Usa: donna accusa, da minorenne molestata da cantante Aerosmith


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2022/12/31/usa-donna-accusa-da-minorenne-molestata-da-cantante-aerosmith_10fdf70d-03d0-451e-abe1-3341156788d5.html

Steven Tyler – EPA/NINA PROMMER

Lo riporta Rolling Stone citando un’azione legale

(ANSA) – New York, 30 dicembre 2022

Una donna accusa il cantante degli Aerosmith, Steven Tyler, di molestie sessuali che sarebbero avvenute negli anni ’70 quando lei era minorenne.

Lo riporta Rolling Stone sottolineando che la donna, Julia Holcomb, ha presentato un’azione legale contro Tyler.

Secondo la denuncia, il cantante avrebbe convinto la madre di Holcomb a concedergli la custodia di Julia che allora aveva 16 anni e questo gli avrebbe consentito di avere una relazione con la ragazza durata tre anni. Nell’azione legale Tyler non viene citato per nome, ma la donna in passato aveva parlato della sua esperienza. (ANSA).

È morto Benedetto XVI……..


È morto Benedetto XVI, il papa emerito aveva 95 anni

articolo di Gian Guido Vecchi: https://www.corriere.it/cronache/22_dicembre_31/morto-benedetto-xvi-papa-emerito-6c05dbf6-86b4-11ed-95ee-af8dc55ce986.shtml

Benedetto XVI, nato Joseph Aloisius Ratzinger, è morto oggi. È stato il 265esimo papa della Chiesa cattolica

Benedetto XVI è deceduto oggi alle ore 9:34, nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano. Il Papa emerito aveva 95 anni. Dopo l’improvviso «aggravamento dovuto all’avanzare dell’età» nella notte tra martedì e mercoledì, Papa Francesco aveva chiesto ai fedeli «una preghiera speciale per il Papa emerito Benedetto che nel silenzio sta sostenendo la Chiesa», fino a dire: «Ricordarlo, è molto ammalato, chiedendo al Signore che lo consoli e lo sostenga in questa testimonianza di amore alla Chiesa fino alla fine». Dalla mattina di lunedì 2 gennaio 2023, il corpo di Joseph Ratzinger sarà nella Basilica di San Pietro in Vaticano per il saluto dei fedeli.

CITTÀ DEL VATICANO — «Dio è morto! E noi l’abbiamo ucciso!». Duomo di Torino, 2 maggio 2010. Solo un Papa della statura spirituale e culturale di Benedetto XVI poteva restare per cinque minuti in ginocchio davanti alla Sindone, «icona del Sabato Santo», muovendo appena le labbra in una preghiera silenziosa, e poi citare le parole di Nietzsche ne La gaia scienza. Ora che Joseph Ratzinger ha raggiunto lo scopo e il compimento di tutta la sua vita – le parole del Salmo 27 poste come esergo al suo Gesù di Nazaret: «Il tuo volto, Signore, io cerco. Non nascondermi il tuo volto» -, bisogna risalire al principio, Marktl am Inn, il paesino dell’Alta Baviera dov’era nato il 16 aprile 1927. Il padre era un gendarme figlio di contadini, la madre andava a servizio. Era un Sabato Santo. E l’essere venuto al mondo in quel giorno ha significato per Ratzinger «una vocazione, un programma di vita». Il grande teologo divenuto pontefice si è misurato con l’ «l’abisso di silenzio» di quella «terra di nessuno» tra la crocifissione del venerdì e la risurrezione della domenica, il tempo del «nascondimento di Dio», il dramma del nostro tempo, «il mondo è andato in pezzi». continua a leggere

Terremoto di magnitudo 3.1 al largo di Pesaro


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/12/31/news/terremoto_marche_pesaro-381420559/

Epicentro in mare a 9 chilometri di profondità

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata all’1:37 davanti alla costa delle Marche. Secondo i dati dellIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9 chilometri di profondità ed epicentro in mare 28 chilometri a nordest di Fano e 33 a est di Pesaro. Non si segnalano danni a persone o cose.

Sempre in mare e sempre nel Pesarese era stato il sisma del 9 novembre che aveva raggiunto una magnitudo di 5.7

Nel 2022 record di giornalisti uccisi per il loro lavoro: 66, il 30% in più


articolo di Alessandra Muglia: https://www.corriere.it/esteri/22_dicembre_30/nel-2022-record-giornalisti-uccisi-il-loro-lavoro-66-30percento-piu-7af4f960-8832-11ed-8dd9-3f83702fb8ed.shtml?refresh_ce

A trainare questa drammatica crescita non è soltanto la guerra in Ucraina ma soprattutto il caos in Messico. Tra le vittime reporter affermati come l’americano Pierre Zakrzewski e Brent Renaud colpiti alle porte di Kiev. Otto sono donne

Sapevano da tempo che non avrebbero brindato al 2023 insieme in casa Baulina. Ma non immaginavano che non ci sarebbe più stato alcun Capodanno da festeggiare insieme, la madre e la sorella di Oksana. L’ex redattrice di moda diventata il flagello del Cremlino, era stata costretta in primavera a lasciare Mosca dopo che la Fondazione anticorruzione di Navalny per cui lavorava era finita nella lista degli estremisti. Ma la sua nuova vita da inviata di guerra contro disinformazione e fake news è durata poco, stroncata a 42 anni, mentre riprendeva la distruzione causata dalle bombe russe in un centro commerciale fuori Kiev il 23 marzo.

Dieci giorni prima a lasciarci la pelle da quelle parti era stato il «veterano» Brent Renaud: l’acclamato videomaker americano, autore di memorabili reportage per il New York Times, stava girando un documentario per il Time: è stato ucciso dal fuoco russo mentre cercava di testimoniare l’orrore dei corridoi umanitari violati a Irpin, alle porte di Kiev. Colpito al collo, è morto all’istante. Magra consolazione per suo fratello Craig, inseparabile compagno di lavoro negli angoli più bui del mondo. Soltanto due giorni dopo a cadere sarà Pierre Zakrzewski, l’«eroe buono» di Fox News, colpito insieme alla sua fixer Oleksandra Kuvshynova, la loro auto crivellata di colpi da soldati di Mosca alla periferia di Kiev.

Giornalisti affermati la cui fine drammatica ha fatto molto rumore sui media, e reporter più giovani, che se ne sono andati quasi nel silenzio collettivo: di alcuni di loro non c’è nemmeno una foto nel rrapporto dell’International Press Institute (Ipi) pubblicato ieri. La ricerca certifica un anno nero per la sicurezza dei giornalisti, con 66 reporter ammazzati nel mondo, tra cui 8 donne. Un terzo in più rispetto al 2021. E la maggior parte delle vittime, 39, è stata oggetto di attacchi mirati.

