Serie A, Adiconsum: «Si estenda accordo con satellite ai consumatori»


articolo: https://www.calcioefinanza.it/2021/09/15/serie-a-accordo-satellite/?fbclid=IwAR3eh2ufxsi9bkoXVo1WyjcoQU_WdpzYB3egjSTJOCwifnBlvycMBTijtJ0

«Ormai è evidente, lo streaming di Dazn delle partite di calcio Serie A non garantisce una visione di qualità, appropriata alle immagini sportive». E’ quanto afferma in una nota Adiconsum (associazione dei consumatori nata nel 1987).

Audiconsum ha aggiunto che «è passato un mese da quando Dazn ha promesso miglioramenti di trasmissione, ma le proteste non si placano. La Lega Calcio ha dichiarato di voler concedere ancora tempo a Dazn per ottimizzare la visione, ma, nel frattempo, i consumatori continuano a pagare le conseguenze di un servizio carente».

«La situazione è ormai insostenibile e necessita di urgenti provvedimenti da parte delle Autorità. La nostra Associazione si attiverà per l’adeguata assistenza ai clienti, ma, in ogni, caso è necessario garantire la corretta visione in tutte le aree del paese del campionato di calcio», prosegue l’associazione.

Poi, una proposta: «Adiconsum ribadisce quanto chiesto ad Agcom durante l’incontro con le AA.CC: di estendere la visione di tutte le partite di calcio di serie A ai singoli consumatori attraverso la piattaforma satellitare utilizzata dai bar, ristoranti e pub. Una soluzione che restituirebbe il negato diritto di scelta ai consumatori, tra lo streaming o la tv, in base alla loro esperienza di visione. Abbiamo intenzione di avviare nei prossimi giorni una Petizione per sostenere le nostre richieste, invitando tutti i cittadini/consumatori a dare il proprio supporto».

«Adiconsum ricorda che Dazn è una società con sede legale in Inghilterra, pertanto gli eventuali contenziosi per far valere i propri diritti, potranno presentarli dai cittadini /consumatori, gratuitamente, attraverso il Centro Europeo Consumatori Italia», conclude la nota.

Comunali a Milano, guida al voto: la maxi-scheda lenzuolo per eleggere sindaco e consiglieri. Ecco come fare


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/09/18/news/elezioni_comunali_a_milano_scheda_elettorale_sindaco_consiglieri-318360187/

Il fac simile con 13 nomi e 28 liste per la sfida più ‘affollata’ degli ultimi 20 anni


Eccola la maxi-scheda elettorale per le Comunali che, il 3 e 4 ottobre, i milanesi riceveranno ai seggi. Un “lenzuolo” di colore azzurro per accogliere tutti i candidati sindaco – 13 – e tutte le liste che li sostengono – 28 – nella corsa verso Palazzo Marino più affollata degli ultimi anni 20 anni.

Scarica il documento

Il fac simile della scheda per l’elezione del sindaco e del Consiglio comunale è stato pubblicata sul sito del Comune, dove si trovano anche le nove schede verdi per l’elezione dei presidenti di Municipio. La versione stampata ancora non c’è, ma sin d’ora si può prevedere, appunto, un formato lenzuolo. Il motivo è semplice: ogni simbolo deve avere una dimensione di 3 centimetri e, questa volta, le liste sono 28. Un numero elevato che, ad esempio, nei giorni scorsi ha costretto gli uffici a moltiplicare le plance elettorali su cui vengono affissi i manifesti per dare modo a tutti di trovare spazio.

L’ordine con cui i candidati compaiono sulla scheda è frutto del caso: i nomi sono stati sorteggiati dall’ufficio elettorale di via Larga e lo stesso è avvenuto per il partiti che li accompagnano. Partendo dall’alto, a sinistra:

