Morta Irene Cara, la cantante di «What a Feeling» in «Flashdance»: aveva 63 anni


Irene Cara Escalera (New York, 18 marzo1959 – Florida, 25 novembre2022) è stata un’attrice e cantante statunitense, nota per le canzoni Fame, Out here on my own e Flashdance… What a Feeling, grazie alla quale nel 1984 vinse l’Oscar alla migliore canzone.

articolo di Redazione Spettacoli: https://www.corriere.it/spettacoli/22_novembre_26/morta-irene-cara-cantante-what-feeling-flashdance-aveva-63-anni-f7276614-6d73-11ed-b165-fd4b4fe69d6a.shtml

L’artista americana, vincitrice del premio Oscar per la miglior canzone originale nel 1984, si è spenta nella sua casa in Florida

Irene Cara, cantante e attrice americana premio Oscar per il brano «Flashdance…What a feeling», è morta all’età di 63 anni. L’annuncio della morte, avvenuta nella sua casa in Florida, è stato dato dalla sua agente che non ha però fornito dettagli sulle cause del decesso: «È con profonda tristezza che a nome della sua famiglia annuncio la scomparsa di Irene Cara. La famiglia di Irene ha chiesto privacy mentre elaborano il loro dolore. Era un’anima meravigliosamente dotata, la cui eredità vivrà per sempre attraverso la sua musica e i suoi film», ha scritto l’agente in un messaggio pubblicato sui social. continua a leggere

Irene Cara – Fame (Live) – ShoutFactoryVEVO
Irene Cara – “What A Feeling” (1983) – MDA Telethon

Addio al cantante di ‘Legata a un granello di sabbia’


Nico Fidenco, pseudonimo di Domenico Colarossi (Roma, 24 gennaio1933 – Roma, 19 novembre2022), è stato un cantautore e compositore italiano, che conobbe una grande popolarità a partire dal 1960, anno di incisione di What a Sky (in italiano Su nel cielo), tratto dal film di Francesco Maselli I delfini.

https://it.wikipedia.org/wiki/Nico_Fidenco

Dopo What a sky Fidenco incise altri brani in inglese e in italiano tratti da colonne sonore di grandi film di successo come: Just that same old line dal film La ragazza con la valigia con Claudia Cardinale, Il mondo di Suzie Wong dal film omonimo con William Holden che raggiunge la prima posizione in classifica per cinque settimane nel 1961, Exodus, dal film omonimo con Paul Newman, Moon River dal film Colazione da Tiffany con Audrey Hepburn, L’uomo che non sapeva amare dal film omonimo con George Peppard e Una donna nel mondo dal film La donna nel mondo.

In quel periodo oltre alle colonne sonore, incise alcuni grandi successi: Con te sulla spiaggia (seconda classificata a Un disco per l’estate 1964), Se mi perderaiCome nasce un amore, A casa di IreneLa voglia di ballare (finalista a Un disco per l’estate 1965), Goccia di MareNon è veroTutta la gente, ma soprattutto Legata a un granello di sabbia (1961), considerata il primo esempio di tormentone estivo italiano della storia, in quanto rimase prima in classifica per 14 settimane e fu il primo 45 giri a superare in Italia il milione di copie vendute (ne raggiunse addirittura il milione e mezzo), tutti incisi per l’etichetta RCA Italiana.

Nico Fidenco è morto. Addio al cantante di ‘Legata a un granello di sabbia’

articolo della redazione Spettacoli: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2022/11/19/news/nico_fidenco_morto-375198884/

Aveva 89 anni. Ha portato al successo negli anni Sessanta tante canzoni d’amore e poi una seconda vita con le sigle dei cartoni animati

È morto questa notte a Roma, all’età di 89 anni, il cantautore e compositore Nico Fidenco. La notizia è stata confermata all’Adnkronos dalla moglie Annamaria e dalla figlia Guendalina.

Negli anni Sessanta è diventato celebre con canzoni d’amore come Legata a un granello di sabbia Con te sulla spiaggiacontinua a leggere

Addio a Marino Rebeschini, il batterista e cofondatore de Le Orme è morto a 75 anni


articolo: https://www.notizie.it/addio-a-marino-rebeschini-il-batterista-e-cofondatore-de-le-orme-e-morto-a-75-anni/

Marino Rebeschini, 75 anni, ex batterista delle Orme

Il batterista e cofondatore de Le Orme, Marino Rebeschini, è morto all’età di 75 anni dopo aver lottato a lungo contro un tumore.

Il mondo della musica è in lutto dopo aver appreso dell’improvvisa scomparsa di Marino Rebeschini, ex batterista e cofondatore della band Le Orme. Il musicista aveva 75 anni.

Addio a Marino Rebeschini, il batterista e cofondatore de Le Orme è morto a 75 anni – Si è spento nella giornata di mercoledì 2 novembre l’ex batterista e cofondatore della band Le Orme Marino Rebeschini. Alla luce delle informazioni sinora diffuse, il musicista era malato di cancro e aveva lottato a lungo contro la malattia prima di morire all’età di 75 anni.

Rebeshini, nato a Marghera nel 1947, aveva debuttato nel mondo della musica appena ventenne quando ha registrato il suo primo singolo Fiori e Colori, distribuito nel 1967, insieme al gruppo di matrice veneta.

Origine e fondazione della band veneta – Le Orme è stato fondato a Marghera, periferia industriale di Venezia, sulla spinta del chitarrista veneziano Nino Smeraldie del muranese Aldo Tagliapietra, reduce dalla vittoria di un concorso per giovani cantautori e stanco della cover band di stampo anni ’60 con la quale si esibiva. Insieme ai due artisti, c’era anche il bassista Claudio Galieti e il batterista Marino Rebeschini.

In un primo momento, la band aveva deciso di chiamarsi Le Ombre per omaggiare gli inglesi Shadows ma poi avevano ripiegato per Le Orme dato che, in Veneto, era già presente una band con il medesimo nome.

Franco Gatti, morto lo storico componente dei Ricchi e Poveri


articolo di Maria Volpe: https://www.corriere.it/spettacoli/22_ottobre_18/franco-gatti-morto-ricchi-poveri-9049f724-4ebd-11ed-8304-dc6918921d5f.shtml

Franco Gatti

È morto a Genova Franco Gatti, storico componente della band I Ricchi e Poveri: aveva 80 anni

È morto a Genova Franco Gatti, storico componente della band I Ricchi e Poveri: aveva 80 anni. Ad annunciare all’ Ansa la scomparsa di Franco, sono stati i suoi colleghi , insieme alla sua famiglia. «È andato via un pezzo della nostra vita. Ciao Franco». Davvero un pezzo di vita insieme e i quattro, nel 2020, si erano nuovamente saliti sul palco dell’Ariston, a Sanremo, dove si erano esibiti in un medley con alcuni dei loro grandi successi: «L’ultimo amore», «La prima cosa bella» e «Che sarà». Standing ovation del pubblico.

Un amore, quello per i quattro elementi della band che oltrepassa la musica. Il Paese intero ha canticchiato i loro brani e oggi sono tanti a esprimere il proprio cordoglio. Anche la premier in pectore, Giorgia Meloni, ha sentito di dover partecipare al dolore collettivo, scrivendo un tweet: «Se ne va un pezzo di storia della musica italiana, un uomo che ha affrontato con grande dignità le dolorose sfide della vita. ciao, Franco». continua a leggere

I Ricchi e Poveri nel 2020 – Angelo Sotgiu, Marina Occhiena, Angela Brambati, Franco Gatti