Alec Baldwin spara sul set……..


Alec Baldwin spara sul set e uccide la direttrice della fotografia, ferito il regista: la tragedia durante le riprese del suo western

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2021/10/22/news/set_western_alec_baldwin_morta_donna-323283044/?ref=RHTP-BH-I322793271-P2-S1-T1

Alec Baldwin e (nel riquadro) la vittima: Halyna Hutchins, 42 anni

L’incidente mentre si girava la scena di una sparatoria. L’attore in lacrime: “E’ stato un incidente”

La direttrice della fotografia Halyna Hutchins, 42 anni, è stata uccisa sul set del nuovo film di Alec Baldwin, il western “Rust” girato al Bonanza Creek Ranch, vicino a Santa Fe, nel New Mexico.

A fare fuoco è stato l’attore, che ha ferito molto gravemente anche il regista Joel Souza, 48. E’ accaduto durante le riprese della sequenza di una sparatoria.

La tragedia sarebbe avvenuta a causa del malfunzionamento di un’arma da fuoco, una pistola o un fucile di scena, si è detto. Ma sarebbero stati sparati proiettili veri.

Inutile il trasporto di Hutchins in elicottero al New Mexico Hospital, dove la donna è morta, mentre Souza è arrivato in ambulanza al Christus St. Vincent Regional Medical Center. Si trova in terapia intensiva, le sue condizioni sono state definite critiche. continua a leggere

#AGGIORNAMENTO IMPORTANTE: @santafesheriff conferma che l’attore e produttore di #Rust, Alec Baldwin, ha scaricato la pistola di scena sul set che ha ucciso il direttore della fotografia del film, Halyna Hutchins (42), e ferito il regista del film, Joel Souza (48). @KOB4

#BREAKING: @santafesheriff indaga sull’incidente a #Rust film ambientato nel Bonanza Creek Ranch vicino a Santa Fe. L’immagine di @KOB4 #Chopper4 mostra un vecchio set di chiese bloccato e la sicurezza del set conferma il suo blocco. Altra foto del cast/della troupe di Rust.

Hostess Alitalia protestano al Campidoglio………


Hostess Alitalia protestano al Campidoglio e si spogliano: “Nude, senza lavoro né dignità”

continua su: https://www.fanpage.it/roma/hostess-alitalia-protestano-al-campidoglio-e-si-spogliano-nude-senza-lavoro-ne-dignita/

https://www.fanpage.it/

Circa una trentina di hostess Alitalia si sono date appuntamento stamattina in piazza del Campidoglio per un flashmob dal forte significato simbolico. Rimaste senza niente, senza lavoro né prospettive, le lavoratrici hanno deciso di spogliarsi di tutto. Si sono tolte la divisa e in piazza hanno lasciato le scarpe, a testimonianza di una pesante assenza nelle loro vite.

Continuano le proteste del personale Alitalia rimasto a terra dopo la nascita della nuova azienda di stato Ita. Le hostess di Alitalia, la storica compagnia di bandiera ormai scomparsa dai radar, si sono date appuntamento stamattina in piazza del Campidoglio. Nelle proteste degli ultimi mesi hanno sempre marciato con addosso l’inconfondibile divisa blu e ai piedi le scarpe indossate durante il servizio a bordo degli aerei col baffo tricolore. Per protestare contro il piano industriale di Ita, hanno sventolato i fazzoletti che portavano al collo, gridando slogan contro il governo e contro la dirigenza dell’azienda di stato. Oggi si sono spogliate di tutto. Una trentina, in tutto, si sono radunate in piazza e hanno dato inizio al flashmob. Disposte in ordine geometrico, si sono tolte la divisa: un gesto simbolico forte da parte delle lavoratrici che, con la nascita di Ita, hanno perso tutto. Le hostess hanno poi lasciato sulla piazza le loro scarpe. Un richiamo forte e diretto agli Zapatos Rojos di Elina Chauvet, che ha appoggiato la protesta delle donne di Alitalia. Le scarpe rosse contro i femminicidi sono oggi diventate quelle blu delle hostess e testimoniano un’assenza. Assenza di lavoro, di dignità e di diritti.

continua su: https://www.fanpage.it/roma/hostess-alitalia-protestano-al-campidoglio-e-si-spogliano-nude-senza-lavoro-ne-dignita/

Terremoto di magnitudo 3.7 è stata registrata tra i comuni di Zuglio e Tolmezzo


articolo: https://www.corriere.it/cronache/21_ottobre_21/terremoto-magnitudo-37-stata-registrata-comuni-zuglio-tolmezzo-22c04e6c-3224-11ec-ae69-6ee9c02f57eb.shtml?fbclid=IwAR3v8HsQi7-57OAc9lZzq4COgu2_SffiAa9nQROS0TPTHI5eQ6X9NxNGRUg

Terremoto in Friuli, scossa di magnitudo 3.7 nella zona di Zuglio e Tolmezzo

La scossa è stata registrata alle 2.28 di notte a nord del Friuli a 13 chilometri di profondità. Secondo le prime informazioni non ci sarebbero danni né per le persone né per le cose

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 è stata registrata alle 2.28 nel nord del Friuli Venezia Giulia, in provincia di Udine.

Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 13 km di profondità ed epicentro vicino i comuni di Zuglio e Tolmezzo. Non sono stati segnalati danni a persone o cose. continua a leggere

Si temono 100mila contagi da Covid al giorno nel Regno Unito in inverno.


Si temono 100mila contagi da Covid al giorno nel Regno Unito in inverno. Spunta una nuova mutazione denominata ‘AY.4.2’

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/10/19/picco-di-morti-in-gb.-spunta-una-nuova-mutazione-denominata-ay.4.2_f92a3e70-ae7d-40a5-830c-e48e325a80e5.html

La variante individuata in Italia, Gb e Israele. Potrebbe essere più contagiosa della Delta

E’ presente anche in Italia, con soli 9 casi identificati fra settembre e ottobre, la nuova variante AY.4.2, derivata dalla Delta e indicata con la sigla B.1.617.2.4.2. Lo indicano delle sequenze genetiche contenute dalla banca dati internazionale Gisaid, analizzate dagli esperti del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli.

