Archivi del mese: marzo 2019

Eccellenza – Fiori e applausi per Annalisa Moccia nel pre gara di S.Maria Cilento – Virtus Avellino


articolo: http://www.sportavellino.it/news-mondo-italia/eccellenza-fiori-e-applausi-per-annalisa-moccia-nel-pre-gara-di-s-maria-cilento-virtus-avellino/?intcmp=gazzanet-guardalinee

Bellissima iniziativa ieri pomeriggio prima della gara tra Polisportiva S.Maria Cilento e Virtus Avellino. I tifosi presenti, l’amministrazione comunale e i dirigenti delle due squadre presenti allo Stadio “Carrano” di Santa Maria Castellabate hanno accolto con un caloroso applauso la guardalinee Annalisa Moccia. La settimana scorsa, la ragazza, è stata offesa pubblicamente e senza alcun motivo da un giornalista che commentava la gara dell’Agropoli contro il Sant’Agnello, campionato di Eccellenza Girone B.

Ad accoglierla, tra gli applausi, con fiori e messaggi di vicinanza il Comune di Castellabate, rappresentato dall’assessore alle Pari Opportunità Elisabetta Martuscelli e dal consigliere comunale Assunta Niglio. Presentea anche l’associazione FIDAPA locale con la presidente Brasilina Guariglia.

25 marzo 2019 – Insulti a guardalinee donna, giornalista Sergio Vessicchio sospeso dall’Ordine. Nicchi: ”Inqualificabile”  premere il Link qui sotto: 

 https://alessandro54.com/2019/03/25/insulti-a-guardalinee-donna/

Genoa, Zukanovic chiede scusa: pace fatta e niente sanzioni disciplinari


Dopo la lite nell’intervallo della partita a Udine, Prandelli ha riunito la squadra: per i giocatori coinvolti una multa che verrà devoluta in beneficenza

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Genoa/31-03-2019/genoa-zukanovic-chiede-scusa-pace-fatta-niente-sanzioni-disciplinari-330357511320.shtml

Il Genoa prova a ricompattarsi dopo la lite avvenuta a Udine, che ha coinvolto Zukanovic e Pereira, con il successivo intervento di Veloso. Il tecnico Prandelli ha radunato questa mattina la squadra a Villa Rostan per analizzare l’accaduto e ripartire in vista della gara di mercoledì al Ferraris contro l’Inter. Zukanovic ha fatto le sue scuse per l’accaduto: episodio chiuso, nessun provvedimento disciplinare a carico dei responsabili, ma soltanto una sanzione pecuniaria che verrà devoluta in beneficenza.

World backup day,


World backup day, il 65% degli utenti perde dati: i consigli per metterli al sicuro

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/30/news/world_back_up_day_il_65_degli_utenti_perde_dati_-222891727/

NEL NOSTRO smartphone, nel nostro tablet o nel computer a casa o al lavoro, ormai, conserviamo gran parte della nostra vita. Immagini, ricordi, amicizie, contatti, ma anche dati sensibili come il nostro account bancario, la nostra dichiarazione dei redditi, le password di accesso al nostro sistema d’allarme o di videosorveglianza, le credenziali per l’uso del computer aziendale, i nostri account ai vari social network. Per non perdere questi dati, abbiamo imparato ormai che i nostri device vanno difesi da “attacchi”, che è opportuno farne una copia su supporti  esterni, che bisogna conservare e proteggere gli account per non renderli utilizzabili da malintenzionati nel momento in cui perdiamo o ci rubano lo smartphone, il portatile, il tablet. Ma salvare i dati spesso non è sufficiente, anche perché la maggioranza di noi lo fa solo per uno dei device in nostro possesso. Non soltanto: tenere i propri dati al sicuro, seppure è ormai diventata un’abitudine diffusa, non ci salva dalla necessità di reinstallare tutte le applicazioni su un nuovo smartphone, su un nuovo tablet o su un nuovo Pc. Con tutto quello che ne consegue in perdita di tempo e, spesso, nell’impossibilità di ripristinare tutto il nostro “mondo virtuale” all’interno degli apparecchi in uso.

Il 31 marzo è la data dedicata al “World Backup Day”, l’occasione per ricordarsi non solo di salvare i propri dati, ma di fare un vero e proprio backup costante dei nostri device. Qual è la differenza tra salvataggio dei dati e backup? E’ presto detto: nel primo caso, avremo l’integrità dei nostri dati sempre disponibile, ma, nel caso di perdita, furto o guasto, dovremo reinstallare da zero i programmi e le app in un nuovo device. Nel secondo caso, invece, potremo quasi senza problemi, riavere in breve tempo tutto il nostro sistema pronto ad essere utilizzato Acronis ha presentato i dati del sondaggio globale commissionato per il World Backup Day 2019 per fare luce sulle abitudini globali di protezione dati degli utenti. Dall’indagine emerge che il 65,1% degli utenti intervistati o un membro della loro famiglia ha perso dati in seguito a un’eliminazione involontaria, un guasto o un problema software, con un aumento del 29,4% rispetto allo scorso anno. continua a leggere

 

Andreazzoli e la sala deserta….


Andreazzoli e la sala deserta: “Allegri è già passato, ecco perché…”

Il Video: //video.gazzetta.it/video-embed/41270586-533c-11e9-9a1d-4b028d39f2cf?tipo_video=embed_norcs

Simpatico siparietto in conferenza stampa per Aurelio Andreazzoli, che non trova molti giornalisti ad attenderlo. E sa bene chi sia il responsabile…

Ricchi, ricchissimi, praticamente…in


Ricchi, ricchissimi, praticamente…in mutande: i calciatori che hanno sperperato tutti i loro soldi

Dal verde del campo di calcio, al rosso del conto in banca. Diversi calciatori non hanno saputo gestire, nel senso più pieno del termine, la propria fortuna, ritrovandosi alle soglie della povertà

articolo: http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/

Ronaldinho

CALCIO: RONALDINHO IN CAMPO, ESPLODE IL BOATO DI SAN SIRO

Incredibile sorpresa per lo Stato brasiliano, che sta cercando in tutti i modi di farsi pagare da Ronaldinho una multa da due milioni di dollari, la stessa che ha portato al ritiro del passaporto del campione del mondo 2002. Ma quando sono entrati sul conto di Dinho, come riporta Uol Esporte, avrebbero trovato…6 euro. L’ex Barça e Milan è vicino alla bancarotta a causa del suo stile di vita? Difficile stabilirlo, ma non sarebbe una novità. Tanti altri colleghi, per un motivo o per l’altro, hanno tolto i calzoncini e si sono ritrovati…in mutande!