A trainare questo drammatico aumento non è soltanto il fronte di guerra all’interno dell’Europa, ma soprattutto la violenza senza fine che insanguina il Paese dei narcos: 14 reporter sono stati trucidati in Messico nel 2022, l’anno più mortale dal 2017, contro gli 8 uccisi in Ucraina (quelli documentati, ma potrebbero essere di più) e altrettanti ad Haiti. Il Messico si conferma dunque il Paese più pericoloso al mondo per i media, con i giornalisti che sfidano la morte per denunciare corruzione e criminalità. Qui il 2022 si è aperto con tre esecuzioni in due settimane: a Veracruz viene centrato José Luis Gamboa Arenas, direttore della pagina Facebook Inforegio Network; e a Tijuana, Margarito Martínez e poi María Guadalupe Lourdes Maldonado, freddata a colpi di pistola mentre è a bordo della sua auto. Ad alimentare gli attacchi contro la stampa è la quasi certezza dell’impunità ma anche l’incapacità dello stato di garantire protezione, come dimostra anche la vicenda di Lourdes Maldonado. La donna già nel 2019 aveva chiesto il sostegno del presidente Andrés Manuel López Obrador, segnalando come mandante di possibili violenze contro di lei Jaime Bonilla Valdez, membro del partito presidenziale Morena. Bonilla è il proprietario del giornale con cui Lourdes Maldonado era in causa dal 2013 per licenziamento ingiustificato e debiti salariali. Il 19 gennaio la giornalista vince la causa. Quattro giorni dopo viene uccisa. continua a leggere

Giovanni Pezzoli, morto il batterista cofondatore degli Stadio. L’addio: «I nostri cuori pieni di dolore»


articolo di Redazione web: https://www.leggo.it/spettacoli/musica/giovanni_pezzoli_stadio_morto_oggi_30_12_2022-7140821.html

L’annuncio della morte sui canali social della band

È morto nella serata di giovedì all’età di 70 anni Giovanni Pezzoli, batterista e cofondatore degli Stadio insieme a Gaetano Curreri, Marco Nanni, Ricky Portera e Fabio Liberatori. A darne la notizia è il gruppo sui suoi canali social.

L’addio sui social – «Alle 21.00 di questa sera – scrivono gli Stadio su Facebook e Instagram – purtroppo Giovanni ci ha lasciato. I nostri pensieri e i nostri cuori sono pieni di dolore! Vogliamo ricordarlo con il suo sorriso e la voglia di fare musica per farci e farvi divertire. Ciao Giovanni».

Le condizioni di salute – Nato a Bologna il 14 maggio 1952, Pezzoli è stato il cofondatore del gruppo nato nella primavera del 1981. Nel marzo del 2016, poche settimane dopo la vittoria al Festival di Sanremo con la canzone “Un giorno mi dirai”, Giovanni Pezzoli era stato colto da un grave malore mentre si trovava in vacanza in montagna. continua a leggere

Tasso di riempimento degli stadi: Serie A ultima nei Big 5


 29 Dicembre 2022 – articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/12/29/serie-a-tasso-riempimento-stadi/

La Serie A sta facendo registrare numeri sempre crescenti in termini di spettatori. Ma se i dati al botteghino portano un sorriso ai club del massimo campionato italiano, quelli relativi al tasso di riempimento medio degli stadi (il rapporto fra i presenti e la capacità dell’impianto), lasciano ancora il nostro torneo lontano dalle maggiori leghe nazionali in Europa.

La media spettatori per la stagione in corso e fino alla sosta dedicata ai Mondiali in Qatar è stata pari 28.888 presenti, un dato superiore se confrontato con le medie delle ultime stagioni che non sono state influenzate dall’emergenza Coronavirus: 24.783 nella stagione 2017/18 e 25.062 nella stagione 2018/19.

(Fonte: Tifosy)

Il dato di questa stagione consente al campionato italiano di superare la Ligue 1, ferma a 23.440 e di non essere troppo lontano dalla Liga spagnola, che raccoglie 29.935 spettatori di media. Su un altro livello la Premier League e la Bundesliga, che hanno fatto registrare rispettivamente 40.186 e 42.664 spettatori di media da inizio stagione.

Il discorso cambia se si osserva però il tasso di riempimento delle strutture. Mentre ci sono club che si avvicinano spesso al tutto esaurito (Inter, Milan, Juventus e Roma sono gli esempi più lampanti), ce ne sono altri che mediamente superano a malapena il 50% di posti occupati. La Serie A nel complesso fa registrare una percentuale del 71,3% di riempimento, inferiore alla Ligue 1, con il 73,85%, e alla Liga, con il 74,1%. Come per la media spettatori, anche nel caso del tasso di riempimento  Bundesliga Premier League la fanno da padrone: il torneo inglese conquista il gradino più alto del podio con un notevole 97,5%, sopravanzando il campionato tedesco, fermo al 91,4%.

Esaminando i dati sugli spettatori del nostro campionato, a farla da padrone sono appunto Milan e Inter, che si spartiscono la prima e la seconda posizione sia nella classifica delle presenze totali sia per quanto riguarda la media riempimento. Entrambe giocano nell’impianto italiano che ha la capienza maggiore: 75.923 spettatori per San Siro.

I rossoneri hanno fatto registrare in media 72.656 presenze, superando i “cugini”, fermi a 72.080. Va comunque ricordato che il Milan di Pioli ha già disputato la maggior parte degli scontri diretti in casa, eventi che spingono sicuramente il pubblico e richiamano una gran quantità di tifosi.

Dietro alle milanesi, ecco le due romane, ma con una notevole differenza fra la Roma, 61.794 spettatori di media, e la Lazio, con 42.462 spettatori. L’Olimpico di Roma può contenere fino a 73.261 tifosi. Facile notare come la media di riempimento per le due squadre, specialmente i biancocelesti, cali drasticamente rispetto alle due formazioni di Milano.

Napoli Juventus si posizionano invece ai piedi del podio in questa speciale classifica con 40.335 e 37.724 spettatori di media a partita. Ma qui la differenza di capacità dei rispettivi impianti è notevole: il Maradona può ospitare infatti fino a 54.726 tifosi, mentre l’Allianz Stadium di Torino si ferma a 41.507.

Serie A, entro oggi le prime tre rate delle tasse sospese


29 Dicembre 2022articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/12/29/serie-a-data-pagamento-tasse-sospese/

I club di Serie A non possono più rimandare il pagamento delle tasse sospese a causa degli effetti negativi derivanti dall’emergenza Covid. E’ fissata infatti per la giornata di oggi – giovedì 29 dicembre 2022 – la data di scadenza per il versamento dei tributi scaduti il 22 dicembre. Per chi decidesse di accedere alla rateizzazione, la scadenza riguarda invece le prime tre rate.In questi giorni l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le indicazioni per il versamento dei tributi attraverso una risoluzione.

«Il disegno di legge recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”, approvato dalla Camera dei Deputati il 24 dicembre 2022, contiene all’articolo 1, commi 160 e 161, disposizioni sulla rimessione in termini dei versamenti di alcuni tributi, sospesi per gli enti di promozione sportiva e le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato e operano nell’ambito di competizioni sportive in corso di svolgimento, ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 24 ottobre 2020, scaduti il 22 dicembre 2022, relativamente ai quali si forniscono di seguito le istruzioni per la compilazione del modello F24», si legge nella nota.

«I versamenti delle ritenute alla fonte, comprensive di quelle relative alle addizionali regionale e comunale, e dell’imposta sul valore aggiunto, dovranno essere effettuati dai soggetti interessati, tramite modello F24, utilizzando i codici tributo ordinari e indicando i periodi di riferimento originari entro il 29 dicembre 2022 ovvero in sessanta rate di pari importo, con scadenza delle prime tre rate entro la stessa data e delle successive rate mensili entro l’ultimo giorno di ciascun mese a decorrere da gennaio 2023», sottolinea l’Agenzia delle Entrate.