  • Giorgio Goggi, l’ex assessore ai Trasporti di Gabriele Albertini, appoggiato dai Socialisti di Milano e da Milano Liberale.
  • Natale Azzaretto con il Partito comunista dei lavoratori;
  • Gabriele Mariani, alla guida di una coalizione rosso-verde – anzi, verde-rossa in questo caso – formata dalle liste Civica ambientalista e Milano in Comune;
  • Layla Pavone, la manager scelta da Giuseppe Conte per il nuovo corso del Movimento 5 Stelle 2050 al Nord; 
  • Alessandro Pascale del Partito comunista; 
  • Mauro Festa, Partito Gay Lgbt+; 
  • Gianluigi Paragone, il fondatore di Italexit in corsa con Milano Paragone sindaco e Confederazione Grande Nord.
  • Giuseppe Sala detto Beppe Milano in Salute, Pd, Beppe Sala sindaco, i Riformisti, la Sinistra per Milano Unita, la Milano Radicale con Sala, Europa Verde, Volt.
  • Teodosio De Bonis del Movimento 3V
  • Luca Bernardo. Il pediatra scelto dal centrodestra si presenta con sei liste: Partito liberale europeo, Giorgia Meloni Fratelli d’Italia, Lega Salvini premier, Luca Bernardo sindaco, Maurizio Lupi Milano popolare, Forza Italia.
  • Bryant Biavaschi, candidato sindaco di Milano inizia qui. Infine, sulla terza colonna: 
  • Marco Muggiani del Pci
  • Bianca Miriam Tedone di Potere al popolo.

Come si vota per eleggere il sindaco e i 48 consiglieri comunali – Sulla maxi-scheda azzurra si può tracciare un segno solo sul rettangolo che contiene il nominativo del candidato o della candidata alla carica di sindaco: in questo caso non vengono attribuiti voti alla lista o alle liste collegate. Oppure, si può dare un voto di lista, facendo una x su uno dei simboli: il voto sarà valido sia per la lista scelta sia per il candidato o la candidata sindaco collegati. Una terza modalità: si può tracciare un segno sia sul rettangolo con il nome dell’aspirante sindaco, sia sul contrassegno della lista e anche in questo caso il voto è valido per entrambi.

Passiamo ora al voto di preferenza: si possono scrivere fino a due nomi candidati alla carica di consigliere o consigliera comunali al fianco del contrassegno della lista che rappresentano, anche senza segnare il simbolo. Il voto è attribuito anche alla lista e, sempre che si sia dato un voto disgiunto, al sindaco. Perché le preferenze siano considerate entrambe valide, si deve scegliere un uomo e una donna. Nel caso di uno stesso genere, la seconda preferenza verrà annullata. E qui si arriva al voto disgiunto: si può votare per un candidato, tracciando un segno sul rettangolo con il suo nome, e una lista non collegata alla sua candidatura.  

Pelé è di nuovo ricoverato in terapia intensiva


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2021/09/17/pele-e-di-nuovo-ricoverato-a-san-paolo_01d61b91-fcd8-45e1-a410-d7dec4131a7d.html

La leggenda del calcio è ricoverata a San Paolo dopo un intervento al colon

Pelé, la leggenda del calcio, è stato nuovamente ricoverato in terapia intensiva nell’ospedale Albert Einstein, a San Paolo. Lo riferisce il sito online di Espn Brasil.

Le condizioni dell’ex stella del calcio brasiliano restano stabili, ma il trasferimento in terapia intensiva è stato deciso a scopo precauzionale per un più attento monitoraggio dello stato di salute di O Rey. Pelé aveva avuto un problema di reflusso ieri sera dopo essere stato operato nei giorni scorsi al colon. 

Scontri a Leicester, nove tifosi del Napoli agli arresti


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2021/09/17/scontri-a-leicester-nove-tifosi-del-napoli-agli-arresti_eaf748b5-f631-4371-b04f-1ebd2e0e4f07.html

Rissa prima della partita, fermato anche un supporter inglese

Londra, 17 settembre 2021

Sono nove i tifosi napoletani arrestati ieri a Leicester per una rissa scoppiata nel pomeriggio, prima del debutto del Napoli in Europa League. La polizia del Leicestershire ha confermato all’ANSA che i nove supporters sono ancora in stato di fermo in attesa di giudizio.

In seguito agli scontri verificatesi verso le 18 locali, nella zona di Millstone Lane, è stato arrestato anche un tifoso del Leicester, anch’egli ancora detenuto. Nel corso del tumultuoso pre-partita altri due tifosi, un italiano e un inglese, sono stati fermati e incriminati per aver pronunciato insulti a sfondo razzista.
Contrariamente a quanto riportato da alcuni organi di stampa locali, viceversa, la polizia ha smentito di essere intervenuta con arresti al termine della partita, in seguito agli scontri scoppiati nel settore che ospitava i circa 500 tifosi napoletani arrivati in Inghilterra. Dopo un fitto lancio di oggetti da e verso il settore ospite, e l’intervento degli steward dello stadio, la situazione è tornata lentamente alla calma.