Manè Garrincha

Scheda 2 di 15
garrincha-monografie-wp-777x437

La storia di Manè Garrincha, stella della Seleçao campione del mondo in Svezia e in Cile, è probabilmente quella più esemplificativa di cosa può accadere una volta smesso di giocare. Il campionissimo dal dribbling impossibile da prevedere muore in povertà ad appena 49 anni, dopo una vita fatta di eccessi in cui il brasiliano non riesce a gestire il suo denaro

Andreas Brehme

brehme

Chi trova un amico trova un tesoro. E un amico come Kaiser Franz Beckenbauer vale doppio. È lui che nel 2014 rende nota al mondo la situazione economica di Andreas Brehme, il marcatore della finalissima di Italia ’90. Il tedesco è sommerso dai debiti e il suo ex CT si adopera per aiutarlo. Prima Brehme trova lavoro in un’azienda di pulizie, poi, sempre con l’interessamento del Kaiser, rientra nel mondo del calcio come osservatore per il Bayern.

Paul Gascoigne

Paul Gascoigne

Di Paul Gascoigne è noto l’abuso di sostanze alcoliche, ma nei primi anni del nuovo millennio al vizio di alzare il gomito Gazza aggiunge anche quello del gioco. Si narra di serate passate a perdere centinaia di migliaia di sterline al tavolo da blackjack, che costringono l’inglese a sborsare cifre ingenti e a rischiare più volte la bancarotta.

 

http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/5/

Paul-Merson-1103259

Paul Merson, leggenda dell’Arsenal, è celebre per la sua lotta contro gli eccessi, sia durante la sua carriera che una volta appesi gli scarpini al chiodo. E nel 2008 l’ex stella della nazionale inglese è stata costretta a cedere la sua casa dal valore di oltre trecentomila sterline a causa di debiti di gioco. Ora è opinionista TV e sembra essersi ripreso, ma le cicatrici di quei momenti difficilmente andranno via.

Dietmar Hamann

http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/6/

hamann

Il Campione d’Europa Dietmar Hamann, che nel 2005 è stato parte del Liverpool di Benitez capace di vincere la Champions contro il Milan, si è giocato male le proprie carte. Nel senso più pieno della parola. Il tedesco ha cominciato a perdere molto denaro ai tavoli da gioco per dimenticare una situazione familiare complicata, tra divorzio e custodia dei figli.

George Best

http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/7/

George-Best2-e1482998997129

George Best. Una vita sregolata, sperperando tutto il denaro guadagnato, come pronunciato in una celeberrima frase, in alcol, macchine e donne. Tra bancarotta, detenzione in carcere e alcolismo. Solo sul finire della sua vita si è ravveduto invitando i giovani a non seguire il suo esempio.

Ivan Zamorano

http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/8/

Zamorano-7

Anche Ivan Zamorano ha passato momenti piuttosto complicati: qualche anno fa l’ex attaccante di Real Madrid e Inter ha vissuto, un dramma finanziario non indifferente. Debiti con tre banche diverse, il fantasma della bancarotta è dietro l’angolo. Si parla di cifre sui 3 milioni di euro. Poi sembra che la situazione sia migliorata.

David James

http://www.ilposticipo.it/alta-fedelta/ricchi-ricchissimi-praticamente-mutande-calciatori-sperperato-tutti-soldi/9/

Spurs Legends-Inter Forever 4-5: sorrisi e vittoria per Mourinho & Co


Nel nuovo White Hart Lane, con il portoghese nel ruolo del viceallenatore, i nerazzurri sconfiggono il Tottenham. In gol Suazo (doppietta), Veron, Ventola e Kharja

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/30-03-2019/spurs-legends-inter-forever-mourinho-330341083871.shtml

Francesco Toldo e José Mourinho sorridono in panchina. Afp

Francesco Toldo e José Mourinho sorridono in panchina

Tante leggende in campo, lo Special One in panchina. Inter Forever-Tottenham Legends non è stata soltanto l’ultima prova generale prima del debutto del nuovissimo, bellissimo e costosissimo (1,1 miliardi di euro) stadio degli Spurs, in calendario mercoledì sera con il match di Premier contro il Crystal Palace, ma sarà ricordata anche per il ritorno sulla panchina nerazzurra di José Mourinho. Un “favore” all’amico Francesco Toldo, allenatore degli ex nerazzurri, e il portoghese, lontano da quei colori dalla notte di Madrid del 2010, ha reso il pomeriggio di Londra molto speciale. Tra foto e abbracci con gli ex giocatori (su tutti i “tripletistiToldo, Julio Cesar e Zanetti) nel ritiro, autografi ai tifosi delle prime file, consigli su come muovere i giocatori e qualche gag con gli arbitri. continua a leggere

José Mourinho, 56 anni, inseme a Toldo, Julio Cesar e Javier Zanetti. Fc Inter

José Mourinho, 56 anni, inseme a Toldo, Julio Cesar e Javier Zanetti. Fc Inter

Mourinho con Toldo e Julio Cesar. Fc Inter

Mourinho con Toldo e Julio Cesar. Fc Inter

Genoa, lite nell’intervallo. Prandelli: “Prenderò provvedimenti”


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Genoa/30-03-2019/genoa-tensione-spogliatoio-prandelli-prendero-provvedimenti-330334798068.shtml

La sconfitta a Udine ha lasciato scorie spiacevoli nella squadra allenata da Prandelli. Durante l’intervallo della sfida di oggi pomeriggio alla Dacia Arena, nello spogliatoio del Genoa il nervosismo è salito alle stelle ed è sfociato in una lite di cui ha parlato lo stesso allenatore del Grifone, Cesare Prandelli.

TENSIONE — Difficile, al momento, capire chi sia coinvolto, ma il tecnico in conferenza stampa non ha minimizzato: “Ci sono stati dei contrasti, si è alzata un po’ la voce, ma i due cambi (Rollon e Lazovic) non centrano nulla con quello che è successo, altri giocatori hanno discusso ma ci sta, abbiamo carattere, anche se certe situazioni si possono gestire meglio”. E il tecnico promette provvedimenti: “Adesso valuterò con calma ma prenderò sicuramente dei provvedimenti”.

Il VIDEO: 

<iframe framespacing=’0′ frameborder=’no’ scrolling=’no’ src=’https://video.gazzetta.it/video-embed/7a7a427e-5320-11e9-9a1d-4b028d39f2cf?playerType=article&autoPlay=false&mute=false&tipo_video=embed_norcs&#8217; width=’540′ height=’340′ allowfullscreen></iframe>

Sampdoria-Milan 1-0, fatale un errore di Donnarumma


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2019/03/29/sampdoria-milan-gattuso-futuro-in-sospeso-priorita-champions-_20df9a91-19da-4839-b215-d4a983d3c292.html

La Sampdoria ha battuto il Milan 1-0. Decide un gol lampo di Defrel lanciato da un errore di Donnarumma.

Sampdoria-Milan 1-0:  Gol lampo della Sampdoria che dopo 38″ è andata in vantaggio a Marassi con Defrel complice un clamoroso errore del portiere del Milan Donnarumma il cui rilancio è finito sui piedi del giocatore blucerchiato che ha appoggiato la palla in rete.