«In caso di pagamento rateale è dovuta una maggiorazione del tre per cento delle somme complessivamente dovute, che dovrà essere versata per l’intero importo contestualmente alla prima rata utilizzando il codice tributo “1668” e indicando l’anno di riferimento “2022”», chiude la nota. Di seguito, i debiti con il fisco dei club di Serie A, che dovranno decidere se accedere alla rateizzazione o se versare interamente i tributi sospesi:

  • Inter – 50 milioni di euro
  • Lazio – 40 milioni di euro
  • Roma – 38 milioni di euro
  • Juventus – 30 milioni di euro
  • Napoli – 25 milioni di euro
  • Fiorentina – 15 milioni di euro
  • Milan – 10 milioni di euro

WhatsApp non sarà più disponibile su 47 modelli di smartphone: ecco quali e perché


articolo di  Lorenzo Nicolao: https://www.corriere.it/tecnologia/22_dicembre_29/whatsapp-non-sara-piu-disponibile-su-49-modelli-di-smartphone-ecco-quali-e-perche-2e16f4a4-0273-4b31-9bf8-ddbbfc87exlk.shtml?refresh_ce

Dal 1° gennaio 2023 terminerà la compatibilità dell’app di messaggistica con molti telefoni tra cui due iPhone 

WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea più diffusa al mondo, dal 1° gennaio non funzionerà più su molti modelli di smartphone tra cui due iPhone. L’inesorabile progresso degli aggiornamenti della piattaforma costringe chi ha uno di questi telefoni a rinunciare all’app, a meno che non ricorra all’acquisto di un nuovo device. La maggior parte dei cellulari che verranno esclusi è stata lanciata sul mercato oltre dieci anni fa, tra il 2012 e il 2013.

Sistemi operativi – Per funzionare, con l’avvento dell’anno nuovo WhatsApp richiederà almeno i sistemi operativi Android 4.1 o iOS 12. A questo proposito saranno quindi esclusi gli iPhone 5 e iPhone 5C.
A livello di Android invece la lista (pubblicata da GizChina) è più lunga. Si parla dei….. continua a leggere

Pelé è morto, aveva 82 anni: il mondo del calcio in lutto


Pelé, pseudonimo di Edson Arantes do Nascimento, (Três Corações, 23 ottobre1940 – San Paolo, 29 dicembre 2022), è stato un calciatore e dirigente sportivo brasiliano, di ruolo centrocampista o attaccante.

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/29-12-2022/pele-morto-o-rei-scomparso-82-anni-4501734407744.shtml

Il fenomeno brasiliano era in gravi condizioni da tempo: il cordoglio della famiglia e del mondo del calcio

Piange il mondo del calcio: Pelé non ce l’ha fatta, dopo diversi giorni in gravi condizioni è venuto a mancare. O Rei aveva 82 anni e a darne notizia è stata la figlia con un post su Instagram contenente una brevissima dedica: “Tutto ciò che siamo è grazie a te. Ti amiamo infinitamente Riposa in pace“.

LA CARRIERA – Le gesta del calciatore brasiliano nato a Tres Coraçoes il 23 ottobre 1940 saranno ricordate per sempre e, decenni dopo il suo ritiro, resta sempre acceso il dibattito su chi sia stato il migliore in assoluto tra lui e Diego Armando Maradona. La sua carriera parla chiaro: una vita intera al Santos (11 titoli nazionali e 5 internazionali) con una breve coda di due anni ai New York Cosmos nel campionato statunitense, ma soprattutto la storia scritta con la maglia del Brasile…….. continua a leggere

Tempesta artica negli USA – Bufalo sepolta dalla neve …….


LIVE: BUFFALO BLIZZARD – US winter storm death toll rises – Lake Effect – Bomb Cyclone – live 28-12-2022
26-12-2022 – Tempesta artica negli Usa, a Buffalo negozi saccheggiati e persone intrappolate in casaCorriere della Sera
25-12-2022 – Blizzard of 2022 impacts – Buffalo – Hamburg – Blasdell – drone and ground – WXChasing
25 12-2022 – Tempesta polare sugli Usa, Buffalo sepolta dalla neve – Corriere della Sera
24-12-2022 – Buffalo, NY Blizzard Day 2Live Storms Media

Stephen Greif, morto l’attore di Blake’s 7 e The Crown: aveva 78 anni


Stephen Greif, attore britannico e poliedrico, figlio del teatro e artista televisivo, nonché cinematografico, è venuto a mancare all’età di 78 anni; le cause della morte non sono state rese note.

articolo: Stephen Greif, morto l’attore di Blake’s 7 e The Crown: aveva 78 anni – Movieplayer.it

Stephen Greif, attore di origini britanniche celebre per i suoi ruoli in Blake’s 7, Citizen Smith e EastEndersThe Crown, è venuto a mancare all’età di 78 anni. La scomparsa è stata ufficializzata sul web dai suoi rappresentanti legali.

“Con grande tristezza annunciamo la morte del nostro meraviglioso cliente Stephen Greif. La sua vasta carriera ha incluso numerosi ruoli sullo schermo e sul palcoscenico al National Theatre, RSC e nel West End. Ci mancherà moltissimo e i nostri pensieri sono con la sua famiglia e i suoi amici”, si legge nel post Twitter dedicato all’attore.

Bando continuità aerea, nessuna offerta per Alghero


Aperte le buste in Regione, tre compagnie interessate

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/12/27/bando-continuita-aerea-nessuna-offerta-per-alghero_0eacebfe-f498-4ac1-afd5-81416c81b03f.html

Tre compagnie aeree si vogliono spartire le rotte per la Sardegna in regime di continuità territoriale, cioè con le compensazioni economiche di circa 52 milioni per gli oneri di servizio pubblico, per il periodo dal 17 febbraio 2023 al 26 ottobre 2024.

Ma all’apertura delle buste amara sorpresa per il nord ovest dell’Isola: per i collegamenti dall’aeroporto di Alghero con Roma e Milano nessuna compagnia si è fatta avanti, a differenza di quanto appreso in precedenza.

Le offerte pervenute sono:

  • Ita e Volotea per Cagliari-Roma Fiumicino;
  • Ita per la rotta Cagliari-Milano Linate;
  • Ita, Volotea e AeroItalia per Olbia-Roma Fiumicino;
  • Ita e AeroItalia per Olbia-Milano Linate.

La commissione aggiudicatrice dovrà ora verificare la documentazione presentata per procedere prima, in seduta riservata, all’esame delle offerte tecniche, e successivamente in seduta pubblica per valutare le offerte economiche. Resta possibile, fino al

  • 31 gennaio 2023

che un vettore comunitario accetti di effettuare le rotte senza esclusiva e senza compensazione.Con l’apertura delle buste e la verifica delle offerte -s ottolinea l’assessore regionale dei Trasporti, Antonio Moro – diamo il via a un iter che confidiamo possa essere il più breve possibile e avere così entro fine anno l’aggiudicazione provvisoria dei voli per i quali è stata presentata un’offerta. Alghero non resterà senza voli: ci siamo già attivati con il Ministero e con l’Enac per avviare una procedura di emergenza che consenta di non interrompere il servizio pubblico dallo scalo algherese. continua a leggere

Meteo. Anticiclone in indebolimento e veloce perturbazione tra giovedì e venerdì. Ecco dove pioverà


articolo di Lorenzo Badellino: https://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/meteo–anticiclone-in-indebolimento-e-veloce-perturbazione-tra-gioved-igrave–e-venerd-igrave—ecco-dove-piover-agrave–673646

Si indebolirà parzialmente l’alta pressione tra giovedì e venerdì e transiterà un veloce fronte foriero di qualche pioggia al Centro-Nord.

