Tragedia sul Mottarone, ha un malore sul luogo dell’incidente: muore operatore televisivo. “Addio Nicola, un professionista di grande umanità”


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/05/25/news/incidente_mottarone_morto_giornalista-302696398/

Nicola Pontoriero, 52 anni, era di Sesto San Giovanni e stava lavorando per Mediaset

Nicola Pontoriero, 52 anni, era di Sesto San Giovanni e stava lavorando per Mediaset

Un’altra tragedia nello stesso luogo dove è precipitata la cabina della funivia del Mottarone. Nicola Pontoriero, giornalista freelance, di 52 anni, residente a Sesto San Giovanni è morto per un malore mentre si trovava sui sentieri che portano sul luogo del disastro. Lavorava come operatore televisivo. Secondo il soccorso alpino si tratterebbe di un arresto cardiaco, sono stati inutili i tentativi di rianimarlo.

Una notizia terribile che tocca la nostra città, una tragedia nella tragedia che ci lascia senza parole“: così Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni, ha commentato sulla propria pagina Facebook la morte di Pontoriero.

Il 52enne, freelance originario di Rombiolo (in provincia di Vibo Valentia), stava lavorando per un service esterno al gruppo Mediaset. Nonostante sia stato immediatamente soccorso, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili.

Tutta la città si stringe attorno alla famiglia di Nicola, ai suoi amici e ai suoi cari in questo momento di lutto” continua il post del sindaco, che ha già raccolto decine di commenti di cordoglio. “Sesto perde una brava persona e un ottimo professionista” è uno dei messaggi di chi lo conosceva e un ex vicino di casa affida a Facebook le proprie condoglianze “ai familiari, al fratello Franco e a tutti gli amici e colleghi che lo hanno conosciuto“.

Ha voluto ricordarlo anche GVPress, l’Associazione italiana giornalisti e videomaker, che sui social sottolinea: “Tutti i colleghi che hanno lavorato con lui in questi anni lo ricordano per la sua gentilezza e professionalità“.

Dopo le 14 vittime del terribile incidente di domenica scorsa, questa ennesima morte sul Mottarone sta suscitando un’ulteriore ondata di dolore e incredulità: “È davvero una tragedia senza fine” ha scritto qualcuno nel gruppo Facebook che raccoglie gli abitanti di Sesto San Giovanni e c’è anche chi si domanda “come si fa a non invocare Dio e a chiedergli il perché di tutta questa sofferenza?“.

Chi lo conosceva lo ricorda come “un carissimo amico, bravo professionista e di grande umanità“, ma anche chi non l’aveva mai incontrato è rimasto sconvolto dalla notizia: “È morto mentre svolgeva il suo lavoro, al servizio dell’informazione e dei cittadini” si legge in uno dei numerosi messaggi sul web e non manca chi ringrazia Nicola Pontoriero perché “stavi andando lassù per informarci e là hai perso la vita“.

Fiorentina-Gattuso, è ufficiale


articolo: https://firenze.repubblica.it/sport/2021/05/25/news/fiorentina_incontro_in_corso_con_gattuso_l_accordo_sembra_vicino-302738478/

La società viola ha anticipato la Lazio. Al tecnico ex Napoli un contratto di 2 anni con opzione sul terzo

Gennaro Gattuso, detto Rino (Corigliano Calabro, 9 gennaio 1978), è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Napoli, campione del mondo con la nazionale italiana nel 2006. Dal 1º luglio 2021 sarà il nuovo tecnico della Fiorentina

E’ ufficiale, Gennaro Gattuso è il nuovo allenatore ella Fiorentina. Accordo trovato per un contratto biennale (con opzione sul terzo anno) da 2,5 milioni l’anno. Tra la società e il tecnico ampie convergenze sullo staff tecnico e anche sul progetto. Commisso, a quanto pare, ha giocato di anticipo e ha bruciato la Lazio, che dopo la chiusura del campionato voleva puntare proprio sull’ex allenatore del Napoli. Ma la società viola ha stretto i tempi e ha chiuso l’accordo.

Gattuso è sempre stato il primo nome nella lista del club viola. Dopo la delusione di domenica sera e il mancato ingresso in Champions con il Napoli, Gattuso si era preso un giorno per scaricare rabbia e delusione. La Fiorentina ha atteso la sua risposta consapevole dell’interesse anche della Lazio. E questa voglia di aspettare il tecnico in uscita dal Napoli, avrebbe favorevolmente colpito Gattuso, intenzionato a dire sì dopo il pressing degli uomini di Commisso. L’alternativa in piedi è (o forse era) Paulo Fonseca, il tecnico portoghese che al triplice fischio finale della sua ultima gara con la Roma, a precisa domanda su un incontro in settimana coi viola, ha risposto sorridendo “non posso dire niente“.

Gattuso ha già allenato in Toscana. Per la precisione, il Pisa dal 2015 al 2017. Al momento dei saluti, dopo una retrocessione dalla Serie B alla Lega Pro scrisse una lettera per salutare i tifosi: “Giorno dopo giorno l’emozione che questa città ha saputo regalarmi si è alimentata del calore, dei sorriso e dell’affetto che ognuno ha saputo trasmettermi. Grazie Pisa, grazie a tutti i tifosi, mi sono sentito amato. E non lo dimenticherò mai“.