Barzago, incendio in un deposito di vernici: rischio nube tossica


articolo: Barzago, incendio in un deposito di vernici: rischio nube tossica – Cronaca – ilgiorno.it

I vigili del fuoco stanno spegnendo il fuoco con schiuma estinguente al posto dell’acqua per evitare contaminazioni ambientali e delle falde idriche

Barzago (Lecco), 4 febbraio 20023  

Deposito di vernici in fiamme a Barzago. Il rogo è divampato nel magazzino di un’autofficina, dove vengono stoccate vernici e solventi. Per scongiurare il rischio che l’incendio si propagasse ulteriormente, ma anche per raffreddare i contenitori delle sostanze altamente infiammabili e potenzialmente esplosivi, sono intervenuti in forze i vigili del fuoco a bordo di cinque mezzi di soccorso.

L’intervento è ancora in corso. Stanno utilizzando una schiuma estinguente per soffocare le fiamme al posto dell’acqua in modo da evitare possibili contaminazioni ambientali e delle falde idriche. Sono obbligati inoltre ad indossare respiratori artificiali per non respirare le esalazioni delle vernici che bruciano. L’intera zona è stata cinturata e delimitataDal luogo dell’incendio si sta alzando una colonna di fumo nero.

Nonostante i comprensibili timori per quanti in zona abitano e lavorano, al momento non sussisterebbero rischi per i cittadini. Per precauzione sono stati comunque mobilitati i sanitari di Areu con i volontari della Croce rossa.

Fiamme in un treno Italo in Stazione Centrale


articolo: Incendio a treno Italo 31 gennaio 2023 evacuato (milanotoday.it)

Attimi di paura, il convoglio è stato evacuato

Paura a Milano nel pomeriggio di martedì 31 gennaio per un principio d’incendio a un treno dell’alta velocità

E’ successo verso le sei di pomeriggio in Stazione Centrale, presso il binario 9. Il treno è stato evacuato immediatamente. Nessuno è rimasto ferito, secondo quanto riferisce Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza). Sul posto le ambulanze del 118 e i vigili del fuoco, oltre al personale della polizia ferroviaria.

Tir carico di farina prende fuoco sull’autostrada A8


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2023/01/20/tir-carico-di-farina-prende-fuoco-sullautostrada-a8_a198e12c-b8c8-4c7e-88b5-e7b0fcdbebac.html

Camionista ha accostato e sganciato il rimorchio dalla motrice

(ANSA) – Varese, 20 gennaio 2023

Un mezzo pesante che trasportava farine ha preso fuoco stamani lungo l’Autostrada A8 a Origgio (Varese).

Il conducente – riferiscono i vigili del fuoco – è riuscito ad accostare in una piazzola dell’autostrada e sganciare il rimorchio dalla motrice.

Sul posto sono intervenuti i vigili della sede di Saronno con un’autopompa e un fuoristrada, in supporto dal comando di Milano due autobotti che hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l’area. (ANSA).

Milano, rogo in via Cavezzali: un uomo si butta dal terzo piano per sfuggire alle fiamme


articolo di Nicola Palma: Milano, rogo in via Cavezzali: un uomo si butta dal terzo piano per sfuggire alle fiamme – Cronaca (ilgiorno.it)

Incendio in via Cavezzali

Incendio nella notte nell’ex residence Jolly, da anni rifugio di disperati e criminali: un inquilino salta dalla finestra per salvarsi 

Milano, 18 gennaio 2023

Ancora un incendio nel palazzo di via Cavezzali 11, da anni consegnato a degrado e illegalità. I vigili del fuoco sono intervenuti alle 22 di martedì con sei mezzi, ma al loro arrivo alcuni residenti avevano già domato le fiamme con le manichette antincendio.

Inquilino si lancia dal terzo piano – L’inquilino dell’appartamento in cui si è innescato il piccolo rogo, probabilmente preso dal panico, si è lanciato dalla finestra, precipitando in cortile: le sue condizioni non sono ritenute gravi, è stato trasportato in codice giallo in ospedale. Il ferito, che non è stato ancora identificato, ha riportato varie fratture, ma è fuori pericolo: i medici gli hanno dato una prognosi di 40 giorni. L’uomo è atterrato su una tettoia di metallo, che ha attutito il colpo e ha evitato che la caduta dal terzo piano fosse ancor più dolorosa.

Il precedenteUna decina di giorni fa, un altro incendio si era sviluppato al quarto e all’ottavo piano dell’ex residence Jolly, all’incrocio con via Padova: in quel caso erano andati a fuoco cumuli di rifiuti in due punti diversi dello stabile, tanto che era stato necessario evacuare una cinquantina di persone; la dinamica aveva fatto subito pensare a un evento doloso.

La svolta – Qualche giorno dopo, è cambiato l’amministratore del palazzo di otto piani: il nuovo responsabile ha promesso la svolta sul fronte della legalità e del contrasto al degrado, dando una speranza sia agli inquilini regolari di via Cavezzali 11 sia ai residenti della zona. Evidentemente però, e l’episodio dell’altra sera ne è l’ultima testimonianza, la strada si preannuncia lunga e in salita.

Palazzo del centro di Milano evacuato per un incendio


articolo: Incendio in un palazzo del centro di Milano: evacuata famiglia (milanotoday.it)

Per fortuna nessuno è rimasto ustionato o intossicato

Milano 17 gennaio 2023

Paura all’alba di martedì mattina per una famiglia con una bambina di quattro anni, che era tra le circa 20 persone che sono state fatte evacuare dai vigili del fuoco dopo che sul tetto del palazzo storico di via Manzoni 45 è scoppiato un incendio.

Sul posto, intorno alle 5.20, sono accorsi cinque mezzi dei vigili del fuoco e il 118. Una donna di 30 anni, un uomo di 61, un’altra signora di 57 e la bimba sono stati soccorsi, ma non c’è stato bisogno di trasferire nessuno di loro all’ospedale. 

