Archivi categoria: CRONACA

Proteste contro le misure anti-Covid a Milano, in trecento in corteo. Sassi e petardi contro la sede della Regione Lombardia


I   manifestanti  con un tam tam sui social si sono dati appuntamento a piazzale   Loreto   per   poi   dirigersi   in  direzione  della  sede  della  Regione. Lanciate  anche  molotov. Dehors  danneggiati  e  cassonetti  rovesciati  lungo corso Buenos Aires. Due fermati vicino alla Centrale

Trecento di  persone  stanno manifestando,  contro le misure di contenimento  anti-Covid,  stasera  a Milano , lungo  corso Buenos Aires,  la  più  importante strada commerciale della città, facendo esplodere grossi petardi e molotov. Il gruppo formato da italiani e stranieri, alcuni militanti di Forza Nuova ma anche  anarchici,  si  è  dato  appuntamento  con  un  tam  tam  sui  social in piazzale Loreto per poi dirigersi verso l’arteria commerciale. Corso Buenos Aires è stata occupata con un corteo improvvisato e non autorizzato che sta procedendo verso il centro al grido di “Libertà, libertà”. Tra gli slogan anche diversi insulti al premier Giuseppe Conte.  continua a leggere

Proteste a Milano contro le chiusure anti covid: assalto al grattacielo della Regione Lombardia

The covid dilemma”: la campagna di comunicazione della Regione Lombardia per l’emergenza coronavirus


2020-10-26_193338Una campagna di comunicazione di forte impatto, con domande dirette come: “Indossare la mascherina o indossare il respiratore?“, “Lavarsi spesso le mani o lavarsene le mani?“, “Essere negativi o negazionisti?“, “Fermare il virus o fermare il sistema sanitario?“, “Evitare i luoghi affollati o affollare le terapie intensive?“. Regione Lombardia lancia la campagna di sensibilizzazione ‘The Covid dilemma‘, un invito ad osservare sempre poche e semplici regole per il contenimento della pandemia in corso.

La campagna di comunicazione di Regione Lombardia si pone come obiettivo principale – si legge in una nota – “la corretta diffusione di informazioni utili ai cittadini con il claim ‘La scelta è tua, ma le conseguenze riguardano tutti noi. Aiutaci a contenere la diffusione del coronavirus, prima che sia troppo tardi’. Un chiaro riferimento alla libertà individuale legata a doppio filo con la responsabilità morale e materiale nei confronti della collettività e del primario bene comune, la salute di tutti i cittadini” Regione Lombardia intende promuovere, inoltre, “l’importanza di utilizzare tutti i provvedimenti raccomandati dall’Oms e dal Ministero della Salute come misure di prevenzione dal contagio.   Un vero e proprio appello al senso di responsabilità – si legge ancora – che il presidente Attilio Fontana vuole rivolgere a tutti i lombardi per fermare l’incessante diffusione del virus“.

Il calcio sull’orlo del default: 600 milioni di buco, mancano i soldi per gli stipendi di novembre


Il presidente della Figc Gravina ha scritto al governo chiedendo di inserire il calcio tra i settori in crisi. Il n.1 della Lega A Dal Pino lancia l’allarme. E c’è una strategia per provare a salvarsi anticipando a tutti i 20 club il “paracadute” per non retrocedere. Braccio di ferro con i dilettanti

Il calcio è sull’orlo del default. Dopo le illusioni di tornare a popolare gli stadi cullate a settembre, il pallone italiano non vede luci in fondo al tunnel. Il 16 novembre scade il termine per pagare gli stipendi di settembre e, a oggi, almeno 15 società su 20 di serie A non saprebbero come fare. La questione riguarda tutto il movimento, per questo Gravina ha scritto al premier Conte e ai ministri della Salute Speranza, dell’economia Gualtieri e dello Sport Spadafora. Che a oggi hanno ignorato le richieste, respingendo anche la possibilità di congelare l’irpef per i club. Stipendi a rischio e 600 mln di perdite – Il presidente della Serie A lancia un allarme:Siamo vicini al collasso, temo che l’economia del Paese pagherà a caro prezzo le misure restrittive poste in essere“. Il problema dei club è principalmente uno. La mancanza di liquidità è arrivata a livelli tossici, un Everest da scalare senza i mezzi per farlo. La sola Serie A denuncia una perdita dal lockdown in poi di 600 milioni di euro. Di questi (200 nella parte finale della scorsa stagione, altri 400 fino a dicembre), il 65% è frutto dei mancati incassi da botteghino, il 35% da mancati incassi da sponsorizzazione.  Di fatto, da marzo sono crollate le voci che, in questa fase, consentono normalmente di avere riserve di cassa a cui attingere per i pgamenti, ossia gli abbonamenti allo stadio, i biglietti delle partite, e anche una rata dei diritti tv, visto che Sky non ha mai versato l’ultima della stagione scorsa. Il cappio è stretto, le risorse esaurite, gli sponsor hanno ridotto se non annullato i versamenti visto che la visibilità negli stadi è azzerata. continua a leggere

Coronavirus, da Torino a Catania cittadini in piazza contro le misure anti Covid


articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_ottobre_26/coronavirus-torino-catania-cittadini-n-piazza-contro-misure-anti-covid-80c17e60-178a-11eb-a554-aa444d891737.shtml?fbclid=IwAR0COpIhaypUiggNIDVeZ4YoaPMasoX_-An-fIedp1SZc_aXpDb0QQoP3tM

Convalidati 4 arresti per i disordini di Roma. Sale la preoccupazione in tutta Italia. Da Torino a Catania la mappa del malcontento delle categorie colpite della stretta, imposta dal governo per fermare il contagio

Prima è venuta Napoli, con gli scontri che venerdì hanno causato feriti e due arresti, e domenica il corteo nelle vie centrali e il sit-in al Vomero. Poi Roma, con un raduno di Forza Nuova e e altri gruppi, dove sono state lanciate bombe carta e oggetti contro i poliziotti costati l’arresto, convalidato ieri, a quattro manifestanti: due per resistenza a pubblico ufficiale e due per danneggiamento, in attesa del processo per direttissima che si terrà a novembre. Ma altri sit-in e manifestazioni improvvisati stanno sorgendo da Torino a Terni, da Bari a Catania. Ecco la mappa. E le richieste di sindaci e regioni. continua a leggere

