Archivi del giorno: 17 aprile 2020

Anziani morti nelle Rsa lombarde, Fontana: Inizia il scaricabarile!!!!!!!


Anziani morti nelle Rsa lombarde, Fontana: “L’utilizzo di quelle case di riposo per i malati Covid è responsabilità dell’Ats”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/04/17/news/anziani_morti_nelle_rsa_lombarde_fontana_l_utilizzo_delle_case_di_riposo_per_i_malati_covid_e_responsabilita_dell_ats_-254256674/?ref=RHPPTP-BH-I254238628-C12-P5-S1.8-T1

17 aprile 2020 – “Aspetto con estrema serenità l’esito” dell’inchiesta sulle morti nelle residenze sanitarie assistenziali (Rsa) della Lombardia, dice il presidente della Regione, Attilio Fontana, ai microfoni di MattinoCinque. In ogni caso, puntualizza a proposito della scelta di dirottare nelle case di riposo i pazienti affetti da coronavirus, “sono stati i nostri tecnici che ci hanno fatto la proposta… e noi ci siamo adeguati”. Quanto alla scelta delle case di riposo considerate idonee a effettuare questo servizio, “la responsabilità è dell’Ats”.

Noi abbiamo fatto una delibera che è stata proposta dai nostri tecnici ed esperti che ci hanno detto che a determinate condizioni”, ovvero in presenza di “reparti completamente separati dal resto della struttura e addetti dedicati esclusivamente a malati Covid, la cosa si poteva fare”, ha aggiunto Fontana. continua  a leggere

LA PETIZIONE “Commissariare la sanità lombarda” oltre le 50 mila firme

Coronavirus a Bergamo: l’azienda compra i test, un dipendente su 5 ha il Covid


articolo: https://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/20_aprile_17/coronavirus-bergamo-l-azienda-compra-test-dipendente-5-ha-covid-74fb0a46-8082-11ea-ac8a-0c2cb4ad9c17.shtml?fbclid=IwAR1zLRiE_CnN0sXfBeD4AnIhdKcrNxvnC3SjaMn2vq1wJYbcEAn5y6PRO3Q&fbclid=IwAR0B5VFlaaFpfgMTHZ1WjFzi8IJKIuxAHv3NMFnCigBXuAER6bsp8jHlIbk

L’iniziativa del Gruppo Mazza di Castelli Calepio, che effettua i controlli a proprie spese

17 aprile 2020 – Il conto è presto fatto: il costo di ogni test sierologico, 50 euro, moltiplicato per 295 dipendenti, fa un totale di 14.500 euro. Non sarà elegante parlare di cifre, ma con una concretezza tutta industriale si definisce, anche in questo perimetro di spesa affrontato dal patron Giuseppe Mazza, l’intraprendenza e l’attenzione lungimirante che il Gruppo Mazza di Castelli di Calepio (proprietà della famiglia Mazza di Sarnico), nei 4 plant italiani, concentrati soprattutto in Bergamasca, ha messo in campo, fin dal primo giorno nell’emergenza coronavirus. Uno dei tanti investimenti fatti a salvaguardia della salute dei propri lavoratori. Nel pieno rispetto della privacy di ciascun dipendente, queste realtà aziendali attive nel distretto della gomma- plastica (teflon soprattutto) e che non hanno mai interrotto il ciclo produttivo, sanno adesso quanti dei loro lavoratori hanno contratto il virus malefico. Sono una cinquantina, pari ad una percentuale del 18% di casi positivi.

Lo hanno fatto semplicemente acquistando, su segnalazione del medico competente del lavoro Fortunato Custureri, uno stock di test sierologici.È bastata una piccola punzecchiatura al dito di una mano, una goccia di sangue a contatto con un apposito reagente ed ecco il risultato, in alcuni casi un’autentica sorpresa per il diretto interessato, perché nella casistica aziendale, non si era andati oltre alcuni casi di influenza di lavoratori, subito spediti a casa. Anzi, nemmeno fatti entrare dai cancelli.  continua a leggere

Coronavirus, morto Luis Sepulveda: lo scrittore cileno aveva 70 anni


sepulveda-638x425

Luis Sepúlveda Calfucura (Ovalle, 4 ottobre 1949 – Oviedo, 16 aprile 2020) è stato uno  scrittore, giornalista, sceneggiatore, poeta, regista e attivista cileno naturalizzato francese

articolo: https://www.corriere.it/cultura/20_aprile_16/coronavirus-morto-luis-sepulveda-scrittore-aveva-70-anni-740d2758-7fc0-11ea-8804-717fbf79e066.shtml

L’autore de «Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare» era ricoverato da fine febbraio in ospedale a Oviedo dopo aver contratto l’infezione

L’attesa è finita. Finite anche le speranze della poetessa Carmen Yáñez, sua moglie due volte, tornata a casa dall’Ospedale Universitario di Oviedo un paio di settimane fa ad aspettarlo, per ricominciare un’altra tappa di vita assieme, guariti.

Il coronavirus ci ha messo un mese e mezzo, quasi due, ad avere la meglio sullo scrittore e storico resistente cileno Luis Sepúlveda, 70 anni compiuti lo scorso ottobre e festeggiati a Milano con Guanda, la sua casa editrice italiana, e i suoi lettori. Era atteso di nuovo in Italia, all’undicesima edizione di «Libri Come», in programma – e poi annullata – a Roma dal 12 al 15 marzo. Il tema scelto per il raduno gli era — come ricorda qui Ranieri Polese — particolarmente famigliare: «Il coraggio».  continua a leggere

Luis Sepúlveda – Università Cattolica di Milano

È morto Brian Dennehy……


VARIOUS - 2001Brian Manion Dennehy (Bridgeport, 9 luglio 1938 – New Haven, 15 aprile 2020) è stato un attore statunitense attivo al cinema, in teatro e in televisione. Vincitore di un Golden Globe e due Tony Awards e candidato a sei Primetime Emmy Awards, ha ottenuto notorietà iniziale per il ruolo dello sceriffo Will Teasle in  Rambo (1982). Ha recitato in numerosi film tra cui  Gorky Park (1983)…. 

https://it.wikipedia.org/wiki/Brian_Dennehy

È morto Brian Dennehy, lo sceriffo di ‘Rambo’

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2020/04/16/news/e_morto_brian_dennehy_lo_sceriffo_di_rambo_-254230426/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P11-S1.8-T1

L’attore americano aveva 81 anni. Ha recitato in ‘Il ventre dell’architetto’ e ‘Cocoon’. La figlia: “Il coronavirus non c’entra”.

L’attore statunitense Brian Dennehy, protagonista nel 1977 del clamoroso debutto sul grande schermo con il film di Richard Brooks In cerca di Mr. Goodbar e consacrato con il successo interpretando lo sceriffo Will Teasle nel film Rambo del 1982 che insegue il veterano del Vietnam John Rambo (Sylvester Stallone), è morto la scorsa notte nella sua casa nel Connecticut all’età di 81 anni. L’annuncio della scomparsa, come riferisce Hollywood Reporter, è stato dato dalla figlia Elizabeth la quale ha precisato che Dennehy è morto “per cause naturali, non legate al Covid 19”.  continua a leggere