Meteo: agosto, le ultime proiezioni mettono a rischio le vacanze degli italiani; vediamo cosa sappiamo ad ora


Articolo di Stefano Rossi Meteorologo: https://www.ilmeteo.it/notizie/meteo-agosto-le-ultime-proiezioni-mettono-a-rischio-le-vacanze-degli-italiani-vediamo-cosa-sappiamo-ad-ora-142814

Tendenza aggiornata su temperature e precipitazioni per il mese clou dell’Estate

Stiamo già vivendo la più calda estate della storia climatica italiana e le ultime previsioni stagionali del Centro Europeo confermano che pure ad Agosto ci attendono valori fuori dal normale.
Le vacanze estive sono a rischio?

Per poter rispondere a questa domanda dobbiamo affidarci alle cosiddette proiezioni climatiche sul lungo periodo (Agosto): un tempo decisamente poco affidabili e mero oggetto di studio e di interesse per curiosi e appassionati, le proiezioni stagionali sono oggi diventate un valido strumento di prognosi scientifica, con decisivi contributi nella valutazione climatica a più lunga scadenza. In Europa leader del settore è il Centro Europeo per la Previsione Meteorologica a Medio termine, ECMWF, di Reading (Regno Unito).

Ebbene, pare che il caldo estremo che stiamo già vivendo possa proseguire quanto meno fino all’inizio di Agosto (salvo per veloci break temporaleschi su alcune regioni, specie settentrionali), quando andrà ulteriormente rafforzandosi il vasto campo di alta pressione di origine africana, destinato a imporsi in maniera sempre più significativa sul bacino del Mediterraneo.
L’ultima proiezione del Centro Europeo conferma una tendenza votata al gran caldo nel periodo tradizionalmente clou delle vacanze italiane: come possiamo vedere dalla mappa sottostante si notano delle aree colorate di rosso, ebbene quella colorazione come riporta la legenda indica temperature ben oltre la media fino a +5/6°C; a maggiore rischio appaiono stando ai dati attuali le regioni del Nord, seguite da quelle del Centro (soprattutto il versante tirrenico).
Il dato più preoccupante è che questa anomalia termica riguarda quasi tutto il Vecchio Continente, dalla Penisola iberica fino alla Russia, a conferma dell’eccezionalità di questa estate che rischia di rientrare tra le più calde mai registrate in Europa.

Per questo motivo è assolutamente lecito parlare di “rischio“: in concreto, infatti, si tratta di ripetute ondate di caldo in arrivo dal cuore dell’Africa (Deserto del Sahara), con punte massime pronte a schizzare diffusamente oltre i 35°C, soprattutto in Val Padana, sulle zone interne delle due Isole maggiori e su parte del Centro-Sud peninsulare.
Usare la parola “rischio” è assolutamente opportuno perché queste fasi anomale e roventi vanno trattate alla stessa stregua delle “ondate di maltempo” in quanto possono provocare seri danni: siccità prolungate, problemi alla salute e non ultimo il pericolo, indiretto, di eventi meteo estremi. Infatti, tutto questo calore in eccesso aumenta anche l’energia potenziale in gioco, con la conseguenza di avere grandinate e nubifragi ogni qual volta degli spifferi di aria fresca riescono a “bucare” lo scudo anticiclonico.
Giusto quindi parlare di vacanze a rischio, anche se non per piogge e temporali, ma per un motivo diverso.

L’estate dovrebbe dunque proseguire su questo trend climatico, con continue vampate di aria calda dall’Africa, come annunciato dalle ultime proiezioni stagionali dall’autorevolissimo Centro Europeo.

Temperature oltre la media fino a +5/6°C specie al Centro Nord Italia (fonte: ECMWF)

Meteo: quando finirà il gran caldo di Apocalisse4800? Ora c’è una ipotetica data; gli aggiornamenti


articolo di Stefano Rossi Meteorologo: https://www.ilmeteo.it/notizie/meteo-quando-finir-il-gran-caldo-di-apocalisse4800-ora-c-una-ipotetica-data-gli-aggiornamenti-104632

Aggiornamenti meteo per la fine di Luglio: possibile break temporalesco

Quando finirà questo caldo opprimente? Una nuova fiammata africana sta attanagliando l’Italia a causa della presenza di un robusto promontorio anticiclonico sub-sahariano, da noi denominato  Apocalisse4800. Il 4800 sta ad indicare l’inusuale quota che ha raggiunto negli ultimi giorni lo zero termico, ovvero la quota alla quale si registrano temperature di 0°C nella libera atmosfera, mai così alta. Ciò significa che pure sulle vette più alte d’Europa, come ad esempio su quella del Monte Bianco (alta 4809 metri) il ghiaccio si fonde; trattandosi della cima più elevata dell’arco alpino dunque, va da sé che tutte le Alpi sono a rischio di fusione dei ghiacci.

