Archivi del mese: agosto 2020

Atalanta, tre giocatori positivi al Covid


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/atalanta/2020/08/31/news/tre_positivi_al_coronavirus-265908322/

Oggi i nerazzurri si radunano. La società non ha specificato di chi si tratta, precisando però che tutti i casi sono asintomatici.

BERGAMO – Tre casi di Coronavirus nell’Atalanta alla ripresa dell’attività col raduno di oggi. Ad annunciarlo la società stessa sul sito, senza però rendere nota l’identità dei propri tesserati: “Atalanta comunica che nei test anti-covid, eseguiti in settimana in previsione della ripresa della attività della Prima Squadra, sono stati riscontrati tre casi di positività al tampone – si legge – I calciatori in questione sono asintomatici, già in isolamento fiduciario e sotto il controllo dell’ATS

Venezia 77 riaccende il cinema: autori e storie per rivedere il mondo


articolo: https://www.repubblica.it/dossier/spettacoli/venezia-2020/2020/08/30/news/venezia_77_apertura-265842806/

Imponenti misure sanitarie e nuovo assetto per la Mostra che apre i battenti il 2 settembre con ‘Lacci’ di Daniele Luchetti
Venezia 77, la Mostra che s’apre il 2 settembre, è per certi versi molto più organizzata del solito e molto più in alto mare. Il nuovo assetto e le misure sanitarie sono imponenti e imposte dai numeri del Covid. Tra gli accreditati in partenza c’è un po’ di incertezza. Si è buttato, tutti, il cuore oltre l’ostacolo e ora è il tempo di fare le valigie, riempiendole di mascherine, gel e guanti. Roberto Cicutto e Alberto Barbera, il presidente e il direttore, dicono che quest’edizione è all’insegna del coraggio e della ripartenza. Perciò bisogna fare di tutto perché questo momento cui guarda il mondo del cinema non sia una (ri)partenza falsa. Anche perché gli esercenti – rinfrancati dalla tenuta di Tenet – aspettano i nuovi titoli, specie degli autori italiani che copiosi arrivano al Lido, in concorso o sparsi in altre sezioni.
Sui social traspare un po’ di nervosismo: qualche fotografo s’allarma per quella sorta di muro issato davanti alla passerella, Barbera spiega che quella struttura serve per permettere ai fotografi di lavorare in sicurezza. Il pubblico quest’anno dietro le transenne non pervenuto, a evitare la quintessenza dell’assembramento, ma in sala ci sarà. continua a leggere
venezia-77-coronavirus-1280x720

Spot della 77^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Cesano Boscone. Lunedì 31 agosto 2020 – apre l’ipermercato Bennet


Cesano Boscone. Lunedì (31 agosto 2020) apre l’ipermercato Bennet: ecco le novità e cosa cambia

P1110696.jpg

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 30 agosto 2020 – Come abbiamo scritto e anticipato nei giorni scorsi, domani, lunedì, 31 agosto, l’ex ipermercato Auchan di Cesano Boscone diventa un ipermercato Bennet. Totalmente rinnovato nell’offerta, ampia e diversificata, il negozio ubicato sulla SS 494 Nuova Vigevanese si prepara, con i suoi 89 dipendenti, ad accogliere nuovamente il pubblico sotto l’insegna Bennet.

La superficie è stata oggetto di un primo intervento di restyling interno, che ha rimodulato i 5.580 metri quadri secondo il concetto tipico di Bennet: un modello commerciale focalizzato sui prodotti freschi, su una nuova visione distintiva del non alimentare e su una forte integrazione con il digitale e l’omnicanalità.
Il fresco, punto di forza riconosciuto dell’insegna grazie al know-how specifico nella produzione e nella lavorazione di questi prodotti, si contraddistingue anche nella linea Filiera Valore Bennet, una linea che garantisce al consumatore finale il controllo puntuale e rigoroso dell’intera filiera, dall’origine allo scaffale. Completano l’offerta una vasta gamma di prodotti 100% italiani, biologici – tra cui una linea di prodotti ecologici per la detergenza -, salutistici, vegani e vegetariani a marchio Bennet, a cui si affiancano i diversi reparti macelleria, pescheria e panetteria. continua a leggere

 

Maltempo: il Nord in ginocchio.


Esondano l’Isarco e l’Adige. Chiusa l’Autobrennero tra S.Michele e Bolzano

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/30/isarco-esondato-a-chiusa-ed-egna_5a9fa496-f678-4c75-b582-360220cafb63.html

Evacuazioni in corso. Nubifragi, grandinate e forti raffiche di vento in tutto il Nord

Il maltempo continua a flagellare tutto il Nord Italia causando quella che il presidente del Veneto Luca Zaia ha definito una vera e propria “devastazione“, in cui si iniziano a contare oltre ai danni anche le prime vittime. Una situazione aggravata dal controesodo, in particolare in Trentino Alto Adige dove per l’esondazione dell’Adige ad Egna nel pomeriggio l’autostrada del Brennero è stata chiusa in entrambe le direzioni tra Bolzano e S.Michele. Chiusa anche la linea ferroviaria del Brennero. Fra Malè e Trento, all’altezza di Cles, uno smottamento ha investito i binari, sfiorando un treno. Per l’esondazione dell’Isarco la protezione civile ha invitato gli abitanti di Chiusa a non andare in strada e a rifugiarsi nei piani alti delle abitazioni, mentre ad Egna alcune famiglie sono state evacuate. Ed è anche allerta per il fiume Sarca in Trentino.

Maltempo, fiume Adige esondato ad Egna: evacuazioni in corso – E’ una sorta di bollettino di guerra che elenca piogge, grandine, allagamenti e smottamenti in tutto il Settentrione quello del giorno del rientro dalle vacanze in cui le precipitazioni hanno creato code e rallentamenti un po’ ovunque. Il presidente Zaia questa mattina, durante un sopralluogo nel Vicentino, la zona del Veneto colpita maggiormente con 150 case danneggiate nel solo Comune di Arzignano, ha annunciato di voler estendere lo stato di emergenza già deciso nei giorni scorsi per il Veronese. “Ancora una volta siamo in ginocchio per il maltempo” ha detto, chiedendo “risposte in tempi celerissimi” a Roma. Il premier Giuseppe Conte, a quanto si apprende, ha appena sentito il governatore del Veneto Luca Zaia e il sindaco di Verona Federico Sboarina, oltre al capo della Protezione Civile Borrelli. Il premier ha espresso massima vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite dal maltempo e in merito alla richiesta di stato d’emergenza avanzata dalla Regione Veneto si è detto disponibile, non appena arriverà la relazione integrativa, ad avviare istruttoria con la Protezione Civile per la valutazione, sia per la grandine dei giorni scorsi sia per il maltempo di oggi. continua a leggere

Maltempo, Adige e Isarco esondati: chiuso un tratto dell’Autobrennero

Settimo Milanese. Incendio in capannone di via Flaming a Seguro


articolo: https://www.mi-lorenteggio.com/2020/08/30/settimo-milanese-incendio-in-capannone-di-via-flaming-a-seguro/115994/

