Gli orari di metro e mezzi Atm a Milano per Natale, Capodanno e le feste


articolo di Redazione: https://www.milanotoday.it/attualita/orari-metro-mezzi-natale-capodanno-atm-2022.html

La guida con tutti gli orari delle metropolitane e dei mezzi in città

Anche Atm si prepara al Natale e alle feste. L’azienda che gestisce i trasporti sotto la Madonnina ha infatti elaborato il proprio piano per il 25 dicembre, per la notte di Capodanno e per l’Epifania, con gli orari di metropolitane, autobus e tram che inevitabilmente subiranno tagli e variazioni. 

  • Questi gli oari delle metropolitane nei giorni non “rossi”:

24 dicembre, dal 27 al 31 dicembre e dal 2 al 5 gennaio. Tutte le linee seguono orario del sabato.
26 dicembre e 1, 6 e 7 gennaio. Tutte le linee seguono orario del festivo.
M4 è in servizio, come al solito, dalle 6 alle 21. Trovate gli orari sulla app.

  • Questi gli orari di bus, tram e filobus nei giorni non “rossi”:

24, 27, 28, 29, 30 dicembre e 2, 3, 4, 5 gennaio. Tutte le linee seguono l’orario del sabato. Le linee 709, 926 e 927 seguono l’orario del lunedì–venerdì e non fanno servizio il 24 dicembre. Le corse scolastiche sono sospese.
26, 31 dicembre e 1, 6 e 7 gennaio. Tutte le linee seguono l’orario festivo. Il 31 dicembre e il 7 gennaio le linee 38, 39, 55 e 89 seguono l’orario del sabato, senza corse scolastiche. Il 31 dicembre le linee NM1, NM2 e NM3 seguono l’orario del sabato.

Orari delle metro a NataleDiscorso diverso per Natale. Il 25 dicembre, infatti, “tutte le linee sono in servizio dalle 7 alle 19:30 circa“, si legge sul sito di Atm, con frequenze più dilatate e attese maggiori. Inoltre, “non fanno servizio le linee notturne“. 

Le prime e ultime partenze delle metro il giorno di Natale:

  • M1

Da Sesto FS per Bisceglie        7:10     19:16
Da Sesto FS per Rho Fiera     7:19     18:51
Da Sesto FS per Molino Dorino      7:19      19:11
Da Bisceglie per Sesto FS     7:21        19:16
Da Molino Dorino per Sesto FS       7:09     19:03
Da Rho Fiera per Sesto FS       7:22     19:00
Da Duomo per Bisceglie      7:29     19:35
Da Duomo per Molino Dorino     7:38     19:30
Da Duomo per Rho Fiera      7:38     19:10
Da Duomo per Sesto FS      7:28     19:30

Frequenza
Tratta Sesto FS-Pagano: ogni 8 minuti.
Diramazioni per Rho Fiera e Bisceglie: ogni16 minuti.

  • M2

Da Abbiategrasso per Gobba      6:53      19:08 
Da Assago Forum per Gobba      6:56     19:11
Da Famagosta per Cologno Nord      7:17     19:18
Da Famagosta per Gessate     7:03     19:03
Da Gessate per Famagosta      6:59     19:04
Da Cologno Nord per Famagosta      6:53     19:09
Da Gobba per Assago Forum      7:00     18:46 
Da Gobba per Abbiategrasso      7:09     19:28

Frequenze
Tratta Famagosta-Cascina Gobba: ogni 7 minuti e 30.
Tratta Assago Forum-Cologno Nord/Gessate: ogni 30 minuti.

  • M3

Da Comasina      7:00     19:24
Da San Donato     7:00     19:24
Da Duomo per San Donato      7:17     19:40
Da Duomo per Comasina      7:14     19:38

Frequenze
Treni ogni 7 minuti e 30.

  • M4

Da Linate Aeroporto      7:00     19:33
Da Dateo      7:00     19:33
 
Frequenze
Treni ogni 7 minuti circa.

  • M5

Da Bignami        7:00     19:35 
Da San Siro     7:00     19:31
Da Garibaldi per Bignami       7:15     19:46
Da Garibaldi per San Siro      7:12     19:47

 
Frequenze 
Treni ogni 4 minuti circa.

Orari della metro a Capodanno – Per la notte dell’ultimo dell’anno e per Capodanno, “sabato 31 dicembre le linee metropolitane seguono l’orario del sabato, le linee di superficie l’orario festivo“. E “sono in normale servizio i bus delle linee notturne“.

Queste le ultime partenze delle metro

  • M1

Da Sesto FS per Bisceglie      00:20 
Da Sesto FS per Rho     23:54
Da Sesto FS per Molino Dorino     00:13 
Da Rho Fiera per Sesto FS     00:12 
Da Bisceglie per Sesto FS     00:11

  • M2

Da Assago Forum per Gessate      20:23 
Da Assago Forum per Gorgonzola     00:21  
Da Assago Forum per Cologno     00:21
Da Abbiategrasso per Gorgonzola     00:36
Da Abbiategrasso per Cologno      21:10
Da Abbiategrasso per Gessate      20:49
Da Gessate per Abbiategrasso     21:32
Da Gobba per Abbiategrasso     00:43
Da Gobba per Assago Forum     00:21
Dopo le 22 i treni sono sostituiti dai bus BM2 tra Cascina Gobba e Gessate.Gli orari a questa pagina.

