di Office 365 tra cui Teams e Outlook. Downdetector, che tiene traccia dei siti web, denuncia diverse segnalazioni di disservizio in tutto il mondo. Anche altri servizi, tra cui Teams e Xbox Live, sono stati segnalati come non funzionanti. Microsoft ha dichiarato che sta indagando sull’interruzione del servizio. Microsoft Teams è utilizzato da oltre 280 milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto da aziende e scuole, dove viene usato per call e riunioni.

Libero e Virgilio, la mail non funziona: ancora problemi dopo due giorni di disservizio


articolo di  Redazione LogIn

Il malfunzionamento sul provider Italiaonline, il Ceo Diego Rizzi: «Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto»

Oltre 48 ore di disservizi e malfunzionamenti. La mail di Libero e quella di Virgilio non sono ancora state ripristinate. Diversi utenti non riescono a inviare o ricevere mail dalla notte di lunedì 23 gennaio. I problemi sono continuati per tutto il 24 gennaio e non sembrano essere stati risolti nemmeno nella mattinata del 25 gennaio. Il terzo giorno di down. Lo si nota dai grafici di DownDetector, il sito che raccoglie le segnalazioni degli utenti, che vedete qui sotto.

Tra Libero e Virgilio, sono registrati oltre nove milioni di account mail. Ancora ignota la causa del problema, e soprattutto come risolverla. Le aziende hanno inviato via posta elettronica  un comunicato ai propri utenti, che visti i malfunzionamenti e dunque la probabile impossibilità di ricezione è stato anche inserito come banner in apertura dei siti ufficiali. «Le nostre parole vanno in primis agli utenti della Libero Mail e della Virgilio Mail, che hanno aperto con noi le loro caselle di posta elettronica: siamo consapevoli del disagio procurato e del disservizio», si legge. Il disservizio riguarda il provider Italiaonline. E il Ceo dell’azienda, Diego Rizzi, scrive: «Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto e che non è dipeso da sistemi sviluppati da Italiaonline. Possiamo rassicurare, come già scritto sui nostri portali e touchpoint digitali, che i nostri utenti sono stati in questa situazione di emergenza, e continueranno ad essere sempre, la nostra priorità». Poi la rassicurazione: non si tratta di «attacchi cyber esterni».

Il comunicato ricorda poi i 25 anni di «servizio fedele agli italiani», in cui «non è mai successo di restare offline per così tanto tempo». Infine le scuse: «Prevediamo di poter avere maggiori informazioni nelle prossime ore. In ogni caso terremo aggiornati i nostri utenti, come fatto finora, attraverso i canali di Italiaonline».

Italiaonline è una società italiana nata nel 2013 e ad oggi controllata al 100 per cento da Libero Acquisition. Si occupa di marketing e comunicazione digitale e ha l’obiettivo di aiutare le piccole imprese italiane nel processo di digitalizzazione. Oltre ai servizi di posta elettronica di Libero e Virgilio, Italiaonline integra anche i servizi di Pagine Gialle, diversi siti di comunicazione dedicati e circa 50 agenzie di comunicazione.

Posta di Libero non funziona, mail fuori servizio. L’azienda: «Al lavoro per risolvere». Ecco quando riparte


articolo di Redazione Web: Posta di Libero non funziona, mail fuori servizio. L’azienda: «Al lavoro per risolvere». Ecco quando riparte (msn.com)

La posta di Libero e Virgilio inaccessibili da ore. Le prime segnalazioni sono arrivate il 22 in serata ma i disagi sono andati avanti fino a oggi: tutti gli utenti che hanno un account email sui due provider non riescono ad accedere alla posta. «Il servizio è temporaneamente non disponibile. Stiamo lavorando per ripristinarlo nel più breve tempo possibile», si leggeva nelle prime ore di problemi sia sulla home page di Libero Mail che in quella di Virgilio.

Esclusi attacchi hacker – Sono milioni gli utenti colpiti dai disservizi. L’azienda, che pare sia vicina alla risoluzione del problema, ha escluso inizialmente attacchi hacker: «Si tratta di un problema di natura tecnico esclusivamente interno, il che significa che escludiamo categoricamente potenziali attacchi hacker e che i dati dei nostri utenti, che sono il bene più prezioso, non sono in pericolo».