Donnarumma e Hauge positivi al Covid oltre a 3 membri dello staff


Donnarumma e Hauge positivi al Covid oltre a 3 membri dello staff: il Milan teme focolaio prima della partita con la Roma

articolo: https://www.corriere.it/sport/20_ottobre_26/gigio-donnarumma-hauge-positivi-covid-oltre-3-membri-staff-duro-colpo-il-milan-poche-ore-partita-la-roma-si-teme-focolaio-c7354b34-176b-11eb-a554-aa444d891737.shtml?fbclid=IwAR33PcPK_D4S7iFh1Wl4UTRSwVmsP0_yHWeCm0Ts0Jve-z3n6RjQhyd14Jw

Nell’ultimo giro di tamponi sono risultati infatti positivi tra i rossoneri sia il portiere che l’attaccante norvegese, oltre a altri membri del gruppo squadra, deciso l’isolamento a Milanello

Duro colpo per il Milan, a poche ore dall’importante partita di campionato con la Roma (San Siro h.20.45). Nell’ultimo giro di tamponi sono risultati infatti positivi sia il portiere Gigio Donnarumma, che il neoacquisto rossonero, l’attaccante norvegese Hauge, oltre a 3 membri dello staff appartenenti al gruppo squadra. Si è deciso l’immediato isolamento di tutti i componenti del team nella «bolla» di Milanello per almeno 10 giorni. Si teme infatti possa trattarsi di un vero e proprio focolaio.

Il resto del gruppo negativo – Questo il comunicato della società rossonera: «AC Milan comunica che gli esiti pervenuti ieri sera dal laboratorio hanno riscontrato una positività al tampone di Gianluigi Donnarumma, Jens Petter Hauge e di altri tre membri del gruppo squadra. Tutti sono asintomatici, sono stati immediatamente sottoposti ad isolamento domiciliare e sono state informate le autorità sanitarie locali. Oggi tutto il gruppo squadra è stato testato nuovamente, come da protocollo, e non sono risultate nuove positività».

Nuovo Dpcm – 25 ottobre 2020


articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_ottobre_25/nuovo-dpcm-spostamenti-negozi-sport-ristoranti-feste-cosa-si-puo-fare-cosa-vietato-prima-le-18-360c48d6-16c3-11eb-b530-8ca6e758b252.shtml

Il nuovo Dpcm fissa nuovi orari dei locali pubblici, raccomanda di limitare gli spostamenti e gli incontri conviviali. Ecco che cosa si potrà fare prima delle 18 e che cosa invece è vietato.

DPCM_24ottobre_NEW

Coprifuoco nelle Regioni – 

Dopo le 18 – 

  • Si può andare al lavoro, ma è stato incentivato il ricorso allo smart working
  • Si può andare a fare jogging e attività motoria all’aperto e nei circoli sportivi
  • Si può ordinare cibo a domicilio
  • Si può acquistare cibo da asporto fino alle 24 ma è vietato consumarlo sul posto e nelle adiacenze del locale
  • Si può andare al supermercato e nei negozi alimentari
  • Si può andare in farmacia
  • Si può andare a fare shopping rispettando lo scaglionamento di ingresso nei negozi e all’interno le misure di distanziamento
  • Si può andare dal parrucchiere e nei centri estetici
  • Si può andare nei musei ma con ingressi contingentati
  • Si può andare a casa di amici anche se nel Dpcm  «è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza»
  • Si possono prendere i mezzi pubblici – autobus e metropolitane – anche nel Dpcm «è fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi»
  • Si può uscire dal proprio Comune
  • Si può uscire dalla propria Regione

 

La gloria e il fango


Inchiesta sul marciatore italiano Alex Schwazer e sul complotto che lo ha distrutto per aver infranto l’omertà dell’atletica dei record e dei signori del doping

Inchiesta su:  https://rep.repubblica.it/pwa/longform/2020/10/15/news/doping_il_complotto_contro_alex_schwazer_e_sandro_donati_la_gloria_e_il_fango_dell_atletica-270461097/?ref=RHPPTP-BH-I270616604-C12-P13-S1.12-T1

Calabria, è morta la presidente Jole Santelli


articolo: https://www.repubblica.it/politica/2020/10/15/news/calabria_muore_la_presidente_jole_santelli-270629214/?ref=RHPPTP-BH-I270631586-C12-P1-S1.12-T1

È morta nella notte la presidente della Regione Calabria Jole Santelli. La governatrice di Forza Italia era nella sua casa di Cosenza dove è stata trovata senza vita questa mattina dalla sorella. Santelli, che avrebbe compiuto 52 anni a dicembre, era malata di tumore da tempo. Ancora da accertare le cause del decesso. Ogni tentativo di soccorso è stato inutile.

La notizia ha lasciato esterrefatto il mondo politico calabrese e l’intera regione. Nulla infatti faceva sospettare che le condizioni di salute della presidente fossero compromesse o peggiorate a tal punto. Al contrario, era stata proprio lei qualche settimana fa a smentire le voci su un presunto aggravamento della malattia, bollandole come “cattiverie” e a riprova aveva tenuto a presenziare a diversi appuntamenti di campagna elettorale in tutta la regione.

“Sono addolorato, eravamo amici da una vita” dice il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, confermando la notizia. ”Jole è stata il stata il mio vicesindaco, mi è stata sempre vicina, una donna di una forza incredibile, non ho parole”.

Bruce Springsteen:………….


Bruce Springsteen: «Trump perderà e sarà la fine di un lungo incubo. E tornerò a San Siro»

Bruce Springsteen: «Trump perderà e sarà la fine di un lungo incubo. E tornerò a San Siro»

articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/20_ottobre_13/bruce-torno-mie-radici-6cebf8b8-0d83-11eb-ab2b-0d1500572ae8.shtml

Video: https://video.corriere.it/esteri/bruce-springsteen-canzone-floyd-dura-8-minuti-tempo-sua-morte/e9e14c7a-a743-11ea-b358-f13973782395

La leggenda americana presenta il nuovo album «Letter to you»: « Torno alle mie radici ed evoco gli anni della giovinezza anche nel dolore. Il Presidente? Perderà»

È un viaggio personale quello che affronta di Bruce Sprinsgteen in «Letter to You», il suo nuovo album. L’embrione del disco (esce il 23), il momento rivelatore, è stata la visita fatta nell’estate del 2018 a un amico malato. Si trattava di George Theiss, leader dei Castiles, la prima vera band di Bruce nella seconda metà degli anni Sessanta. «È morto pochi giorni dopo e questo mi ha reso l’ultimo membro in vita della mia prima band. Ho iniziato a scrivere con quel background, la prima canzone è stata proprio “Last Man Standing”, l’ultimo rimasto. Ci sono riferimenti a cose di quando avevo 14 anni ma anche di oggi», racconta Bruce in collegamento Zoom fra gli apparecchi e gli strumenti del suo studio di registrazione. Giubbino in pelle nera, t-shirt con scollo a «v», chiude gli occhi quando parla, come a cercare la concentrazione giusta per dare peso a ogni parola.

