Nubifragio su Malpensa, scalo inagibile per due ore. Salvate decine di persone intrappolate in auto


articolo: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2021/09/16/nubifragio-a-malpensa-10-persone-salvate-dalle-auto-e-nello-scalo-_4f5aeba5-026f-41aa-a6e7-e9624dcfd329.html

Aerei dirottati su altri aeroporti, strade e piste allagate, così come aeree di servizio interno e sottopassi, e decine di persone intrappolate nelle auto: è il bilancio di un violentissimo nubifragio che verso sera ha colpito l’aeroporto di Milano Malpensa (Varese).

Lo scalo è stato chiuso, a causa della perturbazione ha investito il Nord della Lombardia, dalle 19 alle 21:15. Ed è stato riaperto solo dopo la ripulitura delle piste.

Molte le squadre dei vigili del fuoco impegnate sul posto, per estrarre automobilisti e viaggiatori appena sbarcati, rimasti intrappolati a bordo delle loro vetture, nelle strade e nei sottopassi del perimetro esterno dell’aeroporto e appena fuori.

All’aeroporto di Malpensa sono caduti 87 millimetri d’acqua in un’ora e 40 minuti: per dare un’idea della precipitazione, ad aprile e a maggio ne sono caduti 75 al mese. Ma il maltempo, sia pur maniera più lieve, ha interessato anche Milano dove sottopassi allagati e rami caduti sono stati il risultato delle ore di pioggia. continua a leggere

Tempesta a Malpensa, le prime immagini degli allagamenti
Malpensa, pista inagibile: stop voli fino alle 22.00, mezzi in azione per ripulire l’asfalto

Pantelleria, tromba d’aria sull’isola: almeno 2 morti e 4 feriti gravi – Violento nubifragio causa allagamenti e disagi nel cagliaritano


articolo: https://www.corriere.it/cronache/21_settembre_10/pantelleria-tromba-d-aria-sull-isola-almeno-2-morti-9-feriti-903d0902-1263-11ec-95c2-659c7776a796.shtml?refresh_ce

Le vittime sono due isolani, Giovanni Errera, 47 anni, vigile del fuoco, e un pensionato di 86 anni, Francesco Valenza. Almeno 9 i feriti

La tromba d’aria è arrivata dal mare alla terraferma, venerdì sera, in pochi secondi. Accompagnata da un boato e dalla pioggia che diventava sempre più battente. Ha trascinato le auto che percorrevano la strada perimetrale di Pantelleria. Il bilancio è di due morti e nove feriti, di cui quattro in gravi condizioni. Potrebbe, dunque, essere provvisorio. Fino a sera si cercavano eventuali dispersi. continua a leggere

Pantelleria, tromba d’aria sull’isola: 2 morti e 9 feriti, auto rovesciate e case scoperchiate
Tromba d’aria a Pantelleria, i soccorritori sul luogo della tragedia

Maltempo: nubifragio nel Cagliaritano,soccorsi automobilisti

articolo: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2021/09/10/maltempo-nubifragio-nel-cagliaritanosoccorsi-automobilisti_27e4c0f3-8f91-435c-902e-0fae25292678.html

Strade e abitazioni allagate, vigili del fuoco in azione

Due voli già dirottati ad Alghero per la nuova bomba d’acqua che si è abbattuta su Cagliari e il sud Sardegna nel primo pomeriggio. Si tratta dei collegamenti con Bergamo e Roma Ciampino, in entrambi i casi del vettore Ryanair.

In ritardo invece le partenze per Catania, Milano Linate, Roma Ciampino e Bergamo. Molti gli interventi dei Vigili del fuoco per strade allagate e problemi nelle abitazioni a causa delle forti piogge. Dalla Protezione civile regionale è intanto arrivata la proroga dell’allerta meteo gialla sino alla mezzanotte di sabato 11 settembre.

NUBIFRAGIO NOTTURNO – Temporale notturno con tuoni e fulmini nel sud Sardegna. E danni e strade allagate. continua a leggere

Usa, uragano Ida sulla costa nordorientale, almeno 45 morti


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2021/09/02/stato-di-emergenza-a-new-york-per-coda-uragano-ida_ddb9eabd-bfe9-445f-8a0d-63d817615a65.html

Sono almeno 45 le vittime provocate dalle inondazioni sulla costa nordorientale degli Usa in seguito al passaggio della coda dell’uragano Ida. Lo riportano diversi media Usa con un bilancio che sale di ora in ora.

Il maggior numero dei morti e dei dispersi negli Stati di New York e del New Jersey.

Tutti i collegamenti ferroviari, eccetto quelli con Atlantic City, sono stati sospesi. Proseguono intanto le operazioni di evacuazione dei passeggeri della rete metropolitana di New York City, riporta la Cnn.

La pioggia causata dall’uragano Ida a New York è “qualcosa che non avevamo mai visto“, afferma il sindaco Bill de Blasio, facendo eco alle parole della governatrice di New York Kathryn Hochul, secondo la quale parlare di qualcosa “senza precedenti è un eufemismo“. Hochul ha sentito Joe Biden e il presidente ha offerto assistenza.

La città di New York ha registrato ieri, nell’arco di soli 60 minuti, 80,01 mm di pioggia, la più grande quantità d’acqua mai caduta sulla metropoli statunitense: lo riporta Sky News. Il rilevamento è stato fatto al Central Park di Manhattan dalle 20:51 alle 21:51 di mercoledì ora locale (le 2:51-3:51 di oggi in Italia). Il record precedente, di 49 mm, era stato segnato il mese scorso dopo il passaggio della tempesta tropicale Henri.

La governatrice Hochul, intanto, ha dichiarato lo stato di emergenza poiché la ‘coda‘ della tempesta Ida ha causato massicce inondazioni in città e negli Stati Uniti nordorientali.

Sto dichiarando lo stato di emergenza per aiutare i newyorkesi colpiti dalla tempesta“, ha twittato Hochul. Ida, che domenica si è abbattuto sugli Stati Uniti meridionali come uragano di categoria 4, ha causato tornado e inondazioni mentre si dirigeva verso nord.

L’uragano Ida travolge New York: 4 morti in città e 2 sulla cos


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/09/02/news/usa_dichiarato_stato_di_emergenza_a_new_york_per_tornato_ida-316180866/?ref=RHTP-BH-I315111016-P1-S1-T1

Sale a sei vittime il bilancio della tempesta tropicale che ha colpito il nordest degli Stati Uniti. Le stazioni della metropolitana della Grande Mela sono sott’acqua. Il sindaco De Blasio: “Restate a casa”

NEW YORK – 02 agosto 2021

La governatrice di New York, Kathy Hochul, ha dichiarato lo stato di emergenza a seguito dei danni causati dalla violenta coda dell’uragano Ida con inondazioni a New York City e in tutto il nord-est degli Stati Uniti. “Sto dichiarando lo stato di emergenza per aiutare i newyorkesi colpiti dalla tempesta di stasera“, ha twittato Hochul.

Sale ad almeno sei morti il bilancio. Secondo quanto riporta l’emittente americana Nbc, delle sei vittime, due sono state registrate in New Jersey e quattro a New York. Una delle vittime, nel New Jersey, era un uomo sulla settantina che si trovava nella sua auto insieme ad altre due persone nella cittadina di Passaic – nel nord, al confine con lo Stato di New York – quando il veicolo è stato sommerso dall’acqua. I vigili del fuoco sono riusciti a trarre in salvo le altre due persone che si trovavano nell’auto.