(mi-lorenteggio.com) Settimo Milanese, 30 agosto 2020  – Questa sera, intorno alle ore 21.15, in un capannone di un’azienda in via Flaming, 3, nella frazione di Seguro, per cause in fase di accertamento, è scoppiato un incendio. Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco, che hanno già attivato tutte le procedure di messa in sicurezza dell’area, per domare l’incendio, che sarebbe già stato circoscritto. Sul posto c’è anche in ausilio un’ambulanza della Croce Verde Baggio. Mentre, nella zona un forte odore di bruciato ha raggiunto il quartiere di Muggiano, di Baggio e Cesano Boscone.

https://www.facebook.com/simonenegrisindacocesanoboscone

118556047_2407682216208102_1784718732627835621_o

Mauritius, disastro ambientale: continuano a morire delfini, e anche due balene


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/08/29/news/mauritius_disastro_ambientale_muoiono_39_delfini_e_due_balene-265758444/

Dal 25 luglio, data in cui si è arenato il cargo giapponese davanti alla costa dell’isola, sono già morti 41 cetacei avvelenati dalla “marea nera” fuoriuscita

PORT LOUIS – Trentanove delfini e due balene sono morti spiaggiandosi sulle spiagge di Mauritius. Gli attivisti ambientali sostengono che le morti sono state causate dalla fuoriuscita di greggio dalla nave di proprietà giapponese o dalle scelte sbagliate, secondo quanto riportano, delle autorità che hanno deciso di affondare una parte della nave spezzata.  continua a leggere

download

25 luglio 2020 cosa e successo? premi il link qui sotto

https://alessandro54.com/2020/08/09/disastro-ambientale-a-mauritius-tonnellate-di-carburante-in-mare-da-nave-cisterna-arenata/

Fiamme intorno a Palermo, la sindaca di Altofonte: “Abbandonate le case”


articolo: https://palermo.repubblica.it/cronaca/2020/08/30/news/fiamme_intorno_a_palermo_fuga_dalle_case_di_altofonte-265804543/?ref=RHPPTP-BH-I265775316-C12-P3-S1.8-T1

Cinque diversi focolai hanno scatenato un incendio che assedia il paese alle porte della città. Nella notte lo sgombero di parte del centro abitato. I vigili del fuoco: roghi di origine dolosa

Incendio-Altofonte-6

Le fiamme sono entrate in paese ad Altofonte: il fronte del fuoco, lungo oltre due chilometri, ha avvolto le prime abitazioni nella parte più alta del comune a dieci chilometri da Palermo. Più della metà degli abitanti è stata evacuata e in attesa che fra qualche ora, alle 6 per la precisione, entrino in funzione i canadair e gli elicotteri della forestale, ci sono quattro squadre più tre autobotti dei vigili del fuoco di Palermo che stanno cercando di contenere l’incendio, scoppiato intorno alle 22. A supporto dei pompieri del comando provinciale di Palermo stanno arrivando sul posto squadre e autobotti da Enna, Agrigento e Caltanissetta.

Incendio-Altofonte-8-1L’ordine di evacuazione per i residenti più vicini alla linea di fuoco è stato dato dalla sindaca Angela De Luca. I volontari della protezione civile, i carabinieri della stazione e gli agenti della polizia municipale stanno controllando che tutti gli abitanti si allontanino dall’incendio, che continua ad avanzare grazie anche al vento secco e caldo che sta spirando. continua a leggere

Sardegna, in campo la procura. Si indaga sui locali dei contagi


articolo: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/08/28/news/sardegna_in_campo_la_procura_si_indaga_sui_locali_dei_contagi-265732611/?ref=RHPPTP-BH-I265483598-C12-P1-S3.4-T1

Dal Billionaire al Phi Beach, al vaglio i video delle feste. Prime denunce ai sindacati: “Non c’era la percezione del pericolo”. Nel Lazio via ai test per chi si imbarca a Civitavecchia. Piano della Protezione civile per il rientro dei turisti positivi

TEMPIO PAUSANIA – Nel giorno in cui la Sardegna sfonda la soglia psicologica delle duemila positività (siamo a 2.022, per la precisione), la procura di Tempio si muove sul caso dell’infezione della Costa Smeralda. E sono primi passi molto cauti. È stato aperto infatti un fascicolo d’inchiesta che, al momento, è privo di indagati e di ipotesi di reato, ma che potrebbe presto essere rimpolpato con le testimonianze dei dipendenti contagiati nei locali della movida. A cominciare da quelli del Billionaire di Flavio Briatore.
L’indagine sulla movida – I magistrati hanno visionato le foto e i filmati postati sui social a cavallo di Ferragosto, quelli in cui si vedono chiaramente i clienti (e talvolta anche i membri dello staff) ballare o girare tra i tavoli senza mascherina, e hanno acquisito alcuni articoli di giornale. Per ora si tratta di un’indagine conoscitiva. Nessuno, in procura a Tempio, fornisce dettagli. Né lo fa il procuratore capo Gregorio Capasso, che si trova ancora in ferie. Gli inquirenti stanno valutando preliminarmente se quelle immagini e le presunte violazioni dei protocolli anti-Covid che esse testimoniano, possano configurare delle ipotesi di reato. L’approfondimento segue necessariamente la coda del contagio, dunque non riguarda solo il Billionaire di Briatore (59 i contagiati nello staff), ma è esteso a tutti i locali interessati: tra questi il Phi Beach di Baja Sardinia (una ventina i dipendenti positivi), il Controvento di Porto Cervo (almeno due positivi tra cui il controverso ristoratore Johnny Micalusi, ricoverato in gravi condizioni a Sassari), il Country Club di Porto Rotondo (l’esito complessivo dei tamponi è ancora incerto), il resort sull’Isola di Santo Stefano (25 positivi tra i lavoratori) alla Maddalena.   continua a leggere

Maxirogo sterpaglie, chiuso Raccordo Roma e traffico in tilt


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/29/maxirogo-sterpaglie-chiuso-raccordo-roma-e-traffico-in-tilt_0c7338bc-2876-4849-af6c-7025bd41ad7d.html

Maxirogo sterpaglie, chiuso Raccordo Roma e traffico in tilt

Un maxi incendio di sterpaglie ha provocato la chiusura del Grande raccordo anulare di Roma non lontano dall’uscita per l’Aurelia, con conseguente paralisi del traffico nella corsia interna. L’incendio è divampato a ridosso di via del Pescaccio e una nube di fumo si è sollevata sulla zona. A quanto riferito dai pompieri, la corsia interna del Raccordo è stata momentaneamente interdetta al transito dalla Polizia Stradale. L’incendio è divampato all’altezza del chilometro 65 del Grande raccordo anulare. Sul posto vigili del fuoco con l’ausilio di un elicottero per una ricognizione dall’alto e la polizia locale. A quanto si è appreso, alcune abitazioni sono state evacuate per precauzione. 