  • M3

Da San Donato per Comasina     00:23
Da Comasina per San Donato     00:21

  • M4

Da Dateo per Linate      21:00 
Da Linate per Dateo      21:00

  • M5

Da Bignami per San Siro      00:02
Da San Siro per Bignami     00:00

I bus delle linee notturne non fanno servizio soltanto nelle notti tra il 24 e il 25 e tra il 25 e il 26 dicembre. Le linee NM1, NM2, NM3, N25, N26 e 90/91 sono in servizio tutte le notti. Le linee N15, N24, N27, N42, N50, N54, N57, N80 e N94 sono in servizio invece nelle notti tra venerdì e sabato e tra sabato e domenica. Fanno servizio anche tra il 31 dicembre e il 1° gennaio e tra il 5 e il 6 gennaio.
 

Sciopero oggi 2 dicembre 2022: mezzi pubblici a rischio, tutte le cose da sapere


articolo Redazione: https://www.today.it/attualita/sciopero-oggi-2-dicembre-2022.html

Tutti gli orari città per città. Venerdì nero, c’è sciopero generale nazionale di 24 ore dei lavoratori privati e pubblici che aderiscono ai sindacati di base Cobas e Usb, in tutti i servizi. Le motivazioni della protesta

Sciopero oggi 2 dicembre 2022: mezzi pubblici (aerei, treni, bus e metro) a rischio

Venerdì nero per chi si sposta con i mezzi pubblici. I trasporti sono a rischio, c’è sciopero generale nazionale oggi di 24 ore dei lavoratori privati e pubblici che aderiscono ai sindacati di base Cobas e Usb, in tutti i servizi: dalla sanità alla scuola, dalle fabbriche ai trasporti. Il 16 dicembre toccherà invece ai pensionati della Spi-Cgil che scendono in piazza a manifestare contro i tagli della manovra che “tratta i pensionati come un bancomat“. Ma il calendario delle mobilitazioni sindacali contro il governo sembra solo abbozzato. Cgil e Uil hanno deciso di procedere assieme e sono pronte a proclamare scioperi regionali in diversi giorni nella settimana tra il 12 e il 16 dicembre che precede l’arrivo per il 20dicembre della manovra in aula alla Camera per la sua approvazione di fatto definitiva, visto che per motivi di tempo il Senato dovrà ratificarla a scatola chiusa. Ma torniamo allo sciopero di oggi 2 dicembre 2022, con tutte le informazioni utili

I trasporti pubblici locali e nazionali non sono garantiti. Sono previsti disagi per chi dovrà mettersi in viaggio usando treni, aerei, taxi, ma anche bus, tram e metropolitane. Lo sciopero coinvolgerà anche la scuola, la sanità e la logistica. L’agitazione è stata indetta da numerose sigle sindacali, locali e nazionali, tra cui Sgc, Al-Cobas, Lmo, Soa, Adl Varese, Cib-Unicobas, Cobas Sardegna, Conf. Cobas, Cub, Sgb, Si-Cobas, Usb, Usi-Cit e Usi Unione sindacale italiana.

Sciopero oggi 2 dicembre 2022: tutti gli orari città per città – I trasporti potrebbero essere il campo a maggior rischio. Fra l’altro a questo sciopero si somma quello dei lavoratori Vueling (per 24 ore). Lo sciopero di venerdì 2 dicembre ha orari e modalità diverse da città a città. Mezzi pubblici a rischio a Milano dalle ore 18 al termine del servizio per le metropolitane, mentre i mezzi in superficie sono a rischio dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. A Venezia potrebbero fermarsi i vaporetti. A Bologna, lo sciopero dei servizi automobilistici e filoviari Tper dura 24 ore, ma sempre nel rispetto delle fasce di garanzia, cioè dalle ore 8.30 alle ore 16.30 e dalle ore 19.30 a fine servizio. A Roma e nel Lazio saranno possibili disagi sulle linee di Atac, Roma Tpl e Cotral dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. A Napoli sulle funicolari ultima corsa del mattino garantita alle ore 9:20, poi servizio garantito dalle 17 alle 19:50; stessi orari per la metropolitana; per tram, bus, filobus servizio garantito dalle ore 5:30 alle 8:30 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00. A Firenze servizio garantito nelle fasce 6.00-9.00 e 12.00-15.00. A Palermo  gli autisti Amat incroceranno le braccia dalle 8,30 alle 17,30 con rientro dei bus e tram in rimessa. A Torino il servizio di trasporto pubblico sui mezzi Gtt sarà garantito nelle fasce orarie​ dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 12 alle ore 15.