Condizioni meteo fuori dal normale si stanno susseguendo in verità ormai da tante settimane con temperature ben oltre le medie climatiche e zero piogge: insomma, il clima sta proprio esagerando e siete in molti a chiedere: ma finirà?

Qualcosa potrebbe muoversi in questo senso entro la fine del mese. E’ questa la notizia più importanteche emerge dagli ultimissimi aggiornamenti: la causa sarebbe un’incursione fresca proveniente dal Nord Europa e in grado di provocare un break temporalesco su parte del nostro Paese.

Se analizziamo il quadro sinottico generale sul Vecchio Continente possiamo notare come alle alte latitudini, grossomodo tra Groenlandia e Islanda, siano presentivaste aree di bassa pressione (cicloni) ricolme di aria fredda e instabile di origine Polare: l’ipotesi è che parte di queste fresche correnti possano scendere di latitudine, costringendo di fatto l’anticiclone ad arretrare, quanto meno temporaneamente, verso le proprie terre d’origine.
E’ possibile che sullo scacchiere europeo si vengano a creare zone di convergenza dove interagiscono queste importanti figure meteorologiche e dal cui contrasto possono scaturire eventi meteo estremi (grandinate, alluvioni lampo, tornado), come purtroppo anche la cronaca recente ci ricorda.

Secondo gli ultimi aggiornamenti le date da segnare col circoletto rosso sono quelle del 26 e del 27 Luglio. Proprio durante gli ultimi giorni del mese, infatti, non escludiamo la possibilità di forti temporali, in particolare sulle regioni del Nord. Attenzione perché a causa delle tanta energia in gioco (umidità e calore nei bassi strati dell’atmosfera trasportati in precedenza dall’anticiclone) e dei forti contrasti tra masse d’aria completamente diverse, si verranno a creare le condizioni ideali per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche in grado di scatenare localmente forti colpi di vento e grandinate e, più raramente, tornado.

Ovviamente, vista la distanza temporale e le incertezze legate alla traiettoria delle correnti perturbate, questa prima tendenza va presa con le pinze e, lo diciamo già da ora. Inoltre, se anche dovesse verificarsi, essa non pare in grado di dare un colpo troppo duro al caldo opprimente, sicuramente non un colpo definitivo. Si tratterebbe infatti solamente di un break temporalesco, tra l’altro limitato ad alcune regioni.
Vi aggiorneremo.

Possibile break temporalesco dal 26/27 Luglio

Libero: dietro Bremer l’aiuto di Exor a Cairo su Blackstone?


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/07/20/libero-dietro-bremer-laiuto-di-exor-a-cairo-su-blackstone/

Umberto Cairo(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

L’operazione Bremer è conclusa: il difensore brasiliano è pronto a diventare un giocatore della Juventus, dopo che il club bianconero ha superato l’Inter trovando l’accordo con il Torino. Al centro non ci sarebbe, tuttavia, solo l’offerta più alta presentata dal club bianconero.

Come riportato da Libero, infatti, le indiscrezioni in ambienti finanziari parlano di una operazione legata in qualche modo al Lodo Blackstone, lo scontro tra la Rcs guidata da Cairo e il fondo statunitense sul tema della vendita della storica sede di via Solferino a Milano. Uno scontro risolto nei giorni scorsi dopo anni di battaglia, con Cairo che ha accettato di riacquistare il palazzo di via Solferino versando 70 milioni complessivi a Blackstone. Operazione in cui, spiega il quotidiano, Exor (la holding degli Agnelli-Elkann azionista di maggioranza, tra le altre, di Juventus, Stellantis e Ferrari) avrebbe dato una mano a Cairo nel sostenere le spese.

