SIMONE INZAGHI È IL NUOVO ALLENATORE DELL’INTER


SIMONE INZAGHI È IL NUOVO ALLENATORE DELL’INTER

Il tecnico ha firmato un contratto biennale con il Club nerazzurro

articolo: https://www.inter.it/it/news/2021/06/03/simone-inzaghi-nuovo-allenatore-inter.html

download

MILANO – FC Internazionale Milano dà il benvenuto a Simone Inzaghi come nuovo allenatore della Prima Squadra: il tecnico ha firmato un contratto biennale con il Club nerazzurro. #WelcomeSimone

LA SCHEDA DI SIMONE INZAGHI

日本語版  中文版  Versi Bahasa Indonesia  English Version  Versión Española 

La scheda: 

IL PALLONE NEL DESTINO, BENVENUTO SIMONE!

Gli inizi a Piacenza, il salto alla Lazio, ora nuove sfide con l’Inter: inizia oggi l’avventura di Simone Inzaghi sulla panchina nerazzurra

Il pallone nel destino. Perché quando nasci in un piccolo paese alle porte di Piacenza e hai un fratello di nemmeno tre anni più grande di te, non fai altro che sognare una cosa, assieme a lui: il calcio. La maglia del Piacenza, gli autografi di quei centravanti che, per chi aveva la stanza tappezzata di bandiere e sciarpe biancorosse, erano degli idoli da inseguire, da aspettare per una foto. San Nicolò: il fiume Trebbia a dividere dal Galleana, a 5 chilometri da casa, l’impianto che ispirava i fratelli Inzaghi. Tra passeggiate nei boschi alla ricerca di funghi e le giornate passate a pescare, alla fine vinceva sempre il pallone. Ovunque, e in ogni modo. In cortile o in mansarda, sui campi di terra o sull’asfalto.

Simone e una sfida continua: fare gol. Negli esordienti della squadra di San Nicolò chiuse una stagione con 92 reti. 92! L’obiettivo sempre fisso: diventare un calciatore. E allora il naturale sbocco proprio al Piacenza, nel primo sogno di infanzia realizzato. Oltre al costo del cartellino il San Nicolò, il giorno in cui salutò Simone, ricevette 40 palloni, le casacche per gli allenamenti e delle nuove reti per le porte.

Intrecci e ricordi, che fanno ripercorrere la carriera da calciatore di Simone Inzaghi. La gavetta sui campi di provincia tra Carpi, Novara, Brescello e Lumezzane, prima dell’affermazione attesa con il suo Piacenza. 15 gol alla prima stagione in Serie A, nel 1998, a 22 anni. Poi il salto alla Lazio, con gol pesanti e lo storico Scudetto nel 2000. Ci sono 3 Coppe Italia e 2 Supercoppe Italiane nel passato da calciatore di Simone Inzaghi, miglior marcatore nelle coppe europee della storia biancoceleste ed entrato negli annali come primo giocatore italiano a segnare 4 reti in una partita in Champions League (14 marzo 2000, Lazio-Marsiglia 5-1).

Terminata la carriera da calciatore nel 2010, Inzaghi passa subito sulla panchina: nel 2010-2011 inizia l’avventura come tecnico nel Settore Giovanile della Lazio. Nel 2014 diventa l’allenatore della Primavera (2 Coppe Italia e una Supercoppa), poi nell’aprile del 2016 sul finire di campionato viene promosso in Prima Squadra. 7 partite per chiudere la stagione e ottenere la riconferma anche per l’anno successivo. Allenerà la Lazio per altri cinque: un trionfo in Coppa Italia nel 2019, due Supercoppe Italiane (2017 e 2019) e il quarto posto nel 2020 con il ritorno in Champions League per i biancocelesti.

Simone Inzaghi, che in carriera da calciatore ha collezionato tre presenze con la maglia della nazionale azzurra, è ora pronto a intraprendere una nuova, esaltante avventura: quella di allenatore dell’Inter.

#WelcomeSimone

Incendio alla Coop di Ponte a Greve: clienti e personale evacuati


articolo: https://video.corrierefiorentino.corriere.it/incendio-coop-ponte-greve-evacuazione-corso/97442f76-c468-11eb-8ea6-d1676a99f4ec

Momenti di paura alla Coop di Ponte a Greve – Il video, testo di Jacopo Storni /CorriereFiorentino Tv

Ponte a Greve (Firenze), Giovedì 03 Giugno 2021Incendio al centro commerciale Coop di Ponte a Greve intorno alle 14.30, quando la copertura del tetto ha cominciato a bruciare. Evacuati in pochi minuti tutti i clienti e i dipendenti, che si sono riversati ne parcheggio esterno della struttura, senza far registrare nessun ferito. Dentro il supermercato, molto fumo e prodotti anneriti. La colonna di fumo si è levata altissima bel cielo ed è visibile da lontano. L’incendio avrebbe poi coinvolto parti del supermercato, principalmente gli spogliatoi dei dipendenti, dove sarebbero andati perduti telefoni, chiavi e vestiti.