Per i lavoratori delle autostrade lo sciopero inizia alle 22 di giovedì 1 dicembre e termina alle 22 di oggi. Nessun problema ovviamente per chi dispone dei dispositivi di telepedaggio Telepass o simili, gli altri potrebbero incontrare qualche disagio

Sciopero treni Trenitalia, Italo, Trenord 2 dicembre  – Sul fronte dei treni lo sciopero va dalle 21 di giovedì 1° dicembre alle 21 di venerdì 2 dicembre ed è stato indetto dal personale del Gruppo FS Italiane, Trenord e Italo NTV. Trenitalia garantisce i treni a Lunga Percorrenza e i servizi essenziali nelle fasce orarie di maggiore frequentazione dalle ore 6:00 alle ore 9:00 e dalle ore 18:00 alle ore 21:00. I treni Regionali possono subire cancellazioni o variazioni. Per il trasporto regionale (come Trenord) sono stati istituiti i servizi essenziali nelle fasce orarie di maggiore frequentazione (dalle ore 06.00 alle ore 09.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00 dei giorni feriali). Trenitalia ha messo a disposizione un numero verde (800.89.20.21) per avere informazioni sulle linee e sul sito c’è l’elenco delle tratte garantite.  Dovrebbero viaggiare regolarmente le Frecce e gli Intercity di Trenitalia. Saranno garantiti anche i collegamenti Regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

Italo comunica la programmazione dello sciopero dalle 21 di giovedì 1 dicembre alle 21 del 2 dicembre, fornendo la lista dei treni garantiti e rimandando al numero 892020 (a pagamento) per ulteriori domande.

I lavoratori del comparto aereo e di quello marittimo, potranno scioperare per tutte le 24 ore del 2 dicembre e allo sciopero nazionale annunciato si aggiunge l’agitazione già prevista da tempo per il 2 dicembre dai dipendenti Vueling contro gli esuberi annunciati dall’azienda.

Sciopero scuola e sanità 2 dicembre – Lo sciopero generale del 2 dicembre coinvolge anche il personale docente, educativo e Ata (amministrativo, tecnico e ausiliario) delle scuole di ogni ordine e grado: dai nidi alle scuole superiori, passando per infanzia, elementari e medie, la didattica non sarà garantita. In sciopero anche i dipendenti della sanità iscritti ai sindacati Usb Pi, Cub sanità e Orsa, per l’intera giornata di venerdì 2 dicembre, da mezzanotte fino alle 23.

Le motivazioni dello sciopero – Tra i motivi dello sciopero c’è un po’ di tutto: il rinnovo dei contratti e l’aumento dei salari, l’introduzione per legge del salario minimo di 12 euro l’ora, la cancellazione degli aumenti delle tariffe dei servizi ed energia, la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, il blocco delle spese militari e dell’invio di armi in Ucraina, il rilancio del piano edilizia residenziale pubblica, le morti sul lavoro, la riforma della scuola.

Metropolitana Milano, linea verde bloccata tra Cernusco e Gessate: una gru ha tranciato i fili


articolo di Redazione Milano: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_agosto_31/metropolitana-milano-linea-verde-bloccata-cernusco-gessate-gru-ha-tranciato-fili-b1c8416a-2953-11ed-91c7-dee004e78fda.shtml

Il guasto intorno alle 18.40 di mercoledì nel cantiere che prevede la demolizione del vecchio sovrappasso. Crollata una rampa di scale. I treni sono sostituiti da bus. In corso l’intervento sulla rete aerea. Vizza (Uil): «Sarebbe potuta essere una strage»

Una gru meccanica all’improvviso si è ribaltata ed è crollata sui binari del metrò, tranciando i fili della rete aerea. L’incidente è accaduto intorno alle 18.40 di mercoledì nella stazione di Bussero, dove è in corso un cantiere Atm. Nessun ferito: il treno della linea verde era passato qualche minuto prima. L’incidente ha causato l’immediato blocco dei treni della linea verde della metropolitana milanese, tra le stazioni di Cernusco e Gessate. «I treni sono sostituiti da bus, che stanno viaggiando compatibilmente con le condizioni della viabilità – ha comunicato Atm -. Ci scusiamo con i nostri passeggeri: stiamo intervenendo sulla rete aerea danneggiata da un mezzo di cantiere». continua a leggere su corriere.it

Milano, aumenta il prezzo di biglietto e carnet Atm: fino a 30 cent in più. Comune contrario. Insorgono Verdi


articolo di Chiara Baldi e Andrea Senesi: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_agosto_03/milano-aumenta-prezzo-biglietto-unico-carnet-atm-fino-30-centesimi-piu-58d75a70-1358-11ed-9de8-12e67e17a594.shtml

A tre anni dall’ultimo rincaro, in autunno il nuovo ritocco. Non sarà invece rivisto l’importo degli abbonamenti. Il Comune attacca la Regione: «Ci adeguiamo alle normative decise dal Pirellone»

A tre anni dall’ultimo, entro l’anno arriverà un nuovo aumento del prezzo del biglietto di AtmLa cifra potrebbe oscillare tra i 10 e i 30 centesimi in più e potrebbe arrivare tra ottobre e novembre. A deciderlo una normativa regionale in tema di adeguamento Istat delle tariffe del trasporto pubblico locale. In un secondo passaggio, è stata l’Agenzia del Trasporto pubblico locale del bacino della Città metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia che si è riunita nell’assemblea dei soci a decretare l’aumento. L’adeguamento riguarderà sia la città che l’Area Metropolitana e riguarderà i biglietti singoli — il cui costo oggi è di due euro per 90 minuti — e i carnet.

