Archivi del mese: aprile 2019

Allegri-Adani, lite furibonda in tv:


Allegri-Adani, lite furibonda in tv: “Stai zitto, parlo io”. “Questo lo dici a tuo fratello”

articolo: https://video.repubblica.it/sport/allegri-adani-lite-furibonda-in-tv-stai-zitto-parlo-io-questo-lo-dici-a-tuo-fratello/333093/333690?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P4-S1.4-T1

Lite in diretta tra il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri e l’opinionista Sky Daniele Adani nel post partita del derby d’Italia, Inter-Juventus, finito 1-1. L’allenatore bianconero si innervosisce quando la discussione si concentra sull’analisi tattica. “Siete tutti teorici – sbotta Allegri – Adani sei il primo che legge i libri e di calcio non sai niente. Non hai mai fatto l’allenatore, sei lì dietro e non sai cosa succede. Ora stai zitto, parlo io che sono l’allenatore che ha vinto sei scudetti“. Adani replica innervosito: “Stai zitto lo dici a tuo fratello“. La discussione si accende, i toni si alzano, vola anche qualche parolaccia, fino a quando Allegri si toglie l’auricolare e abbandona il collegamento.

Inter-Juventus 1-1 Lite Allegri Adani “Zitto lo dici a tua sorella”

Il 28 aprile è la Giornata mondiale della sicurezza sul lavoro


Osservatorio Indipendente  morti per infortuni sul lavoro compie dieci anni

Morti sul lavoro, il Sud è più insicuro: Crotone la provincia più colpita

articolo: https://www.repubblica.it/economia/miojob/lavoro/2019/04/27/news/malattie_professionali_incidenti_sul_lavoro-224953850/?ref=RHPPLF-BH-I224954607-C8-P1-S1.8-T1

MILANO – Nel Mezzogiorno italiano è più alto il rischio di morire sul lavoro, il Nord ha un tasso maggiore di malattie professionali tumorali ma la patria dell’Ilva, Taranto, spicca per il numero assoluto di malattie cancerogene

Gli incidenti, a Crotone record per quelli mortali

Alla vigilia della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza nei luoghi del lavoro voluta dall’Ilo, i dati elaborati dall’Osservatorio Statistico dei Consulenti del lavoro su base Inail dicono che nell’ultimo biennio, il 2017-2018, “il maggior numero di infortuni mortali di lavoratori si registra nella provincia di Crotone (6,3 ogni mille) e, a seguire, nelle province di Isernia (5,9‰) e Campobasso (4,7‰)”. Il Sud è dunque in testa per l’incidenza degli infortuni in occasione di lavoro con esito mortale, “probabilmente”, dicono gli esperti, “per la scarsa attenzione alle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro e per la maggiore concentrazione delle occasioni di lavoro nei settori a rischio (agricoltura e costruzioni)”. A Biella, negli ultimi due anni non si sono registrati incidenti mortali. continua a leggere

Come funzionava prima. Quando una persona subisce un infortunio sul lavoro – o mentre sta andando al lavoro – può patire tre tipi di danno:

  • patrimoniale (perché, ad esempio, durante la convalescenza non può lavorare e non percepisce reddito);
  • biologico (il danno fisico);
  • morale (la sofferenza e tutte le difficoltà legate al danno fisico).

I primi due tipi di danno vengono risarciti da Inail che poi, attraverso il meccanismo della “surroga”, si rivale sul responsabile; il danno morale invece viene pagato direttamente dal responsabile (nella maggior parte dei casi il datore di lavoro)

“Fin qui il meccanismo si è dimostrato efficace. La vittima di infortunio aveva una doppia tutela, quella dell’ente assistenziale integrata con l’obbligazione risarcitoria del responsabile” spiega l’avvocato Filippo Martini del comitato scientifico di Ridare portale di Giuffrè Francis Lefebvre. La surroga, infatti, serve all’ente per rimpinguare le proprie casse, “altrimenti la provvista patrimoniale dipenderebbe solo dai contributi obbligatori a carico del datore di lavoro”, spiega ancora Martini.

Il principio, insomma, è giusto. Ma nel corso degli anni numerose sentenze hanno ribadito che questo meccanismo di recupero non deve, comunque, mai ridurre la cifra dovuta alla vittima “non altrimenti risarcita”.

Cosa cambia. Ed è proprio qui che interviene la legge di Stabilità, che ha tolto ogni paletto al potere di rivalsa di Inail. Fermo restando che il danno morale continua ad essere a carico del datore di lavoro, Martini fa un esempio concreto di come sono cambiate le cose.

“Supponiamo che una persona subisca un infortunio; il giudice individua un danno biologico e morale da 50 l’uno. Non c’è danno patrimoniale perché il lavoratore è assunto e continua a percepire il suo stipendio. A questo punto, Inail verserà comunque 100: per il danno biologico ma anche per quello patrimoniale: deve farlo per legge a titolo di indennizzo, anche se il giudice non lo ha riconosciuto”. La vittima dovrebbe ricevere i 50 di danno morale direttamente dal datore di lavoro. Ma quei soldi non li vedrà mai. Perché se prima Inail aveva titolo solo per recuperare 50, ora può recuperare l’intera cifra. “Ed è così che il danno morale non arriva nelle tasche del lavoratore infortunato, perché la legge consente a Inail di recuperare quanto speso a qualsiasi titolo” precisa Martini. continua a leggere

Visitare anche la pagina del Blog : https://alessandro54.com/morti-bianche/

“Il tuo pc e’ bloccato”, La polizia postale segnala nuova ondata truffe


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/04/27/news/_il_tuo_pc_e_bloccato_la_polizia_postale_segnala_nuova_ondata_truffe-224955759/?ref=RHPPBT-BH-I224955839-C4-P14-S1.4-T1

ROMA – Se sul monitor del vostro pc compare il messaggio “Security warning: Il tuo computer è stato bloccato“, IGNORATELO: seguirne le istruzioni può arrivare a costare una discreta somma di denaro ed espone al rischio di contrarre un pericoloso virus informatico. E’ l’ultimo alert lanciato dalla Polizia postale e delle comunicazioni, che dalle colonne del sito http://www.commissariatodips.it mette in guardia dalla “nuova ondata di truffe” che sta colpendo nelle ultime ore gli utenti del web.

