Archivi categoria: Sport

E’ morto Kobe Bryant, leggenda della Nba.


Immagine correlata

Morto Kobe Bryant, leggenda della Nba. Incidente in elicottero

articolo: https://www.repubblica.it/sport/basket/2020/01/26/news/morto_kobe_bryant-246811427/

WASHINGTON, – La star della Nba Kobe Bryant è morto a 41 anni in un incidente di elicottero in California, nella località di Calabasas. nella contea di Los Angeles. Bryant era a bordo del suo elicottero privato con almeno altre tre persone, oltre al pilota. Tutti i passeggeri sono morti. Il velivolo ha preso fuoco una volta precipitato e inutili sono stati i soccorsi. La moglie Vanessa non sarebbe tra le vittime, mentre secondo Tmz anche Gianna Maria, la figlia 13enne sarebbe tra le vittime. Bryant aveva altre tre figlie: Natalia, Bianca e la piccola Capri, nata a giugno.

Kobe Bryant, uno dei più grandi di sempre – Kobe Bryant è sempre stato famoso per i suoi spostamenti in elicottero e quando giocava per i Lakers usava il suo Sikorsky S-76 per trasferirsi dalla sua villa di Newport Beach fino allo Staples Center di Los Angeles.  continua a leggere

Sei anni fa il dramma di Schumacher


Risultati immagini per Sei anni fa il dramma di Schumacher

Sei anni fa il dramma di Schumacher, la speranza resta viva

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2019/12/29/sei-anni-fa-il-dramma-di-schumacher-la-speranza-resta-viva_2cc8483a-6cd1-4df0-85ed-2949dac551b9.html

Il 29 dicembre 2013, sei anni fa oggi, la vita di Michael Schumacher cambiò per sempre dopo il tragico incidente sugli sci a Meribel, sulle Alpi francesi, che gli causò un gravissimo trauma cranico. Schumi rimase in condizioni critiche e coma indotto per mesi e mesi e impiegò 254 giorni prima di lasciare l’ospedale per fare ritorno nella sua dimora a Gland, nel cantone di Vaud, sul lago di Ginevra. Da allora, sul sette volte iridato di Formula 1 è sceso il silenzio, circondato dall’affetto dei suoi cari, la moglie Corinna in primis, e di uno staff medico che lo segue passo passo. Da quel poco che si è saputo in questi anni, sono circa dieci gli esperti di riabilitazione, tra fisioterapisti, infermieri e accompagnatori, che aiutano la famiglia Schumacher nell’assistere Michael. “Niente è rimasto intentato per velocizzare la guarigione di Schumacher“, ha scritto la Bild, riportando, tra le altre cose, come gli venga fatto ascoltare il rombo del motore del suo vecchio bolide.
Dopo anni di silenzio e blackout, nel 2019 ci sono state però grandi novità: Schumi avrebbe visitato l’ospedale George Pompidou di Parigi in diverse occasioni e la scorsa estate sarebbe stato sottoposto a un trattamento sperimentale con cellule staminali. Secondo la testimonianza di un’infermiera riportata da ‘Le Parisien’, l’ex pilota sarebbe “cosciente” (“Ma si che è nel mio reparto e posso assicurarti che è consapevole e cosciente”, la frase anonima riportata dal quotidiano parigino).
Poi di nuovo il silenzio, salvo qualche breve parentesi aperta dalla moglie Corinna: “Potete stare certi che è nelle migliori mani possibili. continua a leggere

MotoGp, doping: Iannone positivo, la federazione lo sospende


Immagine correlata

articolo: https://www.repubblica.it/sport/moto-gp/2019/12/17/news/iannone_positivo_doping-243689362/?ref=RHPPLF-BS-I243689554-C8-P12-S1.4-T1

ROMA – Andrea Iannone è stato sospeso provvisoriamente dalla Federazione internazionale motociclismo dopo essere risultato positivo a un controllo antidoping. Lo rende noto la Fim in un comunicato.  Iannone, trentenne pilota di Vasto che ha corso l’ultima stagione MotoGp con l’Aprilia, è risultato positivo a un controllo effettuato in occasione del Gp della Malesia a Sepang lo scorso 3 novembre. La sostanza incriminata rientra nel gruppo degli steroidi androgeni anabolizzanti vietati dal codice Wada. La sospensione ha decorrenza da oggi. Iannone ha il diritto di chiedere le controanalisi. Fino a nuova decisione, il pilota abruzzese non potrà più partecipare ad alcuna competizione motociclistica.

Harden schiaccia, la palla entra ed esce: tolti due punti a Houston. E ora si rigioca?


Risultati immagini per HARDEN

articolo: https://www.gazzetta.it/Nba/04-12-2019/harden-schiaccia-palla-entra-ed-esce-tolti-due-punti-houston-ora-si-rigioca-3501607845915.shtml

Gli arbitri non si accorgono del canestro del Barba, D’Antoni perde tempo prima di chiedere il challenge e la frittata è fatta. Tutte le ipotesi

James Harden ruba palla e corre in solitaria verso il canestro. Mancano 7’50” al 48’ di Spurs-Rockets, Houston è avanti 102-89 ma sta cercando di resistere alla rimonta di San Antonio, che a metà terzo quarto era sotto di 22. Harden rallenta, poi salta per schiacciare: la palla entra nel canestro, ma per un movimento insolito della retina il pallone esce. La star dei Rockets lo rincorre, per un momento incredulo di aver sbagliato i due punti più facili della sua carriera. Poi guarda il maxi schermo: la palla è entrata, 104-89 Rockets. Solo che per gli arbitri quel pallone nel canestro non ci è mai finito, e quella giocata di Harden diventa “la schiacciata perduta”, quella che ha reso sub-judice la clamorosa vittoria Spurs, 135-133 dopo due supplementari.