A circa due ore dallo scoppio del rogo, che è stato domato, i vigili del fuoco stanno ancora effettuando le ultime operazioni per la messa in sicurezza del palazzo. Le fiamme, scoppiate per motivi ancora da accertare, hanno coinvolto il tetto dell’edificio di cinque piani e si sono estese anche al civico 43, causando ingenti danni.

Milano, incendio in un palazzo storico: bruciato il tetto, danni ingenti – Local Team

Incendio a Settimo Milanese, brucia capannone: scatta la maxi emergenza a Seguro


articolo: Incendio a Settimo Milanese, brucia capannone: scatta la maxi emergenza a Seguro – Cronaca (ilgiorno.it)

Paura stamattina nella frazione: a fuoco sotterraneo di un’azienda di via Ampere. Vigili del fuoco in massima allerta, ma il rogo è stato domato senza gravi conseguenze

Settimo Milanese (Milano), 15 gennaio 2023

Momenti di tensione, nella mattinata di oggi domenica 15 gennaio, nell’hinterland di Milano, per un incendio che sembrava avere proporzioni importanti all’interno di un capannone industriale, a Seguro, una frazione di Settimo Milanese.

Alla fine il 118 non è dovuto intervenire per feriti o intossicati e i vigili del fuoco, che avevano attivato una procedura di maxi emergenza, lo hanno circoscritto in breve tempo. Le fiamme si sono sviluppate in un sotterraneo di un’azienda in via Ampere che stocca materiale plastico di cui non si conosceva da subito la pericolosità.

Una volta sul posto invece i pompieri hanno potuto accertare che si trattava di spazzatura e materiale di risulta, che non erano presenti addetti e che le fiamme non si erano propagate. L’emergenza è completamente rientrata

Incendio sul traghetto Palermo-Napoli, corsa contro il tempo per spegnere le fiamme


articolo: Incendio sul traghetto Palermo-Napoli, corsa contro il tempo per spegnere le fiamme – Giornale di Sicilia (gds.it)

L’incendio è stato circoscritto ma, almeno fino alle 8 di questa mattina, c’erano ancora fiamme all’interno della nave Superba della compagnia Grandi navi veloci.

Il rogo è divampato intorno alle 22 di ieri, sabato 14 gennaio, nel porto di Palermo, all’interno di uno dei garage del traghetto che si apprestava a partire per Napoli. Le operazioni di spegnimento delle fiamme hanno tenuto impegnati per tutta la notte i vigili del fuoco, una corsa contro il tempo per evitare ulteriori danni all’imbarcazione. «Dopo aver confinato l’incendio all’interno del locale ed abbassato l’alta temperatura – si legge in una nota – si sta valutando la migliore strategia per accedere all’interno dei locali e spegnere l’incendio. Su posto sono presenti 10 squadre coordinate dal funzionario di servizio presente nel posto comando avanzato».

L’incendio sulla nave per Napoli – Il rogo è divampato poco prima che si levassero gli ormeggi su un autorimorchiatore parcheggiato in uno dei garage. In pochi minuti una grossa nube di fumo nero ha invaso la banchina e sul posto sono giunte subito le squadre dei vigili del fuoco che hanno iniziato le operazioni di spegnimento.

Le fiamme si sono diffuse anche su altri mezzi, anche se i danni sono da quantificare, per fortuna non si registrano feriti, se non qualche intossicato, tra le persone a bordo. Sulla nave c’erano oltre 180 passeggeri che sono stati fatti scendere, mentre al porto arrivavano diverse ambulanze.

Palermo, fiamme nel garage di un traghetto: vigili del fuoco al lavoroalanews



Grenfell Tower, l’inchiesta: a una dozzina di pompieri intervenuti è stato diagnosticato il cancro


articolo: Grenfell Tower, una dozzina di pompieri intervenuti ha il cancro (mediaset.it)

“Ci aspettiamo che vengano rivelati presto alcuni dati che rischiano di essere schockanti”, ha detto una fonte dei vigili del fuoco

Seventy-two people died after a huge fire engulfed Grenfell Tower, a west London residential tower block, in the early hours of Wednesday, 14 June 2017. (Settantadue persone sono morte dopo che un enorme incendio ha travolto la Grenfell Tower, un grattacielo residenziale a ovest di Londra, nelle prime ore di mercoledì 14 giugno 2017).

A una dozzina di vigili del fuoco intervenuti alla Grenfell Tower il 14 giugno del 2017 per spegnere l’incendio che causò la morte di 72 persone è stato diagnosticato il cancro. Lo riporta il Mirror. In particolare, secondo un’inchiesta condotta dal tabloid inglese, si tratta di forme di tumore legate agli alti livelli di esposizione ad agenti contaminanti durante gli interventi.

Una tragedia dietro la tragedia, che coinvolge diversi uomini, alcuni anche al di sotto dei 40 anni, e che potrebbe rappresentare solo la punta dell’iceberg. Ora, infatti, i vigili del fuoco e i sopravvissuti sono preoccupati per le conseguenze di salute che potrebbero avere, tanto che molti di loro hanno richiesto uno screening sanitario. “Ci aspettiamo che vengano rivelati presto alcuni dati che rischiano di essere schockanti“, ha detto una fonte dei vigili del fuoco al Mirror, secondo il quale potrebbero essere almeno 20 i casi di cancro terminale tra i pompieri.

Nell’incendio del giugno 2017, i vigili del fuoco sono rimasti nella torre senza aria e, inoltre, molti di loro hanno tenuto le tute contaminate per più di 10 ore. Altri sono rimasti nel seminterrato dell’edificio pieno di fumo per sei ore. Uno studio del 2019 dell’Università del Central Lancashire ha rilevato che la contaminazione del suolo a causa del disastro causato dall’incendio potrebbe portare a un aumento del rischio di cancro e problemi respiratori per coloro che vivono nell’area.

Ora sappiamo che i vigili del fuoco sono esposti a contaminanti pericolosi per la salute e la vita a causa della loro occupazione. Nel Regno Unito manca una regolare sorveglianza sanitaria e un adeguato monitoraggio delle esposizioni“, ha detto Riccardo la Torre, funzionario nazionale del sindacato dei vigili del fuoco.

