Tim vittima fuga dati, indagine in corso


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2021/08/25/tim-vittima-fuga-dati-indagine-in-corso_e9f2f05a-8296-4f9b-a7e7-bab57f87010a.html

Azienda, rafforzato misure ma già al sicuro dati per i pagamenti

Milano,25 agosto 2021

Una ‘fuga di dati’ ha coinvolto Tim che ha inviato una comunicazione ad alcuni clienti circa attività sospette e anomale sui propri sistemi di gestione. I problemi sarebbero relativi all’area di accesso personale MyTim.

Sono in corso le indagini per capire la tipologia di informazioni sottratte ma i dati sui pagamenti, tra carte di credito e conti digitali, sono al sicuro.

L’operatore ha, come da regolamento europeo Gdpr, notificato immediatamente l’accaduto alle autorità competenti, che hanno avviato l’iter di monitoraggio.

L’azienda fa sapere di aver “già attivato e rafforzato tutte le misure necessarie per interrompere questa attività ed evitare che si ripeta, informando le autorità competenti ed i clienti interessati” e che “i dati coinvolti non contengono informazioni che possano abilitare funzioni di pagamento“.

“Per tua tutela e per garantire la sicurezza delle tue informazioni, stiamo provvedendo a disabilitare in via precauzionale le credenziali MyTim, utilizzate anche per l’accesso ad alcuni servizi Tim correlati (Tim Party, Tim Personal), rendendo obbligatorio il cambio password al primo accesso all’area privata” ha spiegato il gruppo. Le attività oggetto di indagini sono state rilevate durante le normali fasi di controllo sicurezza, che hanno permesso a Tim di agire nell’immediato, disattivando nomi utente e password dei clienti coinvolti. Nonostante si sottolinei che solo chi si è visto disattivare le credenziali per l’area personale è stato coinvolto, Tim consiglia a tutti gli utenti di cambiare le chiavi private per il servizio. “Al riguardo, riteniamo opportuno raccomandarti di non utilizzare più la vecchia password, né una simile, nonché di modificare la password utilizzata per l’accesso a qualsiasi altro servizio online, qualora coincidente o simile a quella precedentemente utilizzata su MyTim“. (ANSA).

L’AgCom su Dazn: “Possibili interventi urgenti a tutela degli abbonati alle partite via web”


articolo: https://www.repubblica.it/economia/2021/08/25/news/l_agcom_su_dazn_possibili_interventi_urgenti_a_tutela_della_qualita_delle_partite_via_web_-315287127/

Il presidente e i commissari dell’Autorità di garanzia incalzano la pay-tv: “Gli sportivi devono ricevere assistenza e informazioni nel caso incontrino difficoltà nella visione”. La rete Internet nazionale ha tenuto


ROMA,25 agosto 2021

L’AgCom – arbitro delle questioni televisive e delle comunicazioni – si riserva di prendere “provvedimenti anche urgenti” a tutela dei singoli consumatori se continueranno i disservizi nella trasmissione della partite di calcio via web sulla piattaforma Dazn. 

Gli sportivi, inoltre, hanno diritto a ricevere il massimo delle informazioni possibili (anche attraverso dei call center sempre attivi) nel caso incontrino difficoltà nella visione. L’AgCom, che si è riunita questa mattina sotto la guida del presidente Giacomo Lasorella, presenti i quattro commissari, spezza una lancia anche in favore delle società di Internet.

Tutte le società che ci vendono gli abbonamenti per navigare hanno diritto a operare ad armi pari. Ognuna di esse, dunque, deve essere in condizione di proporre “lo streaming delle partite della Serie A alle medesime condizioni di qualità e velocità”.

Dazn, quindi, dovrà fornire una piena collaborazione a qualsiasi società, anche se di piccole dimensioni. Collaborazione e dialogo sono indispensabili perché le reti di cavi delle società devono dialogare a pieno con un’infrastruttura di cui Dazn si è dotata. Si chiama Dazn Edge ed è una rete di super-computer e server indispensabile alla corretta distribuzione del traffico Internet.