 

SOTTO INDAGINE – L’Nba sta decidendo come muoversi. Questo non è un normale errore arbitrale: la palla è entrata, il canestro era buono e quindi è un errore tecnico che equivale ad un’applicazione errata del regolamento. Lo ammette a fine gara anche James Capers, il capo arbitro che confessa di aver rivisto la giocata al replay con la sua crew appena rientrato in spogliatoio. Sul parquet dell’At&t Center non ha potuto farlo: la giocata poteva essere rivista, ma sarebbe servito un challenge da parte di Mike D’Antoni. La nuova regola, quella che permette ai coach di chiedere ai direttori di gara di rivedere un’azione al replay, funziona così: si chiama un timeout e poi il coach ha 30” per presentare il suo challenge. Solo che il tecnico dei Rockets ha perso il suo mezzo minuto a protestare per il mancato canestro. “L’hanno chiesto troppo tardi, alla fine del timeout: a quel punto la giocata non era più rivedibile al replay” ha spiegato Capers. Solo che l’errore resta, soprattutto perché Houston ha perso la partita. L’Nba potrebbe far rigiocare gli ultimi 7’50”. O addirittura riassegnare il canestro e far vincere Houston 117-115 al 48’. Sembra l’ipotesi più remota, più facile si rigiochi. E non sarebbe la prima volta. continua a leggere

Giro d’Italia 2020, tutte le tappe


Giro d’Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

articolo: http://www.today.it/sport/giro-italia-2020-tappe-altimetria-percorso.html

Giro d’Italia 2020, la caccia alla maglia rosa sarà all’insegna dello spettacolo (clicca qui per tutte le tappe). Il Giro 2020 prevede un percorso durissimo, soprattutto la terza settimana è un concentrato di tappe da urlo. Il percorso del Giro d’Italia 2020 prevede ben 3.579,8 chilometri da coprire. In tutto 21 tappe, tre cronometro individuali (per un totale di 58,8 km), sei tappe velocisti, sette tappe di difficoltà media e cinque di alta montagna (45mila i metri di dislivello totale della corsa): il Giro 2020 prevede 7 gli arrivi in salita. continua a leggere
mappa giro italia 2020-2Quest’anno si parte all’estero, per le 14esima volta. La grande partenza il 9 maggio da Budapest, in Ungheria (subito cronoprologo)

1a tappa –  sabato 9 maggio – Budapest – Budapest (Cronometro, 8.6 km)

tappa 1 giro 2020-2

tappa 1 giro 2020 2-2-2

 

 

Sci, addio a Mario Cotelli: fu storico ct della “Valanga azzurra”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/vari/2019/11/05/news/sci_morto_mario_cotelli-240301955/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P14-S1.8-T1

Mondo dello sci in lutto. E’ morto all’età di 76 anni Mario Cotelli, storico commissario tecnico della “Valanga azzurra” che tra il 1970 e il 1978 conquistò numerosi tronfei. Malato da tempo per un’insufficienza renale che lo aveva costretto alla dialisi, Cotelli aveva portato al trionfo talenti come Pierino Gros e Gustav Thoeni ed esaltato le doti di Tino Pietrogiovanna, Erwin Stricker ed Helmuth Schmalzl. continua a leggere

Motomondiale, tragedia a Sepang: morto giovane pilota Munandar


articolo: https://www.repubblica.it/sport/moto-gp/2019/11/02/news/motomondiale_tragedia_a_sepang_morto_giovane_pilota_munandar-240070457/

SEPANG – Tragedia a Sepang. A seguito di un incidente sul circuito malesiano, avvenuto nel corso del primo giro alla curva 10, è morto il giovane pilota Afridza Munandar, partecipante alla Idemitsu Asia Talent Cup. Dopo la caduta Munandar è stato investito: è stata subito esposta la bandiera rossa e il 20enne indonesiano ha ricevuto immediati soccorsi dai medici del circuito. Vista la situazione, Munandar è stato trasferito all’ospedale di Kuala Lumpur in elicottero.
 
Gli sforzi del personale medico, purtroppo, si sono rivelati vani e il pilota è deceduto poco dopo l’incidente. Munandar stava affrontando la IATC 2019 con grande determinazione e aveva conquistato due vittorie, due secondi posti e due terzi. La Federazione Internazionale di Motociclismo, Dorna Sports e tutto il personale coinvolto nella Idemitsu Asia Talent Cup esprimono le “più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici e alle persone care a Munandar”.