Oltre ai tumori, si ritiene che, dopo il disastro, tra i vigili del fuoco siano state registrate altre malattie, come insufficienza renale, patologie cardiache e ictus, che si ipotizza siano il risultato dell’estremo sforzo fisico durante la tragedia. “Grenfell è stato il nostro 11 settembre“, ha detto uno dei pompieri a cui è stato diagnosticato il cancro.

Il rogo della Grenfell Tower La Grenfell Tower si trovava a Londra nel quartiere di North Kensington: un palazzone di 24 piani alto più di 67 metri, conteneva 120 appartamenti. È stato distrutto da un incendio divampato all’una di notte. Più di 250 vigili del fuoco hanno lavorato due giorni per spegnere le fiamme. Tra le vittime del rogo anche i giovani architetti veneti Gloria Trevisan e Marco Gottardi

Lissone, incendio in un’azienda di mobili: colonna di fumo visibile a molti chilometri


Maxi-incendio in Brianza, fiamme alte e densa coltre fumo nero da officina meccanica di LissoneLocal Team

articolo: https://www.ilgiorno.it/monza-brianza/cronaca/lissone-incendio-1.8445861

Il rogo si è sviluppato in via Canova: sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco

Lissone (Monza), 10 gennaio 2023

Una densa colonna di fumo visibile in buona parte della Brianza ha creato allarme tra i cittadini. Arriva da un maxi incendio che si è sviluppato nel primo pomeriggio in un’azienda di mobili a Lissone, in via Canova. 

Il rogo ha investito tutta la struttura della ditta, divampando in maniera molto violenta. Sul posto sono intervenute immediatamente diverse squadre dei vigili del fuoco per domare le fiamme e mettere in sicurezza la zona. La grande nube di fumo che si alza dalla struttura è visibile a parecchi chilometri di distanza.

Maxi-incendio in Brianza, alta colonna di fumo nero si alza da un’azienda di Lissone Local Team

Incendio a Milano in via Ripamonti: a fuoco il tetto di un palazzo


articolo di  Pierpaolo Lio: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_dicembre_23/incendio-a-milano-in-via-ripamonti-a-fuoco-il-tetto-di-un-palazzo-64ecee2f-8ab1-41eb-a689-1d879af1cxlk.shtml

Il palazzo in via Ripamonti il cui tetto è andato a fuoco

L’allarme è scattato attorno alle 16.20. Il rogo in una palazzina di tre piani. Evacuati i residenti

Un incendio è scoppiato in via Ripamonti 186 a Milano. Sono andati in fiamme circa 80 metri quadrati del tetto di un edificio di tre piani. La chiamata ai vigili del fuoco è scattata attorno alle 16.20: sono subito intervenuti insieme alla polizia di Stato e gli operatori sanitari del 118. Sul posto si contano 11 mezzi.

L’intero condominio è stato evacuato. Le operazioni di spegnimento sono durate alcune ore. Non risultano feriti.

Francia, incendio in un edificio di 6 piani vicino a Lione: 10 morti, 5 bambini


articolo redazione Esteri: https://www.repubblica.it/esteri/2022/12/16/news/francia_lione_incendio_morti_bambini-379282796/

Sul luogo della tragedia sono intervenuti circa 170 vigili del fuoco e 65 autopompe

Dieci persone sono morte, tra cui cinque bambini, in un grande incendio scoppiato in un edificio di sette piani a Vaulx-en-Velin, vicino a Lione in Francia. Lo riporta l’emittente Bfmtv spiegando che altre quattro persone versano in gravissime condizioni e dieci sono ferite in modo lieve. Sul luogo della tragedia sono intervenuti circa 170 vigili del fuoco e 65 autopompe erano sul posto.

A fuoco la zona industriale di Villastellone


articolo: https://www.ansa.it/piemonte/notizie/2022/11/13/a-fuoco-la-zona-industriale-di-villastellone_827171e4-e5d1-43ae-a920-e4d3559b5ea3.html

Fiamme in quattro aziende e in una cascina

Una serie di incendi si è sviluppata la notte scorsa nella zona industriale di Villastellone, un comune a una ventina di chilometri a sud di Torino.

Secondo le prime informazioni sarebbero coinvolti i capannoni di quattro aziende e una cascina privata.

Sul posto sono arrivate numerose squadre di vigili del fuoco, che hanno ricevuto rinforzi da Biella, Alessandria, Vercelli, Cuneo e Asti. Sono al lavoro anche gli specialisti del nucleo Nbcr (Nucleare biologico chimico radiologico) e i carabinieri.

La matrice dolosa non viene esclusa. L’allarme è scattato intorno alle 4:30. Le squadre impegnate nelle operazioni di spegnimento sono una ventina. Le fiamme hanno colpito i capannoni appartenenti a una ditta specializzata nel riciclaggio di imballaggi in legno, un’azienda di produzione di pallet, una ditta di autotrasporti, una società che si occupa di trattamento rifiuti; infine, una cascina poco distante. 

Brucia gasdotto nell’Alessandrino, fiamme alte 20-30 metri


L’incendio è visibile dall’autostrada A7

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/piemonte/notizie/2022/10/04/brucia-gasdotto-nellalessandrino-fiamme-alte-20-30-metri_1d7d0c5a-5f1e-4c1a-9d1d-03bd40f4674f.html

(ANSA) – Serravalle Scrivia, 04 ottobre 2022

I vigili del fuoco di Alessandria e di Novi Ligure sono impegnati nello spegnimento di un incendio scoppiato in un tratto di gasdotto, dietro lo stabilimento Kme di Serravalle Scrivia, in strada per Cassano 113.

Viste le caratteristiche del combustibile, nelle operazioni non viene impiegata acqua.

Le fiamme, alte 20-30 metri, sono visibili anche dall’autostrada A7. Sulle cause del rogo sono in corso gli accertamenti. Al momento non risulterebbero persone ferite o intossicate. I primi a dare l’allarme sono stati un passante e il personale di portineria della fabbrica. La situazione sarebbe sotto controllo: la società che gestisce l’impianto ha infatti provveduto a chiudere le due valvole della conduttura. Inevitabili i disagi per le forniture ai residenti della zona. (ANSA).