Sampdoria – Milan 1- 0 – Defrel Gol ( Papera di Donnarumma ) 

È tornato Paperumma!!!!!! 

Comment: Credo di no!!!!! classico errore di gioventù,  scherzarci sopra…..

https://twitter.com/Angelredblack1/status/1112089823962112005

Gigio consolati!!!!

Casillas, che gaffe: chiama un fuorigioco che non c’è e prende gol

//video.gazzetta.it/video-embed/b0efafc4-5316-11e9-9a1d-4b028d39f2cf?tipo_video=embed_norcs

Polonia, un autogol ridicolo… da applausi

//video.gazzetta.it/video-embed/af36977c-52cd-11e9-9a1d-4b028d39f2cf?tipo_video=embed_norcs

Cristiano De André – Invisibili


Testo – Invisibili

Writer(s): MASSIMO BUBOLA, CRISTIANO DE ANDRE’

Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
E io qualche volta passeggiavo da quelle parti lì

Il profumo dell’estate a volte era gradevole

E le tue medagliette al merito sul petto brillavano

Brillavano molto più dei miei lividi

Tu camminavi nell’inquietudine

E la mia incudine era un cognome inesorabile

Un deserto di incomunicabilità

Tu eri laureato in danni irreversibili

che la droga provoca al cervello

Io un po’ di questo un po’ di quello

In fondo niente di veramente utile

Tu eri bravissimo a specchiarti nelle vetrine

Io altrettanto a svuotare le cantine

Per noi amici, pochi amici, pochissimi amici

Tu eri fortissimo a inventarti la realtà

Io liberissimo di crederla o non crederla

E ho sempre sperato che qualcuno un giorno

Potesse parlare male di noi

Ma eravamo invisibili, talmente invisibili che non ci vedevamo mai

Stu ténpu

Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu

Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu

Ma òua che se vedemmu

Dumàn tüttu u cangiàa

Tu abitavi in via dell’amore vicendevole

E io avevo preso una stanza in affitto

da quelle parti lì

F1, Gp Bahrain: ruggito Ferrari, pole di Leclerc e Vettel secondo


articolo: https://www.repubblica.it/sport/formulauno/2019/03/30/news/gp_bahrain_qualifiche_pole_vettel_leclerc_hamilton_bottas_verstappen_ferrari_mercedes-222880096/

AKHIR – Ruggito Ferrari a Sakhir. Le due Rosse partiranno in prima fila domani nel secondo Gp della stagione. Pole position, prima della carriera, per Charles Leclerc che ha girato in 1’27″866 precedendo il compagno di squadra Sebastian Vettel. Mercedes in seconda fila con Lewis Hamilton davanti a Valtteri Bottas, poi Max Verstappen con la Red Bull che sarà affiancato da Kevin Magnussen (Haas). Settimo tempo per Carlos Sainz (McLaren) che precede Romain Grosjean (Haas), Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) e Lando Norris (McLaren).

Leclerc: ”Imparo da Vettel” – “Sono estramemente contento. In Australia non avevo fatto una bella qualifica, avevo commesso qualche errore nel Q3 ma ho lavorato sodo e abbiamo fatto un buon lavoro sin dall’inizio della qualifica” ha detto Leclerc dopo la pole. “Vettel è un pilota fantastico, ho imparato molto da lui e continuerò a farlo. Ma oggi sono contento di essere in pole e davanti a lui, è una gran giornata per me”.

se vuoi leggere di più premere il Link qui sotto: https://www.repubblica.it/sport/formulauno/2019/03/29/news/f1_gp_bahrain_ferrari_dominano_prime_libere_leclerc_davanti_a_vettel-222797547/?ref=drac-2

Vettel-Ferrari-Z07.jpg

 

Più di mille italiani intercettati sul cellulare, per errore, da hacker di Stato


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/30/news/molte_centinaia_di_italiani_intercettati_su_cellulare_per_errore_da_hacker_di_stato-222865990/

Il problema scoperto e denunciato dalla società no profit Security Without Borders. Il software, lo spyware “Exodus“, era pensato per spiare legalmente criminali ma per un presunto errore di programmazione ha finito per intercettare anche cittadini normali

ROMA – Alcune centinaia di utenti italiani, forse oltre un migliaio, sono stati infettati per errore da un software pensato per intercettazioni di Stato, tramite una ventina di app inserite su Google Play Store. Lo spyware, il cui nome è Exodus, è stato scoperto dalla società no profit Security Without Borders, in un’inchiesta fatta in collaborazione con la rivista Motherboard. A quanto si legge nel rapporto, come poi confermato da molti esperti a Repubblica, Exodus è usato dalle principali procure per intercettare criminali (le loro telefonate, registrare i suoni ambientali, copiare la rubrica, il registro telefonico, la posizione gps, le conversazioni Facebook e via di questo passo). Il problema è che per un errore nel codice questo software finiva per intercettare in modo indiscriminato chiunque scaricasse queste app con lo spyware, presenti liberamente sullo store di Google (prima che Big G le rimuovesse proprio nei giorni scorsi). Perlopiù si trattava di app (ovviamente all’apparenza normali) che si presentavano come strumenti per migliorare le prestazioni del cellulare oppure per ricevere offerte promozionali del proprio operatore e quindi esclusive per chi le installava.

Che cosa è successo a chi ha scaricato l’app
Una volta installata l’app, lo spyware permette, a chiunque lo controlli, di gestire a distanza il cellulare dell’utente. Il controllore può essere la società che ha sviluppato il software o chiunque ci abbia poi messo le mani e sia riuscito a farlo installare all’utente. Il rapporto pubblica una lunga lista delle cose che lo spyware permette di fare. In sostanza è possibile sapere non solo tutto quello che l’utente sta facendo con il cellulare; ma anche le cose che fa – di persona, fisicamente – quando ha il cellulare con sé. Oltre alle chiamate, le chat (anche quelle in teoria criptate), gli indirizzi web visitati, la rubrica dei contatti, le foto scattate, i suoi appuntamenti messi in agenda, rivela anche la sua posizione fisica momento per momento (registrata dal gps e dalle antenne degli operatori). La password del Wi-Fi, poi,  permette di entrare nella rete domestica dell’utente e fare ulteriori intercettazioni. Il controllore dello spyware può aprire il microfono del cellulare e quindi ascoltare tutti i rumori circostanti, quindi le conversazioni fatte di persona dall’utente. Può far scattare foto e così vedere i volti delle persone vicine allo smartphone.

continua a leggere

Mick Jagger non sta bene……


Immagine correlata

Mick Jagger non sta bene, posticipato il ‘No Filter’ tour in Nord America: “Odio lasciare così i fan”

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/03/30/news/mick_jagger-222873185/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P9-S1.4-T1

“Mick è stato consigliato dai medici di non imbarcarsi in un tour in questo momendo, avendo necessità di cure mediche”: così i Rolling Stones annunciano, tramite il loro profilo Facebook, il rinvio degli imminenti concerti canadesi e statunitensi

Unfortunately today the Rolling Stones have had to announce the postponement of their upcoming US / Canada tour dates – we apologise for any inconvenience this causes those who have tickets to shows but wish to reassure fans to hold onto these existing tickets, as they will be valid for the rescheduled dates, which will be announced shortly.

