Archivi categoria: Musica

Woodstock, 1969-2019:


Woodstock, 1969-2019: i 50 anni dell’evento-simbolo del rock raccontati da chi lo inventò, Michael Lang

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/08/13/news/woodstock_1969-2019_l_evento_simbolo_della_storia_del_rock_compie_50_anni-233476950/

“Il pubblico è stato la vera star”: con questa frase, l’allora ventiquattrenne imprenditore alle prese con l’organizzazione di una delle tappe fondanti della storia della musica, racconta in un volume fotografico la ‘tre giorni di pace e musica’. Che fu molto di più delle star sul palco, da Ravi Shankar a Joan Baez, da Jimi Hendrix a Santana, fino a Janis Joplin, Sly & the Family Stone e Grateful Dead: “Woodstock non doveva riguardare una band in particolare. L’importante era stare tutti insieme” continua a leggere

Santana – Soul Sacrifice 1969 “Woodstock” Live Video HQ

Janis Joplin – Woodstock 1969 – Best Live Performance

Addio Johnny Clegg, icona anti-apartheid


Risultati immagini per Johnny Clegg

Johnny Clegg (Rochdale, 7 giugno 1953 – Johannesburg, 16 Luglio 2019) è stato un musicista, ballerino e antropologo sudafricano, soprannominato lo Zulu bianco. Ha suonato con i gruppi Juluka e Savuka, mischiando lo stile zulu con il pop inglese. In tal modo ha dato un contributo importante alla musica popolare del Sudafrica.

Amato da Mandela, morto a 66 anni per un cancro al pancreas

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/07/16/addio-johnny-clegg-icona-anti-apartheid_1df218ab-fc8b-45f3-b9c3-c176739cfba8.html

(ANSA) – Roma, 16 luglio 2019 – Addio a Johnny Clegg. Il musicista, antropologo e ballerino sudafricano è morto a 66 anni, dopo una battaglia contro il cancro al pancreas. Il suo manager, Roddy Quin – riferisce l’Associated Press – ha annunciato che Clegg si è spento serenamente nella sua casa di Johannesburg.
Soprannominato ‘lo Zulu bianco’, Clegg ha raggiunto il successo internazionale schierandosi con i diritti dei neri e contro le barriere razziali imposte dall’apartheid, mescolando influenze zulu con lo stile del pop britannico. Uno dei suoi brani più noti è Asimbonanga, “non l’abbiamo mai visto” in lingua zulu: un riferimento al fatto che in Sudafrica il regime dell’apartheid vietava la pubblicazione della prigionia di Nelson Mandela. Nel 2008 aveva partecipato a Londra al grande concerto per i 90 anni del leader sudafricano.
“La parte più dura del mio viaggio – aveva dichiarato Clegg a dicembre al canale news sudafricano eNCA – sarà nei prossimi due anni”.

Johnny Clegg And Savuka – Scatterlings Of Africa (1987)

Johnny Clegg (With Nelson Mandela) – Asimbonanga – 1999 Fran

Johnny Clegg & Savuka – Live In Paris

Stevie Wonder, stop ai concerti: trapianto di rene a settembre


Immagine correlata

Stevie Wonder, nome d’arte di Stevland Hardaway Morris, nato con il nome di Stevland Hardaway Judkins (Saginaw, 13 maggio 1950), è un cantautore,  polistrumentista, compositore e produttore discografico statunitense.

articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/19_luglio_07/stevie-wonder-stop-concerti-trapianto-rene-settembre-2cd4434a-a081-11e9-b20c-12356eab285e.shtml

Stevie Wonder ha sorpreso i suoi fan durante il suo live londinese annunciando che per un po’ di tempo non farà concerti dal vivo per poter ricevere un trapianto di rene in settembre. La leggenda della musica, 69 anni, ha fatto l’annuncio dopo aver eseguito «Superstition» alla fine di un impeccabile concerto del British Summer Time nel vasto Hyde Park di Londra. Ha spiegato di aver annunciato l’intervento per mettere a tacere i rumors e ha rassicurato i fan: «tutto andrà bene», ha detto.

«Farò ancora tre concerti e poi una paura — ha spiegato il cantante —. Dovrò subire un intervento chirurgico. Mi verrà trapiantato un rene alla fine del prossimo mese di settembre». Wonder ha fatto sapere di aver trovato un donatore e di essere un buone condizioni di salute, annuncio su cui è scattato il lungo applauso di una folla adorante di decine e decine di migliaia di persone che si estendeva dal palco a perdita d’occhio. continua a leggere

Stevie Wonder LIVE 2018

Stevie Wonder live at Musikladen, 1974

È morto Joao Gilberto, uno dei padri della bossa nova


Immagine correlata

João Gilberto nome d’arte di João Gilberto Prado Pereira de Oliveira (Juazeiro, 10 giugno 1931 – Rio de Janeiro, 6 luglio 2019) è stato un  chitarrista e   cantante brasiliano creatore, con Antônio Carlos Jobim, Vinícius de Moraes e Carlos Lyra, della bossa nova.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/07/06/news/morto_joao_gilberto_padre_della_bossa_nova_brasile-230583082/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

La musica brasiliana e mondiale perde un genio. A 88 anni è morto João Gilberto, uno dei padri della bossa nova. Il grande musicista è morto nella sua casa di Rio de Janeiro. Lo ha annunciato il figlio Marcelo Gilberto con un post su Facebook. continua a leggere

Marcelo Gilberto

My father has passed. His fight was noble, he tried to maintain dignity in light of losing his sovereignty. I thank my family (my side of the family) for being there for him, and Gustavo for being a true friend to us, and caring for him as one of us. Lastly, I’d like to thank Maria do ceu for being by his side until the end. She was his true friend, and companion.ù

Traduzione: Mio padre è passato. La sua lotta era nobile, cercava di mantenere la dignità alla luce della perdita della sua sovranità. Ringrazio la mia famiglia (il mio lato della famiglia) per essere lì per lui, e Gustavo per essere un vero amico per noi e prendersi cura di lui come uno di noi. Infine, vorrei ringraziare Maria do ceu per essere al suo fianco fino alla fine. Era la sua vera amica e compagna.

