Latina, focolaio Covid in un camping a Fondi: 9 contagi. Parte lo screening su 560 persone


articolo: https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/21_luglio_28/covid-focolaio-un-camping-fondi-9-contagi-parte-screening-560-persone-9709c558-ef6e-11eb-9f04-73cbb9ab1451.shtml

Si tratta di 500 ospiti e 60 operatori che collaborano con la struttura ricettiva del comune rivierasco. In zona difficile far rispettare le ordinane anti assembramenti

Indici di contagio in crescita nei comuni rivieraschi della provincia di Latina. Individuato nel sud pontino un focolaio presso un camping nel comune di Fondi. La struttura affacciata sul mare conta i primi nove contagiati, con una velocità di diffusione che fa pensare alla temuta variante Delta.

La Asl di Latina ha disposto nella giornata di oggi, mercoledì 28 luglio, lo screening di massa sui circa 500 ospiti e 60 collaboratori della struttura: le persone positive al tampone rapido saranno subito sottoposte al molecolare. Cresce il timore per l’aumento dei contagi anche in considerazione del mancato rispetto delle ordinanze anti assembramento (e per l’uso delle mascherine) emanate in particolare a San Felice Circeo e Ponza, località gettonatissime dai giovani i cui comportamenti appaiono difficili da contenere. continua a leggere

Serie B, ecco il Var: si parte dalla prima giornata 2021-22


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-b/2021/07/27/news/serie_b_arriva_il_var_anche_nel_campionato_cadetto_si_parte_dalla_prima_giornata_2021-22-312007274/

Il segretario generale della Figc, Marco Brunelli, ha annunciato in Consiglio Federale che è stata completata la formazione degli arbitri Var e Avar per attivare la tecnologia: approvata all’unanimità la delibera che certifica l’utilizzo delle immagini a sostegno dei direttori di gara nella stagione che sta per cominciare 


ROMA – 
 Tanto tuonò che piovve: la svolta tecnologica, sicuramente molto attesa dai club in primis, arriva finalmente anche per il campionato di Serie B. Via libera ufficiale, dunque, all’introduzione della tecnologia a supporto della componente arbitrale nel campionato cadetto a partire dalla prima giornata della stagione 2021/2022. Ad affermarlo è il segretario generale della Figc, Marco Brunelli, che nella sua informativa ai componenti del Consiglio Federale ha annunciato che è stata completata la formazione degli arbitri Var e Avar per attivare la tecnologia anche nel campionato di Serie B. Di conseguenza, il Consiglio odierno ha approvato all’unanimità la delibera che certifica l’utilizzo del Var dalla prima giornata della stagione 2021-22.

Positivo Alaba, al Real Madrid è allarme Covid


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/07/28/news/altro_caso_covid_al_real_madrid_positivo_il_neo-acquisto_alaba-312104370/

Dopo Benzema, che non ha ancora raggiunto il ritiro ed è in isolamento a Lione, Carlo Ancelotti perde anche il centrale austriaco che, però, aveva già iniziato ad allenarsi con la squadra.

David Olatukunbo Alaba (Vienna, 24 giugno 1992) è un calciatore austriaco, difensore o centrocampista del Real Madrid e della nazionale austriaca

MADRID – Dopo Karim Benzema, in isolamento a Lione, un altro caso covid colpisce il Real Madrid: David Alaba, arrivato questa estate a parametro zero dal Bayern Monaco, è risultato positivo al tampone. Se, però, il nazionale francese non si era ancora unito alla squadra dopo l’Europeo, il difensore austriaco di 29 anni ha già avuto modo di allenarsi con la squadra allenata da Carlo Ancelotti.

Alaba in isolamento – Secondo la ricostruzione di Marca, però, questa mattina Alaba non ha preso parte all’allenamento con il resto della squadra ed è stato accompagnato in ospedale per un tampone molecolare, poiché quello effettuato al centro sportivo di Valdebebas aveva dato un risultato dubbio. Il test ha confermato che il giocatore ha il Covid e ora trascorrerà il periodo di isolamento in hotel. Difficilmente Carlo Ancelotti potrà contare sul centrale in vista dell’amichevole contro il Milan dell’8 agosto, valida per l’European Summer Tour.

