Archivi del giorno: 29 agosto 2020

Sardegna, in campo la procura. Si indaga sui locali dei contagi


articolo: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/08/28/news/sardegna_in_campo_la_procura_si_indaga_sui_locali_dei_contagi-265732611/?ref=RHPPTP-BH-I265483598-C12-P1-S3.4-T1

Dal Billionaire al Phi Beach, al vaglio i video delle feste. Prime denunce ai sindacati: “Non c’era la percezione del pericolo”. Nel Lazio via ai test per chi si imbarca a Civitavecchia. Piano della Protezione civile per il rientro dei turisti positivi

TEMPIO PAUSANIA – Nel giorno in cui la Sardegna sfonda la soglia psicologica delle duemila positività (siamo a 2.022, per la precisione), la procura di Tempio si muove sul caso dell’infezione della Costa Smeralda. E sono primi passi molto cauti. È stato aperto infatti un fascicolo d’inchiesta che, al momento, è privo di indagati e di ipotesi di reato, ma che potrebbe presto essere rimpolpato con le testimonianze dei dipendenti contagiati nei locali della movida. A cominciare da quelli del Billionaire di Flavio Briatore.
L’indagine sulla movida – I magistrati hanno visionato le foto e i filmati postati sui social a cavallo di Ferragosto, quelli in cui si vedono chiaramente i clienti (e talvolta anche i membri dello staff) ballare o girare tra i tavoli senza mascherina, e hanno acquisito alcuni articoli di giornale. Per ora si tratta di un’indagine conoscitiva. Nessuno, in procura a Tempio, fornisce dettagli. Né lo fa il procuratore capo Gregorio Capasso, che si trova ancora in ferie. Gli inquirenti stanno valutando preliminarmente se quelle immagini e le presunte violazioni dei protocolli anti-Covid che esse testimoniano, possano configurare delle ipotesi di reato. L’approfondimento segue necessariamente la coda del contagio, dunque non riguarda solo il Billionaire di Briatore (59 i contagiati nello staff), ma è esteso a tutti i locali interessati: tra questi il Phi Beach di Baja Sardinia (una ventina i dipendenti positivi), il Controvento di Porto Cervo (almeno due positivi tra cui il controverso ristoratore Johnny Micalusi, ricoverato in gravi condizioni a Sassari), il Country Club di Porto Rotondo (l’esito complessivo dei tamponi è ancora incerto), il resort sull’Isola di Santo Stefano (25 positivi tra i lavoratori) alla Maddalena.   continua a leggere

Maxirogo sterpaglie, chiuso Raccordo Roma e traffico in tilt


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/29/maxirogo-sterpaglie-chiuso-raccordo-roma-e-traffico-in-tilt_0c7338bc-2876-4849-af6c-7025bd41ad7d.html

Maxirogo sterpaglie, chiuso Raccordo Roma e traffico in tilt

Un maxi incendio di sterpaglie ha provocato la chiusura del Grande raccordo anulare di Roma non lontano dall’uscita per l’Aurelia, con conseguente paralisi del traffico nella corsia interna. L’incendio è divampato a ridosso di via del Pescaccio e una nube di fumo si è sollevata sulla zona. A quanto riferito dai pompieri, la corsia interna del Raccordo è stata momentaneamente interdetta al transito dalla Polizia Stradale. L’incendio è divampato all’altezza del chilometro 65 del Grande raccordo anulare. Sul posto vigili del fuoco con l’ausilio di un elicottero per una ricognizione dall’alto e la polizia locale. A quanto si è appreso, alcune abitazioni sono state evacuate per precauzione. 

incendio-roma-grande-raccordo-anulare-300x225-1

 Le giornate di oggi e di domenica sono da bollino rosso. Si tratta infatti dell’ultimo fine settimana del mese di agosto con traffico già intenso per i rientri dei vacanzieri nei principali centri urbani

Forniture interrotte e scorte esaurite: emergenza guanti negli ospedali lombardi


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/08/29/news/coronavirus_in_lombardia_emergenza_guanti-265747970/