IL TUO COMPUTER E’ STATO BLOCCATO. CHIAMA PER RICEVERE SUPPORTO” IN ATTO UNA NUOVA ONDATA DI TRUFFE – per leggere direttamente l’arfticolo da http://www.commissariatodips.it  premere il Link qui sotto:

https://www.commissariatodips.it/notizie/articolo/il-tuo-computer-e-stato-bloccato-chiama-per-ricevere-supporto-in-atto-una-nuova-ondata-di-truf.html

Navigando su siti del tutto normali, può capitare infatti di trovarsi di fronte ad una schermata di (finto) blocco, accompagnata dall’invito a chiamare immediatamente un certo numero di telefono per ottenere supporto tecnico online. “Se chiudi questa pagina – recita l’allarmante testo – l‘accesso del tuo computer sara’ disattivato per impedire ulteriori danni alla nostra rete. Il tuo computer ci ha avvisato di essere stato infestato con virus e spyware. Sono state rubate le seguenti informazioni: Accesso Facebook, Dettagli carta di credito, Accesso account e-mail, Foto conservate su questo computer. Devi contattarci immediatamente in modo che i nostri ingegneri possano illustrarti il processo di rimozione per via telefonica. Per favore chiamaci entro i prossimi 5 minuti per impedire che il tuo computer venga disattivato“.

Falsi avvisi di questo tipo sono apparsi anche in passato e sotto altre forme. E’ importante sottolineare che a fronte della visualizzazione del messaggio non vi è alcun furto di dati personali né infezione da virus. Chiudendo la navigazione, infatti, il computer continua a funzionare normalmente. Chiamando, invece, il numero indicato e seguendo le istruzioni telefoniche del presunto operatore, il computer viene messo disposizione del truffatore tramite assistenza remota consentendogli, in questo modo, di installare programmi illeciti e virus. Il costo dell’intervento per il finto “sblocco” ammonta intorno ad un centinaio di euro.

La polizia Postale raccomanda di ignorare avvisi di questo tipo anche quando esercitano una forte pressione psicologica. Se avvisi di questo tipo si ripetono costantemente, è opportuno effettuare una scansione con un antivirus aggiornato per rimuovere un eventuale malware pubblicitario (adware). Infine, è sempre necessario installare un antivirus ed aggiornarlo costantemente su tutti i dispositivi.

Marchisio operato al ginocchio e stagione finita: «Mi rialzerò»


Immagine correlata

articolo: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-estero/2019/04/24-56175193/marchisio_operato_al_ginocchio_e_stagione_finita_mi_rialzer/

ROMA – La sfortuna e i guai fisici non smettono di tormentare Claudio Marchisio. Dalla Juventus allo Zenit, la storia per il centrocampista si ripete senza pietà: l’ex bianconero è finito di nuovo ko per un problema al ginocchio destro ed è stato operato a Torino al menisco. Dovrà rimanere fermo per tre mesi circa, stagione finita dunque. Marchisio era da tempo che soffriva al ginocchio per una condropatia rotulea e non scendeva in campo dal 12 febbraio scorso, gara di Europa League contro il Fenerbache (appena 5′)

Tramite un post pubblicato su Instagram, in cui si vede sul letto d’ospedale, il “Principino” ha fatto sapere dell’intervento chirurgico e della sua totale voglia di riprendersi il prima possibile: «Far parte del gioco significa mettere in conto gli infortuni. Continuare a farne parte significa rialzarti ogni volta e dimostrarti più forte degli incidenti di percorso. Anche questa volta mi rialzerò, perché ho ancora voglia di far parte del gioco, perché il vostro affetto rende tutto più semplice e soprattutto perché, operata anche questa, le ginocchia sono finite». Chiaro il riferimento alla rottura del legamento crociato sinistro sofferta nell’aprile del 2016, che costò a Marchisio gli Europei. Ora un altro ostacolo da superare come sempre.

JuventusFC

@juventusfc

Claudio Marchisio

@ClaMarchisio8

Far parte del gioco significa mettere in conto gli infortuni. Continuare a farne parte significa rialzarti ogni volta. 💪🔥
Anche questa volta mi rialzerò, perché ho ancora voglia di far parte del gioco, e soprattutto perché, operata anche questa, le ginocchia sono finite 😂#MC

Visualizza l'immagine su Twitter

Tragedia in Argentina, muore il padre di Emiliano Sala


Risultati immagini per emiliano sala

Infarto a 58 anni, a pochi mesi dal dramma nella Manica

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2019/04/26/argentina-muore-padre-di-emiliano-sala_d95005e9-8884-492c-a945-3b8895e986e4.html

Probabilmente non ha resistito al dolore per la scomparsa del figlio. Così i media argentini, e in particolare Radio ‘La Red’ che per prima ha dato la notizia, spiegano la morte per infarto ieri sera di Horacio Sala, 58 anni, padre di Emiliano Sala l’attaccante del Nantes inabissatosi nella Manica con il velivolo che, nel gennaio scorso, lo stava trasportando a Cardiff per firmare il contratto con quella che sarebbe stata la sua nuova squadra. Horacio Sala si è sentito male la scorsa notte a Progreso, città in cui viveva insieme alla moglie. continua a leggere

la scomparsa ecc. :  https://alessandro54.com/?s=emiliano+sala

Chelsea, Sarri: ”Insulti Burnley? Cose di campo”


Risultati immagini per sarri

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2019/04/26/news/sarri_chelsea_insulti_corsa_champions-224907911/

LONDRA – “Nella mia carriera ho commesso molti errori per cui posso capire che sotto pressione finisci col dire qualcosa che non vorresti. C’è stata una discussione accesa ma che resta sul campo. La multa? Sono uscito dall’area tecnica per una buona ragione ma penso che dovrò pagarla”. Maurizio Sarri archivia il finale infuocato della gara contro il Burnley. Per il tecnico del Chelsea sono arrivati gli insulti dello staff avversario, è stata sfiorata la rissa e alla fine l’unico a essere sanzionato, con l’ammenda per “condotta impropria”, è stato lui. Ma non c’è tempo per recriminare, il Chelsea è quarto a tre giornate dalla fine ed è padrone del proprio destino anche se domenica è atteso a Old Trafford dal Manchester United. “Hanno fatto benissimo per tre mesi e nell’ultimo periodo hanno pagato qualcosa, ma succede e domenica sarà una partita difficilissima – continua Sarri – Hanno ancora una chance per finire fra le prime quattro, dovranno vincere tutte le ultime tre partite ma anche noi abbiamo bisogno di punti e ci sarà da lottare. Proveremo a vincere ma soprattutto non dovremo perdere. Abbiamo due importanti obiettivi: il primo è chiudere fra le prime 4 e il secondo andare in finale di Europa League. E per il primo obiettivo, la partita di domenica è fondamentale”. continua a leggere

cosa era successo? premere il Link: https://alessandro54.com/2019/04/23/insulti-a-sarri-italiano-di-m/

La beffa: https://alessandro54.com/2019/04/24/insulti-e-beffa-sarri-deferito-dalla-fa/

Insulti ad arbitro sui social, Uefa squalifica Neymar per tre giornate


Immagine correlata

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/champions/2019/04/26/news/neymar_squalificato_tre_giornate_per_insulti_ad_arbitro_sui_social-224917759/

NYON – Tre turni di squalifica. E’ questa la sanzione comminata dalla commissione disciplinare dell’Uefa a Neymar per gli insulti via social che il brasiliano ha rivolto all’arbitro del match degli ottavi di Champions Paris Saint Germain e il Manchester United, lo sloveno Skomina. O Ney, infortunato, aveva assistito dalla tribuna alla sconfitta della sua squadra, eliminata dai Red Devils nonostante la vittoria dell’andata in Inghilterra. A scatenare l’ira del brasiliano era stata in particolare la concessione nei minuti di recupero del rigore decisivo per l’eliminazione del Psg. Neymar aveva insultato anche l’arbitro al Var, ovvero Irrati.