La sorella di Cristiano Ronaldo ha il Covid: è in ospedale


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/2021/07/27/news/sorella_ronaldo_positiva_covid_ospedale-312017374/


La sorella di Cristiano Ronaldo, Katia Aveiro, è in ospedale per il Covid. Positiva al Covid dallo scorso 17 luglio, è ricoverata da venerdì scorso. A renderlo noto è lei stessa, su Instagram, “per rispetto verso chi mi segue – scrive – e si prende cura di me e dei miei. A causa del maledetto virus mi è venuta la polmonite e sono stata ricoverata“. Si trova all’ospedale di Funchal, capitale dell’arcipelago di Madeira, Portogallo.

Sto reagendo bene, ho miglioramenti visibili ogni giorno che passa“, aggiunge invitando i suoi followers a prendersi cura di loro: “vitamine, gioia, pace e voglia di vivere – conclude – il sistema immunitario ringrazia e previene tanto“.

Serie A, su Tim e Dazn nessun procedimento Antitrust: il campionato di calcio partirà regolarmente


articolo: https://www.corriere.it/economia/consumi/21_luglio_28/serie-a-tim-dazn-nessun-procedimento-antitrust-campionato-calcio-partira-regolarmente-b46ce382-ef6e-11eb-9f04-73cbb9ab1451.shtml

La risposta data da Tim e Dazn all’Antitrust che contiene alcune misure soddisfa l’Antitrust: il campionato di calcio di Serie A partirà regolarmente. La mattina del 28 luglio L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha pubblicato il comunicato in merito al procedimento cautelare relativo ad alcune clausole dell’accordo fra l’ex monopolista e la società britannica che si è aggiudicata i diritti televisivi che ha tenuto con il fiato sospeso non soltanto le società interessate (Tim, Dazn, Sky e gli altri gruppi delle Tlc) ma anche milioni di tifosi. «Alla luce delle misure presentate dai due operatori – si legge – allo stato non sussistono elementi per intervenire. Tali misure mirano, nel loro complesso, ad evitare possibili discriminazioni nella fruizione del servizio Dazn riconducibili all’attivazione del servizio da parte di utenti che utilizzano servizi di connessione internet diversi da quelli offerti da Tim».

Il digitale terrestre in caso di problemi di connessione – «Al riguardo – prosegue la nota – le parti hanno rappresentato che sin dal 1° agosto sarà possibile disporre dei contenuti Dazn con TIMVision senza la necessità di dover sottoscrivere un abbonamento con Tim. Oltre a conservare una piena libertà nell’applicare sconti e promozioni, Dazn si è impegnata a fornire servizi per la visione sul digitale terrestre delle partite in caso di problemi di connessione. Più in generale, l’assegnatario dei diritti per la visione di tutte le partite del campionato di calcio di Serie A ha garantito la fruizione del servizio a tutti gli utenti che hanno installato l’App Dazn, a prescindere dall’operatore di riferimento, attraverso apposite iniziative tecniche di interconnessione con gli operatori di rete, ponendo in essere i necessari investimenti infrastrutturali. L’Antitrust ha quindi chiuso il procedimento cautelare, ritenendo che le iniziative e le modifiche all’accordo da parte di Tim e di Dazn siano idonee, allo stato, a impedire che durante il procedimento di accertamento si produca un danno grave e irreparabile per la concorrenza. Allo stesso tempo l’Autorità giudica le misure adeguate a garantire, in vista dell’inizio del campionato di Serie A, che i consumatori finali abbiano la libertà di scegliere fra le diverse alternative disponibili e si possano assicurare la migliore qualità del servizio.

L’app per i controlli sul Green Pass: come avere VerificaC19, come funziona, quali sono le multe


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/07/26/news/green_pass_obbligatorio_al_chiuso_in_italia_come_averlo_come_funziona_l_app_per_verificarlo_quali_sono_le_multe-311823798/

L’applicazione si può scaricare regolarmente dagli Store di Apple e Google. Ma potranno usarla solo le forze dell’ordine e i cosiddetti soggetti verificatori e solo per consentire l’accesso a eventi, manifestazioni, locali


Dal 6 agosto il cosiddetto Certificato Verde diventa obbligatorio anche in Italia per l’accesso ad alcune attività commerciali al chiuso (come ristoranti, musei, teatri, cinema e così via) e dallo stesso giorno scattano anche i controlli.