«Dopo un accurato dibattito generale — ha spiegato il presidente dell’Agenzia Daniele Barbone i soci hanno dato mandato al consiglio di intervenire esclusivamente sui titoli occasionali, senza toccare quelli in abbonamento. Tale impostazione garantisce di tutelare in particolare gli utenti abituali, così da incentivarli al ritorno sui mezzi del trasporto pubblico locale. È inoltre emersa la richiesta di approfondire l’adeguatezza dell’attuale tipologia di abbonamenti vigenti, in base alle mutate esigenze di mobilità degli utenti legate allo smart working».

Dura la reazione dell’assessora alla Mobilità del Comune di Milano Arianna Censi che scarica la responsabilità su Regione Lombardia: «Se avessimo potuto scegliere, non avremmo certo deciso ora l’adeguamento tariffario all’Istat dei biglietti del trasporto pubblico locale, in un momento economicamente difficile per i cittadini — ha commentato —. Ci siamo adeguati ad una norma che è stata imposta dalla Regione Lombardia, a trazione leghista, con una legge approvata a luglio». E ha aggiunto, rivolgendosi alla Lega: «Mi stupisce che chi a livello nazionale continua a promettere di abbassare le tasse, poi a livello locale si comporti esattamente all’opposto, costringendo all’aumento tariffario».

Il regolamento tariffario regionale stabilisce che le tariffe debbano essere adeguate annualmente in base al tasso di inflazione definito dalla Regione stessa, corretto in funzione di indicatori di qualità definiti dalle Agenzie, come spiegato in una nota. Regione Lombardia, con la legge di assestamento di bilancio 2022, ha derogato alla norma che imponeva l’applicazione degli adeguamenti tariffari in modo omogeneo su tutti i titoli, stabilendo che gli aumenti possano essere applicati in modo differenziale.

Intanto, la notizia dell’aumento del biglietto Atm sta sollevando polemiche e proteste. I Verdi di Palazzo Marino insorgono e chiedono la convocazione urgente del Consiglio comunale. «Si può e si deve resistere alla disposizione regionale come fatto tante altre volte», dice il capogruppo ambientalista Carlo Monguzzi: «È sbagliatissimo l’aumento in un momento in cui viene chiesto ai cittadini di lasciare l’auto e usare il mezzo pubblico. Il Comune non deve essere complice di questa decisione. Non combatterla con tutti i mezzi politici, tecnici e procedurali sarebbe terribilmente colpevole». Anche il Pd si muove. Un gruppo di consiglieri (Daniele Nahum, Natascia Tosoni, Alessandro Giungi, Simonetta D’Amico) sottolineando la responsabilità politica della Regione nella vicenda invita comunque il Comune a mettere in campo tutte le azioni possibili per resistere al rincaro. Una decisone che colpirà anche l’hinterland e i comuni limitrofi, è così il sindaco di centrosinistra di Buccinasco Rino Pruiti parla di scelta «ingiusta e sbagliata». «I regolamenti si possono e si devono cambiare. A che servono i proclami sull’emergenza climatica se invece di favorire il trasporto pubblico si aumentano i costi?».

M1, Amendola chiude a metà agosto: va rifatta la trave che sostiene il metrò dal 1961


articolo di Chiara Baldi: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_luglio_20/m1-amendola-chiude-meta-agosto-restyling-viaggio-notturno-tunnel-metro-fermo-lavori-3f2bec22-0790-11ed-9ef9-cfa43bd4d04e.shtml

Il racconto (notturno) tra i manutentori dei binari. Tra Pagano e Lotto saranno garantiti bus sostitutivi. Giana: il trasporto pubblico gratis? Solo se lo paga il governo

La trave del 1961 da sostituire (LaPresse)

Il tunnel del metrò della fermata Amendola è sorretto da una trave che sta lì dal 1961. È la prima del sistema di trasporto sotterraneo di tutta Milano e si trova in corrispondenza dell’incrocio tra via Monte Rosa e via Domenichino: è costituita da due pezzi, uno alto 1,8 metri e profondo 14,5, e un secondo alto un metro e lungo 8,2. Per 60 anni l’infrastruttura portante non ha avuto bisogno di interventi consistenti. Poi, lo scorso anno, nel corso dei normali sopralluoghi per vedere lo stato dell’arte, Atm ha rinvenuto delle criticità. «Scavando dalla superficie abbiamo notato che c’era un’infiltrazione. Una volta appurato che la situazione non era grave ma richiedeva comunque in intervento, abbiamo ripristinato l’impermeabilizzazione», spiega Massimiliano Riboli, direttore della manutenzione delle infrastrutture di Atm. Un intervento che sarà effettuato ad agosto, chiudendo la stazione di Amendola dal 13 al 21 compresi e sospendendo così la circolazione dei treni della linea M1 — «la rossa» — tra Pagano e Lotto. «Saranno comunque garantiti bus sostitutivi», assicurano da Atm, che spiegano di aver scelto la settimana centrale di agosto «proprio per voler ridurre il disagio per i passeggeri». «Sono lavori normali per infrastrutture vecchie come la M1 (la prima ad aprire a Milano, ndr)», dice il direttore generale Arrigo Giana. continua a leggere

Milano, sciopero treni e mezzi 17 giugno:…..