Questa è una vergogna – aveva scritto O Ney postando l’immagine del fallo di mano di Kimpembe su Instagram-. Mettono quattro persone che non capiscono di calcio a controllare le immagini. Non esiste! Come fa il ragazzo a colpire di mano se è girato di spalle? Ma vaff…“. Intanto domani Neymar giocherà la finale di Coppa di Francia contro il Rennes, anche dopo la ‘fuga’ a Torino di ieri, che non ha indisposto il tecnico dei parigini Thomas Tuchel: “Non sono suo padre, né un poliziotto”. continua a leggere

25 aprile, ‘Bella ciao’ colonna sonora della giornata


Cori e balli sulle note della canzone partigiana

Tanti gli appuntamenti dedicati alla celebrazione della Liberazione da Nord a Sud della penisola. Nelle piazze sono risuonate le note di ‘Bella ciao’: Moni Ovadia ha cantato dal palco di Parma emozionando la folla, mentre Gianni Morandi ha eseguito il brano accompagnandosoi con la chitarra. A Bologna le note hanno accompagnato una coreografia di danza tutta al femminile. Anche i Marlene Kuntz con Skin hanno realizzato una versione di ‘Bella ciao’ nel videoclip girato a Riace.

https://video.repubblica.it/politica/25-aprile-bella-ciao-colonna-sonora-della-giornata-cori-e-balli-sulle-note-della-canzone-partigiana/333002/333599

Marlene Kuntz + Skin – Bella Ciao

Ringraziamo: le famiglie e gli abitanti di Riace, Nicolina Curiale, Teresa Carnà, il Ristorante “Da Nicolina”, Luca Musuraca, Esterina, Erica Rigato, l’Istituto IIS Fermi di Catanzaro.

Bella Ciao è un canto per la libertà, il canto di tutti. Noi invitiamo le persone ad abbracciarsi, non a dividersi, e la libertà è il presupposto principale per avere lo stato d’animo positivo e buono per farlo. Non si tratta di buonismo, e nemmeno di avere soluzioni in tasca a problemi enormi destinati a diventare sempre più complessi, ma di avere la mente predisposta a sentimenti di pace, a comprendere gli altri, a cercare soluzioni umane per tutti, a mantenere la calma. A non perdere il sentimento della compassione, che per noi va rivolto a tutti, dagli italiani a chiunque altro.

Bella ciao” dunque è l’emblema della resistenza nei confronti di una deriva che consideriamo portatrice di tensioni. E, dal nostro punto di vista, di valori ben poco poetici. E siccome la poesia piace a tutti, facciamo in modo di essere coerenti con questo slancio poetico insito nell’essere umano.  continua a leggere

Il Milan denuncia episodi di razzismo agli organi sportivi


Il club rossonero dopo la sfida con la Lazio: “La Procura della Figc non ha ritenuto opportuno avviare procedure stop”

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2019/04/25/milan-denuncia-razzismo-a-organi-sport_f240554e-b14e-4602-8f0d-128ca002054c.html

AC Milan sente il dovere di denunciare ai massimi Organi sportivi i gravi episodi di ieri avvenuti sia all’esterno che all’interno dell’impianto sportivo, per i quali la Procura Federale non ha ritenuto opportuno avviare le procedure per porvi fine, con l’auspicio che, con l’impegno di tutti, vengano presi dei provvedimenti affinché il razzismo possa essere debellato da tutti gli stadi italiani“. Lo afferma il club rossonero in una nota all’indomani della finale di coppa Italia contro la Lazio.

Scaroni, cori e ululati razzisti avvilenti – “È stato avvilente seguire un così importante evento sportivo nel nostro stadio mentre da un settore erano percepibili ululati e insulti razzisti. È doveroso non abbassare la guardia: il calcio è rispetto. Il calcio deve unire e non dividere”. Lo afferma il presidente del Milan, Paolo Scaroni, nella nota con cui il club denuncia “ai massimi Organi sportivi” i cori razzisti scanditi dai tifosi della Lazio ieri dentro e fuori San Siro, prima e durante la semifinale di coppa Italia.

Chernobyl, i luoghi dell’abbandono: cosa resta 33 anni dopo il disastro


Immagine correlata

Il disastro di Černobyl’ è stato il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nucleare. È uno dei due incidenti classificati come catastrofici con il livello 7 e massimo della scala INES dell’IAEA, insieme all’incidente avvenuto nella centrale di Fukushima Dai-ichinel marzo 2011

articolo: https://video.repubblica.it/mondo/chernobyl-i-luoghi-dell-abbandono-cosa-resta-33-anni-dopo-il-disastro/332841/333437?ref=RHPPBT-BS-I220012994-C12-P1-S3.4-T1

Tavole ancora imbandite, oggetti personali e fotografie, documenti privati e suppellettili, testimonianze di vite spezzate, segnate per sempre dalla tragedia. È quello che resta a 33 anni dal disastro nucleare di Chernobyl , avvenuto il 26 aprile 1986.
La Zona di Esclusione, così è chiamata l’area di 30 km attorno al reattore, presidiata militarmente e a cui si accede solo grazie a particolari permessi, appare oggi come un girone infernale: dai villaggi più perimetrali come Zalissya e Kopachi, di cui restano solo le abitazioni con i tetti e i pavimenti divelti, le attrezzature agricole e qualche macchinario abbandonato, fino al cuore di Chernobyl, l’area delle centrali nucleari e dei radar sovietici come l’imponente ”Duga” ancora in piedi. Si arriva poi a Pripyat, l’unica area veramente disabitata, nelle altre soggiornano addetti ai lavori e militari per brevi periodi di tempo e su turnazione. Questa cittadina, che ospitava all’epoca 50mila persone, era ricca e fiorente. Chiamata anche ‘la città dei bambini’, qui avevano trovato la loro dimora i dipendenti delle centrali nucleari e le loro famiglie.

La Storia Siamo Noi L’incidente di Chernobyl a cura di Gianni Minoli

Storia completa italiano su chernobyl+Bonus 2018

Milan, Calabria si frattura il perone: stagione finita


Davide Calabria Milan

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Milan/25-04-2019/milan-calabria-si-frattura-perone-stagione-finita-3301049339593.shtml

Tegola per il Milan: la stagione di Davide Calabria si è chiusa ieri sera contro la Lazio, partita in cui il terzino destro rossonero si è procurato la frattura del perone. Per il laterale classe 1996 cresciuto nel vivaio milanista sono previsti due mesi di stop.