La F.1 sbarca a Miami: nel 2021 un GP all’Hard Rock Stadium


articolo: https://www.gazzetta.it/Formula-1/16-10-2019/f1-sbarca-miami-2021-gp-hard-rock-stadium-350301931663.shtml

La F.1 sbarca a Miami e lo fa occupando la casa dei Miami Dolphins di Nfl. Dopo tante trattative, ecco l’accordo: il Circus ha trovato un’intesa con l’Hard Rock Stadium, appunto lo stadio dei Dolphins, alla periferia di Miami, per disputare il GP di F.1 nel maggio 2021.continua a leggere

Il circuito disegnato attorno all’Hard Rock Stadium

Il circuito disegnato attorno all'Hard Rock Stadium

F1 Miami Grand Prix

@f1miami
Joint statement from@TomGarfinkelof

@HardRockStadium and Sean Bratches of @F1

. #F1Miami

Lingua originale: inglese. Traduzione di
Dichiarazione congiunta del @TomGarfinkel di

@HardRockStadium e Sean Bratches di @F1. #F1Miami
Immagine
11:53 PM · 15 ott 2019Twitter Web App

L’ANNUNCIO – L’annuncio arriva con un comunicato congiunto dai toni inequivocabili, a firma di Tom Garfinkel, vice presidente e a.d. del GP di Miami, e Sean Bratches, managing director delle operazioni commerciali della F.1: “Siamo molto felici di annunciare che la F.1 e l’Hard Rock Stadium hanno trovato un accordo per ospitare il primo GP di Miami della storia in quel luogo. Con un impatto finanziario stimato in oltre 400 milioni di $ e 35 mila camere prenotate per l’evento, la Formula One Miami Grand Prix sarà un enorme passo avanti dal punto di vista economico per tutto il sud della Florida. Siamo estremamente grati ai nostri fan e all’industria del turismo locale per la loro pazienza e il supporto fornito in questo processo: non vediamo l’ora di portare il più grande spettacolo delle corse del pianeta per la prima volta in una delle regioni più iconiche del mondo“.

Una proiezione del circuito nell’area dell’Hard Rock Stadium di Miami

Una proiezione del circuito nell'area dell'Hard Rock Stadium di Miami

F1: Giappone: arriva il tifone, pole e Gp tutto domenica


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2019/10/11/f1-giappone-arriva-il-tifone-pole-e-gp-tutto-domenica_500bbce8-98e6-4836-8d26-071f0081f9ad.html

Un venerdì di semplici libere che potrebbe diventare fondamentale per la formazione della griglia di partenza del Gran Premio del Giappone. Gara che sarà fortemente condizionata dall’arrivo domani a Suzuka del tifone Hagabis e che vedrà le qualifiche slittare da sabato a a domenica con la possibilità addirittura della cancellazione della lotta della pole se il forte maltempo dovesse protrarsi fino a domenica mattina quando (le 10:00 in Giappone, le 3:00 in Italia), come stabilito oggi, si dovrebbero correre le prove ufficiali. Se così non fosse saranno presi in considerazione i risultati delle libere 2 di oggi che hanno visto il dominio assoluto delle Mercedes con Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton e alla Red Bull di Max Verstappen. Più staccate le Ferrari con Charles Leclerc quarto e Sebastian Vettel quinto. Rosse che come ammesso dagli stessi piloti sono apparse in difficoltà in termini di grip. “Onestamente non sono sicuro di cosa ci manca, personalmente a livello di guida devo fare qualcosa in più – ha ammesso Vettel – Il bilancio non sembra così male, ma in generale abbiamo poco grip rispetto a quello che ci aspettavamo”. continua a leggere

Il tifone potrebbe pregiudicare il programma della gara di automobilismo

Il tifone potrebbe pregiudicare il programma della gara di automobilismo. AP

F1: Giappone; libere 2, Bottas davanti, 4/o Leclerc

Muore dopo 36 ore di coma Giovanni Iannelli, il ciclista 22enne caduto in volata nell’Alessandrino


Dopo un contatto con altri corridori nel centro del gruppo, a 100 metri dal traguardo, era sbandato finendo contro un muro. Il cordoglio del ct Cassani

articolo: https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/10/07/news/muore_dopo_36_ore_di_coma_ciclista_caduto_nella_volta_di_una_gara_nell_alessandrino-237914506/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P4-S1.8-T1

07 ottobre 2019 – Un giovane ciclista dilettante di Prato, Giovanni Iannelli, 22 anni, caduto nella volata finale di una corsa a Molino dei Torti , nell’Alessandrino,  è morto dopo 36 ore di agonia nell’ospedale di Alessandria. La vittima correva con la squadra del Team Hato Green Tea Beer. L’incidente è avvenuto sabato scorso all’arrivo dell’87/o Circuito Molinese: a 70 chilometri all’ora, Iannelli, dopo un contatto con altri corridori nel centro del gruppo, a 100 metri dal traguardo, è sbandato finendo contro un muro.
Nel violento urto il casco è andato completamente distrutto e il ciclista pratese ha riportato gravissime lesioni. E’ stato sottoposto a intervento chirurgico, ma le sue condizioni sono peggiorate e la notte scorsa è morto. continua a leggere

Ufficiali i 22 GP di Formula 1 nel 2020. Si corre anche in Olanda e Vietnam


articolo: https://www.gazzetta.it/Formula-1/04-10-2019/ufficiali-22-gp-f1-2020-si-corre-anche-olanda-vietnam-3403037241315.shtml

La Fia ha confermato le date della prossima stagione che scatterà il 15 marzo in Australia. Il 31 ottobre le novità regolamentari per il 2021

Il Consiglio Mondiale della Federazione Internazionale dell’automobile ha ufficializzato i 22 appuntamenti del calendario di F.1 del 2020. Il Mondiale inizierà il 15 marzo in Australia e si concluderà il 29 novembre ad Abu Dhabi. Esce il GP di Germania, sono in attesa dell’omologazione le nuove entrate Zandvoort e Hanoi, con i GP d’Olanda e del Vietnam che si svolgeranno rispettivamente il 5 aprile e 3 maggio. continua a leggere