 

Desafinado by Joao Gilberto

Steven Adler, ex batterista Guns N’ Roses, si è pugnalato, non sarebbe grave


Risultati immagini per Steven Adler

Steven Adler, nato Michael Coletti, conosciuto anche come Steven “Pop-corn” Adler (Cleveland, 22 gennaio 1965), è un batterista statunitense.

Fu il primo vero batterista dei Guns N’ Roses a sostituzione del primissimo batterista Rob Gardner. Egli fu chiamato dal suo amico d’infanzia Slash, e suonò nell’EP Live ?!*@ Like a Suicide (1986) e negli album Appetite for Destruction (1987) e G N’ R Lies (1988).

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/06/28/adler-ex-guns-n-roses-si-e-pugnalato_f18ed802-e406-45e2-a264-930c17ed912e.html

Paura per Steven Adlerex batterista dei Guns N’ Roses, finito in ospedale per una pugnalata allo stomaco che si sarebbe autoinflitta: il musicista, comunque, non sarebbe in pericolo di vita. La notizia è stata lanciata dal sito statunitense Tmz, secondo cui nel tardo pomeriggio di ieri i paramedici sono intervenuti a casa di Adler a Los Angeles.

Il musicista è stato subito trasportato in ospedale per una ferita allo stomaco, un taglio. Si parla al momento di una coltellata. Non è chiaro comunque cosa sia successo, ma secondo le fonti di Tmz la ferita sarebbe stata autoinflitta.

Steven Adler è stato tra i componenti della formazione originale dei Guns N’ Roses con Axl Rose, Slash e Izzy Stradlin. Ha fatto parte della band californiana fino al 1990, quando venne licenziato dal gruppo a causa dei suoi problemi con alcol e droghe. Le forze dell’ordine hanno spiegato a Tmz che qualcuno era presente nella casa di Adler e ha chiamato il 911 alle 6.30 spiegando che c’era un uomo che si era accoltellato.

Steven Adler – Rocket Queen – Guns N’ Roses

Steven Adler @ NAMM 2010 Guns N Roses

Perigeo, di nuovo insieme:


Perigeo, di nuovo insieme: “Esageriamo, un’emozione così è rara. Ci sono di mezzo i sentimenti”

Risultati immagini per perigeo

Perigeo sono stati un gruppo musicale italiano di stile fusion e progressive anni settanta, guidato da Giovanni Tommaso.

Discografia: https://it.wikipedia.org/wiki/Perigeo_(gruppo_musicale)#Discografia

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/06/25/news/perigeo-229544387/?ref=RHPF-VZ-I187397577-C6-P4-S1.6-T1

Lo storico gruppo prog fusion italiano si riforma per una sola data: una ‘One shot reunion’, il 23 luglio, a Firenze. Giovanni Tommaso ha rimesso insieme i compagni Bruno Biriaco, Claudio Fasoli, Tony Sidney: “Cercheremo di evitare l’effetto nostalgia”

La data è una di quelle che va segnata in rosso sul calendario dei concerti estivi: il 23 luglio, a Firenze, nell’ambito del Musart Festival, c’è uno degli eventi più attesi dell’estate, la storica reunion del Perigeo, leggendaria formazione del jazz rock italiano degli anni Settanta. One shot reunion l’ha voluta chiamare Giovanni Tommaso, bassista, compositore, musicista centrale nella storia del jazz italiano e anima del Perigeo, che ha riunito i componenti storici della band, Bruno Biriaco, Claudio Fasoli, Tony Sidney e un unico ‘ospite’, Claudio Filippini, per ridare vita in un’unica straordinaria occasione una delle band che ha segnato l’evoluzione del jazz elettrico europeo e che ancora oggi è molto amata dal pubblico. continua a leggere

Perigeo – Abbiamo Tutti un Blues da Piangere (1973)

 

Cristiano De André e Pfm insieme per Faber


4215544_2213_de_andre_pfm_foto_di_guido_harari_bassa.jpgConcerto evento all’Arena di Verona il 29 luglio

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/06/18/cristiano-de-andre-pfm-insieme-per-faber_d9b0fdaf-963e-4ae2-a25d-1c8555ab4e7e.html

deandreharari112_360.medium.jpg

MILANO – Cristiano De André e la Premiata Forneria Marconi per la prima volta insieme sul palcoscenico dell’Arena di Verona, il 29 luglio. Un concerto evento e omaggio a Faber che per Cristiano “è un sogno che si avvera: 40 anni fa avrei voluto essere al posto di mio padre e suonare con una grande band come loro”, ha detto durante la presentazione dell’evento a Milano. Proprio 40 anni fa, infatti, la PFM salì sul palco insieme a Fabrizio de André per un tour che “cambiò la storia e che è stato rivoluzionario”, ha detto il batterista Franz Di Cioccio, che ancora ricorda il Cristiano bambino che “veniva a toccare tutti gli aggeggi della mia batteria” e a cui bonariamente diceva di non rompere le scatole. “Ora è cresciuto, è un artista indipendente. Noi siamo i suoi zii e all’Arena ci sarà anche suo padre. Fabrizio sarà su quel palco con la sua band e suo figlio”, ha aggiunto. continua a leggere