Il venditore ha alzato il prezzo da 0,20 a 1,20 euro. Ne servono 3 milioni al mese solo di quelli sterili

I rubinetti si sono chiusi quindici giorni fa quando, in pieno agosto, il fornitore di Regione, quello che garantiva gli ordini già prima del Covid con un “contratto, tra l’altro, che prevedeva il prezzo bloccato“, ha sospeso gli ordini importanti: “Ha chiesto una maggiorazione sui guanti sterili del 500 per cento, da 20 centesimi a 1,20 euro a pezzo“, dice il direttore generale del Welfare Marco Trivelli. Risultato: in tutta la Lombardia “c’è una grave carenza di guanti, gli ospedali li hanno e tutto quello che riusciamo a reperire viene inviato ma non riusciamo ad avere scorte a livello centrale“.
Qualche goccia, starebbe arrivando: due giorni fa “dal fornitore abbiamo ricevuto guanti non sterili per dieci giorni. I singoli ospedali hanno scorte aziendali di guanti sterili che vanno dai 5 giorni a qualcuno che arriva a due mesi“. Ma non basta. Il fabbisogno giornaliero di guanti non sterili, solo per gli ospedali pubblici, è di 30 milioni al mese, tre milioni per quelli sterili. Tanto che, dice ancora Trivelli, “abbiamo scritto al commissario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri, che ha l’esclusiva sugli acquisti dei dispositivi di protezione: chiediamo che ci inviino materiale o di agire in proprio facendo nostre gare. In ogni caso, se non avremo risposte, vista l’urgenza, lunedì decideremo se fare comunque un bando o passare alla revisione della gara, non a quei livelli di prezzo, perché qualcosa dovremo fare“. Anche se per molti non servirebbe alcun via libera: non c’è esclusiva sugli acquisti. Da quanto si apprende dagli uffici del commissario, poi, nei giorni scorsi la struttura avrebbe offerto alla Lombardia guanti in nitrile non certificati frutto di una requisizione, che la Regione però avrebbe rifiutato e che sono stati distribuiti ad altri territori. “I guanti offerti non avevano la certificazione Ce che serve per le strutture sanitarie – continua Trivelli – . Comprendo le difficoltà della strutturale commissariale e confido che la prossima settimana la situazione si risolva“. Ma il consigliere regionale del Pd, Pietro Bussolati, attacca: “Regione è costantemente in ritardo sugli strumenti basici per non lasciare soli medici e infermieri“. continua a leggere

Maltempo: nubifragio a Milano, allagamenti nell’hinterland e non solo….


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/08/29/maltempo-nubifragio-a-milano-allagamenti-nellhinterland_fda9fba0-54b3-4fcd-b395-f48c6d19fdc5.html

Colpite più duramente zone a nord del capoluogo. Tetto scoperchiato in una Rsa, trasferiti i pazienti

Vigili del fuoco al lavoro, da ieri sera, per arginare i danni del violento nubifragio che si è abbattuto, a più riprese, su Milano e l’hinterland milanese.
Sono alcune decine gli interventi per tetti scoperchiati, allagamenti di cantine e sottopassi, cornicioni pericolanti, e soprattutto cadute di alberi, anche se fortunatamente non si registra nessun ferito.

Milano, nubifragio sulla città. Scoperchiato il centro geriatrico di Quarto Oggiaro

Una complessa operazione di trasferimento si è resa necessaria, in una Rsa milanese, a causa dello scoperchiamento di un tetto provocato dal nubifragio. Una decina gli ospiti che sono stati portati via, sotto la pioggia, tra misure di sicurezza Covid, dalle ambulanze del 118. E’ accaduto in via Arsia, nella periferia nord del capoluogo, poco dopo le 21. A causa dei danni inflitti dalla pioggia sono stati portati in un’altra sede del gruppo, in via Paravia, i pazienti che si trovavano in un reparto isolato all’ultimo piano, tutti in attesa dell’esito del tampone. Sul posto anche i vigili del fuoco, per la messa in sicurezza del tetto.

download

Dalle 21 di ieri, e poi ancora intorno alla mezzanotte, vento, pioggia e fulmini si sono scatenati sulla metropoli provocando l’intasamento dei tombini e delle ‘bocche di lupo’ dei marciapiedi, e creando gigantesche pozze. In metropolitana ci sono state alcune infiltrazioni, con la Lilla che ha riportato il blocco di svariate scale mobili in diverse stazioni.