incendio-roma-grande-raccordo-anulare-300x225-1

 Le giornate di oggi e di domenica sono da bollino rosso. Si tratta infatti dell’ultimo fine settimana del mese di agosto con traffico già intenso per i rientri dei vacanzieri nei principali centri urbani

Forniture interrotte e scorte esaurite: emergenza guanti negli ospedali lombardi


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/08/29/news/coronavirus_in_lombardia_emergenza_guanti-265747970/

Il venditore ha alzato il prezzo da 0,20 a 1,20 euro. Ne servono 3 milioni al mese solo di quelli sterili

I rubinetti si sono chiusi quindici giorni fa quando, in pieno agosto, il fornitore di Regione, quello che garantiva gli ordini già prima del Covid con un “contratto, tra l’altro, che prevedeva il prezzo bloccato“, ha sospeso gli ordini importanti: “Ha chiesto una maggiorazione sui guanti sterili del 500 per cento, da 20 centesimi a 1,20 euro a pezzo“, dice il direttore generale del Welfare Marco Trivelli. Risultato: in tutta la Lombardia “c’è una grave carenza di guanti, gli ospedali li hanno e tutto quello che riusciamo a reperire viene inviato ma non riusciamo ad avere scorte a livello centrale“.
Qualche goccia, starebbe arrivando: due giorni fa “dal fornitore abbiamo ricevuto guanti non sterili per dieci giorni. I singoli ospedali hanno scorte aziendali di guanti sterili che vanno dai 5 giorni a qualcuno che arriva a due mesi“. Ma non basta. Il fabbisogno giornaliero di guanti non sterili, solo per gli ospedali pubblici, è di 30 milioni al mese, tre milioni per quelli sterili. Tanto che, dice ancora Trivelli, “abbiamo scritto al commissario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri, che ha l’esclusiva sugli acquisti dei dispositivi di protezione: chiediamo che ci inviino materiale o di agire in proprio facendo nostre gare. In ogni caso, se non avremo risposte, vista l’urgenza, lunedì decideremo se fare comunque un bando o passare alla revisione della gara, non a quei livelli di prezzo, perché qualcosa dovremo fare“. Anche se per molti non servirebbe alcun via libera: non c’è esclusiva sugli acquisti. Da quanto si apprende dagli uffici del commissario, poi, nei giorni scorsi la struttura avrebbe offerto alla Lombardia guanti in nitrile non certificati frutto di una requisizione, che la Regione però avrebbe rifiutato e che sono stati distribuiti ad altri territori. “I guanti offerti non avevano la certificazione Ce che serve per le strutture sanitarie – continua Trivelli – . Comprendo le difficoltà della strutturale commissariale e confido che la prossima settimana la situazione si risolva“. Ma il consigliere regionale del Pd, Pietro Bussolati, attacca: “Regione è costantemente in ritardo sugli strumenti basici per non lasciare soli medici e infermieri“. continua a leggere

Maltempo: nubifragio a Milano, allagamenti nell’hinterland e non solo….


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/29/maltempo-nubifragio-a-milano-allagamenti-nellhinterland_fda9fba0-54b3-4fcd-b395-f48c6d19fdc5.html

Colpite più duramente zone a nord del capoluogo. Tetto scoperchiato in una Rsa, trasferiti i pazienti

Vigili del fuoco al lavoro, da ieri sera, per arginare i danni del violento nubifragio che si è abbattuto, a più riprese, su Milano e l’hinterland milanese.
Sono alcune decine gli interventi per tetti scoperchiati, allagamenti di cantine e sottopassi, cornicioni pericolanti, e soprattutto cadute di alberi, anche se fortunatamente non si registra nessun ferito.

Milano, nubifragio sulla città. Scoperchiato il centro geriatrico di Quarto Oggiaro

Una complessa operazione di trasferimento si è resa necessaria, in una Rsa milanese, a causa dello scoperchiamento di un tetto provocato dal nubifragio. Una decina gli ospiti che sono stati portati via, sotto la pioggia, tra misure di sicurezza Covid, dalle ambulanze del 118. E’ accaduto in via Arsia, nella periferia nord del capoluogo, poco dopo le 21. A causa dei danni inflitti dalla pioggia sono stati portati in un’altra sede del gruppo, in via Paravia, i pazienti che si trovavano in un reparto isolato all’ultimo piano, tutti in attesa dell’esito del tampone. Sul posto anche i vigili del fuoco, per la messa in sicurezza del tetto.

download

Dalle 21 di ieri, e poi ancora intorno alla mezzanotte, vento, pioggia e fulmini si sono scatenati sulla metropoli provocando l’intasamento dei tombini e delle ‘bocche di lupo’ dei marciapiedi, e creando gigantesche pozze. In metropolitana ci sono state alcune infiltrazioni, con la Lilla che ha riportato il blocco di svariate scale mobili in diverse stazioni.

I danni più consistenti, secondo il Comando provinciale dei vigili del fuoco, si sarebbero avuti nella zona a Nord di Milano, tra Sesto San Giovanni e Monza, ma anche a Lecco, Como e nelle zone montane.

Stamani in Lombardia è ancora attiva l’allerta meteo (gialla o arancione a seconda dei comparti) ma dalla centrale operativa della Polizia Locale non si segnalano criticità ai fiumi Seveso e Lambro.

Colpito non solo Milano: 

NUBIFRAGI SUL PIEMONTE, FRANE E FANGO NEL NORDEST

Ancora tempesta nel Veronese: grandinate e allagamenti, finisce sott’acqua 

Covid: anche Kluivert, quarto caso per la Roma


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2020/08/28/calcio-roma-anche-bruno-peres-positivo-al-covid-19_22c47d56-7a76-43d8-a862-34394bac7fb2.html

Justin Kluivert © ANSA

Salgono a quattro i positivi al coronavirus a Trigoria, anche se la Roma per rispetto della privacy mantiene il riserbo. L’ultimo della lista è Justin Kluivert, il cui tampone effettuato ieri nel centro sportivo giallorosso è risultato positivo al Covid-19 esattamente come quello del compagno di squadra Bruno Peres. Anche l’olandese e’ asintomatico. Il primo a comunicare la propria positività è stato il portiere Mirante, seguito ieri da Carles Perez, rimasto in Spagna. E proprio in Spagna, ad Ibiza, Kluivert aveva trascorso qualche giorno di vacanza prima del rientro nella Capitale. Adesso lo attendono due settimane di isolamento e salterà quindi le prime due amichevoli della Roma in programma il 5 settembre a Trigoria col Benevento e il 9 in casa del Frosinone.

