F1 GP Arabia LIVE, qualifiche da Jeddah: paura Schumacher, incidente in Q2 ma è cosciente


articolo: https://www.gazzetta.it/diretta-live/Formula-1/26-03-2022/f1-gp-arabia-live-sabato-pole-jeddah-missile-programma-va-avanti-4302031936523.shtml

La giornata della pole del GP a Jeddah: dopo il missile esploso sugli impianti petroliferi a 20 km dalla pista, il weekend di gara prosegue come confermato da F1 e Fia

Guarda su YouTube

In attesa di avere nuove informazioni su Schumacher, i commissari di gara stanno ultimando la pulizia e la messa in sicurezza della pista. La bandiera rossa è stata esposta quando mancavano 4’58” alla fine della Q2.

26 marzo 2022 h19:41 – RIPRESA LA Q2: Ripartita la seconda fase.

26 marzo 2022 h19:37 – STEINER: Le parole di Gunther Steiner, team principal haas, ai microfoni di Sky: “Ho parlato con la mamma di Mick per rincuorarla, lui sta bene e non ha ferite esterne, va in ospedale per dei raggi ma è cosciente e parla normalmente. Siamo stati fortunati. All’inizio non riuscivamo a parlare con lui perché nell’impatto tutto il sistema radio è andato distrutto, però i medici intervenuti ci hanno subito detto che era cosciente. Poi mi spiegavano che non voleva andare in ospedale, ma ha parlato con la mamma e si è convinto. Tornare in pista? Non so quando, non c’è fretta”.

26 marzo 2022 h19:31  NESSUN DANNO: La Fia ha emesso un comunicato ufficiale su Schumacher: dopo i primi controlli medici, non sono state evidenziati danni ed è stato deciso il trasferimento al King Fahad Armed Forces Hospital di Jeddah per controlli precauzionali.

26 marzo 2022 h19:29 – SORRIDENTE: Le telecamere della F1 hanno ripreso Mick Schumacher che, in attesa di essere trasportato in elicottero in ospedale, parla con alcune persone attorno a sé: il figlio di Michael è sorridente, il miglior segnale che le sue condizioni non sono preoccupanti.

26 marzo 2022 h19:23 – STA BENE: Le condizioni fisiche di Mick Schumacher sono buone, non destano preoccupazione: è stato portato in ospedale per ulteriori accertamenti. Ha parlato anche con sua madre, Corinna.

26 marzo 2022h19:13 – ALLA RIPRESA: In attesa di avere nuove informazioni su Schumacher, i commissari di gara stanno ultimando la pulizia e la messa in sicurezza della pista. La bandiera rossa è stata esposta quando mancavano 4’58” alla fine della Q2.

26 marzo 2022 h19:03 – LA MACCHINA – Distrutta la Haas di Schumacher dopo l’impatto contro le barriere.

26 marzo 2022 h18:55 – Lewis Hamilton dopo l’eliminazione, ai microfoni di Sky: “Non capisco, Mercedes difficile da guidare, stiamo cercando di capire se c’è una perdita di potenza. Ma in carriera ho vissuto momenti peggiori”.

26 marzo 2022 h18:53 – USCITO DALL’AUTO: Schumacher è uscito dalla macchina grazie ai soccorritori, che lo stanno portando al centro di controllo medico. È cosciente e in contatto con il team.

26 marzo 2022 h18:49 – COSCIENTE: Mick Schumacher sarebbe cosciente secondo quanto si apprende. Subito auto medica sul luogo dell’incidente, il pilota della Haas starebbe parlando con i medici che lo stanno soccorrendo.

26 marzo 2022 h18:44 – PAURA SCHUMACHER: Incidente pauroso di Mick durante la Q2, bandiera rossa e qualifica interrotta. Ha perso il controllo della sua Haas a velocità elevata, picchiando contro il muro.

26 marzo 2022 h18:43SITUAZIONE Q2: Leclerc, Perez, Verstappen, Sainz, Alonso, Russell, Norris, Schumacher, Gasly, Ricciardo. Questi i primi dieci a otto minuti dalla fine.

continua a leggere

Torna l’ora legale, risparmi di 190 milioni in 7 mesi


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2022/03/22/torna-lora-legale-risparmi-di-190-milioni-in-7-mesi_eadb024f-fd78-46c7-a881-7193355e6f1d.html

Benefici anche ambientali con -200 mila tonnellate di CO2 emessa

Torna l’ora legale.