I danni più consistenti, secondo il Comando provinciale dei vigili del fuoco, si sarebbero avuti nella zona a Nord di Milano, tra Sesto San Giovanni e Monza, ma anche a Lecco, Como e nelle zone montane.

Stamani in Lombardia è ancora attiva l’allerta meteo (gialla o arancione a seconda dei comparti) ma dalla centrale operativa della Polizia Locale non si segnalano criticità ai fiumi Seveso e Lambro.

Colpito non solo Milano: 

NUBIFRAGI SUL PIEMONTE, FRANE E FANGO NEL NORDEST

Ancora tempesta nel Veronese: grandinate e allagamenti, finisce sott’acqua 

Covid: anche Kluivert, quarto caso per la Roma


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2020/08/28/calcio-roma-anche-bruno-peres-positivo-al-covid-19_22c47d56-7a76-43d8-a862-34394bac7fb2.html

Justin Kluivert © ANSA

Salgono a quattro i positivi al coronavirus a Trigoria, anche se la Roma per rispetto della privacy mantiene il riserbo. L’ultimo della lista è Justin Kluivert, il cui tampone effettuato ieri nel centro sportivo giallorosso è risultato positivo al Covid-19 esattamente come quello del compagno di squadra Bruno Peres. Anche l’olandese e’ asintomatico. Il primo a comunicare la propria positività è stato il portiere Mirante, seguito ieri da Carles Perez, rimasto in Spagna. E proprio in Spagna, ad Ibiza, Kluivert aveva trascorso qualche giorno di vacanza prima del rientro nella Capitale. Adesso lo attendono due settimane di isolamento e salterà quindi le prime due amichevoli della Roma in programma il 5 settembre a Trigoria col Benevento e il 9 in casa del Frosinone.

L’urlo di Washington in marcia contro il razzismo


8e6f0ef34effd7259e9d74b76a7d1a43

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2020/08/28/blake-famiglia-e-ammanettato-al-letto-di-ospedale_df234d90-ea95-4220-a7d5-0eefb12c91bf.html

Jacob Blake, l’afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale

Jacob Blake, l’afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale. Lo riporta la Cnn. Il padre di Blake in una intervista aveva denunciato come il figlio, nonostante le gravi condizioni e l’impossibilità di muoversi, fosse ancora ammanettato. Secondo quanto si apprende anche i poliziotti che piantonavano la stanza del ricovero sono stati richiamati. Tutti i capi di imputazione nei confronti di Blake, inoltre, sono caduti. Il ventinovenne, a cui un agente ha sparato ben sette colpi di pistola alla schiena, è ora cosciente e incontrando i suoi familiari, ha raccontato il legale della famiglia, ha pianto. “Stanca e frustrata“: in un tweet Michelle Obama descrive il suo sentimento di fronte al caso Blake e all’ennesimo episodio di violenza della polizia contro un afroamericano, accusando la Casa Bianca di Donald Trump di alimentare un “razzismo sistematico“. “Quante volte ormai i nostri ragazzi hanno visto la mancanza di empatia, le divisioni, un razzismo sistematico. A volte lo hanno visto nelle notizie. A volte dal Rose Garden della Casa Bianca. A volte dai sedili posteriori di un’auto“, ha aggiunto riferendosi ai figli di Jacob Blake che hanno assistito al ferimento del padre. continua a leggere

Addio Chadwick Boseman, morto l’attore di Black Panther


Chadwick-Boseman-1152x768

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2020/08/29/cinema-morto-lattore-di-black-panther_93e88667-2157-4972-851b-b320dffdb804.html

Ucciso da un cancro al colon, aveva 42 anni ed era diventato un’icona black

E’ morto a 42 anni per un cancro al colon Chadwick Boseman, attore statunitense protagonista nel 2018 di ‘Black Panther’ della Marvel Comics.
Boseman non aveva discusso pubblicamente della sua malattia, che gli era stata diagnosticata per la prima volta nel 2016, e aveva continuato a lavorare su grandi produzioni film di Hollywood. “È stato un onore nella sua carriera dare vita a Re T’Challa in Black Panther“, si legge in una dichiarazione pubblicata sugli account social di Boseman. “È morto a casa sua, con la moglie e la famiglia al suo fianco“, spiega il suo ufficio stampa.
Boseman è diventato il primo supereroe nero a ottenere un suo film indipendente nel franchise da record Marvel. ‘Black Panther‘, ambientato nell’immaginario regno africano di Wakanda, è stato adorato dalla critica e dal pubblico diventando la prima pellicola tratta da un fumetto ad essere nominata per il miglior film agli Oscar e incassando oltre 1 miliardo di dollari in tutto il mondo.

All’inizio della sua carriera Boseman ha interpretato le icone nere Jackie Robinson in ’42’ e James Brown in ‘Get on up’.
Recentemente è apparso in “Da 5 bloods” di Spike Lee e nel sequel di ‘Black Panther’ previsto per il 2022

Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa….. – In Abruzzo la prima zona rossa…….


Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa: 22 positivi alla Quarenghi

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/08/28/news/coronavirus_milano_rsa_focolaio-265674486/

Contagiati 21 ospiti e un operatore sanitario: solo uno ha sintomi ma metà degli anziani già ricoverati in ospedale, gli altri in isolamento

Milano, nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa: 22 positivi alla Quarenghi

Il Coronavirus torna nelle residenze per anziani: alla rsa Quarenghi, periferia Nord Ovest di Milano, sono risultati positivi al tampone 21 ospiti e un operatore sanitario. Lo riporta il quotidiano Il Giorno, spiegando che comunque solo uno dei contagiati presenta sintomi.

Proprio a causa dei sintomi a questa persona è stato fatto il tampone, risultato positivo. Immediatamente è stato eseguito a tutti gli utenti della struttura (oltre 120) e al personale ed è così che si è scoperto il focolaio. Dei 21 positivi la metà sono già stati ricoverati in ospedale in reparti Covid, gli altri dieci sono isolati in attesa di un posto, mentre l’operatore è stato messo a riposo. “La situazione – assicurano da Coopselios, che gestisce la struttura – è gestita e monitorata quotidianamente dal personale sanitario e socio-assistenzale dell’ente gestore nel rispetto delle procedure e dei protocolli in essere“.


In Abruzzo la prima zona rossa dopo il lockdown: chiusa la frazione di Casamaina a Lucoli

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/08/28/news/zona_rossa_abruzzo_lucoli_casamaina-265676104/?ref=RHPPTP-BH-I265483598-C12-P1-S1.8-T2

In Abruzzo la prima zona rossa dopo il lockdown: chiusa la frazione di Casamaina a Lucoli

Il sindaco di Lucoli, Valter Chiappini, ha firmato un’ordinanza per istituire la zona rossa nella frazione di Casamaina, dove, nei giorni scorsi, erano emersi 12 casi di positività al coronavirus. Benchè fosse emerso che i contagi riguardassero i membri di un unico nucleo familiare, il primo cittadino del comune in provincia dell’Aquila aveva deciso di effettuare i tamponi su tutta la popolazione residente nella frazione e di estenderli poi a tappeto in tutto il comune. Nella serata di ieri è arrivata la decisione sulla zona rossa, che rimarrà in vigore dalla mezzanotte del 28 agosto fino alla mezzanotte del primo settembre.