Addio a Peirò……….


Addio a Peirò, il numero 9 della Grande Inter: nella leggenda il suo gol al Liverpool

Risultato immagini per peiro

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/18-03-2020/addio-peiro-numero-9-grande-inter-leggenda-suo-gol-liverpool-3601805243587.shtml?fbclid=IwAR2hcsmxSdw-D09I5bY41037fLhUh8ejawFSXziNqnYPfPCiUpiA0tAJ9Fc

L’attaccante spagnolo aveva 84 anni: giocò anche con Torino e Roma, con Herrera vinse Coppa dei Campioni 1965, due scudetti e due Intercontinentali

È scomparso a 84 anni Joaquin Peirò, per due stagioni (dal 1964 al 1966) attaccante della Grande Inter di Helenio Herrera, con cui vinse la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale nel 1965. Indossò anche le maglie di Torino e Roma (con cui vinse una coppa Italia nel 1969), oltre che dell’Atletico Madrid (una Coppa delle Coppe nel 1962) e della Nazionale spagnola.

Era il numero 9 della filastrocca mandata a memoria da generazioni di interisti (e non solo): Sarti, Burgnich, Facchetti,Bedin, Guarneri, Picchi; Jair, Mazzola, Peirò, Suarez, Corso. Arrivato all’Inter nell’estate 1964, aveva preso il posto di Aurelio Milani al centro dell’attacco nerazzurro: il suo nome sarà legato per sempre al celeberrimo gol segnato al Liverpool nella semifinale di Coppa Campioni 1964-65, quando i nerazzurri furono chiamati a rimontare a San Siro la sconfitta per 3-1 subita ad Anfield nel match d’andata. Peirò passò alla storia con un leggendario colpo d’astuzia, sorprendendo alle spalle il portiere Lawrence che stava facendo rimbalzare il pallone, soffiandogli la sfera e segnando a porta vuota il gol del 2-0. continua a leggere

Stagione 1964/1965 – Inter vs. Liverpool (3:0)

 

IL CORDOGLIO DELL’INTER PER LA SCOMPARSA DI JOAQUÍM PEIRÓ

Le condoglianze alla famiglia da parte di tutta la società

MILANO – Si è spento all’età di 84 anni Joaquím Peiró. Nato a Madrid il 29-01-1936, l’ex attaccante ha vestito la maglia nerazzurra dal 1964 al 1966, due stagioni nella Grande Inter di Helenio Herrera, nelle quali ha vinto tutto: 2 Scudetti, 2 Coppe Intercontinentali e 1 Coppa dei Campioni a cui contribuì in maniera determinante con 16 reti in 47 partite giocate. Il suo nome rimane impresso nella storia nerazzurra, come il suo indimenticabile gol segnato il 12 maggio del 1965, nella mitica semifinale di Coppa Campioni contro il Liverpool.

FC Internazionale Milano esprime il proprio cordoglio per la sua scomparsa, alla famiglia vanno il pensiero e l’affetto di tutto il Club e dei tifosi nerazzurri.

日本語版  Versi Bahasa Indonesia  English Version  Versión Española 

Coronavirus, Juventus. Dopo Rugani, positivo anche Matuidi


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/juventus/2020/03/17/news/coronavirus_juventus_dopo_rugani_positivo_anche_matuidi-251557691/

La notà della società: “E’ in isolamento a casa, è asintomatico e sta bene”

La Juventus ha comunicato che “il calciatore Blaise Matuidi è stato sottoposto a esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà a essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico”. Il centrocampista francese è il secondo giocatore juventino a risultare positivo dopo Daniele Rugani.

UEFA postpones EURO 2020 by 12 months “UEFA EURO 2020 rinvia di 12 mesi”


https://www.uefa.com/insideuefa/mediaservices/mediareleases/newsid=2641071.html?fbclid=IwAR01HipQNgaRLALuOM-dQgA3zNWBnqGkl0hl7kDfmkgPRtyqOpNQI3cF

Priority given to completing domestic competitions in an unprecedented solidarity move by UEFA. Working group set up to examine possibilities for this season’s UEFA Champions League and UEFA Europa League competitions.

2616631_w1

UEFA today announced the postponement of its flagship national team competition, UEFA EURO 2020, due to be played in June and July this year. The health of all those involved in the game is the priority, as well as to avoid placing any unnecessary pressure on national public services involved in staging matches. The move will help all domestic competitions, currently on hold due to the COVID-19 emergency, to be completed.

All UEFA competitions and matches (including friendlies) for clubs and national teams for both men and women have been put on hold until further notice. The UEFA EURO 2020 play-off matches and international friendlies, scheduled for the end of March, will now be played in the international window at the start of June, subject to a review of the situation.

A working group has been set up with the participation of leagues and club representatives to examine calendar solutions that would allow for the completion of the current season and any other consequence of the decisions made today.

The decisions, taken by UEFA’s Executive Committee, followed videoconference meetings held today with the presidents and general secretaries of the 55 national associations, as well as representatives of the European Club Association, European Leagues and FIFPro Europe, convened by UEFA President Aleksander Čeferin, to find a coherent plan to break the logjam of fixtures building up due to the spread of the virus across the continent.

Announcing the decisions, Aleksander Čeferin said:

“We are at the helm of a sport that vast numbers of people live and breathe that has been laid low by this invisible and fast-moving opponent. It is at times like these that the football community needs to show responsibility, unity, solidarity and altruism.

“The health of fans, staff and players has to be our number one priority and, in that spirit, UEFA tabled a range of options so that competitions can finish this season safely and I am proud of the response of my colleagues across European football. There was a real spirit of cooperation, with everyone recognising that they had to sacrifice something in order to achieve the best result.

“It was important that, as the governing body of European football, UEFA led the process and made the biggest sacrifice. Moving EURO 2020 comes at a huge cost for UEFA but we will do our best to ensure that the vital funding for grassroots, women’s football and the development of the game in our 55 countries is not affected. Purpose over profit has been our guiding principle in taking this decision for the good of European football as a whole.

“Football is an uplifting and powerful force in society. The thought of celebrating a pan-European festival of football in empty stadia, with deserted fan zones while the continent sits at home in isolation, is a joyless one and one we could not accept to celebrate the 60th anniversary of the competition.

“I would like to thank the European Club Association, the European Leagues and FIFPro Europe for their great work today and for their cooperation. I would also like to thank from the bottom of my heart the 55 national associations, their presidents and general secretaries, and my colleagues from the Executive Committee for their support and wise decisions. The fine detail will be worked out in the coming weeks but the basic principles have been agreed and that is a major step forward. We have all shown that we are responsible leaders. We have demonstrated solidarity and unity. Purpose over profit. We’ve achieved this today.

“I would also like to thank Alejandro Domínguez and CONMEBOL, who have agreed to move CONMEBOL’s 2020 Copa America in order to follow the recommendations issued by the international public health organisations to enact extreme measures and as a result of EURO 2020 being postponed. This means that clubs and leagues in Europe will have as little disruption as possible in the availability of their players. These joint efforts and especially this coordinated and responsible decision, are deeply appreciated by the whole European football community.

“I would like to thank FIFA and its President, Gianni Infantino, who has indicated it will do whatever is required to make this new calendar work. In the face of this crisis, football has shown its best side with openness, solidarity and tolerance.”

UEFA EURO 2020 was scheduled to take place in 12 cities across Europe from 12 June to 12 July 2020. The proposed new dates are 11 June to 11 July 2021. UEFA would like to reassure existing ticket buyers and hospitality clients that if they cannot attend the tournament in 2021, the face value of their tickets and packages will be refunded in full. Within the next month, further information on the refund process will be communicated to existing ticket buyers via email and on euro2020.com/tickets.