Viaggio personale sì, ma affrontato in compagnia. Il Boss torna a farsi accompagnare, dopo 8 anni, dalla E Street Band. «È un disco sui temi della perdita, della gioia di suonare e della splendida vita che fai in un gruppo rock’n’roll. Aver fatto così tanta strada integri, non senza liti, ma con quella fratellanza che viene dall’aver suonato sullo stesso palco per mille e una notti, è una benedizione»

Cristiano Ronaldo positivo al coronavirus


articolo: https://www.corriere.it/sport/20_ottobre_13/cristiano-ronaldo-positivo-coronavirus-1d4884e0-0d5e-11eb-ab2b-0d1500572ae8.shtml

Cristiano Ronaldo è risultato positivo al coronavirus. Il fuoriclasse della Juventus, 35 anni, è risultato positivo al virus Sars-Cov-2 ed è in isolamento, ma non avrebbe — secondo le prime notizie — sviluppato i sintomi del Covid.
La notizia è stata diffusa martedì pomeriggio dopo l’esito del tampone ed è stata confermata dalla federazione portoghese. Gli altri calciatori del team portoghese sono stati sottoposti oggi a nuovi test, tutti con esito negativo, e sono a disposizione di Fernando Santos per gli allenamenti di questo pomeriggio, a Cidade do Futebol.
Nella serata di martedì, Ronaldo avrebbe dovuto affrontare con il Portogallo la Svezia; sabato, con la Juventus, era in programma la gara di Serie A contro il Crotone.
Ronaldo dovrà ora rimanere in quarantena fino a quando non risulterà negativo al tampone.
Nelle ultime settimane, in parallelo con la crescita del numero di contagiati in Italia, anche molti componenti delle squadre di Serie A sono stati trovati positivi al coronavirus: tra loro Zlatan Ibrahimovic, del Milan (ormai guarito) e sei giocatori Meno di 24 ore fa, il campione portoghese aveva condiviso un’immagine sul proprio profilo Instagram, nella quale appare sorridente e senza mascherina con i compagni della nazionale portoghese. «Uniti, dentro e fuori dal campo!», si leggeva nel post.

La notizia della positività di Ronaldo sta facendo molto discutere, in quanto Cr7 era tra i giocatori che erano usciti dalla bolla della Juventus dopo la positività conclamata di alcuni appartenenti al gruppo squadra bianconero. Una scelta che aveva provocato sia un’inchiesta della procura di Torino, che quella della procura federale.

 

Strasburgo promuove app Immuni, rispetta la privacy


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2020/10/12/strasburgo-promuove-app-immuni-rispetta-la-privacy_1b1cc68d-e816-4d17-9bb0-f8f4e5d189b3.html

Ma dubbi Consiglio d’Europa su come autorità ottengano dati

L’Italia, adottando l’applicazione Immuni, ha rispettato molti dei principi sanciti dalla convenzione per la protezione dei dati del Consiglio d’Europa. In particolare è tra i pochissimi Paesi, insieme a Norvegia, Belgio, Francia e Finlandia, ad aver “preparato una legge specifica e ad aver fatto i necessari passi preliminari per limitare l’impatto di questo strumento sui diritti fondamentali“.

È quanto evidenzia il rapporto ‘Soluzioni digitali per combattere il Covid-19‘ che analizza gli effetti sul diritto alla privacy e alla protezione dei dati delle varie soluzioni tecnologiche, tra cui le app per tracciare i contatti, droni, scanner per la temperatura, utilizzate dai 55 Stati che hanno ratificato la convenzione sulla protezione delle persone al trattamento automatizzato di dati a carattere personale, conosciuta anche come convenzione 108, per combattere la pandemia.

Nel complesso la valutazione dell’Italia per quanto concerne l’app Immuni è positiva anche se a Strasburgo si osserva che “non è chiaro come le autorità stiano ottenendo dati dall’applicazione, che si basa su un sistema che salva le informazioni sui cellulari, per monitorare l’evoluzione della pandemia e per migliorare l’accuratezza del modello utilizzato da Immuni per stabilire se un contatto è sufficientemente rischioso da dover inviare una notifica”.

Vaccini contro l’influenza introvabili………..


Vaccini contro l’influenza introvabili: la resa della Regione Lombardia scattata un mese fa

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/10/12/news/vaccini_contro_l_influenza_introvabili_la_resa_della_regione_lombardia_scattata_un_mese_fa-270281483/

In un documento della centrale acquisti lombarda Aria la crisi sulle scorte era già nota: “Le condizioni di approvvigionamento sono complicate”

La preoccupazione per l’approvvigionamento dei vaccini antinfluenzali, in Regione, era tanta. Lo prova un documento pubblicato da Aria, la centrale acquisti di Palazzo Lombardia, tra gli allegati all’ultimo bando di gara. Una lettera con una serie di chiarimenti sulle procedure del bando che lascia trasparire – seppur con lessico burocratese – il panico che circolava nei corridoi di Aria a metà settembre e che smentisce i toni rassicuranti usati dall’assessore al Welfare la scorsa settimana.

Il documento è il numero 0045136, firmato dal responsabile unico del procedimento Carmen Schweigl l’11 settembre: “Le condizioni di approvvigionamento dei vaccini antinfluenzali, in concomitanza alla prolungata gestione dell’emergenza da Covid 19, risultano complicate“, scriveva Schweigl rivolta al direttore generale di Aria. Era il momento chiave per l’approvvigionamento delle dosi necessarie al fabbisogno della Regione: molte gare erano andate deserte, i prezzi erano lievitati e le dosi quasi introvabili. “Rispetto ad una normale campagna di prevenzione antinfluenzale – si legge ancora nel documento – l’approvvigionamento è garantito dall’importazione dall’estero di vaccini stranieri, non potendo le dosi di vaccino previste per l’Italia soddisfare le esigenze di Regione Lombardiacontinua a leggere

Covid: quarantena Juve, Procura Torino apre fascicolo


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2020/10/08/covid-quarantena-juve-procura-torino-apre-fascicolo_bbc22264-db9c-457d-87f7-a8792591c84f.html

Senza indagati e senza ipotesi reato, sulla vicenda dei sette juventini che hanno violato l’isolamento fiduciario sabato scorso.Calciatori rischiano multa

La procura di Torino ha aperto un fascicolo “K“, senza indagati e ipotesi di reato, sulla vicenda dei sette juventini che hanno violato l’isolamento fiduciario sabato scorso, mentre erano in attesa del secondo tampone, dopo che erano stati trovati positivi al Covid due membri dello staff bianconero.
    Il fascicolo è stato aperto dopo la segnalazione dell’Asl, avvisata dalla stessa Juve del comportamento di Bentancur, Cuadrado, Danilo, Dybala e Ronaldo, Buffon e Demiral, i quali avevano lasciato il ritiro al “J Hotel” per andare a casa o raggiungere le nazionali all’estero. I giocatori rischiano solo una multa di massimo di mille euro per la violazione. Infatti il fascicolo, visto che si tratta di un illecito amministrativo, è competenza della Prefettura.