Milano, sciopero treni e mezzi 17 giugno: orari e possibili disagi per Atm, Trenord e Trenitalia.

articolo di Giovanna Maria Fagnani: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_giugno_16/sciopero-mezzi-pubblici-atm-trenord-trenitalia-venerdi-17-giugno-orari-possibili-disagi-4e236992-ed70-11ec-96f8-928391ee2cf6.shtml

Milano, bus, tram e linee del metrò Atm a rischio dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio. Linee Trenord e Trenitalia, agitazione e possibili cancellazioni dalle ore 21 del 16 giugno alle 21 del 17 giugno

Per venerdì 17 giugno le organizzazioni sindacali Al Cobas, con una galassia di piccole altre sigle autonome e di base, hanno indetto uno sciopero generale nazionale dei trasporti di 24 ore. Il blocco potrebbe interessare le linee Atm — autobus, tram e metropolitanedalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizioin questo articolo gli aggiornamenti sulla circolazione.

Le adesioni ai precedenti scioperi Atm – Agli ultimi scioperi indetti nel settore del trasporto pubblico locale, secondo la rilevazione Atm, hanno aderito il 13,5% dei lavoratori il 20 maggio (dopo le ore 18 si era fermata la linea gialla M3 del metrò), il 3% il 28 aprile e l’11% l’8 marzo scorso (sciopero dei sindacati di base per i diritti delle donne). L’ultima agitazione unitaria molto partecipata, con un forte impatto sulla rete di trasporto Atm, è stata quella del 25 febbraio, quando aveva incrociato le braccia il 31% dei dipendenti di Foro Buonaparte e dei depositi (qui l’analisi dell’azienda). continua a leggere

Sciopero Atm venerdì 20 maggio a Milano….


Sciopero Atm venerdì 20 maggio a Milano: a rischio bus e tram in giornata, per le metropolitane disagi dopo le 18

articolo di Lucia Landoni: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/05/16/news/sciopero_dei_mezzi_pubblici_milanesi_venerdi_20-349856279/

L’astensione dal lavoro generale nazionale di tutti i settori pubblici e privati è stata proclamata dalle organizzazioni sindacali Cub e Sgb e Cub Trasporti ha aderito

Nuovo sciopero in vista per i mezzi pubblici milanesi: dopo lo stop di domenica 15 maggio dei convogli di Trenord, è stata indetta una nuova agitazione per venerdì 20 maggio. Lo sciopero generale nazionale di tutti i settori pubblici e privati è stato proclamato dalle organizzazioni sindacali Cub e Sgb e Cub Trasporti ha aderito.

Atm ha comunicato sul proprio sito che le metropolitane saranno garantite per tutta la giornata, ma potrebbero esserci conseguenze sul servizio dopo le 18. Invece bus, tram e filobus potrebbero non essere garantiti dalle 8.45 alle 15 e dopo le 18.

Possibili disagi anche sulla funicolare Como-Brunate (sempre gestita dall’Azienda Trasporti Milanesi) dalle 8.30 alle 16.30 e dalle ore 19.30 al termine del servizio. Lo sciopero è stato indetto, come si legge sul sito di Atm, “per l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la sua smilitarizzazione con il ritiro immediato di tutti gli eserciti; per il congelamento immediato dei prezzi di tutti i beni ed i servizi primari; per lo sblocco dei contratti e aumenti salariali e la reintroduzione della scala mobile.

Per l’approvazione di un nuovo piano strutturale di edilizia residenziale pubblica che preveda anche il riuso del patrimonio pubblico in disuso; contro le politiche di privatizzazione; contro le spese militari dirette, indirette e indotte e la destinazione delle relative risorse alla scuola, alla sanità pubblica, ai trasporti ed al salario garantito per disoccupati e sottoccupati; per la riduzione dell’orario a parità di salario”.

L’ultimo sciopero indetto dal sindacato Cub, lo scorso 8 marzo, aveva fatto registrare un’adesione dell’11% da parte dei lavoratori di Atm.

Chiuse tutte le linee della metropolitana. Venerdì nero del traffico


Sciopero dei trasporti oggi venerdì 25 febbraio, a Milano chiuse le metropolitane. Disagi per bus e tram

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/02/25/news/sciopero_trasporti_venerdi_25_febbraio_milano_lombardia_atm_trenord_ecco_tutti_gli_orari-339138835/

E’ iniziato lo sciopero dei trasporti. L’agitazione coinvolge anche i treni dei pendolari. In mattinata una manifestazione ha avuto un impatto su alcune linee di superficie 

Si annuncia un venerdì nero per i trasporti a Milano. E’ cominciato alle 8.45 lo sciopero nazionale del trasporto indetto per oggi, venerdì 25 febbraio. Secondo quanto diffuso da Atm, l’azienda dei trasporti milanese, la circolazione di tutte le linee della metropolitana è stata sospesa e sui mezzi di superficie sono previsti ritardi, cancellazioni e maggiori attese fino alle 15. La chiusura delle stazioni del metrò ha avuto conseguenze sull’aumento del traffico non soltanto in centro. E, nel pieno della settimana delle sfilate di moda, si sono formate lunghe code alle fermate dei taxi.  

In mattinata, a complicare ulteriormente gli spostamenti a bordo di bus e tram e la situazione degli ingorghi si è aggiunta una manifestazione che, ha spiegato Atm, ha coinvolto “alcune nostre linee di superficie“. continua a leggere

Sciopero trasporti a Milano il 25 febbraio: venerdì nero per bus, tram, metrò Atm e treni. Orari e fasce di garanzia


articolo di Giovanna Maria Fagnani: https://milano.corriere.it/notizie/economia/22_febbraio_22/sciopero-atm-trenord-milano-venerdi-25-febbraio-rischio-blocco-totale-bus-tram-metro-treni-orari-fasce-garanzia-efff0bd8-93c8-11ec-b277-6e3576ab2932.shtml

Mezzi pubblici, servizio Atm garantito a Milano da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 alle 18. Ferrovie Nord, servizio assicurato dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. Licenziati tre lavoratori Movibus, insorgono i sindacati: «Intollerabile»

Avviso ai pendolari: rischio blocco totale. Lo sciopero del trasporto pubblico nazionale indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl per venerdì 25 febbraio rischia di paralizzare completamente il servizio Atm a Milano e le linee ferroviarie lombarde di Trenord. L’agitazione di 24 ore è indetta a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto nazionale di categoria. Nella stessa giornata sono stati proclamati scioperi anche dai sindacati di base Cub trasporti, Sgb, Cobas Lavoro Privato, Adl Cobas: una serrata di quattro ore per il riconoscimento della piattaforma su questioni lavorative e retributive (giornate di ferie, sicurezza, revisione dell’orario e organizzazione del lavoro). Tradotto e in sintesi: sarà un venerdì nero per chi si sposta su bus, tram, metrò e treni. Ecco nel dettaglio orari della protesta e fasce di garanzia.

Linee Atm – Lo sciopero potrebbe interessare le linee Atm dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio. Bus, tram e metrò garantiti da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 alle 18. A questo link le percentuali di adesione dei lavoratori agli ultimi scioperi del trasporto pubblico milanese.

Linee Autoguidovie italiane – Il servizio Agi potrà subire ritardi o cancellazioni sulle linee 201, 220, 222, 230, 328, 423, 431, 433 e smart Bus in partenza nella fascia oraria compresa tra le 8.45 e le 14.59 e dopo le 18. Saranno garantite le corse in partenza dai capolinea dalle 5.30 alle 8.44 e dalle 15.alle 17:59. Per informazioni: www.autoguidovie.it.

Ferrovie Nord – Sulle linee Trenord sono fissate queste due fasce di garanzia in cui i treni circoleranno regolarmente: dalle ore 6 alle 9 e dalle ore 18 alle 21. continua a leggere

Sciopero dei trasporti a Milano il 15 e il 25 febbraio 2022: quali sono i rischi per bus, tram e metrò Atm


articolo di Giovanna Maria Fagnani: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_febbraio_14/sciopero-trasporti-atm-milano-15-25-febbraio-2022-quali-sono-rischi-bus-tram-metro-6d1f8248-8d7d-11ec-a91e-e98defcaa657.shtml

Martedì 15 febbraio l’agitazione di Sol Cobas e Fisi non dovrebbe avere ripercussioni sul servizio Atm (salvo sorprese). Il 25 febbraio la protesta di Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Ugl Fna, Faisa Cisal e Fast Confsal potrebbe invece rallentare o bloccare i mezzi pubblici

Due scioperi nazionali nel giro di dieci giorni. Il primo potrebbe avere un impatto scarso o persino nullo sulla rete di trasporto pubblico milanese, il secondo potrebbe invece addirittura paralizzare il sistema Atm. Ma andiamo con ordine.

Martedì 15 febbraio – Per martedì 15 febbraio è in calendario l’agitazione generale Sol Cobas (Sindacato degli operai in lotta Cobas) e Fisi (Federazione italiana sindacati intercategoriali) che hanno organizzato una manifestazione alle 10.30 in piazzale Loreto. Le due sigle non sono rappresentative o quasi in Atm: salvo imprevisti, lo sciopero non dovrebbe avere ripercussioni sul servizio di bus, tram e metrò. Sul sito di Cobas le motivazioni della protesta: «Decine di aziende dichiarano lo stato di crisi (nonostante fatturati in crescita) producendo decine di migliaia di licenziamenti, una macelleria sociale orchestrata dal governo». Tra gli obiettivi, anche l’abolizione del green pass: «L’infame marchio verde», lo definiscono i Cobas.

Venerdì 25 febbraio – Tutt’altro peso avrà invece lo sciopero generale del trasporto pubblico locale indetto per venerdì 25 febbraio. Dietro la serrata ci sono Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Ugl Fna, Faisa Cisal e Fast Confsal, cioè tutte le sigle più rappresentative. Il 25 febbraio il rischio di uno stop parziale o totale di bus, tram e metrò Atm è più che concreto (l’ultima agitazione proclamata da questo blocco sindacale aveva portato alla sospensione del servizio Atm). Alla base della protesta la richiesta di una «rapida chiusura del rinnovo del contratto nazionale autoferrotranvieri-internavigatori». Nei prossimi giorni i dettagli sulle fasce orarie garantite. continua a leggere

Sciopero dei trasporti, a Milano chiuse le metropolitane 1, 2 e 3. Dalle 9 alle 13 disagi sulla rete Trenord


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/01/14/news/sciopero_dei_trasporti_oggi_venerdi_14_gennaio_dalle_9_alle_13_disagi_sulla_rete_trenord-333778427/

M5 servizio solo tra San Siro e Garibaldi. Agitazione del personale di Ferrovienord:

ecco tutte le modifiche previste

Milano 14 gennaio 2022

Sciopero del trasporto pubblico oggi venerdì 14 gennaio in tutta Italia, con disagi previsti anche a Milano. Dalle 8,45 alle 12,45 lo sciopero riguarda i mezzi pubblici di Atm: chiuse le linee M1, M2 e M3 della metropolitana, la M5 fa servizio soltanto tra San Siro e Garibaldi. Atm informa: “Maggiori attese alle fermate di bus, tram e filobus. Il servizio riprenderà normalmente alle 12,45“.

Dalle ore 9 alle ore 13, a causa di uno sciopero che interessa il personale del gestore dell’infrastruttura Ferrovienord, il servizio su alcune linee Trenord potrà subire cancellazioni e variazioni. In particolare potranno essere interessate le linee che circolano su rete Ferrovienord, cioè i collegamenti regionali e suburbani che raggiungono Milano Cadorna da e per Canzo/Asso, Novara Nord, Como Lago, Laveno, Varese, Malpensa Aeroporto – la linea Brescia-Iseo-Edolo e il servizio transfrontaliero S50 Malpensa Aeroporto-Bellinzona.

Saranno previsti autobus sostitutivi, senza fermate intermedie, per eventuali corse non effettuate tra Milano Cadorna (da via Paleocapa, 1) e Malpensa Aeroporto.

L’agitazione potrà avere ripercussioni anche sul servizio delle linee ‘miste’ che transitano sia su rete Ferrovienord che su rete RFI, cioè le linee S1 Milano Bovisa-Lodi, S4 Camnago-Milano Cadorna, S9 Saronno-Seregno-Albairate, S13 Milano Bovisa-Pavia.

Treno della M1 attiva freno di emergenza, metrò rossa sospesa per mezz’ora tra Cairoli e Pagano. Una donna contusa


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/12/21/news/treno_della_m1_attiva_freno_di_emergenza_metro_rossa_sospesa_per_mezz_ora_tra_cairoli_e_pagano_una_donna_contusa-331051164/

Un treno della metropolitana milanese ha attivato, questa mattina, la frenata automatica di sicurezza alla stazione di Cairoli, in direzione Sesto Primo Maggio Fs. E accaduto intorno alle 8,30. Lo rende noto Atm, l’azienda dei trasporti milanesi, su Twitter. Una donna è caduta a terra e ha sbattuto la schiena. Le sue condizioni non sono ritenute gravi: è stata trasportata in codice verde in ospedale.

Il treno è stato trasportato in deposito per i dovuti accertamenti sui motivi della frenata. La circolazione è stata temporaneamente sospesa tra Cairoli e Pagano, ed è poi ripresa dopo circa mezz’ora.

Uomo provoca caos in metro a Milano, poi ha un arresto cardiaco


articolo: https://www.milanotoday.it/cronaca/malore-metropolitana-ragazzo-infarto.html

È stato trasportato d’urgenza all’ospedale Niguarda. Ha percorso a piedi la galleria della metropolitana da Pasteur fino a Caiazzo

Un uomo di 35 anni con il cuore fermo – arresto cardiaco – in mezzo alla folla di passeggeri in metropolitana. Agenti della polmetro e personale Atm davanti a lui dopo averlo inseguito per vari chilometri nelle gallerie della linea M1 e della linea M2. I mezzi del 118 che arrivano a sirene spiegate. I soccorritori che dall’automedica e dall’ambulanza si precipitano sulla banchina della fermata Caiazzo, metro verde, nei pressi della quale l’uomo ha avuto il malore. Il massaggio cardiaco e la corsa disperata in ospedale.

Sono i frame di quanto accaduto circa 15 minuti prima delle 8 di mercoledì nella stazione della linea verde milanese. Dove il 35enne era stato raggiunto e fermato dopo circa 15 minuti di “inseguimento” a piedi lungo le gallerie della metro rossa e verde. Sono i fotogrammi finali di una mattinata di caos in cui ad avere la peggio è stato proprio il responsabile dell’inizio dei disordini.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, un peruviano, per motivi non noti, è entrato nel tunnel della metropolitana rossa all’altezza della fermata Pasteur intorno alle 7.30. Da lì – in superficie siamo lungo viale Monza – ha corso sottoterra fino alla fermata Loreto. Poi, nell’incrocio tra la M1 e la M2, ha svoltato sulla linea verde. E proseguendo la sua folle corsa in galleria ha raggiunto al fermata Caiazzo. Quando è stato fermato sui binari era in evidente stato di agitazione, non è chiaro se in stato psico fisico alterato, e ha avuto l’infarto.