Mick has been advised by doctors that he cannot go on tour at this time, as he needs medical treatment. The doctors have advised Mick that he is expected to make a complete recovery so that he can get back on stage as soon as possible.

“I’m so sorry to all our fans in America & Canada with tickets, I really hate letting you down like this. I’m devastated for having to postpone the tour but I will be working very hard to be back on the road as soon as I can. Once again, huge apologies to everyone.” – Mick Jagger

Traduzione: Purtroppo oggi i Rolling Stones hanno dovuto annunciare il rinvio delle loro prossime date del tour us / Canada – ci scusiamo per qualsiasi inconveniente questo causa chi ha biglietti da mostrare ma vuole rassicurare i fan per tenere in considerazione questi biglietti esistenti, poiché saranno validi Per le date riprogrammato, che saranno annunciate a breve.

Mick è stato avvisato dai medici che non può andare in tour in questo periodo, perché ha bisogno di cure mediche. I medici hanno consigliato a Mick che si aspetta di fare un recupero completo per poter tornare sul palco il prima possibile.

” mi dispiace tanto a tutti i nostri fan in America & Canada con i biglietti, odio davvero farvi scendere così. Sono devastato per aver dovuto rimandare il tour ma sarò molto forte per essere di nuovo in viaggio appena posso. Ancora una volta, grandi scuse a tutti.”-Mick Jagger

continuaa a leggere

The Rolling Stones – live at the max – 1991 

Fiorentina, incidente d’auto per Chiesa: un motociclista in ospedale


Immagine correlata

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Fiorentina/29-03-2019/fiorentina-incidente-d-auto-chiesa-motociclista-ospedale-330311504832.shtml

Disavventura alla guida per l’attaccante della Fiorentina Federico Chiesa. L’attaccante della Nazionale è infatti rimasto coinvolto nel pomeriggio in un incidente stradale a Firenze. Stando alle prime informazioni, il calciatore sarebbe rimasto illeso.

L’INCIDENTE — Chiesa era alla guida di una Mini Cooper che avrebbe urtato un mezzo a due ruote. I mezzi si sono affiancati e poi urtati. A seguito dello scontro, lo scooterista è finito a terra. Quest’ultimo è stato soccorso e ricoverato a Careggi, dove è stato ricoverato. Stando alle ultime informazioni, l’uomo avrebbe riportato soltanto alcune escoriazioni. Il tamponamento è stato lieve.

Legittima difesa in 6 punti, cosa cambia con la nuova legge


articolo: https://www.quotidiano.net/politica/legittima-difesa-legge-2019-1.4514628

Roma, 29 marzo 2019 – La difesa è sempre legittima. E’ l’assunto cardine del testo di legge approvato ieri in vita definitiva dal Senato con 201 sì, 38 no e 6 astensioni. Ma cosa significa? Che la reazione all’aggressione o alle minacce subite in casa o sul posto di lavoro è da considerarsi sempre “proporzionata”: dunque, sempre giustificata. Di conseguenza non è punito chi reagisce all’aggressore “in stato di grave turbamento”. Ecco cosa prevede la nuova legge voluta dalla Lega e passata con l’appoggio del Movimento 5 Stelle (il ministro Bonafede e Luigi Di Maio hanno precisato che “era nel contratto”), Forza Italia e Fratelli d’Italia.

COSA CAMBIA

  1. L’articolo 1 della legge introduce uno degli aspetti più controversi: la reazione di chi difende se stesso, altri o i propri beni usando un’arma detenuta legittimamente, non viene più messa in discussione, riconoscendo la reazione «giustificata» e non eccessiva
  2. L’articolo 2 della riforma va a modificare l’articolo 55 del codice penale che disciplina ‘l’eccesso colposo’. Con il nuovo testo si esclude la punibilità di chi si è difeso in «stato di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto»
  3. L’articolo 3 prevede la possibilità di ottenere la sospensione condizionale della pena per chi ha commesso un furto in appartamento solo dopo che ha integralmente pagato l’importo dovuto per il risarcimento del danno alla persona offesa
  4. Novità anche sul piano del diritto civile: non c’è responsabilità di chi ha agito in condizioni di legittima difesa. Ergo, chi è assolto penalmente, non è obbligato a risarcire – civilmentre- eventuali danni provocati all’aggressore o al rapinatore. 
  5. Vengono inasprite le pene per violazione di domicilio (da uno a quattro anni), furto in appartamento scippo (da quattro a sette anni), mentre per la rapina la reclusione minima sale a cinque anni. Resta invariata la pena massima a 10 anni
  6. La riforma sulla legittima difesa estende le norme sul gratuito patrocinio a favore della persona nei cui confronti sia stata disposta l’archiviazione o il proscioglimento o il non luogo a procedere per fatti commessi in condizioni di legittima difesa o di eccesso colposo

Terence Hill, gli 80 anni dell’antidivo passato dalle scazzottate al prete ‘forte’ Matteo


Immagine correlata

Terence Hill, pseudonimo di Mario Girotti (Venezia, 28 marzo 1939), è un  attore,  regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/tv-radio/2019/03/28/news/terence_hill-222654310/

l 29 marzo Mario Girotti, da sempre lontano dalla mondanità, festeggia il traguardo. E, con la consueta discrezione, lo fa lontano dai riflettori, immerso nella natura.

{}

Come festeggerà gli 80 anni (il 29 marzo) il divo più discreto della tv? Terence Hill odia la mondanità e anche stavolta è rimasto fedele a se stesso: “È in America, lontano dal mondo, in uno di quei paesi immersi nella natura che gli piacciono tanto”, racconta il produttore della LuxVide Luca Bernabei, che realizza Don Matteo. “Le dico solo che gli inviamo le sceneggiature all’indirizzo di un ufficio postale”. continua a leggere

{}

Oltre cento film, una carriera lunghissima e grandi successi, anche e soprattutto in coppia con Terence Hill. Bud Spencer morto a Roma a 86 anni, è stato protagonista di una stagione importante del cinema italiano. E le locandine dei suoi film sono dei veri e propri cult

Nostalgia – clip da intervista a Terence Hill negli Extra de “Il mio nome è Thomas

T.Hill & B.Spencer – David di Donatello 2010

Consegna del Premio David di Donatello 2010 alla carriera alla grandissima coppia di splendidi attori che per oltre 40 anni ci hanno allietato con indimenticabili commedie… Terence Hill e Bud Spencer! Grazie per tutto quello che ci avete voluto regalare!