Ora il messaggio recita così: «Ciao, come sai da alcune ore la Libero Mail/Virgilio Mail è irraggiungibile a causa di un problema tecnico. Stiamo lavorando perché nel più breve tempo possibile tutte le caselle tornino a funzionare. Escludiamo in ogni caso la perdita di dati. In 25 anni di servizio fedele agli utenti italiani, non ci è mai successo di restare off-line per così tanto tempo. Stiamo leggendo tutti i vostri messaggi, sappiamo che contate su di noi per comunicare, per questo stiamo correndo per ritornare online insieme quanto prima. Grazie per la vostra pazienza e soprattutto per la vostra fedeltà. Lo staff di Libero»

Posta di Libero non funziona, mail fuori servizio. L’azienda: «Al lavoro per risolvere». Ecco quando riparte – © Fornito da Il Messaggero

Cronaca meteo, Situazione e previsioni


Cronaca meteo. Vortice in azione sull’Italia con maltempo e neve a tratti in pianura. Situazione e previsioni

articolo di Lorenzo Badellino: https://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/cronaca-meteo–vortice-in-azione-sull-italia-con-maltempo-e-neve-a-tratti-in-pianura–situazione-e-previsioni-676766

Intorno all’Italia è ancora in azione un vortice alimentato da correnti fredde di origine artica, responsabile di maltempo invernale

AGGIORNAMENTO ORE 12,50

FORTI ROVESCI TRA EMILIA E BASSA LOMBARDIA, ANCHE NEVOSI. Mentre si sono attenuate le piogge sulla Romagna, una decisa intensificazione dei fenomeni è in atto sull’Emilia dal Bolognese verso ovest fino alla zona di parma, con rovesci anche di forte intensità e con la neve che si spinge fin verso la Pianura tra Modena e Reggio Emilia. Le forti  precipitazioni sconfinano alla Lombardia coinvolgendo Mantovano e Cremonese, a carattere piovoso.

Nella webcam Bannone (PR). – Emilia Romagna Meteo

Previsione meteo per l’Italia lunedì, 23 gennaio: Ultimo aggiornamento il 23 gennaio ore 13:00

Nord – Piogge al Nordest in estensione a Lombardia, medio-basso Piemonte e Liguria, con neve fino in pianura su Emilia e Cuneese. Temperature in calo, massime tra 3 e 8.

Centro – Schiarite sulle regioni tirreniche, ma ancora instabile al mattino su quelle adriatiche con piogge, rovesci e neve dai 100-400m. Temperature stabili, massime tra 5 e 10.

Sud – Instabile con piogge sparse su est Sardegna e Campania, in estensione a nord Calabria e Sicilia; neve dai 700m. Temperature in lieve rialzo, massime tra 7 e 12.

Tendenze settimana: Ancora molta instabilità con piogge sparse e neve fino in collina

Martedì 24: piogge sparse su basso Piemonte, adriatiche e isole, con neve dai 600-800m. Mercoledì 25: piogge su ovest Piemonte, medio-basso adriatico e al Sud, neve dai 500-800m. Giovedì 26: piogge e rovesci all’estremo Sud, migliora al Centro-Nord.

23 gennaio 2023 articolo di Redazione 3bmeteo: https://www.3bmeteo.com/previsioni_settimana

Domani, martedì 24 gennaioNord: Nubi su basso Piemonte ed Emilia con neve fino a quote basse, specie sul Cuneese, in esaurimento; la sera nuove piogge dal Triveneto. Temperature in rialzo, massime tra 5 e 10.
Centro: A tratti instabile su dorsale toscana e coste adriatiche con rovesci sparsi e neve in Appennino dai 500-700m. Schiarite su Umbria, coste toscane e Lazio. Temperature in rialzo, massime tra 8 e 13.
Sud: Instabile su Molise, alta Puglia e sulle Isole con piogge sparse, neve dai 900m. Temperature in rialzo, massime tra 8 e 13.

Dopodomani, mercoledì 25 gennaioNord: Nuvoloso su Val Padana e ovest Alpi con deboli piogge e un po’ di neve dai 500m; altrove schiarite anche ampie in avanzamento dal Triveneto verso ovest. Temperature in aumento, massime tra 8 e 11.
Centro: Addensamenti e piogge sparse sulle regioni adriatiche, più frequenti sulle coste; ampie schiarite sulle tirreniche. Temperature stabili, massime tra 7 e 12.
Sud: Instabile su Isole, Calabria, Lucania e Puglia con rovesci anche temporaleschi e neve dai 900m. Temperature in lieve calo, massime tra 7 e 12.

