Archivi categoria: Esteri

Usa, il Congresso certifica l’elezione di Biden. Quattro morti durante gli scontri


America sotto shock dopo l’assalto al Congresso. Ora la proclamazione di Biden

articolo: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2021/01/07/news/america_sotto_shock_dopo_l_assalto_al_congresso_proclamazione_di_biden-281465489/?ref=RHTP-BH-I281402347-P3-S1-T1

Polemiche per una  polizia inadeguata e sopraffatta. Manovre all’interno della Casa Bianca per far scattare il 25esimo emendamento della Costituzione che consente di esautorare Trump

Washington – Prima dello scoccare della mezzanotte, Camera e Senato bocciano gli ultimi ricorsi contro l’elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti: è un segnale di ritorno alla normalità, dopo la giornata drammatica in cui il “terrorismo domestico” ha preso in ostaggio le istituzioni. L’America sotto shock, tramortita dalle immagini del suo Congresso invaso e occupato, ha cominciato a riprendersi cinque ore dopo la battaglia di Washington.

La prima risposta è venuta dalle forze dell’ordine che hanno riconquistato il controllo della capitale con il coprifuoco scattato alle sei di sera. La seconda risposta l’hanno data le istituzioni: Camera e Senato si sono riuniti nuovamente, dopo l’assalto e l’evacuazione forzata, e hanno portato a termine la certificazione della vittoria di Biden respingendo i ricorsi. Ma lo stress post-traumatico resta enorme, gli interrogativi si addensano, e su tutti domina questo: quali altri danni può fare alla democrazia americana Donald Trump nelle due settimane che restano fino all’Inauguration Day? Può rimanere a capo dell’esecutivo, dopo aver scatenato “una giornata che resterà nella storia come un’infamia” (così l’ha definita il capogruppo democratico al Senato, Chuck Schumer, citando la definizione che Franklin Roosevelt diede dell’attacco a Pearl Harbor nel dicembre 1941). La condanna del comportamento di Trump ha unito gli ex presidenti Barack Obama, George Bush e Bill Clinton. Bush ha detto: “E’ così che i passaggi di potere avvengono nelle repubbliche delle banane”. continua a leggere


Trump: “Ci sarà transizione ordinata”. Tra le persone rimaste uccise una veterana dell’Aeronautica. A Washington resta l’emergenza fino 21 gennaio

Dopo l‘assalto al Congresso da parte dei supporter di Donald Trump secondo cui le elezioni erano truccate, Camera e Senato Usa hanno bocciato tutti i ricorsi e hanno certificato l’elezione di Joe Bide alla Casa Bianca. Il presidente Donald Trump: “Non sono d’accordo, ma ci sarà una transizione ordinata“. “E’ la fine del più grande mandato presidenziale della storia, ma è solo l’inizio della nostra lotta per fare l’America di nuovo grande – si legge in una dichiarazione diffusa dala Casa Bianca – Ho sempre detto che continueremo la nostra lotta per assicurare che solo i voti legali contino“.

Intanto il numero dei morti, durante i disordini e l’assalto al Congresso, sale a quattro e la polizia ha confermato che sono stati rinvenuti ordigni esplosivi davanti al quartier generale sia del Dnc (Democratic National Convention) e sia dell’Rnc (Republican National Convention).È stato inoltre individuato un veicolo vicino al Congresso con un fucile e molotov.

Mentre a Washington è stato dichiarato lo stato d’emergenza fino al 21 gennaio, alla Casa Bianca continua a circolare sempre più insistente la voce di un’ipotesi di rimozione immediata di Donald Trump. continua a leggere

Washington, i sostenitori di Trump assaltano il Campidoglio e si scontrano con la polizia all’interno

Francia, Macron positivo al Covid.:…..


Francia, Macron positivo al Covid: “Poco prudente”. Screening sui contatti con altri leader Ue

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/12/17/news/francia_il_presidente_macron_positivo_al_test_covid-278722222/?ref=RHTP-BH-I274746038-P1-S7-T1

Testato dopo aver avuto “sintomi”. In isolamento first lady e Castex. Il presidente ha pranzato lunedì con Sanchez, Michel e Von der Leyen. Ieri ha visto il portoghese Costa, al recente Consiglio anche Conte. Polemica sulla cena di ieri con i politici della maggioranza: sforato il coprifuoco e il limite di persone ammesse a tavola.

