Archivi del giorno: 17 marzo 2020

Coronavirus, Juventus. Dopo Rugani, positivo anche Matuidi


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/juventus/2020/03/17/news/coronavirus_juventus_dopo_rugani_positivo_anche_matuidi-251557691/

La notà della società: “E’ in isolamento a casa, è asintomatico e sta bene”

La Juventus ha comunicato che “il calciatore Blaise Matuidi è stato sottoposto a esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà a essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico”. Il centrocampista francese è il secondo giocatore juventino a risultare positivo dopo Daniele Rugani.

UEFA postpones EURO 2020 by 12 months “UEFA EURO 2020 rinvia di 12 mesi”


https://www.uefa.com/insideuefa/mediaservices/mediareleases/newsid=2641071.html?fbclid=IwAR01HipQNgaRLALuOM-dQgA3zNWBnqGkl0hl7kDfmkgPRtyqOpNQI3cF

Priority given to completing domestic competitions in an unprecedented solidarity move by UEFA. Working group set up to examine possibilities for this season’s UEFA Champions League and UEFA Europa League competitions.

2616631_w1

UEFA today announced the postponement of its flagship national team competition, UEFA EURO 2020, due to be played in June and July this year. The health of all those involved in the game is the priority, as well as to avoid placing any unnecessary pressure on national public services involved in staging matches. The move will help all domestic competitions, currently on hold due to the COVID-19 emergency, to be completed.

All UEFA competitions and matches (including friendlies) for clubs and national teams for both men and women have been put on hold until further notice. The UEFA EURO 2020 play-off matches and international friendlies, scheduled for the end of March, will now be played in the international window at the start of June, subject to a review of the situation.

A working group has been set up with the participation of leagues and club representatives to examine calendar solutions that would allow for the completion of the current season and any other consequence of the decisions made today.

The decisions, taken by UEFA’s Executive Committee, followed videoconference meetings held today with the presidents and general secretaries of the 55 national associations, as well as representatives of the European Club Association, European Leagues and FIFPro Europe, convened by UEFA President Aleksander Čeferin, to find a coherent plan to break the logjam of fixtures building up due to the spread of the virus across the continent.

Announcing the decisions, Aleksander Čeferin said:

“We are at the helm of a sport that vast numbers of people live and breathe that has been laid low by this invisible and fast-moving opponent. It is at times like these that the football community needs to show responsibility, unity, solidarity and altruism.

“The health of fans, staff and players has to be our number one priority and, in that spirit, UEFA tabled a range of options so that competitions can finish this season safely and I am proud of the response of my colleagues across European football. There was a real spirit of cooperation, with everyone recognising that they had to sacrifice something in order to achieve the best result.

“It was important that, as the governing body of European football, UEFA led the process and made the biggest sacrifice. Moving EURO 2020 comes at a huge cost for UEFA but we will do our best to ensure that the vital funding for grassroots, women’s football and the development of the game in our 55 countries is not affected. Purpose over profit has been our guiding principle in taking this decision for the good of European football as a whole.

“Football is an uplifting and powerful force in society. The thought of celebrating a pan-European festival of football in empty stadia, with deserted fan zones while the continent sits at home in isolation, is a joyless one and one we could not accept to celebrate the 60th anniversary of the competition.

“I would like to thank the European Club Association, the European Leagues and FIFPro Europe for their great work today and for their cooperation. I would also like to thank from the bottom of my heart the 55 national associations, their presidents and general secretaries, and my colleagues from the Executive Committee for their support and wise decisions. The fine detail will be worked out in the coming weeks but the basic principles have been agreed and that is a major step forward. We have all shown that we are responsible leaders. We have demonstrated solidarity and unity. Purpose over profit. We’ve achieved this today.

“I would also like to thank Alejandro Domínguez and CONMEBOL, who have agreed to move CONMEBOL’s 2020 Copa America in order to follow the recommendations issued by the international public health organisations to enact extreme measures and as a result of EURO 2020 being postponed. This means that clubs and leagues in Europe will have as little disruption as possible in the availability of their players. These joint efforts and especially this coordinated and responsible decision, are deeply appreciated by the whole European football community.

“I would like to thank FIFA and its President, Gianni Infantino, who has indicated it will do whatever is required to make this new calendar work. In the face of this crisis, football has shown its best side with openness, solidarity and tolerance.”

UEFA EURO 2020 was scheduled to take place in 12 cities across Europe from 12 June to 12 July 2020. The proposed new dates are 11 June to 11 July 2021. UEFA would like to reassure existing ticket buyers and hospitality clients that if they cannot attend the tournament in 2021, the face value of their tickets and packages will be refunded in full. Within the next month, further information on the refund process will be communicated to existing ticket buyers via email and on euro2020.com/tickets.

Decisions on dates for other UEFA competitions, whether club or national team for men or women, will be taken and announced in due course.

 

TRADUZIONE

UEFA EURO 2020 rinvia di 12 mesi

Martedì 17 marzo 2020
Priorità data al completamento delle competizioni nazionali in una mossa di solidarietà senza precedenti da parte della UEFA. Gruppo di lavoro istituito per esaminare le possibilità per le competizioni di UEFA Champions League e UEFA Europa League di questa stagione.

La UEFA ha annunciato oggi il rinvio della sua principale competizione per squadre nazionali, UEFA EURO 2020, che si svolgerà a giugno e luglio di quest’anno. La salute di tutti coloro che sono coinvolti nel gioco è una priorità, oltre a evitare di esercitare pressioni inutili sui servizi pubblici nazionali coinvolti nelle partite di scena. La mossa aiuterà tutte le competizioni nazionali, attualmente in attesa a causa dell’emergenza COVID-19, da completare.

Tutte le competizioni e le partite UEFA (comprese le amichevoli) per club e squadre nazionali per uomini e donne sono state sospese fino a nuovo avviso. Le partite degli spareggi di UEFA EURO 2020 e le amichevoli internazionali, in programma per la fine di marzo, saranno ora giocate nella finestra internazionale all’inizio di giugno, con riserva di una revisione della situazione.

È stato istituito un gruppo di lavoro con la partecipazione di campionati e rappresentanti di club per esaminare le soluzioni di calendario che consentirebbero il completamento della stagione in corso e qualsiasi altra conseguenza delle decisioni prese oggi.

Le decisioni, prese dal Comitato Esecutivo UEFA, sono seguite alle riunioni di videoconferenza tenute oggi con i presidenti e i segretari generali delle 55 federazioni nazionali, nonché con i rappresentanti dell’Associazione europea dei club, dei campionati europei e della FIFPro Europa, convocati dal presidente UEFA Alexander Cheferin, a trovare un piano coerente per rompere il logjam degli infissi in aumento a causa della diffusione del virus in tutto il continente.

Annunciando le decisioni, Alexander Cheferin ha dichiarato:

“Siamo al timone di uno sport in cui un gran numero di persone vive e respira che è stato abbassato da questo avversario invisibile e in rapido movimento. È a volte come questo che la comunità calcistica deve mostrare responsabilità, unità, solidarietà e altruismo.

“La salute dei tifosi, dello staff e dei giocatori è la nostra priorità numero uno e, in questo spirito, la UEFA ha presentato una serie di opzioni in modo che le competizioni possano terminare questa stagione in modo sicuro e sono orgoglioso della risposta dei miei colleghi sul calcio europeo. C’era un vero spirito di cooperazione, con tutti riconoscendo che dovevano sacrificare qualcosa per ottenere il miglior risultato.

“Era importante che, in quanto organo di governo del calcio europeo, la UEFA guidasse il processo e facesse il più grande sacrificio. Il trasferimento di EURO 2020 ha un costo enorme per la UEFA, ma faremo del nostro meglio per garantire finanziamenti di base per le donne di base il calcio e lo sviluppo del gioco nei nostri 55 paesi non sono interessati. Scopo del profitto è stato il nostro principio guida nel prendere questa decisione per il bene del calcio europeo nel suo insieme.

“Il calcio è una forza edificante e potente nella società. Il pensiero di celebrare un festival pan-europeo del calcio in uno stadio vuoto, con zone di fan deserte mentre il continente si trova a casa in isolamento, è senza gioia e non potremmo accettare celebrare il 60 ° anniversario del concorso.

“Vorrei ringraziare l’Associazione europea dei club, le leghe europee e FIFPro Europa per l’ottimo lavoro svolto oggi e per la loro collaborazione. Vorrei anche ringraziare dal profondo del cuore le 55 associazioni nazionali, i loro presidenti e segretari generali, e i miei colleghi del Comitato Esecutivo per il loro sostegno e le sagge decisioni. Nelle prossime settimane verranno elaborati dettagli precisi, ma i principi di base sono stati concordati e questo è un grande passo avanti. Abbiamo tutti dimostrato di essere leader responsabili. Abbiamo dimostrato solidarietà e unità Scopo rispetto al profitto Abbiamo raggiunto questo obiettivo oggi.

“Vorrei anche ringraziare Alejandro Domínguez e CONMEBOL, che hanno concordato di spostare il Copa America 2020 di CONMEBOL per seguire le raccomandazioni emesse dalle organizzazioni internazionali di sanità pubblica per attuare misure estreme e come conseguenza del rinvio di EURO 2020. che i club e le leghe in Europa avranno il minor disturbo possibile nella disponibilità dei loro giocatori. Questi sforzi congiunti e soprattutto questa decisione coordinata e responsabile sono profondamente apprezzati da tutta la comunità calcistica europea.

“Vorrei ringraziare la FIFA e il suo Presidente, Gianni Infantino, che hanno indicato che farà tutto il possibile per far funzionare questo nuovo calendario. Di fronte a questa crisi, il calcio ha mostrato il suo lato migliore con apertura, solidarietà e tolleranza. “

È previsto che UEFA EURO 2020 abbia luogo in 12 città in tutta Europa dal 12 giugno al 12 luglio 2020. Le nuove date proposte sono dall’11 giugno all’11 luglio 2021. La UEFA vorrebbe rassicurare gli acquirenti di biglietti e i clienti dell’ospitalità esistenti che non possono partecipare al torneo nel 2021, il valore nominale dei loro biglietti e pacchetti verrà rimborsato per intero. Entro il prossimo mese, ulteriori informazioni sulla procedura di rimborso saranno comunicate agli acquirenti di biglietti esistenti via e-mail e su euro2020.com/tickets.

Le decisioni sulle date delle altre competizioni UEFA, siano esse club o nazionali per uomini o donne, saranno prese e annunciate a tempo debito.

 

‘La radio per l’Italia’. Venerdì 20 marzo alle 11 l’inno di Mameli su tutte le emittenti del Paese


VENERDÌ 20 MARZO ALLE ORE 11.00

Per la prima volta  nella storia del nostro Paese, tutte le Radio Italiane, nazionali e locali, si uniranno per un’iniziativa di diffusione comune senza precedenti.

articolo: https://www.primaonline.it/2020/03/16/303107/la-radio-per-litalia-venerdi-20-marzo-alle-11-linno-di-mameli-su-tutte-le-emittenti-del-paese/

Uno strumento di compagnia e di conforto, la cui voce si farà sentire a frequenze unificate, VENERDÌ 20 MARZO ALLE ORE 11.00, quando tutte le radio d’Italia trasmetteranno in contemporanea, anche su tutte le piattaforme Fm, Dab, in televisione e in streaming sui siti e sulle App delle radio, l’Inno di Mameli e tre canzoni che hanno fatto la storia della musica nazionale.

