Barça, la Liga dice no all’iscrizione dei nuovi acquisti


articolo di Redazione: Barça, la Liga dice no all’iscrizione dei nuovi acquisti | Calcio e Finanza

Nonostante la fiducia di Joan Laporta, presidente del Barcelona, ​​il club blaugrana non ha ancora ottenuto il via libera dalla Liga per poter iscrivere e quindi utilizzare in gare ufficiali i nuovi acquisti, da Lewandowski a Kessie passando per Christensen e Raphinha.

Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo Sport, infatti, la fiducia di Laporta nasce dal fatto di aver concluso accordi che hanno portato circa 868 milioni di euro nelle casse del club, dall’accordo con Sixth Street fino a quello per Socios, spiegando di aver lavorato “molto bene per ripulire i conti della società e sistemare la situazione in chiave fair play”, le parole del numero uno dei blaugrana.

Da settimane il Barça tiene incontri regolari con la Liga per valutare la situazione e la realtà, secondo quanto riportato da Sport, è che il club blaugrana, al momento, non possiede i requisiti necessari per registrare i cinque acquisti (Lewandowski, Koundé, Kessie, Christensen e Raphinha) e i due calciatori che hanno firmato un rinnovo di contrato (Dembélé e Sergi Roberto). La Liga ha già informato la squadra economica del Barça di questa circostanza.

Il club blaugrana dovrà attivare la quarta leva (la cessione dell’altro 24,5 per cento del Barça Studios a Socios) e abbassare ulteriormente l’attuale salario, che è ben al di sopra del limite consentito dalla Liga. Inoltre, il Barça dovrà anche effettuare diverse cessioni di giocatori (Frenkie De Jong e Memphis Depay, probabilmente) per adeguarsi ai parametri essenziali per registrare i nuovi acquisti.

È molto probabile quindi che all’inizio della prossima settimana il Barça attiverà quella quarta leva per poter procedere con le iscrizioni, con l’obiettivo che la maggior parte di questi sette calciatori sia a disposizione di Xavi per l’inizio della Liga, prevista per i blaugrana il 13 agosto contro il Rayo Vallecano. Anche se c’è tempo fino al 31 agosto, quando si chiude il periodo di registrazione per tutte le competizioni ufficiali.

Caos Serie C, verso rinvio campionato. «Grave danno»


articolo diRedazione: Caos Serie C, verso rinvio campionato. «Grave danno» | Calcio e Finanza

Caos sui calendari e sull’inizio della stagione in Lega Pro. Dopo la decisione del Consiglio di Stato che ha respinto la richiesta di FIGC di anticipare l’udienza relativa alla vicenda del Campobasso, infatti, si va verso il rinvio del campionato.

Lega Pro ha pieno rispetto della giustizia, tuttavia evidenzia che il rinvio del Campionato causa un gravissimo danno economico e reputazionale all’organizzazione e a tutti i club di Serie C. Lega Pro è quindi costretta a  prendere atto della decisione del Consiglio di Stato e dopo aver consultato a stretto giro il Consiglio Direttivo assumerà i provvedimenti conseguenti anche relativi alla data d’inizio del Campionato”, ha spiegato la Lega Pro in una nota.

Nei giorni scorsi, infatti, il Campobasso (così come il Teramo) si era visto respingere il ricorso sulla mancata ammissione da parte del Tar del Lazio. La Lega Pro aveva così ufficializzato la composizione dei tre gironi, preparandosi a presentare venerdì i calendari per la stagione 2022/23. Tuttavia, il Campobasso ha presentato un ulteriore ricorso al Consiglio di Stato, che ha temporaneamente sospeso la decisione del Tar del Lazio in attesa dell’udienza del 25 agosto. La FIGC ha presentato una richiesta per anticipare l’udienza e far iniziare regolarmente il campionato, ma la richiesta della Federcalcio è stata respinta.

Nel decreto del presidente della Sez. Quinta del Consiglio di Stato, Luciano Barra Caracciolo, è stato infatto previsto di “temporaneamente sospendere la mancata ammissione al Campionato della ricorrente (Campobasso Calcio), in vista della camera di consiglio del 25 agosto 2022, nella quale l’istanza cautelare potrà essere esaminata collegialmente, nel dovuto contraddittorio

Focolaio Covid al Venezia, positivi 13 giocatori


articolo: Focolaio Covid al Venezia, positivi 13 giocatori – la Repubblica

Il club lagunare dovrebbe giocare domenica la sfida di coppa Italia contro l’Ascoli

Focolaio Covid nel Venezia. Il club lagunare ha comunicato che “13 tesserati del club sono risultati positivi al Covid-19. Informate le autorità sanitarie competenti, i tesserati sono stati prontamente posti in isolamento nell’osservanza delle procedure previste dal protocollo sanitario“. La notizia arriva alla vigilia della sfida di domani pomeriggio (17:45) contro l’Ascoli valida per il primo turno di coppa Italia. continua a leggere