Questa notte alle 2 e le lancette dell’orologio dovranno essere spostate avanti di un’ora.

Nei 7 mesi in cui sarà in vigore l’ora legale, che da domenica 27 marzo, l’Italia risparmierà oltre 190 milioni di euro e avrà un minor consumo di energia elettrica pari a circa 420 milioni di kilowattora, che equivalgono al fabbisogno medio annuo di circa 150 mila famiglie.

E’ la stima di Terna – la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale – che prevede “un importante beneficio ambientale, quantificabile nella riduzione di circa 200 mila tonnellate di emissioni di anidride carbonica in atmosfera“.
Nel periodo primavera-estate, i mesi che segnano il maggior risparmio energetico stimato da Terna sono aprile e ottobre, il mese che al 30 vede il ritorno all’ora solareSpostando in avanti le lancette di un’ora, si ritarda l’uso della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento“, si legge in una nota.
Dal 2004 al 2021, secondo l’analisi della società guidata da Stefano Donnarumma, il minor consumo di energia elettrica per l’Italia dovuto all’ora legale è stato complessivamente di circa 10,5 miliardi di kWh e ha comportato, in termini economici, un risparmio per i cittadini di oltre 1,8 miliardi di euro

Mihajlovic: la malattia è tornata, nuovo ricovero. L’annuncio in conferenza stampa: «Mi devo fermare, ho bisogno di cure»


articolo di Salvatore Riggio: https://www.corriere.it/sport/22_marzo_26/mihajlovic-conferenza-stampa-annuncio-c07e7b72-ace2-11ec-b4fc-c139140ab75b.shtml?fbclid=IwAR0Lel5fe7bvx-R3p37O1Pku-k8sC26qZ1B1YxwWi5oLcLSXQFakLDqphF0

Siniša Mihajlović ( Vukovar, 20 febbraio 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore serbo con cittadinanza italiana, di ruolo centrocampista o difensore, tecnico del Bologna.

Il tecnico del Bologna annuncia un nuovo ricovero al Sant’Orsola per il ritorno della leucemia: «Stavolta non piango, perché conosco il percorso e gioco d’anticipo. Salterò qualche partita. Questa malattia è molto coraggiosa per aver voglia di affrontarmi ancora. Se non gli è bastata una lezione, gliene darò un’altra»

Sinisa Mihajlovic ha annunciato in conferenza stampa sabato 26 marzo che la prossima settimana si dovrà assentare per intraprendere un nuovo percorso di cure che possa stoppare la malattia. «Devo iniziare un percorso terapeutico per evitare complicanze — ha spiegato il tecnico del Bologna —. Stavolta però non entrerò in scivolata come due anni fa, ma giocherò d’anticipo. Spero che i tempi saranno veloci, ma dovrò assentarmi alcune partite. Questa malattia è molto coraggiosa per aver voglia di affrontarmi ancora. Se non gli è bastata una lezione, io sono qui pronto a dargliene una seconda».

Mihajlovic ha spiegato che, a differenza della prima volta nel 2019 quando annunciò di avere la leucemia, questo non è più il tempo delle lacrime: «Questa volta mi vedete più sereno perché so cosa devo fare e la situazione è molto diversa», ha detto, per poi aggiungere: «Si può cadere, ma bisogna trovare la forza per rialzarsi. All’inizio della settimana prossima sarò ricoverato in ospedale e so di essere in ottime mani. Seguirò la squadra dalla mia camera d’ospedale. Questo inizio di 2022 non è stato fortunato per la squadra, ma sono certo che i ragazzi non mi deluderanno. Io lotterò sempre insieme a loro e loro lotteranno per me. Non molleremo di un centimetro, risaliremo in classifica e tornerò qui. Voglio ringraziare il presidente e la città». Il tecnico ha concluso con una richiesta: « Rispettate il mio diritto alla privacy per il tempo che sarà necessario. Parlate di me come allenatore, ma lasciate l’uomo alle sue esigenze. Ci vediamo presto e forza Bologna». continua a leggere

LA CONFESSIONE: Mihajlovic ricorda la leucemia: «Se non fossi andato subito alla partita, sarei morto»

Mihajlovic: «Devo ricoverarmi ancora, torno ad affrontare una malattia subdola e bastarda»

articolo: https://video.corriere.it/sport/mihajlovic-devo-ricoverarmi-ancora-torno-ad-affrontare-malattia-subdola-bastarda/6239aef6-acfb-11ec-b4fc-c139140ab75b

La conferenza di Sinisa Mihajlovic

L’annuncio del tecnico del Bologna in conferenza stampa

Agtw / CorriereTv

Sinisa Mihajlovic si deve fermare, ancora, per seguire una terapia e dalla prossima settimana sarà ricoverato. L’annuncio in conferenza stampa: «La mia ripresa dopo il trapianto è stata ottima, ma purtroppo queste malattie sono subdole e bastarde. Dalle ultime analisi che ho svolto ci sono campanelli d’allarme e potrebbe presentarsi il rischio di una ricomparsa. Per evitare che questo accada dovrò fare un percorso terapeutico che possa eliminare sul nascere l’ipotesi negativa. Questa volta non entrerò in scivolata su un’avversario lanciato, ma giocherò in anticipo per non farlo partire», ha detto.

Nel 2019 l’allenatore serbo aveva rivelato di avere la leucemia. «Si vede che questa malattia è molto coraggiosa per tornare ad affrontare uno come me. Io sono qua, se non gli è bastata la prima lezione gliene daremo un’altra». È il percorso della vita, fatto di discese, salite, rettilinei e curve. A volte si incontrano buche improvvise, si può cadere, ma c’è la forza per rialzarsi e intraprendere il cammino», ha detto, spiegando che dall’inizio della prossima settimana dovrà assentarsi dagli allenamenti per essere ricoverato all’ospedale Sant’Orsola: «So di essere in ottime mani».

Morto Taylor Hawkins, il batterista dei Foo


articolo CorriereTv: https://video.corriere.it/spettacoli/morto-taylor-hawkins-batterista-foo-fighters-una-sue-performance/4c1305be-acd8-11ec-b4fc-c139140ab75b

Il decesso è giunto durante un tour in Sudamerica, poco prima di un concerto.

Oliver Taylor Hawkins (Fort Worth, 17 febbraio1972 – Bogotà, 25 marzo2022) è stato un batterista statunitense, noto per essere membro del gruppo musicale rockFoo Fighters.

È morto all’età di 50 anni Taylor Hawkins, batterista di lunga data dei Foo Fighters. La rock band in una dichiarazione ha definito la sua morte una «perdita tragica e prematura». Il decesso è giunto durante un tour in Sudamerica: il gruppo avrebbe dovuto suonare venerdì sera a un festival a Bogotà, in Colombia. L’ultimo concerto del batterista è stato domenica a un altro festival a San Isidro, in Argentina. Al momento non si hanno dettagli su come Hawkins sia morto. Lascia la moglie Alison e tre figli.

#FooFighters #LiveinHollywood2006
Foo Fighters – Cold Day In The Sun (from Skin And Bones, Live in Hollywood, 2006)
Taylor Hawkins epic drum solo – Rock in Rio 2019

È morto l’attore Gianni Cavina, recitò anche per Pupi Avati


articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/22_marzo_26/morto-l-attore-gianni-cavina-recito-anche-pupi-avati-972b0622-acd9-11ec-b4fc-c139140ab75b.shtml?fbclid=IwAR1I5H9aX5AK8Lu1Tqz43Q5I1IvVd5GKg567wV5no5lAbA4_vZGUS_Zv-Y4

Gianni Cavina (Bologna, 9 dicembre 1940 – Bologna, 26 marzo 2022) è stato un attore e sceneggiatore italiano..

L’attore aveva 81 anni ed era malato da tempo

È morto questa notte a Bologna, dove era nato, l’attore Gianni Cavina. Aveva 81 anni ed era malato da tempo. A dare la notizia all’Adnkronos, il produttore Antonio Avati, fratello di Pupi, con il quale Cavina ha girato diversi film, compreso l’ultimo Dante, ancora inedito. «Purtroppo — ha detto Antonio Avati — la moglie di Gianni all’alba di oggi ci ha dato questa tristissima notizia. Gianni era già malato ma aveva affrontato con grande forza anche le riprese di Dante, dove interpreta il notaio Pietro Giardino». Nel 1997, Cavina ha vinto il Nastro d’argento al migliore attore non protagonista proprio con un film di Pupi Avati, Festival. «Aveva le qualità dell’attore completo — ha aggiunto Antonio Avati — poteva passare dalle parti più comiche ed esagerate, come quelle che interpretò nei nostri primi film, a ruoli molto sentiti e importanti, che ha portato nei nostri film ma anche in quelli di altri importanti registi, da Luigi Comencini a Marco Bellocchio. C’è un film di Pupi che la Rai ha e che spero che mandi in onda per ricordarlo, Il signor Diavolo, dove fa un bellissimo ruolo», ha concluso il produttore.

Le regole Covid dal 1 aprile: decreto pubblicato in gazzetta ufficiale, ecco cosa cambia


articolo di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini: https://www.corriere.it/cronache/22_marzo_25/regole-covid-aprile-2022-decreto-0a4e2dd2-ac21-11ec-b7d6-769a9aeeea07.shtml

L’Italia riapre dal primo maggio, ma tra una settimana iniziano a cambiare le regole e le restrizioni anti Covid

Entra in vigore oggi con la pubblicazione in gazzetta ufficiale il nuovo decreto del governo che cambia le regole per il contenimento del Covid 19. Il percorso verso la normalità comincia venerdì 1 aprile e proseguirà il 1 maggio quando il green pass non servirà più e l’ingresso sarà libero ovunque.

Dalla prossima settimana già si alleggeriscono le restrizioni e in molti luoghi il green pass rafforzato (che si ottiene se si è vaccinati con tre dosi oppure con due dosi da meno di 120 giorni oppure se si ha un certificato di guarigione) viene sostituito dal green pass base (che si ottiene con un tampone antigenico valido 48 ore oppure molecolare valido 72 ore).

Per favorire il turismo anche in vista delle vacanze pasquali si è deciso che dal 1 aprile per entrare negli alberghi non servirà il green pass e nei ristoranti dall’1 aprile agli stranieri basterà il green pass base. La stessa regola per gli italiani scatterà il 15 aprile.

Ecco tutte le nuove regole e il percorso verso la normalità.

Qui tutti i dettagli sul nuovo decreto

1 – Fino a quando si dovranno indossare le mascherine al chiuso?
Fino al 30 aprile.

2 – Dall’1 aprile si potrà andare a lavorare senza super green pass, anche se si hanno più di 50 anni?
Sì, tutte le categorie di lavoratori dal primo aprile potranno entrare al lavoro con il green pass base, che si ottiene con il tampone negativo.

3 – Dall’1 aprile chi non si vaccina rischia ancora la sospensione?
La sospensione dall’incarico e dallo stipendio resta come sanzione solo per medici, infermieri e personale delle Rsa fino al 31 dicembre.

4 – Quando si potrà viaggiare su autobus e metropolitane senza green pass rafforzato?
L’obbligo cade il primo aprile. Fino al 30 aprile sarà però obbligatoria la mascherina Ffp2.

5 – Cosa serve per salire su aerei, treni e navi?
Dall’1 al 30 aprile basterà il green pass base. Dal primo maggio non sarà richiesto alcun certificato e non sarà più obbligatorio indossare la mascherina Ffp2.

6 – Ci si può sedere al tavolo di un bar o di un ristorante senza green pass?
Dall’1 aprile si potrà entrare senza certificato verde nei bar e nei ristoranti all’aperto, mentre per bar e ristoranti al chiuso sarà necessario aspettare il 15 aprile.

7 E i turisti stranieri?
Per uniformare le regole italiane con quelle degli altri Paesi europei dal primo aprile i turisti stranieri potranno mangiare nei bar e nei ristoranti al chiuso mostrando un tampone negativo antigenico (valido 48 ore) e molecolare (valido 72 ore).

8 – Per entrare nei negozi, andare dal parrucchiere, in banca, alle poste o negli uffici pubblici occorre il green pass?
Dall’1 aprile l’ingresso sarà libero, si dovrà indossare la mascherina.

9 – Cosa deve fare chi ha avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid?
Non deve rispettare la quarantena ma ha l’obbligo di indossare (al chiuso o in presenza di assembramenti) la mascherina Ffp2 per dieci giorni dall’ultimo contatto.

10 – Come cambiano le regole a scuola?
Fino a quatto studenti contagiati si resta in classe, con l’obbligo sopra i 6 anni di usare per dieci giorni la mascherina Ffp2. La regola vale per le scuole dell’infanzia e per tutte le altre classi fino alle superiori.

11 – Chi va in Dad?
Soltanto gli alunni positivi.

12 – Nelle università gli studenti devono avere il green pass?
Fino al 30 aprile.

13 – Cosa serve per andare allo stadio?
Dal primo aprile basta il green pass base e la mascherina Ffp2. La capienza è al 100%.

14 – Quali sono le regole per cinema, teatri, sale da concerto ed eventi sportivi al chiuso?
Fino al 30 aprile serve il green pass rafforzato, dal primo maggio il certificato non è più richiesto e cade l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2.

15 – Fino a quando si dovrà entrare con il green pass rafforzato nelle strutture sanitarie?
Fino al 31 dicembre.

16 – Quando potremo togliere le mascherine?
Il 30 aprile.

17 – Dove è obbligatoria la mascherina Ffp2?
Fino al 30 aprile per salire su autobus e metropolitane, aerei, treni e navi, pullman, pulmini scolastici, funivie, cabinovie e seggiovie, spettacoli in cinema, teatri, sale da concerto, locali e discoteche, eventi e competizioni sportive.

18 – Cambiano le regole per praticare sport al chiuso ed entrare negli spogliatoi?
Dal primo maggio non serve il green pass per lo sport al chiuso e gli spogliatoi.

19 – Dal primo aprile si possono praticare gli sport all’aperto senza green pass?
Sì.

20 – Serve il green pass per le funivie?
Dall’1 al 30 aprile è obbligatoria solo la mascherina Ffp2.

21 – Quali sono le regole per feste e cerimonie pubbliche?
Dal primo aprile l’ingresso è libero.

22 – Anche per sagre, fiere e centri culturali, sociali e ricreativi all’aperto?
Sì, dal primo aprile il certificato non sarà richiesto.

23 – Serve il certificato verde per entrare alle terme, nei parchi tematici e di divertimento?
Solo fino al 31 marzo.

24 – E i centri benessere, sale gioco e centri congressi?
Fino al 30 aprile serve il green pass rafforzato.

25 – Cosa cambia per feste al chiuso e discoteche?
Fino al 30 aprile è richiesto il green pass rafforzato e bisogna indossare la mascherina.

26 – Ci sono limitazioni per il numero di persone ammesse alle feste?
No, non c’è alcun limite.

27 – Ci sono limitazioni per le discoteche?
No, dal primo aprile è prevista la capienza al 100 %.

28 – Per andare in albergo bisogna avere il green pass?
Dall’1 aprile l’ingresso negli hotel e nelle strutture ricettive è senza alcuna limitazione.

29 – Nei ristoranti interni bisogna avere il green pass?
Per i clienti che alloggiano non serve.

30 – La regola vale anche per i turisti stranieri?
Anche per chi arriva dall’estero non c’è alcun obbligo.

Incendio fuori controllo, dal Trentino arriva al Bresciano


articolo Redazione ANSA: https://www.ansa.it/trentino/notizie/2022/03/25/incendio-fuori-controllo-dal-trentino-arriva-al-bresciano_e4c0de63-9211-43c4-8945-4c24bddceef2.html

Sembrava domato ma vento e siccità hanno complicato situazione

Incendio fuori controllo, dal Trentino arriva al Bresciano

(ANSA) – Trento, 25 marzo 2022

Sembrava domato, ma l’incendio di probabile origine dolosa propagatosi sabato scorso in Trentino è invece ormai fuori controllo.

Le fiamme impegnano infatti decine di vigili del fuoco volontari.

Dalla località San Martino, nel Comune di Bondone, il fuoco, che mercoledì sembrava spento, ha ripreso vigore, alimentato dal vento e dal terreno secchissimo, e oggi ha raggiunto i boschi nel comune di Valvestino, nel Bresciano.
Per cercare di arginare le fiamme – accanto all’instancabile lavoro da terra svolto dai corpi di Bondone-Baitoni (competente territorialmente), Storo, Condino e Brione – interverranno anche oggi tre elicotteri: quello del Nucleo Elicotteri, l’Erickson del Corpo forestale nazionale ed il Canadair del corpo nazionale dei vigili del fuoco. Il sindaco di Bondone, questa mattina, ha firmato il decreto di istituzione del Centro operativo Comunale di protezione civile. (ANSA).

Incendio fuori controllo, dal Trentino arriva al Brescianoalanews