TITOLARISSIMO — Calabria, partito esterno di centrocampo nel 3-4-2-1 varato da Gattuso nella semifinale di ritorno di Coppa Italia contro i biancocelesti, è uscito al 40′ del primo tempo dopo una botta ricevuta lasciando il posto a Conti. Era stato tra i migliori del Milan, impegnando Strakosha con un sinistro insidioso sullo 0-0. In stagione ha totalizzato 33 presenze e un gol, all’esordio rossonero in campionato contro il Napoli. A questo punto sulla destra sarà ballottaggio tra Conti, apparso ancora poco brillante dopo la prova opaca con il Parma, e Abate, l’altro terzino destro in rosa.

LA NOTA — Con una nota sul proprio sito internet, il Milan ha ufficializzato l’infortunio: “Nel corso del match di Coppa Italia disputato ieri contro la Lazio – si legge –, Davide Calabria ha subito un trauma contusivo diretto della gamba sinistra. Gli accertamenti clinici e strumentali eseguiti in data odierna hanno evidenziato una frattura composta del perone sinistro. Un nuovo controllo radiologico è previsto tra un mese”.

NEWS MILAN – Il club rossonero ha emesso un comunicato ufficiale riguardante l’infortunio di Davide Calabria:

«AC Milan comunica che nel corso del match di Coppa Italia disputato ieri contro la Lazio, Davide Calabria ha subito un trauma contusivo diretto della gamba sinistra. Gli accertamenti clinici e strumentali eseguiti in data odierna hanno evidenziato una frattura composta del perone sinistro. Un nuovo controllo radiologico è previsto tra un mese».

25 aprile – sfila il corteo dell’Anpi a Milano “Siamo oltre 70mila”


Striscione fascista: Zingaretti, risposta sono piazze piene © ANSA

articolo: http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2019/04/25/25-aprile-sfila-il-corteo-dellanpi-a-milano_ed57ae65-86b5-4aed-9a52-ce075f31bf22.html

La Repubblica

Trasmissione in live streaming 4 ore fa
ISCRIVITI 151.305
Il corteo organizzato dall’Anpi sfila per le strade di Milano partendo da corso Venezia in piazza Duomo. Al termine il palco in piazza con gli interventi.

 

Dopo Roma, anche a Milano ha sfilato il corteo per la Festa della Liberazione. In testa le autorità, con il sindaco, Giuseppe Sala, e i gonfaloni dei comuni. Nel corteo anche il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che sfila appena dietro la testa del corteo, tra i manifestanti del suo partito. 

“Siamo oltre 70mila. C’è uno spezzone del corteo ancora in via Palestro, Milano ha saputo dare una grande risposta”, ha sottolineato dal palco il presidente dell’Anpi di Milano e provincia, Roberto Cenati, concludendo gli interventi.

Forti contestazioni si sono verificate al passaggio della Brigata Ebraica durante il passaggio del corteo del 25 aprile, da parte dei manifestanti pro Palestina. “Via i sionisti dal corteo” e “Israele Stato terrorista” sono stati gli slogan usati. La contestazione, pur molto accesa, non ha provocato incidenti. Tra i manifestanti c’è un ampio schieramento delle forze dell’ordine. Al momento della contestazione gli esponenti della Brigata cantavano ‘Bella Ciao’. continua a leggere

Volti e slogan dal 25 Aprile: il corteo di Milano

Le celebrazioni del 25 Aprile a Milano: dal Sacrario a piazzale Loreto

Le celebrazioni del 25 Aprile a Milano: dal Sacrario a piazzale Loreto

{}

{}

25 Aprile: Mattarella: “Ritorno a libertà dopo dittatura”


Risultati immagini per 25 aprile 2019

articolo: https://www.repubblica.it/politica/2019/04/25/news/25_aprile_mattarella_depone_corona_alloro_ad_altare_patria-224816162/?ref=RHPPTP-BL-I224802389-C12-P2-S1.8-T1

Il presidente della Repubblica depone corona alloro ad Altare Patria: al via le celebrazioni della Festa della Liberazione dal nazifascismo. Bongiorno (Lega): “Memoria è un dovere”. Di Maio attacca Salvini: “La mafia si elimina con il buon esempio, non festeggiando a Corleone. Divide chi non vuole festeggiare”. A Roma la comunità ebraica non partecipa al corteo in polemica con Anpi e Pd per la presenza delle bandiere palestinesi

Roma, 25 aprile 2019 . Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, rende omaggio al Monumento del Milite Ignoto all’Altare della Patria.

Il Capo dello Stato, accompagnato dal Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta e dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli, ha passato in rassegna il reparto d’onore schierato con Bandiera e banda e ha deposto una corona d’alloro sulla Tomba del Milite Ignoto. Presenti il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la sindaca di Roma, Virginia Raggi e le più alte cariche dello Stato, i Vertici militari.

“Festeggiare il 25 aprile, giorno anche di San Marco, significa celebrare il ritorno dell’Italia alla libertà e alla democrazia, dopo vent’anni di dittatura, di privazione delle libertà fondamentali, di oppressione e di persecuzioni. Significa ricordare la fine di una guerra ingiusta, tragicamente combattuta a fianco di Hitler. Una guerra scatenata per affermare tirannide, volontà di dominio, superiorità della razzasterminio sistematico“. Lo ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di Vittorio Veneto per le celebrazioni del 74esimo anniversario della Festa della Liberazione dal nazifascismo.

“Se oggi, in tanti – ha proseguito Mattarella – ci troviamo qui e in tutte le piazza italiane è perché non possiamo, e non vogliamo, dimenticare il sacrificio di migliaia di italiani, caduti per assicurare la libertà di tutti gli altri. La libertà nostra e delle future generazioni. A chiamarci a questa celebrazione sono i martiri delle Fosse Ardeatine, di Marzabotto, di Sant’Anna di Stazzema e di tanti altri luoghi d’Italia; di Cefalonia, dei partigiani e dei militari caduti in montagna nelle città, dei deportati nei campi di sterminio, dei soldati di Paesi lontani che hanno fornito un grande prezioso contributo e sono morti in Italia per la libertà”. continua a leggere

25 Aprile, il Presidente Mattarella assiste alla Cerimonia dell’alzabandiera a Vittorio Veneto

(Agenzia Vista) Vittorio Veneto, 25 aprile 2019 – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella assiste alla Cerimonia dell’alzabandiera a Vittorio Veneto per le celebrazioni del 25 Aprile.

