Grenfell Tower, l’inchiesta: a una dozzina di pompieri intervenuti è stato diagnosticato il cancro


articolo: Grenfell Tower, una dozzina di pompieri intervenuti ha il cancro (mediaset.it)

“Ci aspettiamo che vengano rivelati presto alcuni dati che rischiano di essere schockanti”, ha detto una fonte dei vigili del fuoco

Seventy-two people died after a huge fire engulfed Grenfell Tower, a west London residential tower block, in the early hours of Wednesday, 14 June 2017. (Settantadue persone sono morte dopo che un enorme incendio ha travolto la Grenfell Tower, un grattacielo residenziale a ovest di Londra, nelle prime ore di mercoledì 14 giugno 2017).

A una dozzina di vigili del fuoco intervenuti alla Grenfell Tower il 14 giugno del 2017 per spegnere l’incendio che causò la morte di 72 persone è stato diagnosticato il cancro. Lo riporta il Mirror. In particolare, secondo un’inchiesta condotta dal tabloid inglese, si tratta di forme di tumore legate agli alti livelli di esposizione ad agenti contaminanti durante gli interventi.

Una tragedia dietro la tragedia, che coinvolge diversi uomini, alcuni anche al di sotto dei 40 anni, e che potrebbe rappresentare solo la punta dell’iceberg. Ora, infatti, i vigili del fuoco e i sopravvissuti sono preoccupati per le conseguenze di salute che potrebbero avere, tanto che molti di loro hanno richiesto uno screening sanitario. “Ci aspettiamo che vengano rivelati presto alcuni dati che rischiano di essere schockanti“, ha detto una fonte dei vigili del fuoco al Mirror, secondo il quale potrebbero essere almeno 20 i casi di cancro terminale tra i pompieri.

Nell’incendio del giugno 2017, i vigili del fuoco sono rimasti nella torre senza aria e, inoltre, molti di loro hanno tenuto le tute contaminate per più di 10 ore. Altri sono rimasti nel seminterrato dell’edificio pieno di fumo per sei ore. Uno studio del 2019 dell’Università del Central Lancashire ha rilevato che la contaminazione del suolo a causa del disastro causato dall’incendio potrebbe portare a un aumento del rischio di cancro e problemi respiratori per coloro che vivono nell’area.

Ora sappiamo che i vigili del fuoco sono esposti a contaminanti pericolosi per la salute e la vita a causa della loro occupazione. Nel Regno Unito manca una regolare sorveglianza sanitaria e un adeguato monitoraggio delle esposizioni“, ha detto Riccardo la Torre, funzionario nazionale del sindacato dei vigili del fuoco.

Oltre ai tumori, si ritiene che, dopo il disastro, tra i vigili del fuoco siano state registrate altre malattie, come insufficienza renale, patologie cardiache e ictus, che si ipotizza siano il risultato dell’estremo sforzo fisico durante la tragedia. “Grenfell è stato il nostro 11 settembre“, ha detto uno dei pompieri a cui è stato diagnosticato il cancro.

Il rogo della Grenfell Tower La Grenfell Tower si trovava a Londra nel quartiere di North Kensington: un palazzone di 24 piani alto più di 67 metri, conteneva 120 appartamenti. È stato distrutto da un incendio divampato all’una di notte. Più di 250 vigili del fuoco hanno lavorato due giorni per spegnere le fiamme. Tra le vittime del rogo anche i giovani architetti veneti Gloria Trevisan e Marco Gottardi

Morta la figlia di Elvis Presley, Lisa Marie stroncata da un infarto: aveva 54 anni


Lisa Marie Presley at the Golden Globes on 10 January – Foto da https://news.sky.com

articolo: Morta la figlia di Elvis Presley, Lisa Marie stroncata da un infarto: aveva 54 anni (leggo.it)

Lisa Marie Presley è morta. La figlia di Elvis Presley è stata stroncata da un infarto all’età di 54 anni. Lo riporta l’Associated Press. «È con il cuore pesante che devo condividere la devastante notizia che la mia bellissima figlia Lisa Marie ci ha lasciato», ha detto la madre Priscilla Presley in un comunicato. «Era la donna più appassionata, forte e amorevole che abbia mai conosciuto». L’annuncio della morte arriva poche ore dopo la notizia del ricovero d’urgenza in ospedale per un arresto cardiaco.