Covid e Derby, con Gabbia e Radu salgono a 8 i contagiati e possibili assenti


articolo: https://www.corriere.it/sport/20_ottobre_09/covid-derby-gabbia-radu-salgono-8-contagiati-possibili-assenti-b7bc9c9a-0a17-11eb-86ad-2b1b791a9e6a.shtml

Il difensore del Milan e il portiere dell’Inter positivi al tampone: si aggiungono a Ibrahimovic, Duarte, Bastoni, Skriniar, Gagliardini e Nainggolan

Sale la febbre in vista del derby e non solo in senso metaforico. Fra i positivi riscontrati in Under 21 all’arrivo in aeroporto a Reykjavik e l’esito dei nuovi tamponi effettuati alla Pinetina salgono a otto i possibili assenti nella sfida del 17 ottobre.

Gabbia del Milan e Plizzari della Reggina sono i contagiati fra gli azzurrini mentre Radu è stato trovato positivo al tampone alla Pinetina dopo i controlli effettuati giovedì.

La sfida dell’Under 21 contro l’Islanda in programma per oggi alle 17.30 sarà annullata su disposizione dell’autorità sanitaria di Reykjavik. Uno dei due giocatori positivi è sintomatico. I contagiati dovrebbero rientrare in Italia con modalità separate dal resto della comitiva. Uefa e Figc sono in continuo contatto.

Morire di lavoro


articolo: https://rep.repubblica.it/pwa/longform/2020/10/09/news/morti_sul_lavoro_in_italia_dal_caso_thyssen_alla_torre_piloti_di_genova-269784855/?ref=RHPPTP-BH-I269936469-C12-P5-S1.12-T1

Inchiesta sulla più silenziosa delle stragi. Perché in Italia, ogni giorno, tre lavoratori perdono la vita nell’indifferenza di tutti

L’Italia celebra l’11 ottobre la sua settantesima giornata nazionale per le vittime del lavoro. E mai come quest’anno nella ricorrenza, nei numeri di una strage silenziosa che non conosce contrazioni, sono le stimmate della cattiva coscienza del nostro Paese, della sua distratta e cinica classe dirigente. Da gennaio ad agosto di quest’anno, 830 donne e uomini hanno perso la vita uccisi dal lavoro. Uno ogni 8 ore. Dal lunedì alla domenica. In cantieri non a norma, nelle campagne, negli anfratti dell’economia in nero. Abbiamo dato un volto e dei nomi ad alcuni di quei caduti, provando a restituire il senso di una statistica rubricata nei database dell’Inail alla voce “denunce con esito mortale”. Un viaggio in una notte di cui non si vede la fine. Espunta dal nostro racconto quotidiano, perché considerata parte del paesaggio. Come l’alternarsi del sole e della pioggia. Dove i morti vengono sepolti e dimenticati in fretta e i sopravvissuti convivono con il senso di colpa di avercela fatta e il tormento di un trauma di cui è impossibile cancellare il ricordo. Come Antonio Boccuzzi, operaio della Thyssen di Torino, unico superstite del rogo del 6 dicembre 2007. Simbolicamente, la madre di tutte le stragi sul lavoro. Non solo per le ragioni che la provocarono. Ma per la solitudine e il disinteresse in cui si è spenta la vicenda giudiziaria che pure, nella sua sentenza di primo grado, sembrava destinata a costituire le fondamenta di una nuova cultura della sicurezza e della prevenzione nei luoghi di lavoro.

“Un crimine di pace” – È un crimine di pace e sa perché non si riesce a frenarlo? Perché i morti non votano”. Il giudice Bruno Giordano si ferma un attimo percorrendo uno degli interminabili corridoi del “palazzaccio” e la sua voce buca il silenzio irreale del Palazzo di Giustizia in piazza Cavour a Roma, il mastodontico transatlantico di travertino che ospita la Corte Suprema di Cassazione.

Già, i morti non votano. Non voteranno più Davide, 22 anni, e Francesco, 25, i due fratelli Gennero che qualche settimana fa hanno chiuso gli occhi per sempre a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro. Una staffetta struggente iniziata nel silos per lo stoccaggio del mais dell’azienda agricola di famiglia a Madonna del Pilone di Cavallermaggiore, pianura cuneense, quando Davide si è accasciato soffocato dai gas di fermentazione e il fratello non ci ha pensato un attimo a calarsi giù per soccorrerlo, svenendo a sua volta. Davide è morto quel mattino stesso nel silos, Francesco qualche giorno dopo in ospedale. continua a leggere

Under 21, non solo Bastoni: due gli azzurrini positivi, l’altro è Carnesecchi


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Nazionali/EuroU21/07-10-2020/covid-non-solo-bastoni-sono-due-azzurrini-positivi-3802605123301.shtml?cmpid=SF_Facebook_Socialflow_nd_nd_nd&fbclid=IwAR2CZd8vFfoNRmLV63B-aGOUycEHzJrSJh0CXc-439NGEfhR9D4pdS36hww

Per il nerazzurro e il portiere dell’Atalanta, entrambi asintomatici, oggi un nuovo tampone. Squadra in isolamento e allenamento annullato

La conferma della positività al Covid-19 di Alessandro Bastoni è arrivata questa mattina dalla Nazionale Under 21, che in una nota, senza fare nomi, ha comunicato che al ritiro di Tirrenia due azzurrini sono risultati positivi dopo il secondo tampone effettuato ieri.

OGGI IL TERZO TAMPONE  – Il secondo Under 21 è Marco Carnesecchi, portiere dell’Atalanta. Entrambi erano negativi al test fatto come da protocollo domenica all’inizio del raduno, ma positivi a quello del giorno successivo anche se totalmente asintomatici. Oggi ne effettueranno un terzo: se dovesse essere ancora positivo verranno isolati, saltando quindi i match di qualificazione agli Europei con Islanda e Armenia, ma sono a rischio anche le gare alla ripresa del campionato, nel caso di Bastoni il derby Inter-Milan.


