California, sparatoria in una chiesa Un morto e quattro feriti gravi – Usa: sparatoria in un mercatino a Houston, almeno 2 morti


articolo di Redazione online: https://www.corriere.it/esteri/22_maggio_16/california-sparatoria-una-chiesa-morto-quattro-feriti-gravi-bac627c0-d497-11ec-8cdd-4a67b8015e8e.shtml

La polizia della contea di Orange ha in custodia un sospettato. Un altro fatto di sangue a Houston, in Texas: almeno due morti e tre feriti in una sparatoria in un mercatino

Vigili del fuoco davanti alla chiesa in California

Sparatoria in una chiesa di Laguna Woods, nella contea di Orange, in California, 80 km a sud di Los Angeles. Secondo quanto riferiscono le autorità locali, ci sarebbero un morto e quattro feriti gravi, già portati in ospedale. Un quinto ferito è invece in condizioni meno gravi. Fonti della polizia spiegano che un sospetto è stato sottoposto a fermo. Sarebbe stata trovata anche la possibile arma da fuoco usata per la sparatoria, avvenuta alla Geneva Presbyterian Church di El Toro Road intorno alle 2 del pomeriggio americane, le 11 di sera italiane.

Non è l’unico fatto di sangue di queste ore: due persone sono morte e altre tre sono rimaste ferite in una sparatoria in un mercatino delle pulci a Houston, in Texas. Lo ha riferito l’ufficio dello sceriffo della contea di Harris. La sparatoria sembra sia stata causata da un alterco tra cinque uomini, secondo l’ufficio dello sceriffo. Lo riporta la rete televisiva «Abc».

Usa: sparatoria in un mercatino a Houston, almeno 2 morti

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/05/15/usa-sparatoria-in-un-mercatino-a-houston-almeno-2-morti_51d881d2-1f6e-4e57-9a9f-87108979fefb.html

E ci sarebbero almeno una vittima e quattro feriti in un attacco avvenuto in una chiesa di Orange County in California

Sparatoria in un mercatino delle pulci a Houston. Lo riporta Abc parlando di almeno due morti e tre feriti.
La sparatoria nel mercatino delle pulci vicino Houston sarebbe il risultato di una lite fra cinque uomini.

Lo riporta Abc citando lo sceriffo della contea di Harris. Due persone sono morte sul colpo, altre tre sono state trasportate in ospedale. Il bilancio poteva essere peggiore visto che il mercatino di domenica pomeriggio è particolarmente affollato. Due persone coinvolte sono in custodia della polizia, mentre un terzo è in ospedale. continua a leggere


Salazar trovato morto nel bagagliaio dell’auto: shock in Messico


articolo: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-estero/2022/05/12-92758404/salazar_trovato_morto_nel_bagagliaio_dell_auto_shock_in_messico

L’ex giocatore del Chivas aveva 33 anni. La polizia cerca di fare luce sull’accaduto

Calcio messicano in lutto per la morte del giocatore Antonio Salazar, 33 anni. – By Il Gazzettino Sicilia

Il calcio messicano è in lutto per la morte improvvisa di Antonio “Hulk” Salazar, ex calciatore del Chivas. Le autorità messicane hanno rivelato di aver ritrovato il corpo senza vita del 33enne, nel bagagliaio del suo veicolo (una Chevrolet Valier) avvolto nelle fiamme, nei pressi di Tonala. I paramedici della Croce Rossa inizialmente non sono stati in grado di determinare il sesso del corpo perché è stato bruciato in modo irriconoscibile. Martedì, un funzionario ha confermato che si trattava di Salazar. La polizia (non avendo trovato nessuna denuncia di furto del veivolo), sospetta che Salazar sia stato prima ucciso, poi messo nel bagagliaio, prima che l’auto venisse incendiata. continua a leggere

Slovenia. Kočevje, esplosione in un impianto chimico: 2 feriti gravi e 2 dispersi


articolo: Slovenia. Kočevje, esplosione in un impianto chimico: 2 feriti gravi e 2 dispersi (lavoce.hr)

Foto: screenshot N1info.si

Alle 8.35 di questa mattina, giovedì 12 maggio, nell’impianto chimico Melamin di Kočevje, circa 100 km a nord-est di Fiume, si è verificata una esplosione. Secondo le prime ricostruzioni, a causare il boato e il successivo incendio è stata una caldaia, che ha ferito una ventina di persone, di cui due in gravi condizioni. I servizi d’emergenza sono arrivati immediatamente davanti allo stabilimento, mentre la strada principale che attraversa Kočevje è stata chiusa. A tutti i cittadini è stato consigliato di chiudere le finestre e di non muoversi all’aperto. Poco prima delle 11.30 i Vigili del fuoco hanno reso noto che l’incendio è stato domato. Il capo dei pompieri di Kočevje, Leon Behin, ha dichiarato che sono 2 le persone disperse: «Non sappiamoancora se al momento dell’esplosione si trovavano all’interno dello stabilimento”.

La Melamin S.p.A. nell’ultimo decennio, è riuscita a ritagliarsi un posto riconoscibile nella nicchia della chimica della melamina. In Europa è conosciuta come un fornitore solido e competitivo di resine per l’industria della carta, edile e imprenditoria del mobile.

Risultato ballottaggio elezioni Francia 2022 


articolo di Chiara Severgnini, Greta Sclaunich e Redazione Online: https://www.corriere.it/esteri/diretta-live/22_aprile_24/elezioni-francia-2022-diretta-ballottaggio-macron-pen-affluenza-264percento-94fee34c-c3b7-11ec-b866-99e8752a9d0f.shtml

Risultati definitivi:

Macron 18,7 milioni di voti (58,55%)

Le Pen 13,3 milioni di francesi (41,45%)

Astensione record: 28,01%, la più alta da 1969

Ore 01.48 – Francia, risultati definitivi: Macron vince col 58,55% – Terminato lo spoglio dei voti, il ministero dell’Interno francese ha diffuso i risultati definitivi del secondo turno delle presidenziali. Il presidente uscente Emmanuel Macron ha ottenuto 18,7 milioni di voti, il 58,55% di quelli espressi. Per la sfidante Marine Le Pen hanno votato 13,3 milioni di francesi, una percentuale del 41,45% dei voti. L’astensione ha fatto segnare il livello più alto per un ballottaggio dal 1969, con il 28,01%.

Ore 01.35 – Macron rieletto, tafferugli a Parigi e altre città – Alcune centinaia di manifestanti, soprattutto giovani dei gruppi `antifas´ hanno dato vita a cortei a Parigi e in altre città francesi per protestare contro la rielezione del presidente Macron. Subito dopo l’annuncio della vittoria, nel centro di Parigi il quartiere di Les Halles – fra i 250 e i 300 manifestanti antifas hanno sfilato al grido di «Macron vattene», scontrandosi con la polizia. Il corteo è arrivato fino a place de la Republique. Sul percorso, lanciati oggetti e pietre contro gli agenti, rovesciati cassonetti e motorini parcheggiati. Violenze a Rennes, nel nord-ovest, dove 250 persone si sono riunite nel centro dietro a uno striscione con la scritta «Quello che non avremo dalle urne, lo avremo dalla piazza». Sette manifestanti sono stati fermati. Incidenti anche nel centro di Nantes, durante un corteo di protesta di 400-500 persone, così come a Tolosa, al grido di «Né Macron, né Le Pen, rivoluzione». In 200 hanno sfilato a Caen, un centinaio a Strasburgo, senza incidenti. continua a leggere

Macron eletto presidente della Francia, il discorso: «Renderemo la Francia una grande nazione ecologica»

articolo di Greta Sclaunich e Chiara Severgnini: https://www.corriere.it/esteri/22_aprile_24/macron-presidente-elezioni-francia-2022-359f8010-c3e8-11ec-b866-99e8752a9d0f.shtml

Il presidente uscente Emmanuel Macron è stato rieletto presidente della Franciaal secondo turno delle elezioni presidenziali francesi ha ottenuto il 58,2% dei voti contro la leader di destra Marine Le Pen, ferma al 41,8% secondo le prime proiezioni della tv pubblica France 2. «Grazie amici: la maggioranza dei francesi ha scelto di darmi fiducia per cinque anni a venire» ha detto a Campo di Marte, ai piedi della Torre Eiffel« Molti mi hanno votato per bloccare estrema destra, gli sono grato per il loro senso dovere. Ma dovremo rispondere anche a chi ha scelto il silenzio astenendosi e trovare una risposta alla rabbia di chi ha scelto l’estrema destra», ha aggiunto, promettendo di voler essere «il presidente di tutti», anche di coloro che avevano votato per la sua avversaria.

Il discorso – Il presidente passa poi in rassegna le priorità del suo secondo mandato. «Questi prossimi cinque anni non saranno come quelli passati», assicura, «renderemo la Francia una grande nazione ecologica». Come? «Il nostro è un progetto di liberazione delle energie imprenditoriali, economiche e anche accademiche. Ogni giorno cercherò di rispettare tutti, tenendo conto delle differenze emerse. Lavorerò per una società più giusta». Il presidente si sforza di trasmettere un messaggio di unità: «Tutti insieme, uniti, potremo vivere meglio», ha detto, «nessuno sarà abbandonato lungo la strada. Tutti insieme faremo la storia, scriveremo il futuro per le prossime generazioni». continua a leggere

Macron ai francesi: “Grazie per aver scelto di affidarvi a me”Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE – “Grazie! Grazie cari amici cari compatrioti, qui a Parigi e ovunque in tutta la Francia, nei nostri territori d’oltremare e all’estero. Sì, prima di tutto, grazie Dopo cinque anni di trasformazioni, tempi felici e difficili, anche crisi eccezionali in questo giorno del 24 aprile 2022, la maggioranza di voi ha scelto di affidarsi a me per presiedere alla nostra Repubblica durante i prossimi cinque anni“, le prime parole di Macron dopo la rielezione come Presidente della Francia. /

Youtube Emmanuel Macron avec vous Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez hanno perso uno dei due gemelli durante il parto


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2022/04/18/news/georgina_cristiano_ronaldo_figlio_perso_gemelli-345964018/?ref=RHTP-BH-I342728349-P3-S2-T1

Il dramma annunciato sui social con un comunicato firmato dalla coppia. Nata invece la bambina

Dramma per Georgina Rodriguez e Cristiano Ronaldo. La coppia ha perso durante il parto uno dei due gemelli che stava aspettando. Lo ha annunciato su Twitter il calciatore portoghese, postando il comunicato firmato da entrambi.

È con la nostra più profonda tristezza che dobbiamo annunciare che il nostro bambino è morto. È il dolore più grande che ogni genitore possa provare. Solo la nascita della nostra bambina ci dà la forza di vivere questo momento con un pò di speranza e di felicità“, spiega lo stesso Ronaldo in un messaggio pubblicato nei suoi profili social. Georgina Rodriguez era in attesa di due gemelli: una bambina è invece nata.

Ringraziamo medici e infermieri per tutta la loro assistenza e supporto. Siamo tutti devastati da questa perdita e chiediamo gentilmente la privacy in questo momento molto difficile. Il nostro bambino, tu sei il nostro angelo. Noi ti ameremo per sempre“. continua a leggere

Usa, poliziotto ferma afroamericano poi gli spara e lo uccide mentre è inginocchiato


articolo di Fabio Postiglione: Usa, poliziotto ferma afroamericano poi gli spara e lo uccide mentre è inginocchiato- Corriere.it

L’episodio in Michigan. L’agente ha fermato l’uomo per un controllo stradale e dopo averlo bloccato è nata un collutazione, poi il poliziotto ha sparato colpendo alla schiena

Meno di venti secondi. Questa la durata di un video che racconta dell’assassinio di un uomo afroamericano avvenuto in Michigan, negli Stati Uniti, il 4 aprile. Le immagini sono state diffuse solo ora dalla polizia. Nel video si vede l’agente della polizia sparare proprio mentre era inginocchiato sulla schiena dell’uomo. La vittima è il 26enne Patrick Loyola, ed era stato fermato per un controllo stradale. Lo riportano i media americani.

Il video choc – Nel video, diffuse anche su Twitter, si vede l’uomo già a terra a pancia in giù. Si dimena furiosamente per provare a sfuggire alle pressioni del poliziotto e forse all’arresto. Sopra di lui c’è l’agente che prova a immobilizzarlo: gli sale sulla schiena, prima con il corpo, poi con le ginocchia. Quando Patrick Loyola è quasi del tutto immobile, lui estrae una pistola e la punta alla nuca. Il momento dello sparo non è visibile. continua a leggere

California: incendio a San Francisco, distrutto un grande magazzino


video articolo LaPresse/AP / CorriereTv: https://video.corriere.it/esteri/california-incendio-san-francisco-distrutto-grande-magazzino/a78cda50-b971-11ec-8b83-29e83193a24c

L’enorme rogo non ha causato feriti, al lavoro oltre 100 vigili del fuoco

L’enorme rogo non ha causato feriti, al lavoro oltre 100 vigili del fuoco

(LaPresse)  Ci sono volute oltre sei ore per spegnere un enorme incendio che sabato ha distrutto un grande magazzino nella Baia di San Francisco, in California. Oltre 100 vigili del fuoco sono stati impegnati a lungo per spegnere le fiamme che hanno avvolto il negozio Home Depot di San Josè. Il rogo, partito dal reparto falegnameria, non ha provocato feriti. In corso le indagini per stabilire le cause dell’incendio. 

Elezioni Francia, i risultati. Macron e Le Pen al ballottaggio.


Presidenziali Francia 2022

Eliseo 2022: Macron chiude al 27,85%, Le Pen al 23,15%

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/04/11/eliseo-2022-macron-chiude-al-2785-le-pen-al-2315_59a7523f-958b-42a6-be5d-0644d31bde7f.html

Finito lo spoglio per il primo turno. Mélenchon terzo al 21,95%. Sondaggio: oltre un terzi dei giovani ha votato Melenchon. E per i bookmaker al ballottaggio vincerà il presidente uscente

<<<<<<<<<<O>>>>>>>>>>

articolo di Alessio Sgherza,  Elena Dusi: https://www.repubblica.it/esteri/2022/04/10/news/risultati_elezioni_francia_exit_poll-344541501/?ref=RHTP-BH-I344958142-P1-S1-T1

Gli exit poll danno Emmanuel Macron avanti nel primo turno delle presidenziali. I sondaggi, calcolando le alleanze, lo considerano vincente anche al ballottaggio contro Le Pen. La candidata di estrema destra sostenuta solo da Zemmour e Dupont-Aignan

Emmanuel Macron sarebbe in vantaggio di quattro punti percentuali su Marine Le Pen nel primo turno delle presidenziali francesi. Gli exit poll francesi (Ipsos ed Elabe) rivelano un vantaggio netto del presidente uscente, ma lo spoglio dei voti reali è molto più equilibrato, con Macron al 27,13% contro il 26,47% di Le Pen. Il candidato della sinistra Jean-Luc Mélenchon si fermerebbe attorno al 20%. continua a leggere

Risultati parziali Spoglio 91% Aggiornato al 11 aprile 2022 ore 00:38 Fonte: Ministere Interieur

Macron – Centro 27,4%

Le PenEstrema destra 24,6%

Mélenchon – Sinistra radicale 21,0%

Zemmour – Estrema destra 6,9%

Pécresse – Destra 4,7%

Jadot – Verdi 4,4%

Lassalle – Centro 3,3%

Roussel – Estrema sinistra 2,3%

Dupont-Aignan – Destra 2,1%

Hidalgo – Centrosinistra 1,7%

Poutou – Estrema sinistra 0,8%

Arthaud – Estrema sinistra 0,6%

Aggiornato al 11 aprile 2022 ore 00:38 Fonte: Ministere Interieur

Salmonella, fermata la fabbrica Kinder Ferrero in Belgio. Le scuse dell’azienda


articolo di Redazione Online: https://www.corriere.it/economia/consumi/22_aprile_08/salmonellosi-fermata-fabbrica-kinder-belgio-fd0bea80-b73b-11ec-857a-5568ac9f145b.shtml?fbclid=IwAR1p6YVbh15D0pVle3T75XgxSXajtAlpIbqGWt3S_H5ZNfCU8sQXjjTwsxQ

Le autorità del Belgio hanno deciso di fermare la fabbrica Ferrero dove vengono prodotti cioccolatini Kinder ad Arlon dopo che sono emersi diversi casi di sospetta contaminazione da salmonella (qui la spiegazione di che cosa sia la salmonellosi, quali siano i sintomi e come si curi).

L’autorità per la sicurezza alimentare belga (Afsca) ha ordinato lo stop alla produzione accusando Ferrero di aver fornito «informazioni incomplete». «Dopo aver condotto le nostre indagini, e a seguito delle scoperte effettuate nelle scorse ore riguardo l’incompletezza delle informazioni fornite da Ferrero, l’Agenzia ritira oggi l’autorizzazione a produrre alla fabbrica di Arlon», si legge in una nota dell’Afsca. La stessa agenzia ha anche ordinato il richiamo di tutti i prodotti Kinder usciti dalla fabbrica.

Ferrero si è scusata dopo aver riconosciuto «carenze interne»: il gruppo — si legge in una nota — «si rammarica profondamente» e presenta «le sue sincere scuse a tutti i nostri consumatori e partner commerciali», assicurando di voler adottare «tutte le misure necessarie per preservare la piena fiducia dei nostri consumatori».

Nei giorni scorsi Ferrero aveva deciso di ritirare in via precauzionale diversi lotti di cioccolatini Kinder in diversi Stati — tra cui Francia, Belgio, Regno Unito, Irlanda, Svezia, Olanda, Serbia, Montenegro e Stati Uniti, oltre all’Italia — dopo il verificarsi di alcuni casi di salmonellosi.

I prodotti sospetti arrivavano dalla fabbrica di Arlon. continua a leggere

agg. Tel Aviv, altri spari: due morti e almeno otto feriti, attacco terrorista in tre punti diversi


aggiornamento: Attentato a Tel Aviv, due morti. Omicida ucciso

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2022/04/07/israele-attentato-a-tel-aviv-almeno-due-morti_e7fb6d78-f9a6-4627-bef0-a21201ee240a.html

Ferite altre 15 perdone. Indagini, è palestinese, ha agito da solo

L’autore dell’attentato della scorsa notte a Tel Aviv è stato localizzato ed ucciso.

Lo ha riferito la radio militare israeliana secondo cui si trovava nel centro di Jaffa (Tel Aviv), nelle vicinanze di una moschea.

Si tratta di un palestinese, ha precisato la radio. Ha aperto il fuoco sugli inseguitori ed è stato colpito a sua volta, secondo una versione preliminare dell’accaduto.

La caccia all’uomo si è protratta per nove ore durante le quali agli abitanti del centro di Tel Aviv è stato chiesto di restare nelle proprie abitazioni mentre in alcune zone ispezioni erano condotte di casa in casa. In quel lasso di tempo l’autore dell’attentato ha percorso un tragitto di diversi chilometri, fra Tel Aviv e Jaffa. Per questa ragione, secondo la radio militare, viene indagata la possibilità che abbia avuto un fiancheggiatore. Il bilancio dell’attentato terroristico – il quarto nelle ultime settimane in importanti città israeliane – è di due israeliani uccisi ed altri quindici feriti, alcuni dei quali versano in condizioni gravi. Oggi intanto la polizia israeliana ha dislocato 3.000 agenti a Gerusalemme per affrontare possibili tensioni durante le preghiere nella Spianata delle Moschee per il primo venerdì del Ramadan. continua a leggere

<<<<<<<<<<O>>>>>>>>>>

Tel Aviv, altri spari: due morti e almeno otto feriti, attacco terrorista in tre punti diversi

articolo: https://www.corriere.it/esteri/22_aprile_07/tel-aviv-altri-spari-almeno-sei-feriti-attacco-terrorista-tre-punti-diversi-89c9b824-b6a3-11ec-b39d-8a197cc9b19a.shtml?fbclid=IwAR01IlGcmiSmFTAKWN9rzkgmeSq0sSwrjOnOjiWQ2zyV-F09ft0Ae7EW8ak

Un solo killer in azione. Nella città israeliana è il quarto episodio in meno di un mese: l’ondata aveva già causato 11 morti in totale

Il centro di Tel Aviv è stato bersaglio di un nuovo attacco terroristico nel tardo pomeriggio. Un terrorista solitario (e non due come inizialmente si era creduto) ha compiuto l’attacco in tre posti diversi nei pressi di via Dizengoff nel centro della città israeliana. Lo ha detto il portavoce della polizia, Eli Levi, aggiungendo che l’evento è ancora in corso e per questo ha invitato la popolazione a mettersi al riparo e a non disturbare le forze di soccorso. La polizia – ha proseguito – sta ancora setacciando la zona. Il premier Naftali Bennett è in questo momento al ministero della difesa a Tel Aviv e sta seguendo gli sviluppi. Secondo la polizia due persone sono rimaste uccise nell’attacco odierno e almeno altre otto risultano ferite; tre di loro sono in gravi condizioni.

Scene di giubilo si sono viste a Gaza quando la popolazione ha appreso dell’attentato, alla vigilia del primo venerdì del Ramadan. Fonti locali riferiscono che dai minareti delle moschee sono stati letti versetti del Corano e che ci sono stati numerosi spari in aria.

Il movimento islamico palestinese di Hamas ha lodato l’attacco sferrato nel centro di Tel Aviv. «Le operazioni di resistenza sono una risposta naturale ai crimini di Israele contro il popolo palestinese», ha detto alla televisione al-Jazeera un alto funzionario di Hamas, Mushir al-Masri. Il gruppo terroristico non ha però rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Tel Aviv è stata investita da un’ondata d attacchi che seguono sempre lo stesso copione: i killer a bordo di motociclette sparano all’impazzata sulla folla. Quello odierno è il quarto episodio in meno di un mese. Il bilancio è in totale di 13 vittime. In almeno una di queste circostanze gli attentatori erano entrati in Israele dalla Cisgiordania.

Israele, terroristi aprono il fuoco nel centro di Tel Aviv BlitzTv

Ovetti Kinder Schoko-Bons ritirati in Italia per l’allarme salmonella


articolo di Redazione Online: https://www.corriere.it/economia/consumi/22_aprile_05/ovetti-kinder-schoko-bons-salmonella-italia-fa03c900-b4fe-11ec-a84e-197043dca567.shtml

Ferrero ritira dal mercato alcuni prodotti anche in Italia. Dopo le uova Kinder Surprise singole e multipack ritirate dal mercato britannico, questa volta sono coinvolti nel richiamo dell’azienda alcuni lotti di Kinder Schoko-Bons con scadenza tra il 28maggio e il 19 agosto 2022.

In entrambi i casi i prodotti ritirati provengono dallo stabilimento belga di Arlon. La decisione è giustificata dalle indagini in corso su alcuni casi di salmonella verificatisi nel Nord Europa. I casi segnalati e riconducibili a prodotti Kinder sarebbero almeno 57, tra cui un certo numero di bambini. L’azienda di Alba puntualizza che «ad oggi, nessun prodotto analizzato sui mercati coinvolti dal richiamo è risultato contaminato da salmonella». continua a leggere

Volo Air France, l’allarme dei piloti: «L’aereo non risponde ai comandi»


articolo di Leonard Berberi: https://www.corriere.it/cronache/22_aprile_05/volo-air-france-l-allarme-piloti-l-aereo-non-risponde-comandi-1b7a39c0-b509-11ec-a84e-197043dca567.shtml

Air France Boeing 777-300ERScattata il 28 giugno 2016

Il Boeing 777-300ER del volo New York-Parigi ha avuto problemi in fase di atterraggio. I piloti hanno dovuto annullare la manovra e riprovare. Gli esperti stanno analizzando le scatole nere

I piloti di un Boeing 777-300ER di Air France hanno perso per alcuni secondi il controllo dell’aereo mentre si preparavano ad atterrare all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi e per questo hanno dovuto anche annullare la procedura di discesa, fare il giro dello scalo e atterrare in un secondo momento. Il fatto, accaduto la mattina del 5 aprile, viene confermato al Corriere della Sera dalla compagnia aerea e da Bea, l’ufficio francese per le indagini e l’analisi sulla sicurezza dell’aviazione civile. L’audio del comandante e del primo ufficiale mostra le difficoltà affrontate in quei momenti.

Il percorso del volo Air France da New York a Parigi (da Flightradar24)

Il volo – Il Boeing 777-300ER di Air France, da 17 anni in servizio, stava operando il volo AF11 ed era decollato dall’aeroporto «JFK» di New York la sera prima, il 4 aprile. Non è chiaro quanti fossero i passeggeri a bordo e la compagnia non l’ha chiarito. Avvicinandosi verso Parigi-Charles de Gaulle i piloti hanno iniziato ad avere problemi nella gestione del velivolo. Le conversazioni sono state registrate dagli appassionati nei dintorni dell’aeroporto e sono state confermate al Corriere dagli addetti ai lavori.

L’avvicinamento«Ciao, qui volo Air France AF11 procediamo verso la pista 26 sinistra», dice uno dei piloti alla torre di controllo del Charles de Gaulle nella registrazione. «Air France AR11 buongiorno, siete autorizzati ad atterrare sulla pista 26 sinistra», replica il controllore assegnato a gestire l’aereo. «Ci confermate che siamo autorizzati ad atterrare sulla pista 26 sinistra?», chiede il pilota. «Confermo, Air France AF11», replicano dalla torre. Fin lì tutto normale, ma pochi istanti dopo si sentono i piloti fare delle smorfie, poi emettere un urlo mentre in sottofondo suona l’allarme: il Boeing non risponde ai comandi. «Stop, stop!», dice il pilota.

L’emergenzaI suoni e la voce concitata allarmano la torre di controllo. «Air France 11?», chiedono da terra. «Ti richiamo», dice il pilota. «Air France interrompete l’avvicinamento a 1.500 piedi (457 metri, ndr) immediatamente», è l’ordine che arriva dalla torre. «Ok ci fermiamo a 1.500», rispondono dalla cabina. Ma l’allarme suona ancora, quindi si aggiungono altri avvisi sonori, mentre il pilota continua a sforzare in una manovra che dall’audio non è chiara nella tipologia. «Qui AF11, facciamo il giro, attesa a 4.000 piedi, vi richiamiamo», dicono dal velivolo. continua a leggere

Usa, sparatoria a Sacramento: diverse vittime. I testimoni: «Un uomo ha sparato da un’auto»


articolo di Carlotta Lombardo: https://www.corriere.it/cronache/22_aprile_03/usa-sparatoria-sacramento-diverse-vittime-testimoni-un-uomo-ha-sparato-un-auto-6ca4baac-b345-11ec-ba33-d1bb8d793193.shtml?fbclid=IwAR1Yuf7fCcORpHscHDneKjx_5Zro18P-MzdCUmaoIabArS5qcXiUdR_phWc&fbclid=IwAR3Okdn0kFfihgl3O163j0OkQISGoLhPkbLegq7kn7iBbks6-9FcqYMhfN4

Diversi video della sparatoria di Sacramento postati sui social mostrano la fuga della folla in panico che cerca riparo mentre si sente una rapida successione di colpi

Sono almeno sei i morti nella sparatoria avvenuta intorno alle 2 di notte nel centro di Sacramento, città della California. Secondo le informazioni diffuse via Twitter dal Dipartimento di Polizia della città almeno 15 persone sono state raggiunte dai colpi di arma da fuoco, le vittime — tra morti e feriti — sono state trovate in diversi luoghi intorno alla centrale K Street, probabilmente in seguito al tentativo di fuga. Ai residenti è stato chiesto di evitare l’area, ricca di ristoranti e bar, che conduce al Golden One Center, dove i Sacramento Kings giocano a basket.

Alcuni testimoni della sparatoria hanno visto un uomo in un’auto che ha aperto il fuoco contro la folla vicino al ristorante El Santoprima di dileguarsi. Non si hanno al momento notizie sulla sua identità né sull’esito della fuga. Sarebbero stati sentiti sino a 50 colpi esplosi dall’auto, come testimoniano alcuni video postati sui social network. Uno di questi filmati mostra una rissa durante il momento della sparatoria ma non è chiaro se i due episodi siano collegati. continua a leggere

Traduttore https://translate.google.it: AVVISO: la 9th St alla 13th St è chiusa tra L St e J St mentre gli ufficiali indagano su una sparatoria con più vittime. Condizioni sconosciute al momento. Si prega di evitare l’area poiché rimarrà una grande presenza di polizia e la scena rimarrà attiva. Si prega di seguire questo thread per gli aggiornamenti

Azerbaigian, violenta esplosione in un locale di Baku


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2022/04/03/news/baku_esplosione_in_un_locale-343887367/

Una violenta esplosione è avvenuta nella notte in un locale di Baku, in Azerbaigian: ci sarebbero diversi feriti, si temono vittime. Ancora sconosciute le cause.

Ultim’ora 02.30

Forte esplosione in un locale di Baku: feriti, si temono vittime

Cosa cambia dal 1 aprile per green pass, mascherine e scuola: le nuove regole Covid


articolo di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini: https://www.corriere.it/cronache/22_marzo_31/1-aprile-green-pass-regole-covid-c39eccc6-b05c-11ec-9789-5da5d2d36231.shtml

Stop quarantena per i contatti stretti: test quotidiani solo per i sanitari. Il generale Petroni successore di Figliuolo

Da domani si applicano le nuove regole per il contenimento del Covid 19. In molti luoghi si potrà entrare senza green pass, in altri servirà solo quello base. Non cambiano le regole per l’isolamento di chi è positivo7 giorni se si è vaccinati, 10 se non si è immunizzati o se l’ultima dose è stata fatta da più di 120 giorni. Cambia invece la quarantena per chi ha avuto contatti stretti con contagiati: l’autosorveglianza, «con l’obbligo di indossare Ffp2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto» vale per chi è vaccinato e per chi non lo è. Gli operatori sanitari devono eseguire un test antigenico o molecolare per 5 giorni dall’ultimo contatto con un positivo. Il generale Tommaso Petroni è stato nominato dal premier Mario Draghi successore di Francesco Paolo Figliuolo per dirigere il completamento della campagna vaccinale.

Covid, cosa cambia dall’1 aprile: le nuove regole – 28 mar 2022Corriere della Sera

Il super green pass resta per ospedali e cinema

Dal 1° al 30 aprile il green pass rafforzato — che si ottiene se si è vaccinati da meno di 120 giorni oppure guariti — sarà obbligatorio per:
– piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra e di contatto, centri benessere (anche all’interno di strutture ricettive) al chiuso
– spogliatoi e docce
– convegni e congressi
– centri culturali, centri sociali e ricreativi al chiuso
– feste, comprese quelle dopo le cerimonie
– sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
– sale da ballo e discoteche
– cinema, teatri, palazzetti dello sport
– strutture sanitarie
Dal 1° maggio non servirà più la certificazione verde.

Il green pass base richiesto per aerei e stadi

Dal 1° al 30 aprile il green pass base, che si ottiene con certificato di vaccinazione, di guarigione, oppure con tampone antigenico (valido 48 ore) o molecolare (valido 72 ore) sarà obbligatorio per accedere a:

  • bar e ristoranti al chiuso
  • concorsi pubblici, corsi di formazione pubblici e privati
  • colloqui in carcere
  • spettacoli all’aperto
  • stadi
  • aerei
  • treni
  • navi e traghetti (esclusi i collegamenti nello Stretto di Messina e con le Isole Tremiti)
  • pullman turistici oppure che effettuano i collegamenti tra regioni.

Dal 1° maggio non servirà più la certificazione verde per nessuno di questi luoghi.

Mascherine: quando usare le chirurgiche o le Ffp2

In tutti i luoghi al chiuso dal 1° al 30 aprile è obbligatoria la mascherina chirurgica.
In discoteca la mascherina può essere tolta al momento del ballo.
Nei bar e ristoranti deve essere indossata quando non si è al tavolo.
Nei seguenti luoghi è invece obbligatorio indossare la Ffp2:
– aerei
 navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
– treni
– pullman turistici oppure per il collegamento di regioni diverse
– autobus, metropolitane, tram, scuolabus
– funivie, cabinovie e seggiovie con cupola paravento
 cinema, teatrisale da concerto, competizioni sportive all’interno dei palazzetti dello sport.

Scuola, in Dad solo i positivi, autosorveglianza per gli altri studenti

Se nelle classi ci sono quattro casi «le attività proseguono in presenza e docenti, educatori e bambini che abbiano superato i sei anni utilizzano le mascherine Ffp2 per dieci giorni dall’ultimo contatto con un soggetto positivo. In caso di comparsa di sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo all’ultimo contatto, va effettuato un test».
Gli alunni «in isolamento per infezione da Covid, possono seguire l’attività scolastica nella modalità di didattica digitale integrata accompagnata da specifica certificazione medica che attesti le condizioni di salute dell’alunno».
Si può tornare in classe «dimostrando di aver effettuato un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo».

Lavoro: basta un tampone anche per gli over 50. Eccezione per i sanitari

Fino al 15 giugno 2022 rimane l’obbligo vaccinale per alcune categorie professionali — personale scolastico e forze dell’ordine — e per gli over 50 ma per andare al lavoro sarà sufficiente esibire il green pass base, che si ottiene con il tampone. E quindi non è più prevista la sospensione da funzioni e stipendio per chi non è vaccinato.
Per gli over 50 che non sono vaccinati rimane la sanzione da 100 euro che sarà erogata dall’Agenzia delle Entrate.
Per il personale sanitario e i dipendenti delle Rsa l’obbligo vaccinale rimane fino al 31 dicembre 2022.
Chi non è in regola deve essere sospeso da funzioni e stipendio fino a quando non risulta in regola con le vaccinazioni.

Turismo, se clienti degli hotel accesso libero a ristoranti e piscine

Dal 1° aprile sarà possibile soggiornare negli alberghi e nelle altre strutture senza avere il green pass.
I clienti che alloggiano negli alberghi e nelle strutture possono accedere ai bar e ai ristoranti , alle palestre e alle piscine, ai centri benessere senza il green pass base.
Chi non alloggia negli alberghi e delle strutture deve invece esibire il green pass base per tutti i servizi che si trovano all’interno.
Sarà libero anche l’accesso a:
– negozi
– uffici pubblici
-uffici postali
-banche
In tutti questi luoghi bisognerà però indossare la mascherina ed evitare gli assembramenti.

F1 Gp Arabia Saudita, paura in pista per un missile su una raffineria vicina: gli scontri della guerra in Yemen


articolo di Daniele Sparisci, inviato a Gedda: https://www.corriere.it/sport/formula-1/22_marzo_25/f1-gp-arabia-saudita-paura-pista-un-missile-una-raffineria-vicina-scontri-guerra-yemen-57039d28-ac59-11ec-b7d6-769a9aeeea07.shtml

F1 Gp Arabia Saudita, paura in pista per un missile su una raffineria vicina

Il gruppo sciita degli Houthi ha colpito un deposito dell’Aramco (sponsor F1) mentre le macchine giravano in pista a meno di 20 km di distanza. Un’escalation di 7 droni armati e un missile. Verstappen: «Sento odore di bruciato, è la mia macchina?»

GEDDA Colonne di fumo nero si sono alzate sopra il cielo di Gedda dove è in corso il Gp di Formula 1 dell’Arabia Saudita. Paura e tensione nel paddock, ritardata la seconda sessione di prove libere. I piloti e i team principal si sono riuniti con Stefano Domenicali, il n. 1 di Liberty Media, ma ricevute rassicurazioni, le operazioni sono ricominciate e i piloti si sono rimessi a girare. Un’altra riunione con i piloti si terrà in serata. A provocare le fiamme sarebbe stato un attacco contro un deposito dell’Aramco, la compagnia petrolifera locale, sferrato dagli Houthi il gruppo sciita che controlla Sanaa, la capitale dello Yemen. Negli stessi momenti sulla pista sul Mar Rosso stavano girando le monoposto di F1, via radio Max Verstappen aveva avvisato i box: «Sento odore di bruciato, non so se viene dalla mia macchina o da un’altra parte».

L’impianto si trova a meno di 20 km dal tracciato, era già stato bersagliato domenica. Video amatoriali hanno mostrato le fiamme, le autorità saudite per ora non hanno diffuso informazioni sull’accaduto. Domenica scorsa la stessa raffineria dell’Aramco era stata già colpita. Secondo la coalizione anti-Houthi (guidata da Riad) nelle ultime ore sono stati intercettati 7 droni armati e un missile diretti contro le zone sud del Paese. L’escalation degli Houthi è stata condannata anche dalla Casa Bianca nei giorni scorsi, l’Arabia Saudita ha ricevuto dagli Usa batterie di missili Patriot. L’Aramco è sponsor della F1 e del team Aston Martin. continua a leggere

Caro benzina, svizzeri in coda a Como per fare rifornimento in Italia: l’inversione storica


articolo di Anna Campaniello: https://milano.corriere.it/notizie/lombardia/22_marzo_23/caro-benzina-l-inversione-storica-svizzeri-coda-como-fare-rifornimento-italia-7371b382-aad3-11ec-89dc-0e9cfd23fb65.shtml

Inedito pendolarismo al contrario nella zona di confine: è un effetto del taglio delle accise sul carburante deciso dal governo italiano, ed entrato in vigore martedì 22 marzo. Risparmio di circa 30 centesimi a litro

Pendolari del pieno, ma al contrario. Svizzeri in coda per fare rifornimento nelle stazioni di servizio di Como e della zona di frontiera. Un capovolgimento di fronte a sorpresa, effetto del taglio delle accise sul carburante deciso dal governo italiano per contenere gli effetti del caro benzina. Da un momento all’altro, a partire da martedì pomeriggio (il decreto è in vigore dal 22 marzo), il pieno in Italia è diventato più conveniente che oltreconfine.

Un’inversione pressoché storica. Le auto ticinesi ferme davanti alle pompe di benzina e diesel comasche, un miraggio solo fino a qualche giorno fa, sono via via aumentate con il passare delle ore. Dopo la pubblicazione del Decreto Energia in Gazzetta Ufficiale, a partire dal pomeriggio di martedì i gestori hanno cominciato ad adeguare i listini e ad esporre i nuovi prezzi, con un calo di circa 30 centesimi al litro rispetto ai costi stellari raggiunti dal carburante nei giorni scorsi.

La Svizzera, che fino a quel momento offriva prezzi più vantaggiosi agli automobilisti italiani, si è trovata a fare i conti con un costo al litro superiore a quello dei colleghi d’oltreconfine di circa 17-20 centesimi sia per il gasolio che per la benzina. Per un rifornimento di 50 litri, si traduce in un risparmio di circa 10 euro. «Man mano che la notizia si è diffusa abbiamo cominciato a vedere auto svizzere», confermano i benzinai comaschi. Opposto lo scenario dall’altra parte del confine, dove i piazzali delle stazioni di servizio si sono pian piano svuotati e i clienti sono diventati una rarità. Qualche gestore a Chiasso e nella zona a ridosso del confine, come emerso nelle ultime ore, ha provato a rivedere leggermente al ribasso le tariffe applicate. I prezzi sono rimasti comunque meno competitivi rispetto a quelli super scontati italiani.

«Questo provvedimento non può che portare un po’ di respiro alla categoria – sottolinea Daniela Maroni, presidente Figisc, gestori degli impianti di carburante di Confcommercio Como e vicepresidente nazionale -. Ci auguriamo che l’inversione di tendenza possa proseguire. Siamo comunque in attesa di avere delucidazioni in merito al rimborso dell’accisa già assolta rispetto al prodotto che avevamo già nelle nostre cisterne». continua a leggere

LEGGI ANCHE

In Cina è caduto un aereo con 132 persone a bordo: l’incidente mentre scendeva a 9.400 metri al minuto


articolo di Leonard Berberi: https://www.corriere.it/esteri/22_marzo_21/incidente-aereo-cina-130-persone-bordo-0d7bee88-a8f0-11ec-8325-fd7a7d1851e8.shtml

Un Boeing 737-800 della China Eastern Airlines è caduto vicino a Wuzhou, nel sud della Cina. Le due ipotesi: problema tecnico grave o gesto intenzionale dei piloti

L’aereo caduto il 21 marzo 2022 aveva una livrea particolare

Un Boeing 737-800 della compagnia aerea China Eastern Airlines è precipitato vicino a Wuzhou, nel sud della Cina. A bordo c’erano 132 persone: 123 passeggeri e 9 membri dell’equipaggio, secondo l’ente locale per l’aviazione civile (la tv di Stato Cctv invece aveva riferito 133).

Non è ancora chiaro se ci siano o meno vittime, anche se sarebbe un miracolo trovare dei sopravvissuti. Il presidente cinese Xi Jinping, «sconvolto» per l’incidente, ha chiesto di impiegare «tutti gli sforzi possibili» per «organizzare la ricerca e il salvataggio, gestire adeguatamente le conseguenze, rafforzare le indagini sui potenziali rischi per la sicurezza nell’aviazione civile e garantire l’assoluta sicurezza delle operazioni di aviazione».

Gli ultimi secondi – La dinamica dell’impatto, stando almeno alle ultime informazioni a disposizione sui siti di tracciamento dei voli, mostrerebbe una caduta quasi verticale del velivolo (che è un modello diverso dal 737 Max).

Nell’ultimo pacchetto di dati raccolto dai dispositivi di Flightradar24 poco prima di far perdere le tracce il Boeing 737-800 stava scendendo a oltre 9.400 metri al minuto (cioè a 157 metri al secondo), valori che non fanno pensare a una normale discesa di quota. L’ultimo segnale lo colloca a 983 metri di quota, in un’area peraltro collinare.

Le ipotesi – È prematuro giungere a una conclusione senza aver ancora recuperato le due scatole nere che registrano gli audio a bordo dei piloti e i dati reali del velivolo. Sulla base dei valori indicati dai siti di tracciamento degli aerei — e incrociandoli con un video che mostrerebbe gli ultimi secondi del jet cinese — due piloti di Boeing 737 consultati dal Corriere spiegano che per scendere a quelle velocità variometriche le spiegazioni di solito si riducono a due: o un problema tecnico grave ai comandi di volo oppure un gesto intenzionale di chi era in cabina di pilotaggio.

In alte parole: dato che l’aereo viene giù in picchiata, secondo i due esperti o i piloti hanno perso l’uso dei comandi oppure deliberatamente lo pilotano verso terra. Il velivolo mostrato nel filmato, infatti, non fa alcuna «spirale», nessun movimento, scende perfettamente in verticale verso terra. continua a leggere

Cina, aereo con 132 persone a bordo precipita nel Guangxi: le immagini dopo lo schiantoNotizie.it

Belgio, auto contro la folla al carnevale di La Louvière: 6 morti. Italiani sia le vittime che i due al volante: arrestati


articolo di Floriana Bulfon: https://www.repubblica.it/esteri/2022/03/20/news/belgio_auto_contro_folla_carnevale_in_vallonia_4_morti_12_feriti_gravi-342087209/?ref=RHTP-BH-I340457320-P8-S1-T1

Belgio, auto contro folla a La Louviere durante la celebrazione del Carnevale

I due a bordo sono 30enni originari della provincia di Agrigento. I morti hanno cittadinanza o origini del nostro Paese. Gli inquirenti escludono il terrorismo: si attendono i risultati dei test tossicologici. Dieci i feriti gravi

E’ una tragedia soprattutto italiana quella della sfilata di carnevale a Strépy-Bracquegnies, nel comune vallone di La Louvière. Lo sono le vittime, con cittadinanza o con origini del nostro Paese, nel solco della grande tradizione di emigrazione verso questa regione del Belgio. E lo sono i due trentenni che a bordo di una Bmw serie 5 nera si sono lanciati a tutta velocità sulla folla uccidendo sei persone e lasciando a terra una dozzina di feriti gravi.

Sono morti così, all’alba di una domenica mattina, mentre stavano preparandosi per assistere alla festa mascherata del “ramassage des Gilles”, che si teneva per la prima volta dopo due anni pandemia. Mario Cascarano, sua moglie Micaela e suo cognato Salvatore Imperiale si erano trasferiti in Belgio da Volturara Irpina, tremila anime alle pendici del monte Terminio. Mario, che tifava Inter e amava andare a vedere le partite di calcio in patria come racconta il suo collega Rino Moscato, lavorava nello stabilimento dolciario Barry Callebaut (ex-Côte d’Or) di Hal. Con lui c’era la moglie Micaela, impiegata nel centro per l’assistenza sociale del comune, mentre suo fratello Salvatore era dipendente di un ipermercato e attivista sindacale: “Un uomo con un sorriso contagioso, e un grande cuore! Un vero tifoso del Raal e del Napoli, mi mancheranno le nostre discussioni sul calcio” dice il suo amico Laurent Darquenne. Erano partiti dall’Irpinia con i genitori negli anni Settanta e avevano mantenuto un legame forte con Volturara, dove tornavano ogni estate. continua a leggere

Stati Uniti, sparatoria in Arkansas: colpite dieci persone


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2022/03/20/news/stati_uniti_sparatoria_in_arkansas_colpite_dieci_persone-342069812/

L’incidente è avvenuto a Dumas, a circa 30 km dalla capitale dello stato Little Rock.

Almeno 10 persone sono state ferite da colpi di arma da fuoco fuori da un salone automobilistico in Arkansas. Lo riporta la Cnn. L’incidente è avvenuto a Dumas, a circa 30 km dalla capitale dello stato Little Rock.

La polizia dell’Arkansas riferisce in una nota che “dalle prime informazioni risulta che dieci persone sono state ferite da colpi di arma da fuoco“. Le condizioni dei feriti non sono note, né si parla di possibili sospetti o del movente. Le prime immagini mostrano alcune persone, coperte di sangue, portate nelle ambulanze. Tutta l’area è stata chiusa dalla polizia.

Ucraina – Russia, le news di oggi. Putin annuncia il via alle operazioni militari. Esplosioni a Kiev e in altre città . Cnn: centinaia di vittime


articolo a cura di Rosa Femia, Piera Matteucci, Anna Lombardi: https://www.repubblica.it/esteri/2022/02/24/news/ucraina_russia_news_oggi_diretta-338988051/?ref=RHTP-BL-I338475600-P1-S1-T1

Esplosioni a Kiev e in altre città

Il presidente russo, Vladimir Putin ha annunciato in tv l’autorizzazione a operazioni militari del Donbass e ha lanciato un appello ai soldati ucraini affinché depongano le armi. Il capo del Cremlino ha intimato ai Paesi stranieri di evitare interferenze, altrimenti ci saranno conseguenze mai viste. Esplosioni sono state avvertite a Kiev e in alre città. Prima dell’attacco, il presidente Zelensky aveva chiesto invano un colloquio a Putin. I separatisti del Donbass avevano chiesto l’aiuto di Mosca. Un pretesto per il blitz, secondo gli Stati Uniti. Ferma la reazione della comunità internazionale, dal presidente americano Joe Biden all’Unione europea: “L’attacco russo è inaccettabile e ingiustificabile. La risposta sarà forte“. continua a leggere

Ucraina, iniziato l’attacco russo: la diretta da Piazza Maidan a Kiev
Ucraina, invasione russa: ultimi sviluppi in diretta
euronews (in Italiano)
La Russia invade l’Ucraina, missili su Kiev: Putin ha dato l’ordine d’attacco. È guerraFanpage.it
La Russia invade l’Ucraina: il ricatto di Putin
Krònos

Maxi-rissa a bordo del volo Parigi-Guyana: un ferito e 5 passeggeri arrestati


articolo & Video: https://video.corriere.it/cronaca/maxi-rissa-bordo-volo-parigi-guyana/3865abd4-8c44-11ec-a14e-5fea75909720

CorriereTv

Due gruppi di passeggeri hanno iniziato un battibecco e poi sono passati alle mani. Cinque persone sono state arrestate

Una rissa è scoppiata a bordo del volo Parigi-Guyana: cinque passeggeri sono stati fermati dalla polizia e rischiano fino a 5 anni di carcere. Ferito un assistente di volo

Maxi-rissa a bordo del volo Parigi-Guyana: un ferito e 5 passeggeri arrestati

È morto Luc Montagnier: le conferme di altri media


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2022/02/10/news/morto_professor_luc_montagnier_nobel_studi_aids-337239030/?ref=RHTP-BH-I336659419-P1-S1-T1:

Il virologo francese, premio Nobel per gli studi sull’Aids, aveva 89 anni. Era diventato un riferimento dei No Vax

Luc Montagnier Ansa

È morto a Neuilly-sur-Seine, alle porte di Parigi, il professor Luc Montagnier, premio Nobel nel 2008 per i suoi studi sull’Aids, diventato negli ultimi anni un riferimento dei No Vax. La notizia circolava da ieri sera sui social ed era sorto a riguardo un giallo. Oggi l’hanno confermata anche il quotidiano Libération e la tv France Info. Montagnier aveva 89 anni.

Dopo il sito francese France Soir anche il professor Didier Raoult aveva annunciato la morte del virologo Luc Montagnier. “Luc Montagnier è morto. Perdiamo un uomo la cui originalità, l’indipendenza e le scoperte sull’Rna hanno permesso la creazione del laboratorio che ha isolato e identificato il virus dell’Aids“: scrive sul suo profilo Twitter il controverso professore dell’ospedale di Marsiglia, che nei primi tempi della pandemia divenne popolarissimo per le sue ricette alternative nella cura del coronavirus a base di idrossiclorochina. Queste scoperte, prosegue Raoult, sono valse a Montagnier “la gloria, il Premio Nobel nonché l’inaudita ostilità dei suoi colleghi. L’attenzione portata alle sue ultime ipotesi fu sproporzionata“, continua Raoult. continua a leggere

Paura in Spagna, i tifosi esultano per un gol ma la tribuna crolla: cinque feriti


articolo CorriereTv: https://video.corriere.it/sport/paura-spagna-tifosi-esultano-un-gol-ma-tribuna-crolla-cinque-feriti/d58e8e62-7f8d-11ec-92d4-fb784b53d483

Attimi di terrore durante la partita tra Zamora e Deportivo de la Coruña

È successo allo stadio Ruta de la Plata, durante la partita tra Zamora e Deportivo de la Coruña in terza serie spagnola. La squadra galiziana è riuscita a segnare il gol della vittoria all’ultimo minuto ed esplode la festa in tribuna, subito seguita però da terrore e paura. Il settore che ospitava i tifosi ospiti è crollato sotto gli occhi dei calciatori. Le transenne dell’impianto hanno ceduto e fatto cadere nel vuoto coloro che erano nelle vicinanze, uno sopra l’altro. Cinque persone sono rimaste ferite durante il crollo, il più grave è un uomo di 62 anni che si è fratturato una gamba.

Bernal, incidente con un autobus: il ciclista è in terapia intensiva. Operato, rischia la carriera


articolo di Marco Bonarrigo: https://www.corriere.it/sport/22_gennaio_24/bernal-incidente-un-autobus-il-ciclista-sospetta-frattura-femore-af3bb41e-7d36-11ec-9ae1-2cc0e30cf040.shtml?refresh_ce

Il 25enne vincitore del Giro d’Italia 2021 ha tamponato un bus che ha frenato all’improvviso. «Funzioni neurologiche integre», dicono i dottori

Un autobus rosso della compagnia Alianza che frena bruscamente, pare senza preavviso per far scendere un passeggero. Un ciclista che impatta ad alta velocità contro la parte posteriore del mezzo pesante, deformata dall’impatto violentissimo e poi piomba a terra, urlando dal dolore: è Egan Bernalvincitore di Giro d’Italia e Tour de France, uno dei più grandi talenti contemporanei di questo sport. Tre interventi chirurgici tra lunedì e martedì, molta paura. Anche per una carriera più che promettente. I medici sperano in una graduale evoluzione nelle prossime settantadue ore, che lo sfortunato corridore dovrà trascorrere in terapia intensiva.

L’incidente è avvenuto nella mattinata colombiana di lunedì. I suoi compagni in maglia Ineos (al momento dell’impatto c’erano Richard Carapaz, Brandon Rivera, Andrey Amador, Omar Fraile e Carlos Rodriguez) gli prestano i primi soccorsi, l’ambulanza impiega qualche minuto ad arrivare e i medici capiscono subito che l’impatto ha conseguenze serie. continua a leggere

Regno Unito, Johnson cancella le restrizioni: niente più mascherine al chiuso, abolito il “passaporto vaccinale”


articolo: dal corrispondente di Repubblica Antonello Guerrera: https://www.repubblica.it/esteri/2022/01/19/news/regno_unito_coronavirus_boris_johnson_eliminate_restrizioni_niente_mascherine_al_chiuso-334461953/?ref=RHTP-BH-I322793271-P2-S6-T1

Il premier, in bilico di fronte alla minaccia di una mozione di sfiducia, cerca di riconquistare consensi allentando le norme per combattere la pandemia: stop anche al lavoro da casa. Nell’ultima settimana i contagi sono calati del 37 per cento, gli esperti parlano già di superamento del picco.

Londra 19 gennaio 2022

 Boris Johnson 

Basta mascherine al chiuso: in Inghilterra si torna al “liberi tutti”. Così ha deciso Boris Johnson sulle restrizioni anti Covid oggi, in una giornata molto complicata e con il destino politico del primo ministro britannico sempre più in bilico a causa dello scandalo dei party alcolici a Downing Street durante il lockdown. Tanto che, sempre oggi, un deputato conservatore della prima ora, Christian Wakeford, eletto nel 2019 proprio grazie a Johnson, è passato clamorosamente al Labour. Mentre un parlamentare tory ben più esperto e navigato, David Davis, ha attaccato clamorosamente il primo ministro ai Comuni citando le dimissioni di Chamberlain: “In nome di Dio, se ne vada!”.

Dunque, l’annuncio di oggi sull’allentamento delle norme anti Covid fa pure gioco politico a Boris Johnson, per cercare di distrarre l’opinione pubblica, fino a che potrà. Detto ciò, le nuove misure in vigore da domani rimuovono, ancora una volta, l’obbligo della mascherina in qualsiasi luogo chiuso, anche nelle scuole secondarie (all’aperto neanche a parlarne, a differenza dell’Italia). Rimarrà la raccomandazione di indossarle, ma ovviamente la decisione finale sarà lasciata nelle mani dei cittadini e del “common sense”. Rimossi anche la forte raccomandazione del lavoro da casa e i “passaporti vaccinali” per stadi e concerti, anche se sono stati praticamente una farsa: molto spesso non sono stati chiesti e comunque si potevano ottenere con un test antigenico casalingo che, tra le altre cose, poteva essere facilmente falsificato.

New York, incendio in un condominio del Bronx: 19 morti, tra cui nove bambi


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2022/01/09/news/new_york_incendio_bronx-333225435/?ref=RHTP-BH-I322793271-P3-S1-T1

Il rogo in un edificio di 19 piani. Oltre 50 feriti, alcuni dei quali versano in condizioni critiche

New York, 09 gennaio 2022

Almeno 19 persone, tra cui nove bambini, hanno perso la vita in un incendio di vaste proporzioni divampato in un condominio del Bronx, a New York. Oltre 50 i feriti, 13 dei quali versano in condizioni critiche. Per domare le fiamme al Twin Park, un edificio di 19 piani sulla East 181st Street, sono intervenuti circa 200 vigili del fuoco.

 “E’ un momento terribile, terribile per la città, una situazione tremenda“, ha commentato il neo sindaco di New YorkEric Adams, arrivando sul luogo della disgazia.

Daniel Nigro, capo del dipartimento dei vigili del fuoco di New York, ha riferito che i suoi uomini hanno “trovato vittime su ogni piano“, in maggioranza soffocate dal fumo che si è propagato per tutto l’edificio “in modo insolito“. “E’ un fatto senza precedenti nella nostra città“, ha aggiunto paragonando l’incendio a quello del club Happy Land che nel 1990 provocò 87 vittime. In quel caso le fiamme furono appiccate da un uomo che aveva litigato con la sua ex fidanzata ed era stato cacciato dal locale. continua a leggere

Eyewitness News ABC7NYAt least 19 dead, including 9 children, in Bronx apartment fire – Almeno 19 morti, tra cui 9 bambini, in un incendio nell’appartamento del Bronx

Brasile: crolla scogliera sopra barche, 7 morti e 20 dispersi


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2022/01/09/news/brasile_crolla_scogliera_sopra_barche_7_morti_e_20_dispersi-333131890/?ref=RHTP-VS-I270681069-P18-S1-T1

Negli ultimi giorni sono cadute fortissime piogge nel sud-est del Brasile rendendo più probabile il crollo, spiegano i vigili del fuoco

Almeno sei persone sono rimaste uccise e altre 20 sono disperse quando una parte di scogliera è crollata sui diportisti in un lago turistico in Brasile. Edgard Estevo da Silva, un  portavoce dei vigili del fuoco, ha dichiarato che “la stima attuale è di 20 persone scomparse“, oltre a 32 ferite.

Un grosso frammento di roccia si è staccato da un burrone ed è precipitato, ieri, sopra a tre barche durante le gite del fine settimana al Lago di Furnas, una zona turistica nella regione del Capitolio. Nei video drammatici condivisi sui social si può vedere il momento esatto in cui la scogliera è caduta sulle tre barche, tra il panico dei turisti testimoni della tragedia. Un altro video pubblicato sui social mostra il minuto prima del crollo, in cui diverse persone hanno urlato agli occupanti delle barche di allontanarsi.

#World Brasile, parete di roccia frana sulle barche dei turisti: almeno 7 morti

Benjamin Mendy rilasciato su cauzione dopo 5 mesi di galera: è accusato di 7 stupri


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/calcio/22_gennaio_07/benjamin-mendy-rilasciato-cauzione-5-mesi-galera-accusato-7-stupri-af3a08f0-6fd8-11ec-81f1-db9197a63523.shtml

Il terzino del Manchester City, che si è sempre dichiarato innocente, si trovava in prigione dallo scorso agosto. La prossima udienza è fissata per il 24 gennaio

Benjamin Mendy, il terzino del Manchester City, è stato rilasciato su cauzione e ha lasciato la prigione, dopo essere comparso in tribunale accusato di stupro e violenza sessuale. Il francese si trovava in prigione dall’agosto scorso: su di lui pendono sette accuse di stupro e aggressione sessuale (sono cinque le donne coinvolte). Secondo quanto riportano i tabloid britannici, Mendy è apparso in privato davanti alla Chester Crown Court nel Cheshire che lo ha rilasciato su cauzione appunto. Tutto questo fino alla prossima udienza fissata per il 24 gennaio. continua a leggere