Archivi del giorno: 17 marzo 2021

Draghi a Bergamo, un minuto di silenzio nei comuni di tutta Italia per le vittime del Covid


articolo: https://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/21_marzo_17/draghi-bergamo-minuto-silenzio-comuni-tutta-italia-le-vittime-covid-7a3e8b56-8714-11eb-83f9-db14ce9af997.shtml?fbclid=IwAR0PIhp0RDC2L0WYAHHMh2mk1D0S0jBSUhY4l9uKQeBOXsb1OiVB7lRZe3A

La proposta del presidente dell’Anci ai sindaci: ritroviamoci davanti ai nostri municipi con la bandiera italiana a mezz’asta

Un minuto di silenzio davanti alla bandiera italiana. È la proposta fatta dal presidente dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) Antonio Decaro a tutti i sindaci per la prima giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid, che sarà celebrata giovedì 18 marzo 2021. La breve commemorazione è fissata alle 11, in concomitanza con l’arrivo a Bergamo del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il tricolore sulla facciata di uno dei palazzi storici di Città Alta un anno fa

«Nelle prossime ore, il Parlamento italiano istituirà, con legge, la giornata nazionale per conservare e rinnovare la memoria di tutte le persone che sono decedute a causa di tale epidemia — scrive Decaro ai sindaci —. Così come avvenuto il 31 marzo dello scorso anno, sono convinto che anche i sindaci italiani promuoveranno occasioni e cerimonie commemorative per ricordare le tante vittime che piangono le nostre comunità e onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari. Testimoniare il nostro essere uniti, il nostro stare insieme come sindaci, senza distinzione di appartenenze geografiche o politiche, è un segnale importante di fiducia e di speranza da trasmettere alle nostre comunità ancora fortemente provate da questa triplice emergenza sanitaria, economica e sociale».

«Per questo — conclude il presidente dell’Anci — vorrei chiedervi di condividere un gesto in comune. In concomitanza con l’arrivo a Bergamo del presidente del Consiglio dei ministri, prevista per le 11 di domani, ritroviamoci davanti ai nostri municipi, indossando la fascia tricolore, per osservare un minuto di silenzio al cospetto della bandiera italiana esposta a mezz’asta».

La cerimonia con il premier Draghi, al parco della Trucca, sarà trasmessa in diretta a partire dalle 10.50 di giovedì 18 marzo su Rai 1. Alla stessa ora, sarà al centro di uno speciale in onda su Rai News24 dal titolo «Centomila lacrime», condotto da Milena Minutoli.

Handanovic Positivo……


Comunicato: https://www.inter.it/it/news/2021/03/17/samir-handanovic-positivo-covid.html

COMUNICATO UFFICIALE DI FC INTERNAZIONALE MILANO

Samir Handanovic è risultato positivo al Covid-19

MILANO – FC Internazionale Milano comunica che Samir Handanovic è risultato positivo al Covid-19 in seguito al test effettuato nella mattinata di oggi e il cui esito è pervenuto in questi minuti. 

Il portiere nerazzurro è già in quarantena presso la propria abitazione.


English Version  Versión Española  Versi Bahasa Indonesia 

160° anniversario dell’Unità d’Italia


Tre sparatorie in centri benessere di Atlanta, 8 morti


articolo: Tre sparatorie in centri benessere di Atlanta, 8 morti (agi.it)

Arrestato un giovane 21enne. Tra le vittime quattro donne asiatiche. Fbi sta collaborando con la polizia per capire se si tratta di un crimine d’odio contro la comunità asiatica americana

AGI – E’ stata una strage quella che si è consumata in tre centri di bellezza nella zona di Atlanta in Georgia per la quale è stato arrestato un uomo di 21 anni. Secondo quanto riferito dallo sceriffo della contea di Cherokee, Jay Baker, Robert Aaron Long di Woodstock, Georgia, è stato preso in custodia nella contea di Crisp, circa 150 miglia a sud di Atlanta.

Sono otto le donne morte, quattro delle quali asiatiche, e si sospetta appunto che si tratti di un crimine dettato dall’odio razziale. Le vittime sono state uccise in tre diverse sparatorie in due spa e un salone di massaggi. La prima è avvenuta poco prima delle 5 del pomeriggio al salone di massaggi asiatico Young’s Asian Massage Parlor di Acworth, nella contea di Cherokee, a circa 30 miglia a nord-ovest del centro di Atlanta.