Piccolo giallo legato ad Alessandro Bastoni, che in questi giorni è in ritiro con l’Under 21 di Nicolato. Il difensore dell’Inter è infatti risultato positivo al covid dopo essere stato sottoposto al tampone nella giornata di oggi. Bastoni era stato testato anche ieri e il verdetto era stato opposto: negativo.

NUOVO TESTMercoledì  (oggi) lo staff medico dell’Under 21 procederà con un ulteriore test: nel primo pomeriggio sono attesi i risultati.

App Immuni supera i 7 milioni di download


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2020/10/05/app-immuni-supera-i-7-milioni-di-download_85248d34-46ea-49ab-8321-18ad3e820797.html

L’app Immuni supera la soglia dei 7 milioni di download. Al 4 ottobre, secondo i dati del ministero della Salute riportati dal sito ufficiale dell’applicazione, gli utenti che hanno scaricato il sistema per il tracciamento dei contagi da coronavirus, sono esattamente 7.036.898, circa 350mila in più rispetto all’ultima rilevazione del primo ottobre quando erano quasi 6.700.00

Nel corso del fine settimana c’è stata una mobilitazione del mondo dei media e delle istituzioni a scaricare l’app, visto l’aumento dei contagi. E oggi parte la settimana di sensibilizzazione voluta dal governo che termina l’11 ottobre.

Finora l’applicazione ha inviato 5.870 notifiche e al momento 357 utenti positivi hanno caricato i codici permettendo di avvisare le persone entrate in contatto con loro.

“Scarica l’App Immuni. Aiutateci a tenere bassa la pressione sugli ospedali. Aiutateci a garantire le cure anche ai malati non Covid-19”. Il sindacato nazionale dei medici ospedalieri Anaao-Assomed lancia l’appello dal suo sito per chiedere agli italiani di scaricare l’app e si unisce alla campagna a cui prendono parte istituzioni e media.

Dal 17 ottobre Immuni inizierà a dialogare con le sue omologhe europee. Uno strumento in più per tracciare i contagi in un momento in cui il virus corre anche negli altri paesi.

Italia, Germania e Irlanda saranno i primi a far parlare le loro app. Nell’Unione sono in tutto 15 i paesi che hanno adottato o stanno per adottare una app di tracciamento, la media dei download è del 10%. Una percentuale lontana dall’obiettivo del 60% affinché il sistema sia efficace nel contenimento della pandemia.

L’Asl di Torino segnalerà in Procura i calciatori della Juve che hanno violato l’isolamento


articolo: https://torino.corriere.it/sport/20_ottobre_06/asl-torino-segnalera-procura-calciatori-juve-che-hanno-violato-l-isolamento-88ce0740-0808-11eb-a1db-10b0d3200beb.shtml?fbclid=IwAR0VMdAFKWkLxml-iwAtcfJxTV6Rb2Kfl0XRcoVa3125kzTZ_iGIsrUXdH4

Bentancur, Cuadrado, Danilo, Dybala, Ronaldo hanno lasciato la città per raggiungere i ritiri delle rispettive nazionali nonostante la prescrizione causata dalla positività al Covid di 2 membri dello staff.

Nemmeno il tempo di arrivare alla fine del caso Juve-Napoli, che la questione bolla torna di attualità. E questa volta per quella bianconera. Pur proseguendo l’isolamento fiduciario di tutto il gruppo, iniziato sabato dopo la positività di due elementi dello staff esterno, lunedì mattina alcuni giocatori hanno lasciato la Continassa: Rodrigo Bentancur, Gigi Buffon, Juan Cuadrado, Danilo, Merih Demiral, Paulo Dybala e Cristiano Ronaldo. Chi per tornare a casa, chi per raggiungere in tempo il ritiro della propria Nazionale: motivazioni che poco possono in ogni caso interessare la Juve, una volta abbandonato il ritiro la responsabilità dei comportamenti è individuale.

Già lunedì la società bianconera aveva segnalato alla Asl la decisione dei suoi tesserati di interrompere l’isolamento presso la struttura designata (il J Hotel) per proseguirlo altrove. Di ieri la notizia – dovuta – di una segnalazione da parte dell’Asl alla Procura, cui spetterà verificare l’effettivo rispetto dell’isolamento dei giocatori, per quanto non sarà complicato capire chi ha già abbandonato l’Italia: i vari Ronaldo, Dybala, Danilo, Bentancur e Cuadrado avrebbero infatti già raggiunto i ritiri delle rispettive nazionali.  continua a leggere

Chiusa la battaglia legale per ‘Stairway to heaven’


Chiusa la battaglia legale per ‘Stairway to heaven’. Hanno vinto i Led Zeppelin

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2020/10/06/news/chiusa_la_battaglia_legale_per_stairway_to_heaven_hanno_vinto_i_led_zeppelin-269640619/

Il bassista degli Spirit, Mark Andes, assieme agli eredi di Randy California, morto nel 1997, aveva lanciato una azione legale per violazione del copyright perché sosteneva che il brano fosse troppo simile alla loro ‘Taurus’

La lunga battaglia legale che ha visto al centro uno dei brani cardine della storia del rock, Stairway to heaven è finita: La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso di non riaprire il caso, chiuso con la vittoria dei Led Zeppelin contro gli eredi del musicista e leader degli Spirit, Randy California. Quindi, secondo la legge, Jimmy Page e Robert Plant non hanno copiato Taurus, brano degli Spirit scritto da Raqdny California.

