Archivi del giorno: 1 maggio 2020

1 Maggio “Festa dei lavoratori”


La Festa dei lavoratori viene celebrata il 1º maggio di ogni anno in molti paesi del mondo, per ricordare tutte le lotte per i diritti dei lavoratori, originariamente nate per la riduzione della giornata lavorativa.

“Lavorare in sicurezza per costruire il futuro”

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio all'aperto

dedichiamo questo 1° maggio ai 151 medici e 45 infermieri e operatori sanitari morti per il coronavirus. Ma anche agli oltre 340 lavoratori morti per questo morbo dall’inizio dell’epidemia

Il Primo Maggio di medici e infermieri impegnati nella lotta al coronavirus: "Siamo 100% lavoratori"

Il Primo Maggio di medici e infermieri impegnati nella lotta al coronavirus: “Siamo 100% lavoratori”

Primo Maggio virtuale: niente cortei e paura per il presente

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/05/01/news/primo_maggio_italia-255324711/?ref=RHPPTP-BH-I255324716-C12-P4-S1.8-T1

Il Pil cala del 4,7: dal 1995 mai un calo così. Il concertone di piazza san Giovanni diventerà uno show televisivo con testimonianze e musica live

Playlist, piattaforme, video: cambiano gli attrezzi del Primo Maggio. Sostituiscono piazze, palchi, striscioni. La Festa del Lavoro 2020 sarà senza cortei e, si teme, senza lavoro. L’epidemia ha bloccato le manifestazioni tradizionali e rischia di mettere in crisi anche l’occupazione. Ieri l’Istat ha annunciato un calo del 4,7 per cento del Pil italiano nel primo trimestre, interessato solo parzialmente dal blocco per il coronavirus. Mai dal 1995 si era registrato un calo tanto vistoso. Sicurezza e lavoro sono i due temi di questo Primo Maggio virtuale. Il tradizionale comizio dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil diventa questa mattina dibattito televisivo con Furlan, Landini e Barbagallo intervistati in diretta su Raitre dalle 12,20 alle 13. Anche il concertone di piazza san Giovanni diventerà uno show televisivo con testimonianze e musica live, in onda questa sera.

Lavorare in sicurezza per costruire il futuro” è lo slogan affisso sul palco ideale del Primo maggio virtuale.   continua a leggere

Primo maggio…in attesa di tornare al lavoro

Coronavirus nel mondo, intelligence Usa: “Il Covid 19 non è stato creato dall’uomo”.”


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/04/30/news/coronavirus_nel_mondo_contagi_aggiornamento_e_tutte_le_news_sulla_situazione-255234156/?ref=RHPPLF-BH-I254912850-C8-P10-S1.8-T1

Conclusa l’inchiesta dei servizi segreti americani: il virus non è di natura artificiale. Il premier britannico tiene il primo briefing dopo la malattia. L’Oms: “Essenziale prepararsi a una seconda o terza ondata”. Positivo il premier russo. Nessun nuovo caso in Corea del Sud: è la prima volta da febbraio

Mappa aggiornata · Evoluzione contagi

Il bilancio dei casi di coronavirus a livello mondiale ha superato i 3,2 milioni: secondo i dati aggiornati forniti dalla Johns Hopkins University nel modo si registrano ora 3.207.248 contagi, 230.309 morti mentre le persone guarite sono 984.161. Negli Stati Uniti, nelle ultime 24 ore, sono morte 2.502 persone, portando così a 61.717 il numero dei decessi totali per Covid 19. Secondo i dati Afp, l’Europa continua a essere il continente più toccato dalla malattia con 27.967 decessi in Italia, 26.711 nel Regno Unito, 24.543 in Spagna e 24.376 in Francia.

L’inchiesta degli 007 Usa sul virus –  La pandemia partita dalla Cina non è stata causata da un virus prodotto dall’uomo o geneticamente modificato. Sono queste le conclusioni a cui è giunta la comunità degli 007 Usa, secondo quanto affermato dall’ufficio del Direttore dell’intelligence nazionale che coordina i lavoro di tutte le agenzie federali, dalla Cia alla Nsa. L’intelligence americana ritiene che il Covid 19 non sia di origine artificiale, ma continuerà a vagliare le informazioni per capire se provenga da un contatto con animali o da un incidente di laboratorio. Nei giorni scorsi, il presidente americano Donald Trump aveva fatto riferimento alla teoria, non provata, che il Covid 19 possa essere frutto di un errore del laboratorio di Wuhan. “La Comunità dell’Intelligence – si legge nel comunicato – continuerà ad esaminare rigorosamente le informazioni e le notizie d’intelligence che arriverranno per determinare se l’epidemia è iniziata attraverso il contatto con animali infetti o se è stata il risultato di un incidente nel laboratorio di Wuhan“. continua a leggere

La Ligue 1 chiude qui: Psg campione, ma è già rissa tra i club


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Ligue-1/30-04-2020/ligue-1-psg-campione-francia-370605379855.shtml

Marsiglia in Champions, Rennes ai preliminari. Lilla in Europa League, con Reims e Nizza, se non si disputeranno le finali delle coppe nazionali. Il Lione resta fuori. Scendono in Ligue 2 Amiens e Tolosa. Ma sono già pronti i ricorsi

Psg campione. Marsiglia direttamente in Champions, con il Rennes che però passa per i preliminari. Lilla in Europa League, con Reims e Nizza, se non si disputeranno le finali delle coppe nazionali. Scendono in Ligue 2 Amiens e Tolosa. Mentre il Lione, avversario Champions della Juve, resta fuori dall’Europa. Uno smacco per la squadra di Rudi Garcia che secondo la classifica dei punti per gara disputata si arena al settimo posto. Questa la sentenza finale della Lega che ha ufficializzato la sospensione definitiva della Ligue 1. continua a leggere

Cassa integrazione, il caos delle Regioni. In Lombardia pagate solo 40 aziende


articolo: https://www.corriere.it/economia/professionisti/cards/cassa-integrazione-caos-regioni-lombardia-pagate-solo-40-aziende/situazione_principale.shtml

La situazione – Oltre 5 milioni di lavoratori, sugli 11 milioni di aventi diritto, attendono la liquidazione della Cassa Integrazione del mese di marzo. E una buona fetta tarderà ancora, a ricevere quanto dovuto, a causa dei ritardi di molte Regioni che gestiscono quella cosiddetta in Deroga. Per fortuna è intervenuto il settore delle aziende private, che ha erogato anticipazioni per quasi 5 milioni ai propri dipendenti, riservandosi di compensare successivamente tale importo con i contributi dovuti all’Inps. Nel frattempo però la capacità delle regioni completare l’iter burocratico sta mettendo a nudo le inefficienze. La fotografia che l’Inps fa (aggiornata al 28 aprile) della situazione regionale lascia sconcertati: se la Sicilia è il caso più eclatante di cattivo funzionamento tocca addirittura alla Lombardia la maglia nera con appena 40 pratiche di cassa integrazione ultimate. continua a leggere