A fuoco la storica fabbrica di biciclette Bottecchia


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/veneto/notizie/2022/09/25/a-fuoco-la-storica-fabbrica-di-biciclette-bottecchia_27a2479e-9e04-4a7e-838b-69b5c45ea8bb.html

Nel Veneziano la colonna di fumo visibile da chilometri

Un ampio incendio si è sviluppato nel pomeriggio all’interno della Bottecchia Cicli di Cavarzere, nel Veneziano, una delle più grosse aziende italiane produttrice di bici da corsa, mtb e eBikes.

Le fiamme si scorgono a molti chilometri di distanza, Sul posto si stanno recando le squadre dei vigili del fuoco provenienti da Cavarzere, Adria, Rovigo, Piove di Sacco e Mestre.

I danni sembrano particolarmente ingenti

CAVARZERE , IMPORTANTE INCENDIO ALLA FABBRICA DI BICICLETTE BOTTECCHIAchioggiaazzurra

Milano, appartamento in fiamme, evacuate 50 persone. Quattro operai cercano di spegnere l’incendio


articolo di Pierpaolo Lio: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_settembre_22/milano-appartamento-fiamme-evacuate-50-persone-quattro-operai-cercano-spegnere-l-incendio-00ac651c-3aa3-11ed-b03d-1f9e636121b9.shtml

Incendio in un appartamento in centro a Milano milano.repubblica.it

Le fiamme sono divampate intorno alle 19 al quarto piano di un palazzo in via Tommaso da Cazzaniga, alle spalle di corso Garibaldi, nel centro di Milano. Dei quattro operai intervenuti, uno è stato ricoverato in ospedale

L’incendio in un appartamento coglie tutti di sorpresa. Sono le 19 di giovedì 22 settembre. Quattro operai che stavano finendo di lavorare all’interno dello stabile, un palazzo al civico 6 di via Tommaso da Cazzaniga, alle spalle di corso Garibaldi, provano ad adoperarsi per spegnere le fiamme divampate in un alloggio del quarto piano.

Al loro arrivo i vigili del fuoco evacuano per precauzione una cinquantina di persone. L’incendio è subito domato, e un’ora dopo le famiglie rientrano nei loro appartamenti. Dei quattro operai, uno finisce in codice giallo all’ospedale per aver inalato fumo.

Milano, incendio in palazzo: 50 evacuati, 4 feritiLocal Team

Notte di terrore e fiamme a Cagliari: a fuoco una palazzina di sei piani


Incendio in studio medico a Cagliari, due piani a fuoco

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/09/15/incendio-in-studio-medico-a-cagliari-due-piani-a-fuoco_9247a93c-8963-4cf6-bde6-7ef72fa695b6.html

Coltre nera nel cielo e tanto spavento ma nessun ferito

L’incendio divampato al primo e secondo piano di uno stabile di sei piani fuori terra. – ANSA/US VIGILI DEL FUOCO – NO SALES, EDITORIAL USE ONLY – NPK

E’ stato causato da un corto circuito, probabilmente un problema elettrico di qualche macchinario, il vasto incendio che durante la notte ha devastato lo studio dentistico Falconi, in via Mameli a Cagliari, e danneggiato un’intera palazzina, fortunatamente adibita ad uffici e senza inquilini.

È la conclusione a cui sono arrivati gli specialisti del Nucleo investigativo dei Vigili del fuoco del capoluogo sardo, che hanno effettuato un dettagliato sopralluogo all’interno dei due locali devastati dalle fiamme e danneggiati dal fumo.

I due appartamenti dello studio dentistico, ma anche quello che si trova sopra, sono attualmente inagibili.

Saranno necessari ulteriori sopralluoghi anche da parte di tecnici per capire quanti sono i danni e quali le riparazioni da effettuare affinché si possa ripristinare l’agibilità.

    Notte di terrore e fiamme a Cagliari: a fuoco una palazzina di sei pianiVideoNewsLive

    Maxi-incendio in azienda petrolchimica nel Milanese. Sei feriti, uno è grave


    AGGIORNAMENTO

    San Giuliano, parla il sindaco: “Emergenza sta rientrando” Local Team

    7 set 2022 Parla Marco Segala, sindaco di San Giuliano Milanese, dove mercoledì mattina è scoppiato un incendio in un’azienda petrolchimica. “L’emergenza sta piano piano rientrando, i vigili del fuoco sono ancora a lavoro, non abbiamo ricevuto né da Ats né da ARPA richieste di emettere ordinanze per rischi alla salute pubblica”, ha detto.

    Enorme rogo in azienda chimica: inferno a San Giulianowww.3bmeteo.com

    articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2022/09/07/maxi-incendio-in-azienda-petrolchimica-nel-milanese.-sei-feriti-uno-e-grave_7ebfe783-b99a-46e2-a6f9-594e86b1d624.html

    Zona isolata e aziende evacuate. Sindaco, chiudete le finestre

    aggiornamenti su ansa.it

    Un incendio è divampato, questa mattina, in una azienda petrolchimica a San Giuliano Milanese, in via Monferrato, nell’hinterland del capoluogo.

    Secondo le prime informazioni sei persone sono rimaste ferite, una delle quali in modo gravi.