Parigi, 17 dicembre 2020 – Emmanuel Macron è risultato positivo al Covid. È l’Eliseo ad annunciarlo in un comunicato spiegando che il presidente si mette in auto-isolamento di sette giorni come previsto dai protocolli sanitari. Macron ha fatto il tampone non appena ha manifestato “i primi sintomi” spiega l’Eliseo senza specificare quale siano i sintomi avuti dal presidente che compirà 43 anni la settimana prossima.

Macron aveva riunito ieri il consiglio dei ministri in presenza nel palazzo presidenziale, ma con distanziamento e mascherine per tutti, precisano i suoi collaboratori. Ma è comunque montata la polemica sul fatto che sia stato poco prudente e non abbia rispettato le regole che chiede ai francesi di osservare: ieri ha cenato con una decina di politici della maggioranza e l’incontro si è protratto fino a tarda notte, mentre in teoria c’è coprifuoco alle 20 e le autorità raccomandano la regola di 6 nelle cene private.

Il premier Jean Castex sarà messo in auto-isolamento di sette giorni e per ora è negativo al tampone. Castex è stato sostituito dal ministro della Salute Olivier Véran nella presentazione al Parlamento del piano nazionale per la vaccinazione anti Covid. continua a leggere.

Caso Regeni, l’ipotesi dei pm:


Tutti gli articoli

Caso Regeni, l’ipotesi dei pm: “Cancellati video della metro quando fu rapito”

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/12/11/news/caso_regeni_fico_da_pm_accuse_agghiaccianti_chiudere_relazioni_diplomatiche_con_egitto_-277951582/?ref=RHTP-BH-I277317896-P1-S1-T1

In un’intervista ad al-Jazeera Arabic, il presidente della Camera Roberto Fico: “Da pm italiani accuse agghiaccianti, confermo chiusura relazioni diplomatiche tra Camera e Parlamento egiziano”

Come Camera dei deputati manterremo ferma la nostra azione rispetto al chiudere le relazioni diplomatiche con l’Egitto“. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, in una intervista ad Al Jazeera Arabic, il giorno dopo la chiusura delle indagini sul rapimento, le torture e la morte del giovane ricercatore italiano, spiegando che Montecitorio conferma dunque la decisione, presa nel novembre 2018, rispetto all’interruzione dei rapporti diplomatici tra la Camera dei deputati e il Parlamento egiziano. 

Siamo stati senza dubbio sconcertati da quello che hanno scritto i magistrati della Procura italiana: sono delle accuse gravissime alla National securtity egiziana. Si tratta di parole assolutamente agghiaccianti: una descrizione delle torture subite da Regeni” prosegue il presidente della Camera. continuaa leggere

Usa, autorità elettorali: “Nessuna prova di schede perse o alterate”


Usa, autorità elettorali: “Nessuna prova di schede perse o alterate”. Zuckerberg: “Ha vinto Biden”

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/11/13/news/elezioni_usa_i_funzionari_federali_nessuna_prova_di_schede_elettorali_perse_o_alterate_-274173250/?ref=RHTP-BH-I273664141-P6-S1-T1

“L’elezione del 3 novembre è stata la più sicura della storia americana”, scrivono. Il Ceo di Facebook ai suoi dipendenti: “Esito è ormai chiaro”

 Diverse autorità elettorali americane statali e locali hanno affermato in un comunicato congiunto di non aver trovato, ad oltre una settimana dalle elezioni presidenziali, “alcuna prova” di schede perse o modificate o di sistemi di voto violati.

L’elezione del 3 novembre è stata la più sicura della storia degli Stati Uniti“, garantiscono, contraddicendo le accuse di elezioni fraudolente da parte di Donald Trump e del suo entourage.

Benché sapessimo che il nostro processo elettorale fosse oggetto di numerose affermazioni infondate e di campagne di disinformazione, possiamo assicurare che abbiamo una fiducia assoluta nella sicurezza e integrità delle nostre elezioni“, hanno garantito le autorità incaricate della sicurezza del voto, tra cui l’Agenzia della cyber sicurezza e della sicurezza delle infrastrutture (Cisa), che dipende dal ministero della Homeland Security. A dirigerla è Christopher Krebs, che secondo il Guardian avrebbe confidato ai suoi collaboratori di aspettarsi di essere licenziato dalla Casa Bianca.

Anche Mark Zuckerberg ha detto in un incontro con i suoi dipendenti di Facebook che “l’esito delle elezioni è ora chiaro e che Joe Biden sarà il nostro prossimo presidente“. “È importante che la gente abbia fiducia che le elezioni sono state fondamentalmente oneste e questo vale anche per le decine di milioni di persone che hanno votato per Trump“, ha osservato il ceo del social ntwork, secondo quanto riportato da BuzzFeed News e confermato da un portavoce Fb.