Complessivamente sono state finora depositate 1.860 sequenze della variante AY.4.2. Di queste, la maggior parte proviene dalla Gran Bretagna e le rimanenti sono distribuite, anche se con piccoli numeri, in una decina di Paesi europei fra i quali l’Italia. “E’ un possibile esempio, ma va dimostrato, di come il virus AY.4.2. provi a sfuggire ai vaccini con tutto il suo carico mutazionale“, osserva il genetista Massimo Zollo, dell’Università Federico II di Napoli e coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge. “Se l’ipotesi dovesse essere confermata, la situazione epidemiologica potrebbe peggiorare nel caso in cui dovesse restare ancore elevato il numero delle persone non vaccinate. Potrebbero essere colpite anche le persone già vaccinate con una risposta anticorplae bassa o assente“.

Risalgono vicino a 50.000 i contagi giornalieri da Covid nel Regno Unito (oltre 40.000 per l’ottavo giorno di fila), che toccano oggi quota 49.139, appena una ventina meno del numero registrato due giorni fa, record da metà luglio. Ancora sotto il livello di guardia, invece, ma in leggero aumento fin a quasi 7.900, il totale dei ricoveri in ospedale: frenato apparentemente dai vaccini, somministrati in doppia dose a circa l’80% della popolazione. Mentre i morti, appesantiti il martedì e il mercoledì dal consueto recupero statistico relativo al weekend, ridiscendono rispetto ai 223 di ieri, picco da marzo, ma restano 179.

In Gb aleggia l’ombra della sotto-variante del coronavirus, la ‘AY.4.2’, indicata dagli specialisti britannici come potenzialmente più trasmissibile di un ulteriore 10%, sebbene apparentemente non destinata al momento a prevalere sul ceppo d’origine. Mentre il trend di un nuovo incremento di contagi legato all’avvicinarsi della stagione invernale inizia a far capolino pure in altri Paesi europei – protetti sulla carta da qualche cautela in più rispetto al Regno Unito – come la Francia dove il governo ha ammesso che l’epidemia ha ripreso a “guadagnare terreno“. Ancor più seria la situazione nell’est, dove molti Paesi sono alle prese con un numero di nuovi contagi ai massimi da mesi e, in alcuni casi, anche record di decessi. Con la Lettonia costretta a tornare in lockdown e sotto coprifuoco fino al 15 novembre.  continua a leggere

Attacco hacker alla Siae: esfiltrati dati, chiesto il riscatto. Il dg Blandini: “Non pagheremo”


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/10/20/attacco-hacker-alla-siae-esfiltrati-dati-chiesto-il-riscatto-_fd832d38-9cf6-4d7f-9cdd-f8d5001112e9.html

Sono stati sottratti circa 60 gigabyte di dati, alcuni sono già nel dark web. Chiesti 3 milioni in bitcoin. L’azione rivendicata da ‘Everest’

Un attacco del tipo ‘data breach‘,  rivendicato dal gruppo Everest, è stato portato da hacker alla Siae: sono stati esfiltrati circa 60 gigabyte di dati ed è stato chiesto un riscatto per evitarne la pubblicazione. La richiesta fatta alla Siae è di tre milioni di euro in bitcoin. I documenti sottratti sono 28 mila.

Sono stati sottratti dati sensibili come carte di identità, patenti, tessere sanitarie e indirizzi, che sono stati già messi in vendita sul dark web.

La Società degli autori e degli editori, secondo quanto si apprende, era già stata vittima alcune settimane fa di piccoli attacchi, quelli che in gergo sono chiamati phishing, ed era scattata l’allerta dei sistemi di sicurezza. 

La Polizia postale indaga sul caso, attraverso il compartimento di Roma del Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche). 

La Siae non darà seguito alla richiesta di riscatto“, dice all’ANSA il dg Gaetano Blandini, che sottolinea: “Abbiamo già provveduto a fare la denuncia alla polizia postale e al garante della privacy come da prassi.

Verranno poi puntualmente informati tutti gli autori che sono stati soggetti di attacco. Monitoreremo costantemente l’andamento della situazione cercando di mettere in sicurezza i dati degli iscritti della Siae“.

Omaggio a Monica Vitti, “vorrei qui chi mi ha voluto bene”


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2021/10/20/omaggio-a-monica-vitti-vorrei-qui-chi-mi-ha-voluto-bene_f4a2b404-2b70-430b-8280-97cd946547ec.html

A Festa Roma docu Corallo la racconta, scene cult e interventi

(ANSA) – Roma, 20 ottobre 2021

Monica Vitti, pseudonimo di Maria Luisa Ceciarelli (Roma, 3 novembre 1931), è un’attrice italiana, una delle più famose del cinema italiano.

Sai cosa vorrei? Tutte le persone che mi hanno voluto bene averle qui davanti a me come un muro” dice Monica Vitti. E non importa se era giovane, bellissima e fragile, davanti alla cinepresa a dire questa frase, perché ascoltarla oggi mette i brividi.

