Archivi del giorno: 11 aprile 2020

Coronavirus, Burioni: “Una bufala la lettera del cardiologo di Pavia su Whatsapp”


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2020/04/11/news/coronavirus_burioni_una_bufala_la_lettera_del_cardiologo_su_whatsapp_-253752506/

Il virologo allerta su Medical Facts: “Ricordatevi: le notizie di nuove cure non arriveranno su Whatsapp dalla chat dei genitori della scuola o dei giocatori di calcetto: le troverete nelle riviste scientifiche”

Una bufala, l’ennesima che gira si Whatsapp e su Facebook su presunte cure efficaci contro il coronavirus, attribuita a un cardiologo di Pavia il cui nome non viene però citato. A segnalarlo è il virologo Roberto Burioni, impegnato con Medical Facts a smontare alcune delle fandonie che in queste settimane sono fiorite attorno alla pandemia Covid 19.

“L’ennesima bufala – spiega il dottor Burioni – è lo sproloquio di un ipotetico cardiologo di Pavia, che diffonde notizie assurde. Prima il farmaco russo, poi il farmaco giapponese, poi il laboratorio cinese, da qualche giorno mancava una bufala sul coronavirus ed è puntualmente arrivata: il cardiologo di Pavia”.  continua a leggere

 

 

 

 

Ma la Ue precisa: fu il governo Berlusconi IV ad approvare ddl col Mes


articolo: https://www.repubblica.it/politica/2020/04/11/news/ma_la_ue_precisa_fu_il_governo_berlusconi_iv_ad_approvare_ddl_col_mes-253712468/?ref=RHPPLF-BH-I253671889-C8-P1-S3.3-T1

Le tappe del disegno di legge: il Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011, guidato dal leader di Forza Italia, fece seguito al Consiglio Europeo del 25 marzo 2011

Fu il Consiglio dei Ministri del governo Berlusconi IV ad approvare il 3 agosto 2011 “il disegno di legge per la ratifica della decisione del Consiglio Europeo 2011/199/Ue, che modifica l’articolo 136 del Trattato sul funzionamento della Ue relativamente a un meccanismo di stabilità (Esm – European Stability Mechanism), nei Paesi in cui la moneta è l’euro. Obiettivo della Decisione è far sì che tutti gli Stati dell’Eurozona possano istituire, se necessario, un meccanismo che renderà possibile affrontare situazioni di rischio per la stabilità finanziaria dell’intera area dell’Euro”

Il Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011 fece seguito al Consiglio Europeo del 25 marzo 2011, in cui l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi rappresentò l’Italia al tavolo in cui si definirono i contenuti del Mes. La Cancelliera tedesca era ovviamente Angela Merkel.  conrinua a leggere

https://it.wikipedia.org/wiki/Meccanismo_europeo_di_stabilità

Mes: Il Meccanismo europeo di stabilità (MES), detto anche Fondo salva-Stati, è un’organizzazione internazionale a carattere regionale nata come fondo finanziario europeo per la stabilità finanziaria della zona euro (art. 3), istituita dalle modifiche al Trattato di Lisbona (art. 136) approvate il 23 marzo 2011 dal Parlamento europeo e ratificate dal Consiglio europeo a Bruxelles il 25 marzo 2011. Esso ha assunto però la veste di organizzazione intergovernativa (sul modello del FMI), a motivo della struttura fondata su un consiglio di governatori (formato da rappresentanti degli stati membri) e su un consiglio di amministrazione e del potere, attribuito dal trattato istitutivo, di imporre scelte di politica macroeconomica ai paesi aderenti al fondo-organizzazione.

Conferenza stampa del Presidente Conte


Conferenza stampa del Presidente Conte

Palazzo Chigi

101.000 iscritti
ISCRIVITI
Palazzo Chigi, 10/04/2020 – Conferenza stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. http://www.governo.it/it/articolo/con.

Troppi morti a New York: si torna a seppellire nell’isola dei “disperati


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/04/10/news/new_york_fosse_comuni_per_i_morti_di_coronavirus-253625678/

A causa del coronavirus gli obitori della città sono in crisi e così Hart Island si riempie

Troppi morti a New York: la città non ce la fa più. Nello stato-focolaio d’America i contagi hanno superato i 170mila, più della metà nella sola Grande Mela. I morti sono 7.844, ben 777 nelle ultime 24 ore. Negli obitori non c’è più posto e sono quasi al limite pure i 44 camion frigorifero capaci di contenere 45 cadaveri. Il pericolo d’infezione è costante: e per liberarsi dei corpi sempre più in fretta, è stata ridotta da 60 a 14 giorni la tolleranza verso le salme che alla morgue non reclama nessuno. In una situazione così, non c’è altra scelta: seppellire i senza nome, i senza famiglia, i senza soldi nelle fosse comuni di Hart Island.
 
Sì, il lugubre scoglio a est del Bronx conosciuto dai “locals” come “isola dei morti“: e che ora il New York Post, che ieri l’ha messo in copertina, ribattezza “isola delle lacrime“. Qui, dal 1896 riposano, chissà se in pace, i reietti della città: i poveri, i morti ammazzati rimasti senza nome. E poi, nei primi anni 80, i tanti uccisi dall’Aids quando ancora non si sapeva come si propagava quel male. Ancora oggi, finiscono qui coloro che nessuno reclama. continua a leggere

120929986-6ead23f8-e0b0-4144-bf60-d4d2e2e9a434

La fossa comune di New York

download