    Si tratterebbe di dipendenti dell’azienda. Quattro hanno riportato intossicazioni di lieve entità, due sono le persone ustionate, delle quali una in modo grave.
    Un’alta colonna di fumo si è alzata dal fabbricato nell’hinterland di Milano L’incendio è partito dalla ditta Tomolpack e si sta estendendo alle aziende vicine come la Nitrolchimica. Sul posto sono presenti 14 squadre dei vigili del fuoco. aggiornamenti su ansa.it

    LIVE San Giuliano Milanese, enorme incendio al petrolchimico, fiamme altissime: diretta videoLocal Team

    Incendio alla Nitrolchimica a San Giuliano Milanese: ci sono feriti, uno è grave. Dall’azienda colonna di fumo nero: “Chiudete tutte le finestre”

    articolo a cura di Massimo Pisa : https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/09/07/news/incendio_nitrolchimica_milano_nube_fumo-364547544/?ref=RHTP-BH-I364554737-P1-S1-T1

    Fiamme e una densa nube di fumo si alza dall’azienda di via Monferrato a San Giuliano Milanese che si occupa di solventi e smaltimento rifiuti pericolosi. Le fiamme partite dalla vicina Tomolpack. Preoccupazione per un deposito di gasolio lì vicino

    Un incendio si è sviluppato alla Nitrolchimica, azienda che si occupa del recupero di solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi in via Monferrato, zona industriale di San Giuliano Milanese, nella zona Sud di Milano. Ci sono diversi feriti: almeno sei, di cui uno grave, ustionato, in pericolo di vita. Anche gli altri feriti sono dipendenti dell’azienda: un altro è ustionato, gli altri hanno riportato intossicazioni di lieve entità. E la preoccupazione è per un deposito di gasolio lì vicino.

    Una densa nube di fumo si alza dall’azienda – leader nel settore e attiva dal 1975 – ed è visibile a chilometri di distanza, segnalazioni arrivano anche da San Giuliano, dove le aziende della zona hanno diramato ai dipendenti di chiudere le finestre, vista la produzione chimica dell’azienda. continua a leggere su repubblica.it

    Inferno di fuoco a San Giuliano Milanese: le immagini delle esplosioni in presa direttaLocal Team

    Tir Ferrari dai Paesi Bassi a Monza “a fuoco” soccorso nella notte a Susa: era un surriscaldamento


    articolo di Carlotta Rocci: Tir Ferrari dai Paesi Bassi a Monza “a fuoco” soccorso nella notte a Susa: era un surriscaldamento – la Repubblica

    Tir Ferrari dai Paesi Bassi a Monza “a fuoco” 

    Fermata di emergenza nel parcheggio dell’autoporto per un mezzo della scuderia Ferrari

    Fermata di emergenza per un tir della scuderia Ferrari nella notte a Susa. I vigili del fuoco del distaccamento di Susa sono dovuti intervenire nel parcheggio dell’autoporto dove uno dei tir della carovana Ferrari di ritorno dai Paesi Bassi, e diretta a Monza, si è dovuto fermare per il sospetto di un principio di incendio. continua a leggere su repubblica.it

    Procura, matrice verosimilmente colposa


    In corso accertamenti Carabinieri-Vvf.Stanza reparto sequestrata

    articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/liguria/notizie/2022/09/05/incendio-in-ospedale-pietra-ligure-tre-intossicati-50-sfollati_6aad9623-5964-48be-97ef-5589de61dcfe.html

    Un incendio ha interessato la notte scorsa l’ospedale di Santa Corona a Pietra Ligure (Savona) .
    Sfollati dai reparti circa 50 pazienti, tre le persone intossicate.

    Secondo quanto appreso, l’incendio si è sviluppato al terzo piano del reparto di Ortopedia. Il fumo ha invaso anche il secondo e il quarto piano della palazzina Immediato l’intervento dei vigili del fuoco che hanno dichiarato al momento inagibili i tre piani. Sul posto anche polizia e carabinieri oltre al personale del 118. Indagini in corso ad opera delle Forze dell’Ordine. 

    Procura, matrice verosimilmente colposaSono in corso gli accertamenti da parte di carabinieri e Vigili del fuoco, ma verosimilmente la matrice è di origine colposa“. Lo ha detto all’ANSA il procuratore di Savona Ubaldo Pelosi. La procura ha aperto un fascicolo per incendio che, per adesso, resta a carico di ignoti. I locali andati a fuoco sono sotto sequestro. continua a leggere su ansa.it

    Pietra Ligure, rogo all’ospedale: decine i pazienti evacuati Local Team



    Milano, incendio in via Quintiliano: ……….


    Rogo in un stabile occupato da senza tetto: pioggia di chiamate ai Vigili del Fuoco per l’odore di plastica bruciata e il fumo nero

    articolo: https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/incendio-via-quintiliano-1.8030255

    featured image
    Vigili del fuoco in azione per ore in via Quintiliano

    Milano 31 agosto 2022  

    Un vasto incendio, scoppiato in uno stabile di quattro piani in via Marco Quintiliano, alla periferia est di Milano, occupato da senza tetto, ha tenuto impegnati con numerose squadre di vigili di fuoco dalle 23 di ieri sera fino alle 4 di stamani.

    Una volta fatti uscire gli occupanti, i vigili hanno dovuto domare il rogo che si era sviluppato da più focolai e aveva causato un’alta nube di fumo dall’odore acre visibile a chilometri di distanza (numerose le chiamate da varie parti della città). continua a leggere su ilgiorno.it

    Incendio in un capannone di Augusta, fumo nero visibile dall’autostrada


    articolo: https://www.siracusanews.it/__trashed-3/

    Il fuoco è divampato nel pomeriggio di oggi e subito sono partite le operazioni di spegnimento da parte dei Vigili del fuoco Lentini

    Augusta, grosso incendio in un capannone: imponente colonna di fumo neroLocal Team

    Vasto incendio in un capannone ad Augusta, in contrada San Cusumano. Un’alta colonna di fumo nero ha invaso il cielo facendo pensare, inizialmente, a un rogo nella vicina zona industriale. Le fiamme, invece, avrebbero colpito dei cumuli di cartone.

    Il fuoco è divampato nel pomeriggio di oggi e subito sono partite le operazioni di spegnimento da parte dei Vigili del fuoco Lentini.