Dopo il blando fronte atlantico che martedì lambisce il Centro-Nord Italia uno nuovo si avvicinerà alle latitudini centro-meridionali europee, indebolendo l’anticiclone posizionato in area mediterranea. In questo caso le conseguenze sull’Italia saranno leggermente più incisive rispetto al tentativo precedentequanto ad intensità e distribuzione delle precipitazioni, seppur non si tratterà certo di una perturbazione organizzata. Ecco nel dettaglio cosa accadrà nei prossimi giorni:

Meteo 28-30 dicembre

Mercoledì 28 il flusso di correnti umide mediamente occidentali che precede l’avanzata del fronte darà luogo ad una nuvolosità irregolare sulle regioni tirreniche con qualche pioggia sparsa in Toscana, in moderata intensificazione in serata. Permarranno cieli grigi e foschi al Nord con qualche debole pioggia o pioviggine sullo Spezzino, mentre sulle Alpi, regioni adriatiche, ioniche e sulle isole prevarrà il sole.

Giovedì 29 il fronte indebolirà parzialmente l’anticiclone, avvicinandosi al Nord Italia e dando luogo ad una giornata nuvolosa anche sulle Alpi, con qualche pioggia sparsa su Liguria e Val Padana centro-orientale, anche a carattere di rovescio sul Levante Ligure e Friuli VG. Sul finire della giornata si intensificheranno i fenomeni anche sulle Alpi centro-occidentali, specie sulle aree di confine, con neve oltre i 1200/1400m. Addensamenti e qualche pioggia anche sui settori tirrenici centro-settentrionali e in Umbria, più frequenti sull’alta Toscana dove in serata saranno anche in forma di rovescio. Tempo più soleggiato invece al Sud e sul versante adriatico, con clima mite. Temperature in lieve aumento sulle centrali adriatiche, in lieve calo al Nord.

Venerdì 30 il fronte si estenderà alle regioni centrali e distribuirà piogge e rovesci sparsi sul versante tirrenicoma coinvolgerà anche le Marche e la Sardegna occidentale con alcuni fenomeni, in attenuazione in serata. Inoltre sono attese piogge sparse su Emilia Romagna, basso Veneto e Friuli VG, in attenuazione in giornata. Debole sulle Alpi occidentali oltre i 1500m. Tempo più soleggiato invece al Sud e sul medio Adriatico, salvo addensamenti e locali piovaschi in Campania. Per la tendenza fino a

 inizio 2023 clicca qui.

Covid, addio app Immuni, stop dal 31 dicembre


articolo della redazione Cronaca: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/12/27/news/covid_addio_app_immuni_stop_dal_31_dicembre-380910764/?ref=RHLF-BG-I0-P3-S3-T1

Verrà interrotto ogni trattamento di dati personali associato al sistema di allerta coronavirus

foto: https://www.salute.gov.it

App Immuni addio. Dal 31 dicembre sarà dismessa la Piattaforma unica nazionale per la gestione del Sistema di allerta Covid-19 e la relativa applicazione, lanciata nel giugno del 2020 per allertare le persone entrate in contatto stretto con altre risultate positive al coronavirus pandemico. Lo comunica il ministero della Salute, precisando che dalla stessa data “verrà interrotto ogni trattamento di dati personali effettuato” dal dicastero “ai sensi dell’articolo 6 del decreto legge 30 aprile 2020, n. 28, convertito con modificazioni dalla legge 25 giugno 2020, n. 70″. continua a leggere

Il Lido diventa il piccolo Idroscalo


articolo di Redazione Metronews: https://metronews.it/2022/12/22/il-lido-diventa-il-piccolo-idroscalo/

Il Lido diventa il piccolo Idroscalohttps://metronews.it/2022/12/22/il-lido-diventa-il-piccolo-idroscalo/

Ai primi di gennaio partiranno i lavori per il restyling del Lido di Milano. Ad annunciarlo oggi il sindaco Beppe Sala, secondo il quale il centro sportivo diventerà «un piccolo Idroscalo». I lavori, ha detto Sala, si concluderanno dopo due anni e l’impianto dovrebbe quindi essere pronto nel 2025. A pagare l’intervento da 25 milioni di euro, saranno gli spagnoli della Ingesport health and SPA consulting SA, che gestisce molti impianti del genere nel mondo e che in cordata con altre società avrà in gestione dell’impianto per 42 anni. La piscina del Lido è chiusa da tre anni, anche a causa della pandemia, «è obsoleta e priva di un impianto filtrante, le strutture sono invecchiate e il palazzo nel suo insieme ha bisogno di una profonda trasformazione più in linea con le attuali sensibilità», ha detto Sala.

«Si parte con i lavori a gennaio e serviranno 24 mesi per la realizzazione del nuovo centro sportivo, la trasformazione dell’attuale piscina, la realizzazione di quella nuova e la manutenzione degli immobili esistenti» ha aggiunto il sindaco, «Poi ci vorranno ulteriori 7 mesi per la demolizione e ricostruzione del padiglione cabine individuali». Il progetto prevede la scomparsa della grande piscina realizzata nel 1931, a favore di uno specchio d’acqua in stile “piccolo Idroscalo”,….. continua a leggere

Finte vaccinazioni per il Green pass, indagate Madame e Giorgi


articolo di Redazione Metronews: https://metronews.it/2022/12/24/per-le-finte-vaccinazioni-anti-covid-indagate-madame-e-giorgi/

Per le finte vaccinazioni anti Covid, necessarie all’epoca per ottenere il Green Pass, ora sono indagate anche la cantante Madame e la tennista Camila Giorgi.

I loro nomi sono entrati nell’inchiesta curata dalla Procura di Vicenza che già lo scorso febbraio aveva portato all’arresto dei medici Daniela Grillone Tecioiu (poi scarcerata) ed Erich Volker Goepel (con arresto annullato dal Riesame) oltre al compagno della dottoressa, Andrea Giacoppo. L’indagine ipotizzava a vario titolo i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e peculato. L’inchiesta però negli ultimi mesi sembra essersi estesa, con la verifica dei nominativi dei pazienti che erano in cura presso i medici arrestati.