Usa, oltre 91 milioni di cittadini americani hanno già votato.


Usa, oltre 91 milioni di cittadini americani hanno già votato. Nyt, Biden in vantaggio su Trump in 4 Stati chiave

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/11/01/news/elezioni_usa_voto_anticipato_91_milioni_cittadini_americani_schede-272607979/?ref=RHTP-BH-I272214735-P8-S4-T1

A spostare l’ago della bilancia a favore del candidato democratico negli Stati in bilico sono stati gli elettori che non avevano votato nel 2016, quasi il 28% dei voti anticipati. Se l’affluenza continuerà a questo ritmo prima di martedì saranno pronte più di 100 milioni di schede

A due giorni dalle elezioni, Joe Biden è in vantaggio sul presidente Donald Trump in quattro Stati chiave: Pennsylvania, Florida, Arizona e, con un ampio margine, nel Wisconsin. Secondo un sondaggio condotto dal New York Times e il Siena College, il candidato democratico è molto forte soprattutto in Wisconsin, dove avrebbe la maggioranza assoluta dei voti sopra Trump di 11 punti, col 52% dei voti contro il 41% del presidente. A spostare l’ago a suo favore negli Stati in bilico, i più contesi, sono stati gli elettori che non avevano votato nel 2016, quasi il 28% dei voti anticipati secondo un’analisi di TargetSmart.

Sono già oltre 91 milioni gli americani ad aver già votato. Non era mai accaduto che l’affluenza anticipata raggiungesse numeri del genere: per la prima volta nella storia la maggioranza dei voti sarà espressa prima del giorno delle elezioni. I cittadini hanno votato per posta o di persona. Il 28 ottobre le schede compilate erano già oltre 69 milioni. continua a leggere

Gran Bretagna, esplode edificio a Leicester


arleicester-kFiB-U43440998941674CCE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443colo: https://www.corriere.it/esteri/18_febbraio_25/gran-bretagna-esplode-edificio-leicester-bc2c642a-1a6b-11e8-abf0-5b17233f1e2b.shtml

Una palazzina è stata sventrata da una forte esplosione: i resti sono in fiamme. I soccorsi in azione: quattro morti, un ferito grave

Un’esplosione ha sventrato un edificio a Leicester, 150 chilometri a nord-ovest di Londra. Intorno alle 19 ora locale (le 20 in Italia) una deflagrazione a distrutto una palazzina che sorgeva, identica ad altre, su Hinckley Road. Lo riportano le principali emittenti britanniche, tra cui Sky News e la Bbc. I resti della casa sono in fiamme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che stanno cercando eventuali sopravvissuti tra le macerie e di spegnere l’incendio. Ci sono quattro morti e un ferito in gravi condizioni. Non sono chiare le cause dell’esplosione, che sembra sia avvenuta in un minimarket e ha distrutto lo stabile che lo ospitava. Ai due piani superiori, degli appartamenti. La polizia lo ha definito un «incidente grave».

Traduzione: C’è stato un grave incidente in Hinckley Road, Leicester. Tutti i servizi di emergenza si stanno attualmente occupando di questo. Carlisle Street e parte di Hinckley Road sono state chiuse. Evitare l’area.

Foto gallery : https://www.corriere.it/foto-gallery/esteri/18_febbraio_25/esplosione-leicester-edificio-fiamme-7d5be462-1a6d-11e8-abf0-5b17233f1e2b.shtml

 

Iran, esplosioni in un deposito missilistico di Teheran


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/07/10/news/iran_esplosioni_a_teheran-261498143/

L’esplosionea a Teheran (foto da Twitter / Le plume libre) 

Iran, esplosioni in un deposito missilistico di Teheran

Teheran, 10 luglio 2020 – Alcune esplosioni sono state udite nei quartieri occidentali della capitale iraniana Teheran, circa un’ora fa. Lo riferisce Mehrnews, citando informazioni circolate sui social media, aggiungendo che il forte rumore ha creato panico tra i residenti.

Al boato sarebbe seguito il rumore delle sirene di veicoli antincendio e delle ambulanze. In diverse abitazioni è venuta a mancare l’elettricità. Secondo alcuni media, le esplosioni provenivano da un deposito missilistico delle Guardie Rivoluzionarie a ovest della città