Archivi del giorno: 26 marzo 2019

«Pernigotti salva grazie al piano Laica e con occupazione triplicata»


<img class=”img-responsive aligncenter” src=”https://i2.res.24o.it/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/2019/03/23/Finanza%20e%20Mercati/ImmaginiWeb/Ritagli/953853-kABC–835×437@IlSole24Ore-Web.jpg&#8221; alt=”

” width=”508″ height=”266″ />

articolo: https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-03-22/pernigotti-salva-e-l-occupazione-triplicata-grazie-piano-laica–125401.shtml?uuid=ABivR1gB&fromSearch

22 marzo 2018Il nostro progetto non è quello di salvare qualche decina di posti di lavoro. Noi vorremmo andare ben oltre». Per la prima volta Andrea Saini, presidente e amministratore delegato di Laica, l’azienda specializzata nella produzione di cioccolato, in pole position per il salvataggio della Pernigotti, parla dell’operazione con Il Sole 24 Ore Radiocor. «Il nostro mestiere è produrre cioccolato e questo offriamo, con l’obiettivo di contribuire al rilancio della Pernigotti, affinchè quest’azienda possa ritornare ad essere un’eccellenza piemontese che occupi il doppio o il triplo delle persone che occupava fino all’anno scorso».

L’unico pretendente ad aver presentato un piano industriale al 2022
Cinquemila cioccolatini prodotti ogni giorno, 250 addetti, una rete che esporta in 54 Paesi, la famiglia Saini è stata l’unica – tra i cinque candidati che hanno manifestato interesse – a presentare un piano industriale al 2022 e che vedrebbe l’azienda di Arona alla testa di una cordata di imprese locali. Il piano è all’esame della Sernet, l’advisor incaricato dalla proprietà turca Toksoz di selezionare un piano di rilancio per l’hub di Novi Ligure… Continua a leggere

Ucraina, calcio o karate?


Un incredibile episodio durante una partita del campionato ucraino.

Video: //video.gazzetta.it/video-embed/5cb72628-4fea-11e9-a92a-97119e8aa945?tipo_video=embed_norcs

Un calcio alla plastica in laguna.


Un calcio alla plastica in laguna. Così volontari e calciatori ripuliscono Venezia

Risultati immagini per Un calcio alla plastica in laguna

articolo: https://www.repubblica.it/ambiente/2019/03/26/news/un_calcio_alla_plastica_in_laguna_cosi_volontari_e_calciatori_ripuliscono_venezia-222565915/

In centinaia, compresi alcuni atleti del Venezia calcio, con barche elettriche hanno raggiunto le sponde della laguna per ripulirla. Risultato record: raccolte 1,5 tonnellate di rifiuti

VENEZIA – Fra le acque di fronte a Fondamente Nove, proprio davanti all’isola di San Michele, una papera starnazza nuotando fra un cumulo di rifiuti di plastica. Sembra triste, quasi oppressa , mentre fluttua  districandosi tra  bottigliette, cassette di polistirolo, palloncini e rifiuti plastici di ogni tipo che galleggiano sbattendo sul bagnasciuga. Ma la papera ha una speranza: per aiutare lei e l’ambiente decine di volontari insieme ai calciatori del Venezia, tutti arrivati a piedi o a bordo di barche con motori elettrici, si sono infilati guanti, armati di sacchetti e hanno iniziato a ripulire. Alla fine, dopo più di cinque ore di lavoro, sabato scorso hanno raccolto oltre 1,5 tonnellate di rifiuti. 