A confermare l’accaduto è la centrale operativa dell’Azienda regionale emergenza urgenza. Il paziente, stando a quanto specificato dal 118, era in arresto cardiaco anche se è presto per ipotizzare le cause del malore. Verosimilmente – sostiene la questura – a causa di un’eccessiva assunzione di sostanze stupefacenti. Il 35enne è stato trasportato in fin di vita al pronto soccorso dell’ospedale Niguarda di Milano.

Il caos in metropolitana a Milano – Con i treni della rossa fermi già dalle 7.30 per la presenza dell’uomo in galleria, poi seguiti dal rallentamento dei convogli della linea verde per lo stesso motivo, per i passeggeri e per i lavoratori di Atm la mattinata è stata “nera“. La circolazione dei treni è ripartita regolarmente solo dopo diverse decine di minuti.

Trasporti, Atm: 3 dicembre sciopero Ugl contro obbligo Green Pass. Sindacati: “Reale e tangibile discriminazione”


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/11/28/news/trasporti_atm_venerdi_3_sciopero_proclamato_da_ugl_contro_obbligo_green_pass-328199316/

A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana sarà possibile nella fascia oraria dalle ore 18 alle ore 22

Atm comunica in una nota che per venerdì 3 dicembre le segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali Ugl autoferro e Ugl ferrovieri hanno proclamato uno sciopero politico plurisettoriale nazionale del settore mobilità di quattro ore al quale ha aderito, per il settore del Tpl, l’articolazione territoriale della Ugl Autoferro. A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana sarà possibile nella fascia oraria dalle ore 18 alle ore 22.

Lo sciopero è stato indetto contro l’introduzione dell’obbligo del Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro, circostanza che, secondo i promotori, ha comportato l’insorgere di “reale e tangibile discriminazione” tra lavoratori e nell’organizzazione del lavoro. Per la possibilità che i tamponi per la certificazione verde siano elargiti gratuitamente a tutti i lavoratori interessati; perché si sensibilizzino le aziende nella ricerca di convenzioni ad hoc, così che non si pongano in essere ulteriori discriminazioni; per la sicurezza di tutti gli operatori del settore.

A Milano sospesa circolazione sulla linea 1 del metrò tra Palestro e Villa San Giovanni: una persona in galleria


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/12/01/news/a_milano_sospesa_circolazione_sulla_linea_1_del_metro_tra_palestro_e_villa_san_giovanni_una_persona_in_galleria-328475124/

Bus sostitutivi, Atm invia a usare stazioni alternative. La circolazione riprende gradualmente

La linea 1 della metropolitana di Milano è chiusa tra le stazioni di Palestro e Villa San Giovanni, dove i treni sono sostituiti da bus, a causa di una persona che, per cause ancora da chiarire, è in una delle gallerie.

Atm informa: “Considerate maggiori attese sul resto della linea: gli ingressi sono scaglionati. Per cambiare con M2 usate Cadorna. Per cambiare con linee S considerate stazioni alternative a Pta Venezia“.

Milano, sciopero 17 settembre: servizio regolare, ma attenzione dalle 18


articolo: https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/sciopero-atm-17-settembre-1.6812785

Pochi disagi finora sui mezzi Atm, ma il traffico sostenuto rallenta le linee di superficie. Possibili cancellazioni nella seconda fascia

Milano, 17 settembre 2021

Le conseguenze dello sciopero del trasporto pubblico proclamato da Usb per oggi finora si sono viste più sulle strade che sulle banchine della metropolitana. A Milano, infatti, l’agitazione non ha provocato grossi disagi per gli utenti di tram, bus e metro: il servizio finora è stata regolare su tutta la linea, come comunica l’azienda Atm. 

Tuttavia il traffico di auto è stato molto consistente fin dalle prime ore della giornata, tanto che potrebbe – questo sì – causare rallentamenti sulle linee di superficie. Disagi più importanti, avverte Atm, si potranno verificare nella seconda fascia dello sciopero, dalle 18 al termine del servizio. 

Le fasce orarie – La prima fase dello sciopero inizia alle 8.45 e termina alle 15. Salvaguardata, dunque, la fascia di garanzia dalle 5:30 alle 8:29 e dalle 15 alle 17:59. Dalle 18 fino a fine servizio riparte l’agitazione

Mezzi e lineeLo sciopero interesserà le linee Atm: metropolitana, bus e tram.  Possibili disagi anche sulle corse delle linee Agi (201, 220, 222, 230, 328, 423, 431, 433) e Smart Bus in partenza tra le 8.30 e le 14.59 e dopo le 18. Saranno garantite invece le corse in partenza dai capolinea dalle 5.30 alle 8.29 e dalle 15 alle 17.59.

Motivazioni – “Nazionalizzazione dei settori e aziende strategici, della riduzione dell’orario di lavoro per contrastare gli effetti negativi della rivoluzione tecnologica e del superamento dei penalizzanti salari d’ingresso garantendo l’applicazione contrattuale di primo e secondo livello ai neo assunti“, queste le ragioni dello sciopero indicate da Usb. I sindacati di Atm parlando anche di “sicurezza dei lavoratori del servizio, introduzione del reato di omicidio sul lavoro, salario minimo per legge contro la pratica dei contratti atipici e lotta al precariato e a qualunque forma di discriminazione di genere, al razzismo e al sessismo