Il 3 novembre compie 90 anni, dal 2002 non è più apparsa in pubblico, protetta fortissimamente dal marito Roberto Russo, nella malattia degenerativa che l’ha sottratta alla vita sociale. E’ così che proprio rivederla nel suo magnifico splendore di attrice dotatissima, di donna stupenda, di talento, intelligenza, ironia, capacità come in Vitti d’arte, Vitti d’amore, il documentario di Fabrizio Corallo, presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma, la malinconia, la tristezza accompagnano la visione.
Viene spontaneo ai tanti che puntellano il racconto di spezzoni cinematografici, di sue interviste televisive, di sue partecipazioni, parlare di lei al passato. Carlo Verdone, che racconta come “Sordi la stimava tantissimo, come nessun altro collega, per via dei suoi famosi proverbiali ‘tempi‘”, dice “la gente la sentiva vicina, era entrata nel cuore di tutti“, poi si corregge e aggiunge “è nel cuore di tutti“. Ma è solo un esempio tra i tanti e del resto la sua ormai da quasi venti anni è un’assenza totale, persino fitta di mistero. Il film, prodotto da Dazzle Communication e Indigo Film, un progetto che Rai Documentari ha sostenuto e che andrà in onda su Rai3 venerdì 5 novembre in prima serata, per il suo compleanno, contiene spezzoni che sono la storia del cinema italiano, a cominciare dai primi film con Michelangelo Antonioni per cui fu, fresca attrice di accademia studentessa di Orazio Costa e Sergio Tofano e con esperienze teatrali con Bice Valori e Paolo Panelli tra gli altri, la musa dell’incomunicabilità con L’avventura, La Notte, L’eclissi, Deserto Rosso. E poi avanti con gli spezzoni da “regina della commedia“. Corallo intervista Paolo Cortellesi, Barbara Alberti, Micaela Ramazzotti, Enrico Vanzina, Christian De Sica, Enrico Lucherini, il critico Valerio Caprara e tanti altri. Fa tenerezza vedere Gigi Proietti ricordarla. (ANSA).

Covid Uk, la situazione oggi sui contagi: qualcuno inizia a preoccuparsi ma l’attenzione è sulla terza dose


articolo: https://www.corriere.it/esteri/21_ottobre_20/covid-uk-oggi-contagi-terza-dose-ab9649f8-317f-11ec-8ced-72436ce4862e.shtml

Le vittime, oltre 200 al giorno, sono ai livelli di inizio marzo. La Confederazione del servizio sanitario nazionale, che rappresenta operatori ed enti della sanità, ha chiesto la reintroduzione con urgenza di misure restrittive, ma il premier ha un piano B.

Londra, 20 ottobre 2021

Adesso a Londra cominciano a preoccuparsi. Dopo che i nuovi casi di Covid sono stati visti viaggiare oltre i 40 mila al giorno per più di una settimana e dopo che la cifra dei morti — oltre 200 — ha raggiunto i livelli dei primi di marzo, affiorano vistose crepe nella nonchalance con cui il governo — e l’opinione pubblica — hanno derubricato la pandemia. Nei giorni scorsi i consiglieri scientifici e medici di Boris Johnson hanno sollevato in privato la questione: ma il primo ministro continua ad assicurare che tutto è «sotto controllo». Tuttavia il capo della Confederazione del servizio sanitario nazionale, che rappresenta operatori ed enti della sanità, ha chiesto la reintroduzione con urgenza di misure restrittive per evitare di «precipitare in una crisi». Un appello cui hanno fatto eco numerosi scienziati ed esperti.

Non sembra però essere questo l’orientamento del governo: al momento si punta tutto sulla terza dose di vaccini, la cui distribuzione sta tuttavia andando a rilento. Si moltiplicano pertanto gli appelli ai cittadini a farsi avanti una volta contattati dai centri di vaccinazione. La realtà è che Johnson e i suoi ministri non si curano particolarmente del boom dei contagi, dal momento che il livello dei ricoveri e dei morti resta relativamente basso: gli scenari più pessimistici diffusi a luglio, quando vennero abolite tutte le restrizioni, non si sono verificati. Si sa che esiste un numero «segreto» di decessi quotidiani che il governo è disposto ad accettare prima di far scattare l’allarme: pare che sia quota 250 (e ci siamo pericolosamente vicini). continua a leggere

Morto il chitarrista jazz Franco Cerri


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2021/10/18/morto-il-chitarrista-jazz-franco-cerri_7f7bafd2-4a62-4c51-b30a-caa224c7348e.html

Franco Cerri (Milano, 29 gennaio 1926 – Milano, 18 ottobre 2021) è stato un chitarrista e docente italiano, considerato tra i più grandi e autorevoli chitarristi italiani nel campo del jazz.

(ANSA) – Milano, 18 ottobre 2021

Il mondo del jazz è in lutto per la morte del grande chitarrista Franco Cerri, mancato a Milano a 95 anni. Ne dà conferma Enrico Intra, con cui aveva aperto la scuola ‘Musica oggi‘ nel 1987.

Abbiamo suonato insieme per mezzo secolo – racconta Intraabitando insieme questo mondo del suono cui mancherà un ottimo docente di chitarra, perché Franco riusciva a cominciare tutta la sua esperienza e personalità d’uomo, era molto comunicativo, disponibile, educato, civile, umano, quelle belle doti che dovrebbero avere tutti quanti, era fortunato chi lo frequentava e quindi anche gli studenti“. (ANSA).

Franco Cerri Quartet Take the A TrainLive @ Blue Note Milano
Franco Cerri e il suo Trio

Terremoto: alle 14.54 scossa 3.8 nel Maceratese


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/10/18/terremoto-alle-14.54-scossa-3.8-nel-maceratese_3a7a16c8-841e-430c-bb85-ea7306814d88.html

Una scossa sismica di magnitudo 3.8 si è registrata alle 14.54 in provincia di Macerata a pochi km da Visso, a una profondità di 10 km. La forte scossa è stata percepita anche in provincia di Ascoli e in particolare ad Arquata del Tronto.

Non risultano al momento richieste di soccorso o comunicazioni di danni ai vigili del fuoco di Macerata. Nelle casette d’emergenza ‘Sae’ la scossa si è sentita però distintamente e un po’ di preoccupazione si è diffusa nella popolazione già pesantemente provata dalle scosse del 2016. 

Switch-off della tv, che cosa succede (davvero) dal 20 ottobre


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/09/01/news/switch-off_della_tv_forse_non_c_e_tutta_questa_fretta-316107643/

Con lo slittamento del passaggio da Mpeg2 a Mpeg4, il caos regna sovrano. Ma chi ha già una tv compatibile con i canali Hd può stare tranquillo almeno un anno e mezzo

Lo switch-off, cioè il percorso in due fasi verso il nuovo standard delle trasmissioni televisive, è slittato di molto: a settembre non è successo nulla e la prima data da segnare sul calendario è quella di mercoledì 20 ottobre.