Mattarella a Vittorio Veneto per le commemorazioni del 25 aprile

https://video.corriere.it/25-aprile-mattarella-all-altare-patria/e36afa66-6726-11e9-8fa9-3e1bbc7d4c0f

TUTTO PRONTO PER L’ARRIVO DEL PRESIDENTE MATTARELLA | A3 NEWS Treviso 24/04/2019

antennatre

Pubblicato il 24 apr 2019
ISCRIVITI 30.170
VITTORIO VENETO – In primo piano l’arrivo domani a Vittorio Veneto del capo dello stato Mattarella per le celebrazioni del 25 aprile

The Voice chi sono i giudici


Logotvoi.jpg

The Voice of Italy (noto semplicemente come The Voice) è un programma televisivo italiano in onda dal 2013 in prima serata su Rai 2. Si tratta della versione italiana del talent show The Voice, format olandesetrasmesso in tutto il mondo e ideato da John de Mol, creatore del Grande Fratello.

Il programma viene realizzato presso lo Studio 2000 del Centro di Produzione Rai situato a Milano in Via Mecenate, 76.

Condotta da: Simona Ventura

Risultati immagini per the voice

Simona Ventura (Bentivoglio, 1º aprile 1965) è una conduttrice televisiva,  showgirl  e  attrice italiana

 I coach: ????

Risultati immagini per the voice of italy

Gigi D’Alessio – Elettra Miura Lamborghini – Gué Pequeno – Morgan

Risultati immagini per The voice 2019 i giudici

Gigi D’Alessio

Immagine correlata

Gigi D’Alessioall’anagrafe Luigi D’Alessio (Napoli, 24 febbraio 1967), è un cantautore e produttore discografico italiano

Elettra Miura Lamborghini

 

Risultati immagini per Elettra Lamborghini

Elettra Miura Lamborghini (Italia, 17 maggio 1994) è una celebrità di Internet, cantante e cantautrice italiana. È nota per essere la nipote di Ferruccio Lamborghini fondatore della supercar Lamborghini, e per la sua partecipazione al programma Super Shore

Gué Pequeno 

Gué Pequenopseudonimo di Cosimo Fini (Milano, 25 dicembre 1980), è un rapper  e produttore discografico  italiano, noto per la sua militanza nei Club Dogo

Morgan

Risultati immagini per morgan

Morganpseudonimo di Marco Castoldi (Milano, 23 dicembre 1972), è un cantautore, musicista e scrittore italiano, fondatore dei Bluvertigo. Da solista ha vinto anche la Targa Tenco e il Premio Lunezia per l’ Album “Canzoni dell’appartamento”

Risultati immagini per the voice

Rubate le mail a 1,4 milioni di utenti Libero e Virgilio


Il cybercriminale, uno studente di 24anni, si è intrufolato nella rete Wi-Fi del gestore (Italiaonline) operando da un bar vicino alla sede dell’azienda (Assago, Milano). I carabinieri l’hanno fermato dopo che aveva già spedito il pacchetto di credenziali mail al committente

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/04/24/news/rubate_le_mail_a_1_4_milioni_di_utenti_libero_e_virgilio-224777157/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P11-S1.6-T1

È POSSIBILE sedersi comodi a un tavolino di un bar, vicino alla sede di un grande provider di servizi di posta, e rubare le credenziali di accesso mail di 1,4 milioni di italiani. È quanto successo in questi giorni con le caselle di Libero Mail e Virgilio Mail, gestite dall’azienda Italiaonline, secondo un’indagine della Procura di Milano rivelata nelle scorse ore. È quindi proprio da un bar ad Assago, vicino alla sede di Italiaonline, che è stato possibile compiere il crimine informatico: uno studente 24enne di giurisprudenza (a quanto accertato dai carabinieri che hanno collaborato con la Procura) ha ottenuto le credenziali dopo aver violato la rete Wi-Fi dell’azienda. Tutto questo con un portatile dotato di un’antenna, kit tipico utilizzato dai criminali informatici per craccare reti Wi-Fi. Non si sa ancora se la rete avesse  una vulnerabilità, sfruttata dal giovane, o se ci si è avvalsi di un basista. Fatto sta che il ragazzo è stato scoperto solo al secondo tentativo ed era già riuscito a spedire un pacchetto di credenziali al committente (tuttora non noto alle cronache), con cui comunicava via Telegram e da cui era pagato in bitcoin.

Italiaonline ha riferito che non risultano ad oggi accessi abusivi a caselle di posta ma ha già avvisato gli utenti coinvolti, chiedendo loro di cambiare la password. Non basta: dovranno – evidentemente – cambiare anche quella di tutti gli altri servizi dove hanno usato la stessa password di Libero o Virgilio. continua a leggere

“Onore a Mussolini”: a Milano lo striscione


“Onore a Mussolini”: a Milano lo striscione-oltraggio degli ultrà neofascisti alla vigilia del 25 Aprile

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/04/24/news/neoafascisti_mussolini_25_aprile_milano_corso_buenos_aires-224765233/?ref=RHPPLF-BH-I224595948-C8-P2-S1.6-T1

Il blitz a due passi da piazzale Loreto, con saluti romani e cori, di una 70ina di tifosi della Lazio in trasferta. Identificati in 22, ci sarebbero anche interisti. Sala: “Milano è antifascista”. Salvini: “Sono idioti, nessuna tolleranza per ogni forma di violenza”

Risultati immagini per "Onore a Mussolini": a Milano lo striscione

Un blitz di pochi minuti, a due passi da un luogo simbolico come piazzale Loreto e alla vigilia del 25 Aprile. Un gruppo di una settantina di neofascisti ha srotolato uno striscione nella centralissima corso Buenos Aires all’ora di pranzo con su scritto “Onore a Benito Mussolini“. Hanno cantato per pochi minuti slogan fascisti, fatto saluti romani e poi se ne sono andati. Una chiara provocazione il giorno prima del 25 Aprile. Gli autori del gesto appartengono alle curve ultrà, visto che in fondo allo striscione c’è anche la scritta ‘Irr’, che fa pensare agli ‘Irriducibili’: e stasera in città la Lazio, che ha una tifoseria notoriamente di estrema destra gemellata con l’Inter, gioca contro il Milan. continua a leggere

Striscione pro Mussolini dei tifosi laziali a piazzale Loreto: Milano si indigna per la manifestazione fascista

A S.Siro cori razzisti contro Bakayoko


articolo: http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2019/04/24/a-s.siro-cori-razzisti-contro-bakayoko_ff94b594-5fc9-4230-80c2-305767afb60a.html

(ANSA) – Milano, 24 aprile 2019 – Cori razzisti nei confronti del giocatore del Milan Tiemoué Bakayoko sono stati scanditi da gruppi di tifosi della Lazio all’ingresso di San Siro, dove stasera si gioca la semifinale di coppa Italia contro i rossoneri. Sono attesi allo stadio circa 4 mila sostenitori biancocelesti, controllati all’ingresso dello stadio da forze dell’ordine e steward. In almeno un paio di occasioni i tifosi in arrivo hanno cantato il coro ‘questa banana è per Bakayoko‘, come già avvenuto nelle ultime due partite della Lazio.

Insulti e beffa, Sarri deferito dalla Fa


Immagine correlata

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2019/04/24/insulti-e-beffa-sarri-deferito-dalla-fa_ef6d6e4f-3483-42c7-b329-733572061ab2.html

Insultato, espulso e ora anche deferito: nuovi guai per Maurizio Sarri dopo il finale burrascoso dell’ultima partita del suo Chelsea contro il Burnley. La Football Association ha deferito il tecnico toscano, accusandolo dicattiva condotta“. Sarri era stato espulso nei minuti finali del posticipo di lunedì sera, quando era uscito dall’area tecnica per avvicinarsi ai suoi giocatori. In precedenza Sarri era stato insultato da un componente dello staff tecnico del Burnley, che lo aveva definito un “italiano di merda“. Sull’episodio, confermato a fine partita anche da Gianfranco Zola, la FA non ha ancora stabilito se aprire un’indagine. Il tecnico dei Blues ha tempo fino a venerdì per presentare ricorso. Il Chelsea sarà di scena domenica all’Old Trafford, in uno spareggio con il Manchester United per il quarto posto.

Insulti a Sarri “italiano di m…”


1144421171-kKmH-U3309934287892BC-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Tecnico offeso da panchina Burnley, reagisce e viene espulso

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2019/04/23/insulti-a-sarri-italiano-di-m…_5789c3ce-c897-4de0-81bf-161e7ade6a4e.html

Insultato ed espulso, serata da dimenticare per Maurizio Sarri: il suo Chelsea non è andato oltre il pari casalingo contro il Burnley, e il tecnico italiano è stato pesantemente offeso dalla panchina avversaria. Secondo quanto riporta la stampa britannica, nei concitati minuti finali del posticipo dello Stamford Bridge, un componente dello staff tecnico del Burnley avrebbe gridato “italiano di merda” all’ex allenatore del Napoli. Un episodio che ha scatenato la veemente reazione di Sarri, in seguito espulso dal direttore di gara. A fine gara, per spiegare l’accaduto, in conferenza stampa si è presentato il suo vice, Gianfranco Zola. “Sarri è stato espulso dopo essere stato offeso – la conferma di Zola -. Dopo quanto successo in campo, non ha ritenuto che parlare con la stampa fosse la cosa giusta. Penso che gli sia stato detto qualcosa dalla panchina del Burnley. Vedremo cosa fare a riguardo. Credo che la vicenda avrà un seguito: capiamo che l’adrenalina possa giocare brutti scherzi, ma era rattristito”.

Chelsea: insulti a Sarri, è andata così. Ora la FA apre un’inchiesta?

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Premier-League/23-04-2019/chelsea-sarri-insulti-italiano-di-m-espulsione-ecco-come-andata-330993428789.shtml

Lo staff del Burnley avrebbe insultato il tecnico italiano: la nostra ricostruzione dell’episodio dietro la sua espulsione. Il rapporto del quarto uomo potrebbe indurre la F.A. ad aprire un fascicolo. Lo staff del Burnley coinvolto rischia 5 giornate di stop e una maximulta – continua a leggere

Dalla Gazzetta.it il Video dell’intervista a Zola vice di Sarri premere il Link qui sotto

https://video.gazzetta.it/chelsea-zola-sarri-assente-amareggiato/dcc5a5a2-65a6-11e9-b74f-2dd4c465dc23

Maltempo, nuova allerta meteo domani


articolo: https://www.quotidiano.net/cronaca/maltempo-pasquetta-meteo-1.4553820

Roma, 22 aprile 2019 – Il maltempo si abbatte su parte dell’Italia nel giorno di Pasquetta. Nel pomeriggio tragedia in Sardegna: a causa della mareggiata, un turista francese è stato sbalzato in acqua dalla barca a vela davanti alle coste di Porto Corallo, nel Comune di Villaputzu. E’ morto annegato; si è salvata invece la donna che era con lui. Piogge e raffiche di vento hanno accompagnato gli italiani nelle loro gite fuoriporta. Lo scirocco, che ha raggiunto i 60 chilometri l’ora, e il mare molto mosso, che ha toccato forza sette, tengono bloccati nel porto di Milazzo aliscafi e traghetti dirette alle Eolie. E il Dipartimento della Protezione civile ha emesso per domani una nuova allerta meteo.

TG CAGLIARI ONLINE – 22 aprile 2019 – Vento a 80 km orari, il mare “inghiotte” tutta la spiaggia del Poetto: Cagliari avvolta dal maltempo a Pasquetta]

TG CAGLIARI ONLINE – Cagliari 22 aprile 2019 – Cagliari, mare in tempesta a Calamosca: le onde si schiantano sulla spiaggia. Il vento fortissimo soffia ancora anche nel Golfo cagliaritano, a Calamosca va in scena tutta la potenza delle raffiche a ottanta chilometri orari che “prendono a schiaffi” spiaggia e costone roccioso

Rientra stasera l’allerta su Campania, Basilicata e Puglia. 

DISAGI E DANNI IN SICILIA – Circolazione ferroviaria sospesa in mattina sulla linea Messina-Palermo. Nel tratto fra Caronia e Santo Stefano di Camastra un albero è caduto sui binari. Era stata sospesa anche la circolazione fra Barcellona e Patti per guasti all’alimentazione elettrica dei treni causati dal forte vento e per la presenza di un telone sui fili fra le stazioni di Oliveri-Tindari e Novara-Montalbano-Furnari. continua a leggere

Mareggiate sulle coste siciliane (Ansa)

Mareggiate sulle coste siciliane (Ansa)

Gnoukouri: “Non so ancora quando tornerò. Grazie all’Inter, Ausilio mi ha trattato come fossi un figlio”


Immagine correlata

Assane Demoya Gnoukouri (Divo, 28 settembre 1996) è un  calciatore    ivoriano,  centrocampista dell’Inter.

articolo: https://www.fcinternews.it/in-primo-piano/gnoukouri-non-so-ancora-quando-tornero-grazie-all-inter-ausilio-mi-ha-trattato-come-fossi-un-figlio-306215?fbclid=IwAR2loN0iJWP8GnEiMdkzwMlMRKJg7bdIXSV9Zcd-8Vb71E40leVB2BNPNeo

L’ultima partita di Assane Gnoukouri in Serie A risale al 16 ottobre 2016, sconfitta 1-2 contro il Cagliari al Meazza. L’ivoriano giocò 30′. Nel gennaio successivo il passaggio all’Udinese e un problema cardiaco riscontrato nelle visite mediche che lo ha fermato. Da lì in poi, più nulla.