La controversia era arrivata fino alla Corte Suprema dopo una vicenda giudiziaria iniziata nel 2014, quando il bassista degli Spirit, Mark Andes, assieme agli eredi di Randy California, morto nel 1997, aveva lanciato una azione legale per violazione del copyright contro Page e Plant e un’ingiunzione per bloccare ogni pubblicazione dell’album, IV dei Led Zeppelin. Lo scopo era quello di ottenere la firma di California sul brano, il cui arpeggio introduttivo di chitarra assomigliava a quello di Taurus.  Se l’azione legale avesse avuto successo gli eredi non avrebbero comunque ricevuto nulla dei passati guadagni della canzone, stimati attorno ai 550 milioni di dollari, ma solo i compensi relativi ai diritti per i profitti futuri.  continua a leggere

Led Zeppelin – Stairway to Heaven Live

Spirit – Taurus

Napoli, protocollo violato? La procura federale indaga


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/napoli/2020/10/05/news/giocatori_napoli_tamponi_ritiro_castel_volturno-269547932/?ref=RHPPTP-BH-I269522483-C12-P3-S1.8-T1

Aperto un fascicolo sulla ipotesi della violazione delle norme sanitarie da parte della società di Aurelio De Laurentiis. Sotto la lente di ingrandimento i fatti della scorsa settimana, frenetica e piena di colpi di scena. La ricostruzione

NAPOLI – I fronti aperti sono due, con l’allarme sanitario ancora in piena evoluzione e i primi passi della battaglia legale, che per il Napoli è invece appena iniziata. In mattinata Gattuso e i giocatori sono stati sottoposti a un altro tampone, il cui sarà reso noto l’esito nel pomeriggio o in serata. Solo gli azzurri negativi saranno ovviamente autorizzati dalla Asl a lasciare le loro abitazioni (dove sono stati messi in isolamento) per raggiungere il centro sportivo di Castel Volturno, dove dovranno trasferire il loro domicilio per trascorrere le prossime due settimane in quarantena e in ritiro. Il club attende nel frattempo le decisioni del giudice sportivo sulla partita non giocata a Torino contro la Juventus e sta preparando una memoria difensiva su richiesta della Procura Federale, che ha aperto un fascicolo sulla ipotesi della violazione del protocollo sanitario da parte della società di Aurelio De Laurentiis. Sotto la lente di ingrandimento i fatti della scorsa settimana, frenetica e piena di colpi di scena. continua a leggere

Ventimiglia, quinto cadavere recuperato in mare


articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2020/10/04/news/ventimiglia_due_cadaveri_recuperati_in_mare-269424149/?ref=RHPPTP-BH-I269284006-C12-P3-S1.8-T1

Ventimiglia, 04 ottobre 2020 – Salgono a cinque i corpi senza vita che affiorano in mare nel Ponente della Liguria dopo la drammatica alluvione di sabato che ha colpito la regione. Si tratta di cinque uomini. In mattinata, la Guardia Costiera ha recuperato i primi due corpi: uno davanti alla spiaggia, tra i Tre Ponti e la Vesca, a Sanremo e, successivamente, già arrivata a riva, un’altra persona senza vita è stata trovata a Ventimiglia. Le operazioni sono state complesse a causa delle proibitive condizioni del mare e del vento che continuano a sferzare tutta la costa della Liguria. Si teme che appartengano ad alcuni dei dispersi e che sia stata la piena del Roja ad averli trascinati a mare. Per ora non si sono ancora rintracciate le identità delle vittime. Un terzo corpo è stato rinvenuto, lungo il fiume Roya, in località Trucco, frazione di Ventimiglia. Ed è riaffiorato vicino alla spiaggia dei Tre Ponti, poco distante dal primo ritrovamento, anche il quarto cadavere. Il quinto, è stato ritrovato nel tardo pomeriggio nel porto della Marina degli Aregai, a Santo Stefano al Mare.  continua a leggere

03 ottobre 2020 – Maltempo a Ventimiglia, crolla il ponte sul fiume Roya

03 ottobre 2020 – Maltempo, frane e allagamenti in valle

Incubo alluvione nel Cuneese, al confine con la Francia:


Incubo alluvione nel Cuneese, al confine con la Francia: il numero dei dispersi sale a undici. Cirio: “Stato di emergenza per il Piemonte, in alcune zone è peggio che nel ’94”

articolo: https://torino.repubblica.it/cronaca/2020/10/02/news/l_incubo_alluvione_nel_cuneese_limone_allagata_e_isolata_dopo_500_millimetri_di_pioggia_in_12_ore-269277365/?ref=RHPPTP-BH-I269284006-C12-P1-S1.8-T1

Tre sono volontari di una cooperativa di Cuneo a bordo di un furgone il Val Roya, un altro è un pastore travolto da un torrente. Ricerche in corso anche in Valsesia, dove un ragazzo è finito con l’auto in un fiume. In Valle Gesso nessuna notizia di un gruppo di sei escursionisti tedeschi. Salvate cinque persone intrappolate nella galleria del Tenda. Nel Vercellese interrotti i treni interregionali sulla Torino-Milano e l’autostrada A4

Cinque dispersi per l’emergenza maltempo in Piemonte: quattro nel Cuneese, al confine con la Francia, e uno in Valsesia, nel Vercellese. Una vittima in Valle d’Aosta, dove un vigile del fuoco volontario è stato travolto e ucciso da un albero. Preoccupazione anche per un gruppo di sei escursionisti tedeschi, che non è rientrato da un trekking in alta valle Gesso, in provincia di Cuneo. Sul Piemonte, rileva l’Arpa, si è abbattuta una quantità di pioggia mai vista, tanto che è stato superato il record registrato nel 1958. Il presidente della Rfegione Alberto Cirio ha chiesto al governo lo stato d’emergenza: “In alcune zone i sindaci lamentano danni peggiori di quelli dell’alluvione del 1994”. Per i vigili del fuoco  “la situazione è drammatica. Circa 150 vigili lavorano senza sosta dalla notte sul versante del Tenda, che cercheremo di raggiungere in treno, perché la strada è bloccata” dice il comandante del distaccamento di Cuneo, Vincenzo Bennardo.  continua a leggere

FORTI PIOGGE, VENTO E FRANE IN PIEMONTE: CHIUSO IL COLLE DI TENDA

ALLUVIONE VENTIMIGLIA (OTTOBRE 2020)

Tonnellate di rifiuti speciali illegali, sequestrata un’azienda in Brianza


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/09/30/news/monza_sequestro_rifiuti_speciali_e_impianto-268966585/

Impianto fuorilegge scoperto dai carabinieri in provincia di Monza, denunciata un’imprenditrice 58enne

I carabinieri del Noe di Milano hanno sequestrato un impianto di trattamento rifiuti in provincia di Monza (comprese 600 tonnellate di rifiuti speciali) e denunciato la titolare della ditta, una 58enne milanese, per il reato di attività di gestione dei rifiuti non autorizzata e violazione delle autorizzazioni in materia ambientale. Si tratta della Brieco Ambiente di Limbiate.