 

 

Fiorella Mannoia, il nuovo album è “Personale”: le canzoni


fiorella-mannoia-nuovo-album-personale-canzoni

articolo: https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/2019/03/28/fiorella-mannoia-nuovo-album-personale-canzoni.html

Il 29 marzo arriva nei negozi fisici e digitaliPersonale”, il nuovo album di Fiorella Mannoia. L’uscita del disco, contenente tredici canzoni, sarà seguita dal firmacopie e da un intenso tour.

Fiorella Mannoia – Il peso del coraggio (Official Video)

Un viaggio tra parole e immagini – Si intitola “Personale” il nuovo lavoro discografico di Fiorella Mannoia, che uscirà in CD e digitale il 29 marzo e in vinile il 12 aprile. Si tratta di un album con 13 inediti, che raccontano sentimenti, riflessioni, pensieri e prese di coscienza sulla vita e sull’umanità. Si tratta anche di 13 storie, accompagnate da un booklet contenente alcune fotografie scattate dalla cantante nel corso dei suoi viaggi e con cui vuole condividere la passione sviluppata per questa forma di arte negli ultimi anni.

La tracklist del nuovo album  “Personale” è il frutto della collaborazione di alcuni degli autori più rilevanti nel panorama della musica Italiana. Federica Abbate, Ivano Fossati, Luca Barbarossa, Cheope, Amara, Zibba e Bungaro sono solo alcune delle firme del disco, anticipato dal singolo “Il peso del coraggio”, pubblicato lo scorso primo febbraio e che su YouTube ha superato i due milioni di visualizzazioni. Questa è la tracklist dell’album:

  1. Il Peso del coraggio
  2. Imparare ad essere una donna
  3. Riparare
  4. Smettiamo subito
  5. L’Amore è sorprendente
  6. Il Senso
  7. Un Pezzo di pane
  8. Penelope
  9. Resistenza
  10. Anna siamo tutti quanti
  11. Carillon
  12. L’Amore al potere
  13. Creature feat. Antonio Carluccio

continua a leggere

Scontro tra due treni Trenord in provincia di Como


Scontro tra due treni Trenord in provincia di Como: quatto feriti e una trentina di contusi

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/03/28/news/scontro_tra_due_treni_trenord_in_provincia_di_como_quatto_feriti-222745328/

L’incidente è stato provocato dalla partenza con il semaforo rosso di uno dei due convogli che ha tamponato quello che lo precedeva

Due treni di Trenord si sono scontrati frontalmente a bassa velocità sulla linea tra Milano e Asso, tra Arosio (Como) e Merone (Como), e quattro persone sono rimaste ferite in modo non grave. L’incidente è stato provocato dalla partenza con il rosso del macchinista del treno 1665 dalla stazione di Inverigo verso Canzo-Asso con il convoglio che ha poi bruscamente frenato, senza però riuscire a evitare l’impatto con il treno 1670 che procedeva a bassa velocità nella direzione opposta, da Erba verso Milano.

Molte le persone a bordo dei convogli che hanno riportato lievi contusioni, mentre i quattro sono in codice giallo. Trenord ha aperto un’inchiesta interna. In servizio autobus sostitutivi tra Arosio e Merone.

Video: https://video.repubblica.it/embed/edizione/milano/como-urto-frontale-fra-due-treni-a-bassa-velocita-4-feriti-e-nessuna-vittima/330753/331350&width=320&height=180

Vigili del FuocoVigili del Fuoco
@emergenzavvf
#Inverigo (CO) #28marzo 18:40, tamponamento tra due treni sulla linea Como-Lecco: #vigilidelfuoco al lavoro per il soccorso. Una cinquantina i passeggeri feriti in modo lieve, mentre dalle prime indicazioni del personale sanitario sarebbero cinque quelli più gravi 

Inter : LAUTARO MARTINEZ, L’ESITO DEGLI ESAMI


articolo: https://www.inter.it/it/news/93237/lautaro-martinez-lesito-degli-esami

LAUTARO MARTINEZ, L’ESITO DEGLI ESAMI

Risonanza magnetica per l’attaccante nerazzurro dopo il problema riscontrato durante l’amichevole tra Argentina e Marocco

MILANO – Lautaro Martinez è stato sottoposto oggi a risonanza magnetica dopo il problema riscontrato durante la gara amichevole tra l’Argentina e il Marocco.

L’esame ha evidenziato una distrazione muscolare al retto femorale della coscia destra. Per l’attaccante argentino in programma un lavoro personalizzato, le sue condizioni verranno rivalutate settimana prossima.

English version  Versión Española  日本語版  Versi Bahasa Indonesia

Bangladesh: incendio in un palazzo a Dacca, persone intrappolate. Almeno 4 morti


articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2019/03/28/bangladesh-incendio-in-un-palazzo-a-dacca-persone-intrappolate_2a5a1180-7e51-4102-abf6-7815e70f1161.html

Diversi media riportano un bilancio di almeno 4 morti nell’incendio che ha divorato un grattacielo di uffici di 19 piani nel centro di Dacca, Balgladesh, dove decine di persone sono intrappolate.

Molte persone sono riuscite a uscire dalle finestre e a sfuggire arrampicandosi o facendosi scivolare lungo una grondaia. I filmati postati sui media mostrano alcuni che non ce la fanno e precipitano sul sottostante marciapiede. L’edificio, la FR Tower, si trova nel quartiere degli affari, a Banani Street. 

Choc in Argentina: acqua bollente su una guardalinee donna!


articolo: http://www.ilposticipo.it/calcio/choc-in-argentina-acqua-bollente-su-una-guardalinee-donna-ho-sentito-che-me-la-lanciavano-sulla-schiena/?intcmp=gazzanet-guardaline-argentina

Choc in Argentina: acqua bollente su una guardalinee donna! “Ho sentito che me la lanciavano sulla schiena…”

Grave episodio di violenza ai danni di Rosana Paz, assistente nella sesta serie argentina: nei minuti finale della partita tra Marquesado e San Martin, la guardalinee ha preso una decisione contro i padroni di casa… che le è costata una brutta ustione!

27 marzo 2019 – Il calcio argentino fa parlare di sé, ma questa volta non ha niente a che vedere coi fenomeni del pallone. In sesta serie, nella sfida tra Marquesado e San Martin, si è registrato un grave attacco alla terna arbitrale: a rimetterci è stata la guardalinee Rosana Paz, aggredita dopo aver sbandierato una decisione contro i padroni di casa sull’1-0. La vittima dell’aggressione è stata trasportata in ospedale dove le è stata diagnosticata una “grave ustione”.