Da quel giorno, alcune emittenti faranno scattare il primo saltino, quello che porterà il segnale dei programmi al formato più recente (comunque diffuso da anni), cioè l’Mpeg4: i canali interessati sono 9 della Rai (cioè tutti, tranne Rai Uno, Due, Tre e News 24) e 6 di Mediaset (TgCom24, Boing Plus, Italia 2, R101, R105 e Virgin). Questo è il primo step perché il passaggio di tutti i canali allo standard Mpeg4 avverrà gradualmente nei mesi successivi, per concludersi presumibilmente nel giugno del 2022.

Chi è toccato dal primo switch-off fra 2021 e 2022 – Un aggiornamento che preoccupa davvero poche persone e riguarda pochi apparecchi: sono quelli più vecchi, giusto i primissimi televisori Hd Ready con decoder integrato Sd. Gli altri, da Hd Ready in poi, sono a posto. Anni fa qualcuno parlò di 10 milioni di tv coinvolte da questo primo passo, ma senza grande fondamento. E in ogni caso si tratta di dispositivi con buona probabilità arrivati comunque a fine vita e sostituiti o installati in seconde case, dall’utilizzo non frequente. continua a leggere

Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Mediaset Premium e Disney Channel: 1.800 denunciati


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/10/18/news/abbonamenti_pirata_a_dazn_sky_mediaset_premium_e_disney_channel_1_800_denunciati-322729938/

La gdf di Varese ha ricostruito il meccanismo: al vertice un uomo che vendeva abbonamenti abusivi alle pay tv: gli utenti denunciati per ricettazione

Un uomo residente in provincia di Varese è stato denunciato per una lucrosa attività di vendita di abbonamenti pirata in molte regioni italiane svolta attraverso internet grazie alla violazione dei diritti delle piattaforme televisive ‘Mediaset Premium’, ‘Sky’, ‘Dazn’ e ‘Disney Channel’.

Lo comunica la Guardia di Finanza di Varese. L’indagato, Giovanni Morelli, 70 anni, nato in Belgio ma residente nel Varesotto, è accusato di “contraffazione, violazione della proprietà intellettuale e frode informatica” mentre gli incauti abbonati, circa 1.800, oltre a delle ammende salate sono stati denunciati per ricettazione.

Il venditore degli abbonamenti pirata è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Milano – Sezione Reati Informatici, per i reati di contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni, violazione della proprietà intellettuale e frode informatica. La Gdf ha poi contestato gli illeciti amministrativi nei confronti dei numerosi sottoscrittori di abbonamento con l’applicazione di sanzioni per complessivi circa 300mila euro e, dall’altro, alla tassazione dei proventi illeciti in capo all’indagato, quantificati in circa 50mila euro, frutto delle operazioni di vendita illegale effettuate dal 2017 al 2020

Haitem Fathallah morto sul campo da basket a Reggio Calabria: aveva 32 anni, giocava per Messina


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_ottobre_17/haitem-fathallah-morto-campo-basket-reggio-calabria-aveva-32-anni-ed-era-messina-f2d16eb4-2f82-11ec-bd6a-15e70609c741.shtml

Haitem Jabeur Fathallah, classe 1989 (playbasket.it)

Il play della Fortitudo Messina era impegnato in partita a Reggio Calabria, aveva 32 anni: si è accasciato durante un’azione e ha perso i sensi, probabile uno «choc diabetico»

Un giocatore di basket, Haitem Jabeur Fathallah, di 32 anni, in forza alla Fortitudo Messina, è morto nell’ospedale di Reggio Calabria dove era stato portato per un malore che lo ha colpito nel corso di un incontro tra la sua squadra e la Dierre Reggio, valido per il campionato di Serie C Gold.

Fathallah, mentre era impegnato in una fase di gioco a metà del terzo quarto, si è accasciato ed ha perso i sensi. La partita è stata subito sospesa per soccorrere il cestista. Il giocatore è stato portato in ospedale con un’ambulanza, ma è morto poco dopo il ricovero. continua a leggere

Calcio, i tifosi del Vitesse festeggiano la vittoria: crolla una parte di tribuna


articolo: https://video.corriere.it/sport/calcio-tifosi-vitesse-festeggiano-vittoria-crolla-parte-tribuna/c46f89ac-2f73-11ec-bd6a-15e70609c741

Paura in Olanda alla fine della gara tra Nec e Vitesse. Vinta la partita 0-1, il Vitesse si è presentato sotto al settore ospite per festeggiare i tre punti conquistati. Durante i festeggiamenti la tribuna è crollata. Fortunatamente non è stato segnalato alcun ferito.

Salernitana, esonerato Castori


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2021/10/17/calcio-salernitana-esonerato-castori_5088f73d-9cb4-4886-8592-c3c07e55e0ef.html

Contatti del club granata con Stefano Colanutono

Il ko di La Spezia è costato caro a Fabrizio Castori: la Salernitana ha deciso di esonerare l’allenatore marchigiano.

Fabrizio Castori (San Severino Marche, 11 luglio 1954) è un allenatore di calcio italiano

Brahim Diaz positivo al Covid, il giocatore del Milan out come Theo Hernandez


articolo: https://www.corriere.it/sport/calcio/serie-a/21_ottobre_15/milan-anche-brahim-diaz-positivo-covid-la-nations-league-4dd22dc2-2dd9-11ec-be4a-8aaf23299e0e.shtml?fbclid=IwAR1vqMGiQqUlIWcuc56lhLWlna_u3nx5_TzsVE4eciLS8a8RcjNj7h7X0uI

Colpito un altro giocatore rossonero, lo spagnolo. Nei giorni scorsi era toccato a Theo Hernandez

Brahim Diaz

Anche Brahim Diaz è risultato positivo al Covid. Lo ha annunciato il Milan. La positività al Coronavirus dello spagnolo si aggiunge a quella del francese Theo Hernandez, contagiato dopo la finale di Nations League.

Diaz non era convocato in Nazionale ed è stato a Milanello durante la sosta. Il Milan è impegnato domenica sera a Verona nell’ottava giornata di campionato.

«Il calciatore sta bene ed è in isolamento a domicilio. Tutto il gruppo squadra è stato testato con esito negativo. Seguirà un monitoraggio stretto con tamponi secondo le indicazioni fornite dalle autorità sanitarie competenti, che sono state subito informate», si legge nella nota dei rossoneri.

Sventato attacco hacker alla Regione Lombardia: “Protetti i dati dei cittadini, danni limitati ad alcuni servizi Internet”


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/10/15/news/regione_lombardia_attacco_hacker_server_regione-322365296/

Lo comunica Aria spa: questa mattina, attacco importante proveniente dall’estero. Indagini in corso

Un attacco hacker ai server di Regione Lombardia è stato tentato – e sventato – questa mattina. A comunicarlo è Aria spa, l’azienda regionale per l’innovazione e gli acquisti, che parla di “importante attacco hacker proveniente dall’estero di tipo DDoS (Distributed Denial of Service) terminato alle ore 15,10“. Ma, prosegue la nota: “Siamo riusciti a garantire la riservatezza oltre che l’assoluta protezione dei dati dei cittadini lombardi“.

L’unico effetto dell’attacco, nelle prime ore della mattina – spiega ancora Aria – è stato di creare difficoltà di connessione ad alcuni servizi e siti internet della Regione. Abbiamo comunque garantito le attività più importanti e il funzionamento di tutte le piattaforme regionali e, grazie al monitoraggio ed alla tempestività dei tecnici, è stato blindato il datacenter e implementato con ulteriori specifiche protezioni“. Adesso sarà la magistratura a cercare di scoprire gli autori dell’attacco: “le autorità e le forze dell’ordine, in collaborazione con il team tecnico di Aria spa hanno tempestivamente avviato le indagini per tutti gli accertamenti del caso“.

Regno Unito, morto il deputato conservatore accoltellato nell’Essex. Arrestato l’aggressore


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/10/15/news/gb_deputato_dell_essex_accoltellatto-322341792/?ref=RHTP-BH-I0-P1-S1-T1

La vittima, sir David Amess, è stata uccisa in una chiesa di Leigh-on-Sea, nella sua circoscrizione elettorale, dove stava tenendo un incontro con i cittadini locali. Fermato un 25enne sospettato dell’omicidio. Ancora incerto il movente


Londra, 15 ottobre 2021

Un parlamentare conservatore, Sir David Amess, è stato ucciso a coltellate nella sua circoscrizione elettorale, in una chiesa di Leigh-on-Sea, in Essex, dove stava tenendo un incontro con i cittadini locali. Il deputato di Westminster, 69 anni, ha ricevuto diverse coltellate fatali ed è spirato tre ore circa dopo l’attacco. La persona sospettata dell’omicidio è stata fermata dalla polizia, si tratta di un ragazzo di 25 anni. Al momento non si cercano altri sospetti e non si conosce ancora il movente del delitto. continua a leggere

Ita Airways sostituisce Alitalia: addio allo storico logo, livrea azzurra e una fascia tricolore sulla coda


articolo: https://www.corriere.it/economia/aziende/21_ottobre_15/vecchia-alitalia-rinasce-come-ita-airways-addio-storico-logo-19f694e4-2d9c-11ec-be4a-8aaf23299e0e.shtml

Il marchio di Ita Airways

La nuova Alitalia si chiamerà Ita Airways nei prossimi mesi. Con un colpo di scena durante la conferenza stampa di presentazione della nuova compagnia aerea è stato svelato quello che diventerà il vero nome. Cambia anche la colorazione base sulla fusoliera che sarà azzurra. Per queste settimane gli aerei voleranno con la livrea classica di Alitalia, ma quando arriveranno i nuovi jet — ordinati da Airbus e noleggiati all’estero — sulla coda spunterà una fascetta tricolore. Che fine farà il brand storico? Finirà nei cassetti degli uffici della newco che ha pagato 90 milioni di euro per comprarselo (assieme al sito web alitalia.com) non per rilanciarlo, ma per non farlo prendere da altri rivali. Il nuovo sito sarà ita-airways.com.

L’annuncio – «Si chiamerà Ita Airways la compagnia di bandiera», ha annunciato l’ad di Ita Fabio Lazzerini durante la conferenza stampa per il decollo della nuova compagnia. «Dovevamo dirlo con un nome preservando la nostra freschezza», ha spiegato. «Da oggi il nome dell’azienda è questo. È un nome che guarda avanti, guarda al futuro». Cosa resta del vecchio marchio? «Abbiamo voluto mantenere i colori, verde e rosso sono gli stessi di Alitalia, e l’acquisto del marchio di ieri rispecchia questa logica: non disperdere un valore».

Il programma fedeltàIta Airways ha creato anche un programma fedeltà non potendo ereditare MilleMiglia da Alitalia. «Abbiamo creato un nuovo programma fedeltà che si chiama “Volare», ha annunciato Emiliana Limosani, chief commercial officer di Ita, che ha anche spiegato che sarà possibile trasferire le miglia dai programmi di altre compagnie aeree di linea, fin da subito e che ci saranno quattro categorie: «Smart», «Plus», «Premium» ed «Executive». «Ita Airways vuole essere la compagnia aerea italiana nel mondo e dobbiamo meritarcelo: i clienti diranno se ce lo siamo meritati o meno», ha aggiunto Giovanni Perosino, chief marketing officer di Ita.

https://www.itaspa.com/content/itaspa/itaspa-pl/it/fly-ita/ita-world/about-us.html

Intervista ad Alfredo Altavilla, presidente di ITA Airways
15 ott 2021

Incendio nella notte alla Marcegaglia, i vigili del fuoco impegnati da ore


articolo: https://vocedimantova.it/provincia/incendio-nella-notte-alla-marcegaglia-i-vigili-del-fuoco-impegnati-da-ore/

Gazoldo (Mantova), 14 ottobre 2021

Incendio questa notte alla Marcegalia di Gazoldo.  Le fiamme hanno interessato il reparto dove vengono lavati i coils d’acciaio. Al lavoro, ancora alle 12.30 di oggi,  varie squadre di vigili del fuoco. Le cause non sono ancora state rese note.

Esplosione in un albergo 5 stelle in Alto Adige, 9 feriti


articolo: https://www.ansa.it/trentino/notizie/2021/10/15/esplosione-in-un-albergo-5-stelle-in-alto-adige-9-feriti_a1d038c9-a2fb-4e05-b4bb-558fc94122d9.html

E’ di nove feriti, di cui uno in gravi condizioni, il bilancio di un incendio a seguito di una esplosione avvenuta ieri sera in un hotel a 5 stelle ad Avelengo, l’hotel Mirabell, in Alto Adige. Con ustioni su tutto il corpo il custode dell’albergo, un ucraino di 49 anni, è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Bolzano per poi essere trasferito al reparto grandi ustioni di Padova.

Gli altri feriti – italiani, svizzeri, austriaci e albanesi – non sono gravi e sono stati portati in ospedale a Merano con sintomi di intossicazione da fumo.
L’incidente è avvenuto mentre il custode – si apprende – stava ricaricando una stufa a bioetanolo in una suite all’ultimo piano dell’albergo. Dopo l’esplosione la stanza ha preso fuoco nel giro di pochissimi secondi. Sono intervenuti circa cento vigili del fuoco volontari della zona, la Croce bianca, le forze dell’ordine e gli elicotteri Aiut Alpin Dolomites e Pelikan. Il rogo è stato spento tempestivamente. 

Valle Caudina: fabbrica in fiamme, nube tossica fino a Napoli


articolo di Pierluigi Melillo: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/10/13/news/valle_caudina_fabbrica_in_fiamme_nube_tossica_fino_a_napoli-322108797/

Maxi rogo all’interno del capannone della Sata di Airola, l’incendio ha bruciato anche materiale plastico. In molti hanno lasciato le abitazioni per paura dei veleni. Domani scuole chiuse

Maxi incendio ad Airola

Un rogo spaventoso che ha suscitato paura e allarme nel Sannio. Non solo. Il fumo che si è sprigionato dal capannone industriale della Sata, fabbrica di componentistica per auto situata ad Airola in Valle Caudina, è arrivato fino a Napoli, nella zona di Capodichino. Sospinto dal vento impetuoso che ha preso a soffiare soprattutto dal tardo pomeriggio in poi in tutta la regione.
Dunque, ad Airola si sono avvertite forti esplosioni e le fiamme hanno avvolto tutta l’azienda. Sono andati in fumo bancali di legno e materiale plastico. L’aria è diventata immediatamente irrespirabile e i sindaci dei comuni caudini, sia sul versante sannita, sia sul versante irpino, hanno emesso rapidamente avvisi di allerta per la popolazione, invitando tutti a chiudersi in casa, a non uscire e a mantenere le finestre chiuse per non respirare quell’aria. Ma nella zona dell’incendio ci sono anche abitazioni civili e la paura ha preso il sopravvento, in tanti hanno deciso di lasciare gli edifici vicini allo stabilimento, cercando riparo anche fuori dalla zona.
Sul posto hanno lavorato sin dal pomeriggio diverse squadre dei vigili del fuoco del comando provinciale di Benevento, ma sono stati richiesti rinforzi anche da altre province.
Sul posto è arrivato anche il vice sindaco di Airola, Michele Napoletano, che non ha esitato a definire «drammatica» la situazione. continua a leggere

Incendio nel sito di stoccaggio di plastica ad Airola (Benevento): “Non riusciamo a respirare”

Covid, nel Regno Unito 45mila casi in un solo giorno: ecco i motivi del nuovo aumento


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/10/14/news/regno_unito_covid_record_da_luglio_45mila_contagi_perche_nessuna_restrizione-322260379/?ref=RHTP-BH-I319608174-P2-S1-T1

Si tratta della massima crescita da metà luglio e si spiega con la totale mancanza di restrizioni: nel Paese non c’è più nemmeno obbligo di mascherine al chiuso. Ora occhi puntati sull’inverno

Londra, 14 ottobre 2021

Rimossi l’obbligo di mascherine al chiuso e di ogni tipo di distanziamento, i contagi da coronavirus nel Regno Unito sono tornati a salire sensibilmente: oggi 45mila nuovi casi, per un totale di 277.875 negli ultimi sette giorni (su 1.045.000 tamponi), per un aumento di 32.060 (+13%) rispetto alla settimana precedente. Si tratta del massimo aumento da metà luglio. Quanto è pericolosa una situazione del genere? Nessuno, nemmeno al governo, lo sa.

Le ragioni dell’impennata – L’aumento di casi è dovuto alla ormai totale mancanza di restrizioni anti Covid: da circa 3 mesi non c’è oramai alcun divieto, come limiti di capienza, né obblighi di distanziamento, e tantomeno di mascherine, nemmeno al chiuso. Solo sui mezzi pubblici sono richieste, ma il governo ufficialmente non le considera più obbligatorie e quindi le autorità dei trasporti non riescono a far rispettare le loro stesse norme. Stessa cosa per i “green pass”, come vengono chiamati in Italia: nonostante ci siano tutti gli strumenti per implementarli, il governo di Boris Johnson ha fatto marcia indietro nelle ultime settimane per la pressione dell’ala più tradizionalista del suo partito conservatore. I privati possono richiederli, ma con forti limiti perché appunto non sono imposti dalla legge, nonostante i test antigenici in Inghilterra siano gratis e persino spediti a casa dal governo stesso quando richiesti. continua a leggere

Alitalia chiude, oggi l’ultimo volo: perché è fallita e le news su Ita


articolo: https://www.corriere.it/economia/aziende/21_ottobre_14/alitalia-chiude-ultimo-volo-a2249a2c-2d1b-11ec-88e3-c56da7ff1543.shtml?fbclid=IwAR1oWWSxrwzZrJnt2O1DK2MIe7GYevE1GwOpi9-TMrNHO-PXNa5dqE3WMg4

https://www.alitalia.com/it_it/

Alitalia, l’ultimo saluto commosso di una hostess a Fiumicino

Si sono imbarcati 3 dell’aeroporto di Cagliari i 177 passeggeri del volo AZ1586l’ultimo collegamento di questa vita di Alitalia.