L’urlo di Washington in marcia contro il razzismo


8e6f0ef34effd7259e9d74b76a7d1a43

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2020/08/28/blake-famiglia-e-ammanettato-al-letto-di-ospedale_df234d90-ea95-4220-a7d5-0eefb12c91bf.html

Jacob Blake, l’afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale

Jacob Blake, l’afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale. Lo riporta la Cnn. Il padre di Blake in una intervista aveva denunciato come il figlio, nonostante le gravi condizioni e l’impossibilità di muoversi, fosse ancora ammanettato. Secondo quanto si apprende anche i poliziotti che piantonavano la stanza del ricovero sono stati richiamati. Tutti i capi di imputazione nei confronti di Blake, inoltre, sono caduti. Il ventinovenne, a cui un agente ha sparato ben sette colpi di pistola alla schiena, è ora cosciente e incontrando i suoi familiari, ha raccontato il legale della famiglia, ha pianto. “Stanca e frustrata“: in un tweet Michelle Obama descrive il suo sentimento di fronte al caso Blake e all’ennesimo episodio di violenza della polizia contro un afroamericano, accusando la Casa Bianca di Donald Trump di alimentare un “razzismo sistematico“. “Quante volte ormai i nostri ragazzi hanno visto la mancanza di empatia, le divisioni, un razzismo sistematico. A volte lo hanno visto nelle notizie. A volte dal Rose Garden della Casa Bianca. A volte dai sedili posteriori di un’auto“, ha aggiunto riferendosi ai figli di Jacob Blake che hanno assistito al ferimento del padre. continua a leggere

Addio Chadwick Boseman, morto l’attore di Black Panther


Chadwick-Boseman-1152x768

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2020/08/29/cinema-morto-lattore-di-black-panther_93e88667-2157-4972-851b-b320dffdb804.html

Ucciso da un cancro al colon, aveva 42 anni ed era diventato un’icona black

E’ morto a 42 anni per un cancro al colon Chadwick Boseman, attore statunitense protagonista nel 2018 di ‘Black Panther’ della Marvel Comics.
Boseman non aveva discusso pubblicamente della sua malattia, che gli era stata diagnosticata per la prima volta nel 2016, e aveva continuato a lavorare su grandi produzioni film di Hollywood. “È stato un onore nella sua carriera dare vita a Re T’Challa in Black Panther“, si legge in una dichiarazione pubblicata sugli account social di Boseman. “È morto a casa sua, con la moglie e la famiglia al suo fianco“, spiega il suo ufficio stampa.
Boseman è diventato il primo supereroe nero a ottenere un suo film indipendente nel franchise da record Marvel. ‘Black Panther‘, ambientato nell’immaginario regno africano di Wakanda, è stato adorato dalla critica e dal pubblico diventando la prima pellicola tratta da un fumetto ad essere nominata per il miglior film agli Oscar e incassando oltre 1 miliardo di dollari in tutto il mondo.

All’inizio della sua carriera Boseman ha interpretato le icone nere Jackie Robinson in ’42’ e James Brown in ‘Get on up’.
Recentemente è apparso in “Da 5 bloods” di Spike Lee e nel sequel di ‘Black Panther’ previsto per il 2022

Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa….. – In Abruzzo la prima zona rossa…….


Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa: 22 positivi alla Quarenghi

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/08/28/news/coronavirus_milano_rsa_focolaio-265674486/

Contagiati 21 ospiti e un operatore sanitario: solo uno ha sintomi ma metà degli anziani già ricoverati in ospedale, gli altri in isolamento

Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa: 22 positivi alla Quarenghi

Il Coronavirus torna nelle residenze per anziani: alla rsa Quarenghi, periferia Nord Ovest di Milano, sono risultati positivi al tampone 21 ospiti e un operatore sanitario. Lo riporta il quotidiano Il Giorno, spiegando che comunque solo uno dei contagiati presenta sintomi.

Proprio a causa dei sintomi a questa persona è stato fatto il tampone, risultato positivo. Immediatamente è stato eseguito a tutti gli utenti della struttura (oltre 120) e al personale ed è così che si è scoperto il focolaio. Dei 21 positivi la metà sono già stati ricoverati in ospedale in reparti Covid, gli altri dieci sono isolati in attesa di un posto, mentre l’operatore è stato messo a riposo. “La situazione – assicurano da Coopselios, che gestisce la struttura – è gestita e monitorata quotidianamente dal personale sanitario e socio-assistenzale dell’ente gestore nel rispetto delle procedure e dei protocolli in essere“.


In Abruzzo la prima zona rossa dopo il lockdown: chiusa la frazione di Casamaina a Lucoli

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/08/28/news/zona_rossa_abruzzo_lucoli_casamaina-265676104/?ref=RHPPTP-BH-I265483598-C12-P1-S1.8-T2

In Abruzzo la prima zona rossa dopo il lockdown: chiusa la frazione di Casamaina a Lucoli

Il sindaco di Lucoli, Valter Chiappini, ha firmato un’ordinanza per istituire la zona rossa nella frazione di Casamaina, dove, nei giorni scorsi, erano emersi 12 casi di positività al coronavirus. Benchè fosse emerso che i contagi riguardassero i membri di un unico nucleo familiare, il primo cittadino del comune in provincia dell’Aquila aveva deciso di effettuare i tamponi su tutta la popolazione residente nella frazione e di estenderli poi a tappeto in tutto il comune. Nella serata di ieri è arrivata la decisione sulla zona rossa, che rimarrà in vigore dalla mezzanotte del 28 agosto fino alla mezzanotte del primo settembre.

Manchester United, Paul Pogba positivo al Covid


118327074_3920391767988302_610917586532241903_o

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2020/08/27/news/pogba_positivo-265615678/?ref=RHPPRT-VS-I259962735-C4-P1-S2.4-T1

Lo ha annunciato il ct della nazionale francese Didier Deschamps spiegando l’esclusione dalla nazionale del centrocampista

MANCHESTER – . Il calciatore del Manchester United non potrà rispondere alla convocazione di Didier Deschamps, così come il centrocampista del Tottenham Ndombele, a causa del Covid-19. L’ex juventino è asintomatico ed è stato posto in isolamento: dovrà quindi saltare le gare con la Nazionale, impegnata con Svezia e Croazia. Per tamponare l’emergenza a centrocampo, Deschamps ha deciso di richiamare dopo due anni di assenza Adrien Rabiot, insieme all’ex romanista Nzonzi, al classe 2002 del Rennes Eduardo Camavinga e alla stella del Lione Houssem Aouar, questi ultimi entrambi alla prima convocazione.

L’annuncio della positività del centrocampista è stato dato dallo stesso ct della Francia, Didier Deschamps, chiamato a motivare l’esclusione del giocatore. “Ha effettuato mercoledì un test che stamattina ha rilevato la positività“.

Letetra Widman, una delle tre sorelle di Jacob Blake…..