E’ una bella iniziativa quella andata in scena nel weekend in cinque diverse aree della laguna, dal Tronchetto a San Piero passando per San Michele: i giocatori della squadra di calcio di serie B insieme ai ragazzi dell’associazione Venice Calls e i membri di Venice Kayaks e Classic Boat Venice, servizio di barche old style tutte elettriche, si sono uniti per liberare la laguna dalla plastica. continua a leggere

Ora solare, stop dal 2021


il Parlamento europeo approva la proposta

Risultati immagini per Ora solare, stop dal 2021

Gli Stati membri dovranno coordinarsi con la Commissione per decidere quale ora adottare. Chi sceglierà l’ora legale sposterà l’ultima volta le lancette a marzo 2021, ma si potrà anche optare per mantenere l’orario invernale da ottobre 2021 in avanti

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2019/03/26/news/stop_all_ora_legale_ma_dal_2021_il_parlamento_europeo_approva_la_proposta_della_commissione-222551681/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P4-S1.4-T1

Il Parlamento europeo appoggia la proposta della Commissione di abolire il cambio tra ora legale e ora solare, ma chiede di spostare la data di entrata in vigore del nuovo regime dal 2019 al 2021. Secondo la posizione comune adottata dai deputati, gli Stati membri che decidono di mantenere l’ora legale dovrebbero cambiare le lancette dell’orologio per l’ultima volta l’ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l’ora solare dovrebbero farlo l’ultima domenica di ottobre 2021. Per proteggere il mercato interno da perturbazioni, i deputati hanno chiesto che gli Stati membri e la Commissione coordinino le loro decisioni su quale ora adottare.

Nella risoluzione si afferma che la Commissione può presentare una proposta legislativa per rinviare la data di applicazione della direttiva fino a un massimo di 12 mesi, se ritiene che le disposizioni previste possano pregiudicare in modo significativo e permanente il corretto funzionamento del mercato interno. La risoluzione legislativa è stata adottata con 410 voti favorevoli, 192 contrari e 51 astensioni. Ora spetta ai governi adottare la loro posizione comune per avviare i negoziati con l’Europarlamento, ma finora gli Stati membri non sono riusciti a trovare un accordo al Consiglio. continua a leggere

 

si va verso l’addio a San Siro?


Roberto Vecchioni – Luci a San SiroVideo di parte …Emozioni neroazzurre

Abbandonare San Siro? sono x il No!!!!!

Cos’è San Siro per Noi Interisti!!!!!!

Inter festa san siro champions league 22 maggio 2010

L’Inter dice sì al Milan: si va verso l’addio a San Siro.

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/25-03-2019/addio-san-siro-anche-inter-d-accordo-tempi-sono-maturi-330207541419.shtml

Le milanesi convergono sulla costruzione di un impianto “ex novo”, nell’attuale area occupata dai parcheggi. Presto un progetto al Comune, l’ultima parola a Palazzo Marino

Altro che luci, ruspe a San Siro. Non è il caso di saltare alle conclusioni, perché le sorti del Meazza sono in mano al Comune di Milano, ma la demolizione diventa sempre più probabile. Inter e Milan ormai convergono su un progetto condiviso per il nuovo stadio da presentare a Palazzo Marino: prevede la costruzione di un impianto “ex novo”, nell’attuale area occupata dai parcheggi. È la linea che il Milan porta avanti da un po’, e ora anche l’Inter pare convinta ad abbandonare ogni progetto di ristrutturazione della “casa” attuale. Così i tempi si accorciano: i club dovevano presentare un piano al Comune entro fine aprile, ma potrebbero farlo già la prossima settimana. L’amministrazione Sala preferiva la ristrutturazione, ma senza chiusure sull’alternativa. L’a.d. nerazzurro Antonello, ieri all’Eca ad Amsterdam, ha spiegato: “Inter e Milan procedono insieme. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma i tempi sono maturi”. continua a leggere

   Abbandonare San Siro? Ora anche l’Inter ci sta? :  Il Video

https://video.gazzetta.it/video-embed/6e9aee86-4682-11e9-806a-8f2a0d5ed89d?playerType=article&autoPlay=false&mute=false&tipo_video=embed_norcs

Sondaggio della Gazzetta:

La demolizione di San Siro si fa più probabile. Sei d’accordo?