Oggi l’ultimo volo Alitalia – Per l’Airbus A320 registrato EI-DSV e intitolato a Primo Levi il decollo programmato alle 22.05 secondo i database specializzati risulta slittato di una ventina di minuti dopo per toccare lo scalo di Roma Fiumicino verso le 23-23.15. In cabina di pilotaggio ci sarà il comandante Andrea Gioia, 55 anni, formatosi nella scuola di volo dell’ex compagnia di bandiera dove è stato assunto nel 1989.

Alitalia fallitaÈ l’ultimo volo di questa Alitalia: il giorno dopo rispunterà attraverso la nuova compagnia pubblica Italia Trasporto Aereo. Ma è anche l’ultimo volo della continuità territoriale sarda operata da Alitalia.

Perché Alitalia chiude? – Alitalia chiude i battenti dopo oltre quattro anni di amministrazione straordinaria e 1,3 miliardi di prestiti pubblici (di cui 900 milioni bollati dalla Commissione europea come aiuto di Stato illegale). Dal 15 ottobre i viaggi a tariffe agevolate per i residenti saranno gestiti dalla low cost spagnola Volotea.

Ita, la nuova compagnia aerea – Sempre il 15 ottobre decollerà appunto Ita che erediterà il marchio Alitalia, gli aerei, le divise, i codici di volo (AZ) e di identificazione del biglietto (055). La flotta sarà composta da 52 aerei e sono stati assunti 2.800 dipendenti (Alitalia ne conta 10.500). L’aereo celebrativo di Ita – con le maxi scritte “Born in 2021” su un tricolore – è pronto all’aeroporto di Milano Linate per il primo decollo con destinazione Bari. Si tratterà di un altro Airbus A320 ereditato da Alitalia.

Il marchio – Nella sera di giovedì 14 ottobre i commissari di Alitalia e il vertici di Ita (il presidente Alfredo Altavilla e l’ad Fabio Lazzerini) hanno trovato l’accordo sul marchio: Ita erediterà il brand e anche il sito di Alitalia (http://www.alitalia.com) per 90 milioni. I commissari avevano chiesto all’inizio della gara 290 milioni. «Si è conclusa in data odierna la procedura di offerta pubblica avente per oggetto il marchio Alitalia Spa e il dominio http://www.Alitalia.com», viene fatto sapere in una nota. «Ad aggiudicarsi l’oggetto della procedura competitiva è stata la società Ita Spa».

ALITALIA

NOI SIAMO ALITALIA

Covid: nella mappa Ecdc il nord Italia verde, tranne Veneto ed Emilia Romagna


articolo: https://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2021/10/14/covidin-mappa-ecdc-nord-italia-verde-tranne-veneto-e-e-r_159b1e7e-9dd9-478a-90dd-e3162836a929.html

In rosso resta tutta la Germania. Salgono i contagi in Romania e Bulgaria

Mappe Ecdc con tassi casi Covid. Dati aggiornati al 7 ottobre 2021

Quasi tutto il Nord-Italia, con l’eccezione di Veneto, Emilia Romagna e provincia di Bolzano, è in verde nella mappa aggiornata sull’incidenza del Covid in Europa, curata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). In Italia, ma anche in Francia e Spagna, le aree con bassa incidenza di nuovi contagi sono sempre più numerose. In rosso resta tutta la Germania. Le regioni dove la situazione è più seria, invece, si trovano in Slovenia, Romania, parte meridionale della Bulgaria e Repubbliche baltiche. Romania e Bulgaria sono i paesi Ue con i tassi di vaccinazione più bassi.

Calcio, i misteri dei crypto-sponsor di Inter, Milan, Roma (e Lega calcio): chi c’è dietro Socios e BitMex


articolo: https://www.corriere.it/economia/aziende/cards/calcio-misteri-crypto-sponsor-inter-milan-roma-lega-calcio-chi-c-dietro-socios-bitmex/i-nuovi-crypto-sponsor-squadre-europa_principale.shtml?fbclid=IwAR1yMUBcUf81mPAZjB2RgWhaLtxQrLHFHyaGdaq8XU1f9HSFN_4Ubr4g7co

I nuovi crypto-sponsor delle squadre in Europa – Un trust del Wyoming intestato a un professionista del poker. Il top manager e cofondatore di Dazn. Il proprietario di Iliad. L’imprenditore seriale; i 16 cinesi di Pechino; un altro big del poker che presta soldi e ha in pegno le azioni; il brasiliano di Hong Kong Rafael Melo; la bulgara Mariana Dinkova Gospodinova. Poi indecifrabili società off-shore, le sedi alle Seychelles, il giallo della noce di cocco e bilanci sorprendenti per inconsistenza (o assenza) dei numeri. Tra proprietà e affari eccoci dietro le quinte di Socios.com, BitMEX, DigitalBits-Zytara, Crypto.com, i nuovi crypto-sponsor di Milan, Inter, Roma, Juventus e poi Paris Saint-Germain, Barcellona e molti altri grandi club europei. Sul calcio in crisi è arrivata una pioggia di denaro dal mondo delle criptovalute, in crescita esponenziale ma, complessivamente, non ancora adeguatamente attrezzato e protetto contro il riciclaggio. Ognuno dei nuovi sponsor ha una sua storia (giovane) e un suo modello di business. Combinando blockchain, moneta virtuale e marketing digitale promettono di generare nuove entrate per sé e per le società sportive «monetizzando» i tifosi. Nel gruppo mettiamoci anche crypto.com, che è sponsor del Var e dunque ha fatto un contratto con la Lega di serie A. Ci siamo fatti due domande: da dove vengono capitali, soci e finanziatori? Qual è la consistenza dei loro bilanci/affari?