Ecco i GP 2020 in dettaglio:

  • 15 marzo: Australia (Melbourne)
  • 22 marzo: Bahrain (Sakhir)
  • 5 aprile: Vietnam (Hanoi)
  • 19 aprile: Cina (Shanghai)
  • 3 maggio: Olanda (Zandvoort)
  • 10 maggio: Spagna (Montmelò)
  • 24 maggio: Monaco (Montecarlo)
  • 7 giugno: Azerbaigian (Baku)
  • 14 giugno: Canada (Montreal)
  • 28 giugno: Francia (Le Castellet)
  • 5 luglio: Austria (Zeltweg)
  • 19 luglio: Gran Bretagna (Silverstone)
  • 2 agosto: Ungheria (Budapest)
  • 30 agosto: Belgio (Spa)
  • 6 settembre: Italia (Monza)
  • 20 settembre: Singapore (Singapore)
  • 27 settembre: Russia (Sochi)
  • 11 ottobre: Giappone (Suzuka)
  • 25 ottobre: Stati Uniti (Austin)
  • 1 novembre: Messico (Città del Messico)
  • 15 novembre: Brasile (Interlagos)
  • 29 novembre: Abu Dhabi (Abu Dhabi)

Mondiali atletica in Qatar, il gesto dell’atleta vale più della vittoria: accompagna l’avversario fino al traguardo


articolo & video: https://video.repubblica.it/sport/mondiali-atletica-in-qatar-il-gesto-dell-atleta-vale-piu-della-vittoria-accompagna-l-avversario-fino-al-traguardo/344616/345198?ref=RHRD-BS-I0-C6-P1-S5.6-T1

Jonathan Busby si sente male nel finale della gara dei 5000 ai Mondiali di atletica leggera in corso a Doha in Qatar, ma Braima Suncar Dabo della Guinea Bissau lo aiuta a portare a termine la competizione percorrendo gli ultimi metri abbracciati fino al traguardo.

F3: paura a Monza per incidente Peroni, pilota esce illeso


Alexander Peroni Walks Away From Huge Crash During Formula 3 Race Monza

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/f1/2019/09/07/f3-paura-a-monza-per-incidente-peroni-pilota-esce-illeso-video_a6d7d0b2-2fe7-4dee-809b-e8cc18391022.html

Attimi di paura in Formula 3. Durante il Gran Premio d’Italia a Monza la monoposto dell’australiano Alex Peroni è decollata dopo aver centrato il dissuasore all’esterno della Parabolica, atterrando capovolta contro le barriere. Il pilota, dopo un paio di minuti di paura, ha lasciato la macchina sulle sua gambe, probabilmente salvato dall’halo dell’auto. Per questo le prove libere della Formula 1 sono partite in orario ma non è permesso a nessuna macchina di lasciare i box. Settimana scorsa a Spa, durante la gara di Formula 2, in un terribile incidente ha perso la vita Antoine Hubert, mentre Juan Manuel Correa è ancora in coma indotto.

Caso Schwazer, in arrivo nuova perizia: le provette potrebbero essere state manomesse


Risultati immagini per Schwazer

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2019/09/07/news/doping_buone_notizie_per_schwazer_nuova_perizia_sulle_provette-235451914/?ref=RHPPLF-BH-I235453037-C4-P5-S1.4-T1

Saranno depositati il 12 settembre elementi che potrebbero avvalorare la tesi della manipolazione dei test. L’ex campione di marcia si è sposato oggi a Vipiteno

Secondo quanto ha riportato oggi il quotidiano sportivo Tuttosport, la perizia del Ris (Reparto Investigazioni Scientifiche) dei Carabinieri di Parma proverebbe che le analisi che hanno portato alla condanna di Schwazer per doping potrebbero essere state “manomesse” e i campioni biologici sarebbero “non compatibili con il suo Dna”. Tale nuova perizia  sarà presentata ufficialmente al Tribunale di Bolzano il prossimo giovedì 12 settembre, quando il gip Walter Pelino la discuterà con le parti in udienza.

Durante tutta la fase dell’inchiesta sia Schwazer, sia Donati hanno sempre proclamato l’innocenza del marciatore e si sono detti convinti che la magistratura avrebbe fatto luce sulla vicenda. Proprio oggi Schwazer, ex fidanzato della campionessa di pattinaggio artistico Carolina Kostner, si è sposato a Vipiteno con Kathrin Freund, la donna che gli è stata vicino nei mesi della seconda squalifica per doping decisa prima delle Olimpiadi di Rio e dalla quale ha avuto una bambina, che ora ha due anni e mezzo. La prima volta era stato fermato per doping alla vigilia dei Giochi di Londra 2012, dove sarebbe arrivato da campione olimpico in carica dopo l’oro vinto a Pechino quattro anni prima.

Milano, piazza Duomo si colora di rosso per la festa dei 90 anni della Ferrari


articolo e video: https://video.repubblica.it/sport/milano-piazza-duomo-si-colora-di-rosso-per-la-festa-dei-90-anni-della-ferrari/342944/343534?ref=RHPF-WT

05 settembre 2019 – Piazza Duomo a Milano si tinge di rosso per celebrare i 90 anni della Ferrari assieme ai suoi campioni, a cominciare dai piloti di oggi: Sebastian Vettel e Charles Leclerc. A pochi giorni dal Gran Premio d’Italia, che festeggia anch’esso i suoi 90 anni e che si svolgerà a Monza nel prossimo fine settimana. Oltre ai piloti, hanno partecipato anche molti ex dirigenti come l’ex presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, che a margine dell’evento ha affermato: “La Ferrari, dopo la mia famiglia, è la cosa più importante e sono commosso del calore del pubblico. A questa festa mi sono mancati due campioni come Michael Schumacher e Niki Lauda, due eroi di questa scuderia”.

https://video.repubblica.it/sport/milano-piazza-duomo-si-colora-di-rosso-per-la-festa-dei-90-anni-della-ferrari/342944/343534

90 anni della Scuderia Ferrari e del GP d’Italia F1

Ferrari, migliaia di fan in P.zza Duomo a Milano per i 90 anni

F2, pauroso incidente a Spa: morto il francese Hubert


articolo: https://www.repubblica.it/sport/formulauno/2019/08/31/news/spa_incidente_formula_2_hubert_correa-234810820/

SPA – Tragedia in Formula 2 a Spa. Il francese Anthoine Hubert, 22 anni, è deceduto in seguito ad un terribile incidente avvenuto nel corso nella prima delle due gare sul circuito di Spa-Francorchamps, in Belgio. Tre piloti, i francesi Hubert e Giuliano Alesi e lo statunitense Juan Manuel Correa, si sono scontrati fra di loro dopo la salita dell’Eau Rouge. La macchina di Hubert è stata letteralmente spezzata in due. Immediati i soccorsi, i piloti sono stati trasportati al centro medico. Purtroppo per Hubert non c’è stato nulla da fare. Correa è stato trasferito all’ospedale di Liegi con fratture alle gambe, illeso Alesi.

A seguito dell’incidente, avvenuto alle ore 17.07, la Fia si rammarica di comunicare che Anthoine Hubert è deceduto alle ore 18.35 per le gravi ferite riportate” si legge nella nota della federazione internazionale. “Correa – informa la Fia – è in condizioni stabili ed è in cura presso l’ospedale di Liegi. Ulteriori informazioni sulle sue condizioni saranno fornite appena saranno disponibili. Alesi è stato visitato e dichiarato idoneo dai medici. La FIA sta fornendo il proprio supporto agli organizzatori dell’evento e alle autorità competenti e ha già avviato un’indagine sull’incidente”. continua a leggere

Les images de l’accident d’Anthoine Hubert sur le circuit de Formule 2

È morto Felice Gimondi:


avarie-754185.610x431.jpg

È morto Felice Gimondi: malore mentre faceva il bagno a Giardini Naxos

articolo: https://www.repubblica.it/sport/ciclismo/2019/08/16/news/e_morto_felice_gimondi-233760286/

Felice Gimondi è morto per un malore mentre faceva il bagno nelle acque di Giardini Naxos. L’ex grande campione del ciclismo italiano avrebbe compiuto 77 anni il prossimo 26 settembre. La notizia è stata confermata dai carabinieri. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte di alcuni bagnanti e dei medici del 118.

“Una tristezza enorme. C’è rammarico, delusione, un pianto nel cuore. Ho seguito tutta la sua carriera da dirigente, l’ho sempre ammirato e apprezzato”, ha detto il presidente della Federciclismo Renato Di Rocco, commentando la notizia. “L’oro al mondiale di Barcellona nel 1973 è il ricordo più bello e poi è stato uno dei pochissimi ad aver vinto tutti e tre i grandi giri. La rivalità con Merckx? Ma erano anche amici, e lo erano ancora adesso. Si rispettavano sia in bici che da ex corridori. Felice era una persona che stava bene con tutti ed era apprezzato da tutti”, ha concluso il numero uno della Federciclismo.

“Ricordo Felice Gimondi, la sua maglia gialla, i grandi successi di un mito italiano”, ha scritto su twitter l’ex premier Paolo Gentiloni.

Felice Gimondi: la leggenda di un uomo semplice

Operazione antidoping nell’Ue, 234 arresti. E’ la più grande di sempre


Scattata maxi operazione antidoping Viribus - foto repertorio

articolo: http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2019/07/09/-operazione-antidoping-in-ue234-arresti-1000-indagati-_335d94ad-c02a-46b9-93e2-d853d40f21af.html

Operazione internazionale contro il doping coordinata dai Carabinieri del Nas e da Europol. Sequestrati in tutta Europa sostanze dopanti per 3,8 milioni, arrestate 234 persone, oltre mille indagati, scoperti nove laboratori clandestini, di cui uno anche in Italia, nel Salernitano, dove i carabinieri hanno sequestrato un laboratorio clandestino per la produzione di sostanze stupefacenti e dopanti. Controllati 600 atleti, di cui 19 sono risultati positivi. 

La maxi operazione anti doping, denominata Viribus, e’ la più vasta di sempre in questo settore e vi hanno partecipato tutti i Paesi membri dell’Unione Europea, Interpol, Usa, Svizzera, Albania, Ucraina, Colombia, Montenegro, Moldavia, Islanda, Bosnia, Erzegovina e il Nord Macedonia. Inoltre hanno supportato le attività l’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) e l’Ufficio Europeo Antifrode (OLAF).
E’ stata anche smantellata un’organizzazione dedita al traffico internazionale di sostanze dopanti che operava tra Italia e Romania….. continua a leggere

Olimpiadi invernali 2026 assegnate a Milano e Cortina.


Con 47 voti a 34 la candidatura italiana ha battuto quella svedese di Stoccolma-Are. Malago: “Mi ricandido alla presidenza del Coni”

articolo: https://www.repubblica.it/sport/vari/2019/06/24/news/olimpiadi_2026_milano_cortina_cio-229544388/?ref=RHPPTP-BS-I229545094-C12-P1-S1.12-T1

LOSANNA – Le Olimpiadi invernali del 2026 si svolgeranno in Italia. L’annuncio è stato dato a Losanna dal presidente del Cio Thomas Bach dopo il voto dei membri del Comitato olimpico internazionale allo SwissTech Convention Center. La candidatura italiana di Milano-Cortina è stata preferita a quella svedese di Stoccolma-Are. L’Italia ha ricevuto 47 voti contro i 34 della Svezia. L’Italia tornerà quindi ad ospitare i Giochi invernali per la terza volta, vent’anni dopo Torino 2006 e 70 anni dopo l’edizione di Cortina 1956. continua a leggere

Milan-Cortina will host the Olympic Winter Games 2026

Lingua originale: inglese. Traduzione di 

Milano-Cortina ospiterà i Giochi Olimpici Invernali 2026

Le Olimpiadi invernali 2026 saranno a Milano e Cortina: l’esultanza davanti ai maxischermi


Milano-Cortina sede dei Giochi

Immagine correlata
Chiara Appendino
@c_appendino

Assegnata all’Italia l’edizione 2026 delle Olimpiadi invernali.
Congratulazioni a tutte le persone coinvolte e, in particolare, ai colleghi sindaci Sala e Ghedina.

Virginia Raggi
@virginiaraggi

Olimpiadi invernali del 2026 si faranno in Italia. Complimenti a tutti coloro che hanno lavorato per questo risultato. Congratulazioni ai colleghi sindaci Sala e Ghedina, buon lavoro.

Raggi: “No alle Olimpiadi del mattone, è da irresponsabili dire sì”

Fanpage.it

Pubblicato il 21 set 2016

La pediatra maratoneta Bertone rinuncia ai Mondiali per stare in corsia


Catherine Bertone, maratoneta-pediatra costretta a rinunciare ai Mondiali: “Pochi medici, non posso assentarmi”

articolo: http://www.ansa.it/valledaosta/notizie/2019/06/21/bertone-costretta-rinuncia-mondiali-doha_c0214403-e3f7-467c-8e11-83ad99ec374d.html

Per “inderogabili impegni lavorativi” la maratoneta valdostana Catherine Bertone è costretta a rinunciare ai Mondiali di Doha. “”Onoratissima di poter vestire la maglia azzurra in un mondiale di atletica leggera, ma ahimè la coperta in ospedale è sempre più corta” scrive la pediatra (classe 1972), che presta in servizio all’ospedale Beauregard di Aosta. All’origine della decisione vi è proprio la carenza di medici nella struttura sanitaria valdostana, che negli ultimi mesi ha costretto la Bertone (25/a ai Giochi di Rio del 2016 e ottava degli Europei di Berlino del 2018) a rinunciare a numerosi raduni collegiali.

L’astronave atterra a Milano:


L’astronave atterra a Milano: si inaugura il nuovo Palalido per sport e concerti

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/06/14/news/milano_palalido_allianz_cloud-228763996/?ref=RHRS-BH-I228769396-C6-P7-S1.6-T1

L’Allianz Cloud ha una capienza di 5 mila posti, tetto interamente coperto con pannelli fotovoltaici e isolanti, illuminazione con tecnologia led, risparmio energetico e spazi concepiti per atleti e spettatori disabili

Un’astronave pronta ad accogliere tutti gli sport è atterrata a Milano: è questa l’immagine che suscita il nuovo palazzetto dello sport inaugurato oggi in piazzale Stuparich. Dopo nove anni di lavori, il Palalido – oggi Allianz Cloud – è stato presentato in una veste completamente rinnovata: una struttura moderna a forma ellittica, 5 mila posti per gli spettatori, un tetto coperto e integrato con pannelli fotovoltaici e isolanti, illuminazione con tecnologia led e modularità dell’impianto di riscaldamento. continua a leggere

Milano, rinasce il Palalido: l’Allianz Cloud è ipertecnologico

{}

Basket, Milano: ufficiale, Messina nuovo allenatore


ett

articolo: https://www.repubblica.it/sport/basket/2019/06/11/news/olimpia_milano_pianigiani_addio_messina-228505193/?ref=RHPPBT-VS-I195585581-C6-P19-S2.2-T1

MILANO – Ettore Messina è il nuovo allenatore di Milano. L’Olimpia riparte dal 60enne (li compirà il prossimo 30 settembre) tecnico nato a Catania, che ha firmato un contratto di tre anni. Oltre al ruolo di capo allenatore, Messina sarà “President of Basketball Operations” del club, in pratica il capo dell’intera area tecnica. Messina avrà pieni poteri sul mercato e sulla scelta dello staff (Massimo Cancellieri, uno dei vice di Pianigiani, si è accasato a Ravenna, altri lasceranno il club). Contestualmente all’arrivo di Messina, Milano ha annunciato che a partire dal 1° luglio Pantaleo Dell’Orco, braccio destro di Armani, assumerà la carica di presidente del consiglio d’amministrazione del club. Nell’organigramma potrebbe
presto entrare anche Claudio Crippa, uomo fidato di Messina (di cui è stato giocatore alla Virtus Bologna) e attuale scout per l’Europa di San Antonio. continua a leggere

Risultati immagini per Basket, Milano: ufficiale, Messina

Ettore Messina (Catania, 30 settembre 1959) è un allenatore di pallacanestro italiano dall’11 giugno 2019 alla guida dell’Olimpia Milano. Dal 2014 al 2019 vice-allenatore dei San Antonio Spurs e fino a settembre 2017 commissario tecnico della Nazionale italiana.

Carriera

Carriera da allenatore

1980-1982 Basket Mestre (giov.)
1982-1983 A.P.U. Udine (vice)
1983-1989 Virtus Bologna (vice)
1989-1993 Virtus Bologna
1992-1997 Italia Italia
1997-2002 Virtus Bologna
2002 Virtus Bologna
2002-2005 Treviso
2005-2009 CSKA Mosca
2009-2011 Real Madrid
2011-2012 L.A. Lakers (vice)
2012-2014 CSKA Mosca
2014-2019 San Antonio Spurs (vice)
2015-2017 Italia Italia
2019- Olimpia Milano
Palmarès
Eurolega 4 vittorie
Coppa delle Coppe 1 vittoria
VTB United League 3 vittorie
Campionato italiano 4 vittorie
Campionato russo 6 vittorie
Coppa Italia 7 vittorie
Coppa di Russia 2 vittorie
Supercoppa italiana 1 vittoria

Basket, doping; Olimpia Milano: ……..


Basket, doping; Olimpia Milano: Burns positivo ad un anabolizzante

Olimpia Milano: dubbio Christian Burns per il derby con Varese

articolo: https://www.repubblica.it/sport/basket/2019/06/05/news/basket_olimpia_milano_burns_positivo_ad_un_anabolizzante-228033260/

MILANO, 05 giugno 2019 – – Un brutto caso doping per il basket italiano: l’ala della nazionale e dell’Olimpia Armani Christian Charles Burns ha infatti fallito un test fatto effettuare da Nado Italia alla fine della partita che la squadra milanese ha giocato contro l’Alma Trieste il 12 maggio. Burns è risultato positivo ad un metabolita di Clostebol (anabolizzante). Il giocatore è stato sospeso in via cautelare.

F1, è morto Niki Lauda, aveva 70 anni. Tra i migliori piloti di sempre


Risultati immagini per niki lauda

articolo: https://www.repubblica.it/sport/formulauno/2019/05/21/news/f1_e_morto_niki_lauda_aveva_70_anni-226787615/?ref=RHPPBT-BH-I226825238-C12-P1-S1.12-T1

“Con profonda tristezza, annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia lunedì scorso”, si legge in un comunicato diffuso dalla famiglia e pubblicato da The Sun. E’ considerato tra i migliori piloti di sempre. Nel corso della sua carriera ha disputato 171 Gran Premi vincendone 25. Il cordoglio del Circus

E’ morto, all’età di 70 anni, Niki Lauda, la leggenda della Formula 1. “Con profonda tristezza, annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia lunedì scorso”, si legge in un comunicato diffuso dalla famiglia e pubblicato da The Sun.

 “I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l’azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, un padre e nonno lontano dal pubblico, e ci mancherà”, scrivono i familiari.

E’ considerato tra i migliori piloti di sempre. Nel corso della sua carriera ha disputato 171 Gran Premi vincendone 25.

L’ex pilota era stato ricoverato presso una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni, sottoponendosi ad un trattamento di dialisi resosi necessario per migliorare le proprie condizioni. continua a leggere

Niki Lauda – Nurburgring 1976

Addio Niki Lauda: la carriera sportiva di una leggenda della F1

Vergogna a Milano, genitori al cestista 13enne: “Negro di m…”


Lo scrive su Facebook la mamma del ragazzino che partecipava a un torneo Under 13: “Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera”

articolo: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/19-05-2019/gli-urlano-negro-ma-razzismo-un-torneo-basket-milano-3301749571406.shtml

“Buongiorno. Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare allo Schuster Under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato negro di merda. Complimenti. Evviva lo sport”. La denuncia arriva da Rita Aicardi, mamma di un ragazzino di origine etiope vittima di un atto di discriminazione razziale. Il post l’ha scritto lei stessa ieri sera sul gruppo Facebook della Asd Tigers Basket Milano, avversaria dello Schuster in cui milita suo figlio. L’episodio si sarebbe verificato sabato pomeriggio, durante un torneo amichevole. Dagli spalti sarebbero partiti degli insulti razzisti. continua a leggere

 

 

F1: Gp Monza per il quinquennio 2020-2024, c’è l’intesa


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/f1/2019/04/30/f1-gp-monza-per-il-quinquennio-2020-2024-ce-lintesa_69acb8ef-ec30-4a06-8c17-f9e52fa9fd3e.html

Aci e Formula 1 hanno raggiunto un’ intesa di massima per quanto riguarda gli aspetti economici del contratto di collaborazione relativo al Gran Premio d’Italia a Monza per il quinquennio 2020-2024. Il Consiglio Generale dell’Automobile Club d’Italia ha dato, quindi, mandato al Presidente Angelo Sticchi Damiani di proseguire la negoziazione con F1 (la proprietà è di Liberty Media) su tutti gli aspetti tecnici e commerciali relativi alla partnership, in modo da giungere, in tempi brevi, alla firma del contratto e rendere pienamente operativa la collaborazione.

Doping: nuoto, positivo azzurro Vergani


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/altrisport/2019/04/19/doping-nuoto-positivo-azzurro-vergani_60b44dc6-205a-4ae0-ac44-4c2ca2ca3242.html

Il nuotatore azzurro Andrea Vergani è risultato positivo alla cannabis ad un controllo effettuato da Nado Italia durante i recenti campionati tricolori assoluti. Vergani, che è uno dei talenti emergenti del nuoto italiano, ha conquistato la medaglia di bronzo ai mondiali in vasca corta 2018 e detiene la miglior prestazione mondiale del 2019 sui 50 m. stile libero.

Ciclismo, è morto Patrick Sercu, re delle sei giorni


File:Patrick Sercu 1967.jpg

Patrick Sercu (Roeselare, 27 giugno 1944 – 19 aprile 2019) è stato un pistard ed ex ciclista su strada belga. Professionista dal 1964 al 1983, fu campione olimpico a Tokyo 1964 nel chilometro da fermo, tre volte mondiale nella velocità, e ben 11 volte campione europeo omnium endurance. È soprannominato “Il Re delle Sei Giorni”

articolo: https://www.ilmessaggero.it/sport/altrisport/ciclismo_morto_patrick_sercu_re_sei_giorni-4441073.html

Il mondo del ciclismo è in lutto. È morto oggi, all’età di 74 anni, Patrick Sercu, uno dei più grandi pistard della storia, specializzato nelle ‘Sei giornì. La notizia della morte del belga, nato il 27 giugno 1944 a Roeselare, fra gli altri, è stata pubblicata sul sito de L’Equipe. A soli 20 anni, Sercu vinse l’oro alle Olimpiadi di Tokyo, nel chilometro da fermo, battendo l’azzurro Vanni Pettenella. È stato, inoltre, tre volte iridato nella velocità e ben 11 volte campione europeo Omnium Endurance. In carriera, Sercu ha vinto 88 ‘Sei giornì: nessuno come lui. Anche nelle prove su strada, il belga è stato grande protagonista negli anni ’60 e ’70: al Giro d’Italia ha ottenuto 13 successi di tappa ai quali vanno aggiunte sei frazioni al Tour de France, dove nel 1974 si aggiudicò anche la classifica a punti. Su strada conta, inoltre, un successo nella Kuurne-Bruxelles-Kuurne e il ruolo da protagonista assoluto in numerossime volate al cardiopalmo, molte delle quali vinte nettamente. Dopo avere appeso la bici al chiodo, il ‘Re delle sei giornì, ha contribuito a organizzare un’altra ‘Sei giorni: quella di Gent.

Roma, le frecce tricolori danno il via alla gara di Formula E


articolo e Video: https://video.repubblica.it/edizione/roma/roma-le-frecce-tricolori-danno-il-via-alla-gara-di-formula-e/332066/332662

Le Frecce Tricolori, pattuglia acrobatica nazionale dell’Aeronautica militare, sorvolano il cielo dell’Eur, a Roma. Dopo l’esecuzione dell’inno di Mameli, l’esibizione ha dato il via al secondo E-Prix del campionato mondiale di Formula E. continua a leggere

Basket, gli americani della Virtus in discoteca dopo la sconfitta.


Basket, gli americani della Virtus in discoteca dopo la sconfitta. La società: “Li multeremo”

articolo: https://bologna.repubblica.it/sport/2019/04/09/news/basket_giocatori_della_virtus_in_discoteca_dopo_la_sconfitta_la_societa_li_multeremo_-223647358/

Bologna, 09 aprile 2019 – La Virtus multerà alcuni suoi giocatori che domenica sera, dopo la sconfitta in casa contro l’Oriora Pistoia, sono andati a Milano dove “sono rimasti fino a tarda notte intrattenendosi in locali notturni”, come scrive la società in un comunicato. Le prove? Alcune foto finite sui social network. Questi comportamenti “ledono gravemente le regole di etica e cultura di Virtus Pallacanestro, oltre a risultare irrispettose nei tempi e nei modi verso la tifoseria e la città tutta”, aggiungono i dirigenti della Vu Nera.

I giocatori in questione sono gli stranieri Chalmers, Punter, Taylor, Moreira e Martin. Sono stati ripresi e pubblicati su Instagram da un’amica di Atlanta, in viaggio in Italia, che produce parrucche. Ballano, scherzano, ridono, niente di che: quello che fanno tutti i ragazzi nel tempo libero quando si divertono. Solo che dopo una sconfitta grave come quella di domenica scorsa quelle immagini sono arrivate come una coltellata al cuore dolente del club e della tifoseria.

E la Virtus ha ravvisato in questo comportamento un’infrazione contrattuale ai regolamenti interni:
“Società, dirigenza e staff tecnico si dissociano e stigmatizzano l’atteggiamento inequivocabilmente documentato e commesso in violazione degli obblighi comportamentali gravanti su giocatori professionisti”. Per questo saranno adottati “provvedimenti sanzionatori” da determinare assieme agli avvocati.

Una bufera dopo la sconfitta di domenica al PalaDozza contro l’ultima in classifica. Aspettando le Final Four di Champions League ad Anversa a inizio maggio, con l’obiettivo dei playoff che sta sfuggendo, monta la polemica in casa bianconera.