    LIVE Grosso incendio ad Augusta (Siracusa), grande colonna di fumo nero: diretta video Local Team



    Maxi incendio in un deposito edile alla Magliana, operazioni di spegnimento complicate dal vento forte


    L’incendio a Magliana – foto dai vigili del fuoco

    articolo di Rinaldo Frignani: https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/22_agosto_18/maxi-incendio-un-deposito-edile-magliana-operazioni-spegnimento-complicate-vento-forte-8138cc32-1edf-11ed-92ac-ee7067074578.shtml?refresh_ce

    Sul campo impiegati 20 vigili del fuoco, un’autobotte e un elicottero: la densa colonna di fumo visibile da lontano. Le fiamme vicine alle abitazioni

    LIVE Roma, incendio in via della Magliana. In fiamme azienda di materiali edili: diretta videoLocal Team

    Oltre 20 pompieri sono impegnati dalla prima mattinata di giovedì nelle operazioni di spegnimento di un vasto incendio che ha coinvolto un deposito di materiale edile in via della Magliana, non lontano dal Raccordo anulare. Una densa colonna di fumo nero si è alzata dal complesso di circa 5mila metri quadrati dove sono impegnate numerose squadre di vigili del fuoco alle quali si è aggiunta anche un autobotte fornita da Roma Capitale per l’assistenza allo spegnimento delle fiamme.

    L’allarme è scattato poco prima delle 10 quando il rogo ha trovato facile esca fra i materiali stoccati all’interno del deposito: le fiamme si sono subito sviluppate violente alte alcuni metri tanto da costringere i vigili del fuoco a utilizzare veicoli speciali. Non ci sarebbero feriti, né intossicati mentre la polizia municipale ha chiuso al traffico una parte della strada per consentire l’intervento dei mezzi di soccorso. Le operazioni di spegnimento andranno avanti alcune ore: i pompieri lavorano per impedire al rogo di estendersi anche ad altre strutture. Sono allo stesso tempo in corso indagini per definire le cause dell’incendio. continua a leggere

    Paura per i roghi a Palermo: c’è chi lascia la propria casa, in fuga anche le suore


    18 Agosto 2022

    articolo: https://palermo.gds.it/articoli/cronaca/2022/08/18/paura-per-i-roghi-a-palermo-ce-chi-lascia-la-propria-casa-in-fuga-anche-le-suore-654222a1-6c6b-47da-8c73-6e9024e88db7/

    L’appello della gente in strada: fate presto. Sulla A19 chiuso un tratto per le sterpaglie in fiamme

    Incendi a Palermo, fiamme nel quartiere BrancaccioAGTW

    Alcuni residenti hanno abbandonato le loro case per precauzione.

    Tra loro anche le suore minori di San Francesco che hanno una sede in via Bronte. Sono diversi gli incendi divampati in centri della provincia alimentati dal vento di scirocco.

    L’appello degli abitanti: fate presto – È un’ora che brucia la zona di Borgo Nuovo, ma ancora non abbiamo visto nessuno. La situazione è drammatica. Se non arrivano i canadair le fiamme arrivano nelle abitazioni. Sono anni che non assistiamo ad una situazione così grave. Vi prego intervenite fate qualcosa». I residenti nella zona di Borgo Nuovo a Palermo lanciano l’allarme chiedendo «interventi immediati». continua a leggere

    Agg. incendio Pantelleria: Domato incendio a Pantelleria. La Procura apre un’inchiesta


    articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sicilia/notizie/2022/08/18/domato-incendio-a-pantelleria.-la-procura-apre-uninchiesta_427ce074-a742-44c8-9600-ceff85c588be.html

    I vigili del fuoco sono ancora a lavoro. Le fiamme sono alimentate dal vento di scirocco che ancora soffia forte sull’isola. Tra le abitazioni sgomberate anche quella del giocatore Marco Tardelli e dello stilista Giorgio Armani

    E’ stato contenuto, durante la notte, l’incendio è divampato a Pantelleria nelle contrade Favarotta, Khamma e Perimetrale.

    Le fiamme hanno divorato ettari di vegetazione e mettendo in pericolo diverse abitazioni che sono state evacuate.

    In fuga i turisti. Tra le ville sgomberate ci sarebbero anche quella del giocatore Marco Tardelli e dello stilista Giorgio Armani, che stava ospitando alcuni amici quando ha dovuto abbandonare di gran corsa la sua dimora, a bordo di suv per raggiungere la costa e salire sulla barca.

    La Procura di Marsala, diretta da Roberto Piscitelloha aperto un’inchiesta sull’incendio che ha devastato ettari di vegetazione a Pantelleria. Ancora incerta la natura del rogo. Due i punti di innesco lontani 400 metri l’uno dall’altro, dato che potrebbe essere compatibile anche con un evento accidentale. I pm stanno acquisendo i rilievi fotogrammetrici e tutte le ordinanze comunali sulla prevenzione e sulla gestione dei roghi. I rilievi fotogrammetrici saranno utili a capire dalle bruciature sul terreno da dove è partito l’incendio e da come può essersi propagato in considerazione del forte vento di scirocco che soffia da ieri sull’isola. Mentre le ordinanze sindacali chiariranno se sono state prese tutte le misure necessarie a prevenire e gestire eventuali roghi in una zona che in estate per le alte temperature è spesso colpita da incendi devastanti. “Un incendio colposo, causato dall’incuria umana non sarebbe da considerare meno grave di uno doloso“, commenta il procuratore di Marsala, Piscitello. continua a leggere

    Pantelleria, incendi e paura: case evacuate, abitanti in fuga…..


    Pantelleria, incendi e paura: case evacuate, abitanti in fuga. Tra loro Giorgio Armani, Marco Tardelli e Myrta Merlino

    articolo di Alessandro Fulloni e Paola Pollo: https://www.corriere.it/cronache/22_agosto_17/pantelleria-incendi-terrore-case-evacuate-abitanti-fuga-45d221ea-1e5b-11ed-9975-12e1519ef887.shtml

    Le fiamme sono divampate verso le 19 e 30 e stanno letteralmente «tagliando» a metà l’isola. Uno dei roghi è partito da Kamma e un secondo da Gadir

    Due incendi a Pantelleria — uno partito da Kamma e l’altro da Gadir—nella sera di oggi, 17 agosto hanno costretto alla fuga residenti e turisti . Tra loro molti vip, anche lo stilista Giorgio Armani, la giornalista Myrta Merlino e il suo compagno Marco Tardelli, l’ex campione del mondo 1982.

