Robinho condannato per stupro: pronto il mandato d’arresto e la richiesta di estradizione dal Brasile


articolo di Giuseppe Guastella: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_gennaio_31/robinho-condannato-stupro-pronto-mandato-d-arresto-richiesta-estradizione-brasile-247a9722-8287-11ec-aab0-830a654a2007.shtml?fbclid=IwAR0p_RYHgJIOo-yz2nDMRF3b3Pkj6_Xp6pFsrAaOdXNtI71bvDXM0Fb8HSQ

L’ex attaccante del Milan è stato condannato in via definitiva, assieme ad un amico, a 9 anni di carcere per violenza sessuale. Se il calciatore dovesse espatriare rischia di essere arrestato immediatamente

Se mai un giorno dovesse tornare in Italia Robinho, al secolo Robson de Souza Santos, rischia di farlo in manette o di vedersele messe ai polsi non appena varcasse i confini della Penisola. La Procura della Repubblica di Milano, infatti, si appresta a chiedere l’estradizione dell’ex centravanti brasiliano del Milan che, riparato in patria da tempo, è stato condannato il 19 gennaio scorso definitivamente dalla Cassazione a 9 anni di carcere per violenza sessuale di gruppo per aver violentato nel 2013 con un amico, anche lui condannato a 9 anni, una ragazza albanese di 23 anni. È certo, però, che il Brasile non acconsentirà all’estradizione perché la Costituzione del paese Sudamericano la vieta per i propri cittadini.

La violenza avvenne in un locale milanese, il Sio Cafè, il 22 gennaio di 9 anni fa. Robinho e il suo amico Ricardo Falco, secondo la sentenza da poco passata in giudicato, con altri quattro uomini mai identificati incontrò la ragazza, che conosceva, nel locale dove lei stava festeggiando il compleanno in compagnia di alcune amiche. Il calciatore uscì per accompagnare a casa la moglie, che era con lui, per tornare poco dopo nel locale dove erano rimasti i suoi amici in compagnia della ragazza. Il pm milanese Stefano Ammendola, nel processo di primi grado sostenne che gli uomini offrirono da bere alla giovane fino a che questa non si ubriacò diventando «incosciente e incapace di opporsi» alla violenza, che avvenne nel guardaroba del locale dove fu trascinata di peso. continua a leggere

Robinho nel 2012 con la maglia del Milan campione d’Italia (Ansa)

FRATELLI DEL MONDO: CON CAICEDO DIVENTANO 50 LE NAZIONI RAPPRESENTATE IN MAGLIA INTER


articolo: https://www.inter.it/it/news/2022/01/31/storia-giocatori-inter-50-nazionalita-differenti.html

FRATELLI DEL MONDO: CON CAICEDO DIVENTANO 50 LE NAZIONI RAPPRESENTATE IN MAGLIA INTER

L’attaccante è il primo ecuadoriano nella storia: hanno vestito il nerazzurro giocatori di 50 paesi diversi

L’arrivo di Felipe Caicedo all’Inter aggiorna una statistica che definisce bene l’internazionalità del Club nerazzurro, uno dei valori che contraddistinguono la società fin dalla sua fondazione e ribaditi anche nel nome. Fratelli e sorelle del mondo. E allora con il benvenuto al primo giocatore ecuadoriano della ultracentenaria storia dell’Inter, ecco che le nazionalità che hanno vestito la maglia dell’Inter diventano 50.

Fino all’arrivo di Caicedo erano 49 le nazioni dei 1054 giocatori che, dal dopoguerra in avanti, sono andati in panchina almeno una volta in una gara ufficiale dell’Inter. Due di loro (Gravillon, Guadalupe; Correia, Guinea B.) non sono mai scesi in campo.

Queste le nazioni e il numero di giocatori che hanno vestito la maglia nerazzurra rappresentando il proprio paese.

