Archivi categoria: CRONACA

Fiamme in un cinema nel Fiorentino 1200, evacuati


Risultati immagini per Fiamme in un cinema nel Fiorentino 1200, evacuati

articolo: http://www.ansa.it/toscana/notizie/2019/02/17/fiamme-in-cinema-1200-evacuati_33b17359-a242-4e5b-8f85-46274f1b63b5.html

Le dodici sale del cinema multisala di Campi Bisenzio (Firenze), per un totale di 1200 persone – che non sono state coinvolte – sono state fatte evacuare in via precauzionale dai vigili del fuoco per un principio di incendio. L’intervento dei pompieri del comando di Firenze e dei distaccamenti di Calenzano e Firenze Ovest, è iniziato intorno alle mezzanotte di ieri e si è concluso dopo circa due ore e mezzo. Le fiamme hanno interessato un locale tecnico adiacente al corridoio di ingresso della struttura. Sul posto presenti anche carabinieri e personale del 118 che ha preso in carico sette dipendenti della struttura per controlli, a causa dell’inalazione di fumo. continua a leggere

15 anni senza Pantani, Pirata ed eroe maledetto


Risultati immagini per Marco pantani

Il 14 febbraio 2004 fu trovato morto. Nel ’98 vinse Giro e Tour 

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/ciclismo/2019/02/11/15-anni-senza-pantani-pirata-ed-eroe-maledetto_a7ea28d5-eba0-45d2-b5f9-d86d3a1f11dc.html

Con il tempo, pur diventando leggenda, il mito non è riuscito a spazzare via le ombre, né a dissipare i dubbi. Sulla morte di Marco Pantani, arrivata il 14 febbraio di 15 anni fa a privare lo sport italiano di un eroe seppure della categoria “maledetti”, si è fatta luce solo fino a un certo punto e ci sono volute almeno due inchieste per arrivare al verdetto della Cassazione: il Pirata non è stato ucciso. La Corte suprema ha sentenziato una volta per tutte, per sempre, ma la famiglia del corridore non ha mai accettato il verdetto, mentre i suoi tifosi di sempre continuano a discutere. In questi 15 anni senza Pantani si è sempre dibattuto sulla fine ingloriosa di un campione che rilanciò il ciclismo. La verità è sempre appartenuta a qualcuno, però. 

Vincitore nello stesso anno (1998) del Giro d’Italia e del Tour de France, Pantani venne ritrovato senza vita nel residence ‘Le Rose’ a Rimini, pochi anni dopo le sue ultime pedalate in alta quota. Una fine con tante domande senza risposta che, solo pochi anni prima, nessuno avrebbe potuto prevedere e neppure immaginare. continua a leggere

Napoli, incendio in fabbrica a Casoria: persone intossicate dal fumo


La colonna nera, partita dai capannoni di un’industria di infissi, è visibile da chilometri di distanza. Numerose squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro per domare il rogo

articolo: https://tg24.sky.it/napoli/2019/02/14/incendio-fabbrica-casoria.html

Un grosso incendio è divampato in un capannone di una fabbrica di infissi a Casoria, alla periferia di Napoli. Il rogo sta distruggendo i locali e provocando gravi disagi ai residenti nei palazzi circostanti, alcuni dei quali sono rimasti intossicati dall’intenso fumo sprigionato dalle fiamme. La colonna nera, partita dai capannoni industriali, è visibili da chilometri di distanza. Numerose squadre dei vigili del fuoco sono giunte sul posto e sono al lavoro per domare l’incendio.

Risultati immagini per Incendio in fabbrica nel Napoletano, persone intossicate

La preoccupazione di Legambiente

Sulla vicenda è intervenuta anche Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania: “In attesa che si accertino le cause dell’incendio del capannone, la priorità è dare in tempi brevi risposte certe e rassicurazioni per la salute dei cittadini di quel territorio e garantire la messa in sicurezza dell’area”, le sue parole. continua a leggere

Napoli, incendio in una fabbrica di Casoria: persone intossicate

https://www.notizie.it/cronaca/2019/0….