Decisions on dates for other UEFA competitions, whether club or national team for men or women, will be taken and announced in due course.

 

TRADUZIONE

UEFA EURO 2020 rinvia di 12 mesi

Martedì 17 marzo 2020
Priorità data al completamento delle competizioni nazionali in una mossa di solidarietà senza precedenti da parte della UEFA. Gruppo di lavoro istituito per esaminare le possibilità per le competizioni di UEFA Champions League e UEFA Europa League di questa stagione.

La UEFA ha annunciato oggi il rinvio della sua principale competizione per squadre nazionali, UEFA EURO 2020, che si svolgerà a giugno e luglio di quest’anno. La salute di tutti coloro che sono coinvolti nel gioco è una priorità, oltre a evitare di esercitare pressioni inutili sui servizi pubblici nazionali coinvolti nelle partite di scena. La mossa aiuterà tutte le competizioni nazionali, attualmente in attesa a causa dell’emergenza COVID-19, da completare.

Tutte le competizioni e le partite UEFA (comprese le amichevoli) per club e squadre nazionali per uomini e donne sono state sospese fino a nuovo avviso. Le partite degli spareggi di UEFA EURO 2020 e le amichevoli internazionali, in programma per la fine di marzo, saranno ora giocate nella finestra internazionale all’inizio di giugno, con riserva di una revisione della situazione.

È stato istituito un gruppo di lavoro con la partecipazione di campionati e rappresentanti di club per esaminare le soluzioni di calendario che consentirebbero il completamento della stagione in corso e qualsiasi altra conseguenza delle decisioni prese oggi.

Le decisioni, prese dal Comitato Esecutivo UEFA, sono seguite alle riunioni di videoconferenza tenute oggi con i presidenti e i segretari generali delle 55 federazioni nazionali, nonché con i rappresentanti dell’Associazione europea dei club, dei campionati europei e della FIFPro Europa, convocati dal presidente UEFA Alexander Cheferin, a trovare un piano coerente per rompere il logjam degli infissi in aumento a causa della diffusione del virus in tutto il continente.

Annunciando le decisioni, Alexander Cheferin ha dichiarato:

“Siamo al timone di uno sport in cui un gran numero di persone vive e respira che è stato abbassato da questo avversario invisibile e in rapido movimento. È a volte come questo che la comunità calcistica deve mostrare responsabilità, unità, solidarietà e altruismo.

“La salute dei tifosi, dello staff e dei giocatori è la nostra priorità numero uno e, in questo spirito, la UEFA ha presentato una serie di opzioni in modo che le competizioni possano terminare questa stagione in modo sicuro e sono orgoglioso della risposta dei miei colleghi sul calcio europeo. C’era un vero spirito di cooperazione, con tutti riconoscendo che dovevano sacrificare qualcosa per ottenere il miglior risultato.

“Era importante che, in quanto organo di governo del calcio europeo, la UEFA guidasse il processo e facesse il più grande sacrificio. Il trasferimento di EURO 2020 ha un costo enorme per la UEFA, ma faremo del nostro meglio per garantire finanziamenti di base per le donne di base il calcio e lo sviluppo del gioco nei nostri 55 paesi non sono interessati. Scopo del profitto è stato il nostro principio guida nel prendere questa decisione per il bene del calcio europeo nel suo insieme.

“Il calcio è una forza edificante e potente nella società. Il pensiero di celebrare un festival pan-europeo del calcio in uno stadio vuoto, con zone di fan deserte mentre il continente si trova a casa in isolamento, è senza gioia e non potremmo accettare celebrare il 60 ° anniversario del concorso.

“Vorrei ringraziare l’Associazione europea dei club, le leghe europee e FIFPro Europa per l’ottimo lavoro svolto oggi e per la loro collaborazione. Vorrei anche ringraziare dal profondo del cuore le 55 associazioni nazionali, i loro presidenti e segretari generali, e i miei colleghi del Comitato Esecutivo per il loro sostegno e le sagge decisioni. Nelle prossime settimane verranno elaborati dettagli precisi, ma i principi di base sono stati concordati e questo è un grande passo avanti. Abbiamo tutti dimostrato di essere leader responsabili. Abbiamo dimostrato solidarietà e unità Scopo rispetto al profitto Abbiamo raggiunto questo obiettivo oggi.

“Vorrei anche ringraziare Alejandro Domínguez e CONMEBOL, che hanno concordato di spostare il Copa America 2020 di CONMEBOL per seguire le raccomandazioni emesse dalle organizzazioni internazionali di sanità pubblica per attuare misure estreme e come conseguenza del rinvio di EURO 2020. che i club e le leghe in Europa avranno il minor disturbo possibile nella disponibilità dei loro giocatori. Questi sforzi congiunti e soprattutto questa decisione coordinata e responsabile sono profondamente apprezzati da tutta la comunità calcistica europea.

“Vorrei ringraziare la FIFA e il suo Presidente, Gianni Infantino, che hanno indicato che farà tutto il possibile per far funzionare questo nuovo calendario. Di fronte a questa crisi, il calcio ha mostrato il suo lato migliore con apertura, solidarietà e tolleranza. “

È previsto che UEFA EURO 2020 abbia luogo in 12 città in tutta Europa dal 12 giugno al 12 luglio 2020. Le nuove date proposte sono dall’11 giugno all’11 luglio 2021. La UEFA vorrebbe rassicurare gli acquirenti di biglietti e i clienti dell’ospitalità esistenti che non possono partecipare al torneo nel 2021, il valore nominale dei loro biglietti e pacchetti verrà rimborsato per intero. Entro il prossimo mese, ulteriori informazioni sulla procedura di rimborso saranno comunicate agli acquirenti di biglietti esistenti via e-mail e su euro2020.com/tickets.

Le decisioni sulle date delle altre competizioni UEFA, siano esse club o nazionali per uomini o donne, saranno prese e annunciate a tempo debito.

 

‘La radio per l’Italia’. Venerdì 20 marzo alle 11 l’inno di Mameli su tutte le emittenti del Paese


VENERDÌ 20 MARZO ALLE ORE 11.00

Per la prima volta  nella storia del nostro Paese, tutte le Radio Italiane, nazionali e locali, si uniranno per un’iniziativa di diffusione comune senza precedenti.

articolo: https://www.primaonline.it/2020/03/16/303107/la-radio-per-litalia-venerdi-20-marzo-alle-11-linno-di-mameli-su-tutte-le-emittenti-del-paese/

Uno strumento di compagnia e di conforto, la cui voce si farà sentire a frequenze unificate, VENERDÌ 20 MARZO ALLE ORE 11.00, quando tutte le radio d’Italia trasmetteranno in contemporanea, anche su tutte le piattaforme Fm, Dab, in televisione e in streaming sui siti e sulle App delle radio, l’Inno di Mameli e tre canzoni che hanno fatto la storia della musica nazionale.

Un’iniziativa straordinaria e unica che vuole dare ancora più forza a tutti gli italiani e all’Italia che deve andare avanti unita, mostrandosi coesa in questo momento di emergenza mondiale.
Un messaggio di unione, partecipazione e connessione, che ha l’auspicio di riunire tutti nello stesso momento di condivisione.

Parteciperanno all’iniziativa le emittenti radiofoniche nazionali:
Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, Rai Isoradio, M2O, R101, Radio 105, Radio 24, Radio Capital, Radio Deejay, Radio Freccia, Radio Italia Solomusicaitaliana, Radio Kiss Kiss, Radio Maria, Radio Monte Carlo, Radio Radicale, Radio Zeta, RDS 100% grandi successi, RTL 102.5, Virgin Radio.
Inoltre, parteciperanno anche le emittenti radiofoniche locali aderenti all’Associazione Aeranti-Corallo ed all’Associazione Radio Locali FRT-Confindustria Radio Tv.

Tutto il Paese è invitato a sintonizzarsi sulla propria stazione radio preferita, quella che accompagna ognuno nella propria quotidianità, ad alzare il volume, ad aprire le finestre e uscire sui balconi per cantare tutti insieme, sventolando il tricolore o mostrando un simbolo dell’Italia, per un momento che sia di riflessione e buona speranza per tutti.

Adesso anche la FRANCIA ecc.


Coronavirus, Macron: «Tutti a casa, siamo in guerra»

articolo: https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-macron-tutti-casa-siamo-guerra/45d0e022-67ca-11ea-93a4-da8ab3a8afb1?fbclid=IwAR2LVa7Zd4BNvsoIJfKKl0r_Tad3_F7fJZ2kJLUK6x2HwOi0DvE5bmFSeow

Il presidente francese invita tutta la popolazione a rimanere a casa | Ansa – CorriereTv

La Francia segue l’esempio italiano. “Siamo in guerra”, ha detto il presidente Emmanuel Macron nel suo discorso alla nazione per annunciare i nuovi provvedimenti per il coronavirus. “Ho deciso di rafforzare le misure per ridurre gli spostamenti e i contatti. Da questo momento si può uscire da casa solo per lo stretto necessario. Da martedì, inoltre, le frontiere all’ingresso dell’Unione europea e l’area Schengen saranno chiuse”.


Coronavirus, svolta di Johnson: «Evitare pub, viaggi e contatti»

https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-svolta-johnson-evitare-pub-viaggi-contatti/0a87778a-67af-11ea-93a4-da8ab3a8afb1

Il premier britannico invita i cittadini a restare in casa di fronte all’emergenza | Ansa – CorriereTv

Crescono le restrizioni anche in Gran Bretagna per favorire il distanziamento sociale contro la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato il premier Boris Johnson, durante una conferenza stampa, indicando una svolta rispetto alla sua linea e raccomandando lo stop di tutti i viaggi non necessari, il lavoro da casa “per chiunque possa” e la rinuncia a contatti sociali pubblici. “Da ora dovete evitare pub, teatri, club e altri luoghi di ritrovo“, ha detto il primo ministro Tory rivolgendosi alla popolazione.


Coronavirus, Trump: «Cibo e prodotti essenziali non mancheranno»

https://video.corriere.it/esteri/coronavirus-trump-cibo-prodotti-essenziali-non-mancheranno/3b3133a4-678b-11ea-93a4-da8ab3a8afb1

Il tycoon si congratula con la Federal Reserve | Ansa – CorriereTv

«Tutti stanno lavorando in stretta collaborazione con il governo federale e i leader locali, per assicurare la disponibilità di cibo e prodotti di prima necessità. E ce la faranno. Non c’è alcuna carenza, anche se i cittadini stanno acquistando dalle tre alle cinque volte più del normale»: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, parlando dell’emergenza coronavirus da Washington. «Mi congratulo con la Federal Reserve, è fantastico. La notizia è uscita proprio ora, mentre parliamo» ha aggiunto.

Coronavirus: attacco hacker contro ministero Sanità Usa


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2020/03/16/coronavirus-attacco-hacker-contro-ministero-sanita-usa_02b8bee7-6a38-4e0b-883d-9595545597a8.html

16 marzo 2020 – Il ministero della Sanità americano, Us Department of Health and Human Service, è stato vittima di un cyberattacco la scorsa notte. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcune fonti, secondo le quali l’obiettivo – fallito – era rallentare il sistema. Secondo le prime indicazioni, gli hacker non sarebbero riusciti a rubare dati dal sistema.

Coronavirus, vaccino e cure: a che punto siamo e cosa si sta testando


14 marzo 2020 

articolo: https://www.corriere.it/cronache/20_marzo_14/coronavirus-vaccino-cure-che-punto-siamo-cosa-si-sta-testando-e455d9e2-6576-11ea-86da-7c7313c791fe.shtml?fbclid=IwAR3P1WWt8yWgTmGVfIoCIIiSwSTXySxkJrmE_Kf09ABKxdtoCfidgRwbX9g

1) L’ultimo farmaco aggiunto alla rosa delle terapie anti Covid è nato per l’artrite reumatoide. Di cosa si tratta?
Il Tolicizumab viene utilizzato in oncologia per la sua capacità di incidere sulle infiammazioni polmonari. Per la Covid viene impiegato off label, vale a dire fuori delle indicazioni, in combinazione con i trattamenti antivirali. Lo scopo è di intervenire esclusivamente sulla polmonite che è la causa della morte di molti pazienti. Paolo Ascierto, direttore dell’oncologia del Colli Vincenzo di Montesarchio e gli infettivologi del Cotugno lo hanno provato su 10 malati con buoni risultati. Stesso esito anche al San Martino di Genova. Matteo Bassetti, primario infettivologo: «Contrasta l’interleuchina 6, corresponsabile delle infiammazione». L’agenzia italiana del farmaco sta per dare il via alla sperimentazione di Tolicizumab, prodotto da Roche.

2) Quali altri farmaci sono indicati dall’Organizzazione mondiale della Sanità?
Non sono disponibili antivirali specifici. Si tenta con una combinazione di farmaci per l’infezione da Hiv (Aids) e altri studiati per SARS e EBOLA, il Remdesivir di Gilead. Si fa ricorso anche a un antimalarico, la clorochina.

per saperne di più continua a leggere

Sarajevo illumina il Municipio con i colori della bandiera Italiana e …


Coronavirus, il mondo si tinge di tricolore: da Sarajevo alla Palestina, “siamo tutti italiani”

articolo: http://www.triesteprima.it/cronaca/sarajevo-bandiera-italiana-.html?fbclid=IwAR2BFyFWkyk1Rp48ywnKGeN7qsrusyB4lJJvQIbpjCsGpyiCsQj7jpvEVwg

Israele e Palestina, il presidente degli Stati Uniti e il sindaco di Sarajevo: l’epidemia di coronavirus unisce il mondo non solo nella paura, ma anche nella solidarietà all’Italia, il paese attualmente più colpito (dopo la Cina) dal Covid-19.

Donald Trump ha twittato e fissato in apertura del suo profilo da 74 milioni di follower il video di un’esibizione delle frecce tricolori sull’aria del “Nessun Dorma” dalla Turandot di Puccini e la scritta “THE UNITED STATES LOVES ITALY!”, gli Stati Uniti amano l’Italia. continua a leggere l’articolo completo

Ma al di là della geopolitica, si susseguono in queste ore iniziative simboliche di genuina solidarietà e amicizia. Dalla ex Jugoslavia, le città simbolo di Sarajevo e Mostar si sono dipinte di verde, bianco e rosso in segno di vicinanza con l’Italia nel momento della battaglia contro il coronavirus.

Sarajevo illumina il Municipio con i colori della bandiera Italiana
„Il Municipio di Sarajevo stasera è illuminato con il colori della bandiera italiana. La capitale della Bosnia-Erzegovina ha voluto esprimere così, in questo momento di emergenza, la sua vicinanza ad un’Italia che in queste settimane sta combattendo duramente contro il coronavirus. Secondo quanto riportato da Il Post, il gesto è anche un modo per esprimere gratitudine per il contributo italiano alla ricostruzione della città.“

A Gerusalemme sulle mura della città vecchia è apparsa una grande bandiera italiana con la scritta “Gerusalemme al vostro fianco”: in questi tempi difficili, Israele è con l’Italia, si legge nel tweet dell’account ufficiale dello stato ebraico.

Sui media internazionali intanto trova ampio risalto la prova di unità e resistenza fornita dagli italiani costretti in isolamento. Cnn e Bbc tra gli altri dedicano emozionanti servizi ai flashmob di questi giorni, sottolineando la forza morale della cittadinanza che si riscopre comunità alla finestra all’insegna del motto “Tutto andrà bene“.

Coronavirus, nel mondo superati 150mila casi…..


Coronavirus, nel mondo superati 150mila casi. Trump: “Ho fatto il test”. Francia si barrica: chiusi bar, ristoranti e negozi.

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/03/14/news/coronavirus_apple_chiude_tutti_i_negozia_fuori_dalla_cina-251247988/

Il presidente americano: “Il Paese pronto al peggio”. Neonato positivo a Londra. Apple chiude tutti i negozi fuori dalla Cina. Xi Jinping e Macron telefonano a Mattarella. In 24 ore raddoppia il numero vittime nel Regno Unito. Spagna, Sanchez: “È l’ora della responsabilità”. Libia annuncia chiusura porti e aeroporti

ROMA – I contagi da coronavirus nel mondo hanno superato i 150mila casi mentre il bilancio dei morti, a livello globale, è sopra i 5.600 casi: lo rileva la Jonhs Hopkins University nel suo monitoraggio sull’andamento della pandemia. Le persone guarite sono 72mila.

“Ho fatto il test per il coronavirus”. Si tratta di aspettare i risultati del tampone effettuato ieri sera, ha detto Donald Trump apparso a sorpresa al briefing giornaliero della task force della Casa Bianca sulla pandemia, aggiungendo che “ci sarà un test gratuito per tutti gli americani”. Nelle ultime ore aveva ribadito ccomunque di non presentare alcun sintomo e di non aver bisogno di essere messo in quarantena. “Finora abbiamo solo 50 morti” ma, ha aggiunto, “ci prepariamo al peggio”. Poi ha ricordato quanto bene stia facendo il governo, si è attribuito il merito del rally di ieri di Wall Street e ha twittato: “Gli Stati Uniti amano l’Italia”. continua a leggere

nell’articolo troverai

Coronavirus, l’annuncio di Trump: “E’ emergenza nazionale, pronti 50 miliardi di dollari”

Regno Unito, decessi in aumento vertiginoso

Francia chiude bar, ristoranti e negozi

Spagna, Sanchez: “È l’ora della responsabilità”

Germania, quarantena per chi arriva da Italia

 

Coronavirus – Spagna, Sanchez chiude il Paese: “È l’ora della responsabilità”.


Spagna, Sanchez chiude il Paese: “È l’ora della responsabilità”. Anche sua moglie positiva. Impennata del coronavirus: 6400 contagi e 192 morti.

articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2020/03/14/news/spagna_impennata_dal_virus_5100_contagi_e_132_morti_sanche_oggi_dichiarara_lo_stato_d_emergenza-251268153/

L’annuncio: “Allerta per un periodo di 15 giorni”. Vietati gli spostamenti. A Madrid la situazione è già critica: gli ospedali non sono pronti ad accogliere decine di contagiati. Siviglia blocca le processioni della Settimana Santa

MADRID, 14 marzo 2020 – “È il momento della responsabilità e della disciplina sociale. È necessario proteggere le persone, proteggendo noi stessi”. Lo ha detto il premier spagnolo Pedro Sanchez illustrando in dettaglio al Paese i provvedimenti varati questo pomeriggio in Spagna, che vietano ogni spostamento se non “per acquistare prodotti alimentari o farmaceutici” e dispongono la chiusura di “tutte le attività commerciali, ad eccezione delle necessità di base”. Le misure sono in vigore per 15 giorni, e potranno essere prorogate.

Anche la moglie del premier spagnolo, Begona Gòmez, è risultata positiva al test sul coronavirus, riferiscono fonti del governo, assicurando che entrambi stanno bene e sono alla Moncloa a seguire gli sviluppi nel Paese dopo la dichiarazione di stato d’emergenza. continua a legggere

Post dell’associazione Italiana Calciatori


⚠️ #STIAMOACASA

L’Associazione Italiana Calciatori, in un momento delicato per il Paese, è costretta suo malgrado a denunciare la paradossale situazione che si sta verificando in più di qualche club professionistico.

Nonostante l’intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha adottato con un Decreto misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale sino al 25 marzo 2020, ci rattrista e indigna registrare ancora oggi un comportamento scriteriato e fuori dal contesto nazionale e internazionale di alcune società calcistiche, che si ostinano a convocare gli atleti per allenamenti in piccoli gruppi o, peggio ancora, per il controllo quotidiano della temperatura.

Ora riteniamo che la situazione abbia una definizione ben precisa.

Se i club convocano oggi in Italia calciatori per il solo fatto di controllare la presenza di febbre o meno, costringendoli a muoversi da casa, incontrare persone, frequentare ambienti per ottenere un dato facilmente comunicabile per telefono, è un atto vergognosamente irresponsabile nei confronti delle tante persone costrette a muoversi e a lavorare per consentirci un minimo di servizi necessari. È, inoltre, offensivo nei confronti di quanti sono in prima linea, medici, infermieri e personale sanitario, che ci implorano di rimanere a casa.

Se le società convocano gli atleti difendendosi con il DPCM (che permetterebbe gli allenamenti per atleti/atlete di interesse nazionale per la preparazione a competizioni nazionali e/o internazionali) devono spiegare quale sia l’interesse nazionale di tenere in forma atleti ed atlete che nella migliore delle ipotesi non riprenderanno l’attività prima di metà aprile! Questo significa che stanno vivendo su un altro pianeta.

Se, infine, la convocazione è volta ad ottenere il rifiuto dai calciatori per poter poi procedere con la decurtazione degli emolumenti significa che stiamo raschiando il fondo del barile della dignità.

Tradotto, oggi in Italia ci sono ancora società calcistiche che o sono vergognosamente irresponsabili, o vivono su Marte o sono privi di un minimo di dignità.

Cogliamo l’occasione per dare un grande abbraccio ideale ai tanti medici, infermieri e personale sanitario che in questi giorni e nelle prossime settimane avranno bisogno del supporto dell’Italia intera.

Grazie da tutti noi!

Campioni anche di generosità: il calcio si mobilita contro il coronavirus


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/2020/03/14/news/club_mobilitati_per_coronavirus-251289615/?ref=RHPPTP-BH-I251007938-C12-P19-S5.4-T1

Inter, Juventus, Milan, Atalanta, Como, Monza, oltre a singole iniziative dei giocatori. Tutti danno il loro contributo per raccogliere fondi

MILANO – L’ultima iniziativa in ordine di tempo è il crowdfunding globale lanciato dall’Inter e dalla fondazione Francesca Rava per sostenere l’ospedale Sacco di Milano. Sempre il club nerazzurro, all’inizio dell’emergenza coronavirus in Italia, fu il primo a fare una donazione a favore delle strutture ospedaliere impegnate nella cura dei pazienti malati di Covid19. Quei 100mila euro iniziali sono diventati mezzo milione (anche grazie a calciatori e dipendenti) e il presidente Steven Zhang ha curato in prima persona la donazione di 300mila mascherine e altri prodotti alla Protezione civile. “Speriamo che l’esperienza di successo della Cina nel contrastare il virus possa aiutare a fermarne l’avanzata la in Italia”, dice  Zhang. Ma non è solo l’Inter, nel mondo del calcio, ad avere deciso di aiutare ospedali e strutture d’emergenza. continua a leggere

Coronavirus, positivi Cutrone e Pezzella della Fiorentina e Depaoli e Bereszynsky della Sampdoria


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/2020/03/14/news/coronavirus_positivi_cutrone_e_pezzella_della_fiorentina-251258736/?ref=RHPPTP-BH-I251007938-C12-P19-S3.4-T1

Salgono a undici i giocatori di serie A colpiti dal virus

Altri quattro giocatori di serie A positivi al Coronavirus. Si tratta di Cutrone e Pezzella della Fiorentina, club che ieri ha registrato la positività di Vlahovic, e di Depaoli e Bereszynsky della Sampdopria, la società al momento più colpita con sette giocatori positivi.

“La Fiorentina comunica che, a seguito alla positività al Coronavirus-Covid-19 di Dusan Vlahovic, in presenza di alcuni sintomi sono stati sottoposti a tampone, con esito positivo, i calciatori Patrick Cutrone e German Pezzella e il fisioterapista Stefano Dainelli. Sono tutti in buone condizioni di salute nei loro domicili a Firenze” si legge in una nota della società viola.
Pezzella ha pubblicato un post su Instagram: “Sto seguendo da casa tutte le disposizioni che mi ha prescritto lo staff medico della società, i sintomi sono spariti, sto bene e presto questa sarà solo una parentesi da raccontare. Ora preoccupatevi della vostra salute e di quella dei vostri cari” ha scritto il difensore argentino.

Anche Cutrone si è affidato ai social: “Grazie a tutti voi per il supporto e i vostri messaggi d’affetto. Sto bene, in questo momento sono a casa e seguo il protocollo che mi hanno indicato. Mi raccomando seguite anche voi scrupolosamente le indicazioni che ogni giorno le Istituzioni ci danno. #Celafaremo! Grazie, Patrick”.

Nove positivi in serie A – Salgono così a undici i calciatori della massima serie positivi al Coronavirus. Il primo era stato Rugani della Juve seguito da Gabbiadini della Sampdoria. Ieri altri quattro giocatori blucerchiati erano risultati positivi al tampone: Ekdal, La Gumina, Colley e Thorsby. continua a leggere

View this post on Instagram

Como es de público conocimiento, después de los estudios realizados, producto de dos días con algún síntoma, me confirmaron que tengo COVID-19. Los síntomas desaparecieron y estoy en mi casa siguiendo con los procedimientos indicados por el departamento de sanidad de mi club. Seguro esto dentro de poco será otra historia para contar. Cuiden de su salud y de sus personas cercanas. Un abrazo. // Come sanno, dopo gli studi effettuati, prodotto di due giorni con alcuni sintomi, mi hanno confermato che ho COVID-19. I sintomi sono scomparsi e sono a casa seguendo le procedure indicate dal dipartimento sanitario del mio club. Sicuramente questa sarà presto un'altra storia da raccontare. Abbi cura della tua salute e di chi ti è vicino. Un abbraccio

A post shared by German Pezzella (@germanpezzella) on

Stop agli ottavi di Champions e Europa League. Campionati esteri fermi, salta Inghilterra-Italia


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/2020/03/13/news/coronavirus_europeo_date_rinvio-251120011/?ref=RHPPTP-BH-I251007938-C12-P14-S1.8-T2

Anche il tecnico dell’Arsenal, Mikel Arteta, è risultato positivo al Coronavirus. Stop a Premier, Bundesliga e Ligue 1 e 2. Tre ipotesi sullo slittamento di Euro 2020

ROMA, 13 marzo 2020 – L’ombra del virus s’allunga sull’Europa del calcio. Ora anche la Uefa deve fare i conti con l’epidemia, che ha costretto in quarantena club come Juve e Real Madrid. Anche in vista dell’Europeo itinerante in programma in estate. Quasi inevitabile riflettere su un piano B per far slittare il torneo, vista l’insistenza dei maggiori campionati europei per ottenere lo slittamento che permetta loro di concludere in estate i campionati oggi sospesi. In fondo è complicato oggi immaginare che tra tre mesi sessantamila persone potranno affollare l’Olimpico di Roma per la gara inaugurale dell’Euro 2020.

Stop di Champions e Europa League – “Alla luce degli sviluppi legati alla diffusione del virus Covid-19 in Europa e delle decisioni dei vari governi, tutte le partite delle competizioni Uefa per club in programma la prossima settimana sono rinviate”. Ad annunciarlo è l’Uefa in una nota. Tra queste, le rimanenti partite di ritorno degli ottavi di Champions League del 17 e 18 marzo, tutte le partite di ritorno degli ottavi di Europa League del 19 e tutte le partite dei quarti di Uefa Youth League del 17 e 18. Ulteriori decisioni sulle date di recupero delle suddette partite verranno comunicate a tempo debito. A causa dei rinvii, slitta anche il sorteggio dei quarti di Champions League e Europa League del 20 marzo. Ieri, l’Uefa ha invitato i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate, i consigli della European Club Association e delle leghe europee e un rappresentante di FifPro a un meeting in video-conferenza per martedì 17 marzo, per parlare delle modalità di risposta del calcio europeo alla pandemia da Covid-19: nell’occasione si deciderà anche se far slittare gli imminenti Europei. continua  a leggere

Sampdoria, quattro giocatori positivi oltre a Gabbiadini


articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2020/03/13/news/sampdoria_quattro_giocatori_positivi_oltre_a_gabbiadini-251203386/?ref=RHPPTP-BH-I251007938-C12-P14-S1.8-T1

Il Coronavirus invade la Sampdoria. Oltre a Gabbiadini, ci sono altri quattro giocatori positivi: Colley, Ekdal, La Gumina e Thorsby. In più è risultato positivo al tampone anche il dottpr Baldari, che ha avuto l’ingrato compito di visitarli e verificare se presentavano i sintomi per la prova terapeutica. Tutti i giocatori sono stati sottoposti a isolamento domiciliare, il personale sanitario della Sampdoria controllerà l’evoluzione del loro quadro clinico. Dato l’alto numero di positivi al Coronavirus a questo punto è probabile che l’intera squadra, peraltro già in quarantena, sia sottoposta a tampone, come potrebbero essere sottoposti alla prova l’allenatore Ranieri, il suo staff, i dirigenti, a partire dal direttore sportivo Osti, il presidente Ferrero, i suoi principali collaboratori e buona parte del personale della sede, che da giorni comunque lavora tutto in smart working.

Coronavirus, positivo Gabbiadini della Sampdoria: “Sto bene, non preoccupatevi”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/2020/03/12/news/coronavirus_positivo_gabbiadini-251070384/?ref=RHPPTP-BH-I251007938-C12-P3-S1.8-T1

Secondo giocatore di serie A positivo al Coronavirus dopo Daniele Rugani. La Sampdoria, infatti, ha reso noto che “Manolo Gabbiadini è risultato positivo al Coronavirus-COVID-19”. Il 28enne attaccante “ha qualche linea di febbre, ma sta bene. La società sta attivando in queste ore tutte le procedure di isolamento previste dalla normativa”. Gabbiadini ha giocato l’ultima partita domenica scorsa restando in campo 62′ in Sampdoria-Verona. “Sono risultato positivo anche io al Coronavirus. Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno scritto, mi sono arrivati già tantissimi messaggi. Ci tengo comunque a dirvi che sto bene, quindi non preoccupatevi. Seguite tutti le norme, restate a casa e tutto si risolverà” ha scritto sui social l’ex giocatore di Napoli e Bologna.

Verona ferma attività – Il Verona, ultima squadra ad aver affrontato la Sampdoria (domenica scorsa a Marassi) ha annunciato che “a seguito del comunicato di U.C. Sampdoria riguardo alla positività del calciatore Manolo Gabbiadini al COVID-19, viene sospesa ogni attività agonistica programmata sino a nuova comunicazione”. “Il Club gialloblù si sta attivando per predisporre tutte le procedure necessarie”.

le ultime News: ….Formula UNO…..


La McLaren non corre: un componente del team è positivo al Coronavirus

articolo: https://www.gazzetta.it/Auto/12-03-2020/formula1-mclaren-non-corre-componente-team-positivo-coronavirus-gpaustralia-3601652858836.shtml

La decisione comunicata via Twitter: per la squadra di Woking niente GP di Australia. Che a questo punto è in forte dubbio

La McLaren non corre. Si chiama fuori dal GP d’Australia, e adesso tutto rischia di precipitare. La scuderia di Woking annuncia il ritiro via Twitter, perché un componente del team, già da ieri isolato perché febbricitante, è risultato positivo al test per il Coronavirus. E dunque il presidente Zak Brown e il team principal Andreas Seidl hanno ritirato la squadra. continua a leggere

Le ultime NEWS: Calcio, la Uefa pronta a fermare – Champions ed Europa League


– Calcio, la Uefa pronta a fermare Champions ed Europa League

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Coppe/12-03-2020/arrivo-stop-uefa-champions-ed-europa-league-3601655015440.shtml

Tra campionati sospesi, porte chiuse e giocatori positivi o in quarantena si è deciso di fermare tutte le competizioni internazionali

Campionati sospesi o a porte chiuse. E adesso anche i primi casi di positività tra i giocatori. La situazione sta diventando estrema per il calcio internazionale, tanto che la Uefa sta decidendo di fermare Champions ed Europa League. È negli occhi di tutti l’immagine di un Anfield Road pieno appena ieri sera durante la gara del Liverpool contro l’Atletico Madrid. Una situazione che visto il momento appare ormai insostenibile.


– Liga sospesa per due settimane. E il Real finisce in quarantena

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Liga/12-03-2020/sospesa-anche-liga-ora-spagna-vuole-proteggersi-3601654012828.shtml

Il calcio spagnolo si ferma, come quello italiano. Alle 12 a Las Rozas, il centro tecnico federale alle porte di Madrid, è iniziata la riunione straordinaria tra Federazione, Liga e Afe, il sindacato calciatori. Dopo 5 minuti è stato emesso il verdetto: stop al calcio.

DUE SETTIMANE, PER ORA  – La decisione era nell’aria da ieri. Due giorni fa in Spagna si è deciso di giocare tutto il calcio a porte chiuse: Liga, Segunda, Segunda B e Tercera. Ieri nuovo provvedimento: sospensione di tutti i campionati dalla Segunda B in giù fino all’ultimo livello. Restavano in piedi solo Liga e Segunda, ma tanti giocatori e tanti club si erano lamentati: “Perché, noi siamo immuni?” aveva postato su Instagram il terzino del Real Madrid Dani Carvajal. La positività di Rugani e oggi quella di un giocatore del Madrid di basket hanno spinto i dirigenti del calcio spagnolo allo stop. continua a leggere

INTER E SUNING A FIANCO DEL DIPARTIMENTO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA CORONAVIRUS


Comunicato: https://www.inter.it/it/news/2020/03/12/inter-suning-donazione-mascherine-coronavirus.html

INTER E SUNING A FIANCO DEL DIPARTIMENTO  NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA CORONAVIRUS

Il Club nerazzurro e Suning International donano 300mila mascherine ad uso medico e altri prodotti sanitari al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile

MILANO – FC Internazionale Milano e Suning International hanno deciso di donare al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile 300mila mascherine ad uso medico e altri prodotti sanitari, tra cui indumenti protettivi e prodotti per la disinfezione, al fine di fronteggiare l’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus.

In questo momento di emergenza nazionale, Suning metterà inoltre a disposizione la propria filiera globale, utilizzando i propri canali di approvvigionamento, con l’obiettivo di fornire un supporto e un’assistenza mirata per aiutare il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, e più in generale il Paese, ad acquistare i materiali protettivi necessari a fronteggiare l’emergenza.

“Speriamo che l’esperienza di successo della Cina nel contrastare il Coronavirus possa aiutare a fermare la rapida diffusione del virus in Italia”, ha affermato Steven Zhang, presidente di FC Internazionale Milano e di Suning International, “continueremo e rafforzeremo il nostro contributo per sostenere l’Italia nella lotta contro l’emergenza”.

In virtù della storica vicinanza tra la Cina e l’Inter e della particolare sensibilità e attenzione di Steven Zhang, Suning e l’Inter hanno messo fin da subito in atto diverse azioni volte a supportare il contrasto alla diffusione del virus, dapprima in Cina e successivamente in Italia.

Anche a Wuhan, infatti, Suning e l’Inter hanno donato 300mila maschere per uso medico al fine di offrire sostegno alla popolazione e alle autorità coinvolte nelle azioni di contrasto all’epidemia di Coronavirus e prestato sostegno ai soccorsi. Il Gruppo Suning è stato inoltre in prima linea sin dall’inizio dell’emergenza, supportando la popolazione cinese con servizi di spedizione gratuiti e donazioni di prodotti importati dall’estero a ospedali e istituzioni locali.

La stessa Inter ha disputato il derby contro il Milan dello scorso 9 febbraio indossando una patch con un messaggio per Wuhan e tutta la popolazione cinese e lo scorso 5 marzo ha donato 100mila euro al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche “L. Sacco” di Milano funzionale a sostenere le attività di ricerca dell’Istituto.

English Version  Versi Bahasa Indonesia  Versión Española 

Basket Nba, Coronavirus:….


Basket Nba, Coronavirus: positivo Gobert degli Utah Jazz, stagione sospesa

articolo: https://www.repubblica.it/sport/basket/2020/03/12/news/coronavirus_nba_sospende_gare_basket_dopo_contagio_giocatore-251027275/

Il giocatore francese, che nei giorni scorsi ironizzava sul contagio, è stato sottoposto al tampone nella notte, poco prima della sfida in casa degli Oklahoma City. Immediata la decisione di fermare il campionato. Otto squadre in quarantena, tra cui Boston, Toronto e i Thunder di Gallinari.

WASHINGTON – Caos e sgomento in Nba. Rudy Gobert, cestista francese degli Utah Jazz, è positivo al Coronavirus. La Nba ha subito sospeso l’intera stagione. La notizia nella notte italiana quando la squadra di Quin Snyder stava per scendere in campo a Oklahoma City contro i Thunder del nostro Danilo Gallinari. A pochi minuti dal fischio d’inizio gli arbitri sono venuti a conoscenza del fatto diventato nel frattempo pubblico anche per le conferme sui social, un rapido consulto, le squadre di nuovo negli spogliatoi tra i fischi degli spettatori e dopo mezz’ora il comunicato della Lega con già tre partite disputate (Philadelphia 76ers – Detroit Pistons 124-106, Atlanta Hawks – New York Knicks 131-136, Miami Heat – Charlotte Hornets 98-109).

La Lega Nba sospende la stagione” – Il risultato del test – si legge nella nota della Nba – è arrivato poco prima della palla a due tra gli Oklahoma City Thunder e gli Utah Jazz alla Chesapeake Arena. La gara è stata cancellata. Rudy Gobert non era nell’Arena. La Nba sospende la stagione a conclusione delle partite della notte in calendario sino ad ulteriore aggiornamento. La Nba utilizzerà questa pausa per valutare i prossimi passi da intraprendere in relazione alla pandemia covid-19″. Impossibile ipotizzare se e quando la stagione ripartiràcontinua a leggere

Coronavirus, la bufala della vitamina C….


Coronavirus, la bufala della vitamina C. L’esperto: “Nessuna evidenza di azione curativa o preventiva contro infezioni virali”

articolo: https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/03/11/news/coronavirus_la_bufala_della_vitamina_c-250953686/

La vitamina C è molto efficace sui pazienti affetti da coronavirus. La stanno utilizzando come terapia e le persone rispondono benissimo”. Sono le parole di una donna che, in un audio circolante su WhatsApp in questi giorni, attribuisce all’acido ascorbico il potere di curare la Covid-19. Nel farlo cita tre ospedali lombardi: il San Gerardo di Monza, il Policlinico e il Sacco di Milano.

In queste strutture, sostiene, starebbero utilizzando con successo terapie a base di vitamina C per sconfiggere il nuovo virus. Si tratta però dell’ennesima bufala, da cui tutti gli ospedali menzionati si dissociano. “Smentisco categoricamente la notiziaafferma Andrea Gori, direttore Malattie Infettive del Policlinico di Milano – Le terapie che utilizziamo per trattare i pazienti con coronavirus al Policlinico, così come al Sacco e al San Gerardo, sono standardizzate perché sono state decise dai primari di malattie infettive di tutta la Regione Lombardia in modo coordinato. E la vitamina C non è assolutamente contemplata“. Così come non è contemplato il Cebion, pure raccomandato dal web ma il cui utilizzo è sconsigliato dalla stessa azienda che lo produce, la Dompè farmaceutici, che si è dissociata dal messaggio ingannevole e ha comunicato che perseguirà le vie legali per difendere la propria reputazione. continua a leggere

Inter : comunicato ufficiale:


COMUNICATO UFFICIALE DI FC INTERNAZIONALE MILANO

Sospesa ogni attività agonistica sino a nuova comunicazione: la decisione in seguito alla positività di un calciatore della Juventus al COVID-19

MILANO – FC Internazionale Milano rende noto che, a seguito del comunicato di Juventus FC riguardo alla positività del calciatore Daniele Rugani al COVID-19, viene sospesa ogni attività agonistica sino a nuova comunicazione. 

Il club si sta attivando per predisporre tutte le procedure necessarie.

Coronavirus, la Spagna del calcio verso lo stop. Germania…


Coronavirus, la Spagna del calcio verso lo stop. Germania a porte chiuse, positivo giocatore dell’Hannover

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2020/03/11/news/coronavirus_la_liga_si_riunisce_la_spagna_del_calcio_verso_lo_stop-250951020/

MADRID – Il problema coronavirus inizia a far tremare anche la Spagna. Dopo aver varato le gare a porte chiuse, la Liga si è riunita d’urgenza con l’idea di dare lo stop ai campionati. La notizia, lanciata dall’edizione online del quotidiano sportivo Marca, riguarda un meeting tra i vertici di Federcalcio, lega e Assocalciatori, in attesa delle indicazioni che dovranno arrivare dalle autorità sanitarie. I calciatori che militano in Spagna avevano già rivolto alla Uefa l’appello di non giocare le gare delle Coppe e, visti gli sviluppi delle ultime ore, non dovrebbero giocarsi né Siviglia-Roma né Inter-Getafe di Europa League. Non dovrebbe essere invece a rischio Liverpool-Atletico Madrid di questa sera.

Germania, primo positivo nel calcio – Dalla Germania arriva invece la notizia della positività di Timo Hubers, 23enne difensore tedesco dell’Hannover, club che milita nella 2.Bundesliga, la seconda serie tedesca. Lo rende noto la società, spiegando che il calciatore si è messo in autoisolamento dopo aver appreso che una persona a lui vicina in occasione di un evento a Hildesheim era risultata positiva al test. “Timo si è comportato in modo assolutamente esemplare – ha dichiarato il d.s. dell’Hannover Gerhard Zuber – e finora non ha mostrato alcun sintomo. Ha subito informato il medico dopo aver saputo della notizia. L’intera squadra e lo staff tecnico sono stati già testati per precauzione”. Il club, per sicurezza, ha annullato ogni attività stampa e chiuso al pubblico il centro sportivo dove si allena la prima squadra.

La Juve: “Rugani ha il coronavirus”. È il primo calciatore in Serie A


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Juventus/11-03-2020/juve-rugani-ha-coronavirus-primo-calciatore-serie-3601639810984.shtml

La comunicazione sul sito ufficiale bianconero: “Attualmente il giocatore è asintomatico”

Daniele Rugani è risultato positivo al Covid 19, la malattia generata dal Coronavirus. Il difensore della Juventus è il primo calciatore contagiato in Serie A, dopo i casi in Serie C alla Pianese e alla Reggio Audace. Ecco il comunicato della Juve: ” Il calciatore Daniele Rugani è risultato positivo al Coronavirus-COVID-19 ed è attualmente asintomatico. Juventus Football Club sta attivando in queste ore tutte le procedure di isolamento previste dalla normativa, compreso il censimento di quanti hanno avuto contatti con lui“.

Coronavirus, Conte:


Coronavirus, Conte: “In Italia chiusi fino al 25 marzo tutti i negozi tranne alimentari e farmacie. Trasporti garantiti. Gli effetti tra 14 giorni”

articolo: https://www.repubblica.it/politica/2020/03/11/news/coronavirus_conte_italia_governo_misure-250988471/?ref=RHPPTP-BL-I250988111-C12-P1-S1.12-T1

L’annuncio del premier in diretta Fb: “Stop anche a parrucchieri, centri estetici, servizi di mensa, ristoranti, bar. Le fabbriche resteranno aperte, ma solo con misure di sicurezza. Aperti anche benzinai, edicole e tabacchi, servizi bancari, assicurativi, postali. L’effetto del nuovo sforzo si vedrà tra 14 giorni”. Nuovo commissario per le terapie intensive è Domenico Arcuri

l governo annuncia una stretta nel contrasto al coronavirus. Il premier, Giuseppe Conte, parla in diretta Facebook – alle 21.45 – in un discorso dai tratti anche drammatici. “Grazie agli italiani che compiono sacrifici. Stiamo dando prova di essere una grande nazione”, comincia. Poi elenca le nuove misure, premettendo: “Al primo posto c’è la salute degli italiani”. Quindi spiega: “Saranno chiusi tutti i negozi tranne quelli per i beni di prima necessità, come farmacie e alimentari. Resta consentita la consegna a domicilio“. Sono sospese dunque le attività di bar, pub, ristoranti (per tutto il giorno e non solo dopo le 18). Chiudono parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa. Mentre saranno aperte edicole e tabacchi, e lavoreranno anche idraulici, meccanici e benzinai.

Le industrie resteranno aperte ma con “misure di sicurezza”, cioè purché garantiscano iniziative per evitare il contagio. Chiusi invece i reparti aziendali “non indispensabili” per la produzione. Si incentiva anche la regolazione di turni di lavoro e le ferie anticipate.

Saranno garantiti – spiega Conte – i trasporti, le attività agricole, i servizi bancari, assicurativi e postali“. Il premier annuncia anche la nomina di un commissario per le terapie intensive con “ampi poteri”: Domenico Arcuri, l’uomo attualmente alla guida di Invitalia. Il discorso si conclude con un messaggio-appello: “Restiamo distanti oggi per abbracciarci domani”. continua a leggere

#TIMdown: problemi su internet e mobile. L’azienda: “Rete in via di ripristino”


articolo: https://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2020/03/11/news/_timdown_malfunzionamenti_della_rete_mobile_le_segnalazioni_da_tutta_italia-250928704/

I disguidi dell’operatore di tlc segnalati sui social network, soprattutto al Nord e Centro

#TIMdown: problemi su internet e mobile. L'azienda: "Rete in via di ripristino"

Problemi di connessione e rallentamenti a Bergamo, Milano, Roma, Palermo. Fioccano le segnalazioni di disservizi per la rete TIM in tutta Italia, in particolare al Nord e al Centro. I primi post su Downdetector, che segue la situazione in tempo reale, risalgono a ieri. Ma la situazione sembra essere precipitata questa mattina, quando molti utenti hanno tentato l’accesso in vano ad alcuni servizi TIM, come TIM Music.

Nel primo pomeriggio i problemi segnalati su Downdetector interessano principalmente la internet fisso (64%), telefonia fissa (27%) e rete mobile (7%). Le posizioni più segnalate risultano su Milano, Padova, Modena, Roma, Firenze, Brescia, Torino, Palermo, Perugia.

Secondo TIM i problemi segnalati sono in via di risoluzione. L’azienda precisa che “i problemi, verificatisi nella mattinata di oggi, hanno interessato soltanto la fruizione di alcune applicazioni e il web a causa di un guasto sulla rete estera in via di ripristino“. Alle ore 15 l’azienda fa quindi sapere che la “rete mobile funziona perfettamente e con volumi superiori rispetto ai giorni scorsi“.

Nelle ultime 20 ore TIM ha postato su Twitter alcuni messaggi per garantire assistenza su rete mobile e fisso: “I nostri operatori del Twitter Team sono a completa disposizione”, si legge sull’account ufficiale dell’azienda che per il momento non conferma il “down”.

EUROPA LEAGUE, INTER-GETAFE – SIVIGLIA-ROMA


https://www.inter.it/it/news/2020/03/11/rinvio-inter-getafe-uefa-europa-league.html

EUROPA LEAGUE, INTER-GETAFE NON SI DISPUTERÀ GIOVEDÌ 12 MARZO

La decisione dell’UEFA a causa delle restrizioni di viaggio tra Spagna e Italia

MILANO – La UEFA ha comunicato che in seguito alle restrizioni di viaggio tra Spagna e Italia imposte dalle autorità spagnole, Inter-Getafe, sfida dell’andata degli ottavi di finale inizialmente in programma per giovedì 12 marzo alle 21.00 a San Siro (incontro previsto a porte chiuse), non si disputerà. 

La UEFA ha annunciato che comunicherà successivamente ulteriori decisioni a riguardo.


https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/roma/2020/03/11/news/europa_league_roma_non_parte_per_siviglia-250941363/

Coronavirus, Uefa: rinviata anche Siviglia-Roma 

Dopo che la Spagna aveva proibito i voli da e per l’Italia, arriva lo stop dell’organismo calcistico continentale.

“A seguito delle restrizioni di viaggio imposte ieri dalle autorità spagnole tra la Spagna e l’Italia, le partite Siviglia-Roma e Inter-Getafe di Europa League non si svolgeranno come previsto domani, 12 marzo 2020. Ulteriori decisioni sulle due partite saranno comunicate a tempo debito”. Lo ha comunicato la Uefa sul proprio sito ufficiale.

Una decisione che appare conseguenza naturale della decisione dalla Spagna di non autorizzare la partenza del volo charter che alle 15 sarebbe dovuto partire da Fiumicino per portare la Roma in Andalusia. continua a leggere

Coronavirus, presidente Getafe a Uefa: “Non vogliamo andare a Milano”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2020/03/11/news/getafe_non_vuole_andare_a_milano_paura_coronavirus-250925128/

Giovedì al Meazza, a porte chiuse, è in programma l’andata degli ottavi di Europa League contro l’Inter. Ma il club spagnolo chiede il rinvio: “Se dovremo perdere a tavolino, lo faremo”

Per dare l’annuncio Angel Torres, presidente del Getafe, ha scelto la trasmissione radiofonica “El Transistor” di radio Onda Cero: “Abbiamo chiesto all’Uefa di trovare un’altra sede per la partita con l’Inter, non vogliamo andare a Milano, epicentro del coronavirus. Io non mi prendo il rischio. Se dovremo perdere a tavolino, lo faremo. Vogliamo la sospensione“.

Così, a meno di 48 ore dall’incontro degli ottavi di finale di Europa League, il club spagnolo si rifiuta di fare le valigie. Sarà ora l’Uefa a dovere decidere se trovare in corsa una soluzione alternativa (partita in campo neutro, con probabile rinvio della data) oppure penalizzare la squadra spagnola facendole automaticamente perdere la gara.

La A si ferma


La A si ferma, c’è anche idea play off scudetto

articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2020/03/10/la-a-si-ferma-ce-anche-idea-play-off-scudetto_f8eddffa-fcc6-4604-8ae8-dd97d29c872b.html

Il calcio si ferma ma spera che il gioco non si fermi qui. L’auspico di poter finire il campionato, espresso da Gabriele Gravina, arriva al termine del consiglio Figc che ratifica uno storico stop a tutto il calcio italiano fino al 3 aprile. C’è la piena consapevolezza di una crisi senza precedenti, ma rassegnarsi all’idea di un campionato sospeso e’ impossibile. Anche a costo di inventarsi inediti play off scudetto a quattro, o far pressione sull’Uefa per rinvii di Euro 2020.
    L’Italia si blinda in casa e spera che in un mese l’emergenza coronavirus allenti la sua morsa; il calcio fa lo stesso, e prova a immaginare cosa succederà se dal 4 aprile si potesse ripartire. Mentre anche Spagna e Francia chiudono le porte dei loro campionati e l’Uefa affronta l’emergenza, la Federcalcio riunita in conference call prova a guardare avanti. Su quale sarà la soluzione per salvare la stagione, se si uscirà dalla quarantena nazionale, deciderà un nuovo consiglio, il 23 marzo.
    Quattro le ipotesi: se non ci sarà spazio per recuperare le giornate saltate, mancata assegnazione dello scudetto (“sarebbe una mortificazione sportiva”, ammette Gravina) o congelamento della classifica al momento dello stop definitivo (probabilmente la scelta più dolorosa e rischiosa). Se invece si riprendesse dal 4 aprile, assicurano dal consiglio, spazio per finire ci sarebbe. “Abbiamo già individuato le finestre per il recupero delle due giornate saltate, con lo slittamento del campionato”, dice Gravina, che alla Lega di A indica di considerare il 31 maggio, e non piu’ il 24, l’eventuale termine della stagione. Si dovrebbe nel caso giocare mercoledì e domenica, a prescindere dalle coppe europee. L’Uefa ordina lo stop ai campionati tra 15 e 20 giorni prima di Euro 2020; ma ora che anche Spagna e Francia si avvicinano al punto di non ritorno, i contatti già avviati con Nyon per maggior flessibilità sulle date potrebbe avere il supporto delle federazioni di Madrid e di Berlino. continua a leggere

Effetto domino, Spagna e Francia chiudono porte


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2020/03/10/effetto-domino-spagna-e-francia-chiudono-porte_6c3d8ee1-f8b0-4df3-b2a3-8886a3c68f91.html

Coronavirus, effetto domino anche sul calcio. Dopo l’Italia, tutto il calcio europeo alza nuove barriere contro la diffusione del contagio. Oggi sono state Liga spagnola, Ligue 1 francese e in parte Bundesliga a decretare le porte chiuse delle partite. “Giocare senza pubblico non e’ un grave problema“, ha sottolineato con indubitabile senso del reale Angela Merkel. Ma piu’ realista ancora e’ stato Demetrio Albertini, ex azzurro e dirigente del calcio italiano, che agli spagnoli ha dato un consiglio: “L’esperienza dell’Italia può tornar buona alla Spagna – ha detto a Marca – non e’ il momento di guardare ad eventuali errori, ma in questa situazione si prendono misure drastiche, poi le situazioni cambiano di ora in ora..”. continua a leggere