Risultati immagini per san siro

Sala: “Mi aspetto una proposta chiara dai club”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/san_siro_stadio_inter_milan_abbattere_o_ristrutturare_comune_milano_sala-222559570/

“Io ribadisco la mia posizione: preferirei che si lavorasse su San Siro, ma se le squadre, per timore di dover giocare in un cantiere mentre c’è il campionato, preferiscono un progetto diverso sanno quali limiti il Comune può concedere in termini di edificazione”: il sindaco di Milano Beppe Sala lascia aperte le porte ai due club milanesi sul destino del Meazza. Perché proprio in questi giorni si rincorrono voci di un accordo raggiunto – o almeno molto vicino – tra Inter e Milan per la demolizione della cosiddetta ‘Scala del Calcio‘ a favore di una nuova, moderna struttura che sorgerebbe comunque a fianco di San Siro. continua a leggere

Stadio Giuseppe Meazza

https://it.wikipedia.org/wiki/Stadio_Giuseppe_Meazza

Lo stadio Giuseppe Meazza, noto anche come stadio San Siro o semplicemente come San Siro dal quartiere in cui è ubicato, è un impianto calcistico di Milano. Di proprietà del Comune di Milano, ospita le gare interne di Inter e Milan.

Risultati immagini per com'era san siro

Soprannominato la Scala del calcio o il Tempio del calcio, è uno degli stadi più conosciuti a livello internazionale, oltre ad essere il più capiente d’Italia, potendo ospitare 80 018 spettatori. È stato inserito al secondo posto nella classifica degli stadi più belli del mondo redatta dal prestigioso quotidiano britannico The Times nel 2009. Inoltre, secondo i risultati di un’analisi condotta da Camera di commercio e Università degli Studi di Milano nel 2014, San Siro rappresenta uno dei massimi simboli della città dopo il Duomo e la Triennale.

Storia: Nel 1925 il presidente del Milan, Piero Pirelli, si rese promotore della costruzione di uno stadio calcistico nelle vicinanze dell’Ippodromo per il Trotto. La struttura, costruita a spese di Piero Pirelli e pensata dall’ingegnere Alberto Cugini e dall’architetto Ulisse Stacchini, era composta da quattro tribune rettilinee, una delle quali parzialmente coperta, e poteva ospitare fino a 35 000 spettatori.

Lo stadio fu inaugurato il 19 settembre 1926 con una partita amichevole tra Inter e Milan. L’incontro si concluse per 6-3 in favore dei nerazzurri. La prima partita ufficiale si disputò qualche settimana più tardi, il 3 ottobre, in occasione della gara d’esordio del Milan nella stagione 1926-1927 contro la Sampierdarenese (vittoria per 2-1 dei genovesi).

Nel 1935 l’impianto venne acquistato dal Comune di Milano che contestualmente diede inizio a una prima operazione di ampliamento costruendo quattro curve di raccordo tra le tribune e incrementando la capienza delle due tribune di testata. Al termine dei lavori, curati dall’ingegner Bertera e dall’architetto Perlasca, lo stadio aveva una nuova capienza di 55 000 spettatori.

Anche se è difficile a credersi, quello nella fotografia qui sopra è proprio lo stadio di San Siro

Lo Stadio San Siro  1926

san siro storia 90 anni

Sbaglia apposta il rigore che non c’era, la lezione di fair play del bimbo fa scalpore


articolo e video: https://video.gazzetta.it/sbaglia-apposta-rigore-che-non-c-era-lezione-fair-play-bimbo-fa-scalpore/2dafa6bc-4f44-11e9-b0fd-a9af6c683180

Sta facendo il giro del web la lezione di fair play di Beknaz Almazbekov, capitano del Galatasaray under 14. Il ragazzo ha deciso di calciare volontariamente a lato un rigore fischiato in suo favore: sapeva di essere scivolato e non ha voluto approfittare della svista dell’arbitro. Il gesto di Almazbekov sta diventando virale in rete

IL VIDEO

//video.gazzetta.it/video-embed/2dafa6bc-4f44-11e9-b0fd-a9af6c683180?tipo_video=embed_norcs