Fra 3 giorni, giovedì 26 gennaioNord: Nubi irregolari sulla Val Padana in estensione da Triveneto ed Emilia-Romagna al Nordovest, ma senza fenomeni. Ampie schiarite su Alpi e Liguria. Temperature in calo, massime tra 7 e 9.
Centro: Nubi sulle regioni adriatiche con qualche piovasco sulle aree costiere; schiarite sul versante tirrenico. Temperature stabili, massime tra 9 e 12.
Sud: Asciutto in Campania, altrove instabilità diffusa con rovesci anche temporaleschi; neve sui rilievi dagli 800m. Temperature stabili, massime tra 8 e 12.

Tendenza per venerdì, 27 gennaio 2023Nord:Al nord ovest: Nubi sparse con ampie schiarite. Al nord est: Nubi sparse con ampie schiarite.
CentroSul tirreno: Nubi sparse con ampie schiarite sui litorali e sulla capitale, Sereno sulle pianure toscane e sulla dorsale toscana, Nubi sparse con ampie schiarite sulla dorsale laziale. Sull’adriatico: Coperto con pioggia moderata sui litorali, Coperto con pioggia debole sulle subappenniniche, Nuvoloso con locali aperture sulla dorsale e sul Gran Sasso.
SudSul tirreno: Nubi sparse con ampie schiarite sui litorali e sulle subappenniniche, Nubi sparse con ampie schiarite sulle pianure, Coperto con neve debole o moderata sulla dorsale campana, Nuvoloso con locali aperture sulla dorsale calabra. Sull’adriatico: Nubi sparse con ampie schiarite sul litorale adriatico, Nubi sparse con ampie schiarite sul litorale ionico, Nuvoloso con locali aperture altrove. Sulle isole maggiori: Coperto con pioggia debole sulla zona etnea, Nubi sparse con ampie schiarite altrove.

Tendenza per sabato, 28 gennaio 2023Nord:Al nord ovest: Sereno. 

Al nord est: Nubi sparse con ampie schiarite sulla laguna veneta e sulle pianure venete, Nubi sparse con ampie schiarite in Romagna, Sereno sulle pianure emiliane e sulle Dolomiti.

Centro Sul tirreno: Sereno sui litorali e sulla capitale, Nubi sparse con ampie schiarite altrove. Sull’adriatico: Coperto con pioggia debole sui litorali, Nubi sparse con ampie schiarite sulle subappenniniche, Nuvoloso con locali aperture sulla dorsale, Coperto con neve debole o moderata sul Gran Sasso.

Sud Sul tirreno: Nubi sparse con ampie schiarite sui litorali, Sereno sulle pianure e sulle subappenniniche, Nubi sparse con ampie schiarite sulla dorsale campana, Coperto con pioggia debole sulla dorsale calabra. Sull’adriatico: Coperto con pioggia debole sul litorale adriatico, Sereno sul litorale ionico, Coperto con neve debole o moderata sulle Murge, Nuvoloso con locali aperture sulla dorsale molisana, Nubi sparse con ampie schiarite sulla dorsale lucana. Sulle isole maggiori: Nubi sparse con ampie schiarite sul cagliaritano e sulla Costa Smeralda, Sereno su interne sarde, Coperto con pioggia debole altrove.

Tendenza per domenica, 29 gennaio 2023Nord:Al nord ovest: Sereno in riviera ligure e sulle Alpi occidentali, Nubi sparse con ampie schiarite sulle pianure lombardo piemontesi, Nuvoloso con locali aperture sulle Alpi centrali. 

Al nord est: Sereno sulle pianure emiliane, Nuvoloso con locali aperture sulle Dolomiti, Nubi sparse con ampie schiarite altrove.
CentroSul tirreno: Nubi sparse con ampie schiarite sulla capitale e sulla dorsale laziale, Sereno altrove. 

Sull’adriatico: Sereno sul Gran Sasso, Nubi sparse con ampie schiarite altrove.
SudSul tirreno: Nubi sparse con ampie schiarite sui litorali, Nubi sparse con ampie schiarite sulle pianure e sulla dorsale calabra, Nuvoloso con locali aperture sulle subappenniniche e sulla dorsale campana. Sull’adriatico: Coperto con pioggia moderata sul litorale adriatico, Nubi sparse con ampie schiarite sul litorale ionico, Coperto con neve debole o moderata sulle Murge e sulla dorsale lucana, Nuvoloso con locali aperture sulla dorsale molisana. 

Sulle isole maggiori: Coperto con pioggia moderata sul palermitano, Nuvoloso con locali aperture su interne sarde, Nubi sparse con ampie schiarite su interne siciliane, Coperto con neve debole o moderata sulla zona etnea, Nubi sparse con ampie schiarite altrove.