Mason Greenwood arrestato, la fidanzata mostra sangue e lividi: «Ecco cosa mi fa»


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/22_gennaio_30/greenwood-fidanzata-mostra-foto-lei-picchiata-ecco-cosa-mi-fa-204528fc-81c9-11ec-9392-c3b5704e9a33.shtml?fbclid=IwAR2qUcm6JXWpvmPAHwZaKTUj3PWX5mtkUghjDk1M-s5gMLV73ld0CJKJgus

L’attaccante del Manchester United è nei guai: Harriet Robson ha pubblicatoscatti col volto insanguinato e segni di lividi sul corpo e sulle cosce. La polizia lo arresta, lo United lo sospende

Sono gravissime le accuse nei confronti di Mason Greenwood, attaccante del Manchester United. La sua fidanzata, Harriet Robson, ha pubblicato delle storie sul proprio profilo Instagram nelle quali si mostra col volto insanguinato e segni visibili di lividi sul corpo e sulle cosce. Con una didascalia: «A tutti coloro che vogliono sapere cosa mi faccia effettivamente Mason Greenwood». E il giocatore domenica è stato arrestato con l’accusa di stupro. La polizia non ha confermato il nome del giocatore ma ha spiegato di essere intervenuta in seguito alla pubblicazione «su social media di immagini e video postati da una donna che riferiva di un incidente di violenza fisica. Un’indagine è stata lanciata e un uomo di una ventina d’anni è stato arrestato con l’accusa di stupro e aggressione».

La ragazza ha infatti anche pubblicato un audio registrato nel corso di quella che sembra un’accesa discussione tra i due. Le immagini di Harriet Robson sono subito diventate virali sul web, che condanna il presunto comportamento del fuoriclasse inglese, che a ottobre compirà 21 anni.

Sabato pomeriggio il Manchester United ha annunciato di aver bandito il giocatore dagli allenamenti «fino a nuovo odine».

In mattinata i Red Devils avevano diffuso una prima nota a proposito del giovane, prodotto del vivaio: «Siamo a conoscenza di immagini e accuse che circolano sui social media. Non faremo ulteriori commenti fino a quando i fatti non saranno stati accertati. Il Manchester United non perdona la violenza di alcun tipo». Poi, l’ulteriore passo. continua a leggere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...