“Quando sono andato a Udine ho fatto le visite e mi sono allenato con loro. Sono andato in panchina. Poi mi hanno detto del problema al cuore, che dovevo fermarmi e fare delle cure. Sapevo di dover aspettare tre o sei mesi e ho aspettato. Sto continuando a curarmi ancora adesso. Non posso nemmeno correre, fare palestra, niente”, dice in un’intervista a Sky Sport il giocatore. “Non è facile quando fare il lavoro che ti piace è come la tua vita – continua Gnoukouri -. E’ difficile stare così per due anni. Mi hanno aiutato tantissimo i miei fratelli. E’ come se mi avessero tolto un piede. E’ difficile, devi essere forte mentalmente e avere gente che ti aiuta vicina a te”.

Si parla anche della vicenda che ha colpito Davide Astori. “Mi ha fatto male – dice ancora il centrocampista – vedere quello che è successo a un giocatore che ha avuto un problema simile al mio. Quando ho fatto la visita il dottore mi ha detto che se non mi fossi fermato sarei potuto cadere in campo. Devo aspettare se voglio giocare. Non so per quanto tempo. Spero nella prossima stagione di poter giocare”.

Forte la vicinanza della società Inter, testimoniata dallo stesso Gnoukouri. “Ausilio mi è stato molto vicino. Mi ha preso come un figlio, mi ha aiutato tantissimo. L’Inter mi ha dato altri due anni di contratto. Ringrazio il professor Volpi, la società Inter, i giocatori che mi scrivono. Sono contento di essere ancora un giocatore dell’Inter

Lazzate, maxi incendio nel Parco delle Groane: oltre 60 uomini in azione


articolo: https://www.ilgiorno.it/monza-brianza/cronaca/lazzate-incendio-parco-groane-1.4554263

Lazzate (Monza e Brianza), 22 aprile 2019 – Un incendio di vaste proporzioni partito nella notte da 3 punti distinti nei boschi del Parco delle Groane, ha tenuto impegnati quasi 60 uomini, tra Vigili del fuoco e squadre antincendio boschivo del Parco. A supporto degli operatori a terra è stato impiegato anche l’elicottero del servizio antincendio di Regione Lombardia.

L’allarme è scattato verso le 4,30 tra Lazzate e Misinto, zona boschi di Sant’Andrea. Sul posto si sono recate le squadre di Vigili del fuoco di Lazzate, Bovisio Masciago, Carate Brianza, Seregno e Inverigo, a cui si sono aggiunti i volontari dell’Antincendio boschivo contattati con la reperibilità notturna. Le operazioni di spegnimento sono durate fino a metà mattina: l’area di sottobosco danneggiata è ancora da quantificare ma si parla di diversi ettari. Le operazioni di bonifica sono proseguite per l’intera giornata.

Milano, vibrazioni sugli spalti di San Siro: “Nessun rischio sicurezza”


Immagine correlata

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/04/22/news/milano_vibrazioni_sugli_spalti_di_san_siro_nessun_rischio_sicurezza_-224616806/

Le vibrazioni registrate il 7 aprile durante Inter-Atalanta in un settore del terzo anello di San Siro non fanno diminuire la sicurezza dello stadio, come evidenzia un’analisi disposta immediatamente dal Comune di Milano“. Inter e Milan prendono posizione con una nota all’Ansa “per fare chiarezza” sullo stato di mantenimento dell’impianto dopo le notizie dei giorni scorsi. “Intendiamo fare chiarezza sulle recenti notizie pubblicate da alcuni media relativamente allo stato di mantenimento dello stadio di San Siro e all’agibilità del terzo anello – la nota dei club -. Nel corso del costante monitoraggio a cui l’impianto cittadino è sottoposto a cura del Politecnico di Milano è stato rilevato, il 7 aprile, un fenomeno di vibrazione, in un settore specifico del terzo anello, superiore ai normali parametri. A seguito di questo episodio, sono state attivate da parte del Comune di Milano (proprietario dell’impianto) le procedure necessarie per analizzare il fenomeno, verificandone entità, dinamica e possibili impatti. L’analisi, affidata dall’amministrazione comunale all’Ingegnere Gian Michele Calvi, ordinario di tecnica delle costruzioni della Scuola universitaria superiore Iuss di Pavia, ha evidenziato che il fenomeno registrato non ha indotto diminuzioni dei coefficienti di sicurezza della struttura e che pertanto non debbono essere presi specifici provvedimenti in merito”.

Immagine correlata
“Anche sulla base dei risultati dell’analisi condotta dall’esperto strutturista – concludono Milan e Inter nella nota congiunta -, la Commissione Provinciale di Vigilanza ha confermato la presenza delle condizioni di agibilità dello stadio contestualmente adottando talune misure di gestione operativa del pubblico destinato al terzo anello tali da non interferire comunque con la complessiva fruibilità dei servizi dell’impianto. I club, e la società MI-Stadio incaricata della gestione dello stadio, hanno preso atto delle conclusioni delle analisi tecniche effettuate così come delle successive valutazioni ed indicazioni della Commissione Provinciale di Vigilanza alle quali si atterranno rigorosamente nella gestione operativa dell’impianto“.

Immagine correlata

Lo stadio Meazza visto dell’alto

Immagine correlata

Lo stadio Meazza visto dell’alto com’era una volta….

Inter e Milan, nota congiunta: “Vibrazioni, San Siro rimane sicuro”

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/22-04-2019/inter-milan-vibrazioni-san-siro-stadio-rimane-sicuro-330966976451.shtml

Nei giorni scorsi l’anomalia al terzo anello rilevata dagli strumenti di monitoraggio costante del Politecnico. I due club: “Le verifiche hanno scongiurato qualsiasi diminuzione della sicurezza, nessun provvedimento necessario”

https://video.gazzetta.it/stadio-san-siro-storia-un-monumento-calcio-mondiale/26a8a3d0-5225-11e9-a926-09a46511ec11

“Nessun problema, San Siro è sicuro”. È questo il senso della nota congiunta diffusa oggi da Inter e Milan dopo che nei giorni scorsi si erano verificate delle vibrazioni anomale al terzo anello.

MONITORAGGIO — “Intendiamo fare chiarezza sulle recenti notizie pubblicate da alcuni media relativamente allo stato di mantenimento dello stadio di San Siro e all’agibilità del terzo anello – scrivono i due club nella nota -. Nel corso del costante monitoraggio a cui l’impianto cittadino è sottoposto a cura del Politecnico di Milano è stato rilevato, il 7 aprile, un fenomeno di vibrazione, in un settore specifico del terzo anello, superiore ai normali parametri”. continua a leggere

La Juve Stabia promossa in serie B


 © ANSA

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2019/04/20/carlo-juve-stabia-promossa-in-b_cf5fce84-fdde-4817-aba8-e23d20a8deb7.html

Ansa – 20 aprile 2019 – La Juve Stabia (serie C, girone C) ha battuto 2-1 la Vibonese ed è matematicamente promossa in serie B con due giornate di anticipo sulla fine del campionato.
I gol di Paponi su rigore, al 10′ e di Mezavilla, al 47′, dopo il momentaneo pareggio degli ospiti con Bubas al 31′, su rigore., hanno dato alle Vespe la certezza del salto di categoria. Il club di Castellammare di Stabia torna in serie B per la terza volta nella sua storia ed a quattro anni di distanza dall’ ultima promozione.
Grande festa a Castellammare di Stabia, dove i settemila presenti allo stadio “Romeo Menti” si sono aggiunti alle centinaia di persone che stanno festeggiando per le strade.