  • Albania 1
    Argentina 53
    Austria 5
    Australia 1
    Bosnia Herzegovina  1
    Belgio  9
    Brasile  39
    Svizzera 21
    Costa d’Avorio  4
    Cile  6
    Camerun 3
    Colombia  4
    Germania  8
    Danimarca 4
    Algeria 2
    Spagna  5
    Francia  25
    Regno Unito 3
    Ghana 6
    Guinea  1
    Guadalupe 1
    Grecia  3
    Guinea-Bissau 1
    Honduras  2
    Croazia 7
    Ungheria  4
    Irlanda 3
    Italia  723
    Giappone  1
    Kenya 1
    Marocco 1
    Macedonia 2
    Nigeria 8
    Olanda 11
    Peru  2
    Portogallo 11
    Paraguay  2
    Romania 8
    Serbia  7
    Russia  1
    Svezia  5
    Slovenia  4
    Slovacchia  2
    Sierra Leone  1
    Senegal 3
    Turchia 5
    Uruguay  24
    Jugoslavia  7
    Sud Africa  1


English Version  Versión Española  日本語版  Versi Bahasa Indonesia 

Christian Eriksen ha firmato per il Brentford, la prossima settimana giocherà in Premier League


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/calcio/22_gennaio_31/christian-eriksen-ha-firmato-il-brentford-prossima-settimana-giochera-premier-league-04b19b08-8281-11ec-aab0-830a654a2007.shtml?fbclid=IwAR1R8VP8nGNDWAtR_5BvEQyYy3puHZ86dk8lXNZnoDkDVkeLMFG4NrtTprE

Il contratto è di 6 mesi. Il giocatore danese torna in campo dopo l’arresto cardiaco, subito nel giugno scorso durante la partita Danimarca Finlandia ad Euro 2020

La vita sportiva di Christian Eriksen riparte dall’Inghilterra, dalla Premier League. Adesso è ufficiale: il centrocampista danese, ex Inter, è un giocatore del Brentford. È arrivata la firma, 233 giorni dopo l’arresto cardiaco, allo stadio di Copenaghen, in Danimarca-Finlandia del 12 giugno scorso (fase a gironi degli Europei), che per lunghi, lunghissimi istanti aveva fatto temere il peggio. continua a leggere

Brentford Football Club

Christian Eriksen SIGNS for Brentford 🇩🇰
12 giugno 2021 Malore in campo per Christian Eriksen

Mason Greenwood arrestato, la fidanzata mostra sangue e lividi: «Ecco cosa mi fa»


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/22_gennaio_30/greenwood-fidanzata-mostra-foto-lei-picchiata-ecco-cosa-mi-fa-204528fc-81c9-11ec-9392-c3b5704e9a33.shtml?fbclid=IwAR2qUcm6JXWpvmPAHwZaKTUj3PWX5mtkUghjDk1M-s5gMLV73ld0CJKJgus

L’attaccante del Manchester United è nei guai: Harriet Robson ha pubblicatoscatti col volto insanguinato e segni di lividi sul corpo e sulle cosce. La polizia lo arresta, lo United lo sospende

Sono gravissime le accuse nei confronti di Mason Greenwood, attaccante del Manchester United. La sua fidanzata, Harriet Robson, ha pubblicato delle storie sul proprio profilo Instagram nelle quali si mostra col volto insanguinato e segni visibili di lividi sul corpo e sulle cosce. Con una didascalia: «A tutti coloro che vogliono sapere cosa mi faccia effettivamente Mason Greenwood». E il giocatore domenica è stato arrestato con l’accusa di stupro. La polizia non ha confermato il nome del giocatore ma ha spiegato di essere intervenuta in seguito alla pubblicazione «su social media di immagini e video postati da una donna che riferiva di un incidente di violenza fisica. Un’indagine è stata lanciata e un uomo di una ventina d’anni è stato arrestato con l’accusa di stupro e aggressione».

La ragazza ha infatti anche pubblicato un audio registrato nel corso di quella che sembra un’accesa discussione tra i due. Le immagini di Harriet Robson sono subito diventate virali sul web, che condanna il presunto comportamento del fuoriclasse inglese, che a ottobre compirà 21 anni.

Sabato pomeriggio il Manchester United ha annunciato di aver bandito il giocatore dagli allenamenti «fino a nuovo odine».

In mattinata i Red Devils avevano diffuso una prima nota a proposito del giovane, prodotto del vivaio: «Siamo a conoscenza di immagini e accuse che circolano sui social media. Non faremo ulteriori commenti fino a quando i fatti non saranno stati accertati. Il Manchester United non perdona la violenza di alcun tipo». Poi, l’ulteriore passo. continua a leggere