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare


Dal 14 gennaio 2020 il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Le soluzioni possibili, dal cambio di pc all’open source

Windows 7 va in pensione, un anno di tempo per cambiare

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/prodotti/2019/03/26/news/windows_7_va_in_pensione_un_anno_di_tempo_per_cambiare-222489386/

L’ULTIMA patch di Windows 7, l’aggiornamento KB4493132, è in realtà un promemoria: avverte che dal 14 gennaio 2020, il sistema operativo Microsoft non sarà più supportato. Niente aggiornamenti di sicurezza, per capirsi, niente miglioramenti delle varie feature contenute in Win7. “Dopo dieci anni di servizio, il 14 gennaio 2020 sarà l’ultimo giorno in cui Microsoft offrirà gli aggiornamenti di sicurezza per i computer con Windows 7 SP1. Questo update abilita i promemoria in merito al termine del supporto“, si legge sulla pagina ufficiale della software house di Redmond.

Risultati immagini per windows 10
Ma a chi è rivolta? Innanzitutto, chiariamo che riguarda gli utenti consumer, perché le aziende potranno avere supporto mediante il programma Extended Security Updates, fino al 2023. Ma ad un prezzo, letteralmente: costerà sempre di più, proprio per invogliare le aziende a investire nel nuovo sistema operativo, Windows 10.

A tutt’oggi, Windows 7 è presente sul 33,89% (fonte StatCounter) dei pc Windows in circolazione a livello globale. Per fare un paragone, Windows 10 invece è già presente sul 54,8 per cento dei computer.  In Italia, Windows 7 è ancora presente sul 33% dei pc.

Se per le aziende c’è più tempo per passare ad un nuovo sistema operativo, per l’utente privato, invece ci sono ancora pochi mesi. Che fare quindi, tenendo conto che molti di coloro che usano ancora Windows 7 hanno computer (soprattutto i portatili) ‘datati’ e che potrebbero non essere in grado, per le caratteristiche hardware, di ‘sostenere’ Windows 10.

La soluzione più semplice, immediata e sicura, in particolare per chi ha un laptop, e vuole continuare ad avere un sistema operativo Microsoft è quella di acquistare un nuovo computer. Per i desktop c’è anche la possibilità di aggiornare, in qualche modo, l’hardware (quando è possibile), per garantire che funzionino sotto Windows 10. Ma entrambe le soluzioni hanno un costo, spesso non indifferente. Se si sceglie di passare ad un nuovo computer, forse vale la pena di aspettare ancora qualche mese, quando, a ridosso della scadenza di ‘chiusura’ di Windows 7, probabilmente i produttori faranno offerte convenienti per acquistare un pc più recente e in grado di supportare Windows 10.

Per chi invece non se la sente o non può acquistare un nuovo computer, le strade sono soltanto due. La prima, un po’ complessa per chi non ha una certa dimestichezza con l’implementazione di driver e con la gestione a livello software del computer, è quella di installare al posto di Windows 7 un sistema operativo open source, come Ubuntu, Linux e altri. Attenzione, però, in questo caso bisogna partire da zero… continua a leggere

Asus, bucato programma per gli aggiornamenti:


Asus, bucato programma per gli aggiornamenti: a rischio centinaia di migliaia di computer

articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/26/news/asus_bucato_programma_per_gli_aggiornamenti_migliaia_di_computer_con_una_backdoor-222543220/

La compagnia taiwanese si sarebbe resa involontariamente tramite del software malevolo attraverso il servizio ASUS Live Update in seguito alla compromissione dei propri server. L’hanno scoperto i ricercatori del Kaspersky Lab