Juventus 8 scudetto consecutivo complimenti però…..


Prima Pagina

Juventus, è scudetto! Fiorentina sconfitta 2-1

non si smentiscono sono 35

vedi: http://www.legaseriea.it/it/serie-a/albo-d-oro

non è aggiornato allo scudetto 2018/2019

CLASSIFICA

CLUB VITTORIE
 Juventus 34
 Inter 18
 Milan 18
 Genoa 9
 Bologna 7
 Pro Vercelli 7
 Torino 7
 Roma 3
 Fiorentina 2
 Lazio 2
 Napoli 2
 Cagliari 1
 Casale 1
 Hellas Verona 1
 Novese 1
 Sampdoria 1

La Serie A 2004-2005 è stata la 103ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio (il 73º a girone unico), disputato tra il 11 settembre 2004 e il 29 maggio 2005. Il campionato è stato vinto dalla Juventus, ma a causa dello scandalo che ha investito il calcio italiano nel 2006 il titolo le è stato revocato, rimanendo non assegnato

Scudetto 2005/ 2006 – Le sentenze della magistratura sportiva assegnarono il titolo all’Inter in qualità di prima squadra classificatasi alle spalle di Juventus e Milan, entrambe penalizzate

2005-20062

Marone, vasto incendio alla azienda Feltri


articolo: https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/marone-incendio-feltri-1.4550948

Marone (Brescia), 19 aprile 2019 – Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato questa sera, venerdì 19 aprile, all’interno dell’azienda Feltri di via Giuseppe Zanardelli, a Marone, sul lago d’iseo.

Secondo le prime informazioni apprese, sul posto si trovano diverse squadre dei vigili del fuoco da Brescia, Darfo Boario Terme e da altri distaccamenti del territorio. Sul posto, oltre ai pompieri, cii sono un’ambulanza inviata dal 118 e i carabinieri di Marone coordinati dal maresciallo Elio Renda. Al momento non è noto se le cause siano accidentali oppure dolose. Non è neppure noto se vi siano persone coinvolte.

Juventus, Fagioli: aritmia cardiaca.


Juventus, Fagioli: aritmia cardiaca. Il 18enne dovrà riposare per 4 settimane

Nicolò Fagioli

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Juventus/19-04-2019/juventus-fagioli-aritmia-cardiaca-18enne-dovra-riposare-4-settimane-330900581128.shtml

Torino, 19 aprile 2019 – Dopo Khedira un altro giocatore della Juventus tiene in ansia i bianconeri. Si tratta di Nicolò Fagioli, classe 2001 in forza alla squadra Primavera, trequartista di grande talento. A darne la notizia è la società torinese sul suo sito ufficiale: “Fagioli che nei giorni scorsi è stato sottoposto a trattamento ambulatoriale per la correzione di una aritmia cardiaca benigna – si legge nel comunicato – dovrà osservare un periodo di riposo di circa 4 settimane prima della ripresa dell’attività sportiva agonistica”. continua a leggere

Doping: nuoto, positivo azzurro Vergani


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/altrisport/2019/04/19/doping-nuoto-positivo-azzurro-vergani_60b44dc6-205a-4ae0-ac44-4c2ca2ca3242.html

Il nuotatore azzurro Andrea Vergani è risultato positivo alla cannabis ad un controllo effettuato da Nado Italia durante i recenti campionati tricolori assoluti. Vergani, che è uno dei talenti emergenti del nuoto italiano, ha conquistato la medaglia di bronzo ai mondiali in vasca corta 2018 e detiene la miglior prestazione mondiale del 2019 sui 50 m. stile libero.

‘Ndrangheta in curva Juve, Cassazione conferma:


‘Ndrangheta in curva Juve, Cassazione conferma: i clan controllavano gli ultras per spartirsi i ricavi del bagarinaggio

Immagine correlata

articolo: https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/19/ndrangheta-in-curva-juve-cassazione-conferma-i-clan-controllavano-gli-ultras-per-spartirsi-i-ricavi-del-bagarinaggio/5122423/

Non è certo che abbia aiutato consapevolmente alcuni ‘ndranghetisti a entrare in contatto con la Juventus. Per questo dovrà subire un nuovo processo d’appello Fabio Germani, l’ex ultras della Juventus che era stato condannato dalla Corte d’appello di Torino per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito del processo Alto Piemonte, che giovedì è approdato in Cassazione dove i giudici hanno approvato in gran parte la sentenza di secondo grado. Diventano così definitive le condanne per associazione mafiosa di Saverio Dominello e suo figlio Rocco, esponenti della cosca PesceBellocco che erano riusciti a inserirsi nel giro del bagarinaggio dei biglietti della Juventus. Padre e figlio dovranno però essere processati di nuovo per un solo episodio, un tentato omicidio, in base al quale dovrà essere calcolata la durata della loro pena. I giudici del “Palazzaccio” hanno così messo una prima parola definitiva su una vicenda che ha rivelato l’interesse della criminalità organizzata nella gestione della Curva Sud dello Juventus Stadium, con Dominello junior a fare da garante della pace tra gruppi ultras, utilizzati della ‘ndrangheta per fare pressioni sulla Juventus e per garantirsi il giro d’affari alimentato dai biglietti. continua a leggere

Cerro Maggiore, arbitro 19enne rischia il linciaggio: carabinieri al campo sportivo


Virtus Cantalupo-Rescaldinese degenera davanti ai bambini del settore giovanile presente sugli spalti

articolo: https://www.ilgiorno.it/legnano/calcio/arbitro-cerro-maggiore-linciaggio-1.4549723

Cerro Maggiore (Milano), 19 aprile 2019 – Partita sospesa e caccia all’arbitro. Succede a Cantalupo, durante una gara di seconda categoria di calcio fra Virtus Cantalupo e Rescaldinese. Ad accendere gli animi le decisioni arbitrali che, secondo gli ospiti, hanno penalizzato oltremodo la Rescaldinese, squadra ultima in classifica che aveva un solo risultato utile per salvarsi: i tre punti.

Prima sono stati espulsi gli allenatori ospiti, poi ben tre giocatori. Infine la caccia all’arbitro, un giovane di 19 anni, che si è rifugiato nella panchina avversaria con i giocatori di casa che gli hanno fatto da scudo per evitare di essere linciato. Sul posto quattro pattuglie dei carabinieri che hanno faticato non poco ad ottenere la calma. La rissa davanti a centinaia di bambini del settore giovanile presenti sugli spalti.