Archivi del giorno: 5 maggio 2021

Scandalo arbitri, ecco le telefonate che accusano Morganti: “Mi avete cambiato il voto, perché?”


articolo: https://roma.repubblica.it/cronaca/2021/05/05/news/scandalo_arbitri_ecco_le_telefonate_che_accusano_morganti_mi_avete_cambiato_il_voto_perche_-299492824/?ref=RHTP-BH-I293269148-P1-S3-T1

Gli audio di una telefonata tra Riccardo Di Fiore, ex osservatore arbitrale della Serie B  e Emidio Morganti, ex responsabile dell’organo tecnico della Commissione arbitrale nazionale Serie B svelano come la classe arbitrale italiana sia tenuta sotto scacco da un sistema opaco che ne regola carriere e avanzamenti

Ecco la prova della manina che cambia i referti arbitrali. Dopo le chat rivelate da Repubblica che dimostrano come la classe arbitrale italiana sia tenuta sotto scacco da un sistema opaco che ne regola carriere e avanzamenti, l’inchiesta prosegue. Pubblichiamo gli audio di una telefonata tra Riccardo Di Fiore, ex osservatore arbitrale della Serie B  e Emidio Morganti, ex responsabile dell’organo tecnico della Commissione arbitrale nazionale Serie B. L’oggetto è la partita Spezia-Chievo dell’11 agosto 2020, valida per i playoff.

Di Fiore è stato mandato a seguirla. Ad arbitrare è Eugenio Abbattista. Alla fine Di Fiore valuta la prestazione di Abbattista da 8.60. Ma qualcuno a Roma cambia il suo referto, e quell’8.60 diventa 8.70, il massimo della valutazione. Grazie a quel giudizio Abbattista è rimasto anche per questa stagione in Serie B, quando invece avrebbe dovuto essere dismesso. Il fatto è stato svelato da Repubblica.

Di Fiore, appresa la notizia del suo referto cambiato, chiama Emidio Morganti, che allora era il responsabile delle valutazioni della Serie B. Di Fiore è sconcertato, non capisce cosa sia successo. E Morganti non sa cosa rispondere, si rifugia in un “ma non ti ricordi cosa avevamo detto?”, respinto però da Di Fiore: “No, non mi ricordo. Io ho dato 8.60, e mi ritrovo nel mio referto un 8.70”.

Di Fiore non mente. Agli atti del processo sportivo e all’attenzione della procura di Roma c’è quel referto, che qui pubblichiamo. Come si vede, nel documento che porta la firma di Di Fiore c’è un 8.70 che lui non ha mai messo.

Mancosu operato di tumore: «Ho visto il terrore negli occhi di chi amo»….


Mancosu operato di tumore: «Ho visto il terrore negli occhi di chi amo». Dopo un mese è già in campo

articolo: https://www.corriere.it/sport/21_maggio_05/marco-mancosu-operato-tumore-un-mese-gia-tornato-campo-4b0e5520-adaa-11eb-a291-9e846c3a1f8f.shtml?fbclid=IwAR1oQWKPu_f5bjNRLXRZXcWDB59rMf_YhF1lAaUHnWAlUwQxh20kEefHgM8

Il capitano del Lecce ha raccontato la sua storia su Instagram dopo essere tornato a giocare con il Cittadella, ma per ora ha saltato la chemioterapia

Un discorso diretto. A cuore aperto. Verso i propri tifosi ma anche a tutti quelli che pur non interessandosi di calcio sono però stati colpiti in qualche modo da una delle malattie più terribili: il cancro. Così il capitano del Lecce, Marco Mancosu, 32 anni, su Instagram ha raccontato la sua esperienza: «Mi sono operato il 26 marzo. Di tumore. Ho visto un mondo che non avrei mai pensato di conoscere, ho visto il terrore negli occhi delle persone che amo, ho visto il terrore e la preoccupazione di mia moglie che per lo stesso motivo ha perso il padre quest’estate, ho avuto la paura di non poter crescere mia figlia, ho fatto esami nei migliori centri italiani, con a fianco gente che ad oggi non so nemmeno se sia viva, se sia riuscita a superare la propria malattia. Là, in quella sala d’aspetto non ci sono ragioni sociali, non conta se sei un avvocato, un calciatore, un presidente o un normalissimo impiegato, là siamo tutti uguali, tutti alle prese con qualcosa che non possiamo controllare».

Ritorno in campo – Il giocatore dei salentini ha saltato quattro partite ad aprile dopo essersi sottoposto a un intervento chirurgico, lo scorso weekend è tornato in campo contro il Cittadella e oggi ha fatto chiarezza sulle sue condizioni. «I medici mi hanno detto che la mia stagione era finita e che dovevo pensare all’anno prossimo, dopo due settimane ero in campo a correre. Dopo un mese sarei dovuto tornare a Milano per sapere se dovessi fare la chemio o meno, non ci sono ancora andato perché voglio fare la cosa che amo di più al mondo, giocare a calcio, poi si vedrà a fine campionato. Io ho già vinto», ha aggiunto il giocatore giallorosso.

Napoli, doppia mazzata in difesa: Koulibaly ko, Maksimovic positivo al Covid


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/napoli/2021/05/04/news/koulibaly_infortunio-299367049/

Il difensore senegalese, infortunatosi nel corso della partita con il Cagliari, ha riportato una distrazione di primo grado del gastrocnemio mediale della gamba destra. Gattuso spera di recuperarlo per il match contro la Fiorentina. Il serbo in isolamento

Doppia mazzata in difesa per il Napoli. In un colpo solo Gattuso perde due giocatori nel reparto arretrato alla vigilia dello sprint finale per la Champions. Koulibaly si ferma per infortunio, Maksimovic per il Covid.

Koulibaly salta Spezia e Udinese – Gattuso dovrà fare a meno di Kalidou Koulibaly nelle prossime partite. Il difensore senegalese, infortunatosi domenica nel corso della sfida con il Cagliari (è rimasto in campo perché Gattuso aveva esaurito i cambi) si è sottoposto ad esami che hanno evidenziato una distrazione di primo grado del gastrocnemio mediale della gamba destra. Koulibaly salterà sicuramente la sfida di sabato prossimo contro Spezia e quella dell’11 maggio in casa con l’Udinese. Gattuso potrebbe recuperarlo per il match della penultima giornata contro la Fiorentina in programma il 16 maggio.

Nikola Maksimovic

Maksimovic positivo – La brutta notizia arriva nel pomeriggio quando il club ha comunicato l’esito del nuovo ciclo di tamponi e la positività di Nikola Maksimovic. “Il calciatore – fa sapere il club – è asintomatico e osserverà il periodo di isolamento presso il proprio domicilio