    Le proporzioni delle fiamme fanno preoccupare
    . Già da ieri (martedì) la Protezione civile siciliana aveva emesso un’allerta rossa per Trapani e Palermo per il pericolo di ondate di calore ed incendi. Oggi, peraltro, in tutta la Sicilia ci sono state otto richieste di intervento aereo. Nell’isola soltanto in serata — passate le 22 — la situazione pare normalizzarsi, tanto che il sindaco Vincenzo Campo dice: «I vigili del fuoco stanno lavorando duramente per spegnere le fiamme. La situazione è quasi sotto controllo». Ma raggiungere Pantelleria per i soccorritori resta complicato. I turisti vengono evacuati con le motovedette e con altre imbarcazioni pompieri e personale della Protezione civile sbarca, a tarda notte, in spiaggia. E sembra quasi di assistere a una colossale operazione anfibia. Il sospetto del dolo è molto, molto concreto. Tanto che il capo della protezione civile siciliana Salvatore Cocina parla di «fuoco appiccato in modo scientifico». continua a leggere

    Incendi a Pantelleria, case evacuate e turisti in fuga: anche Armani e MerlinoAGTW

    Treno avvolto dalle fiamme in Spagna: i passeggeri scappano dai finestrini….


    Treno avvolto dalle fiamme in Spagna: i passeggeri scappano dai finestrini. Fuggono anche i vigili del fuoco

    articolo: https://video.corriere.it/esteri/treno-avvolto-fiamme-spagna-passeggeri-scappano-finestrini-fuggono-anche-vigili-fuoco/65572baa-1e15-11ed-9975-12e1519ef887

    Le impressionanti immagini da Castellón. Almeno 20 i feriti

    CorriereTv

    Treno avvolto dalle fiamme in Spagna: i passeggeri scappano dai finestrini. Fuggono anche i… – Corriere della Sera

    Venti persone hanno riportato lesioni e ustioni ieri, martedì 16 agosto, quando un treno è stato bloccato dalle fiamme a Castellón (nord-est della Spagna), e queste, prese dal panico, sono scese dal convoglio spaccando i finestrini.
    Gravi incendi sono attivi nella Comunità Valenciana, regione orientale della Spagna. In particolare, riporta la stampa locale, preoccupa un rogo scoppiato vicino a Bejis, a nord di Valencia, a causa del quale sono state evacuate alcune località e un campeggio . Intanto, un grosso incendio è attivo anche più a sud, nella Valle d’Ebo (Alicante): le fiamme, che hanno costretto all’evacuazione di circa 1.500 persone, hanno già bruciato oltre 11.500 ettari.

    Spagna, Vigili del fuoco all’opera contro le fiamme nella provincia di Alicante – Il Sole 24 ORE

    Londra, incendio nella metro a London Bridge. Decine di edifici evacuati e circolazione interrotta


    articolo: https://video.repubblica.it/mondo/londra-incendio-nella-metro-a-london-bridge-decine-di-edifici-evacuati-e-circolazione-interrotta/423166/424119?ref=RHTP-BH-I361612553-P3-S2-T1

    Un forte incendio e’ scoppiato nella zona sud di Londra, nella stazione di Southwark. Sul posto ci sono una diecina di autobotti e circa 70 pompieri. Le fiamme hanno provocato grossi disturbi alla circolazione per la stazione di London Bridge ed edifici sono stati evacuati lungo Union Street a causa del denso fumo nero.

    Grosso incendio a Londra, edifici evacuati BlitzTv

    Londra, incendio tra le stazioni di London Bridge e Waterloo

    articolo: https://video.corriere.it/esteri/londra-incendio-le-stazioni-london-bridge-waterloo/ccb19e1a-1e16-11ed-9975-12e1519ef887

    Il rogo è scoppiato sotto un ponte ferroviario

    CorriereTv

    Le linee ferroviarie da e per London Bridge, a Londra, sono state interrotte mercoledì 17 agosto e diversi edifici sono stati evacuati dopo che un grande incendio si è sviluppato a Southwark. L’incendio sta causando forti disagi alla circolazione dei treni in centro sta producendo dense nuvole di fumo nero, e le autorità — secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters — chiedono a «chiunque viva o lavori in zona di tenere porte e finestre chiuse». Una settantina i vigili del fuoco in azione.

    Londra, incendio tra le stazioni di London Bridge e Waterloo East: «Tenete chiuse porte e finestre»

    articolo di Redazione Online: https://www.corriere.it/esteri/22_agosto_17/londra-incendio-d62a7914-1e14-11ed-9975-12e1519ef887.shtml

    Deviata la circolazione dei treni: decine di vigili del fuoco in azione. Il rogo è scoppiato sotto un ponte ferroviario

    Un grosso incendio — scoppiato intorno alle 9.20, ora locale: le 10.20 in Italia – sta causando forti disagi alla circolazione dei treni e della metropolitana in centro a Londra.

    Il rogo, scoppiato sotto un ponte ferroviario tra le stazioni di London Bridge Waterloo East, si è allargato a un parcheggio dove — secondo i vigili del fuoco – due auto elettriche hanno preso fuoco.