NBA, SCIOPERO GIOCATORI PER CASO JACOB BLAKE/ Si fermano anche MLS e MLB

Disney World NBA sciopero lapresse 2020 640x300

È diventato virale su twitter l’hashtag #boycottNBA e non si placano le polemiche negli Usa dopo il caso choc Jacob Blake. Come vi abbiamo raccontato, i giocatori NBA hanno deciso di scioperare di fronte all’ennesimo episodio di violenza sugli afroamericani. La scelta dei Milwaukee Bucks di non scendere in campo contro gli Orlando Magic ha scatenato un effetto domino considerevole, dato che sono state rinviate anche le altre due gare in programma in serata. Ma non è finita qui: anche MLS e MLB hanno deciso di scioperare, le due leghe hanno annunciato il rinvio delle partite previste nella notte tra ieri ed oggi. Quattro le partite del campionato di calcio americano che sono state rinviate, stesso discorso per quanto riguarda il baseball. E le proteste sono destinate a proseguire, lo sport ha deciso di inviare un messaggio fortissimo di fronte all’ennesimo caso di violenza… continua a leggere


Caso Blake, Naomi Osaka si ferma: «Ora il tennis non conta. Il genocidio dei neri mi fa venire il voltastomaco»ù

articolo: https://www.corriere.it/sport/20_agosto_27/caso-blake-naomi-osaka-si-ferma-ora-tennis-non-conta-genocidio-neri-mi-fa-venire-voltastomaco-54a3c3a2-e845-11ea-b091-8b361f593974.shtml?fbclid=IwAR1dIYXSlUZSfJM8FNA-PPitdyewXyBjecUhz2Aw5qZyaqb-8zP6BYHwqpA&fbclid=IwAR0ZEBnchJQWO4CHe6xVdUpV7rvCxtKDYHURzW3A3xIx9Kvy7d0DxvhekzM

Caso Blake, Naomi Osaka si ferma: «Ora il tennis non conta. Il genocidio dei neri mi fa venire il voltastomaco»

La giapponese, ex numero uno al mondo, si ritira per protesta dal torneo di Cincinnati — poi sospeso — e spiega. «Come donna di colore credo che in questo momento ci siano cose più importanti che giocare»

Non si sono fermati soltanto il basket, il baseball e il soccerGiovedì a New York il Masters 1000 di tennis a Cincinnati non si giocherà. La decisione è stata presa congiuntamente da Atp, Wta e Usta (la federazione americana) nella notte, con i match rinviati a domani e le finali che, a questo punto, slitterebbero a sabato. Anche dopo aver visto quanto stava accadendo in Nba in seguito al ferimento nei giorni scorsi di Jacob Blake nel Wisconsin, Naomi Osaka, la ex numero uno del mondo oggi numero 10 e l’atleta più pagata al mondo, aveva ufficializzato la propria intenzione di non giocare la sua semifinale contro Elise Mertens.

Parole durissime – «Come molti di voi sapranno, dovevo giocare la mia semifinale domani (giovedì 27 agosto, ndr) — ha scritto la giapponese —. Ma prima di essere un’atleta sono una donna di colore (usa il termine “black woman”, ndr): e come donna di colore credo che ci siano cose più importanti cui prestare attenzione piuttosto che vedermi giocare a tennis. Non credo accadrà nulla di drastico se non gioco, ma iniziare una discussione in uno sport principalmente bianco è un passo nella giusta direzione. Guardare il continuo genocidio della gente di colore per mano della polizia mi fa venire il voltastomaco. Non ne posso più di veder spuntare nuovi hashtag ogni giorno e sono stanca di ripetere sempre i soliti discorsi» continua a leggere

Il cinema abbandonato diventa una palestra con piscina:…..


Milano – Porta Romana – “Ex Cinema Maestoso”

Ex_Cinema_Maestoso_Esterno_1

Il cinema abbandonato diventa una palestra con piscina: Virgin Active arriva sugli spazi storici del Maestoso

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/08/27/news/cinema_maestoso_milano_diventa_palestra_piscina_virgin-265588353/

La proprietà Italcine sulla storica sala di corso Lodi a Milano: “Manterremo la memoria storica del luogo e gli stessi volumi, si chiamerà Cinema Italia Teatro”

Da ex sala cinematografica tra le più belle (e comode) della città a una palestra di nuovissima concezione. Per l’ex cinema Maestoso di piazzale Lodi sembra essere la volta buona per una seconda vita attesa da tempo. Il cantiere è stato aperto, i lavori sono già partiti.

La storica sala, popolare dagli anni 70 in avanti, diventerà un complesso a vocazione sportiva. Ci sarà una palestra, una piscina, uno spazio benessere, sale corsi e un bar. La regia dell’operazione di recupero è di Italcine, che resta proprietaria dell’immobile, mentre la gestione del complesso verrà affidata a Virgin Active.
{}
L’intervento prevede il mantenimento del corpo dell’edificio e la ristrutturazione con demolizioni parziali ma solo interne. Non verrà, dunque, allargato l’attuale perimetro di spazio occupato: al confine con l’ex Maestoso, infatti, corre il canale Redefossi e secondo i termini di legge bisogna mantenere una fascia di rispetto di 10 metri. Inoltre il progetto punta a non stravolgere l’equilibrio di un edificio ben inserito nel contesto cittadino ormai da un secolo.

 

{}

Si chiamerà Cinema Italia Teatro, per mantenere la memorica storica del posto che fu. Il progetto è dello studio De Amicis Architetti. “C’è una scelta progettuale nel salvaguardare la facciata anni Trenta su piazzale Lodi, proprio per mantenere la memoria storica del luogo spiega l’architetto Giacomo De Amicis – i volumi restano gli stessi ma verranno reinterpretati in chiave contemporanea. All’ingresso verranno riproposti i marmi che un tempo adornavano l’entrata lungo corso Lodi. Il dialogo con la città è ricercato da un lato tramite l’apertura delle facciate con ampie finestrature per rendere visibili le attività interne e dall’altro tramite un tetto rivestito di tegole di vetro che riflette la luce, così da rendere speciale la sua presenza nel tessuto cittadinocontinua a leggere

{}


Milano, tutto fermo per l’ex cinema Maestoso: a rischio il progetto di riqualificazione

articolo del 03 dicembre 2017: https://milano.repubblica.it/cronaca/2017/12/03/news/cinema_maestoso_progetto_bloccato_negozi_milano-182834464/

Costruito nel 1912, il cinema era stato chiuso nel 2007. Al suo posto dovevano sorgere negozi e uffici ma i permessi per costruire scadono a breve e non è stato fatto nulla

Il progetto per la riqualificazione degli spazi dell’ex Cinema Maestoso è fermo. E laddove dovevano sorgere negozi ed uffici rimane un’incognita. I permessi per costruire scadono a maggio 2018, ma finora non sono state presentate comunicazioni di inizio lavori e non sono stati neanche fatte le bonifiche. Il permesso in scadenza avrebbero dovuto prevedere un’operazione divisa in tre momenti: una parte di risanamento conservativo, qualche ristrutturazione e anche una parte di nuova costruzione.

Foto Milano, i centri sociali occupano il cinema Maestoso

Visualizza immagine di origine

cinema_rimake
Costruito nel 1912, il Maestoso fu rilevato negli anni 70 dall’appassionato di cinema Giuseppe Guadagno i cui eredi sono oggi i proprietari. La chiusura ufficiale avvenne nel luglio del 2007. Nel 2013 un gruppo di giovani del collettivoRi Make” occuparono la sala riuscendo ad organizzare qualche proiezione. Ma presto furono sgomberati dalla polizia fra scontri e polemiche. Negli anni d’oro delle sale cinematografiche il Maestoso riusciva ad ospitare fino a 1800 spettatori paganti, oggi rimane uno dei tanti spazi vuoti della città lasciati in stato di abbandono.

Barcellona: Pjanic positivo al coronavirus


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2020/08/23/news/barcellona_pjanic_positivo_al_coronavirus-265312686/

Il club catalano tranquillizza: “Sta bene, è isolato in casa”

BARCELLONA – Miralem Pjanic, ex centrocampista della Juventus e ora in forza al Barcellona, è risultato positivo al coronavirus dopo un test effettuato nella giornata di sabato. Lo ha comunicato il club blaugrana sul proprio sito, aggiungendo che “il giocatore gode di buona salute ed è isolato in casa“.

Anche Pjanic era stato in vacanza in Sardegna, come altri suoi colleghi che ora sono nella medesima situazione. Sui social il bosniaco, nei giorni scorsi, aveva postato alcune sue foto da Porto Cervo.

Inter, comunicato ufficiale…..


https://www.inter.it/it/news/2020/08/25/comunicato-ufficiale-inter-antonio-conte.html

COMUNICATO UFFICIALE DI FC INTERNAZIONALE MILANO

Nota del club in seguito all’incontro con Antonio Conte

 

MILANO – L’incontro di oggi tra il Club e Antonio Conte è stato costruttivo, nel segno della continuità e della condivisione della strategia. Con esso sono state stabilite le basi per proseguire insieme nel progetto.

English Version  Versi Bahasa Indonesia  Versión Española  中文版

Covid, al Billionaire di Briatore trovati altri 52 dipendenti positivi


articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_agosto_25/coronavirus-billionaire-briatore-trovati-altri-52-dipendenti-positivi-f4bd404c-e6ac-11ea-9502-8f5d7befe48e.shtml

Il bilancio nel locale della Costa Smeralda, in Sardegna, sale a 63 contagiati. Chiuso un club a Porto Cervo. Altri due fronti: le discoteche a San Teodoro e un campeggio a Cannigione

117327053_223596318987167_2052844734426616886_n-k86F-U320021343184743WE-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Ci sono altri 52 casi di positività al Covid-19 tra il personale del Billionaire, il locale di Porto Cervo di proprietà di Flavio Briatore. L’esito dei tamponi effettuati nei giorni scorsi dal laboratorio di Microbiologia del Policlinico di Cagliari ha confermato la presenza di un focolaio nel locale. E ieri dalla Costa Smeralda è arrivata un’altra notizia che conferma le preoccupazioni: il Sottovento Club di Porto Cervo ha annunciato la chiusura dopo aver appreso di un caso di positività all’interno dello staff.

Il bilancio parziale – Con questi ulteriori 52 positivi al Billionaire — chiuso il 17 agosto in aperta polemica, a colpi di video e post sui social, con l’ordinanza del sindaco di ArzachenaRoberto Ragnedda — si contano finora 63 membri dello staff positivi al coronavirus. Secondo quanto scrive il quotidiano locale L’Unione Sarda «alcune delle persone avrebbero anche una carica virale alta, di molto superiore alla media». continua a leggere

Briatore di nuovo contro il sindaco di Arzachena: «Billionaire chiuso e negli altri locali si…

Sulla chiusura delle discoteche: «Decreto scritto da un matto»

Coronavirus, Flavio Briatore ricoverato a Milano 63 nuovi positivi al Billionaire


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/25/coronavirus-calano-i-contagi-in-italia-52-nuovi-positivi-al-billionaire_3895d693-6d6f-4704-bb88-d03fae812352.html

175641373-cd8ad9f3-2d98-49c8-8be4-0dc65044243e

Flavio Briatore è ricoverato dopo aver contratto il coronavirus all’ospedale San Raffaele di Milano. Briatore, 70 anni, si trova in un reparto non di terapia intensiva. E’ quanto hanno detto all’ANSA fonti vicine .

Briatore è arrivato ieri all’ospedale San Raffaele di Milano dove è stato ricoverato nel reparto solventi con sintomi da polmonite. E’ stata effettuata una tac ed è stato sottoposto al tampone ed è risultato positivo al Coronavirus.

“Le condizioni di Flavio Briatore sono assolutamente stabili e buone e lo stesso tiene a ringraziare per le tante manifestazioni di affetto e interesse alla sua salute ricevute in queste ore”: è quanto si legge in una nota dello staff di Flavio Briatore, ricoverato al San Raffaele di Milano dopo aver contratto il coronavirus. “Il presente comunicato per informare che Flavio Briatore domenica sera, accusando leggera febbre e sintomi di spossatezza , si è recato all’Ospedale San Raffaele di Milano per un controllo. L’imprenditore e’ stato ricoverato, e’ stato sottoposto a un check up generale e resta sotto controllo medico“, spiega la nota.  continua a leggere

Coronavirus: Usain Bolt è positivo al Covid


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/altrisport/2020/08/24/coronavirus-usain-bolt-e-positivo-al-covid_d982ae6b-9e6e-4b06-a43b-f0cce8d4c272.html

Usain Bolt è risultato positivo al coronavirus. Con un video su Twitter e Instagram, l’uomo più veloce di tutti i tempi ha annunciato di essere positivo al test del Covid-19. Dal suo letto, in isolamento, il primatista mondiale dei 100 e dei 200 metri ha voluto rilasciare un commento confermando la notizia che era stata anticipata dalla stampa giamaicana. Venerdì scorso, Bolt ha compiuto 34 anni e non si può escludere che il contagio possa essere arrivato alla sua festa di compleanno: un party con molti ospiti illustri, alcuni appartenenti al mondo dello sport come il connazionale Leon Bailey, 23enne attaccante del Bayer Leverkusen, e Raheem Sterling del Manchester City.

Incendio in Sardegna, evacuate 250 abitazioni di un villaggio turistico


articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_agosto_25/incendio-sardegna-evacuate-250-abitazioni-un-villaggio-turistico-1209280a-e662-11ea-943c-b2c77e7530c9.shtml?fbclid=IwAR20WZ2TqVv7Qr3CfQ-MHOBoKboITHki9FfiOhj0DVjbBHdxXU1tRI0AdbE

2-3

Il rogo a Budoni, sulla costa nord orientale dell’isola. Vigili del Fuoco e Corpo Forestale impegnati a domare le fiamme. Le famiglie di vacanzieri ospitate nel teatro comunale

Un grosso incendio è partito intorno alle 22.30 di ieri nella parte alta di Tanaunella, borgo costiero del comune di Budoni, località turistica sulla costa nord orientale della Sardegna, ai confini con la Gallura, e sta interessando il versante della statale 125 che porta a Posada. Sul posto tentano di domare le fiamme spinte dal maestrale, le squadre a terra del Corpo Forestale, dell’agenzia Forestas, la polizia locale e volontari coordinati dalla sala operativa della Protezione civile regionale. Presenti nel luogo dell’incendio i sindaci di Budoni e Posada Giuseppe Porcheddu e Roberto Tola, che insieme alla popolazione stanno vivendo momenti di tensione.