Finte vaccinazioni per il Green pass – Così è spuntato quello della cantante 20enne Madame, nome d’arte di Francesca Calearo, paziente di Grillone e di Camilla Giorgi, che è nata e vive a Macerata, e per la quale non sarebbero ancora stati chiariti i legami con la provincia di Vicenza. Gli inquirenti ipotizzano che le due si sarebbero procurate il Green Pass quando era indispensabile per gli spostamenti e lo svolgimento di diverse attività professionali in Italia e all’estero. Per entrambe si ipotizza il reato di falso ideologico. continua a leggere

Ronan Vibert, morto l’attore di “Saving Mr.Banks”: aveva 58 anni


Ronan Vibert (Cambridge, 23 febbraio1964 – 22 dicembre 2022) è stato un attore britannico.

articolo: Ronan Vibert, morto l’attore di Saving Mr.Banks: aveva 58 anni (leggo.it)

L’attore è deceduto in un ospedale della Florida

Morto l’attore britannico Ronan Vibert, noto per i ruoli dell’editore Diarmuid Russell nel film «Saving Mr. Banks» e di Giovanni Sforza nella serie tv «I Borgia», è morto in un ospedale della Florida dopo una breve malattia all’età di 58 anni.

L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla sua manager Sharon Vitro a «The Hollywood Reporter»; la natura esatta della malattia non è stata specificata. Nato nel Cambridgeshire, in Inghilterra, il 23 febbraio 1964, Vibert ha vissuto a Penarth, nel Galles meridionale, fino a quando non ha frequentato la Royal Academy of Dramatic Art a Londra.

La carriera – Tra i primi ruoli di rilievo figurano tre episodi dell’acclamata miniserie britannica «Traffik» del 1989, da cui è stato tratto il film «Traffic» di Steven Soderbergh, vincitore di un Oscar nel 2000. Negli anni ’90 Vibert ha ottenuto numerosi ruoli in programmi televisivi britannici. In seguito ha recitato in film come «L’ombra del vampiro» (2000) con John Malkovich e Willem Dafoe, «Hollywood Confidential» (2001) del regista Peter Bogdanovich, «Il pianista» (2002) del regista Roman Polanski, «Tomb Raider: La culla della vita» (2003). In «Saving Mr. Banks» (2013) di John Lee Hancock, film su Walt Disney, Vibert ha interpretato l’editore della scrittrice Pamela Lyndon Travers, autrice di «Mary Poppins», interpretata da Emma Thompson, in un cast che comprendeva anche Tom Hanks, Colin Farrell, Paul Giamatti e Bradley Whitford. I suoi ruoli più recenti nei lungometraggi sono arrivati con due titoli del 2017: il thriller «L’uomo di neve», diretto da Michael Fassbender, e il film d’azione storico «6 Days», con Jamie Bell e Mark Strong. 

O’Neill è morto, l’ex centrocampista della Juve era ricoverato a Montevideo


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/calcio/22_dicembre_25/o-neill-morto-l-ex-centrocampista-juve-era-ricoverato-montevideo-76613970-846f-11ed-8dc9-98dfbf9090ba.shtml

Fabian O’Neilcorriere.it

Dopo aver lasciato il calcio, Fabian O’Neill aveva avuto problemi con l’alcool. L’ex calciatore aveva anche provato a smettere, raccontò in un’intervista, ma non ci riuscì

Il mondo del calcio piange Fabian O’Neill, ex centrocampista di Cagliari, Juventus e Perugia tra il 1995 e il 2002. Il calciatore uruguaiano (ora 49enne) era ricoverato da qualche giorno in terapia intensiva a Montevideo, in Uruguay, come riportato anche dal giornale locale El Pais che, a sua volta, cita il giornalista Alberto Kesman: «O’Neill è sempre stato troppo buono con gli altri e cattivo con sé stesso».

Il riferimento è al problema dell’alcol e a una vita piuttosto complicata una volta conclusa la carriera: «I miei problemi, andati avanti nel corso degli anni, rimangono. Prima di tutto ho avuto problemi con l’alcol: dopo un’operazione alla vescica non avrei dovuto toccare un bicchiere per tre anni, ma ho resistito soltanto un mese. Va meglio con le scommesse perché non ho più soldi per poter giocare»… continua a leggere

Ciclismo: Morto Vittorio Adorni, vinse il Giro nel 1965 e i Mondiali nel ’68


A sinistra la vittoria del campionato mondiale a Imola, a destra Vittorio Adorni in una foto (ritagliata) pubblicata su facebook da Norma Gimondi

Il saluto su facebook di Norma Gimondi, figlia di Felice: ‘Ciao Vittorio, salutami papà’.

articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/ciclismo/2022/12/24/ciclismo-morto-vittorio-adorni_ca83a429-2fc2-41b5-a2ae-fbac1b695f17.html

E’ morto a 85 anni l’ex campione di ciclismo Vittorio Adorni.

A dare notizia della scomparsa è Norma Gimondi, figlia di Felice, con un post su Facebook: “Ciao Vittorio, salutami papà. Sentite condoglianze alla famiglia, vi siamo vicine“.

Nato a San Lazzaro Parmense il 14 novembre 1937, Adorni è stato professionista dal 1961 al 1970 e nel 1965 vinse il Giro d’Italia, mentre nel 1968 divenne campione del mondo di ciclismo a Imola. A breve distanza dalla tragica fine di Davide Rebellin e dalla scomparsa di Ercole Baldini, il ciclismo italiano è ancora in lutto per la morte di Adorni, uno dei personaggi del ciclismo più noti, che segnò un’epoca dominata da Eddy Merckx e Felice. Il presidente della Federazione ciclistica italiana (Fci), Cordiano Dagnoni, ha espresso “a nome di tutto il mondo del ciclismo i sensi del più profondo cordoglio alla famiglia“. Adorni esordì tra i professionisti nel 1961, a 24 anni, e nel 1964 approdò alla Salvarani, team con il quale conquistò il Giro d’Italia dell’anno successivo battendo Italo Zilioli e Gimondi. La cavalcata di 90 chilometri al mondiale di Imola, quando tagliò il traguardo con 9’50” su Herman Van Springel e 10’18” su Michele Dancelli, lo fece entrare nella storia del ciclismo. Quando scese di sella, nel 1970, il suo palmares contava 60 successi tra i professionisti. Salì sul podio della Corsa Rosa in altre due occasioni (secondo nel 1963 e nel 1968) e tra i piazzamenti più importanti ci sono tre podi consecutivi alla Liegi-Bastogne-Liegi (tra il 1963 e il 1965) e la seconda piazza alla Milano-Sanremo nel 1965 e al mondiale di Sallanches, nel 1964. Chiusa la carriera sportiva è stato poi dirigente della stessa Salvarani e della Bianchi. ‘Scoperto’ da Sergio Zavoli, che l’ha voluto subito con lui nel Processo alla tappa, ha dimostrato una capacità comunicativa fuori dal comune, che gli ha permesso, anche dopo la fine della carriera sportiva, di proseguire come commentatore.