ACQUA BOLLENTE – Secondo quanto riportato ad As, la guardalinee della sfida in programma per la Liga Sanjuanina è stata attaccata con acqua bollente due minuti prima della fine della partita, vinta dai padroni di casa 1-0. I tifosi del Marquesado si sono vendicati nei confronti della Paz “rea” di aver preso una decisione ai loro danni. La vittima dell’aggressione ha spiegato come sono andate le cose: “Ho sentito che mi lanciavano acqua calda sulla schiena. Ho chiamato l’arbitro e ho chiesto che venisse gettata acqua fredda nella zona… Volevano sospendere la partita, ma abbiamo raggiunto un accordo per continuare”. La Paz è stata portata all’ospedale, dove i medici le hanno diagnosticato una “grave ustione”. Nonostante questo la guardalinee non ha intenzione di mollare: “È dura essere una donna nel calcio, ma io voglio andare avanti. Spero di arbitrare nel prossimo fine settimana” continua a leggere

«Pernigotti salva grazie al piano Laica e con occupazione triplicata»


<img class=”img-responsive aligncenter” src=”https://i2.res.24o.it/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/2019/03/23/Finanza%20e%20Mercati/ImmaginiWeb/Ritagli/953853-kABC–835×437@IlSole24Ore-Web.jpg&#8221; alt=”

” width=”508″ height=”266″ />

articolo: https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-03-22/pernigotti-salva-e-l-occupazione-triplicata-grazie-piano-laica–125401.shtml?uuid=ABivR1gB&fromSearch

22 marzo 2018Il nostro progetto non è quello di salvare qualche decina di posti di lavoro. Noi vorremmo andare ben oltre». Per la prima volta Andrea Saini, presidente e amministratore delegato di Laica, l’azienda specializzata nella produzione di cioccolato, in pole position per il salvataggio della Pernigotti, parla dell’operazione con Il Sole 24 Ore Radiocor. «Il nostro mestiere è produrre cioccolato e questo offriamo, con l’obiettivo di contribuire al rilancio della Pernigotti, affinchè quest’azienda possa ritornare ad essere un’eccellenza piemontese che occupi il doppio o il triplo delle persone che occupava fino all’anno scorso».

L’unico pretendente ad aver presentato un piano industriale al 2022
Cinquemila cioccolatini prodotti ogni giorno, 250 addetti, una rete che esporta in 54 Paesi, la famiglia Saini è stata l’unica – tra i cinque candidati che hanno manifestato interesse – a presentare un piano industriale al 2022 e che vedrebbe l’azienda di Arona alla testa di una cordata di imprese locali. Il piano è all’esame della Sernet, l’advisor incaricato dalla proprietà turca Toksoz di selezionare un piano di rilancio per l’hub di Novi Ligure… Continua a leggere

Ucraina, calcio o karate?


Un incredibile episodio durante una partita del campionato ucraino.

Video: //video.gazzetta.it/video-embed/5cb72628-4fea-11e9-a92a-97119e8aa945?tipo_video=embed_norcs

Un calcio alla plastica in laguna.


Un calcio alla plastica in laguna. Così volontari e calciatori ripuliscono Venezia

Risultati immagini per Un calcio alla plastica in laguna

articolo: https://www.repubblica.it/ambiente/2019/03/26/news/un_calcio_alla_plastica_in_laguna_cosi_volontari_e_calciatori_ripuliscono_venezia-222565915/

In centinaia, compresi alcuni atleti del Venezia calcio, con barche elettriche hanno raggiunto le sponde della laguna per ripulirla. Risultato record: raccolte 1,5 tonnellate di rifiuti

VENEZIA – Fra le acque di fronte a Fondamente Nove, proprio davanti all’isola di San Michele, una papera starnazza nuotando fra un cumulo di rifiuti di plastica. Sembra triste, quasi oppressa , mentre fluttua  districandosi tra  bottigliette, cassette di polistirolo, palloncini e rifiuti plastici di ogni tipo che galleggiano sbattendo sul bagnasciuga. Ma la papera ha una speranza: per aiutare lei e l’ambiente decine di volontari insieme ai calciatori del Venezia, tutti arrivati a piedi o a bordo di barche con motori elettrici, si sono infilati guanti, armati di sacchetti e hanno iniziato a ripulire. Alla fine, dopo più di cinque ore di lavoro, sabato scorso hanno raccolto oltre 1,5 tonnellate di rifiuti. 

E’ una bella iniziativa quella andata in scena nel weekend in cinque diverse aree della laguna, dal Tronchetto a San Piero passando per San Michele: i giocatori della squadra di calcio di serie B insieme ai ragazzi dell’associazione Venice Calls e i membri di Venice Kayaks e Classic Boat Venice, servizio di barche old style tutte elettriche, si sono uniti per liberare la laguna dalla plastica. continua a leggere

Ora solare, stop dal 2021


il Parlamento europeo approva la proposta

Risultati immagini per Ora solare, stop dal 2021

Gli Stati membri dovranno coordinarsi con la Commissione per decidere quale ora adottare. Chi sceglierà l’ora legale sposterà l’ultima volta le lancette a marzo 2021, ma si potrà anche optare per mantenere l’orario invernale da ottobre 2021 in avanti

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2019/03/26/news/stop_all_ora_legale_ma_dal_2021_il_parlamento_europeo_approva_la_proposta_della_commissione-222551681/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P4-S1.4-T1

Il Parlamento europeo appoggia la proposta della Commissione di abolire il cambio tra ora legale e ora solare, ma chiede di spostare la data di entrata in vigore del nuovo regime dal 2019 al 2021. Secondo la posizione comune adottata dai deputati, gli Stati membri che decidono di mantenere l’ora legale dovrebbero cambiare le lancette dell’orologio per l’ultima volta l’ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l’ora solare dovrebbero farlo l’ultima domenica di ottobre 2021. Per proteggere il mercato interno da perturbazioni, i deputati hanno chiesto che gli Stati membri e la Commissione coordinino le loro decisioni su quale ora adottare.

Nella risoluzione si afferma che la Commissione può presentare una proposta legislativa per rinviare la data di applicazione della direttiva fino a un massimo di 12 mesi, se ritiene che le disposizioni previste possano pregiudicare in modo significativo e permanente il corretto funzionamento del mercato interno. La risoluzione legislativa è stata adottata con 410 voti favorevoli, 192 contrari e 51 astensioni. Ora spetta ai governi adottare la loro posizione comune per avviare i negoziati con l’Europarlamento, ma finora gli Stati membri non sono riusciti a trovare un accordo al Consiglio. continua a leggere

 

si va verso l’addio a San Siro?


Roberto Vecchioni – Luci a San SiroVideo di parte …Emozioni neroazzurre

Abbandonare San Siro? sono x il No!!!!!

Cos’è San Siro per Noi Interisti!!!!!!

Inter festa san siro champions league 22 maggio 2010

L’Inter dice sì al Milan: si va verso l’addio a San Siro.