1-11

I turisti evacuati – Sono 250 le abitazioni dei villaggi turistici di Matt’ e Peru e Sa Raiga evacuate precauzionalmente: il comune di Budoni ha aperto l’anfiteatro comunale Andrea Parodi per ospitare durante la notte un centinaio di turisti in attesa di rientrare nelle loro abitazioni. Nella struttura dell’anfiteatro comunale sono presenti consiglieri comunali, assessori e volontari che cercano di soccorrere i turisti sfollati con acqua, servizi igienici, mascherine e disinfettanti. Ancora chiusa la statale 125, dove Carabinieri la Polizia Stradale hanno dirottato il traffico sulla statale 131. I vigili del fuoco fanno cordone su un lato della strada per impedire che il fuoco passi dall’altra parte. Per gli uomini del Corpo Forestale e sarà una lunga notte: l’area dell’incendio è ancora molto vasta e il maestrale spira forte.

https://video.corriere.it/cronaca/sardegna-rogo-budoni-immagini-campagne-incendiate/6cf4a28a-e69e-11ea-9502-8f5d7befe48e


 

Covid in Sardegna, la Costa Smeralda è solo una parte dell’isola: non sono untori


articolo: https://www.corriere.it/politica/20_agosto_25/covid-sardegna-costa-smeralda-solo-parte-no-derby-isola-contro-penisola-1e15d172-e697-11ea-9502-8f5d7befe48e.shtml?fbclid=IwAR2eRhGF3iyI6_WnscRx2-1RBnM4zs5QZ1jG0ysrILBVVN4Qt3Q0tlSmGkc&fbclid=IwAR3BxVoE00Q28MA1ArwjoP2EsNr0HZdiKSekNCP9Ze7AGrWbIQJyN00QEIQ

Ogni notizia da Porto Cervo, Cala di Volpe, Porto Rotondo – il contagio di Mihajlovic, la preoccupazione di Fedez, le scortesie di Briatore – viene immediatamente amplificata

Lasciamo in pace la Sardegna. Non è l’isola degli untori, è un po’ spaventata ma non spaventa. Non si respira un clima pesante. Titoli roboanti, post emotivi e dichiarazioni enfatiche lasciano pensare il contrario. È vero: ci sono 411 casi Covid in isolamento domiciliare (ieri +91), 18 in ospedale, nessuno in terapia intensiva. Ma stiamo parlando di un’isola che, anche in quest’estate turisticamente ansiosa, ha raddoppiato la popolazione: da 1,6 a oltre 3 milioni di persone.
La Sardegna è un luogo cui il destino ha assegnato una natura magnifica, un popolo fiero e una parte da protagonista nella commedia italiana degli equivoci. Troppi continentali – ipnotizzati da tanta bellezza, spesso ignoranti di una terra di cui magari conoscono solo un fazzoletto – dicono e scrivono cose emotive e, spesso, sbagliate; alcuni sardipuò dirlo l’amico di una vita? – si dimostrano troppo suscettibili.
C’era davvero bisogno di convocare un Consiglio regionale straordinario per discutere di una «campagna mediatica contro la Sardegna»? Lo ha suggerito un consigliere del Pd, Roberto Deriu, lo ha annunciato il presidente, il leghista Michele Pais. È evidente che trasformare la partita del Covid in un derby può far guadagnare consensi. Ma «Isola contro Penisola» è una semplificazione. E, in tempi complessi, certe semplificazioni diventano insidiose. Sono certo che il presidente Pais, intervistato qui sopra, se ne rende conto. continua a leggere

Erano le 3.36 del 24 agosto 2016,


Amatrice, 4 anni dopo, Conte a donna: “Quando si perdono figlia e nipote si ha sempre ragione”. Mattarella: “Ricostruzione procede con fatica”

articolo: https://www.repubblica.it/politica/2020/08/24/news/amatrice_mattarella_conte-265340554/?ref=RHPPTP-BH-I265325386-C12-P12-S1.8-T1

Il premier risponde: “Verrò a casa sua“. Borrelli: “Ricostruzione è partita ma bisogna vincere la burocrazia“. Vescovo: “Ricostruzione non insegua speculazione

Un gruppo di cittadini di Amatrice che indossano una maglietta con scritto ‘Presidente Conte vogliamo parlare con te‘ hanno fermato brevemente il capo del Governo al suo arrivo sul prato del campo sportivo di Amatrice per la messa in ricordo delle vittime. La scena è stata ripresa dalle telecamere del Tg1. “I cittadini di Amatrice hanno perfettamente ragione“, ha afferato il premier Giuseppe Conte. “Con la normativa vigente – ha aggiunto il presidente del Consiglio – era pressoché impossibile ricostruire. Abbiamo fatto un grande sforzo normativo, per il quale devo ringraziare tutti quanti, per modificare la disciplina vigente. Adesso si può ricostruire seguendo il criterio della riqualificazione edilizia e non delle nuove costruzioni, e questo velocizzerà e non poco le procedure della ricostruzione. Con il nuovo commissario Legnini c’è un quadro per accelerare sicuramente la ricostruzione“.

Tra 6 mesi non cambierà molto – ha sottolineato – tra un anno neppure. Il processo di ricostruzione è molto lungo e complesso. Abbiamo fatto leggi per semplificare e velocizzare la ricostruzione – ha proseguito Conte – abbiamo fatto decreti, c’è un commissario che è partito molto bene. Occorrono le risorse, che ci sono, gli strumenti normativi, le persone. Siamo sulla strada giusta, e vogliamo lavorare per fare in modo che la ricostruzione prenda piede nel più breve tempo possibile“.

Una donna a Conte: “Presidente, venga a casa mia…”

Presidente, dopo la messa venga da me a casa, per parlare. Mio marito si è impiccato, l’ho trovato io a casa. Vogliamo concretezza, siamo stanchi delle promesse. Io ho lasciato la terra. Siamo stanchi. Voglio risposte dal presidente” continua a leggere

Maltempo: violento nubifragio su Verona, Vicenza e Padova


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/08/23/news/nubifragio_su_verona_vicenza_e_padova-265308698/?ref=RHPPTP-BH-I265288785-C12-P2-S1.8-T1

203710453-9fab6451-477a-4798-ac86-113de4de0576

Automobili sott’acqua, sottopassi allagati, campi e strade invase dalla grandine. Il Veneto è stato colpito da un violento nubifragio che ha colpito in particolare le province di Verona, Vicenza e Padova.

