Terremoto tra Turchia e Siria, oltre 830 morti e migliaia di feriti


Violento terremoto tra Turchia e Siria, si teme un disastrohttp://www.3bmeteo.com

articolo Redazione ANSA: Terremoto tra Turchia e Siria, oltre 830 morti e migliaia di feriti – Medio Oriente – ANSA

Scossa di magnitudo 7.8 nella notte. Farnesina, per ora nessun connazionale coinvolto nel sisma

Sono oltre 831 le persone che hanno perso la vita per il terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito nella notte il sud est della Turchia e il nord della Siria.

TurchiaAlmeno 284 i morti, e almeno 2.323 i feriti, nelle province turche interessate dal sisma (Adana, Malatya, Gaziantep, Diyarbakir, Hatay, Adiyaman, Osmaniye, Sanliurfa e Kahramanmaras) ma il bilancio è destinato a salire dal momento che il prefetto di Kahramanmaras – una delle province colpite – ha detto che non è ancora possibile capire quante siano le vittime mentre i danni sono ingenti.

Siria. Almeno 427 persone hanno perso la vita nel nord della Siria a causa del terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito nella notte le regioni sul confine turco. Lo ha fatto sapere la tv di Stato turca Trt. Sono almeno 284 le vittime nel sud est della Turchia dove c’è stato l’epicentro e 2.323 i feriti, ha fatto sapere il vice presidente turco Fuat Oktay. 
E’ salito a oltre 120 il bilancio del morti nelle zone della Siria controllate dai ribelli provocati dal terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito la notte scorsa il sud della Turchia. In precedenza, un ospedale aveva riferito all’agenzia di stampa Afp che il terremoto aveva ucciso almeno otto persone nelle aree settentrionali controllate dalle fazioni filo-turche.

La ong di protezione civile siriana White Helmets (Caschi Bianchi) ha dichiarato lo stato di emergenza nel nord-est del Paese e ha lanciato un appello alle organizzazioni umanitarie internazionali affinché intervengano con aiuti in tempi rapidi. Il sisma è avvenuto alle 4:17 del mattino (le 2:17 ora italiana) e ha avuto il suo epicentro nei pressi di Gaziantep, città del sud est della Turchia a una cinquantina di chilometri dal confine siriano. Centinaia gli edifici distrutti dal sisma: oltre alle abitazioni, è quasi completamente crollata la Chiesa dell’Annunciazione di Iskenderun, cattedrale cattolica risalente al 19esimo secolo. Ridotto a un cumulo di macerie il castello di Gaziantep, struttura di epoca romana costruita nel terzo secolo. Le operazioni di soccorso continuano, si stima che moltissime persone siano ancora sotto le macerie e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan viene costantemente informato sulla situazione. continua a leggere

Terremoto: scossa di 4.1 gradi in provincia di Forlì-Cesena


26 Gennaio 23articolo di Redazione Metronews: Terremoto: scossa di 4.1 gradi in provincia di Forlì-Cesena – MetroNews

Terremoto in provincia di Forlì-CesenaL’evento sismico è stato registrato alle ore 11.45 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con magnitudo 4.1. La Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio Nazionale della Protezione civile. Dalle prime verifiche effettuate l’evento risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose.

A Cesenatico evacuate scuole – A seguito della scossa di terremoto che ha colpito Cesenatico, alle 11.45, il sindaco della cittadina in provincia di Forlì-Cesena, Matteo Gozzoli, tramite il suo profilo Facebook ha fatto sapere che tutti gli studenti sono stati fatti uscire dagli istituti scolastici e che l’amministrazione comunale è in contatto con la Protezione civile. “Invitiamo i genitori, appena possono, ad andare a prendere i bambini – scrive il sindaco sul suo profilo social -. Nel frattempo, il personale scolastico attenderà all’esterno fino all’arrivo del trasporto pubblico. Stiamo già controllando gli edifici”. Nell’attesa di aggiornamenti, il primo cittadino romagnolo ha pubblicato un post in cui ricorda tutti i comportamenti da adottare e tenere durante e dopo il terremoto. Quella delle 11.45, di magnitudo 4.1, è stata la quinta scossa in poche ore: la prima, stamattina, è stata rilevata alle 5.44 a Cesenatico (con magnitudo di 3.2), la seconda e la terza alle 6.22 e alle 7 a Gambettola (magnitudo 2.1 e 3.5) e la quarta era stata segnalata alle 7.08, sempre a Cesenatico (magnitudo 2.1). Secondo le prime informazioni, la quinta scossa, la più forte, sarebbe stata avvertita anche a Rimini.

Terremoto nella notte a Roma e provincia: nessun danno a persone o cose


articolo di Redazione Online: https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/23_gennaio_22/roma-scossa-terremoto-notte-nessun-danno-persone-o-cose-9bb5dace-9a08-11ed-9e01-a2e995b3e2a5.shtml

Roma, scossa di terremoto avvertita alle 2:46. La rilevazione dell’Ingv: magnitudo 3.2 a una profondità di 10 km. Poco prima delle 4 del mattino c’è stata un altra scossa in territorio italiano, questa volta lungo la costa nord orientale della Sicilia

Una scossa di terremoto è stata registrata alle 2:46 nella provincia est di Roma. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a circa 10 chilometri di profondità ed epicentro 8 km da Colonna e 9 da Tivoli.

La scossa di terremoto, ha specificato poi l’Ingv, è stata di magnitudo 3.2. Dopo la scossa, non si sono registrati danni a persone o cose.

Poco prima delle 4 del mattino, c’è stata un altra scossa in territorio italiano, questa volta lungo la costa nord orientale della Sicilia, con epicentro in mare. Lo fa sapere l’Ingv. La magnitudo è stimata di 2.7.

Due forti scosse di terremoto in Albania


articolo: Due forti scosse di terremoto in Albania (agi.it)

La stima preliminare della magnitudo è pari a 5.2 e 4.8 gradi. L’epicentro a Nord-Est di Tirana

AGI – 15 gennaio 2022

Due forti scosse di terremoto sono state registrate in Albania. La prima, alle 22:37 è stata avvertita a Kokuma e Xibrita, a Nord-Est di Tirana. La stima preliminare della magnitudo è 5.2 della scala Richter. La seconda è avvenuta poco dopo, più vicina alla capitale albanese, e aveva una magnitudo stimata a 4.8

Sono state poi riviste a 4.7 e 4.1 le stime preliminari del sisma. Le scosse, a distanza di sette minuti l’una dall’altra, sono state avvertite in tutto il Paese e nel resto dei Balcani, in particolare in Macedonia del Nord. Dopo il secondo terremoto, la gente si è riversata nelle strade.
Secondo la stampa albanese, sono stati segnalati alcuni lievi danni nell’Unita’ Amministrativa di Xiber, Comune di Klos. Tutte le strutture della Protezione Civile sono in stand-by e in costante contatto con tutti i Comuni del Paese.

Dopo l’ondata di terremoti, tutti i servizi di emergenza del Comune di Tirana sono stati messi in piena allerta. Il sindaco Erion Veliaj invita i cittadini a segnalare eventuali problemi ai numeri di emergenza. “Un’ondata di terremoti è stata avvertita a Tirana. I nostri servizi di emergenza sono in piena allerta! Per eventuali problemi nelle abitazioni o nelle strade di montagna, si prega di avvisare immediatamente al n. 112 o i pompieri al n. 128. Prendetevi cura l’uno dell’altro!“scrive Veliaj su Twitter.

Terremoto Adriatico Settentrionale: scossa di magnitudo 3.7


articolo: Terremoto Adriatico Settentrionale: scossa di magnitudo 3.7 (notizie.it)

Oggi, giovedì 12 gennaio 2023, è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 in mare, nell’Adriatico Settentrionale

Nella mattinata di oggi, giovedì 12 gennaio 2023, si è verificata una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 in mezzo al Mar Adriatico Settentrionale, ad una profondità di 8 km. Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma.

Terremoto Vanuatu: violenta scossa di magnitudo 6.0 a Nokuku


articolo: Terremoto Vanuatu: violenta scossa di magnitudo 6.0 a Nokuku (notizie.it)

Una violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6.0, si è verificata nella mattinata di oggi, 11 gennaio 2023, a Nokuku.

Nella mattinata di oggi, mercoledì 11 gennaio 2023, intorno alle ore 9.39, si è verificata una forte scossa di terremoto a Nokuku (Vanuatu). La scossa registrata è stata di magnitudo 6.0, ad una profondità di 16 km, molto violenta, ma per il momento non ci sono dettagli su eventuali allarmi o danni.

Pozzuoli, terremoto con epicentro in zona Campi Flegrei Solfatara a 2,9 km di profondità


articolo: Pozzuoli, terremoto con epicentro in zona Campi Flegrei Solfatara a 2,9 km di profondità – Cronaca (quotidiano.net)

L’evento avvertito attorno alle 14 con un boato: magnitudo 2. Eevento analogo due giorni fa. Al momento non si segnalano danni

L’epicentro del terremoto secondo l’Istituto di Vulcanologia

Napoli, 10 gennaio 2023

È stato localizzato in zona Campi Flegrei/Solfatara, ad una profondità di 2.9 km, l’epicentro della scossa avvertita a Napoli, intorno alle 14.02 di oggi. Come rilevato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia la magnitudo è pari a 2.0. L’evento, scrive sulla sua pagina Fb il sindaco di Pozzuoli Gigi Manzoni, “potrebbe essere stato accompagnato da un boato avvertito dagli abitanti dell’area prossima all’epicentro. Sono in corso le verifiche sul territorio da parte della Polizia Municipale“. Al momento non si segnalano particolari danni. Due giorni fa un’altra scossa di magnitudo 2.4 era stata avvertita dai residenti e segnalata all’aministrazione comunale dall’Osservatorio Vesuviano. Anche in quell’occasione il sisma, prodotto alle 03.28 alla profondità di 2.1 km, era stato localizzato in zona Vulcano Solfatara

Indonesia, terremoto di 7.6 al largo della costa: allerta tsunami


articolo: https://www.ilmessaggero.it/mondo/indonesia_terremoto_oggi-7158015.html

Secondo le autorità locali, l’epicentro è stato registrato a 148 km a nord est del distretto di Tenggara Barat

Indonesia, terremoto di 7.6 al largo della costa: allerta tsunami

Una scossa di terremoto di magnitudo 7.6 è stato registrato al largo della costa orientale dell’Indonesia facendo scattare l’allerta tsunami. Lo rende noto l’Istituto geofisico statunitense USGS. Secondo le autorità locali, l’epicentro è stato registrato a 148 km a nord est del distretto di Tenggara Barat, ad una profondità sottomarina di 131 chilometri. L’allerta tsunami è stata diramata per la provincia di Maluku e per la vicina provincia di Sulawesi.