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/25-03-2019/addio-san-siro-anche-inter-d-accordo-tempi-sono-maturi-330207541419.shtml

Le milanesi convergono sulla costruzione di un impianto “ex novo”, nell’attuale area occupata dai parcheggi. Presto un progetto al Comune, l’ultima parola a Palazzo Marino

Altro che luci, ruspe a San Siro. Non è il caso di saltare alle conclusioni, perché le sorti del Meazza sono in mano al Comune di Milano, ma la demolizione diventa sempre più probabile. Inter e Milan ormai convergono su un progetto condiviso per il nuovo stadio da presentare a Palazzo Marino: prevede la costruzione di un impianto “ex novo”, nell’attuale area occupata dai parcheggi. È la linea che il Milan porta avanti da un po’, e ora anche l’Inter pare convinta ad abbandonare ogni progetto di ristrutturazione della “casa” attuale. Così i tempi si accorciano: i club dovevano presentare un piano al Comune entro fine aprile, ma potrebbero farlo già la prossima settimana. L’amministrazione Sala preferiva la ristrutturazione, ma senza chiusure sull’alternativa. L’a.d. nerazzurro Antonello, ieri all’Eca ad Amsterdam, ha spiegato: “Inter e Milan procedono insieme. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma i tempi sono maturi”. continua a leggere

   Abbandonare San Siro? Ora anche l’Inter ci sta? :  Il Video

https://video.gazzetta.it/video-embed/6e9aee86-4682-11e9-806a-8f2a0d5ed89d?playerType=article&autoPlay=false&mute=false&tipo_video=embed_norcs

Sondaggio della Gazzetta:

La demolizione di San Siro si fa più probabile. Sei d’accordo?

Risultati immagini per san siro

Sala: “Mi aspetto una proposta chiara dai club”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/san_siro_stadio_inter_milan_abbattere_o_ristrutturare_comune_milano_sala-222559570/

“Io ribadisco la mia posizione: preferirei che si lavorasse su San Siro, ma se le squadre, per timore di dover giocare in un cantiere mentre c’è il campionato, preferiscono un progetto diverso sanno quali limiti il Comune può concedere in termini di edificazione”: il sindaco di Milano Beppe Sala lascia aperte le porte ai due club milanesi sul destino del Meazza. Perché proprio in questi giorni si rincorrono voci di un accordo raggiunto – o almeno molto vicino – tra Inter e Milan per la demolizione della cosiddetta ‘Scala del Calcio‘ a favore di una nuova, moderna struttura che sorgerebbe comunque a fianco di San Siro. continua a leggere

Stadio Giuseppe Meazza

https://it.wikipedia.org/wiki/Stadio_Giuseppe_Meazza

Lo stadio Giuseppe Meazza, noto anche come stadio San Siro o semplicemente come San Siro dal quartiere in cui è ubicato, è un impianto calcistico di Milano. Di proprietà del Comune di Milano, ospita le gare interne di Inter e Milan.

Risultati immagini per com'era san siro

Soprannominato la Scala del calcio o il Tempio del calcio, è uno degli stadi più conosciuti a livello internazionale, oltre ad essere il più capiente d’Italia, potendo ospitare 80 018 spettatori. È stato inserito al secondo posto nella classifica degli stadi più belli del mondo redatta dal prestigioso quotidiano britannico The Times nel 2009. Inoltre, secondo i risultati di un’analisi condotta da Camera di commercio e Università degli Studi di Milano nel 2014, San Siro rappresenta uno dei massimi simboli della città dopo il Duomo e la Triennale.

Storia: Nel 1925 il presidente del Milan, Piero Pirelli, si rese promotore della costruzione di uno stadio calcistico nelle vicinanze dell’Ippodromo per il Trotto. La struttura, costruita a spese di Piero Pirelli e pensata dall’ingegnere Alberto Cugini e dall’architetto Ulisse Stacchini, era composta da quattro tribune rettilinee, una delle quali parzialmente coperta, e poteva ospitare fino a 35 000 spettatori.

Lo stadio fu inaugurato il 19 settembre 1926 con una partita amichevole tra Inter e Milan. L’incontro si concluse per 6-3 in favore dei nerazzurri. La prima partita ufficiale si disputò qualche settimana più tardi, il 3 ottobre, in occasione della gara d’esordio del Milan nella stagione 1926-1927 contro la Sampierdarenese (vittoria per 2-1 dei genovesi).

Nel 1935 l’impianto venne acquistato dal Comune di Milano che contestualmente diede inizio a una prima operazione di ampliamento costruendo quattro curve di raccordo tra le tribune e incrementando la capienza delle due tribune di testata. Al termine dei lavori, curati dall’ingegner Bertera e dall’architetto Perlasca, lo stadio aveva una nuova capienza di 55 000 spettatori.

Anche se è difficile a credersi, quello nella fotografia qui sopra è proprio lo stadio di San Siro

Lo Stadio San Siro  1926

san siro storia 90 anni

Sbaglia apposta il rigore che non c’era, la lezione di fair play del bimbo fa scalpore


articolo e video: https://video.gazzetta.it/sbaglia-apposta-rigore-che-non-c-era-lezione-fair-play-bimbo-fa-scalpore/2dafa6bc-4f44-11e9-b0fd-a9af6c683180

Sta facendo il giro del web la lezione di fair play di Beknaz Almazbekov, capitano del Galatasaray under 14. Il ragazzo ha deciso di calciare volontariamente a lato un rigore fischiato in suo favore: sapeva di essere scivolato e non ha voluto approfittare della svista dell’arbitro. Il gesto di Almazbekov sta diventando virale in rete

IL VIDEO

//video.gazzetta.it/video-embed/2dafa6bc-4f44-11e9-b0fd-a9af6c683180?tipo_video=embed_norcs

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare


Dal 14 gennaio 2020 il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Le soluzioni possibili, dal cambio di pc all’open source

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/prodotti/2019/03/26/news/windows_7_va_in_pensione_un_anno_di_tempo_per_cambiare-222489386/

L’ULTIMA patch di Windows 7, l’aggiornamento KB4493132, è in realtà un promemoria: avverte che dal 14 gennaio 2020, il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Niente aggiornamenti di sicurezza, per capirsi, niente miglioramenti delle varie feature contenute in Win7. “Dopo dieci anni di servizio, il 14 gennaio 2020 sarà l’ultimo giorno in cui Microsoft offrirà gli aggiornamenti di sicurezza per i computer con Windows 7 SP1. Questo update abilita i promemoria in merito al termine del supporto“, si legge sulla pagina ufficiale della software house di Redmond.

Risultati immagini per windows 10
Ma a chi è rivolta? Innanzitutto, chiariamo che riguarda gli utenti consumer, perché le aziende potranno avere supporto mediante il programma Extended Security Updates, fino al 2023. Ma ad un prezzo, letteralmente: costerà sempre di più, proprio per invogliare le aziende a investire nel nuovo sistema operativo, Windows 10.