Il governatore Phil Murphy ha dichiarato lo stato di emergenza. Tutti i collegamenti ferroviari, eccetto quelli con Atlantic City, sono stati sospesi. continua a leggere

Louisiana: l’uragano prende forza: “Sarà il più pericoloso dal 1850 a oggi”


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/08/29/news/l_uragano_prende_forza_sara_il_piu_pericoloso_dal_1850_a_oggi_-315704919/?ref=RHTP-BH-I315657642-P2-S7-T1

ll governatore mette in guardia la popolazione mentre si avvicina “Ida”, di categoria 4. Inizia l’esodo. L’aeroporto internazionale di New Orleans ha cancellato tutti i voli in partenza e in arrivo

Questo sarà uno degli uragani più forti che colpirà la Louisiana almeno dal 1850“: così il governatore John Bel Edwards mette in guardia la popolazione mentre si avvicina l’uragano Ida di categoria 4. I meteorologi si aspettano che Ida arrivi a Sud di New Orleans intorno a mezzogiorno ora locale, le 19 in Italia.

Un avvertimento che fa eco a quello dei meteorologi che hanno messo in guardia i residenti lungo la costa settentrionale del Golfo del Messico per affrettare i preparativi in vista dell’intensificarsi dell’uragano Ida che dovrebbe arrivare sulla terra ferma con venti fino a 209 km all’ora. Ida sarà anche accompagnato da una mareggiata e da inondazioni.

L’aeroporto internazionale di New Orleans ha cancellato tutti i voli in partenza e in arrivo previsti per oggi… continua a leggere

Maltempo: bombe d’acqua in Costiera, allerta resta alta


articolo: https://www.ansa.it/campania/notizie/2021/08/26/maltempo-bombe-dacqua-in-costiera-allerta-resta-alta_5d7e0552-0bd8-4bc0-b02d-155dfa52fa6b.html

Ancora in corso gli interventi dei vigili del fuoco

(ANSA) – Salerno, 26 agosto 2021

Le squadre dei vigili del fuoco sono ancora impegnate in Costiera Amalfitana dove, nel pomeriggio, una bomba d’acqua ha provocato seri disagi e pericoli. Intorno alle 16.30 la pioggia si è arrestata e l’emergenza, seppur costantemente monitorata, sembra essere rientrata.

I danni principali hanno interessato il comune di Minori (Salerno) dove i vigili del fuoco stanno effettuando interventi di rimozione acqua dai locali interessati dagli allagamenti. Contestualmente sono in corso interventi per il ripristino della viabilità urbana e veicolare.
Diversi locali ubicati al piano terra, infatti, sono stati raggiunti dall’acqua, anche in considerazione del fatto che i detriti avevano mandato in tilt il sistema fognario.
L’elicottero Drago 69 dei caschi rossi ha effettuato una verifica dei costoni a monte delle aree costiere per valutare se vi fossero elementi di pericolo che rendessero necessarie eventuali evacuazioni. La frana più importante si è verificata sotto l’area urbana del comune di Ravello ma, fortunatamente, non ha interessato o coinvolto abitazioni ma solo insediamenti agricoli situati sul costone. Il fango caduto è arrivato fino in mare, rendendo marrone lo specchio d’acqua antistante la statale 163 Amalfitana. La situazione, dunque, è rientrata ma l’allerta resta alta. “A causa del maltempo abbiamo dovuto annullare gli spettacoli di Drama De Antiquis Fantasite 5.0 programmati inizialmente questa sera per Gusta Minori“, ha fatto sapere in una nota Antonio Tortora, direttore di produzione di Gusta Minori. “Nelle prossime ore seguiranno altre comunicazioni ed eventuali aggiornamenti“. (ANSA).

Roma colpita da un forte temporale: strade allagate e traffico in tilt


articolo: https://video.corriere.it/cronaca/roma-colpita-un-nubifragio-video-zona-tiburtina-allagata/677ee250-04f9-11ec-9d77-15c71dae99d1?fbclid=IwAR1Okcf1OSz9Mh-kgQdLDLUJLqKvM8S0WR9Ho2Et2vX48aVrqMaYtMJiUfw

Lo straripamento del fiume tra via Fiorentini e la tangenziale est ha causato code e il sottopasso della Stazione Tiburtina è stato chiuso

Roma colpita da un forte temporale nel pomeriggio di martedì con conseguenti strade allagate e traffico il tilt. Il maltempo si è scagliato duramente contro la Capitale, creando non pochi disagi in alcuni quartieri e alla viabilità. In alcune vie il passaggio è reso difficoltoso dai fiumi d’acqua, lo straripamento del fiume tra via Fiorentini e la tangenziale est ha causato code sul tratto urbano della A24 e il sottopasso della Stazione Tiburtina è stato chiuso. In un video, condiviso su Facebook, si vede come, fuori da un locale nella zona Tiburtina, la strada sia completamente allagata.

Uragani e alluvioni, in Usa 10 vittime e migliaia di evacuati. Morti e dispersi anche in Messico


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/08/22/news/uragani_e_alluvioni_in_usa_10_vittime_e_migliaia_di_evacuati_morti_e_dispersi_anche_in_messico-314881716/?ref=RHTP-BH-I314465804-P2-S1-T1

In Tennessee per l’alluvione che sta devastando ampie aree nel sud degli Stati Uniti. Tra le vittime ci sono due gemelli di pochi mesi portati via dalle braccia del padre dalla furia delle inondazioni nella contea di Humphreys

La costa nordest degli Stati Uniti è in stato di emergenza per il passaggio dell’uragano ‘Henri’, che porta pioggia e venti che arrivano a 100 chilometri orari. Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha invitato i newyorkesi a non uscire per qualche ora. Il concerto evento a Central Park, a cui dovevano partecipare star come Bruce Springsteen e Patti Smith, è stato per il momento sospeso e potrebbe riprendere entro un paio d’ore. Migliaia di persone sono state evacuate in Connecticut. Allarme anche nel New England, nel Rhode Island e in alcune zone del New Jersey. continua a leggere

L’uragano Henri rovina la festa di New York: evacuato il maxi concerto di Central Park

Maltempo: esonda il fiume Oglio nel Bresciano


articolo: https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2021/08/16/maltempo-esonda-il-fiume-oglio-nel-bresciano_4373728c-758d-40ce-bd1a-14d74eed43d3.html

Temporale anche a Milano, 40 interventi dei vigili del fuoco

(ANSA) – Milano, 16 agosto 2021

Violenti temporali stanno interessando in queste ore una parte della Lombardia, in particolare il Bresciano. Esondato il fiume Oglio in Valcamonica, nel territorio comunale di Monno (Brescia), sferzato da vento e grandine.

Detriti hanno invaso la Statale 42 e una pista ciclabile. La tempesta ha causato un massiccio smottamento e la Statale 42 è ora chiusa al traffico in entrambe le direzioni. Anche il lago di Iseo è esondato in alcuni tratti.
Sul posto numerose squadre dei vigili del fuoco, compresi diversi mezzi provenienti da Milano. E proprio a Milano c’è stato un breve ma forte temporale: oltre 40 le chiamate ai vigili del fuoco per diversi allagamenti. (ANSA).

____________________________________________________________________

Maltempo, nel Bresciano esonda il fiume Oglio, una frana coinvolge auto. A Milano violento temporale

articolo completo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/08/16/news/maltempo_nel_bresciano_esonda_il_fiume_oglio_a_milano_violento_temporale-314275464/

Previsioni Meteo: LE PREVISIONI METEO SULLA LOMBARDIA

Parzialmente esondato il lago di Iseo, decine di chiamate ai vigili del fuoco per allagamenti. Frane e strade interrotte in Alto Adige

Violenti temporali stanno interessando in queste ore una parte della Lombardia, in particolare il Bresciano. Esondato il fiume Oglio in Valcamonica, nel territorio comunale di Monno (Brescia), sferzato da vento e grandine. Detriti hanno invaso la Statale 42 e una pista ciclabile. Anche il lago di Iseo è parzialmente esondato. A Sonico una frana ha travolto delle auto. Sul posto il team Usar dei vigili del fuoco della Lombardia per escludere la presenza di persone coinvolte. continua

Numerose squadre dei vigili del fuoco sono arrivate da Milano. E proprio a Milano c’è stato un breve ma forte temporale: oltre 40 le chiamate ai vigili del fuoco per diversi allagamenti.

Violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento e grandine si stanno abbattendo anche su diverse zone dell’Alto Adige, in particolare in due vallate – Fleres e Aurina – a vocazione turistica. I vigili del fuoco hanno emesso un avviso di Protezione civile invitando la popolazione delle due vallate a restare a casa per il pericolo di esondazione di fiumi e torrenti. Numerosi gli interventi per allagamenti e smottamenti.

Un forte temporale anche a Verona dove alcune strade sono state chiuse al traffico per la caduta di alberi.

Incendi al Sud, due morti in Calabria La Sicilia decreta lo stato d’emergenza


articolo: https://www.corriere.it/cronache/21_agosto_06/incendi-sud-due-morti-calabria-sicilia-decreta-stato-d-emergenza-ce9829f0-f6d1-11eb-a5f5-12ec0bccb575.shtml?fbclid=IwAR2Rj0G1bhy0XFgo6fuVbqt1iYyrPSQKyYqntW3tJyEUX7LM8Yy0HexOEtk

I cadaveri trovati all’interno di un uliveto che era stato aggredito dalle fiamme: nella regione attivi 57 roghi. Musumeci prevede un alto rischio per altri 15 giorni

Il fuoco che sta devastando le regioni del Sud d’Italia ha provocato oggi due vittime: i cadaveri di un uomo e una donna sono stati rinvenuti all’interno di un uliveto che era stato aggredito da un incendio in provincia di Reggio Calabria Vigili del Fuoco hanno rinvenuto i corpi senza vita di un uomo e una donna nel corso di un intervento per un incendio boschivo in località San Lorenzo a Reggio Calabria. L’incendio aveva guà distrutto una stalla e un’altra struttura. Nell’area sono in azione cinque Canadair. Nel pomeriggio erano ben 57 i roghi attivi in tutta la Calabria, quasi metà dei quali in provincia di Cosenza. La tragedia è avvenuta a san Lorenzo, nella zona dell’Aspromonte; le due vittime (zio e nipote di 53 e 34 anni) stavano con ogni probabilità tentando di salvare l’uliveto dall’avanzare delle fiamme. I corpi sono stati trovati vicino ad un mezzo agricolo. continua a leggere

Italia tra incendi e maltempo. Sicilia devastata, vittime in Calabria ed esondazioni a Como

Maltempo: esonda il lago di Como, strade allagate


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/08/05/maltempo-chiuse-statale-e-ferrovia-brennero-in-alto-adige_20a187cd-5c4d-401c-93da-45383e6472a9.html

Albergo sul Garda travolto dal fango, 100 evacuati. Chiuse statale e ferrovia Brennero in Alto Adige. Preoccupa il livello dei fiumi dopo le precipitazioni della notte

Dalle prime ore dell’alba il lago di Como ha invaso le strade della città, il lungolago e piazza Cavour, in seguito alle abbondanti piogge cadute negli ultimi due giorni sul Comasco e su tutto il bacino dell’Adda, a partire dalla Valtellina. Alle 9 il livello del Lario era di 134 centimetri,: nelle ultime sei ore è cresciuto di quasi 20 centimetri e nelle prossime ore – anche se è tornato il sole – continuerà a salire.

Il traffico è stato deviato sulle strade interne, ma già si teme quello che potrà accadere domani, con la ripresa del cantiere sulla A9 che dirotterà sulla viabilità ordinaria il traffico pesante dal Nord Europa. Durante la notte ci sono stati decine di interventi dei vigili del fuoco per far fronte ad allagamenti e straripamenti di corsi d’acqua. Oggi per interventi di messa in sicurezza dopo le frane dei giorni scorsi, è chiusa fino alle 20 la statale Regina all’altezza di Colonno. 

A causa dell’ondata di maltempo che ha interessato nella notte la zona del Garda trentino, una colata di fango e detriti ha sommerso l’Hotel Pier, sulla gardesana 45 bis. Non si sono registrati feriti, ma gli ospiti, circa un centinaio, sono stati trasferiti a Limone. Altri interventi dei vigili del fuoco sono stati compiuti per allagamenti nei comuni di Riva del Garda e Torbole, dove si sono registrati disagi in un campeggio. L’ondata di piena ha sfondato la porta della cucina travolgendo tutta l’attrezzatura per poi andare a colpire tutta la sala da pranzo, la reception e la hall dell’albergo interessando circa 500 metri quadrati di struttura. Sul posto sono intervenuti 12 vigili del fuoco e 6 mezzi tra cui il carro con braccio meccanico che ha trasportato sul posto circa 100 sacchetti di sabbia stoccati presso il corpo dei pompieri di Arco, che sono serviti a deviare il flusso dell’acqua che copiosa scendeva dalla strada. I vigili del fuoco hanno iniziato una prima opera di ripristino in attesa delle ditte specializzate per evitare che il materiale fangoso indurisse negli ambienti interni. Un sopralluogo è stato effettuato dai sindaci di Riva del Garda e Limone, dal geologo provinciale, dal servizio strade della Provincia di Trento e dai carabinieri di Riva del Garda.

In Alto Adige i vigili del fuoco stanno monitorando i fiumi, i cui livelli si sono innalzati dopo le intense precipitazioni della scorsa notte. In alcuni punti sono usciti dagli argini. Tra Cardano e Prato Isarco, a nord di Bolzano, una frana ha invaso la statale del Brennero che è ancora bloccata. Anche la ferrovia del Brennero risulta attualmente chiusa.

Preoccupano soprattutto l’Isarco e la Rienza. Il livello dell’Isarco a Chiusa alle 4:30 ha raggiunto 4,20 metri, solo 19 centimetri meno dell’alluvione del 30 agosto 2020. A Chiusa è scattato anche l’allarme della protezione civile con l’invito agli abitanti di rimuovere le loro macchine dai garage sotterranei. A Bolzano un senzatetto è stato sorpreso dall’innalzamento dell’Isarco, ma è stato tratto in salvo dai vigili del fuoco con un gommone. Sono state chiuse le strade e i sentieri che costeggiano l’Aurino.

Notte di lavoro per i Vigili del fuoco di Milano a causa delle forti piogge che a cavallo della mezzanotte hanno causato, nel capoluogo lombardo e nell’hinterland, l’esondazione di due fiumi, il Seveso e il Lura. Non si registrano feriti o danni materiali di rilievo. Il Lura è uscito dagli argini intorno alle 3 e mezza a Lainate (Milano), fortunatamente nella zona industriale quindi con scarsa presenza abitativa: solo alcune palazzine hanno avuto le cantine e le tavernette allagate. A Milano il Seveso è uscito verso le 23,30-24, ma in modo contenuto, nella zona di Niguarda, e particolarmente in via Valfurva. A Lainate i Vigili del fuoco sono rientrati e sul posto giunta la Protezione civile, che ha deviato parte del corso nelle campagne.

Ieri paura in un campeggio nel lecchese, 120 evacuati.

Ritorna il maltempo e subito…. emergenza


Maltempo, allerta arancione a Milano. Frana nel Lecchese, 120 persone evacuate per alcune ore da un campeggio

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/08/04/news/maltempo_scatta_ancora_l_allerta_arancione_a_milano_confagricoltura_penisola_italiana_e_un_bollettino_di_guerra_-312957461/?ref=RHTP-VS-I270681067-P20-S7-T1

Interrotta la provinciale della Valsassina. Allerta arancione per i temporali anche nel Varesotto, con particolare attenzione per le zone dei laghi e delle Prealpi

Scatta di nuovo l’allerta arancione su Milano: l’ha diramata la Protezione civile per temporali forti e rischio idrogeologico, mentre l’allerta è gialla per rischio idraulico. Sorvegliati speciali, come sempre, Seveso e Lambro.

Secondo gli esperti del Centro funzionale monitoraggio rischi naturali, infatti, la Lombardia a partire dal pomeriggio di oggi, mercoledì 4 agosto, è interessata da “una saccatura, ovvero una zona di bassa pressione (ndr), di origine atlantica, la quale provocherà un progressivo aumento dell’instabilità con precipitazioni via via più diffuse e insistenti, anche a carattere temporalesco“.

I danni – In serata i primi danni provocati dal tempo. A Villa Guardia, nel Comasco, a causa della pioggia intensa è esondato il torrente Fossato: sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco per mettere in sicurezza la zona. Disagi anche in provincia di Lecco:Dervio, un centro affacciato sul lago di Como, 120 persone sono state allontanate da un campeggio per la piena del torrente Varrone e per la massa d’acqua accumulatasi nell’invaso della diga di Pagnona. I 120 sono poi potuti rientrare in tarda serata, come ha annunciato il Comune, dopo aver ricevuto la notizia che il livello dell’acqua era sceso.

Il Comune di Dervio ha avvertito la popolazione del “rischio esondazione“, consigliando di “spostare le auto dai box garage” e “non uscire se non strettamente necessario“. “Restiamo in allerta perché siamo ben oltre i 50 metri cubi al secondo, dopo i 65 scatta un’ulteriore allerta. Al momento abbiamo fatto evacuare il campeggio a scopo precauzionale, tutti i servizi sono stati allertati e la Protezione civile è pronta a intervenire sul posto“, ha detto il sindaco Stefano Cassinelli al quotidiano Lecco Today.

Sempre nel Lecchese si è verificata una frana sulla strada provinciale 62 fra Bellano e Taceno: i massi hanno invaso la carreggiata in prossimità di una galleria, provocando la chiusura della strada al traffico. Ed è stata chiusa per smottamenti anche la strada Tremenico-Subiale.

Sono previste piogge “in graduale intensificazione su Alpi e Prealpi, primi rovesci o isolati temporali sulla pianura nord-occidentale – si legge ancora nella nota – Tra metà pomeriggio e la prima serata si ritiene probabile la formazione di una linea temporalesca tra alta pianura (occidentale) e Prealpi occidentali. Nel corso della notte si verificherà poi una traslazione dei fenomeni verso le province orientali, che risulteranno più diffusi e intensi su fascia di alta pianura e Prealpi“.

Allerta arancione per i temporali anche nel Varesotto, con particolare attenzione per le zone dei laghi e delle Prealpi. L’amministrazione comunale di Varese ha di conseguenza nuovamente deciso, in via precauzionale, la chiusura al traffico della SP 62 nel tratto tra la Rasa e Brinzio. Il traffico sarà consentito solo ai residenti. Si registrano allagamenti nel nord della provincia, vicino al confine con la Svizzera, nella zona di Porto Ceresio e Lavena Ponte Tresa. continua a leggere

Il maltempo in Lombardia: la Regione chiede lo stato di emergenza…


Il maltempo in Lombardia: la Regione chiede lo stato di emergenza. La solidarietà di Mattarella e la visita di Clooney

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/07/28/news/maltempo_danni_lombardia_como_cernobbio_laglio_stato_emergenza-312074581/

Fiumi di fango e una marea di detriti a Como, la vicinanza del Capo dello Stato alle popolazioni colpite e l’attore americano che incoraggia i volontari e sottolinea: “Questa terra risorgerà perché è resiliente”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato al presidente della provincia di Como per esprimere la sua solidarietà al territorio più colpito dall’ondata di maltemo e a Laglio, dove i detriti hanno bloccato l’ingresso alla sua villa, è arrivato anche Goerge Clooney che ha incontrato i volontari che sono al lavoro per liberare le strade e le case. “E’ terribile – ha detto l’attore americano – molto peggio di quanto potessi pensare. A Cernobbio la situazione è drammatica, ma qui a Laglio anche peggio. Ci vorranno molti anni e molti milioni di dolleri – ha proseguito Clooney  – per tornare alla normalità. Ma ce la faremo perché questa è una terra molto resiliente“.

Dopo l’annuncio di ieri, intanto, la Regione Lombardia ha deciso di formalizzare la richiesta dello stato di emergenza per le province di Como, Varese, Lecco, Sondrio, Cremona e Mantova. Lo ha annunciato oggi a Blevio il presidente Attilio Fontana, durante un sopralluogo nei territori del Lago di Como colpiti duramente dal maltempo in questi giorni. Dopo Blevio, il governatore ha fatto  tappa a Cernobbio, accompagnato dal sottosegretario alla Presidenza Fabrizio Turba e il presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi. “Era doveroso esprimere di persona la vicinanza della Regione a tutta la popolazione che, soprattutto in queste zone, ha subito ingenti danni: desidero ringraziare i Vigili del Fuoco, le forze dell’ordine, le Polizie locali e soprattutto i volontari della Protezione civile che non solo qui, ma in ogni zona della Lombardia flagellata dal maltempo, non si sono risparmiati un attimo per sostenere chi era in difficoltà“, ha detto Fontana, aggiungendo che “sia per quanto di nostra diretta competenza, sia per quanto riguarda interventi di carattere nazionale, ci muoveremo per attivare tutte le procedure necessarie. La nostra attenzione – ha concluso – sarà massima”. continua a leggere

Maltempo, emergenza nel Comasco, paesi isolati. La polizia locale: “Non uscite di casa”


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/07/27/news/maltempo_mercoledi_ancora_temporali_coldiretti_nel_brgamasco_10_milioni_di_danni_all_agricoltura_-311944848/

A Villa Erba chiuso l’hub vaccinale. Laglio, ondata di fango e detriti per le strade. La Regione: “Chiederemo lo stato di emergenza“. Quest’anno si sono triplicate le grandinate in Italia, con undici tempeste di ghiaccio al giorno dall’inizio della stagione estiva

L’ondata di maltempo che sta investendo in questi giorni l’intera Lombardia non si è ancora conclusa: secondo il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare, infatti, anche la giornata di mercoledì 28 luglio sarà caratterizzata da piogge e temporali, in particolare nelle zone centro-settentrionali della Regione. La Polizia locale di Como, dal momento che sono previsti nuovi temporali nelle prossime ore, ha rinnovato l’invito di non uscire di casa se non strettamente necessario e di non avventurarsi nei luoghi a rischio, dove si sono verificati smottamenti e allagamenti. L’invito è giunto al termine di un tavolo tecnico che si è svolto nel tardo pomeriggio nella Prefettura di Como al fine di coordinare gli interventi per i danni provocati dal maltempo. L’ex statale Lariana rimane chiusa all’altezza di Blevio: la carreggiata è stata liberata dai detriti ma vi sono ancora versanti a rischio. La statale 340 Regina è aperta soltanto fino a Laglio: poco più avanti, a Brienno, ci sono stati vari smottamenti anche di grossa entità, e resterà chiusa per almeno due giorni. Per raggiungere la sponda occidentale del lago si può di conseguenza o salire dal versante lecchese e poi scendere, oppure passare dalla Svizzera, attraverso Lugano e Menaggio. E’ stata riaperta anche l’autostrada A9, chiusa in entrambe le direzioni nel pomeriggio tra le uscite Como centro e Lago di Como. Riaperte anche le provinciali in Valle Intelvi. I ponti sul torrente Breggia, al confine con Cernobbio, sono aperti al transito ai soli residenti. Il livello del lago è in salita, ma non è prevista un’esondazione nelle prossime ore: servizi autobus e della navigazione hanno subito interruzioni e soppressioni.