L’operazione fa seguito al sequestro nei mesi scorsi di una dozzina di capannoni industriali adibiti a discariche abusive, dove sono state scoperte oltre 15mila tonnellate di rifiuti, per lo più plastici. Nell’ambito delle attività di monitoraggio i militari del Nucleo operativo ecologico sono arrivati all’impianto gestito dalla 58enne, regolarmente autorizzato al trattamento dei rifiuti ma comunque operativo in violazione delle norme in ambito ambientale. Nella struttura erano stipate le 600 tonnellate di rifiuti costituiti principalmente da imballaggi misti, materiali inerti, carta da macero e rottami ferrosi.

I carabinieri del Noe, con il supporto dei colleghi della compagnia di Desio, hanno inoltre sequestrato un autocarro, due rimorchi e 4 mezzi meccanici utilizzati per la movimentazione e lo stoccaggio dei rifiuti, il tutto per un valore complessivo stimato di circa 2 milioni di euro. Al proprietario è stato imposto di provvedere, entro le prossime settimane, al ripristino dei luoghi e alla rimozione e smaltimento dei rifiuti in eccesso. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Francesco De Tommasi, proseguono per accertare se e quanti rifiuti speciali abbia smaltito illegalmente l’azienda.

Danno fuoco a gel sul tram a Milano,


Danno fuoco a gel sul tram a Milano, autista spegne incendio

articolo: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2020/09/30/danno-fuoco-a-gel-sul-tram-a-milano-autista-spegne-incendio_2207b3a7-5f58-4d90-8527-494ab9795dca.html

Atto vandalico sul 14, danneggiati dispenser e sedile

80dbe32519082c3813f509059dbaf0da

(ANSA) – Milano, 30 settembre 2020 – Hanno dato fuoco al dispenser del gel igienizzante presente su alcune linee dell’Atm a Milano e poi sono scappati. E’ l’atto vandalico compiuto ieri sera attorno alle 20 probabilmente da alcuni ragazzini sul tram 14, arrivato al capolinea in fondo a via Lorenteggio, con l’autista costretto a prendere l’estintore in dotazione su ogni mezzo e spegnere il principio d’incendio che si stava propagando sulla vettura.
Sono stati danneggiati un sedile e ovviamente il dispenser da “un atto vandalico che avrebbe potuto anche creare conseguenze più gravi se non fosse stato per il pronto intervento del dipendente Atm“, come si legge sulla pagina Facebook Tranvieri di Milano che ha pubblicato la foto dell’autista che spegne l’incendio con maschera antigas ed estintore. (ANSA).

Tir carico di sostanze tossiche messo in sicurezza dai vigili del fuoco


47d514db89ba887685b2b44bb3616e00_XL

articolo: https://www.pocketnews.it/rozzano/item/3447-tir-carico-di-sostanze-tossiche-messo-in-sicurezza-dai-vigili-del-fuoco?fbclid=IwAR1fCEugnV0tu7AeJARNjVMmQrSRVsSpxYWPdnvix7QiKpceG1vrJcbkRHY

Il pesante automezzo si era inclinato su di un fianco e correva il rischio di riversare in strada il suo pericoloso contenuto

L’allarme è scattato alle 17.50. I Vigili del Fuoco di Milano sono intervenuti in forze in Via Achille Grandi a Rozzano con una autopompa a serbatoio, un’autogru ed il Nucleo Nbcr (nucleare, biologico e chimico) per mettere in sicurezza un camion contenente sostanze tossiche inclinato su di un fianco.

 I pompieri hanno lavorato a lungo prima di riuscire a rimettere in linea il pesante automezzo. Nessuno e rimasto ferito. Nessun tipo di sostanza è andata dispersa il carico è rimasto integro.

 Nonostante le richieste di curiosi e operatori dell’informazione, non è stato reso noto il contenuto dell’autoarticolato e nemmeno i danni che avrebbe potuto provocare se ll’automezzo non fosse stato messo in sicurezza.

Referendum in Svizzera,


Referendum in Svizzera, vince il No: cittadini Ue e frontalieri potranno continuare a circolare

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/09/27/news/svizzera_referendum_frontalieri_lbera_circolazione_unione_europea-2686841

Le prime proiezioni indicano i contrari oltre il 63 per cento, ma il risultato si ribalta in Canton Ticino. La proposta della destra populista per modificare la Costituzione

La Svizzera dice ‘No‘ alla proposta della destra populista di modificare la Costituzione in modo da dare accesso preferenziale alle persone con cittadinanza svizzera a occupazione, previdenza sociale e sussidi: questo avrebbe implicato l’abolizione degli accordi di libera circolazione con l’Ue (l’area Schengen), con conseguenze per i lavoratori transfrontalieri italiani e non solo. Le prime proiezioni del voto che si è svolto oggi – e che si è chiuso a mezzogiorno – danno i No oltre il 63 per cento. ma non è così nel Canton Ticino, quello più vicino all’Italia dove da sempre ci sono frizioni con i lavoratori che ogni giorno passano il confine: qui il Sì è in vantaggio.

La proposta era stata presentata dal populista Partito popolare svizzero (Svp). I cittadini erano chiamati a esprimersi anche su altri temi: sul congedo retribuito di paternità avrebbe vinto il sì; gli svizzeri avrebbero detto invece no a maggiori deduzioni fiscali per i figli; incerti gli esiti della votazione sull’acquisto di aerei da combattimento fino a 6 miliardi di franchi entro il 2030 e sulla modifica della legge sulla caccia dei lupi per mantenere bassa la loro popolazione.

Genoa, Perin positivo al Covid: col Napoli si gioca domenica alle 18


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/genoa/2020/09/26/news/perin_positivo_covid-268581059/

Il portiere aveva la febbre, il tampone ha rilevato il contagio. Ora tamponi per tutti, la squadra partirà in aereo solo poche ore prima della partita. Calcio d’inizio alle 18 di domenica (era in programma alle 15). Maran: “Loro forti, ma nessuna squadra è invincibile”

GENOVA – Vigilia della prima trasferta della stagione segnata dalla positività di Mattia Perin in casa Genoa. Il portiere rossoblù è in isolamento “sotto stretto controllo dello staff medico”. Positicipato il calcio d’inizio della partita di Napoli: si giocherà domani alle 18, dopo che la partenza della squadra per Napoli è stata rinviata a domani mattina: il volo charter era previsto per oggi alle 15, ma tutta la squadra è stata sottoposta ai tamponi e i risultati si conosceranno solo stare. Maran al San Paolo dovrà quindi fare i conti con l’assenza del suo portiere, “ma nessuna squadra è invincibile”, ha spiegato parlando degli avversari. 
Mister quale è la situazione dei convocati? – “Mancheranno Sturaro, Cassata, Criscito, Jagiello e Perin che era già a casa con un po’ di febbre ed è risultato positivo al tampone. L’abbiamo saputo poco prima dell’allenamento di questa mattina ma la squadra non ha avuto contraccolpi allenandosi con la consueta serietà. Adesso naturalmente seguiremo tutti i protocolli del caso”.  continua a leggere