L’AgCom, in ogni caso, tira un sospiro di sollievo perché la Rete ha retto durante la trasmissione delle gare. Nessun utente ha avuto problemi a inviare una email, a guardare Netflix, ad ascoltare un podcast solo perché in quel momento si giocavano Inter-Genoa o Napoli-Venezia. La tenuta della Rete – secondo AgCom – è anche merito dell’atto d’indirizzo che l’Autorità ha prodotto a giugno. L’atto ha indotto Dazn e le società di Internet a fare importanti investimenti in hardware e software, a tutela dell’Internet nazionale.

Applicando l’atto di indirizzo di giugno, Dazn – che è una società di passaporto inglese – ha inoltre accettato “l’indirizzo e la vigilanza dell’Autorità“. Dato che l’AgCom considera politicamente importante.

L’AgCom infine guarda con favore allo sbarco del grande calcio sul web perché può rappresentare – a suo parere –un volano per la digitalizzazione del Paese“.

In mattinata, da Rimini, Luigi Gubitosi pronostica un fine settimana senza sussulti per la seconda giornata di Campionato. Secondo l’amministratore delegato di Tim, società alleata di Dazn, la rete ha funzionato magnificamente e funzionerà ancora meglio.

Ambiente, l’allarme per i ghiacciai dell’Adamello:….


Ambiente, l’allarme per i ghiacciai dell’Adamello: “Ogni anno sparisce acqua pari a 5.600 piscine olimpioniche”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/08/25/news/adamello_ghiacciaio_scioglimento_legambiente_lombardia-315257434/

Il monitoraggio della Carovana dei ghiacciai di Legambiente sulla massa più estesa d’Italia: dal 2016 a oggi lo spessore si è ridotto di 12 metri

Ogni anno sul ghiacciaio dell’Adamello, il più esteso d’Italia, spariscono 14 milioni di metri cubi di acqua, pari a 5.600 piscine olimpioniche. La sua estensione areale infatti si sta riducendo progressivamente, passando dai circa 19 km quadrati del 1957 ai circa 17.7 del 2015. È questo il risultato del monitoraggio effettuato dalla Carovana dei ghiacciai di Legambiente sui ghiacciai dell’Adamello in Lombardia.

Seppure lo spessore del ghiacciaio sia notevole (sono stati infatti misurati 270 metri a Pian della Neve nel 2016), negli ultimi anni si sta registrando anche una progressiva riduzione pari a 10-12 metri dal 2016 ad oggi.
Le masse glaciali dell’Adamello, il più grande ghiacciaio d’Italia, colpiscono in quando a dimensioni e bellezza e lasciano grande sconcerto al pensiero che nei prossimi decenni, se continueremo con il trend attuale di immissioni di gas climaterianti, non potranno più essere ammirate dai numerosi turisti che raggiungono il passo del Presena – ha sottolineato in una nota Vanda Bonardo, responsabile Alpi Legambiente -. Sicuramente un motivo in più perché si costruisca una maggiore consapevolezza nei cittadini e nei governanti“.

La Corte europea respinge il ricorso contro l’obbligo vaccinale presentato da 672 vigili del fuoco francesi


articolo: https://www.lastampa.it/esteri/2021/08/25/news/la-corte-europea-respinge-il-ricorso-contro-l-obbligo-vaccinale-presentato-da-672-vigili-del-fuoco-1.40632260#:~:text=La%20Corte%20europea%20respinge%20il%20ricorso%20contro%20l%E2%80%99obbligo%20vaccinale%20presentato%20da%20672%20vigili%20del%20fuoco%20francesi

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha respinto la richiesta di ricorso contro l’obbligo vaccinale presentata da 672 vigili del fuoco, professionisti e volontari, francesi. La legge del 5 agosto sulla gestione della crisi sanitaria impone infatti loro l’obbligo di vaccinarsi.

I vigili del fuoco avevano chiesto, facendo affidamento sugli articoli che parlano di diritto alla vita e diritto al rispetto della vita privata e famigliare, di sospendere l’obbligo di vaccinazione e le disposizioni che vietano l’esercizio della loro attività per chi non adempie all’obbligo vaccinale.

Riecco Oriali dopo l’addio: “Sono dispiaciuto, certo, ma l’Inter sarà sempre casa mia”


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/25-08-2021/inter-l-addio-lele-oriali-ricordi-addio-casa-420708807859.shtml

Gabriele Oriali, detto Lele (Como, 25 novembre 1952), è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista o difensore, team manager della nazionale italiana, con la quale è stato campione del mondo nel 1982.