Maltempo in Lombardia, la Regione chiede lo stato di emergenza – L’assessore regionale lombardo alla Protezione Civile, Pietro Foroni, ha effettuato oggi un sopralluogo tra Cernobbio e Blevio, sul versante occidentale del lago di Como, nelle zone maggiormente colpite dall’ultima ondata di maltempo. L’assessore ha potuto verificare i danni al territorio e ha voluto assicurare la popolazione circa l’impegno della Regione, nel voler mettere in campo gli interventi necessari per dare sostegno ai Comuni colpiti. “Regione Lombardia assicurerà le risorse necessarie per il ripristino delle condizioni di sicurezza delle aree interessate – ha commentato l’assessore Foroni -. Invieremo al Governo la richiesta di stato di emergenza non solo per il Comasco, ma anche per Val Chiavenna, il Comune di Gallarate e alcune zone del basso Mantovano“. “È ora che anche lo Stato faccia la sua parte senza scaricare le responsabilità sulla sola Regione” ha concluso Foroni. continua a leggere

https://www.facebook.com/search/top/?q=%20Polizia%20Locale%20Città%20di%20Como%20

Emergenza maltempo nel comasco: alluvione lampo a Laglio

Maltempo, lago di Como: frana a Blevio, detriti e fango su strade e automobili


articolo: https://video.repubblica.it/cronaca/maltempo-lago-di-como-frana-a-blevio-detriti-e-fango-su-strade-e-automobili/392619/393332?video&ref=RHTP-BH-I310107497-P1-S2-T1

Danni nel comasco per violenti temporali con vento e grandine. A Blevio, sulla sponda orientale del lago, i torrenti in piena hanno provocato frane che hanno isolato due frazioni a monte. E’ stata temporaneamente chiusa anche la ex statale 583 Lariana.

Frana a Blevio (CO): le primi immagini
Maltempo Blevio (Co), la frana: auto sommerse dai detriti

Tromba d’aria a Gallarate, tetto si stacca e finisce sulle auto. Allagamenti e danni a Chiavenna e nel Lecchese


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/07/25/news/maltempo_tromba_d_aria_gallarate_danni_lombardia_sondrio_varese-311698048/

METEO – MEGA SUPERCELLA DISTRUGGE TUTTO A GALLARATE 

Violenti acquazzoni in diverse zone della Lombardia, nel Varesotto evacuato uno stabile. Allerta arancione su Milano

Una tromba d’aria ha investito questa mattina, intorno alle 10,30, il rione Caiello di Gallarate (nel Varesotto): la violenta perturbazione ha sollevato parte del tetto di una palazzina in via Ortella, facendolo precipitare sulle auto parcheggiate in zona e nel cortile dei palazzi adiacenti. Fortunatamente non c’è stato alcun ferito e i Vigili del fuoco sono intervenuti con un’autopompa e un’autoscala per rimuovere la copertura pericolante e mettere in sicurezza l’area.

L’ondata di maltempo si è scatenata mentre la città stava festeggiando San Cristoforo, il patrono di Gallarate. Secondo i dati raccolti dalla stazione del Centro meteo lombardo collocata a Caiello, alle 10.45 le raffiche di vento hanno raggiunto i 58 chilometri orari all’altezza di due metri, il che significa che in quota la velocità era nettamente superiore.

Abbiamo avuto circa un’ora di pioggia e grandine diffusa su gran parte della città, ma i danni si sono concentrati prevalentemente a Caiello – spiega il sindaco Andrea Cassani, che si è recato in via Ortella per valutare personalmente gli effetti della tromba d’aria – La cosa più importante è che non ci sia nessun ferito. All’ultimo piano della palazzina da cui si è staccato il tetto ci sono due appartamenti: uno è sfitto, mentre nell’altro vive una famiglia di quattro persone, che trascorrerà alcune notti in hotel mentre verranno effettuati gli interventi necessari, a cominciare dall’installazione di una guaina protettiva che impedisca all’acqua di penetrare nell’abitazione“. “Sono anche cadute delle piante in prossimità dell’asilo del quartiere Azalee e il vento ha sradicato le coperture laterali delle tribune dello stadio – continua il sindaco – Anche lì comunque non si è registrato nessun danno alle persone“.

Rispettando le previsioni, il maltempo sta colpendo anche altre zone della Lombardia: un violento acquazzone si è abbattuto nel tratto italiano della Val Bregaglia (che collega il cantone svizzero dei Grigioni con l’Italia), causando l’interruzione della strada statale 37 del passo Maloja, in territorio comunale di Chiavenna (in provincia di Sondrio), a poca distanza dall’abitato di Prosto. Sul posto stanno operando da mezzogiorno varie squadre di imprese incaricate dall’Anas con quelle dei Vigili del fuoco del distaccamento di Mese e sono presenti anche i carabinieri. Non si registrano vittime, anche se due auto in transito verso il confine con la Svizzera sarebbero state investite in parte dalle colate di detriti fuoriusciti dal torrente Perandone, esondato all’altezza di un’azienda chiusa.

Pioggia, vento e grandine si sono abbattuti anche sul Lecchese all’ora di pranzo, con decine di chiamate ai vigili del fuoco di Lecco e Merate (Lecco) per allagamenti, con auto in difficoltà e alcune strade della Brianza, in particolare a Garbagnate Monastero (Lecco) e Nibionno (Lecco), trasformate in torrenti. La grandine ha devastato le coltivazioni in Brianza. Il maltempo ha interessato anche la Valsassina e l’Alto Lario: a causa del distacco di materiale roccioso, è stato chiuso dal sindaco di Dervio (Lecco), per motivi di sicurezza, il sentiero tra Dervio e Pianezzo. Sono stati effettuati anche sopralluoghi sulla strada provinciale che unisce Bellano (Lecco) e la Valsassina per il rischio idrogeologico.

L’ondata di maltempo si è abbattuta anche sulla Bergamasca, dove una violenta grandinata ha interessato le valli Seriana, Brembana e Imagna, dove la grandine ha ricoperto le strade e rovinato gli orti. I vigili del fuoco sono stati impegnati in una trentina di interventi in tutta la provincia, concentrati specialmente nelle valli, per alberi abbattuti, massi sulle strade, allagamenti: non si segnalano invece danni ad abitazioni o persone ferite. A San Pellegrino l’ex statale si è allagata proprio davanti alla sede dell’omonima azienda di acque minerali.

Per la giornata di oggi, domenica 25 luglio, permangono condizioni meteo di marcata instabilità sulla Lombardia, che proseguiranno anche nelle giornate di domani e di martedì. In particolare, sul nodo idraulico di Milano il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia ha emanato per questo pomeriggio un’allerta gialla (criticità ordinaria) per rischio idraulico e idrogeologico, e un’allerta arancione (criticità moderata) per rischio di forti temporali. Il Comune di Milano è pronto ad attivare i monitoraggi della situazione per verificare la necessità d’interventi.

Maltempo, è allerta gialla per domenica: rischio forti temporali su Milano


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/07/24/news/maltempo_milano_lombardia_allerta_gialla-311606133/

Il maltempo, a causa di una perturbazione di origine atlantica, interesserà molto probabilmente tutta la Lombardia e anche il resto del nord Italia


Allerta gialla maltempo per domenica 25 luglio, a Milano, dove c’è il rischio che scoppino temporali di forte intensità: l’ha emanata il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia, sottolineando che le condizioni meteo perturbate sono previste a partire dalle ore 10.

Il Comune di Milano – precisa una nota di Palazzo Marino – è pronto ad attivare i monitoraggi della situazione per verificare la necessità di interventi“.

Peraltro il maltempo, a causa di una perturbazione di origine atlantica, interesserà molto probabilmente tutta la Lombardia e anche il resto del nord Italia: il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un’allerta meteo per la possibilità di precipitazioni diffuse, che localmente potranno essere anche molto intense e accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento.

Effetti dei cambiamenti che sta subendo il quadro meteorologico in questi giorni: secondo gli esperti della Fondazione Omd-Osservatorio Meteorologico Milano Duomo, la Lombardia finora si è trovata al confine fra la zona in cui agisce l’anticiclone africano e quella interessata dalle correnti più fredde provenienti dall’Atlantico e dal nord Europa, ma da domani e ancor più nella prossima settimana entrerà in un’area di bassa pressione e le temperature scenderanno.

I lombardi potranno quindi trovare refrigerio dall’ondata di calore dell’ultimo periodo: c’è però il rischio che i fenomeni temporaleschi siano particolarmente violenti, con grandinate e venti molto forti, fra stasera e domani, come spesso avviene a seguito di giornate molto afose.

Nubifragio su centro e sud di Torino,…


Nubifragio su centro e sud di Torino, raffiche di vento a 70 l’ora: dehors devastati

articolo: Nubifragio su centro e sud di Torino, raffiche di vento a 70 l’ora: dehors devastati – la Repubblica

Trenta millimetri di pioggia in mezz’ora, danni e traffico in tilt: previsti altri temporali nei prossimi giorni

Nubifragio su centro e sud di Torino

Un millimetro di pioggia al minuto in mezz’ora di temporale. Sono questi i livelli ancora parziali registrati dalle centraline meteorologiche nel pomeriggio nel centro di Torino dove pochi minuti prima delle 17 a iniziato a piovere in maniera consistente, accompagnando gli scrosci d’acqua con raffiche di vento sui 50-70 chilometri orari. Il vento impetuoso e improvviso ha fatto danni soprattutto nei dehors di bar e ristoranti, abbattendo gli ombrelloni. La perturbazione ha colpito prima nella zona nord di Torino, soprattutto a San Mauro e Chivasso, per poi spostarsi verso il centro della città e dirigersi a sud, in particolare nei quartieri di San Salvario, Lingotto, Mirafiori.

Il “monsone” in piazza Vittorio Veneto a Torino: bufera d’acqua e dehors devastati – A Torino temporali di questa portata non si erano visti da un paio di settimane, dopo quelli del 22 e 25 giugno, ma il tempo in questo periodo è piuttosto instabile e altri scrosci sono previsti domani, anche più estesi di quello di oggi.

Nubifragio a Torino: le strade della città diventano torrenti

Maltempo, forte temporale a Milano: strade e scuole allagate


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/06/07/news/temporale_strade_allagate_milano-304660414/

In Fiera sono caduti 15 centimetri di pioggia: prosegue lo stato di allerta gialla per tutta la serata

Un fortissimo temporale si è abbattuto attorno all’ora di pranzo, su Milano e l’hinterland milanese. Diverse le chiamate a Vigili del fuoco e Polizia locale che non segnalano comunque feriti o danni gravi ma la situazione viene definita ancora “in evoluzione”. Alcune strade allagate, con difficoltà viabilistiche in varie zone della metropoli e nei comuni limitrofi, soprattutto a nord della città.

In zona Fiera una quindicina di centimetri d’acqua, che non riescono a essere smaltiti dai tombini perché scesi in pochi minuti, stanno rallentando il traffico. Al momento si segnalano problemi a ponteggi, qualche cantina allagata e tegole pericolanti.

La pioggia abbondante ha creato problemi anche in alcune scuole. La situazione più complessa è all’istituto comprensivo di via Gattamelata, dove si sono allagati i cinque moduli provvisori che ospitano altrettante classi della scuola materna. L’acqua ha riempito le grondaie ed è penetrata dall’alto, così i bambini hanno dovuto lasciare le aule, che resteranno vuote anche domani per permettere le verifiche necessarie all’impianto elettrico. Allagato anche il refettorio dell’istituto, posto nel seminterrato, tanto che con una comunicazione sul sito la scuola spiega alle famiglie che “non sarà garantita l’erogazione del pasto” e chiede di dotare i bambini di pranzo al sacco o di andare a prenderli alle 12.30. Criticità, che tuttavia non impediranno ai piccoli di essere in classe domani, si sono verificate anche all’asilo nido di via Stratos, a Citylife, e nella mensa della scuola di via Monte Baldo per allagamento “dal basso” causato dal mancato drenaggio dell’acqua da parte del terreno. Alla scuola materna di via Stratico, invece, l’acqua è entrata da un terrazzino, il cui rifacimento è già previsto nell’ambito dell’appalto per intervenire sui tetti degli edifici scolastici.

Prosegue, a Milano, lo stato di allerta gialla (criticità ordinaria) anche tra la serata di oggi, a partire dalle 18, e fino a domani, per il rischio di temporali forti. Lo rende noto Palazzo Marino, precisando che “resta attivo il monitoraggio e sono allertate anche le squadre della Protezione civile, della polizia locale e di Mm“.

Australia, violente inondazioni nel Nuovo Galles del Sud


articolo: Australia, violente inondazioni nel Nuovo Galles del Sud – Corriere TV

Centinaia di persone tratte in salvo, evacuazioni in tutta la regione – LaPresse /CorriereTv

(LaPresse) Prosegue l’ondata di maltempo nel Nuovo Galles del Sud, lo Stato più popoloso dell’Australia, da giorni colpito da piogge torrenziali. Case e strade sono state sommerse dall’acqua, mentre centinale di persone sono state tratte in salvo dai soccorritori. Negli ultimi giorni città e paesi di tutta l’area sono stati colpiti da precipitazioni record che hanno portato allo straripamento dei fiumi. Ordini di evacuazione sono stati emessi in più località della Mid North Coast, nel nord-est dello Stato, che secondo la premier del Nuovo Galles del Sud, Gladys Berejiklian, sta vivendo un evento che accade una volta ogni cent’anni. Previste ulteriori evacuazioni poiché si prevede che il maltempo durerà fino a metà settimana.

Evacuazione nel Nuovo Galles del Sud a causa della tempesta a Sydney e delle inondazioni, Australia

Pericolose inondazioni improvvise in tutta l’Australia! -Tempeste e inondazioni in tutta l’Australia
Australia: continuano le evacuazioni a causa del maltempo

Meteo, previsioni per il weekend: ondata di gelo con neve anche in pianura


articolo: https://www.corriere.it/meteo/rubrica-weekend/21_febbraio_11/meteo-previsioni-il-weekend-ondata-gelo-neve-anche-pianura-dc64c1dc-6c8a-11eb-bd17-59a445633f5e.shtml?fbclid=IwAR0SNKJcvh1n6NQfLc7PwfT0qiTM8CiYfYa6QB23AippuSuQFVSYK1lpzro

Effetto Burian: Venerdì fiocchi in pianura al Nord, sabato sera anche a Roma e Bari. Crollo di 15 gradi delle temperature quasi primaverili degli ultimi giorni. E domani allerta arancione nel Lazio; gialla in Emilia, Molise e Basilicata

Le previsioni di venerdì 12 di IlMeteo.it

Il vento gelido siberiano farà irruzione sull’Italia in concomitanza con una perturbazione atlantica che dal Nord-ovest scenderà verso il Centro-Sud. È Burian, che dagli Urali sferzerà la Penisola. In Scozia si sono misurate temperature di -23 °C, mai così fredde da dicembre 1995.Già venerdì mattina previste nevicate anche in pianura su Piemonte, Lombardia ed Emilia (e potrebbero ripetersi le scene dello scorso 28 dicembre). Sabato crollo delle temperature che perderanno anche 15 gradi con nevicate su coste e pianure di Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Basilicata, a quote collinari in Calabria, Sicilia, Umbria e Lazio. Domenica continueranno a soffiare i venti freddi, ma il tempo sarà soleggiato al Centro-Nord, mentre al Sud potranno esserci ancora improvvisi fenomeni nevosi fino in pianura. Vediamo nel dettaglio le previsioni del fine settimana con i previsori de Ilmeteo.it.

Venerdì 12 – Una perturbazione attraversa l’Italia da Nord-ovest verso il Centro-Sud. Neve in Piemonte, Lombardia ed Emilia fino in pianura. In Veneto vento forte lungo le zone costiere e pianura. Nel corso del giorno peggiora al Centro, in Sardegna e al Sud. Neve fino in pianura su Toscana, Umbria e costa adriatica. Al Centro graduale peggioramento su tutte le regioni con precipitazioni che assumeranno carattere nevoso fino in pianura e sulle coste verso sera. In Sardegna maltempo con neve a quote alte. Al Sud cielo coperto con qualche piovasco su Campania (dove mercoledì si è verificata una nuova frana in Costiera Amalfitana), potentino e Calabria, nubi sparse in Sicilia. In tarda serata peggiorerà ovunque con nevicate in collina. Protezione civile: allerta arancione nella provincia di Rieti, gialla nella bassa emiliana per i fiumi Secchia e Panaro, nel Molise interno e in Basilicata. Valanghe: pericolo marcato (livello 3 su 5) su tutto l’arco alpino e nell’Appennino centrale.

Sabato 13 – Al Nord spazi soleggiati con un po’ di nevischio sulle Alpi occidentali, ma temperature sotto zero di notte e di 1 grado di giorno in Val Padana. Al Centro-Sud il minimo depressionario sul basso Tirreno porterà nevicate fino in pianura e sulle coste di Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia e Campania. Tra il pomeriggio e la serata possibilità di fiocchi di neve anche a Pescara, Bari e fino alle porte di Roma. Nevicate anche in Calabria tra sera e notte da 700 metri. I forti venti settentrionali renderanno più vivida la sensazione di freddo.

Domenica 14 – Migliora domenica con più sole su buona parte dei settori, salvo qualche fiocco di neve fin sulle coste del medio e basso Adriatico, interno campano, Basilicata e settore ionico calabrese. Le temperature si manterranno ancora rigide e sotto le medie con correnti gelide da Nord.

Maltempo: allerta gialla in 11 regioni. Neve al Mugello


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/12/26/maltempo-allerta-gialla-in-11-regioni.-neve-al-mugello_453f0d6e-d8ca-4ae6-baff-cad8c58e1e2c.html

Pioggia e calo delle temperature. Fiocchi sul Vesuvio

Allerta gialla per il maltempo in 11 regioni: Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Neve sui passi appenninici del Mugello e alto Mugello e al confine con il Casentino, in provincia di Firenze. E’ quanto segnala la Metrocittà che parla di “possibili criticità sulla viabilità di competenza: in corso interventi degli operatori della viabilità e protezione civile metropolitane con mezzi spalaneve e spargisale. Si ricorda l’obbligo delle dotazioni invernali e massima attenzione alla guida“. Nevica anche nel tratto appenninico dell’A1 Panoramica: nessun problema, si spiega dalla polizia stradale, dal momento che la Panoramica è stata chiusa tra Rioveggio e Aglio verso Firenze proprio a causa dell’allerta meteo. Tutto regolare lungo la A1 Direttissima.

Primi fiocchi di neve dell’inverno 2020 sul Vesuvio. Questa mattina infatti le città che si trovano attorno al vulcano si sono svegliate con la pioggia e con un deciso calo delle temperature, proprio mentre la sommità del cratere si presentava in parte imbiancata. In Campania è in vigore fino a stasera l’allerta meteo di colore giallo.

La Sardegna centrale stamattina si è svegliata sotto la neve. I fiocchi sono scesi a Fonni e a Desulo, i paesi più alti dell’isola, ma anche a Belvì, Gavoi, Ollolai e Villagrande Strisaili. Nelle prime ore della mattina era intransitabile la ss 131 all’altezza di Campeda nel sassarese, poi riaperta. Secondo le previsioni dell’ufficio meteo dell’Aeronautica militare di Decimomannu, le temperature resteranno intorno ai 2 gradi nei paesi al di sopra dei 600 metri per tutta la giornata di oggi e miglioreranno lievemente nella notte. Da domani sera le temperature saliranno sensibilmente.

Dopo i venti di burrasca forte della notte scorsa, con il vento che nell’entroterra di Chiavari ha soffiato a 182.9 km/h, e il calo termico con i -7.8°C a Poggio Fearza, nell’imperiese, il Centro Meteo Arpal ha emanato un avviso meteorologico, lo strumento che segnala fenomeni meteo intensi, per l’ondata di maltempo in arrivo dopo il sole di oggi odierno, che già oggi produrrà una mareggiata intensa lungo le coste del centro-levante regionale. Per inquadrare al meglio possibile gli altri fenomeni meteo che accompagneranno il passaggio di una perturbazione da lunedì con pioggia, neve, gelicidio, freddo e vento, “bisognerà aspettare – scrivono i previsori – le valutazioni sulle uscite modellistiche di domani mattina”.

Interrotti i collegamenti tra Termoli e le Isole Tremiti (Foggia). A causa delle avverse condizioni meteo, la motonave merci e passeggeri “Isola di Capraia” è rimasta nel porto molisano. La Capitaneria di porto ha diramato un avviso di burrasca valido fino alla serata di oggi. Il bollettino prevede mare mosso e vento di nord-est forza 7. Brusco calo delle temperature nelle ultime ore in tutto il Molise e neve in montagna a Campitello Matese (Campobasso).

Meteo Milano, neve in arrivo lunedì: scatta il piano del Comune


Il piano per fronteggiare la neve anche a quote basse A Milano tavolo tecnico con la vicesindaca Scavuzzo, l’assessore Granelli, Protezione civile, A2A, Amsa, Atm e MM

Milano si prepara ad affrontare il freddo polare e la neve

Oggi il sole. Ma domani Milano si prepara ad affrontare il freddo polare e la neve, attesa anche in pianura proprio tra domenica e lunedì. (QUI le previsioni del tempo). L’allerta maltempo, lanciata dalla Protezione civile, dà per certo un brusco calo delle temperature in tutto il Centro-Nord, in estensione anche al Sud, coni fiocchi che arriveranno anche a quote basse. Sotto stretta osservazione anche il livello dei fiumi, in particolare, all’ombra della Madonnina, Seveso e Lambro.

Per fronteggiare l’attesa neve e il maltempo, a Milano si è tenuto il primo incontro del «tavolo tecnico» convocato  dal Comune di Milano: oltre alla vicesindaco Anna Scavuzzo, che ha guidato i lavori, e all’assessore alla Mobilità Marco Granelli. hanno partecipato Protezione civile, A2A, Amsa, Atm e MM. In particolare, è stato già diramato agli amministratori di condominio l’avviso, in caso di calo delle temperature, di spargere il sale nelle parti di strade e marciapiedi davanti agli stabili privati e di provvedere allo sgombero della neve in caso di precipitazioni abbondanti.

Un piccolo ricordo della nevicata del 1985

Il fiume Panaro rompe gli argini,….


Il fiume Panaro rompe gli argini, evacuazioni nel Modenese. Pericolo valanghe molto forte sulle Dolomiti di Sesto

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/12/06/pericolo-valanghe-molto-forte-sulle-dolomiti-di-sesto_d69c0d10-289e-4a15-bc17-8497cf39659e.html

Già caduti 140 cm di neve, attesi altri 110 cm. Il maltempo provoca l’interruzione della ferrovia del Brennero

Sulle Dolomiti di Sesto, come anche sulle Dolomiti tra la Marmolada e Fiera di Primiero il pericolo valanghe è “molto forte” (grado 5 di 5). Nel resto dell’Alto Adige, ad esclusione della val d’Adige, è invece “forte” (grado 4 di 4).

Nelle regioni più colpite sono caduti da 80 a 140 cm di neve. In molte regioni domenica cadranno da 60 a 110 cm di neve, localmente anche di più. A rendere ancora più difficile la situazione il forte vento da sud che causa accumuli di neve. 

La rottura dell’argine del fiume Panaro che ha prodotto una copiosa uscita d’acqua è avvenuta nel territorio comunale di Castelfranco Emilia, a poca distanza da Nonantola e da Modena. Sono state predisposte, nel rispetto della normativa vigente relativa all’emergenza covid, tre strutture dedicate all’accoglienza di eventuali sfollati: il PalaReggiani, la Palestra delle Scuole Guinizelli e la Palestra delle Scuole “Rosse”. E’ chiuso un tratto della ferrovia tra Castelfranco e Modena e sono state chiuse alcune strade: via Bonvino, via Viazza e via Tronco, che sono sott’acqua. Sul posto vigili del fuoco e protezione civile per assistere la popolazione. Aipo sta intervenendo sull’argine. continua a leggere

Piena del fiume Secchia 6 dicembre 2020 situazione a Ponte Alto, Modena

Tromba d’aria e nubifragi a Catania. Danni anche a Giarre, Riposto ed Acireale


articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_novembre_29/tromba-d-aria-nubifragi-catania-danni-anche-giarre-riposto-ed-acireale-2b021090-324a-11eb-832d-b62d64755cfe.shtml?fbclid=IwAR28Zh324G4EfFreWlUn1iR6A6qC20gmIaqzkE9_Ls6e8vIEwP756jEyzzg

La furia del vento e della pioggia ha scoperchiato tetti e divelto alberi. Numerosi i detriti sulle strade e in fase di rimozione e molte persone sono state salvate all’interno di auto in panne dai Vigili del Fuoco

L’ondata di maltempo ha prodotto ingenti danni a Catania ed in altri comuni bagnati dal Mar Ionio. La situazione più problematica è stata vissuta dalla metropoli ai piedi dell’Etna. In particolare nella zona Sud di Catania, vicino all’aeroporto internazionale, una tromba d’aria ha colpito duramente alcuni quartieri periferici e la zona industriale. È in corso la conta dei danni, le immagini di devastazione palesano che solo per fortuna non vi sono state vittime. A Catania anche piazze e strade del centro storico si sono allagate. Persino Piazza Carlo Alberto, luogo di uno degli storici mercati etnei nel cuore della città.

La furia del vento – Nella zona periferica a Sud della città, dove vi è la zona industriale più importante del Sud (con eccellenze internazionali quali il polo della microelettronica e quello chimico-farmaceutico), la furia del vento e della pioggia ha fatto crollare dei muri e numerosi sono i detriti sulle strade e in fase di rimozione. Molte persone sono state salvate all’interno di auto in panne dai Vigili del Fuoco che hanno lavorato con tutte le loro unità con una molteplicità di interventi, salvando vite umane. In diverse zone vengono segnalati tetti scoperchiati oltre ad alberi abbattuti e cartelloni divelti. Fra le aree più colpite della città etna vi sono il Villaggio Santa Maria Goretti, Zia Lisa. San Giuseppe La Rena. La tromba d’aria ed i violentissimi nubifragi non hanno dato tregua. Operatori della Multiservizi, della Dusty e della protezione civile comunale e regionale stanno operando insieme ai Vigili del Fuoco per fronteggiare i gravi danni, soprattutto ai capannoni delle aziende che operano nella zona industriale. Qui diversi luoghi di lavoro sono stati devastati. Numerose le automobili in sosta danneggiate. Le parti esterne di alcune abitazioni sono crollate. Vi sono interi quartiere senza luce. A garanzia della sicurezza dei cittadini il Cimitero di Acquicella è stato temporaneamente chiuso. continua a leggere

Alluvione in Sardegna: Regione dichiara stato di emergenza


articolo: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/11/28/alluvione-in-sardegna-regione-dichiara-stato-di-emergenza_d5ac0a4c-a05e-4469-b501-8a14380376fb.html

La Giunta regionale della Sardegna, riunitasi d’urgenza ieri sera, ha dichiarato lo stato di emergenza, in base alla legge regionale 3 del 1989, e chiederà la proclamazione dello stato di calamità naturale a seguito dell’ondata di maltempo che ha causato nell’isola tre morti e danni per milioni di euro.
Il governatore Christian Solinas nel pomeriggio ha presieduto un vertice nella sede della Protezione Civile regionale che coordina le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dall’alluvione che si è abbattuta su vaste zone dell’Isola.

Tutta la macchina dei soccorsi regionale, ha spiegato Solinas, è mobilitata per fronteggiare l’emergenza, con centinaia di uomini in campo e decine di mezzi, che si affiancano a quelli dei vigili del fuoco. “Il nostro primo pensiero – ha detto – va alle persone che hanno perso la vita e che risultano ancora disperse a causa di un evento catastrofico, il più grave degli ultimi decenni, di potenza tre volte superiore all’uragano che sette anni fa provocò numerose vittime e ingenti danni. La Regione è al fianco delle comunità colpite, in particolare quella di Bitti, e si adopererà con ogni mezzo per la ripresa delle normali attività. La Giunta presenterà in aula, lunedì, un emendamento all’assestamento di bilancio per destinare i primi fondi a sostegno delle attività danneggiate, per le quali saranno avviati gli accertamenti“.

Maltempo, Sardegna sott’acqua…


Maltempo, Sardegna sott’acqua: tre morti a Bitti. La prefettura di Sassari ai cittadini: “Salite ai piani alti”

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/11/28/news/maltempo_un_morto_e_un_disperso_nel_nuorese-276173287/?ref=RHTP-BH-I276238673-P11-S1-T1

Le vittime due anziani e un allevatore sul suo camioncino travolto da un fiume di fango. Altre persone sono disperse. Allerta in Gallura.
Bombe d’acqua anche in Sicilia e in Calabria

L’emergenza maltempo in Sardegna si sposta in Gallura. Dopo il nubifragio che ha devastato il Nuorese provocando tre morti e due dispersi, le condizioni meteo si annunciano in ulteriore peggioramento. E la prefettura di Sassari avverte la popolazione: “Non lasciare le abitazioni e spostarsi ai piani alti in quanto da informazioni ricevute direttamente dalla protezione civile nazionale si prevede un forte peggioramento della situazione meteorologica, con intensissime piogge e condizioni marine particolarmente avverse che potrebbero dar luogo a mareggiate anche di particolare intensità e rischio di onde anomale con impatto sul territorio”.

Due uomini e una donna sono morti a Bitti, nel Nuorese, a causa di un violento nubifragio che da stanotte si è abbattuto sul paese. Altre persone risultano disperse. Le tre vittime, secondo le informazioni fornite dei carabinieri, si trovavano nel centro abitato quando sono state investite dalla furia dell’acqua e del fango: una nella circonvallazione era a bordo della sua auto, un pick up, due nello scantinato della propria casa. continua a leggere

Sardegna, maltempo tra Ogliastra e Baronia: chiusa la statale 389 per una frana
Maltempo in Sardegna, alluvione a Bitti nel nuorese: il paese isolato da ore
Alluvione a Bitti, in Sardegna: le immagini dell’onda di piena tra le case