Green pass base e super: novità su obbligo, lavoro e scuola nel nuovo decreto


articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2022/03/17/news/decreto_green_pass_base_lavoro_obbligo_vaccinale-341800505/

Via il certificato verde dal primo maggio. Ecco la road map per allentare le misure da aprile: fine delle quarantene da contatto, niente Dad nelle scuole e l’isolamento è previsto solo per i contagiati

Riaperture, conferenza stampa di Draghi e SperanzaLa Repubblica



Dal primo maggio addio al Green pass e alle mascherine nei luoghi chiusi. Fine della sospensione dal lavoro per mancata vaccinazione, tranne che per i lavoratori degli ospedali e delle Rsa, anche se fino al 15 giugno anche i docenti e le forze dell’ordine resteranno sottoposti a obbligo vaccinale, pena una multa da 100 euro. Nelle aziende, basterà il green pass base fino al 30 aprile. Fine delle quarantene da contatto – via la Dad nelle scuole – e isolamento solo per i contagiati. Archiviato il sistema delle colorazioni delle Regioni. Queste le principali misure del decreto Covid sulle riaperture approvato all’unanimità dal Cdm. Ecco i punti salienti illustrati in conferenza stampa dal ministro della Salute, Roberto Speranza.

Verso il superamento del Green Pass – Si va verso un superamento del Green Pass dal primo aprile nella grandissima parte dei luoghi all’aperto e dal primo maggio anche nei luoghi al chiuso. Resterà vigente il certificato base fino al 30 aprile su: trasporti a lunga percorrenza, mense e catering, concorsi pubblici, corsi di formazione pubblici e privati, colloqui in presenza con detenuti e internati, partecipazione del pubblico agli eventi sportivi che si svolgono all’aperto. Resterà invece il Green Pass rafforzato fino al 30 di aprilenei servizi di ristorazione al banco al tavolo al chiuso, piscine, palestre e centri benessere. Convegni e congressi, centri culturali, centri ricreativi, feste conseguenti a cerimonie civili e religiose, sale a gioco e scommesse. Una disciplina che con gradualità ci porterà il primo maggio al superamento del Green pass“.

Mascherine al chiuso fino al 30 aprileResta l’obbligo di mascherine al chiuso fino al 30 aprile. Poi il governo valuterà come sempre in base alla curva dell’andamento epidemiologico. In questo momento per i luoghi di lavoro, quindi, la mascherina resta prevista.

Eliminate le quarantene da contatto – Si superano le quarantene per contatto. Erano già state superate per la popolazione vaccinata, ora saranno superate per tutti. “Resterà in isolamento solo chi è positivo al virus, questa scelta avrà un impatto significativo soprattutto nelle scuole dove la percentuale di persone vaccinate è più bassa“. Dal 1 aprile andrà a casa soltanto chi è positivo. Tutti gli altri potranno tranquillamente restare in classe e seguire le lezioni.

Via la sospensione dal lavoro per mancata vaccinazione – La sospensione dal lavoro per mancata vaccinazione non avverrà più. Chi ha più di 50 anni non dovrà più avere il green pass rafforzato ma quello base.

Niente più sistema delle colorazioni – Superato definitivamente il sistema colori. Si continuerà il monitoraggio che resta essenziale ma non sarà più connesso alle ordinanze. Non ci saranno più le ordinanze del venerdì.

L’obbligo vaccinale valido solo per alcune categorie – L’obbligo vaccinale resterà vigente solo per alcune categorie particolarmente esposte come il personale sanitario, nelle Rsa, nelle strutture sanitarie, i lavoratori della scuola, della sicurezza e delle forze dell’ordine.

Lascia il commissario Figliuolo – Le funzioni esercitate dal Commissario straordinario per l’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo, saranno ora in capo ad una unità per il completamento della campagna di vaccinazione e per il contrasto della pandemia, in una fase di transizione che ci accompagnerà fino al 31 dicembre in cui poi in via ordinaria tutte queste funzioni andranno al ministero della Salute.

No alla quarta dose per tutti – Al momento non ci sono evidenze scientifiche che portino a direquarta dose per tutti“. “Siamo partiti con la somministrazione per gli immunocompromessi e in queste ore stiamo ipotizzando la quarta dose anche per le fasce di età più avanzate, anche se questo tema va ancora valutato“.

F1: Sebatian Vettel positivo al Covid….


Sebatian Vettel positivo al Covid, al suo posto in Bahrain correrà Hulkenberg

articolo: https://www.repubblica.it/sport/formulauno/2022/03/17/news/vettel_positivo_covid_bahrain-341716010/?ref=RHBT-VS-I0-P2-S2-T1

L’Aston Martin ha comunicato che l’ex pilota tedesco della Ferrari si è contagiato. Salterà la prima gara del mondiale, a sostituirlo sarà il connazionale

Sebastian Vettel è risultato positivo al Covid e sarà costretto a saltare il Gp del Bahrain, prima gara del Mondiale 2022 in programma domenica sul circuito di Sakhir. Al posto del 34enne pilota tedesco quattro volte campione del mondo, l’Aston Martin schiererà fin dalle prove libere di domani il connazionale Nicolas Hulkenberg.

Traduttore https://translate.google.it

AGGIORNAMENTO: Sebastian Vettel è risultato positivo al COVID-19 e quindi non prenderà parte al #BahrainGP 2022.

A sostituirlo con l’AMR22 sarà il pilota di riserva @HulkHulkenberg, che sarà in macchina dalle FP1 in poi. #F1

Treni, oggi ritardi fino a due ore e cancellazioni in tutta Italia per guasto tecnico tra Firenze e Roma


articolo di Redazione Cronache: https://www.corriere.it/cronache/22_marzo_17/treni-oggi-ritardi-fino-due-ore-cancellazioni-tutta-italia-4b4e86a8-a5c6-11ec-b9d0-9b9e3bb8f215.shtml?fbclid=IwAR1Q62LqNYjt-0qAXm95_Yyr6eDU0kc78utAfBBk8KQ5_fjRD0j2g3_ecpY

Interessati i convogli dell’Alta Velocità e i treni regionali nei nodi di Firenze e Roma. Rfi: problemi tecnici agli apparati di comando centralizzato e computerizzato del traffico. Guasto risolto, la circolazione riprende gradualmente

Una mattinata difficile per il trasporto ferroviario. Dalle 5.30 di giovedì mattina si stanno registrando cancellazioni, limitazioni e rallentamenti fino a 120 minuti nella circolazione dei treni. Alcuni convogli notturni (gli Intercity notte Trieste-Roma, Torino-Salerno e Salerno-Torino) hanno accumulato ritardi fino a 300 minuti. L’interruzione ha coinvolto non solo i convogli dell’alta velocità ma anche alcuni treni regionali nei nodi di Firenze e Roma. Ma in generale i disagi hanno riguardato l’intero asse dell’Alta velocità Torino – Salerno. Ritardi fino a due ore sono stati registrati alla Stazione Centrale di Milano. Situazione analoga a Firenze e nelle altre stazioni della liea ad alta velocità.

All’origine dei disagi, come ha spiegato Rfi, alcuni problemi tecnici agli apparati di comando centralizzato e computerizzato del traffico in fase di risoluzione. Il problema, secondo l’azienda, è stato risolto alle 9,30, consentendo un graduale ritorno alle condizioni di normale operatività. I ritardi verranno riassorbiti nel corso della giornata mentre, comunica Rfi, «prosegue la riprogrammazione dell’offerta ferroviaria, con cancellazioni e limitazioni di percorso».

Un’altra interruzione del traffico ferroviario è stata però segnalata da Trenitalia a partire dalle 10 sulla linea Bologna-Venezia, «per un guasto ai sistemi di gestione della circolazione nei pressi di Terme Euganee». In questo caso si attende l’intervento dei tecnici per il ripristino dell’operatività, ma sono ipotizzabili ulteriori rallentamenti lungo la tratta. E ancora, sulla tratta dell’Alta Velocità Roma-Firenze, traffico rallentato dalle 10.25 per un guasto alla linea nei pressi di Chiusi. In questo caso si segnalano ritardi fino a 25 minuti.