L’ex dirigente nerazzurro torna a parlare: “Rispetto le decisioni del club che ha tutto il diritto di scegliersi i suoi collaboratori”

Qualche giorno fa l’ufficialità di una notizia che ha scosso l’universo interista, ennesimo addio “pesante” del team che ha vinto l’ultimo campionato di serie A. Non si tratta di un altro Lukaku o Hakimi ma dell’ormai ex dirigente Gabriele Oriali, per il quale da tempo si vociferava un addio imminente. Poche righe con cui la società ha salutato uno degli uomini simbolo nerazzurro: “L’Inter ringrazia il Dirigente per il lavoro svolto e augura il meglio per il prosieguo della sua attività professionale”. Dopo una lunghissima storia iniziata da giocatore, 2 scudetti vinti sul campo e 5 da dirigente al fianco di Mancini, Mourinho e Conte, Lele Oriali volta pagina e cerca di guardare al futuro, lasciando un piccolo spazio ai ricordi e alle emozioni.

L’INTERVISTA – L’ex dirigente si è confessato in esclusiva a “Sport Mediaset” e ha parlato del periodo turbolento che sta vivendo, del cambiamento e della “sua” Inter: “Sono dispiaciuto, ma ciò che è accaduto mi ha fatto capire che c’è tanta gente che mi ha voluto e mi vuole bene”. Ha poi ringraziato i tifosi per lo striscione esposto allo stadio ed i cori in suo onore: “Un pensiero a coloro che in questi anni mi hanno sostenuto anche con attestati di stima, che per me valgono più di una grande vittoria. E poi, sia chiaro per tutti: l’Inter è e sarà sempre casa mia”. Non manca un pensiero anche a Javier Zanetti per le parole che ha speso nei suoi confronti, dopo il duro lavoro insieme che ha portato alla gioia più grande per i tifosi nerazzurri: la conquista dello scudetto atteso da ben undici anni. Alla domanda se la rottura con il club sia una conseguenza della partenza di Antonio Conte, al quale era molto legato Oriani risponde: “È un quesito che non mi pongo. Mi limito a rispettare la decisione presa dalla società. Che ha tutto il diritto di scegliersi i suoi collaboratori”.

L’EUROPEO E LA NUOVA INTER  – Sorride poi, pensando all’impresa compiuta quest’estate con la Nazionale, alle lacrime, alle emozioni e a quella coppa alzata al cielo di Londra dal capitano Chiellini dopo 53 anni dall’ultima volta. “Dico solo che questo è stato per me un anno indimenticabile culminato con la vittoria agli Europei grazie ad un gruppo coeso e vincente, con un forte senso di appartenenza, che ha reso orgoglioso il nostro Paese. Merito di questo successo va in gran parte a Roberto Mancini e a tutto il suo staff”. Nei prossimi giorni incontrerà la Federazione per capire quale sarà il futuro in ambito azzurro, ma è sereno: “Penso che ci siano tutti i presupposti per andare avanti insieme fino al Mondiale del 2022”.Per quanto riguarda l’Inter è come sempre fiducioso, sa che la sua ex squadra riparte con lo scudetto sul petto e per questo la colloca tra le favorite, nonostante le grandi perdite subite quest’estate, una tra tutte la partenza di “Big Rom” .

Attacco con l’acido nella metro di Tokyo, 2 feriti


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2021/08/25/attacco-con-lacido-nella-metro-di-tokyo-2-feriti_a3e014e4-d84b-4bf9-844c-d2ec9f553a72.html

Uomo ustionato al volto su scala mobile. Ricercato l’aggressore

Due persone hanno subito ustioni nella metropolitana di Tokyo, dove un uomo, ora attivamente ricercato, ha lanciato acido solforico su alcuni passanti. Un uomo di 22 anni è stato colpito al volto dall’acido su una scala mobile della stazione di Shirokane-Takanawa, mentre una donna di 34 è rimasta leggermente ustionata alle gambe.

Lo riferisce un portavoce della polizia giapponese citato dall’emittente pubblica Nhk. Ieri a Tokyo si sono aperte le Paralimpiadi. Il 5 agosto, quando erano in corso le Olimpiadi, una persona aveva ferito con un coltello una decina di persone su un treno alla periferia della capitale giapponese.