    L’incendio sta producendo dense nuvole di fumo nero, e le autorità — secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters — chiedono a «chiunque viva o lavori in zona di tenere porte e finestre chiuse». Una settantina i vigili del fuoco in azione. continua a leggere

    INCENDIO a BASTIA d’ALBENGA


    articolo: https://www.meteoreporter24.it/2022/incendio-a-bastia-dalbenga-la-diretta-live-di-questa-notte/

     Pubblicato il 8 Agosto 2022 alle 6:24

    INCENDIO a BASTIA d’ALBENGA – Una terribile notte per decine e decine di famiglie che sono state evacuate dalle proprie abitazioni per l’avvicinamento repentino del grosso incendio che perdura ormai dal pomeriggio di ieri 7 agosto 2022. Vi mostriamo immagini drammatiche nella zona di Bastia di Albenga, dove l’incendio in piena notte ha raggiunto le strade e le case causando anche alcuni minuti di panico. Diverse le strade che sono state chiuse, così come l’aurelia Bis nella tratta compresa tra Bastia e l’uscita zona Polo 90 Albenga. continua a leggere

    INCENDIO a BASTIA d’ALBENGA: la “Diretta Live” della terribile “notte di fuoco”

    INCENDI in LIGURIA: BASTIA d’ALBENGA, una notte infernale oggi 8 agosto 2022MeteoReporter24
    INCENDIO a BASTIA (Albenga): le fiamme raggiungono le case – LA DIRETTA LIVE è drammatica! MeteoReporter24

    Incendio in via Savona a Milano, donna trovata carbonizzata nel suo appartamento


    articolo di Pierpaolo Lio: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_agosto_08/incendio-via-savona-milano-donna-trovata-carbonizzata-suo-appartamento-25bdeb5e-16e1-11ed-b75e-23db5ddc9f20.shtml?fbclid=IwAR0G624bBXO7Z8hs4DLVnH68d3zKxcM2ohsCTy3irGCiX-FtuNVG0VZClN4

    Alle 7.37 di lunedì 8 agosto è andato a fuoco un appartamento al sesto piano di una palazzina al civico 103. Intervenuti i vigili del fuoco allertati dai residenti della zona

    Il corpo carbonizzato di una donna è stato ritrovato dai vigili del fuoco al termine delle operazioni di spegnimento delle fiamme che avevano avvolto un appartamento in via SavonaL’incendio è scoppiato nella prima mattina di lunedì 8 agosto (intorno alle 7.37) al sesto e ultimo piano del palazzo in zona Navigli. Il cadavere, al momento, non è stato ancora identificato.

    per eventuali aggiornameti: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_agosto_08/incendio-via-savona-milano-donna-trovata-carbonizzata-suo-appartamento-25bdeb5e-16e1-11ed-b75e-23db5ddc9f20.shtml?fbclid=IwAR0G624bBXO7Z8hs4DLVnH68d3zKxcM2ohsCTy3irGCiX-FtuNVG0VZClN4

    Maltempo e incendi: Courmayeur senz’acqua, Castel del Monte evacuato


    articolo: https://www.corriere.it/cronache/22_agosto_06/maltempo-incendi-courmayeur-senz-acqua-castel-monte-evacuato-db1ea984-15ab-11ed-abe5-8e4532c50be0.shtml

    Nuovo incendio sul Carso, Trieste isolata alcune ore poi la pioggia spegne le fiamme. Rientrati nei loro alloggi i residenti e i turisti della val di Fassa evacuati venerdì sera

    Chi è alle corde per temporali violenti, chi invece fa i conti con i danni dovuti agli incendi e alla prolungata siccità. È un weekend caratterizzato da eventi climatici estremi, ma di segno opposto, quello che ha aperto il periodo più intenso delle vacanze. I temporali hanno interessato prevalentemente il Nord, mentre nelle regioni meridionali sono divampati roghi che hanno distrutto decine di ettari di vegetazione. Ecco la situazione nel dettaglio

    * Valle d’Aosta – La frana che venerdì è caduta in val Ferret, zona già instabile dal punto di vista idrogeologico, ai piedi del Monte Bianco ha avuto conseguente impreviste . Il paese di Courmayeur è senz’acqua, lo ha annunciato il sindaco Roberto Rota: «Purtroppo i danni sull’acquedotto sono importanti. Stiamo lavorando, e continueremo a farlo giorno e notte. Abbiamo organizzato due punti di distribuzione per i cittadini, che continueranno anche domani. La situazione è critica, anche perché in questi giorni la popolazione è passata da 2.700 residenti a quasi 30mila».

    * Trentino – Sono rientrati nelle loro case e negli alberghi gli abitanti e i villeggianti della va di Fassa costretti a lasciare i loro alloggi venerdì sera dopo la caduta di alcune frane in seguito a un violento temporale. Vigili del fuoco e Protezione Civile hanno lavorato per l’intera notte e sono riusciti a sgomberare le strade interrotte e a mettere in sicurezza la maggior parte degli edifici minacciati dal fango.

    * Friuli Venezia Giulia – Giornata dai due volti nelle regione più orientale. In mattinata un nuovo incendio ha investito i rilievi del Carso alle spalle di Trieste . Il fumo sospinto dal vento ha costretto a interrompere i treni tra Monfalcone e il capoluogo giuliano e anche l’autostrada tra Villesse e Triste, per un tratto di una quarantina di chilometri. Caos anche sulle strade secondarie che hanno dovuto assorbire il flusso dei turisti diretti in Slovenia e Croazia. L’autostrada è stata riaperta poco prima delle 20 ma solo in direzione Trieste. Il sindaco di Duino ha formato un’ordinanza che obbligava i residenti all’uso della mascherina all’aperto. Poi nel tardo pomeriggio la pioggia ha attenuato il pericolo.

    * Puglia – Al sud l’emergenza è totalmente rappresentata dagli incendi. Circa 80 ettari di vegetazione sono andati distrutti a Castel del Monte. È stato necessario evacuare il celebre castello ottagonale, meta di centinaia di turisti. I roghi in serata minacciavano alcune ville e strutture turistiche della zona. Fiamme anche in Salento dove sono andati perduti 50 ettari di macchia mediterranea nella zona di Santa Maria di Leuca.

    * Sicilia – Devastato da un incendio doloso il Villaggio della gioventù di Raffadali (Agrigento). Le fiamme hanno distrutto una vasta area di sottobosco e sono intervenuti più volte i vigili del fuoco e la Protezione civile. . Rabbia da parte degli abitanti che hanno definito i piromani «cattivi, deficienti e senza cervello». «Tutto ciò non mi abbatte, la prendo come una sfida, pianteremo nuovi alberi ampliando la zona boschiva di uno dei posti più belli della nostra Raffadali», ha dichiarato il sindaco Silvio Cuffaro