ROMA – Un programma per aggiornare il computer di cui apparentemente fidarsi, perché a installarlo è la stessa casa madre, e invece inseriva una backdoor: una porta che permette ai malintenzionati di prendere il controllo del dispositivo. È successo a migliaia di utenti Asus, stando a quanto scoperto dai ricercatori del Kaspersky Lab, l’azienda di sicurezza informatica russa. La compagnia con base a Taipei si sarebbe resa involontariamente tramite del codice malevolo attraverso ASUS Live Update: un servizio che troviamo sui pc Asus al momento dell’acquisto e di norma si occupa di scaricare in automatico gli aggiornamenti di certe componenti del computer. In seguito a un attacco informatico ai server del colosso taiwanese, però, avrebbe cambiato natura per diventare un cavallo di Troia. Un mezzo con cui diffondere le backdoor facilmente e senza dare nell’occhio. continua a leggere

COME CONTROLLARE SE IL PROPRIO COMPUTER È INFETTO

Asus in un primo momento ha negato qualsiasi attacco e non ha ancora preso particolari contromisure, anche se ha dichiarato a The Verge che rilascerà una dichiarazione ufficiale sulla vicenda nelle prossime ore. Per verificare se sul proprio computer è installato un malware, Kaspersky ha messo a disposizione uno strumento: https://kas.pr/shadowhammer. In alternativa, è possibile verificare il proprio indirizzo MAC qui: https://shadowhammer.kaspersky.com.

Incendio Cogoleto, bruciano le colline di Capieso: chiuse le scuole, case evacuate


articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/incendio_a_cogoleto_scuole_chiuse_abitanti_evacuati-222507507/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P5-S1.4-T1

Il rogo provocato dal crollo di un traliccio elettrico e la Forestale indaga per incendio colposo.
Il governatore Toti: “Dodici ettari in fiamme, grazie ai volontari e ai vigili del fuoco”

Genova, 26 marzo 2019 –  All’origine del vasto incendio che nella notte ha divorato le colline di Cogoleto, nel ponente della provincia di Genova, ci sarebbe il crollo di una linea elettrica a media tensione in località Capieso. Lo hanno accertato i carabinieri della Forestale che da stamattina sono sul posto ed ai quali il pm di turno Fabrizio Givri ha delagato il compito delle indagini.  I cavi tranciati avrebbero innescato la scintilla e l’accesione del rogo. Occorrerà capire, però, per quale ragione è crollato il traliccio: se per il forte vento che nella zona ha raggiunto anche i 100 chilometri l’ora, oppure se per scarsa manutenzione.   continua a leggere

Cogoleto, lotta contro le fiamme: grande incendio boschivo nella notte

Incendio Cogoleto, terrore in galleria A10: automobilisti intrappolati

Treviso, frasi razziste sul campo di calcio contro un ragazzino


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2019/03/26/news/baby_calciatore_razzismo-222525979/?ref=RHPPBT-BH-I0-C6-P5-S3.3-T1

Tutti sentono, ma l’arbitro non prende provvedimenti disciplinari nei confronti di chi le pronuncia. Il caso alla Figc.

Treviso, 26 marzo 2019 – Nuovo attacco di razzismo, questa volta su un campo di calcio di ragazzini. Con l’aggravante che nessun provvedimento disciplinare viene preso per chi ha offeso un ragazzino. “Nero di m… ti sotterriamo vivo“: sono gli insulti rivolti ad un calciatore 14enne del Treviso domenica scorsa durante l’incontro under 15 a Silea tra la squadra locale e la Miranese. Il ragazzino, che gioca nel ruolo di attaccante, è originario del Burkina Faso ma da tempo vive con la famiglia nel trevigiano. Ad attaccarlo con frasi razziste, come riporta il Gazzettino, sono stati due coetanei della squadra avversaria, che gli hanno anche detto “Vattene, non rompere i c…“.

Le parole sono state udite distintamente dai genitori dei ragazzi in tribuna, dal custode del campo sportivo, dai compagni del giocatore ma non dall’arbitro, che ha ritenuto di non prendere alcun provvedimento disciplinare. Anzi, alle proteste del giovane calciatore per quanto avvenuto, ha replicato minacciando l’espulsione. L’episodio è confermato da Andrea Campolattano, responsabile del settore giovanile del Treviso, che ha informato la Figc. continua a leggere

Juventus, Cristiano Ronaldo può farcela per l’Ajax


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/juventus/2019/03/26/news/juventus_ronaldo_dopo_infortunio-222543157/?ref=RHPPRT-BS-I0-C4-P1-S1.4-T1

L’attaccante portoghese, vittima di un infortunio alla coscia destra, secondo le prime indiscrezioni dovrebbe saltare due partite di campionato con Empoli e Cagliari.

TORINO – Due partite saltate (Empoli e Cagliari) e rientro in campo con il Milan il 7 aprile, dunque in tempo per la sfida Champions con l’Ajax. Questo, secondo le prime indiscrezioni, il percorso riabilitativo per Cristiano Ronaldo, vittima di un infortunio alla coscia destra occorsogli durante la partita di qualificazione agli Europei con il Portogallo…  continua a leggere

Riforma copyright, via libera del Parlamento europeo:


Riforma copyright, via libera del Parlamento europeo: “E adesso equo compenso a editori e artisti”

Le nuove regole sul diritto d’autore vengono approvate con 348 voti a favore, 274 no e 36 astenuti. Creatori ed editori di notizie potranno proteggere le loro opere nei confronti dei giganti del web. E Wikipedia, ieri oscurata per protesta, torna visibile

articolo: https://www.repubblica.it/economia/2019/03/26/news/diritto_d_autore_via_libera_del_parlamento_europeo_alla_riforma-222542235/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

ROMA – Il Parlamento europeo approva le nuove regole sul diritto d’autore. L’aula di Strasburgo dà semaforo verde all’accordo provvisorio raggiunto a febbraio sul copyright in Internet con una maggioranza abbastanza solida: 348 i voti a favore, 274 i no, 36 infine gli astenuti. Le nuove norme Ue, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare un equo compenso con i giganti del web. continua a leggere

Il tabellone con l’esito del voto

Il tabellone con l'esito del voto

Riforma copyright, cosa prevede il testo sul diritto d’autore varato dal Parlamento Europeo

La riforma del copyright votata dal Parlamento europeo è basata sull’accordo di compromesso raggiunto con il Consiglio Ue lo scorso febbraio. Di seguito i principali punti della proposta di direttiva.

articolo: https://www.repubblica.it/economia/2019/03/26/news/riforma_copyright_testo-222548599/

Diritti di editori e giornalisti, link gratis (articolo 11)

Viene data la possibilità facoltativa agli editori di stampa di negoziare accordi con le piattaforme per farsi pagare l’utilizzo dei loro contenuti (riconoscimento dei diritti connessi). Gli snippet brevi – le parole che descrivono un articolo – non sono protetti. I link restano liberi e gratuiti. Gli introiti dovranno essere condivisi con i giornalisti.

Diritti degli artisti, no filtri ma responsabilità piattaforme (articolo 13)

Viene riconosciuto il diritto a colmare il divario tra i ricavi che le grandi piattaforme commerciali fanno diffondendo contenuti protetti da copyright e la remunerazione agli autori o detentori dei diritti. Gli utenti non rischiano più sanzioni per aver caricato online materiale protetto da copyright non autorizzato ma la responsabilità sarà delle grandi piattaforme come YouTube o Facebook, mentre le piccole sono esentate e le medie hanno obblighi ridotti. Non ci sono obblighi di filtri ex-ante, e l’obbligo di meccanismi rapidi di reclamo, gestiti da persone e non da algoritmi, per presentare ricorso contro un’ingiusta eliminazione di un contenuto

Salvi Wikipedia, open source e meme

Il caricamento di contenuti su enciclopedie online che non hanno fini commerciali come Wikipedia o su piattaforme per la condivisione di software open source, come GitHub, e sui cloud è escluso dall’obbligo di rispettare le nuove regole sul copyright. Anche i meme come le parodie, le citazioni e i pastiche sono fuori.

Copyright, Wikipedia Italia oscurata prima del voto: ”A rischio l’informazione indipendente


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2019/03/25/news/copyright_pagina_italia_wikipedia_oscurata_prima_voto-222448028/

LA VERSIONE italiana di Wikipedia è stata oscurata in vista del voto sulla riforma del copyright del 26 marzo. “Dalle 8.00 di oggi, per 24 ore, le voci di Wikipedia in lingua italiana non saranno accessibili, ma rimanderanno a un banner informativo sulla riforma del diritto d’autore, in vista del voto in plenaria dal Parlamento europeo di domani”, si legge nel comunicato di Wikimedia, l’associazione che sostiene l’enciclopedia libera. continua a leggere

IMG_4189.JPG

Pagina oscurata: https://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale

Pagina principale di Wikipedia:

QUESTA PUÒ ESSERE LA NOSTRA ULTIMA OPPORTUNITÀ. AIUTACI A SALVARE IL DIRITTO D’AUTORE IN EUROPA.

Il 26 marzo il Parlamento europeo voterà su una nuova direttiva sul diritto d’autore. La direttiva darà agli editori il potere di limitare la diffusione di notizie e titoli in ogni sito altrui (articolo 11). Costringerà inoltre quasi tutti i siti ad analizzare preventivamente ogni contributo dei propri utenti per bloccarli automaticamente se non autorizzati dalle industrie del copyright (articolo 13).

Entrambi questi articoli rischiano di colpire in modo rilevante la libertà di espressione, la partecipazione e la creatività online. Nonostante Wikipedia possa non essere direttamente toccata da queste norme, il nostro progetto è parte dell’ecosistema di internet. Gli articoli 11 e 13 indebolirebbero il web, e indebolirebbero Wikipedia.

Il voto è imminente.

Per favore, dedica due minuti del tuo tempo a contattare i tuoi rappresentanti nel Parlamento europeo e dir loro che non puoi appoggiare una direttiva che contenga l’articolo 11 o l’articolo 13.

CONTATTA GLI EURODEPUTATI ➝Il sito per contattare gli eurodeputati, collegato sopra, non è ospitato dalla Wikimedia Foundation; il suo uso è soggetto alle relative condizioni d’uso.

Diana Ross, la regina della Motown ha 75 anni


Diana Ross, la regina della Motown ha 75 anni ma non si ferma: è ancora la diva

Risultati immagini per diana ross

Diana Ross (nata il 26 marzo 1944) è una cantante, attrice e produttrice discografica americana. Nata e cresciuta a Detroit, nel Michigan, Ross è diventata famosa come la cantante principale del gruppo vocale Supremes, che, negli anni ’60, è diventato l’atto di maggior successo della Motown.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/03/25/news/diana_ross_la_regina_della_motown_compie_75_anni_e_non_si_ferma_tra_show_e_film_e_ancora_una_diva-222467777/

Diana Ross festeggia in anticipo i 75 anni o meglio, li festeggia ormai da mesi. La prima vera diva della black music, che ha influenzato tutta la scena soul e r’n’b degli anni Sessanta e non solo, la leggendaria leader delle Supremes, una delle prime formazioni nere al femminile popolari (e vendute) quasi quanto i Beatles, si prende tutto il 2019: dopo l’omaggio che le è stato tributato durante la 61esima edizione dei Grammy Award lo scorso 10 febbraio, ha infatti annunciato una serie di esibizioni dal vivo. Per continuare la celebrazione del suo compleanno – è nata a Detroit il 26 marzo 1944 – Ross salirà sul palco della Radio City Music Hall di New York il 22 giugno. continua a leggere

Diana Ross – I Will Survive (Live 2018)

Diana Ross AMA 2017 I’m Coming Out-Ain’t No Mountain High Enough Live

 

alessandro54

un pò di tutto e di più..................

Magazzini Inesistenti

...Musica e Cultura Underground

alessandro54

un pò di tutto e di più..................

Giorgio Perlasca

un pò di tutto e di più..................

PGT e VAS di Cesano Boscone

Costruiamo insieme il futuro della nostra città!

In my viewfinder

Photography, Art, Italian photographer, Massimo S. Volonté Fotografo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: