Archivi del giorno: 7 gennaio 2021

Adobe abbandona Flash, ecco come eliminarlo da tutti i browser e dai sistemi operativi


articolo: https://www.corriere.it/tecnologia/21_gennaio_06/adobe-abbandona-flash-ecco-come-eliminarlo-tutti-browser-sistemi-operativi-0ba7bfd4-4ea0-11eb-80d3-dd4bb2b89fab.shtml

Il 2021 segna la data di morte di uno dei protagonisti della multimedialità sul web e la casa madre consiglia di disinstallarlo subito

Questo 2021 vede scomparire un mito dell’informatica: Adobe Flash. Software pionieristico nato nel 1996, da quest’anno non è più supportato e Adobe ha consigliato di disinstallarlo. Flash è stato fondamentale per la Rete, permetteva infatti di creare contenuti grafici e interattivi come cartoni animati e videogiochi prima della diffusione delle tecnologie attuali. Da Angry Birds a Clash of Clans passando per FarmVille, Machinarium e Super Mario 64, sono tanti i capisaldi del gaming che hanno beneficiato di questa tecnologia. In più andrebbero citati i migliaia di contenuti fruibili via web e gli «instant game» nati per parodiare fatti di cronaca o personaggi famosi.

Nonostante permettesse una programmazione rapida e una multimedialità che allora sembrava incredibile, Flash è sempre stato criticato per i suoi punti deboli. Spesso appesantiva il browser tanto da bloccare l’intero sistema (parliamo pur sempre di vent’anni fa) ma soprattutto presentava falle di sicurezza così evidenti che fin dal 2010 si consigliava di disinstallarlo o bloccarlo. La presa di posizione più forte avvenne proprio 11 anni fa quando Steve Jobs disse chiaramente che Apple non ne avrebbe permesso l’uso su iPhone, iPod touch o iPad.

Come controllare se abbiamo ancora Flash Oggi che è stato soppiantato da tecnologie più recenti, performanti e sicure come HTML5, Flash va definitivamente in pensione e Adobe consiglia di disinstallarlo immediatamente. Farlo è semplice. Prima di tutto controlliamo se Flash è installato andando in questa pagina e cliccando sull’immagine in basso. Se vedete le nuvole animarsi dovete disinstallare il software altrimenti siamo a posto.

Come cancellarlo su Windows – Su Windows bisogna scaricare il programma ad hoc e, prima di avviarlo, chiudere tutti i browser e ogni altro programma che usa Flash. Ultimo passo è cancellare file e cartelle di Flash. Clicchiamo su Start con il tasto destro del mouse, scegliamo «Esegui» e poi copiamo questa stringa: C:\Windows\system32\Macromed\Flash. Cancelliamo quindi tutto il contenuto e ripetiamo l’operazione con una seconda stringa: C:\Windows\SysWOW64\Macromed\Flash%appdata%\Adobe\Flash Player%appdata%\Macromedia\Flash Player. Riavviamo e il gioco è fatto.

Come eliminarlo dal Mac – Sui computer Mac l’operazione è ancora più rapida. Prima controlliamo la versione del nostro sistema operativo (MacOs) cliccando sulla Mela in alto a sinistra e scegliendo «Informazioni su questo Mac». A questo punto scarichiamo il programma di disinstallazione di Flash: per macOS 10.4 e successive scarichiamo questo file, per macOS 10.6 questo e infine per macOS 10.3 e precedenti quest’ultimo. Controlliamo quindi che i browser e i programmi che usano Flash siano tutti chiusi e avviamo il programma di disinstallazione. Dopo il riavvio tutto sarà stato cancellato. Per esserne certi basta controllare qui.

Come disattivarlo dai browser – Ultimo passo è disattivare Flash Player da tutti i nostri browser. Su Internet Explorer clicchiamo sull’icona a forma di ingranaggio in alto a destra e selezioniamo «Gestione componenti aggiuntivi». Con il tasto destro clicchiamo su «Shockwave Flash Object» e selezioniamo «Disabilita».

Su Edge la procedura è simile. Clicchiamo sui tre puntini in alto a destra, scegliamo «Impostazioni» e scendiamo in basso fino a Visualizza Impostazioni Avanzate. Altro clic e portiamo su «Disattivato» la voce «Usa Adobe Flash Player».