Una indiscrezione che potrebbe avere un fondamento, considerando che la cessione della sede di via Solferino avvenne prima dell’era Cairo in Rcs: nel 2013 infatti il principale azionista del gruppo editoriale alla guida tra gli altri di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport era Exor, tramite FCA, guidando Rcs all’interno di un “patto di sindacato” con gli altri soci Pirelli, Della Valle, Pesenti, Conti, Mediobanca e Unipolsai. A fine 2013, i soci decisero di vendere a Kryalos, società partecipata da Blackstone, gli immobili di via Solferino per 120 milioni di euro (con un canone di affitto da 10,3 milioni annui per mantenere le redazioni di Corriere della Sera e Gazzetta nel palazzo).

Nel 2016, poi, FCA uscì da Rcs, con la scalata alla maggioranza da parte di Urbano Cairo. Nel novembre 2018, alla luce delle voci su una possibile nuova cessione del palazzo da Blackstone ad Allianz per 250 milioni, Rcs decise di ricorrere a un arbitrato a Milano per chiedere l’annullamento della vendita, alla luce del fatto che sia avvenuta in un periodo di grosse difficoltà finanziarie per il gruppo e per questo debba essere considerata nulla alla luce della normativa italiana sull’usura. Da qui è nato un lungo tira e molla, con anche una causa intentata da Blackstone a New York per un risarcimento da 600 milioni da parte di Rcs e Cairo. Le richieste di Cairo tuttavia sono state rigettate a Milano, sia dalla Camera Arbitrale che dai successivi ricorsi: da qui la decisione nei giorni scorsi di chiudere lo scontro riacquistando gli immobili di via Solferino per 70 milioni.

Sul possibile aiuto da parte di Exor nella vicenda, va d’altro canto sottolineato che John Elkann ed Exor in una parte non certo maggioritaria dei propri impegni industriali sono anche rivali di Cairo nel settore dell’editoria: la holding degli Agnelli-Elkann è infatti azionista di maggioranza di Gedi, che pubblica tra gli altri i quotidiani La Repubblica e La Stampa.

Incendi in Italia oggi:


nuova giornata di lavoro per spegnere i roghi nel Carso. La Toscana continua a bruciare

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/07/21/diretta/incendi_italia_oggi-358591634/?ref=RHTP-BH-I358461780-P4-S2-T1

L’impianto Fincantieri ancora chiuso. Riapre parzialmente la A4

Sono ripresi stamattina all’alba i sorvoli dei mezzi aerei per cercare di arginare il devastante incendio divampato ormai 48 ore fa sul Carso, tra Monfalcone e Trieste. La flotta è composta da ben 11 velivoli: nove elicotteri di vigili del fuoco e Protezione civile e due Canadair. In Versilia è di 560 ettari la stima della superficie bruciata a causa del rogo scoppiato lunedì a Massarosa. Venti nuovi incendi si sono sviluppati ieri in Toscana – dove sono andati in fumo oltre 850 ettari di verde –  una dozzina in Campania. Oltre alle fiamme che stanno devastando il Carso altri due roghi sono divampati ieri mattina in Friuli Venezia Giulia. continua a leggere

Incendi in Italia, prosegue rogo in Versilia: colpite le frazioni di Massarosa
Incendio sul Carso, i video più impressionanti – Corriere della Sera



“House of the dragon” su Sky dal 22 agosto


L’atteso prequel de “Il Trono di Spade”, in contemporanea Usa

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/tv/2022/07/20/house-of-the-dragon-su-sky-dal-22-agosto_28fd262d-0845-464d-a9f5-fd93355a384d.html

(ANSA) – Roma, 20 luglio 2022

Rilasciato oggi il trailer ufficiale di House of the dragon, l’attesissima serie HBO che debutterà in esclusiva su Sky e in streaming solo su NOW il 22 agosto in tutti i territori in cui Sky è presente, in contemporanea assoluta con la messa in onda della tv via cavo americana.

Tratta dal romanzo “Fuoco e Sangue” di George R.R.

Martin, la serie è ambientata 200 anni prima degli eventi citati ne “Il Trono di Spade” e racconta la storia della Casa Targaryen. I fan, ma anche quanti vogliano arrivare preparati all’appuntamento di agosto senza aver ancora mai visto la serie madre, possono recuperare tutte le stagioni de Il Trono di Spade on demand su Sky e in streaming su NOW. continua a leggere

House of the Dragon | Official Trailer | HBO MaxHBO Max