La cantautrice è deceduta dopo qualche ora di coma farmacologico. È stata la domestica a trovarla «priva di sensi» nel suo letto e poi l’ex marito, Danny Keough che vive con lei a Los Angeles. Era rientrato dopo aver accompagnato i loro figli a scuola e ha chiamato l’ambulanza. Inutile il tentativo dei medici di applicarle un pacemaker.

Voli continuità territoriale Sardegna: assegnata a Ita Airways la rotta Cagliari-Linate


articolo: Voli continuità territoriale Sardegna: assegnata a Ita Airways la rotta Cagliari-Linate – Cronaca (ilgiorno.it)

Un aereo di Ita Airways

Unica a presentare un’offerta, la compagnia ex Alitalia se l’è aggiudicata per poco più di 5 milioni di euro con un ribasso del 50,3% sull’importo a base d’asta

Autorizzata dalla Regione Sardegna, Ita Airways potrà mettere in vendita i biglietti per i collegamenti fra Cagliari e Roma Fiumicino e Milano Linate della continuità territoriale della Sardegna.

E’ un passaggio fondamentale che con un mese di anticipo rispetto alla scadenza del 16 febbraio prossimo consentirà a tutti in tempi brevissimi di poter prenotare i biglietti per i voli in continuità da e per lo scalo cagliaritano, in attesa che le rotte vengano aggiudicate definitivamente“, dichiara l’assessore regionalesardo ai Trasporti, Antonio Moro. “Come previsto dalla normativa europea di settore – aggiunge – ai passeggeri sarà garantita la riprotezione qualora l’assegnazione finale delle rotte dovesse mutare. A breve procederemo ad autorizzare la vendita dei biglietti anche per i voli da e per l’aeroporto di Olbia“.

Il collegamento Cagliari- Milano Linate, messo a bando a fine dicembre dalla Regione Sardegna, è stato assegnato a Ita, la sola a presentare un’offerta per questa rotta, per poco più di 5 milioni di euro (Iva esclusa) con un ribasso del 50,3% sull’importo a base d’asta, pari a circa 10,2 milioni. Ita si era aggiudicata anche la tratta Cagliari-Roma Fiumicino, cui era interessata anche Volotea, per circa 8 milioni di euro (Iva esclusa), grazie a un ribasso del 53,1% sull’importato a base d’asta che era di oltre 17,1 milioni. 

La tratta Olbia-Milano Linate, per la quale si era fatta avanti anche Ita, è stata aggiudicata per 910.858 euro ad AeroItalia, che ha offerto un ribasso del 75% sull’importo a base d’asta, pari a oltre 3,6 milioni di euro.

Lisa Marie Presley in coma farmacologico per arresto cardiaco


Lisa Marie Presley at the Golden Globes on 10 JanuaryFoto da https://news.sky.com

articolo di Redazione Online: Lisa Marie Presley in coma farmacologico per arresto cardiaco- Corriere.it

La figlia di Elvis, 54 anni, è stata trasportata d’urgenza in ospedale. Martedì sera era presente alla cerimonia dei Golden Globes a Beverly Hills

Lisa Marie Presley, cantautrice e unica figlia di Elvis Presley, è in condizioni critiche in un ospedale di Los Angeles. È stata portata d’urgenza in un ospedale della California a causa di un arresto cardiaco dopo il malore l’ha colpita la mattina di giovedì nella sua abitazione di Calabasas, cittadina della contea di Los Angeles. Lo ha riferito il tabloid e sito di gossip americano TMZ. Il polso della figlia di Elvis avrebbe ripreso a battere e la donna si sarebbe ripresa grazie alla pronta rianimazione degli operatori sanitari, ma saranno necessari ulteriori accertamenti sulle sue condizioni di salute. Le sarebbe stata somministrata epinefrina per rianimarla. continua a leggere