Terremoto Campania, quelle scosse che sollevano il suolo di un centimetro e mezzo al mese


articolo: https://www.ilmessaggero.it/italia/terremoto_campi_flegrei_bradisismo_ultime_notizie_aggiornate_2023-7148737.html

Il fenomeno si chiama bradisismo e ha causato l’ultimo sciame sismico

Si chiama bradisismo e si verifica quando pezzi interi di territorio si alzano. È un fenomeno collegato con i terremoti. Al Rione Terra di Pozzuoli, il centro del fenomeno del bradisismo, in questi ultimi due mesi il sollevamento della terra è raddoppiato rispetto a quanto avvenuto nei mesi precedenti, «passando da 7 a 15 millimetri al mese, un fenomeno che ha portato le tante scosse di terremoto avvertite nei Campi Flegrei». Così Francesca Bianco, ex direttrice dell’Osservatorio vesuviano di Napoli e oggi alla guida del Dipartimento vulcani dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, spiega all’ANSlo sciame di scosse che è stato avvertito tra la fine e l’inizio dell’anno nel Comune al centro dei Campi Flegrei, da sempre mosso dal bradisismo.

«È un fenomeno – spiega Bianco – che ci ricorda in maniera evidente che è in corso una crisi di bradisismo, i cittadini lo avvertono dalla sismicità, ma il sollevamento della terra e il sisma sono connessi intimamentea mano a mano che la crosta terrestre si solleva e si deforma, tende a rompersi portando al terremoto. A partire da novembre, abbiamo osservato un incremento in velocità di sollevamento pasata da 7 millimetri al mese a 15 millimetri al mese, un raddoppio. L’incremento resta per fortuna su valori bassi, non certo pari a un centrimetro al giorno, ma se c’è un incremento della velocità è ragionevole pensare che poi l’attività sismica si incrementi. Lo osseviamo nel numero di eventi, anche se per fortuna ancora su magnitudo non elevata, il maggiore è stato di 2,7 gradi quindi siamo ancora su bassa energia, ma l’epicentro è superficiale e quindi più avvertiti dai cittadini». continua a leggere

Terremoto di magnitudo 3.1 al largo di Pesaro


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/12/31/news/terremoto_marche_pesaro-381420559/

Epicentro in mare a 9 chilometri di profondità

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata all’1:37 davanti alla costa delle Marche. Secondo i dati dellIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9 chilometri di profondità ed epicentro in mare 28 chilometri a nordest di Fano e 33 a est di Pesaro. Non si segnalano danni a persone o cose.

Sempre in mare e sempre nel Pesarese era stato il sisma del 9 novembre che aveva raggiunto una magnitudo di 5.7

California, il più forte terremoto da vent’anni……


California, il più forte terremoto da vent’anni: magnitudo 6.4. Potente scossa di assestamento

articolo: https://www.leggo.it/esteri/news/terremoto_california_scossa_magnitudo_ultime_notizie_20_12_2022-7124584.html

Una scossa di terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito oggi la costa settentrionale della California

Terremoto e paura in California. Una scossa di terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito oggi la costa settentrionale della California: lo rende noto l’Istituto geofisico statunitense USGS. Il sisma è stato localizzato a una profondità di circa 16 km.

Terremoto in California di magnitudo 6.4 – La scossa è stata registrata a 12 km a sud-ovest di Ferndale, una cittadina nella Contea di Humboldt. Per ora non ci sono notizie di feriti o vittime. L’USGS segnala inoltre altre sette scosse minori nella stessa zona, di magnitudo compresa tra 2.5 e 4.6

Terremoto in Sicilia, scossa 4.1 tra province Catania e Ragusa


Dalle prime verifiche effettuate non sono stati segnalati danni

Terremoti: scossa nel Catanese – ANSA

articolo: https://www.adnkronos.com/terremoto-in-sicilia-scossa-41-tra-province-catania-e-ragusa_5ZJQnIzEc5gRgyhky3SOGP

08 dicembre 2022

Scossa di terremoto oggi in Sicilia. “A seguito dell’evento sismico registrato questa sera, alle ore 21:26, tra le province di Catania e Ragusa, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia con magnitudo ML 4.1“, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della Protezione Civile. Dalle prime verifiche effettuate “l’evento – con epicentro localizzato a Mazzarrone, in provincia di Catania – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni“. Ne dà notizia il Dipartimento della Protezione civile.

I vigili del fuoco del comando provinciale di Catania fanno sapere che “al momentonon sono pervenuterichieste d’intervento“.

Maremoto a Stromboli: tsunami di un metro e mezzo si abbatte sulla costa


articolo: Maremoto a Stromboli: tsunami di un metro e mezzo si abbatte sulla costa (msn.com)

Maremoto a Stromboli: tsunami di un metro e mezzo si abbatte sulla costa© Ingv

Un maremoto si è verificato al largo dell’isola di Stromboli provocando un’onda di tsunami alta circa un metro e mezzo. Il maremoto sarebbe stato provocato da un distacco sulla sciara del fuoco. Sull’isola sono risuonati gli allarmi, ma, secondo i primi accertamenti della Protezione Civile, non si registrano danni

Protezione civile: “Non si segnalano danni” – La protezione civile spiega che “intorno alle 16:20 si è registrato un distacco dalla sciara del fuoco del vulcano Stromboli che ha generato un’onda di maremoto di 1,5 metri“. “Sull’isola – continua il Dipartimento – sono entrate in azione le sirene per allertare la popolazione. Dalle verifiche effettuate, non sono stati segnalati danni a persone o cose. Il Dipartimento continuerà a seguire l’evoluzione dell’evento in costante contatto con le autorità locali e l’Ingv“.

Terremoto di magnitudo 5.9 in Turchia: decine di feriti, danni a molti edifici


articolo di Redazione Online: https://www.corriere.it/esteri/22_novembre_23/terremoto-turchia-23-novembre-2022-feriti-5fcde52c-6ae9-11ed-a6b2-6d41b7f61d74.shtml

La scossa nella notte, l’epicentro nei pressi di Duzce, città a 230 chilometri da Istanbul. Danneggiati diversi edifici

È di almeno 35 feriti il primo provvisorio bilancio della forte scossa di terremoto (5.9 gradi di magnitudo) che ha colpito stanotte il nordovest della Turchia nella notte fra il 22 e il 23 novembre, alle 4.08 ora locale, con epicentro a 15 km da Duzce (circa 230 km da Istanbul e 240 da Ankara), a 10 chilometri di profondità. Il terremoto è stato avvertito molte zone del paese è numerose sono le testimonianze sui social di persone che terrorizzate si sono riversate in strada in piena notte. Numerosi edifici hanno riportati danni.

Terremoto in Indonesia: devastata Giava, centinaia di morti e feriti


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2022/11/21/terremoto-in-indonesia-almeno-162-morti_1699ad1b-a8c2-42fb-8979-217fd0ca1091.html

Migliaia di case e quattro scuole sono crollate dopo la scossa, si cerca tra le macerie

Migliaia di case e quattro scuole crollate, con danni anche a un ospedale e alcune moschee: un terremoto di magnitudo 5.6 ha lasciato morte e distruzione a Giava, l’isola indonesiana più popolosa, nell’ennesimo sisma che ha colpito uno dei Paesi più esposti ai tremori.

Con tante persone ancora sotto le macerie e strade rurali interrotte dai detriti.

Il bilancio delle vittime è salito a 252 morti e centinaia di feriti, di cui molti in gravi condizioni. Il sisma ha avuto il suo epicentro nella regione collinosa di Cianjur (provincia di Giava occidentale) nel pomeriggio, 10 chilometri nel sottosuolo; una profondità scarsa, che aumenta il potenziale distruttivo dei terremoti. Secondo la Protezione civile indonesiana, almeno 2.200 case sono crollate parzialmente o totalmente, e gli sfollati sono oltre 5.300 continua a leggere

Terremoto di magnitudo 5.4 al largo dell’isola di Creta: avvertito in gran parte della Grecia


articolo di Redazione Esteri: https://www.corriere.it/esteri/22_novembre_21/terremoto-magnitudo-6-largo-dell-isola-creta-avvertito-gran-parte-grecia-622a301c-692e-11ed-b63c-9122e6aff993.shtml

Secondo il Centro dell’Ingv italiano l’ipocentro si trovava a una profondità di 80 chilometri

Una scossa di terremoto di magnitudo 5.4 è stata registrata all’1:25 ora locale (00:25 in Italia) nel mar di Creta, in Grecia. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio di monitoraggio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a circa 80 chilometri di profondità ed epicentro a circa 90 km dalla costa nordest di Creta. Non si segnalano al momento danni a persone o cose.

Terremoto nelle Marche, oggi: epicentro al largo di Pesaro


articolo di Redazione Cronache: https://www.corriere.it/cronache/22_novembre_20/terremoto-marche-oggi-c167dba4-689a-11ed-b63c-9122e6aff993.shtml

corriere.it

Prosegue lo sciame sismico nella zona dopo il terremoto del 9 novembre. L’ultimo evento all’alba di domenica. Al momento non si segnalano danni. Già 2.300 le verifiche dei vigili del fuoco negli ultimi dieci giorni.

Ancora una scossa davanti alla costa marchigiana. Un terremoto di magnitudo 4.3 è stata registrata nel mare di fronte Pesaro alle 6.20 di domenica mattina, seguita da una scossa di magnitudo 3.2 alle 6.23. L’epicentro del sisma, avvertito anche ad Ancona, è a 9 km di profondità, a 21 km a est di Fano e 28 km da Pesaro. Al momento non si registrano danni o problemi alle persone. continua a leggere

Il sisma è stato registrato alle ore 6.33 e ad una profondità di circa otto chilometri


Trema ancora la terra nelle Marche, con una scossa segnalata stamattina di magnitudo 2.6 nel Pesarese. Secondo i dati raccolti in tempo reale dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia il sisma in questione è stato registrato alle ore 6.33 nelle acque marine prospicienti la regione già colpita nei giorni scorsi da altri e più severi eventi e ad una profondità di circa otto chilometri.

Trema ancora la terra nelle Marche – L’ulteriore terremoto oggi nelle Marche ha fatto dunque registrare un’altra scossa, stavolta di magnitudo 2.6 è avvenuta questa mattina, intorno alle 6.33, sulla costa Pesarese ad una profondità di 8 km. E c’era stato un precedente, una sorta di “avvisaglie” anche nelle ore tardo serali di ieri, 13 novembre.

Ieri sera un altro evento di magnitudo 2.5 – Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma e già ieri sera, alle 22.37, una scossa di magnitudo 2.5 aveva colpito la stessa zona dopo un 3.9 di tre giorni fa, a una profondità di 9 km. Gli scienziati stanno analizzando i dati per asseverare la possibilità che questa ennesima scossa sia o meno parte di un lungo sciame sismico avviato giorni fa dopo la fortissima scossa di magnitudo superiore a 5 al largo di Fano. La scossa è stata avvertita da parte della popolazione con qualche segnalazione social e chiamata ai numeri di emergenza.

Terremoto: scossa di magnitudo 4 in mare nelle Marche, percepita ad Ancona


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/marche/notizie/2022/11/10/terremoto-forte-scossa-nella-costa-delle-marche-percepita-ad-ancona-_2476a98d-97b1-4eb1-90c0-7c280e73c05b.html

Prosegue lo sciame sismico in mare davanti alla costa marchigiana

Un’altra forte scossa, registrata in mare nella stessa zona marchigiana tra la costa pesarese e anconetana, è stata percepita distintamente anche ad Ancona.

In particolare nei piani alti dei palazzi è stata sentita distintamente.

E’ di magnitudo 4 e, secondo i primi dati dell’Ingv, è avvenuta alle 13.35 con epicentro nella costa marchigiana anconetana ad una profondità di 9 chilometri. Ieri la scossa di magnitudo 5.7 e poi le altre.

Tintinnio di specchi, movimento sussultorio del terreno, soprammobili che si spostavano e cane in allerta“. Un residente a Senigallia racconta all’ANSA i momenti della nuova forte scossa, magnitudo 4.0, registrata al largo della costa marchigiana in particolare nella zona Senigallia in provincia di Ancona alle 13:35. Una ‘botta‘ che è stata percepita anche nel Pesarese, a Fano, e ad Ancona. “L’abbiamo sentita distintamente, è stata molto forte ma breve“, riferisce un residente di Fano. Sono stati rivissuti per qualche attimo i momenti di ieri mattina quando due forti scosse 5.5 e 5.2, rilevate davanti alla costa pesarese, avevano causato momenti di panico (qualcuno si è ferito per scappare o per oggetti caduti addosso) e danni, seppure limitati, in vari centri marchigiani. “Quando ho sentito quelle forti scosse – racconta Mario Barbaresi, fanese, ex calciatore del Torino – ho preso i cani e sono uscito. Non scattavo così neanche quando giocavo“. La popolazione marchigiana resta in allerta. Serpeggia la paura di nuove scosse. Ieri sera, approfittando della chiusura oggi delle scuole, molti giovani si sono concessi qualche ora in più fuori casa. “I miei amici non volevano rientrare in casa per paura delle scosse. – racconta una giovane di Ancona – Dormiranno vestiti nel caso dovessero lasciare casa in fretta“. continua a leggere su ansa.it

Terremoto nelle Marche, nuova scossa di magnitudo 4.0

articolo: https://www.corriere.it/cronache/22_novembre_10/terremoto-marche-nuova-scossa-magnitudo-40-dcb3da50-60f9-11ed-9673-ac2373e240f3.shtml

L’evento avvertito distintamente ad Ancona e fa seguito allo «sciame» di ieri. L’epicentro in mare a 9 km di profondità

Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 4.0 è stata registrata alle 13.35 al largo della costa delle Marche a una profondità di 9 chilometri. Le vibrazioni sono state avvertite distintamente ad Ancona, specie negli edifici più alti. L’evento fa seguito allo «sciame» che ieri aveva provocato una novantina di scosse. continua a leggere su corriere.it

Terremoto, forte scossa nel centro Italia:…


Terremoto, forte scossa nel centro Italia: magnitudo 5,7, epicentro nelle Marche, sulla costa pesarese

articolo di Redazione Cronaca: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/11/09/news/terremoto_centro_italia_scossa_57_61-373674470/?ref=RHEX-BG-I373680120-P1-S1-T1

Al momento non si registrano danni significativi. E’ la più grande da 90 anni. La profondità dell’ipocentro è di 8 chilometri. Il sisma è stato avvertito anche a Roma, Firenze, Bologna, Friuli Venezia Giulia. Sospeso il traffico ferroviario sulla linea adriatica. Scuole chiuse a Pesaro

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita nel centro Italia subito dopo le 7 del mattino, alle 7:07: la magnitudo, secondo l’Ingv, è di 5,7l’epicentro sulla costa pesarese a una profondità di 8 chilometri e a 30 chilometri da Fano e 35 chilometri da Pesaro.

La scossa è la più forte dal 1930, data del terremoto di Senigallia di magnitudo 5.8. Lo rileva l’Ingv in una scheda pubblicata sul suo portale. Dalla mappa della sismicità dal 1985 ad oggi si nota che in questa area è presente un’attività sismica con eventi e piccole sequenze di magnitudo moderata, come quella del giugno del 2000 con terremoti di magnitudo fino a 3.5.

Terremoto, sciame sismico da almeno 20 scosse – C’è stato poi uno sciame sismico con altre 20 scosse: le principali di 3,1, 3,4 e 4,0. Nella zona di Ancona per ora segnalate crepe nelle pareti, evacuata la clinica Villa Igea. Arrivate anche segnalazioni di ascensori bloccati e caduta di calcinacci come nel consiglio regionale delle Marche dove i dipendenti sono rimasti a casa. Intanto molti sono scesi in strada, tanta la paura tra la popolazione.

Tutte le squadre dei vigili del fuoco, in particolare nel Pesarese, ma anche ad Ancona, sono fuori per verifiche. Si sentono le sirene dei mezzi che circolano in lontananza per i sopralluoghi e per far fronte al gran numero di chiamate di cittadini preoccupati. Sono arrivate finora 10 richieste di verifiche di staticità su edifici in provincia di Pesaro-Urbino e 40 nell’Anconetano. continua a eggere su repubblica.it

Terremoto nelle Marche, oggi: magnitudo 5.5, scuole chiuse a Pesaro e Ancona, treni sospesi

articolo di Redazione Online: https://www.corriere.it/cronache/22_novembre_09/terremoto-marche-oggi-12bd0224-5ff7-11ed-8bc9-4c51e1976893.shtml

Una scossa di terremoto è stata avvertita nelle Marche mercoledì mattina: la magnitudo è stata di 5.5, secondo Ingv . Per ora non ci sono segnalazioni di danni importanti o feriti

Mercoledì mattina, alle 7:07, c’è stata una scossa di terremoto nelle Marche. Secondo la seconda stima di Ingv la magnitudo è stata di 5.5 (la prima stima era stata di 5.7) e l’epicentro nella costa marchigiana pesarese a una profondità di 8 chilometri.

La scossa è stata avvertita in tutta l’Italia centrale ed è stata seguita da un’altra ventina di episodi meno gravi, la più forte di magnitudo 4. Segnalazioni stanno arrivando da cittadini di Veneto, Umbria, LazioRomagna adriatica, Toscana e Abruzzo. Gente in strada nelle Marche.

Alle sale operative dei vigili del fuoco sono arrivate alcune richieste di verifiche su edifici.

Il 
traffico ferroviario è stato sospeso 
in via precauzionale sulla linea Adriatica, tra Rimini e Varano, sulla Ancona-Roma, tra Falconara e Jesi, e sulla Rimini-Ravenna, tra Gatteo e Cesenatico, per sospetti danni ai binari e per svolgere verifiche.

Ad Ancona, Fano, Pesaro, Urbino e Senigallia le scuole sono state chiuse in via prudenziale. Il sindaco di Senigallia, stando a quanto scrive LaPresse, sta facendo anche monitorare il rischio tsunami. «Appena 6 minuti dopo il sisma il Centro allerta tsunami ha diramato un messaggio di informazione, che non è un messaggio di allerta ma informa che c’è stato il sisma per attivare i controlli lungo le coste». ha spiegato all’Ansa Alessandro Amato dell’Ingv, che coordina il centro allerta Tsunami sottolineando che, allo stato attuale «il rischio non c’è».

Chiusi al pubblico nelle Marche anche alcuni ospedali. – «Stiamo facendo controlli, molta gente è in strada e al momento non risultano danni ingenti però stiamo facendo tutti i controlli possibili su tutti gli edifici pubblici. Le scuole sono state chiuse in maniera precauzionale. C’è stato grande spavento perché la botta è stata forte e quindi temiamo conseguenze» ha detto il sindaco di Pesaro Matteo Ricci all’Ansa. continua a leggere su corriere.it

Terremoto a Torreano (Udine), scossa di magnitudo 3.2


articolo Redazione Tgcom24: Terremoto a Torreano (Udine), scossa di magnitudo 3.2 (mediaset.it)

Tgcom24

Terremoto di magnitudo 3.2 registrato alle 21:17 in Friuli, con epicentro nei pressi di Torreano (Udine), nel Cividalese.

Seconde la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, la scossa si è verificata a circa 8 km di profondità ed è stata avvertita distintamente dalla popolazione, anche a Udine. “Al momento – scrive sui social il Gruppo comunale di Protezione civile di Cividale del Friuli – non sono pervenute segnalazioni di problemi: in ogni caso squadre di nostri volontari di valore stanno uscendo per una verifica visuale speditiva delle infrastrutture strategiche“.

Scossa di terremoto a Genova. Magnitudo tra 3.3 e 3.8


Scossa di terremoto avvertita a Genova

articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2022/10/04/news/genova_terremoto_tra_33_e_38-368613650/

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita a Genova alle 23.41. Ingv ha registrato una magnitudo di 3.5 epicentro a 2 chilometri da Davagna, profondità 8 chilometri, nella stessa zona dove nelle scorse settimane si sono verificate altre scosse.

22 settembre 2022 Ti può interessare? clicca il Link qui sotto

Terremoto in Liguria con epicentro a Bargagli, il sindaco: “Scioccato”. Migliaia di viaggiatori nel caos per i treni sospesi per verifiche ai binari

Cinque terremoti in un giorno in Italia, ma secondo l’Ingv «non c’è correlazione»


articolo di Paolo Virtuani: https://www.ansa.it/liguria/notizie/2022/09/22/terremoto-liguria-scossa-4.1-a-bargagli-sentita-a-genova_67bcdb40-1b74-4010-8aaf-13a21a9e2ae3.html

Il sismologo Meletti: «Negli ultimi mesi c’era stato un basso numero di scosse simili a quelle di oggi. Ogni anno in Italia ci sono una quarantina di scosse di magnitudo da 4.0 in su»

«Non c’è alcun nesso fra i cinque terremoti che sono avvenuti oggi in Italia tra MarcheLiguriaSicilia, costa tirrenica della Calabria e nell’Appennino tosco-emiliano». Lo assicura il sismologo Carlo Meletti, della sezione di Pisa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). «Non c’è alcuna relazione, le distanze fra i luoghi in cui sono avvenuti sono di centinaia di chilometri perché possa esserci un nesso». Secondo l’esperto, il terremoto delle Marche «è più profondo rispetto ai terremoti tipici dell’Appennino, localizzato lungo la costa in una fascia esterna che ha una sua sismicità con meccanismi diversi da quelli che si osservano nei terremoti tipici dell’Appennino». Quello avvenuto in Liguria, in una zona non molto sismica e nella quale non si sono rilevati storicamente forti terremoti, ha anch’esso un meccanismo diverso da quello tipico dei terremoti dell’Appennino, legato invece alla compressione fra l’Appennino a Est e arco alpino a Ovest. Quanto al terremoto in Sicilia, sebbene sia avvenuto nell’area dell’Etna, è stato generato da un meccanismo indipendente dal vulcano e legato a faglie che si trovano nella zona, note ai sismologi». continua a leggere

Terremoto Liguria: scossa 4.1 a Bargagli sentita a Genova


articolo Redazione ANSA: Terremoto Liguria: scossa 4.1 a Bargagli sentita a Genova – Liguria – ANSA.it

Sindaco Bargagli, sono scioccato ma nessun danno o feriti

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.1 ha colpito l’entroterra di Genova nella zona 2 km W Bargagli (Genova) alle 15.39.

E’ stata avvertita in modo molto forte sia nel capoluogo sia nelle aree circostanti, compresa la riviera di levante, da Portofino a Sestri.

L’Istituto di Vulcanologia ha dato le coordinate geografiche (lat, lon): 44.4390, 9.0680 e la profondità di 10 km.
Al momento non mi risultato né feriti né danni, sto girando per il paese per verificare di persona” ha detto all’ANSA Sergio Casalini sindaco di Bargagli, comune situato sopra l’epicentro del terremoto. “Ero a casa e ho sentito una scossa fortissima, tutto ha iniziato ad oscillare e i soprammobili sono caduti – ha aggiunto – per fortuna nessun danno ma solo tanto spavento. Sono scioccato“. Il sindaco ha contattato subito il responsabile della protezione civile della Regione Liguria Giacomo Giampedrone prima di proseguire il sopralluogo in paese. “I miei concittadini stanno già rientrando nelle case“.
La scossa è stata avvertita in modo molto forte ai piani alti degli edifici e sono tremati i vetri delle finestre. La scossa è stata avvertita in particolare nell’ entroterra di Genova e del Levante, oltre che a Bargagli, Davagna e Torriglia. continua a leggere

Terremoto: scosse nell’Ascolano, non risultano danni


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/marche/notizie/2022/09/22/terremoto-scosse-nellascolano-non-risultano-danni_df87dc3b-b609-4a0d-ab7a-ed617bd1939d.html

Protezione civile, la prima magnitudo 4.1, la seconda 3.6

(ANSA) – Roma, 22 settembre 2022

A seguito della scossa registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Ascoli Piceno, alle ore 12.24 con magnitudo 4.1, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile.

La scossa è stata seguita ad un minuto di distanza, alle 12.25, da un ulteriore evento di magnitudo 3.6.

Dalle prime verifiche effettuate, informa il Dipartimento, l’evento – con epicentro localizzato nei Comuni di Folignano (AP), Civitella del Tronto (TE) e Ascoli Piceno – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose. (ANSA).

Messico, terremoto di magnitudo 7.4 È il terzo che colpisce il Paese il 19 settembre


articolo: https://www.corriere.it/esteri/22_settembre_19/messico-terremoto-magnitudo-74-terzo-che-colpisce-paese-19-settembre-d6786a42-3855-11ed-bdf5-ef64ec3d22e6.shtml

Per ora si conta solo un morto. I due più devastanti eventi si sono registrati sempre nello stesso giorno: nel 1985 (10.000 morti) e nel 2017 (369 vittime). A Città del messico i palazzi hanno oscillato

Un terremoto di magnitudo 7,4 ha colpito il Messico poco dopo le 13 (ora locale). L’epicentro è stato localizzato a Placita de Morelos una località nella zona sud occidentale del Paese, nello stato di Michoan ma è stato avvertito distintamente anche a Città del Messico dove i palazzi hanno oscillato. Nella capitale, ma anche nel resto del Paese al momento non si registrano danni alle persone o alle infrastrutture. Il presidente Lopez Obrador, parlando alla televisione ha riferito di un solo morto, proprio nella regione di Michoan, travolto dal crollo di una parete. continua a leggere

Taiwan: violento terremoto di 6.8 gradi, crollato un ponte, si temono vittime


articolo di Redazione Cronache: https://www.corriere.it/cronache/22_settembre_18/taiwan-violento-terremoto-68-gradi-crollato-ponte-si-temono-vittime-edf4265c-3724-11ed-a171-b4e404142d82.shtml

Il Giappone ha diramato un’allerta tsunami preventiva. La stessa zona interessata sabato da altre scosse meno forti

L’epicentro del terremoto sull’isola di Taiwan – Foto corriere.it

La costa sud-orientale di Taiwan è stata colpita da un violento terremoto di magnitudo 6.8 secondo, le prime stime, a 7 chilometri di profondità presso la città di Taitung. Il Giappone ha diramato un’allerta tsunami preventiva per un’onda dall’altezza massima di 1 metro attesa sulle isole più meridionali. La scossa è stata avvertita alle 14,44 (le 8,44 in Italia), dopo che sabato la stessa zona era stata investita da altri forti scuotimenti. Si temono vittime, ma al momento non se ne ha notizia. Sui social sono apparsi video che mostrano ponti caduti e crolli di palazzi. Tre carrozze di un treno fermo in stazione si sono rovesciate.

Terremoto di magnitudo 6.6 nel sud-ovest della Cina


Avvertita fino a Chengdu, megalopoli con 21 milioni di abitanti

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/09/05/terremoto-di-magnitudo-6.6-nel-sud-ovest-della-cina_c4eb6768-8f55-4e88-bb47-1f4ffe5f31cb.html

Un terremoto di magnitudo 6.6 ha colpito la provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, secondo quanto comunicato dall’Usgs, l’istituto geosismico statunitense.

epa10160662 A handout shakemap made available by the United States Geological Survey (USGS) shows the location of a 6.6-magnitude earthquake hitting Ludin County, Sichuan Province, China, 05 September 2022. The epicenter of the earthquake was recorded 43 kilometres southeast from Kangding at a depth of 10 kilometres, the USGS said. There were no immediate reports of damage or fatalities. EPA/USGS HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

La scossa, scrive l’Usgs, è avvenuta alle 12.52 ora locale (le 6.52 italiane) e ha avuto l’epicentro a 45 km a sud-est di Kangding e a una profondità di 10 km nella crosta terrestre.

Almeno 7 morti sono il primo bilancio formulato dalla tv di stato Cctv, che parla anche di “gravi danni” a case ed edifici nelle principali città della zona, con le linee di telecomunicazione interrotte in alcune aree. La scossa è stata avvertita con forza in una vasta zona, fino alla megalopoli di Chengdu, capoluogo del Sichuan, che da sola conta 21 milioni di abitanti e che dal primo settembre è in lockdown anti Covid. “Tutto tremava piuttosto forte”, ha dichiarato un abitante di Chengdu. continua a leggere su ansa.it

Grecia: terremoto nella costa ionica avvertito anche nel Sud Italia


articolo di Redazione Cronache: https://www.corriere.it/cronache/22_agosto_30/grecia-terremoto-costa-ionica-avvertito-anche-sud-italia-3812e0c0-2825-11ed-9e87-0dc36927f0ff.shtml

La scossa di magnitudo 4,7 alla profondità di 17 chilometri è avvenuta alle 5.49 di mattina. Sentita anche in Calabria e in Puglia

corriere.it

Un terremoto di magnitudo 4.7 è avvenuto alle 5.49 (ora italiana) con epicentro al largo dell’isola di Leucade, nella costa ionica della Grecia. Secondo i rilevamenti, l’epicentro è a una profondità di 17 chilometri. La scossa è stata avvertita anche in alcune zone dell’Italia meridionale, in particolare in Calabria e in Puglia. Al momento non si hanno notizie di feriti o di danni.

Terremoti: scossa 4.2 nel Palermitano – scossa 3,2 a Reggio Emilia


articolo Redazione ANSA: Terremoti: scossa 4.2 nel Palermitano – Sicilia – ANSA.it

Sindaco Giuliana, non ci sono danni

(ANSA) – Palermo 21 agosto 2022

Un terremoto di magnitudo 4.2 è avvenuto nella zona di Giuliana (50 km a Sud di Palermo) alle 6.59.

E’ stato registrato dall’Ingv a 4 km di profondità.

Il sindaco di Giuliana, Francesco Scarpinato, dice che “non si registrano danni a persone o cose e monitoriamo gli eventi in sinergia con la Protezione Civile“. (ANSA)

Terremoto a Reggio Emilia oggi, scossa di grado 3,2

articolo di Redazione Online: Terremoto a Reggio Emilia oggi, scossa di grado 3,2- Corriere.it

Una scossa di terremoto ha colpito l’Emilia Romagna nella serata di oggi: l’epicentro è a Bagnolo in Piano

20 agosto 2021

Un scossa di terremoto ha colpito l’Emilia Romagna nella serata di oggi, 20 agosto. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), la magnitudo della scossa, avvenuta alle 20.12, è di grado 3,2, e l’epicentro è situato nei pressi di Bagnolo in Piano, con una profondità di 9 chilometri. continua a leggere