A Verona alcune strade si sono ricoperte di un manto bianco e si sono allagate, mentre in altre l’acqua ha superato anche il metro e mezzo. Almeno 500 alberi sono stati abbattuti, secondo i vigili del fuoco che hanno ricevuto centinaia di chiamate: “Nessuno è rimasto ferito, possiamo parlare di un miracolo“.

202935652-9a8676d2-0df9-476b-a8a2-31fd6e5f9430

La provincia di Verona è la zona più colpita per la caduta di alberi e allagamenti, tanto che a supporto dei vigili scaligeri sono state inviate anche squadre delle colonne mobili dei comandi di Venezia e Rovigo. Raffiche di vento, alberi sradicati anche nella provincia di Vicenza, dove il maltempo non ha risparmiato i vigneti della Valpolicella ormai alla vigilia della vendemmia. Ma non sono le uniche due città ad essere state messe in ginocchio dal repentino cambio atmosferico, tanto che il presidente della Regione Luca Zaia ha annunciato che sta per firmare la dichiarazione dello stato di crisi per Verona ed altri comuni.  continua a leggere

 

Covid: tamponi tutti negativi per giocatori del Cagliari


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2020/08/21/covid-tamponi-tutti-negativi-per-giocatori-del-cagliari_c4409b62-9ca4-47a3-b067-bedf5fd38f27.html

Schiarita nell’emergenza Covid in casa Cagliari: tutti negativi i tamponi effettuati ieri dai giocatori rossoblu. Sotto l’aspetto tecnico è una buona notizia anche per Di Francesco, che potrà andare avanti con gli allenamenti ad Asseminello. Rimangono fuori i giocatori positivi, Despodov, Bradaric, Ceppitelli e Cerri. Più i due che sono stati a contatto con gli atleti contagiati. E altri due bloccati dalle prescrizioni legate a trasferimenti intercontinentali e viaggi. Questa mattina il Cagliari ha continuato il programma di allenamenti ancora a piccoli gruppi.
Prima è toccato ai difensori, poi i centrocampisti. Nel pomeriggio in campo gli attaccanti. La rosa dei convocati composta inizialmente da 27 giocatori è scesa a 21: per ritornare al completo si aspetta il termine delle quarantene.

Inter ai tifosi: “No agli assembramenti


inter.it-2020_07_21_12_07_00-325311

SIVIGLIA-INTER: TUTTO SULLA SFIDA DI STASERA

Nerazzurri in campo alle 21 allo Stadion Köln di Colonia per la finale di Europa League

L’Inter, ai fini di salvaguardare la salute pubblica, invita i propri tifosi a seguire la finale di Europa League Siviglia-Inter rispettando tutte le disposizioni in vigore per contrastare la pandemia di Covid-19. Lo si legge in una nota del club diffusa sul proprio sito. «A tutti i tifosi dell’Inter nel mondo, stasera è un momento importantissimo. Ci divertiremo durante la partita ma allo stesso tempo state al sicuro»,

Video messaggio del presidente Steven Zhang rivolto all’intera tifoseria nerazzurra. «Comprendendo bene l’emozione e l’importanza dell’evento, evitare la creazione di assembramenti e di situazioni rischiose per la salute propria e altrui resta di importanza primaria per evitare il contagio e vivere al meglio questa serata speciale», conclude la nota della società.

https://www.inter.it/it/news/2020/08/21/inter-siviglia-finale-europa-league-la-sfida.html

SIVIGLIA-INTER: TUTTO SULLA SFIDA DI STASERA

Nerazzurri in campo alle 21 allo Stadion Köln di Colonia per la finale di Europa League

COLONIA – È il giorno di Siviglia-Inter, la squadra nerazzurra si prepara a scendere in campo per la finale di Europa League, che si disputerà questa sera con fischio d’inizio alle ore 21 allo Stadion Köln di Colonia. Dall’altra parte a contendersi il trofeo, il Siviglia di Julen Lopetegui. Qui tutto quello che c’è da sapere sul match.

DOVE VEDERE SIVIGLIA-INTER IN TV

La finale di Europa League Siviglia-Inter, in programma questa sera alle 21:00, sarà visibile in diretta su Sky Sport 1, Sky Calcio 1 e Sky Sport Football (canali 201, 203, 251 del decoder satellitare e su quelli 472 e 482 del digitale terrestre). La partità sarà trasmessa anche in chiaro su TV8. Sarà possibile assistere a Siviglia-Inter in streaming: su tv8.it e attraverso i servizi Now Tv e Sky Go. continua a leggere

Il Tar: no alla riapertura delle discoteche. “Interesse secondario rispetto alla salute


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/19/il-tar-no-alla-riapertura-delle-discoteche-respinte-le-richieste-dei-gestori-_63271e1a-193c-4fa3-97fb-60cbefe60760.html

“C’è comune volontà per interventi di sostegno economico al settore”

Nessuna riapertura delle discoteche al momento. Il Tar dice no alla sospensione cautelare urgente dell’ordinanza con la quale il 16 agosto il Ministro della Salute, in tema di misure urgenti per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, ha chiuso le discoteche e introdotto l’obbligo di mascherina nei luoghi pubblici dove c’è il rischio assembramenti. Lo ha deciso il presidente della terza sezione quater del Tar del Lazio con un decreto monocratico con il quale ha respinto una richiesta di sospensione cautelare urgente proposta dal Silb-Fipe-Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento da Ballo e di Spettacolo. Già fissata il 9 settembre l’udienza in camera di consiglio per la valutazione collegiale del ricorso.

“Nelle premesse del provvedimento impugnato si richiama la “comune volontà della Conferenza dei presidenti delle Regioni e del Ministero dello sviluppo economico di aprire con immediatezza un tavolo di confronto con le Associazioni di categoria, al fine di individuare interventi economici di sostegno nazionale al settore interessato“. E’ quanto si legge nel decreto del Tar in merito alla ricorso – respinto dal Tribunale Amministrativo – dei gestori contro la chiusura delle discoteche per l’emergenza Covid.

Per il Tar, “nel bilanciamento degli interessi proprio della presente fase del giudizio, la posizione di parte ricorrente risulta recessiva rispetto all’interesse pubblico alla tutela della salute nel contesto della grave epidemia in atto e “tale interesse costituisce l’oggetto primario delle valutazioni dell’Amministrazione, caratterizzate dall’esercizio di un potere connotato da un elevato livello di discrezionalità tecnica e amministrativa in relazione alla pluralità di interessi pubblici e privati coinvolti e all’esigenza di una modulazione anche temporale delle misure di sanità pubblica nella prospettiva del massimo contenimento del rischio“.

Ma i gestori non ci stanno. “Fino al 7 settembre staremo chiusi e ora prolifererà l’abusivismo“. Così all’ANSA Maurizio Pasca, presidente del Silb Filp, associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo. “L’ordinanza del ministro non sta facendo altro che incentivare l’abusivismo – aggiunge Pasca – Siamo già in possesso di centinaia di video di feste abusive in ville che sfuggono a ogni controllo. In un filmato con giovani che addirittura si dichiarano positivi al Covid”.