A tutt’oggi, Windows 7 è presente sul 33,89% (fonte StatCounter) dei pc Windows in circolazione a livello globale. Per fare un paragone, Windows 10 invece è già presente sul 54,8 per cento dei computer.  In Italia, Windows 7 è ancora presente sul 33% dei pc.

Se per le aziende c’è più tempo per passare ad un nuovo sistema operativo, per l’utente privato, invece ci sono ancora pochi mesi. Che fare quindi, tenendo conto che molti di coloro che usano ancora Windows 7 hanno computer (soprattutto i portatili) ‘datati’ e che potrebbero non essere in grado, per le caratteristiche hardware, di ‘sostenere’ Windows 10.

La soluzione più semplice, immediata e sicura, in particolare per chi ha un laptop, e vuole continuare ad avere un sistema operativo Microsoft è quella di acquistare un nuovo computer. Per i desktop c’è anche la possibilità di aggiornare, in qualche modo, l’hardware (quando è possibile), per garantire che funzionino sotto Windows 10. Ma entrambe le soluzioni hanno un costo, spesso non indifferente. Se si sceglie di passare ad un nuovo computer, forse vale la pena di aspettare ancora qualche mese, quando, a ridosso della scadenza di ‘chiusura’ di Windows 7, probabilmente i produttori faranno offerte convenienti per acquistare un pc più recente e in grado di supportare Windows 10.

Per chi invece non se la sente o non può acquistare un nuovo computer, le strade sono soltanto due. La prima, un po’ complessa per chi non ha una certa dimestichezza con l’implementazione di driver e con la gestione a livello software del computer, è quella di installare al posto di Windows 7 un sistema operativo open source, come Ubuntu, Linux e altri. Attenzione, però, in questo caso bisogna partire da zero… continua a leggere

Asus, bucato programma per gli aggiornamenti:


Asus, bucato programma per gli aggiornamenti: a rischio centinaia di migliaia di computer

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/26/news/asus_bucato_programma_per_gli_aggiornamenti_migliaia_di_computer_con_una_backdoor-222543220/

La compagnia taiwanese si sarebbe resa involontariamente tramite del software malevolo attraverso il servizio ASUS Live Update in seguito alla compromissione dei propri server. L’hanno scoperto i ricercatori del Kaspersky Lab

ROMA – Un programma per aggiornare il computer di cui apparentemente fidarsi, perché a installarlo è la stessa casa madre, e invece inseriva una backdoor: una porta che permette ai malintenzionati di prendere il controllo del dispositivo. È successo a migliaia di utenti Asus, stando a quanto scoperto dai ricercatori del Kaspersky Lab, l’azienda di sicurezza informatica russa. La compagnia con base a Taipei si sarebbe resa involontariamente tramite del codice malevolo attraverso ASUS Live Update: un servizio che troviamo sui pc Asus al momento dell’acquisto e di norma si occupa di scaricare in automatico gli aggiornamenti di certe componenti del computer. In seguito a un attacco informatico ai server del colosso taiwanese, però, avrebbe cambiato natura per diventare un cavallo di Troia. Un mezzo con cui diffondere le backdoor facilmente e senza dare nell’occhio. continua a leggere

COME CONTROLLARE SE IL PROPRIO COMPUTER È INFETTO

Asus in un primo momento ha negato qualsiasi attacco e non ha ancora preso particolari contromisure, anche se ha dichiarato a The Verge che rilascerà una dichiarazione ufficiale sulla vicenda nelle prossime ore. Per verificare se sul proprio computer è installato un malware, Kaspersky ha messo a disposizione uno strumento: https://kas.pr/shadowhammer. In alternativa, è possibile verificare il proprio indirizzo MAC qui: https://shadowhammer.kaspersky.com.

Incendio Cogoleto, bruciano le colline di Capieso: chiuse le scuole, case evacuate


articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/incendio_a_cogoleto_scuole_chiuse_abitanti_evacuati-222507507/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P5-S1.4-T1

Il rogo provocato dal crollo di un traliccio elettrico e la Forestale indaga per incendio colposo.
Il governatore Toti: “Dodici ettari in fiamme, grazie ai volontari e ai vigili del fuoco”

Genova, 26 marzo 2019 –  All’origine del vasto incendio che nella notte ha divorato le colline di Cogoleto, nel ponente della provincia di Genova, ci sarebbe il crollo di una linea elettrica a media tensione in località Capieso. Lo hanno accertato i carabinieri della Forestale che da stamattina sono sul posto ed ai quali il pm di turno Fabrizio Givri ha delagato il compito delle indagini.  I cavi tranciati avrebbero innescato la scintilla e l’accesione del rogo. Occorrerà capire, però, per quale ragione è crollato il traliccio: se per il forte vento che nella zona ha raggiunto anche i 100 chilometri l’ora, oppure se per scarsa manutenzione.   continua a leggere

Cogoleto, lotta contro le fiamme: grande incendio boschivo nella notte

Incendio Cogoleto, terrore in galleria A10: automobilisti intrappolati

Treviso, frasi razziste sul campo di calcio contro un ragazzino


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/baby_calciatore_razzismo-222525979/?ref=RHPPBT-BH-I0-C6-P5-S3.3-T1

Tutti sentono, ma l’arbitro non prende provvedimenti disciplinari nei confronti di chi le pronuncia. Il caso alla Figc.

Treviso, 26 marzo 2019 – Nuovo attacco di razzismo, questa volta su un campo di calcio di ragazzini. Con l’aggravante che nessun provvedimento disciplinare viene preso per chi ha offeso un ragazzino. “Nero di m… ti sotterriamo vivo“: sono gli insulti rivolti ad un calciatore 14enne del Treviso domenica scorsa durante l’incontro under 15 a Silea tra la squadra locale e la Miranese. Il ragazzino, che gioca nel ruolo di attaccante, è originario del Burkina Faso ma da tempo vive con la famiglia nel trevigiano. Ad attaccarlo con frasi razziste, come riporta il Gazzettino, sono stati due coetanei della squadra avversaria, che gli hanno anche detto “Vattene, non rompere i c…“.

Le parole sono state udite distintamente dai genitori dei ragazzi in tribuna, dal custode del campo sportivo, dai compagni del giocatore ma non dall’arbitro, che ha ritenuto di non prendere alcun provvedimento disciplinare. Anzi, alle proteste del giovane calciatore per quanto avvenuto, ha replicato minacciando l’espulsione. L’episodio è confermato da Andrea Campolattano, responsabile del settore giovanile del Treviso, che ha informato la Figc. continua a leggere

alessandro54

un pò di tutto e di più..................

Magazzini Inesistenti

...Musica e Cultura Underground

alessandro54

un pò di tutto e di più..................

Giorgio Perlasca

un pò di tutto e di più..................

PGT e VAS di Cesano Boscone

Costruiamo insieme il futuro della nostra città!

In my viewfinder

Photography, Art, Italian photographer, Massimo S. Volonté Fotografo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: