L’AgCom chiede al governo più poteri contro Dazn. Disservizi, per ora nessuna sanzione alla pay-tv


articolo: https://www.repubblica.it/economia/2021/10/07/news/l_agcom_chiede_al_governo_piu_poteri_contro_dazn_disservizi_per_ora_nessuna_sanzione_alla_pay-tv-321145752/?ref=RHTP-VS-I270681073-P11-S1-T1

Dopo la risoluzione approvata in Parlamento, il Garante invoca una norma che le permetta di aumentare il pressing sulla pay-tv che oggi è più libera da vincoli perch opera senza un’autorizzazione ministeriale. L’emittente ha stanziato dei rimborsi e varato una Carta dei servizi con i diritti degli abbonati

ROMA – A dispetto dei pronostici, oggi l’arbitro delle questioni tv (l’AgCom) non multerà Dazn per i disservizi che si verificano durante la visione di alcune partite della Serie A. Nei corridoi dell’AgCom, la pay-tv britannica è paragonata al capitone di “Così parlò Bellavista”, il film di De Crescenzo, sfuggente e inafferrabile.

Dazn è una società di Internet che non ha richiesto una autorizzazione ministeriale prima di operare in Italia. Per questo motivo, l’AgCom non è sicura che Dazn sia sottoposta all’insieme di regole che governano il settore (il Codice della radio-tv). Non è certa, dunque, di poterla diffidare perché garantisca una qualità alta agli abbonati. E senza diffida non può esserci sanzione.

Nello stesso tempo, l’AgCom ha letto bene la risoluzione che la Commissione Trasporti della Camera ha approvato il 23 settembre. Nella risoluzione, i deputati chiedono al governo di aumentare i poteri dell’AgCom contro società web come Dazn che operano senza autorizzazioni del ministero.

In particolare, i deputati chiedono:

 che gli utenti godano di “piena tutela in materia di trasparenza, informazione, indennizzi, reclami e assistenza tecnica, valutando l’opportunità di un adeguamento dei poteri di controllo e sanzionatori in capo ad AgCom;

– che, a garanzia del mercato, le rilevazioni degli indici di ascolto effettuate da Dazn e da tutti gli altri operatori analoghi rispondano a criteri di trasparenza, verificabilità, indipendenza, terzietà e certificazione;

– che  il governo rafforzi i poteri di AgCom perché imponga a Dazn di usare altre tecnologie per distribuire le partite (dal digitale terrestre ak satellite). Sempre AgCom deve essere nelle condizioni di obbligare le televisioni a pagamento via Internet a investimenti che assicurino la  qualità dei servizi; continua a leggere

se ti può interessare leggi anche:

I pubblicitari: “Dazn è in fuorigioco”. Critiche alla pay-tv per la qualità del servizio e i dati di ascolto

Serie A, Sky alla Lega: “Vendete a noi gli highlights che non usa Dazn”

Calcio, lite tra società tlc e Dazn: non collaborate. Garante sui disservizi: più informazioni. La pay-tv: lavoriamo in modo costruttivo

L’AgCom su Dazn: “Possibili interventi urgenti a tutela degli abbonati alle partite via web”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...