Incendio in fabbrica nel Napoletano

Risultati immagini per Incendio in fabbrica nel Napoletano, persone intossicate

le poteste dei PASTORI SARDI & dei OLIVICOLTORI


Rivolta del latte, anche gli studenti in piazza. Continuano i blocchi sulle statali, tensione alla Regione

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2019/02/13/news/per_i_pastori_sardi_sfilano_migliaia_di_studenti-219015432/

13 febbraio 2019 – Studenti, minatori e pastori uniti nella lotta. Sono passati 50 anni, ma lo slogan del ’68 che vedeva ragazzini e operai in piazza sembra più attuale che mai nella Sardegna di questi giorni. Una regione tutta solidale con gli allevatori di pecore che dopo il crollo del prezzo del latte nei giorni scorsi ne hanno gettato per protesta un milione di litri, hanno bloccato tir e strade, assalto camioncini. Mentre la Coop annuncia che riconoscerà ai fornitori del prodotto Coop un valore all’acquisto del pecorino in grado di assicurare agli allevatori il prezzo di 1 euro al litro, però, il fronte della protesta si divide: il Movimento pastori sardi e la Coldiretti hanno disertato la riunione convocata alla Regione. A Cagliari alta tensione davanti al palazzo della Regione, protetto da agenti in tenuta anti sommossa, quando gruppi di pastori hanno sversato bidoni di latte sul piazzale. continua a leggere

Blog: https://alessandro54.com/2019/02/11/la-protesta-dei-pastori-sardi-arriva-a-san-siro-sulle-maglie-del-cagliari/

#LacrimeDiLatte, la protesta dei pastori in Sardegna – Timeline

Rai

Trasmesso dal vivo in streaming il 13 feb 2019

ISCRIVITI 2,6 MLN

Da alcuni giorni in Sardegna è violentemente esplosa la crisi del latte. I pastori protestano perché il prezzo pagato per il loro latte di pecora è troppo basso, al di sotto del reale costo di produzione. Gli allevatori sardi hanno scelto forme di protesta di grande impatto: blocchi stradali, sversamento di tonnellate di latte ma hanno anche regalato il loro prodotto. In ogni caso hanno usato soprattutto i social per comunicare. Come hanno fatto anche vip e comuni cittadini per esprimere la loro solidarietà. Timeline, una storia al giorno, dal primo all’ultimo social. In diretta dallo studio di Agorà, con Marco Carrara.


Roma: Piazza Santi Apostoli invasa dai gilet arancioni: protestano gli olivicoltori

articolo: https://www.ilmessaggero.it/index.php?p=item&id=4299527&sez=roma&start=0

Risultati immagini per Piazza Santi Apostoli invasa dai gilet arancioni: protestano gli olivicoltori

Protesta a Roma dei «gilet arancioni», gli olivicoltori che manifestano chiedendo risorse per le gelate che hanno messo in ginocchio l’olivicoltura pugliese e per la xylella, il parassita che colpisce gli ulivi. Cinquemila le persone attese da Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Abruzzo e Toscana. In piazza Santi Apostoli, davanti alla Prefettura, esposti cartelli con scritte come «Ridateci la dignità», «Non siamo cittadini di Serie B», «Siamo la fabbrica a cielo aperto più importante d’Italia, meritiamo rispetto». Tra gli altri slogan «In attesa del decreto moriremo gelati», «Con Grillo in regia attentate la nostra economia», «Di Maio incontra i gilet gialli francesi, e gli olivicoltori quando?». 

Gilet arancioni, la protesta degli olivicoltori in piazza a Roma

La Repubblica

Trasmissione in live streaming 5 ore fa

ISCRIVITI 128.544

Oltre un migliaio di olivicoltori è sceso in piazza a Roma per per chiedere decreti d’urgenza e risorse per le gelate che hanno messo in ginocchio l’olivicoltura pugliese e per la xylella, la peste degli ulivi. I gilet arancioni sono arrivati in piazza Santi Apostoli da Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Abruzzo e Toscana.

Terremoto al largo della costa tra Ostuni e Brindisi


Terremoto al largo della costa tra Ostuni e Brindisi

„Epicentro a 11 chilometri sotto il fondale marino. L’evento sismico registrato alle 22,57 circa con magnitudo 3.3“

articolo: http://www.brindisireport.it/cronaca/scossa-terremoto-largo-costa-brindisi-ostuni.html

Terremoto al largo della costa tra Ostuni e Brindisi

BRINDISI 13 febbraio 2019 – Una scossa sismica di magnitudo 3.3 è stata registrata dagli strumenti dell’Istituto nazionale di geofifica e vulcanologia al largo della costra tra Brindisi e Ostuni, esattamente alle 22:56:44 di questa sera. Il terremoto è stato avvertito in una fascia di territorio molto ampia. La profondità dell’epicentro è stata individuata a 11 chilometri sotto il fondale marino e a 23 chilometri da Brindisi. continua a leggere

Per i più curiosi (o preoccupati) alleghiamo tre mappe: la prima è quella dell’intensità che stima come nullo il potenziale di danno della scossa registrata, in base ai picchi di accelerazione e di velocità, riportati nelle altre due mappe. Il materiale è messo a disposizione dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

La mappa della scossa con i parametri di potenziale dannosità-2

Il picco di accelerazione stimato della scossa-2

Il picco di velocità della scossa-2

Pescara, aggressione al giornalista Piervincenzi e a troupe Rai


Inviati della trasmissione ‘Popolo sovrano’ malmenati per un’inchiesta sulla droga in Abruzzo. L’inviato era già stato ferito con una testata a Ostia da un esponente del clan Spada

articolo: https://www.quotidiano.net/cronaca/piervincenzi-aggressione-pescara-1.4441928

Pescara, 13 febbraio 2019 – Brutta avventura per una troupe Rai presa di mira per aver realizzato una inchiesta sulle infiltrazioni della malavita e i clan emergenti in Abruzzo. I tre componenti del gruppo, durante le riprese, sono stati accerchiati e aggrediti da un gruppo di residenti nel quartiere Rancitelli di Pescara. In particolare è stato preso di mira Daniele Piervincenzi, inviato della trasmissione di Rai2 Popolo Sovrano, che già era già stato vittima di un agguato e ferito gravemente a Ostia con una testata da un esponente del clan Spada che cercava pacificamente di intervistare. continua a leggere

GiuseppeConte

Solidarietà al giornalista @DPiervi e alla troupe Rai aggrediti a Pescara mentre lavoravano a un’inchiesta sui clan. Questo governo non tollera zone di illegalità. Nessuno può sentirsi al di sopra della legge

Viene espulso e prende a calci l’arbitro. Partita sospesa a Rimini


articolo: https://bologna.repubblica.it/sport/2019/02/12/news/viene_espulso_e_prende_a_calci_l_arbitro_partita_sospesa_a_rimini-218911705/

Rimini, 12 febbraio 2019 –  Sono dovuti intervenire i compagni di squadra, che assieme allo staff, hanno faticato non poco per fermare il loro capitano e condurlo negli spogliatoi, dopo la sua violenta reazione per il secondo cartellino giallo – che valeva l’espulsione – comminatogli dall’arbitro di gara. E’ successo a Rimini, campionato di Promozione, girone D. La polisportiva Stella sta perdendo in casa per 1-0, avanti gli ospiti del San Pietro in Vincoli. La gara sta per terminare quando l’arbitro estrae nuovamente il giallo per sanzionare il capitano 28enne della Stella: questi si infuria, prima getta a terra il giallo poi tira un calcio all’altezza dell’anca al direttore di gara, che si accascia. continua a leggere