Un’iniziativa straordinaria e unica che vuole dare ancora più forza a tutti gli italiani e all’Italia che deve andare avanti unita, mostrandosi coesa in questo momento di emergenza mondiale.
Un messaggio di unione, partecipazione e connessione, che ha l’auspicio di riunire tutti nello stesso momento di condivisione.

Parteciperanno all’iniziativa le emittenti radiofoniche nazionali:
Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, Rai Isoradio, M2O, R101, Radio 105, Radio 24, Radio Capital, Radio Deejay, Radio Freccia, Radio Italia Solomusicaitaliana, Radio Kiss Kiss, Radio Maria, Radio Monte Carlo, Radio Radicale, Radio Zeta, RDS 100% grandi successi, RTL 102.5, Virgin Radio.
Inoltre, parteciperanno anche le emittenti radiofoniche locali aderenti all’Associazione Aeranti-Corallo ed all’Associazione Radio Locali FRT-Confindustria Radio Tv.

Tutto il Paese è invitato a sintonizzarsi sulla propria stazione radio preferita, quella che accompagna ognuno nella propria quotidianità, ad alzare il volume, ad aprire le finestre e uscire sui balconi per cantare tutti insieme, sventolando il tricolore o mostrando un simbolo dell’Italia, per un momento che sia di riflessione e buona speranza per tutti.

Adesso anche la FRANCIA ecc.


Coronavirus, Macron: «Tutti a casa, siamo in guerra»

articolo: https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-macron-tutti-casa-siamo-guerra/45d0e022-67ca-11ea-93a4-da8ab3a8afb1?fbclid=IwAR2LVa7Zd4BNvsoIJfKKl0r_Tad3_F7fJZ2kJLUK6x2HwOi0DvE5bmFSeow

Il presidente francese invita tutta la popolazione a rimanere a casa | Ansa – CorriereTv

La Francia segue l’esempio italiano. “Siamo in guerra”, ha detto il presidente Emmanuel Macron nel suo discorso alla nazione per annunciare i nuovi provvedimenti per il coronavirus. “Ho deciso di rafforzare le misure per ridurre gli spostamenti e i contatti. Da questo momento si può uscire da casa solo per lo stretto necessario. Da martedì, inoltre, le frontiere all’ingresso dell’Unione europea e l’area Schengen saranno chiuse”.


Coronavirus, svolta di Johnson: «Evitare pub, viaggi e contatti»

https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-svolta-johnson-evitare-pub-viaggi-contatti/0a87778a-67af-11ea-93a4-da8ab3a8afb1

Il premier britannico invita i cittadini a restare in casa di fronte all’emergenza | Ansa – CorriereTv

Crescono le restrizioni anche in Gran Bretagna per favorire il distanziamento sociale contro la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato il premier Boris Johnson, durante una conferenza stampa, indicando una svolta rispetto alla sua linea e raccomandando lo stop di tutti i viaggi non necessari, il lavoro da casa “per chiunque possa” e la rinuncia a contatti sociali pubblici. “Da ora dovete evitare pub, teatri, club e altri luoghi di ritrovo“, ha detto il primo ministro Tory rivolgendosi alla popolazione.


Coronavirus, Trump: «Cibo e prodotti essenziali non mancheranno»

https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-trump-cibo-prodotti-essenziali-non-mancheranno/3b3133a4-678b-11ea-93a4-da8ab3a8afb1

Il tycoon si congratula con la Federal Reserve | Ansa – CorriereTv

«Tutti stanno lavorando in stretta collaborazione con il governo federale e i leader locali, per assicurare la disponibilità di cibo e prodotti di prima necessità. E ce la faranno. Non c’è alcuna carenza, anche se i cittadini stanno acquistando dalle tre alle cinque volte più del normale»: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, parlando dell’emergenza coronavirus da Washington. «Mi congratulo con la Federal Reserve, è fantastico. La notizia è uscita proprio ora, mentre parliamo» ha aggiunto.