Socios.com (Inter, Valencia sulla maglia poi Psg, Barcellona, Roma, Atletico etc etc) – Una volta sulle maglie dell’Inter c’era la Pirelli ora «$INTER – FAN TOKEN by socios.com». Fidelizzare è acqua passata, il futuro è «tokenizzare» i tifosi, cioè vendere gettoni virtuali, trattabili sulle piattaforme di cryptocurrency, che danno diritto a partecipare attivamente alla vita del club (la frase da scrivere sulla fascia del capitano, la scelta della musica da mettere allo stadio nel pre-partita, quale giocatore deve occuparsi delle storie su Instagram, ecc) e che possono essere acquistati solo con la criptovaluta chiliz ($CHZ). L’annuncio di Socios.com nuovo sponsor di maglia è del 21 luglio scorso: «Siamo molto orgogliosi per questa partnership – dichiarava l’amministratore delegato del club, Alessandro Antonello – che ci lega a un marchio leader nel suo settore».
Alexander Dreyfus, il numero uno di Socios e Chiliz, è un francese
, imprenditore seriale del web tendenza gioco d’azzardo, specialità poker, il suo lunghissimo amore. Ha lanciato Socios a dicembre 2019 ed è già partner dei principali club europei: Barcellona, Juve, PSG, Roma (tutti fin dal 2019) per citarne alcuni dei 36. Oltre all’Inter è sulla maglia del Valencia.

La piattaforma socios.com è di proprietà della Socios Services di Malta (sede prediletta dalle società di scommesse) ma i servizi di wallet di valuta virtuale vengono offerti tramite la Socios Entertainment che sta in Estonia mentre i token sono emessi dalla Socios Technologies svizzera e il mercato per lo scambio di token (chiliz) è gestito dalla Entertainment Trading Technologies Ltd. delle Seychelles (giurisdizione molto gettonata nel settore). Struttura imponente e ramificata per sfruttare al meglio vantaggi fiscali e normativi.
Andiamo però a vedere la società in cima a tutto, quella che fa il consolidato ovvero la somma dei bilanci del gruppo (anche se poi tiene tutto riservato): si chiama Mediarex, è stata costituita sei anni fa alle British Virgin Islands (Bvi) e poi si è trasferita a Malta. Ha due banche di riferimento: Bank of Valletta e la Trust Pay di Bratislava (Slovacchia).

Lucas Hernandez, mandato di cattura per il nazionale francese del Bayern: rischia un anno di carcere


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_ottobre_13/lucas-hernandez-mandato-cattura-il-nazionale-francese-bayern-rischia-anno-carcere-f2602f16-2c2f-11ec-98f9-fbd4bdd13a87.shtml?cx_testId=81&cx_testVariant=cx_1&cx_artPos=0#cxrecs_s

Il 19 ottobre si dovrà presentare al tribunale di Madrid per scontare la pena per aver violato un ordine del giudice conseguente al divieto di avvicinarsi alla moglie per 6 mesi dopo averla maltrattata in mezzo alla strada

Lucas Hernandez

E ora rischia il carcere. La giustizia spagnola ha emesso un ordine di carcerazione per il calciatore francese in forza al Bayern Monaco Lucas Hernandez per reati legati alla violenza di genere nell’ambito della sua relazione sentimentale con una sua ex compagna. Lo riportano diversi media internazionali. Hernandez, che gioca anche in nazionale ed è campione del mondo, è il fratello maggiore di Theo Hernandez, terzino sinistro del Milan. I fatti contestati risalgono al 2017, quando il giocatore era in forza all’Atletico Madrid.

Martedì 19, alle 11, il giocatore del Bayern Monaco e della nazionale francese dovrà presentarsi in tribunale e scegliere l’istituto penitenziario dove scontare una condanna che risale al 3 febbraio del 2017…. continua a leggere

Maltempo:frane e voragini, strade allagate a Palermo e provincia


articolo: https://www.ansa.it/sicilia/notizie/2021/10/14/maltempofrane-e-voragini-strade-allagate-a-palermo-e-provincia_f94c18c7-604b-4afa-b473-cd87d26cf183.html

(ANSA) – Palermo, 14 ottobre 2021

Una lunga notte per i vigili del fuoco impegnati in diversi fronti a causa della forte pioggia che si è abbattuta nel palermitano. A Partanna Mondello le ruspe stanno ultimando la rimozione della frana che si è staccata da Monte Gallo e ha invaso la strada bloccando i residenti nelle abitazioni.

Tutte le vie della borgata sono state allagate e l’acqua è entrata, come capita in queste condizioni, dentro i magazzini e nelle abitazioni. Un vero fiume in piena, quello sceso da via Omero e da via Tolomea, che ha trascinato con sé fango e detriti. Disagi anche nella statale 113 tra Villabate e Ficarazzi. “La strada sembrava un fiume in piena e per camminare con la mia auto mi sono quasi attaccato ad una vettura davanti a me che ha fatto da apri pista, ma sono arrivato al lavoro con oltre un’ora di ritardo“, dice Marcello Lupo, 47 anni che abita alla fine di via Messina Marine. Allagamenti anche in via Ugo La Malfa, in via Ernesto Basile, nella zona degli ospedali Civico e Policlinico a Mondello. Allagamenti anche al Borgo Vecchio, all’angolo fra via Archimede e piazza della Pace, dove gli scantinati risultano completamenti allagati e in via Pecori Giraldi, l’acqua ha invaso la corsia dei tram. Acqua alta anche in provincia nelle autostrade Palermo Catania e Palermo Mazara del Vallo. A Casteldaccia dove, a causa della furia del maltempo, si è aperta una voragine in via Pietro Nenni. La strada è stata transennata. (ANSA).

Maltempo, allagamenti a Palermo: strade e abitazioni allagate
NUBIFRAGIO PALERMO 13/10/2021: allagamenti in diverse zone della città