Grossa frana a Genova, massi si staccano da una parete di roccia: evacuate 46 persone


Grossa frana a Genova, massi si staccano da una parete di roccia: evacuate 46 persone – foto video.corriere.it

articolo: https://video.corriere.it/cronaca/genova-grossa-frana-a-palazzine-immagini-dall-alto-vigili-fuoco/11d2b06a-83b1-11ed-8cce-4b72b0db0f83

È successo in via Posalunga. Evacuate 46 persone

LaPresse / CorriereTv

(LaPresse) – 24 dicembre 2022

Grossa frana sabato mattina in via Posalunga, nel quartiere di San Martino a Genova. Lo smottamento si è staccato da un costone di roccia e pietre limitrofo a una palazzina. Evacuate 46 persone. Nessuno è rimasto Il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore Giampedrone sono in contatto con il sindaco Marco Bucci e con gli operatori sul posto, vigili del fuoco e polizia locale, per le necessità di assistenza alle famiglie.

articolo: https://video.corriere.it/cronaca/grossa-frana-genova-massi-si-staccano-una-parete-roccia-evacuate-46-persone/9ef93e74-839c-11ed-8cce-4b72b0db0f83?vclk=video3CHP%7Cgrossa-frana-genova-massi-si-staccano-una-parete-roccia-evacuate-46-persone

«Attualmente abbiamo 46 persone evacuate dai due civici di via Posalunga, coinvolti dalla frana, ospitati temporaneamente al centro civico Buranello dove i nostri volontari della Protezione civile stanno dando assistenza con un pranzo caldo e provvedendo alle procedure di accreditamento per un’eventuale ospitalità in hotel». Lo dichiara l’assessore alla Protezione civile del Comune di Genova Sergio Gambino, che sta monitorando in loco la situazione di via Posalunga. Presenti sul posto vigili del fuoco, carabinieri e per il Comune di Genova i volontari della protezione civile, i tecnici e pattuglie della polizia locale, già da questa mattina alle 7.30 circa quando è stata disposta l’evacuazione di due palazzine per questioni di sicurezza, perché affacciate sul versante franoso.

Frana su palazzine a Genova, oltre 40 famiglie sfollate – QuotidianoNazionale

Gli orari di metro e mezzi Atm a Milano per Natale, Capodanno e le feste


articolo di Redazione: https://www.milanotoday.it/attualita/orari-metro-mezzi-natale-capodanno-atm-2022.html

La guida con tutti gli orari delle metropolitane e dei mezzi in città

Anche Atm si prepara al Natale e alle feste. L’azienda che gestisce i trasporti sotto la Madonnina ha infatti elaborato il proprio piano per il 25 dicembre, per la notte di Capodanno e per l’Epifania, con gli orari di metropolitane, autobus e tram che inevitabilmente subiranno tagli e variazioni. 

  • Questi gli oari delle metropolitane nei giorni non “rossi”:

24 dicembre, dal 27 al 31 dicembre e dal 2 al 5 gennaio. Tutte le linee seguono orario del sabato.
26 dicembre e 1, 6 e 7 gennaio. Tutte le linee seguono orario del festivo.
M4 è in servizio, come al solito, dalle 6 alle 21. Trovate gli orari sulla app.

  • Questi gli orari di bus, tram e filobus nei giorni non “rossi”:

24, 27, 28, 29, 30 dicembre e 2, 3, 4, 5 gennaio. Tutte le linee seguono l’orario del sabato. Le linee 709, 926 e 927 seguono l’orario del lunedì–venerdì e non fanno servizio il 24 dicembre. Le corse scolastiche sono sospese.
26, 31 dicembre e 1, 6 e 7 gennaio. Tutte le linee seguono l’orario festivo. Il 31 dicembre e il 7 gennaio le linee 38, 39, 55 e 89 seguono l’orario del sabato, senza corse scolastiche. Il 31 dicembre le linee NM1, NM2 e NM3 seguono l’orario del sabato.

Orari delle metro a NataleDiscorso diverso per Natale. Il 25 dicembre, infatti, “tutte le linee sono in servizio dalle 7 alle 19:30 circa“, si legge sul sito di Atm, con frequenze più dilatate e attese maggiori. Inoltre, “non fanno servizio le linee notturne“. 

Le prime e ultime partenze delle metro il giorno di Natale:

  • M1

Da Sesto FS per Bisceglie        7:10     19:16
Da Sesto FS per Rho Fiera     7:19     18:51
Da Sesto FS per Molino Dorino      7:19      19:11
Da Bisceglie per Sesto FS     7:21        19:16
Da Molino Dorino per Sesto FS       7:09     19:03
Da Rho Fiera per Sesto FS       7:22     19:00
Da Duomo per Bisceglie      7:29     19:35
Da Duomo per Molino Dorino     7:38     19:30
Da Duomo per Rho Fiera      7:38     19:10
Da Duomo per Sesto FS      7:28     19:30

Frequenza
Tratta Sesto FS-Pagano: ogni 8 minuti.
Diramazioni per Rho Fiera e Bisceglie: ogni16 minuti.

  • M2

Da Abbiategrasso per Gobba      6:53      19:08 
Da Assago Forum per Gobba      6:56     19:11
Da Famagosta per Cologno Nord      7:17     19:18
Da Famagosta per Gessate     7:03     19:03
Da Gessate per Famagosta      6:59     19:04
Da Cologno Nord per Famagosta      6:53     19:09
Da Gobba per Assago Forum      7:00     18:46 
Da Gobba per Abbiategrasso      7:09     19:28

Frequenze
Tratta Famagosta-Cascina Gobba: ogni 7 minuti e 30.
Tratta Assago Forum-Cologno Nord/Gessate: ogni 30 minuti.

  • M3

Da Comasina      7:00     19:24
Da San Donato     7:00     19:24
Da Duomo per San Donato      7:17     19:40
Da Duomo per Comasina      7:14     19:38

Frequenze
Treni ogni 7 minuti e 30.

  • M4

Da Linate Aeroporto      7:00     19:33
Da Dateo      7:00     19:33
 
Frequenze
Treni ogni 7 minuti circa.

  • M5

Da Bignami        7:00     19:35 
Da San Siro     7:00     19:31
Da Garibaldi per Bignami       7:15     19:46
Da Garibaldi per San Siro      7:12     19:47

 
Frequenze 
Treni ogni 4 minuti circa.

Orari della metro a Capodanno – Per la notte dell’ultimo dell’anno e per Capodanno, “sabato 31 dicembre le linee metropolitane seguono l’orario del sabato, le linee di superficie l’orario festivo“. E “sono in normale servizio i bus delle linee notturne“.

Queste le ultime partenze delle metro

  • M1

Da Sesto FS per Bisceglie      00:20 
Da Sesto FS per Rho     23:54
Da Sesto FS per Molino Dorino     00:13 
Da Rho Fiera per Sesto FS     00:12 
Da Bisceglie per Sesto FS     00:11

  • M2

Da Assago Forum per Gessate      20:23 
Da Assago Forum per Gorgonzola     00:21  
Da Assago Forum per Cologno     00:21
Da Abbiategrasso per Gorgonzola     00:36
Da Abbiategrasso per Cologno      21:10
Da Abbiategrasso per Gessate      20:49
Da Gessate per Abbiategrasso     21:32
Da Gobba per Abbiategrasso     00:43
Da Gobba per Assago Forum     00:21
Dopo le 22 i treni sono sostituiti dai bus BM2 tra Cascina Gobba e Gessate.Gli orari a questa pagina.

  • M3

Da San Donato per Comasina     00:23
Da Comasina per San Donato     00:21

  • M4

Da Dateo per Linate      21:00 
Da Linate per Dateo      21:00

  • M5

Da Bignami per San Siro      00:02
Da San Siro per Bignami     00:00

I bus delle linee notturne non fanno servizio soltanto nelle notti tra il 24 e il 25 e tra il 25 e il 26 dicembre. Le linee NM1, NM2, NM3, N25, N26 e 90/91 sono in servizio tutte le notti. Le linee N15, N24, N27, N42, N50, N54, N57, N80 e N94 sono in servizio invece nelle notti tra venerdì e sabato e tra sabato e domenica. Fanno servizio anche tra il 31 dicembre e il 1° gennaio e tra il 5 e il 6 gennaio.
 

Usa, il maltempo blocca il Paese: 9 morti, cancellati 4.800 voli, a terra 650 mila persone


articolo di Leonard Berberi: https://www.corriere.it/cronache/22_dicembre_23/usa-maltempo-blocca-paese-cancellati-oltre-3500-voli-terra-mezzo-milione-persone-fa962eaa-82ce-11ed-a908-044c2789a441.shtml

La tempesta di freddo e neve si sta abbattendo da New York a Seattle: da mercoledì annullati 7.800 voli. Forti ritardi per altri 21 mila viaggi. Ecco la mappa dei disagi

La tempesta di freddo e neve che si è abbattuta negli Usa sta rovinando i viaggi verso casa o verso le vacanze di 650 mila americani, almeno 9 persone sono morte in incidenti stradali causati da ghiaccio o neve. Nella morsa del gelo circa 200 milioni di persone. Sono inoltre decine gli aeroporti bloccati che hanno portato alla cancellazione venerdì 23 dicembre di almeno 4.800 voli nazionali e internazionali. Da mercoledì sono 7.800 quelli annullati nel Paese con ricadute su oltre 1,1 milioni di persone. È quanto emerge dall’incrocio dei numeri forniti dal sito FlightAware e Anuvu. Altri 21 mila collegamenti hanno subìto ritardi — in alcuni casi anche forti — alla partenza.

Le statisticheGli scali più colpiti dal maltempo — che secondo il servizio meteorologico nazionale «si verifica una volta in una generazione» con questa intensità — sono quelli delle grandi città. Nel dettaglio, alle 20.30 ora italiana, Seattle registra 231 voli cancellati, quindi Chicago-O’Hare (209), New York-LaGuardia (180), Denver (164), Detroit (157). Per quanto riguarda le compagnie che hanno dovuto annullare più collegamenti al vertice c’è Alaska Airlines con il 44,4% di cancellazioni, quindi Frontier (23,6%), Southwest Airlines (23,1%) e Delta Air Lines (18,2%). continua a leggere

Tragedia per l’ex calciatore Fabio Tricarico: è morto il figlio Federico, aveva 15 anni


articolo di Lucia Landoni: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/12/23/news/federico_tricarico_morto_figlio_calciatore_fabio-380415810/

Il ragazzo è morto a causa di una malattia. Il calciatore aveva giocato in serie A con il Torino e poi con a Samp. Attualmente lavorava per l’Empoli

Grave lutto familiare per Fabio Tricarico, 53enne ex calciatore milanese che ha militato in qualità di centrocampista in serie A con il Torino e poi con a Samp: il figlio Federico, di appena 15 anni, è morto a Milano, dove risiedeva, stroncato da una malattia che non gli ha lasciato scampo.

Attualmente Tricarico è un osservatore dell’Empoli, che gli ha espresso pubblicamente vicinanza tramite i propri canali social ufficiali: “Il presidente Fabrizio Corsi, la vicepresidente e AD Rebecca Corsi, il direttore sportivo Pietro Accardi, i dirigenti, la squadra, e tutto l’Empoli Football Club si stringono attorno a Fabio Tricarico, ex calciatore e oggi osservatore azzurro, in questo momento di grandissimo dolore per la prematura scomparsa del figlio Federico – si legge in una nota della società toscana – A Fabio, alla moglie Manuela, alla figlia Alessandra a tutta la famiglia vanno le più sentite condoglianze da parte della società azzurra“.

In segno di rispetto per il lutto che ha colpito l’ex calciatore, l’Empoli ha inoltre annullato la tradizionale cena natalizia prevista per lo staff. continua a leggere

Parigi, sparatoria vicino al centro culturale curdo: tre morti e tre feriti di cui uno grave, fermato un uomo di 69 anni


articolo di Paola Caruso: https://www.corriere.it/esteri/22_dicembre_23/parigi-spari-citta-diverse-persone-ferite-fermato-uomo-334aa246-82b4-11ed-a908-044c2789a441.shtml

Arrestato un pensionato delle ferrovie con precedenti per aggressioni xenofobe: è un estremista di estrema destra. Era uscito di prigione 11 giorni fa. Scontri tra i curdi e la polizia

Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi venerdì 23 dicembre verso mezzogiorno nel centro di Parigi, in rue d’Enghien,  provocando la morte di tre persone, tre «militanti curdi»: due uomini e una donna, come spiega la procura parigina. I feriti sono tre, di cui uno in condizioni critiche. La sparatoria, avvenuta nel decimo arrondissement, ha avuto luogo vicino al centro culturale curdo Ahmet-Kaya, al numero 16 di rue d’Enghien. «Ci sono tre morti, una persona in stato di emergenza assoluta, due in relativa», ha detto la procuratrice Laure Beccuau durante un punto stampa, spiegando che anche l’aggressore è rimasto ferito e si trova in ospedale.

Per l’aggressione è stato fermato un uomo di 69 anni. Si tratta di un francese con precedenti penali per aggressioni xenofobe, pensionato delle ferrovie transalpine (Sncf), dove aveva lavorato come macchinista. L’arma utilizzata è stata recuperata dagli agenti. «È un estremista di estrema destra», ha detto la sindaca di Parigi Anne Hidalgo. «I curdi ovunque risiedano devono poter vivere in pace e in sicurezza», ha scritto Hidalgo in un tweet.

Il francese di 69 anni era già stato indagato lo scorso anno per tentato omicidio a sfondo razziale dopo aver attaccato un campo migranti di Parigi armato di una sciabola ed era uscito dal carcere il 12 dicembre, 11 giorni fa. Inoltre, era già stato arrestato nel febbraio 2016 per tentato omicidio volontario di una persona vulnerabile e a ottobre del 2019 per possesso di armi.

Lingua originale: francese. Traduzione di Google
La comunità curda e, attraverso di essa, tutti i parigini, è stata presa di mira da questi omicidi commessi da un attivista di estrema destra. I curdi ovunque risiedano devono poter vivere in pace e sicurezza. Più che mai, Parigi è al loro fianco in questi tempi bui.

Claudio Ranieri torna al Cagliari……


Claudio Ranieri torna al Cagliari, il Leicester, l’odio per Domenech, il Dandi come genero e la barca coi compagni del Catanzaro

articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/calcio/serie-b/cards/claudio-ranieri-torna-cagliari-leicester-l-odio-domenech-dandi-come-genero-barca-coi-compagni-catanzaro/ritorno-cagliari_principale.shtml

Claudio Ranieri – (Afp)

L’ex allenatore tra le altre di Roma, Inter, Napoli, Juventus e Atletico Madrid prenderà il posto di Liverani. Era disoccupato dopo essere stato licenziato dal Watford a gennaio

Il ritorno al Cagliari – «Bentornato Mister». Così il Cagliari ufficializza l’accordo con il tecnico Claudio Ranieri che dal 1° gennaio 2023 assumerà la guida tecnica della prima squadradopo l’esonero di Fabio Liverani. L’allenatore ha firmato un contratto che lo lega al club rossoblù fino al 30 giugno 2025. Romano, classe 1951, Ranieri aveva già allenato Cagliari dal 1988 al 1991 e, oltre a vincere la Coppa Italia di serie C, guidò la doppia promozione fino alla serie A e poi a una salvezza da favola nel massimo campionato. Ranieri torna in serie B 20 anni dopo l’ultima volta (con la Fiorentina) nella stagione 1993-1994.