Come funziona l’app per le verifiche
I controlli saranno effettuati attraverso la app VerificaC19 (qui i link per scaricarla per iOS e Android), sviluppata dal ministero della Salute attraverso Sogei: consente di leggere il Qr Code del Green Pass e ne mostra l’effettiva autenticità e validità, insieme con nome, cognome e data di nascita dell’intestatario.

Il processo di verifica si articola in 3 fasi:

  • il verificatore richiede la Certificazione all’interessato, che la mostra in formato digitale (attraverso le app Immuni o IO o anche solo come foto) oppure cartaceo;
  • l’app legge il Qr Code, ne estrae le informazioni e procede con il controllo di autenticità attraverso la verifica della firma digitale;
  • al termine del processo, l’app mostra graficamente al verificatore l’autenticità validità della Certificazione.

Eventualmente, il verificatore può chiedere un documento di identità alla persona controllata per accertare la corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall’app; tutti i dati sensibili contenuti nel Green Pass non vengono memorizzati dall’app VerificaC19 per rispetto della privacy. 

Chi farà i controlli
L’app può essere utilizzata solo dai cosiddetti soggetti verificatori, cioè da chi “è deputato al controllo delle Certificazioni Verdi Covid-19”, che sono le persone che “erogano servizi per fruire dei quali è prescritto il possesso del Green Pass” e “gli organizzatori di eventi e attività per partecipare ai quali è prescritto il possesso della medesima certificazione”. In parole povere, per esempio: se si vuole cenare in all’interno in un ristorante, sarà il personale del ristorante a potere (e dovere) controllare il Green Pass. Ovviamente, queste verifiche possono essere fatte anche dalle Forze dell’ordine. 

Come si ottiene il Green Pass – Il Green Pass si può avere 15 giorni dopo la prima dose di vaccino (in questo caso è valido sino alla seconda), dopo la seconda dose di vaccino (resta valido 9 mesi), con il certificato di guarigione dalla Covid-19 (resta valido 6 mesi) oppure anche con l’esito negativo di un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti. La procedura prevede che quando il Qr Code abbinato al Green Pass è pronto, la persona riceva via mail o con un sms un codice per scaricarlo: va inserito, insieme con i dati della tessera sanitaria, sull’app Immuni (al cui interno verrà conservato) oppure in questa pagina, da dove si può eventualmente stampare.
Che cosa succede in caso di violazioni – Le multe per chi non rispetta l’obbligo di avere (e verificare) il Green Pass vanno da 400 a 1000 euro e sono sia per l’esercente sia per il cliente; inoltre, se la violazione viene ripetuta per 3 volte in 3 giorni diversi, l’esercizio commerciale rischia la chiusura da 1 a 10 giorni.

A chi non è richiesto il Green Pass e dove non serve – Al momento la Certificazione Verde non è necessaria pechi ha meno di 12 anni, che può entrare ovunque, anche perché per ora questa fascia d’età è esclusa dalle vaccinazioni; nel testo del decreto è in effetti chiarito che gli obblighi sul Green Pass “non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale”. Inoltre, esclusione anche per “i soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del ministero della Salute”: chi non può essere sottoposto a vaccinazione non è dunque obbligato a mostrare il Green Pass.

Al momento, il documento non serve nei negozi (tutti, compresi supermercati e farmacie) e nemmeno nei ristoranti e nei bar all’aperto (nei bar, nemmeno al bancone) e per salire su treni, autobus, tram e metropolitana.

Urgnano: incendio alla GioStyle, alta colonna di fumo


articolo: https://video.corriere.it/bergamo/uragano-incendio-giostyle-alta-colonna-fumo/201b602a-eeb8-11eb-b948-65ef1640acca?vclk=video3CHP%7Curagano-incendio-giostyle-alta-colonna-fumo

CAPANNONE IN FIAMME A URGNANO

Urgnao (Bergamo), 27 luglio 2021 – I vigili del fuoco intervengono per spegnere il vasto incendio che questa mattina (27 luglio) si è sprigionato alla GioStyle di Urgnano, azienda che produce componenti in plastica.

Più Valli TvUn grosso incendio è scoppiato questa mattina, martedì 27 luglio, all’interno del capannone della ditta di materie plastiche «GiòStyle» di Urgnano. Ingenti i danni. La colonna di fumo nero è stata visibile da chilometri di distanza. Arpa e vigili del fuoco hanno precisato che non sussistono rischi per l’ambiente