Sky, Dazn e Tim verso l’accordo: tutta la Serie A anche sulla tv satellitare?


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/20-07-2022/sky-dazn-tim-accordo-serie-anche-decoder-satellitare-4401511913613.shtml

A meno di un mese dal via del campionato, prosegue la trattativa. La Lega spinge perché un’intesa si trovi prima del 13 agosto

Prove d’intesa. Secondo “Milano FinanzaSky, Tim e Dazn si starebbero accordando per rendere fruibili tutte le partite di Serie A, incluse quelle in esclusiva su Dazn (7 per ogni giornata), sul decoder Sky Q. Una soluzione che potrebbe agevolare la risoluzione dei problemi di trasmissione e di visione in streaming attraverso internet delle partite. Difficoltà che avevano messo in allarme il Garante e la Lega di A per il calo di spettatori.

DUE ABBONAMENTI? – Per ovviare a tutti i potenziali problemi tecnici (internet e satellite) i consumatori dovrebbero quindi dotarsi di due abbonamenti (Sky e Dazn). Tim invece avrebbe la possibilità di rivedere l’accordo (come richiesto dall’Antitrust) ma anche di diminuire da 340 a 250 milioni il contributo che versa a Dazn per ospitare in esclusiva la sua app.

I PROBLEMI TECNICI – I problemi ci sono, dalle modifiche di valore delle varie offerte se queste vengono spostate di piattaforma fino alle conseguenze dell’ipotetico doppio abbonamento. La Lega comunque spinge però perché un’intesa si trovi prima dell’inizio del campionato (il 13 agosto), o al più tardi, dal mese di settembre. E si sta lavorando per trovare una soluzione.

Incendi in Italia oggi:…..


vigili del fuoco in azione sul Carso e in Versilia. Fiamme anche in Campania

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/07/20/diretta/incendi_in_italia_oggi-358451308/?ref=RHTP-VS-I270681067-P22-S2-T1

La diretta sulla situazione dei roghi che stanno devastando la Penisola. Il fuoco divampa anche in altre zone d’Europa

L’Italia continua a bruciare. Proseguono le attività dei Vigili del fuoco dell’intero Friuli Venezia Giulia assieme ai colleghi sloveni, alla Guardia forestale e alla Protezione civile per domare e limitare le fiamme che da ieri mattina divampano sul Carso. L’assenza di vento ha limitato i pericoli, in particolare per le case di Sablici, la frazione di Doberdò del lago (Gorizia) da cui comunque sono state evacuate una ventina di abitazioni. Continuano anche le operazioni di spegnimento del vasto incendio che da lunedì sera sta devastando le colline di Massarosa, comune della provincia di Lucca. Nella notte si sono sviluppati incendi anche in Sicilia e Sardegna. Roghi anche in Campania.

I roghi non risparmia no neanche il resto d’Europa: un grave incendio sta minacciando la periferia nord di Atene, in particolare i sobborghi di Penteli e Gerakas. Ci sono almeno una dozzina di feriti. Evacuati alcuni edifici, tra cui un ospedale pediatrico.

Incendio sul Carso, le immagini girate dall’elicottero dei Vigili del FuocoVista Agenzia Televisiva Nazionale
Incendio boschivo nelle colline di Massarosa, chiusa la bretella Lucca-ViareggioValdelsa.net – Giornale online
Ancora fuoco e fiamme in molti paesi europei euronews (in Italiano)

Zhang nel mirino dei creditori: deve ripagare 250


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/07/19/zhang-nel-mirino-dei-creditori-deve-ripagare-250-milioni/

Il presidente dell’Inter Steven Zhang ha perso una causa giudiziaria a Hong Kong nei confronti di alcuni creditori, rendendolo responsabile per 255 milioni di dollari (circa 250 milioni di euro) di debito. Il figlio di Zhang Jindong, come riportato dal quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, è stato citato in giudizio dai creditori lo scorso agosto per recuperare 255 milioni di dollari di prestiti e un’obbligazione inadempiente che ha garantito, impegni che ha successivamente rinnegato, adducendo falsità e ignoranza.

Zhang ha infatti garantito il rifinanziamento di 255 milioni di dollari di prestiti e obbligazioni firmati nel 2020, in una operazione conclusa con la China Construction Bank (Asia) Corporation Limited a favore della Great Matrix Ltd, società interamente controllata dallo stesso Zhang. Operazione che, nel corso del procedimento, Zhang ha rinnegato: in sua difesa, Zhang ha infatti affermato che le firme sui documenti di garanzia di rifinanziamento erano contraffatte e di non essere a conoscenza del rifinanziamento, affermazione che il giudice ha respinto

«Zhang ha avanzato una vaga affermazione secondo cui “sembra che alcuni membri del personale coinvolti nel progetto che avevano rapporti con la Banca potrebbero aver falsificato la mia firma per firmare a nome di Great Matrix e me stesso per assistere con il rifinanziamento”», si legge nei passaggi del verdetto.

Nel corso del processo, inoltre, è stato chiesti una perizia da parte di un esperto sulle firme da parte di Zhang nei documenti: perizia che ha spiegato come 5 delle 6 firme sull’accordo fossero state effettuate dallo stesso Zhang, mentre la sesta era stata aggiunta in una copia elettronica.

Non c’è dubbio che Zhang abbia partecipato al finanziamento originario del progetto, e per il quale aveva dato le sue garanzie personali”, il giudice dell’Alta Corte l’on. Anthony Chan ha detto nel suo verdetto. “Considerato in tale ottica, il tentativo di Zhang di prendere le distanze con il rifinanziamento ha scarso merito”.  Il verdetto mette i creditori nella posizione di rivendicare i 255 milioni di dollari dovuti da Zhang, oltre a interessi e costi. Inoltre, China Construction Bank (Asia) ha intentato una causa civile a Milano chiedendo al tribunale locale di invalidare una rinuncia del febbraio 2019 alla stipendio per Zhang nel suo ruolo da presidente dell’Inter, che aiuterebbe i creditori nel loro tentativo di recuperare i loro beni.

Anche altri creditori hanno messo nel mirino Suning. Un gruppo di obbligazionisti, tra cui la Bank of Shanghai e la Guangdong Huaxing Bank, hanno raccolto almeno il 25% dei titoli per richiedere il pagamento immediato, secondo quanto riportato dal South China Morning Post lo scorso anno, citando persone che hanno familiarità con il piano.

Milan, Yonghong Li ottiene il sequestro di 364 milioni di Elliott


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Milan/19-07-2022/milan-yonghong-li-ottiene-sequestro-364-milioni-elliott-4401502377469.shtml

Yonghong Li. Ansa

Il vecchio proprietario della società aveva fatto causa mesi fa in Lussemburgo, il fondo americano prepara il ricorso

Yonghong Li, ex proprietario del Milan, ha ottenuto il sequestro di 364 milioni di euro da parte del Tribunale del Lussemburgo. Settembre, il mese indicato da RedBird per l’acquisizione della maggioranza delle quote del Milan, si avvicina e il lavoro per completare il passaggio di proprietà tra il fondo Elliott e RedBird continua incessante.

RICORSO IN ARRIVO – E nel frattempo Mr Li ha ottenuto il sequestro dei 364 milioni, in attesa che Elliott faccia ricorso. Yonghong Li si era mosso alcuni mesi fa con una causa di risarcimento al Tribunale del Lussemburgo, verso le holding controllate dal fondo americano. Mr Li punta a recuperare parte dei soldi persi e le sue richieste di risarcimento si basano su una sua valutazione del club rossonero, basata su una perizia svolta nel 2018.