Il Watford e l’esonero dopo tre mesi dal ritorno in Premier League – Il tecnico romano, 71 anni, era fermo da gennaio scorso, dopo il licenziamento da parte del Watford. Il suo ritorno in Premier League era durato solo tre mesi. Il tecnico romano era arrivato al Watford vantando una vasta esperienza alla guida di alcuni dei più grandi club europei, con titoli vinti in Premier League, Coppa Italia e Coppa del Re, ricordava il club inglese che milita in Premier League nel dare l’annuncio a inizio ottobre. E invece, con due sole vittorie in 14 incontri, era arrivato l’esonero.

Grande carriera – L’esperienza precedente era stata a Genova, con la sua Sampdoria, da cui si è allontanato spontaneamente a maggio del 2021. Sbarcato sulla panchina blucerchiata nell’ottobre 2019, il tecnico romano aveva deciso di non rinnovare il suo contratto in scadenza a giugno. Ottenuta la salvezza in largo anticipo, aveva comunicato la sua scelta alla società e agli stessi giocatori ritenendo la sua missione in blucerchiato ormai compiuta. Pareva volesse andare alla ricerca di una nuova sfida e di nuovi stimoli. Lunedì 4 ottobre 2021 sono arrivati, con la formalizzazione del suo approdo al Watford. continua a leggere

Serie A, obbligo divisa Away a tinta unita dal 2024/25


articolo di Marco Sacchi – 23 Dicembre 2022: https://www.calcioefinanza.it/2022/12/23/serie-a-nuove-regole-divise/

Novità in arrivo sulle maglie da gioco per i club di Serie A. Il nuovo regolamento per le divise che sarà introdotto nel 2023/24 prevede una serie di modifiche rispetto a quello attuale che porterà ad alcuni cambiamenti per i club sulla produzione dell’abbigliamento indossato dai calciatori quando scendono in campo.

Questa stagione è stato il turno delle maglie verdi per i giocatori di movimento, mentre con la nuova stagione saranno tre le novità rispetto al vecchio regolamento. La prima riguarda le divise da gioco da trasferta ed «eventuali altre», per le quali è «preferibile la predisposizione anche di opzioni monocolore, […] laddove le stesse prevedano colori diversi tra loro per maglia, pantaloncino e calzettoni. Quest’ultima disposizione diventerà obbligatoria a partire dalla stagione sportiva 2024/25».

Dunque, a partire dalla stagione successiva alla prossima, i club dovranno prevedere – in caso di divise da trasferta con maglia e pantaloncini/calzettoni di colori diversi tra loro – anche dei kit a tinta unita, per facilitare le combinazioni con le formazioni avversarie.

Cambia anche il numero di divise da gioco previste obbligatoriamente per gli estremi difensori: «Le squadre devono avere almeno tre divise portieri (attualmente sono due, ndr) chiaramente in contrasto tra loro ed in contrasto con le divise dei calciatori di movimento e comunque almeno due diverse da queste ultime».

Infine, il nuovo regolamento introduce l’articolo 10 sugli “elementi decorativi”, che potranno «rappresentare lo stemma o parte di esso, il nome, il soprannome o l’abbreviazione della società, o un simbolo ad essa chiaramente e inequivocabilmente riconducibile»; oppure essere «rappresentativi di un particolare evento celebrativo del club» e ancora «riprodurre elementi figurativi».

Gli elementi non dovranno includere lettere, numeri o combinazioni delle due; non dovranno rappresentare o richiamare in alcun modo marchi e/o prodotti commerciali; dovranno essere realizzati tono su tono, jacquard o embossing e non dovranno compromettere la predominanza cromatica della divisa da gioco.

Nuovo caso plusvalenze: ecco quali sono i nove club coinvolti


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/12/22/quali-sono-club-coinvolti-indagine-plusvalenze/

La nuova indagine sul caso plusvalenze della Procura FIGC riguarda nove club e 52 dirigenti. Lo ha reso noto la stessa FIGC in un comunicato.

«La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale – si legge nella nota -, esaminati i documenti e gli atti istruttori dell’indagine penale ‘Prisma’ trasmessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino, ha proposto, ai sensi dell’art. 63 del Codice di Giustizia Sportiva della FIGC, ricorso per revocazione parziale della decisione della Corte Federale di Appello a Sezioni Unite n. 89 del 27 maggio 2022, nei confronti delle società:

  • FC Juventus SpA,
  • UC Sampdoria,
  • FC Pro Vercelli 1892 Srl,
  • Genoa CFC SpA,
  • Parma Calcio 1913 Srl,
  • Pisa Sporting Club Srl,
  • Empoli FC SpA,
  • Novara Calcio SpA,
  • Delfino Pescara 1936 SpA

e di 52 dirigenti delle medesime società sportive, chiedendone la condanna alle sanzioni che verranno rispettivamente richieste nel corso dell’udienza di discussione del ricorso di fronte alla Corte Federale di Appello.

Comunica, altresì, che la Procura Federale, a seguito dell’acquisizione degli atti del medesimo procedimento penale dell’Autorità Giudiziaria di Torino, si è attivata, nell’ambito di un nuovo procedimento disciplinare sportivo, nell’attività di indagine di propria competenza, nei confronti della società Juventus e di altre società sportive professionistiche per ulteriori e nuove condotte disciplinarmente rilevanti rispetto a quelle per le quali ha già esercitato l’azione disciplinare dinanzi agli Organi di Giustizia Sportiva nell’ambito dell’indagine “plusvalenze” della stagione sportiva 2021-2022 ed i cui giudizi si sono conclusi con la decisione n. 89 del 2022. I termini di conclusione delle indagini sono quelli fissati dal vigente Codice di Giustizia Sportiva della FIGC»conclude la Federcalcio.

Incendio a Milano in via Ripamonti: a fuoco il tetto di un palazzo


articolo di  Pierpaolo Lio: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_dicembre_23/incendio-a-milano-in-via-ripamonti-a-fuoco-il-tetto-di-un-palazzo-64ecee2f-8ab1-41eb-a689-1d879af1cxlk.shtml

Il palazzo in via Ripamonti il cui tetto è andato a fuoco

L’allarme è scattato attorno alle 16.20. Il rogo in una palazzina di tre piani. Evacuati i residenti

Un incendio è scoppiato in via Ripamonti 186 a Milano. Sono andati in fiamme circa 80 metri quadrati del tetto di un edificio di tre piani. La chiamata ai vigili del fuoco è scattata attorno alle 16.20: sono subito intervenuti insieme alla polizia di Stato e gli operatori sanitari del 118. Sul posto si contano 11 mezzi.

L’intero condominio è stato evacuato. Le operazioni di spegnimento sono durate alcune ore. Non risultano feriti.