Galles, villaggio resta senza Internet alla stessa ora per un anno e mezzo


Galles, villaggio resta senza Internet alla stessa ora per un anno e mezzo: era colpa della tv di due pensionati

articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/20_settembre_25/galles-villaggio-resta-senza-internet-stessa-ora-un-anno-mezzo-era-colpa-tv-due-pensionati-2f761492-ff18-11ea-bab8-81c46a04ebd3.shtml

Curiosa vicenda dal piccolo centro di Aberhosan (circa 400 abitanti). A venire a capo del dilemma gli esperti di Openreach: «I coniugi erano mortificati, non la useranno più»

Nell’ultimo anno e mezzo i circa 400 abitanti del tranquillo villaggio di Aberhosan, in Galles, hanno avuto a che fare con uno strano problema: ogni mattina intorno alle 7 la connessione Internet smetteva inspiegabilmente di funzionare. Per lunghi mesi gli ingegneri locali hanno tentato di venire a capo del dilemma, conducendo test e sostituendo intere componenti dell’infrastruttura. Alla fine, però, a svelare l’arcano sono stati gli esperti di Openreach, la società fornitrice del servizio. Il loro sospetto — poi rivelatosi fondato — era che alla base dell’anomalia potesse esserci un fenomeno, noto come «Shine» (Single High-level Impulse Noise), che avviene quando un dispositivo emette interferenze elettriche in grado di influenzare la connessione a banda larga.

vintagetv-cf-cropped-123-0-1417-1062_ori_crop_MASTER__0x0

Caccia al colpevole – C’era un solo modo per verificare l’ipotesi: armarsi di un sistema di misurazione e aggirarsi nell’area alla ricerca di segnali utili. «Utilizzando un dispositivo chiamato analizzatore di spettro — ha raccontato l’ingegner Michael Jones, a capo del team — abbiamo camminato su e giù per il villaggio sotto la pioggia torrenziale alle 6 del mattino per vedere se riuscivamo a trovare un “rumore elettrico” a supporto della nostra teoria. Ebbene, alle 7 è puntualmente successo! Il nostro dispositivo ha rilevato una forte esplosione di interferenza elettrica nel villaggio». Seguendo la traccia, gli «investigatori» sono quindi arrivati di fronte alla casa di una coppia di pensionati: la colpa era tutta del loro vecchio televisore, continua a leggere

Maltempo: tromba d’aria Alghero, capannone crolla su furgone


articolo: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/09/25/maltempo-tromba-daria-alghero-capannone-crolla-su-furgone_a7ace0a6-7c55-4e72-9549-1fc9e964b0e6.html

Una tromba d’aria si è abbattuta in tarda mattinata sulla zona industriale San Marco, ad Alghero, provocando numerosi danni alle aziende che hanno sede nell’area. I venti fortissimi accompagnati da violente scariche di pioggia, hanno causato il crollo di un capannone che ha anche schiacciato un furgone parcheggiato all’esterno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Per fortuna al momento del cedimento, all’interno del capannone non c’era nessuno, così come nessuno era seduto dentro il mezzo pesante in sosta accanto alla struttura caduta.

b4cc534ffa6ac2c553ca4e6d1b1e2841

BURRASCA DI FINE ESTATE – Arriva in Sardegna la burrasca di fine estate. In questi giorni l’isola sarà interessata da una perturbazione che porta pioggia, temporali, vento con punte di 100 chilometri all’ora e un abbassamento delle temperature di dieci gradi. “Già da venerdì – spiega il meteorologo Matteo Tidili, di Rai Pubblica utilità – si verificheranno le prime piogge che da nord a sud si estenderanno su tutto il territorio regionale, rinforzandosi durante la notte”. Accanto alla pioggia, un forte vento di maestrale, con raffiche fino a 100 chilometri orari nelle zone particolarmente esposte, dove sono previste mareggiate anche violente. “Si registrerà un sostanziale abbassamento delle temperature – conferma l’esperto – con massime che passeranno dai 30 gradi attuali ai 19. Questo quadro climatico rimarrà sull’Isola per le giornate di venerdì e sabato“. Domenica nuovo peggioramento con piogge e temporali abbondanti nelle zone centrali e occidentali.

Maltempo, a Tradate scoperchiato l’ospedale…….


Maltempo, a Tradate scoperchiato l’ospedale. Esonda torrente, runner muore travolto dai detriti. A Milano alberi abbattuti dal vento

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/09/25/news/maltempo_un_disperso_e_sette_famiglie_evacuate_nel_varesotto_si_cerca_un_runner_che_si_era_addentrato_nel_bosco-268450891/

Danni ingenti, acqua nelle sale operatorie. Il runner era disperso da ieri pomeriggio, nella zona di Luvinate. Maltempo in tutta la Lombardia, risaie distrutte nel Pavese. Bomba d’acqua a Milanello

Raffiche di vento che hanno superato i 100 chilometri all’ora e pioggia battente hanno provocato questa mattina danni nel Varesotto. Una tromba d’aria si è abbattuta sull’ospedale di Tradate scoperchiando un’ampia parte del tetto. L’acqua, informa una nota, è riuscita ad infiltrarsi e a raggiungere le sale operatorie del quarto piano. Gli interventi chirurgici in corso sono stati portati a termine, poi l’attività operatoria è stata sospesa in tutto l’ospedale per decisione prudenziale della Direzione Medica. Le tegole, sollevate dal vento, in parte sono cadute sul sottostante parcheggio, in parte sono state sbattute dalle raffiche contro le finestre rompendo alcuni vetri del reparto di Pediatria. Degli alberi presenti nel parco uno è stato sradicato, cadendo verso la vicina strada e danneggiando alcuni autoveicoli. Molti rami sono stati spezzati ma non risultano danni a persone. Danni ingenti anche nei pressi della chiesa di Santo Stefano dove il vento ha scoperchiato una grossa porzione di tetto che si è abbattuto su alcune macchine parcheggiate.  continua a leggere

I danni a una scuola di Tradate –

Tromba d’aria su Tradate

Maltempo, a Tradate scoperchiato l'ospedale. Esonda torrente, runner muore travolto dai detriti. A Milano alberi abbattuti dal vento

tromba-d-aria-tradate-1177133

tromba-d-aria-tradate-1177136.610x431