Passiamo quindi a Chrome dove basta scrivere nella barra degli indirizzi chrome://plugins. Scegliamo la voce Adobe Flash Player e clicchiamo su «Disabilita».

Per Firefox clicchiamo sulle tre linee in alto a destra e scegliamo «Componenti aggiuntivi». Scegliamo quindi «Plugin» sulla barra a sinistra e cerchiamo la voce «Shockwave Flash». Possiamo quindi scegliere se disattivarlo cliccando su «Non attivare mai» o scegliere di attivarlo solo se serve selezionando «Chiedi prima di attivare». Può essere utile a chi naviga ancora siti molto vecchi e non vuole perdersi i contenuti multimediali presenti. La versione 85 del browser prevista per il 26 gennaio 2021 verrà fornita direttamente senza supporto Flash.

Da ultimo ecco Safari. Clicchiamo sulla scritta «Safari» nella barra superiore della scrivania e scegliamo «Preferenze». Da qui andiamo su Siti web e quindi scorriamo la barra sinistra in basso. Qui dovrebbe apparire Adobe Flash e basta togliere la spunta per disattivarlo. Ad ogni modo, la versione 14 del browser di Apple rilasciata nel settembre 2020 è già «pulita». Non carica infatti Flash Player e non riproduce i contenuti Flash.

Morto «Solange», il sensitivo e personaggio televisivo Paolo Bucinelli aveva 68 anni


articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/21_gennaio_07/morto-solange-sensitivo-paolo-bucinelli-aveva-68-anni-5fdc6faa-5111-11eb-a017-fd5e98d313bc.shtml?fbclid=IwAR2LXC6wnSVJQTSVy4z-S5Kt5xRTUe-o1ZFxYKgT-ETHAOAKjP-LWUr3E-Y

Paolo Bucinelli “Solange”

Da giorni gli amici cercavano di contattarlo: è scomparso per cause naturali

Il sensitivo e noto volto televisivo livornese Paolo Bucinelli, 68 anni, conosciuto con il nome d’arte «Solange», è stato ritrovato morto nel pomeriggio di oggi nella sua abitazione di Collesalvetti (Livorno). A trovare il corpo i vigili del fuoco, avvisati da alcuni amici di Bucinelli che si erano preoccupati perché non rispondeva da giorni al telefono. Una volta arrivati a casa gli amici hanno provato a chiamarlo e hanno sentito suonare il cellulare da fuori la porta, a quel punto hanno chiesto aiuto ai vigili del fuoco che una volta entrati nell’abitazione hanno trovato il cadavere sul divano. Il medico del 118 intervenuto sul posto con i carabinieri ha confermato il decesso che sarebbe avvenuto per cause naturali. Secondo quanto raccolto dai militari Bucinelli era andato al pronto soccorso domenica scorsa per un problema glicemico e poi era stato dimesso.

Parma, esonerato Liverani: al suo posto torna D’Aversa


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/2021/01/07/news/parma_esonerato_liverani_al_suo_posto_arriva_d_aversa-281512325/

Il club ha ufficializzato la decisione. Fatale al tecnico la pesante sconfitta con l’Atalanta

PARMA – E’ ufficiale l’esonero dell’allenatore del Parma Fabio Liverani, dopo la sconfitta di Bergamo. Il tecnico, spiega il club, “è stato sollevato dal suo incarico di allenatore della Prima Squadra“.

La società “ringrazia Liverani e il suo staff per il lavoro svolto sulla panchina crociata e gli augura il meglio per il prosieguo della carriera“. Intanto a Parma è atteso il ritorno di Roberto D’aversa. Attorno all’ora di pranzo avrà un summit coi dirigenti

Spagna, Athletic Bilbao in lutto: morto a 23 anni Aitor Gandiaga


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/01/04/news/spagna_athletic_bilbao_in_lutto_morto_a_23_anni_aitor_gandiaga-281093481/

Il talentuoso attaccante, girato in prestito a Gernika in terza divisione, è deceduto in seguito a un incidente stradale. Il cordoglio del club basco: “Dolore enorme per un giovane che ha lasciato il segno”

BILBAO – La Spagna e l’Athletic Bilbao piangono Aitor Gandiaga. Il talentuoso 23enne attaccante che club basco aveva mandato a fare esperienza al Gernika in Tercera Division, ha perso la vita domenica sera in un terribile incidente stradale. Secondo il quotidiano spagnolo ‘Marca’, il giocatore si sarebbe schiantato contro un autobus per cause ancora da accertare nei pressi del valico di Iruzubieta, nella sua città natale di Markina-Xemein, nei Paesi Baschi.

Il cordoglio dell’Athletic – A dare la notizia, dopo le prime indiscrezioni, è stato lo stesso Athletic che ha poi espresso il proprio cordoglio: “E’ un dolore enorme per un giovane che ha lasciato il segno su Lezama. Un grande abbraccio a famiglia, amici e compagni di squadra di Gernika”. Gandiaga aveva militato nell’under 19 dell’Eibar, per poi passare nella seconda squadra dell’Athletic, il Basconia, e quest’anno era finito in prestito al Gernika, formazione della terza divisione spagnola.

Usa, il Congresso certifica l’elezione di Biden. Quattro morti durante gli scontri


America sotto shock dopo l’assalto al Congresso. Ora la proclamazione di Biden

articolo: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2021/01/07/news/america_sotto_shock_dopo_l_assalto_al_congresso_proclamazione_di_biden-281465489/?ref=RHTP-BH-I281402347-P3-S1-T1

Polemiche per una  polizia inadeguata e sopraffatta. Manovre all’interno della Casa Bianca per far scattare il 25esimo emendamento della Costituzione che consente di esautorare Trump

Washington – Prima dello scoccare della mezzanotte, Camera e Senato bocciano gli ultimi ricorsi contro l’elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti: è un segnale di ritorno alla normalità, dopo la giornata drammatica in cui il “terrorismo domestico” ha preso in ostaggio le istituzioni. L’America sotto shock, tramortita dalle immagini del suo Congresso invaso e occupato, ha cominciato a riprendersi cinque ore dopo la battaglia di Washington.

La prima risposta è venuta dalle forze dell’ordine che hanno riconquistato il controllo della capitale con il coprifuoco scattato alle sei di sera. La seconda risposta l’hanno data le istituzioni: Camera e Senato si sono riuniti nuovamente, dopo l’assalto e l’evacuazione forzata, e hanno portato a termine la certificazione della vittoria di Biden respingendo i ricorsi. Ma lo stress post-traumatico resta enorme, gli interrogativi si addensano, e su tutti domina questo: quali altri danni può fare alla democrazia americana Donald Trump nelle due settimane che restano fino all’Inauguration Day? Può rimanere a capo dell’esecutivo, dopo aver scatenato “una giornata che resterà nella storia come un’infamia” (così l’ha definita il capogruppo democratico al Senato, Chuck Schumer, citando la definizione che Franklin Roosevelt diede dell’attacco a Pearl Harbor nel dicembre 1941). La condanna del comportamento di Trump ha unito gli ex presidenti Barack Obama, George Bush e Bill Clinton. Bush ha detto: “E’ così che i passaggi di potere avvengono nelle repubbliche delle banane”. continua a leggere


Trump: “Ci sarà transizione ordinata”. Tra le persone rimaste uccise una veterana dell’Aeronautica. A Washington resta l’emergenza fino 21 gennaio

Dopo l‘assalto al Congresso da parte dei supporter di Donald Trump secondo cui le elezioni erano truccate, Camera e Senato Usa hanno bocciato tutti i ricorsi e hanno certificato l’elezione di Joe Bide alla Casa Bianca. Il presidente Donald Trump: “Non sono d’accordo, ma ci sarà una transizione ordinata“. “E’ la fine del più grande mandato presidenziale della storia, ma è solo l’inizio della nostra lotta per fare l’America di nuovo grande – si legge in una dichiarazione diffusa dala Casa Bianca – Ho sempre detto che continueremo la nostra lotta per assicurare che solo i voti legali contino“.

Intanto il numero dei morti, durante i disordini e l’assalto al Congresso, sale a quattro e la polizia ha confermato che sono stati rinvenuti ordigni esplosivi davanti al quartier generale sia del Dnc (Democratic National Convention) e sia dell’Rnc (Republican National Convention).È stato inoltre individuato un veicolo vicino al Congresso con un fucile e molotov.

Mentre a Washington è stato dichiarato lo stato d’emergenza fino al 21 gennaio, alla Casa Bianca continua a circolare sempre più insistente la voce di un’ipotesi di rimozione immediata di Donald Trump. continua a leggere

Washington, i sostenitori di Trump assaltano il Campidoglio e si scontrano con la polizia all’interno