Qui la polizia ha trovato due persone morte sul posto mentre tre sono state trasportate all’ospedale. Due sono però decedute. Le altre due sparatorie sono avvenute circa un’ora dopo alla Gold Massage Spa in Piedmont Road ad Atlanta e alla Aroma Therapy che si trova dall’altra parte della strada: la polizia ha trovato tre persone morte alla Gold Spa e i poliziotti mentre erano sulla scena hanno ricevuto una seconda chiamata dalla Aromatherapy Spa proprio dall’altra parte della strada dove è stata trovata un’altra persona uccisa con arma da fuoco.

Circa 3 ore dopo e mezzo gli omicidi, è stato arrestato un uomo che era fortemente sospettato perché intercettato dalle videocamere di sorveglianza mentre si trovava a circa 150 miglia a sud di Atlantia. L’ufficio dello sceriffo della contea di Cherokee lo ha identificato come Robert Aaron Long, 21 anni, di Woodstock. Anche l’Fbi sta collaborando con la polizia per capire se si tratta di un crimine d’odio contro la comunità asiatica americana.

Proprio la scorsa settimana, il presidente Joe Biden aveva denunciato “crimini di odio vizioso contro gli asiatici americani che sono stati attaccati, molestati, incolpati e usati come capro espiatorio” per la pandemia, che ha avuto origine in Cina. La motivazione razziale è difficile da stabilire in molti casi, ma i crimini d’odio anti-asiatici riportati sono più che raddoppiati da 49 a 122 l’anno scorso in 16 grandi città degli Stati Uniti, tra cui New York e Los Angeles, anche se secondo uno studio della California State University i crimini d’odio sono complessivamente diminuiti.

Diretta canale satellitare della Camera dei deputati


Governo, comunicazioni del ministro della Salute Speranza sul Recovery Plan

Finisce a Madrid il sogno dell’Atalanta: il Real vince 3-1 e vola ai quarti


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/champions/2021/03/16/news/real_madrid-atalanta_3-1_benzema_ramos_e_asensio_spengono_il_sogno_nerazzurro-292563186/?ref=RHBT-VS-I286350292-P1-S4-T1

Real Madrid-Atalanta 3-1: Benzema, Ramos e Asensio spengono il sogno nerazzurro

MADRID – All’Atalanta non riesce l’impresa di espugnare anche Madrid dopo aver vinto a Liverpool e ad Amsterdam. Il Real si conferma di altro spessore: bissa il successo dell’andata, imponendosi per 3-1, e torna nei quarti di Champions dopo 3 anni. I nerazzurri hanno provato con orgoglio per mezz’ora a tenere vivo il discorso qualificazione ma, di fatto, si sono dovuti arrendere dopo aver regalato al Real il gol dell’1-0 che ha terribilmente complicato ogni piano. La gara l’ha vinta tatticamente Zidane che ha avuto l’umiltà di cambiare modulo, intensificando il centrocampo. Ha imitato l’Inter dell’ex compagno Conte che pochi giorni fa aveva concesso pochissimo a Gasperini nel derby di campionato: si è messo a specchio, ha rischiato il minimo e alla fine ha fatto prevalere la maggior qualità dei propri uomini.

Gasperini rinuncia a Zapata, Zidane si mette a specchio – Senza lo squalificato Freuler, Gasperini ha deciso di giocarsi le proprie carte infoltendo il centrocampo e con una sola punta, Muriel, preferito a Zapata. Alle sue spalle ha piazzato Malinovskyi e Pasalic con Pessina abbassato in mediana. Zidane, recuperati, rispetto all’andata, Ramos, Valverde e Benzema, ha risposto mettendosi, a sorpresa, a specchio: 3-4-2-1 con Vazquez e Mendy esterni di centrocampo e Valverde e Vinicius trequartisti. 

Gosens manca lo 0-1 in avvio – L’Atalanta ha avuto subito una ghiotta occasione per raddrizzare la sfida: la palla è capitata sul destro di Gosens che, però, da ottima posizione ha calciato in spaccata tra le braccia di Courtois, non sfruttando un bel cross di Muriel. Passata la paura, il Real si è difeso meglio cercando di imitare l’Inter: reparti stretti con tutti gli uomini dietro la linea della palla. L’Atalanta così ha faticato a trovare varchi e si è esposta a qualche contropiede, limitato dagli attenti Romero e Djimsiti.

Errore di Sportiello, Benzema ringrazia – L’equilibrio si è spezzato al 34′ complice un errore di Sportiello. L’estremo difensore nerazzurro ha sbagliato l’intensità di un rinvio servendo sulla trequarti Modric; il croato ha ringraziato, è entrato in area sulla destra e ha servito a Benzema il più comodo dei palloni per l’1-0. L’Atalanta ha reagito con rabbia, si è resa insidiosa con un sinistro da fuori di Malinovskyi poi, al 45′, ha visto sfumare una potenziale ghiotta occasione per colpa dell’arbitro Makkelie che, per fischiare la fine del primo tempo al 45′ esatto, senza dare un secondo di recupero, ha guardato il cronometro e non ha visto che Muriel era appena stato liberato al limite dell’area. continua a leggere

Tamponi e partenze, caos a Linate


articolo: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2021/03/13/tamponi-e-partenze-caos-a-linate_5744c82f-e658-4657-bf0b-8e370b2e679e.html

Fuori aeroporto coda unica tra chi deve fare tamponi e partire

Fuori aeroporto coda unica tra chi deve fare tamponi e partire

(ANSA) – Milano, 13 marzo 2021 – Lunga coda di auto questa mattina all’esterno dell’aeroporto di Linate, a Milano. Alle persone che si recano nello scalo per effettuare i tamponi Covid, infatti, si sommano quelle in partenza.

Il traffico è paralizzato, secondo quanto appreso sul posto, perché risulta scaduto “l’accordo con la Polizia locale per la gestione della circolazione in zona aeroporto“, come affermano alcuni agenti.
Nessuno quindi regola la gestione delle autovetture tra chi deve andare in aeroporto e chi invece deve effettuare il tampone. La convenzione prevede che la Polizia Locale di Milano faccia servizio in aeroporto in convenzione con il Comune di Segrate.
Sul posto solo una pattuglia della Guardia di Finanza impegnata come personale all’interno dello scalo. 

E’ regolare il traffico in uscita da Milano nell’ultimo fine settimana prima che scatti la zona rossa. Tranquilla anche la situazione nelle stazioni dei treni dove non c’è aumento dei viaggiatori anche se con i ragazzi tutti in Dad e i genitori in smart working ci poteva essere la tentazione di andare nelle seconde case. Anche la coda che si era formata questa mattina verso l’aeroporto di Linate, mista di passeggeri e persone che dovevano andare a fare il tampone è andata scemando e al momento la situazione è tranquilla.

Laura Pausini, la nomination è per mio padre


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2021/03/16/laura-pausini-nomination-e-per-mio-padre_4f290132-5cfb-4223-92dc-00b2c3e92f11.html

Laura Pausini

Piange, Laura. Senza freni. Lacrime di felicità, per uno dei riconoscimenti più importanti per chi fa il suo mestiere, ma anche di stress emotivo, per una situazione che da un anno mette chiunque a dura prova. Piange, Laura e dà sfogo – in conferenza stampa su Zoom – alle emozioni delle ultime 24 ore, dopo la nomination conquistata agli Oscar per Io Sì (Seen) come miglior canzone originale per il film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti con Sophia Loren, arrivata 15 giorni dopo la vittoria ai Golden Globes (il brano è nato dalla collaborazione con la compositrice statunitense Diane Warren, alla dodicesima nomination, con la music supervisor Bonnie Greenberg e, per il testo italiano, con Niccolò Agliardi).

Questa gioia che sto vivendo è così contrastante con le difficoltà che stiamo vivendo in questo periodo – dice Laura Pausini, collegata dalla sua casa romana, mentre sorseggia una bevanda drenante (“mi devo mettere in forma”) -. Spero possa essere un regalo per gli italiani, anche per chi non mi segue. E’ un riconoscimento che va oltre il mio nome. Per me è un onore da italiana portare l’Italia agli Oscar. Farò il meglio per rendervi orgogliosi“. continua a leggere

Laura Pausini  – vittoria ai Golden Globes