A Firenze a fuoco il tetto di un centro commerciale

Firenze, maxi incendio alla Coop di Ponte di Greve: evacuata l’intera struttura

Il disastro della nave “MV X-Press Pearl”: lo Sri Lanka minacciato da centinaia di tonnellate di gasolio


articolo: https://www.repubblica.it/esteri/2021/06/03/news/sri_lanka_affondata_la_x-press_le_coste_a_rischio_grave_catastrofe_ecologica-304012965/?ref=RHTP-BH-I293269148-P2-S2-T1

Le squadre di pulizia raccolgono tonnellate di plastica bruciata, pesci e tartarughe marine avvelenati dall’acido nitrico lungo le spiagge del paese, colpito dalle più grave catastrofe ecologica della sua storia. Il danno potrebbe essere accresciuto dalla fuoriuscita del carburante.

133751048-a52ad5cc-216e-4ef3-a29c-090a98b8fec0

Tonnellate di plastica bruciata, bitume, pesci e tartarughe marine avvelenati dall’acido nitrico, è quello che le squadre di pulizia stanno raccogliendo lunghe le spiagge dello Sri Lanka, funestato dalle più grave catastrofe ecologica della sua storia. Ma questo disastro cominciato due settimane fa, quando sulla porta container “MV X-Press Pearl” carica di agenti chimici altamente nocivi è scoppiato un incendio, rischia adesso di essere aggravato dalla fuoriuscita di centinaia di tonnellate di gasolio. Le immagini girate dagli elicotteri che sorvolano la zona già mostrano intorno all’imbarcazione le acque cristalline del Mare delle Laccadive insudiciate da ampie chiazze di petrolio. E adesso a Colombo tutti temono una possibile marea nera che sulle coste srilankesi produrrebbe gravissimi danni all’economia oltre che al prezioso ecosistema del Paese. Alcuni esperti temono che il disastro ecologico già compiuto sia soltanto l’inizio di una catastrofe epocale.

La nave ha bruciato per tredici giorni e ieri si è quasi interamente inabissata al largo del porto principale di Colombo. La società di Singapore X-Press Feeders, proprietaria del cargo, ha confermato che questo sta lentamente affondando dopo il fallito tentativo di rimorchiarlo verso acque più profonde nell’illusoria speranza di contenere i danni. Illusoria, spiegano gli scienziati, perché anche se la nave fosse colata a picco a largo delle coste, le conseguenze sarebbero state ugualmente spaventose.

La poppa di quest’imbarcazione di 31.600 tonnellate, lunga 186 metri e alta 45, è ora appoggiata sul fondale a una profondità di una ventina di metri mentre la prua è ancora al di sopra della linea di galleggiamento. Le autorità hanno deciso di vietare la pesca a cinquanta miglia dalla costa, mettendo a rischio la stabilità economica di decine di migliaia di pescatori. I quali, aiutati da centinaia di soldati, a bordo di quasi seimila pescherecci hanno subito cominciato a ripulire le coste e, soprattutto, il loro mare.

Il governo di Colombo ha chiesto aiuto alla Guardia costiera indiana, che ha già partecipato alle operazioni di spegnimento dell’incendio scoppiato a bordo. Una nave indiana con equipaggiamento specializzato è appena arrivata sul posto, pronta a usare le sostanze chimiche che disperdono il petrolio e lo skimmer a spazzola per ripulire la superficie marina, se le perdite di gasolio dovessero diventare consistenti. Oltre alle 330 tonnellate di gasolio presenti sul cargo, a preoccupare le autorità sono anche altre sostanze che la nave trasportava in grande quantità, ossia i lubrificanti, i cosmetici e un “carico pericoloso” di 81 container, tra cui 25 tonnellate di acido nitrico. A ciò vanno aggiunti gli altri 1400 container contenenti beni di ogni genere, molti dei quali bruciati nei giorni scorsi. Ora, lo spegnimento delle fiamme divampate a bordo il 20 maggio scorso è stato ritardato per via dei forti venti monsonici, generati dal recente passaggio nella vicina India di un ciclone.

Dharshani Lahandapura, direttore dell’Autorità che protegge l’ambiente marino dello Sri Lanka (Mepa), ha detto che questo è “il peggiore disastro ecologico al quale ha assistito in vita sua“. Lahandapura ha poi aggiunto che l’11 maggio l’equipaggio era già al corrente di una perdita nei serbatoi di acido nitrico, probabile causa dell’incendio, prima che la nave entrasse nelle acque territoriali dello Sri Lanka, diretta verso la Malesia e Singapore. E’ stata aperta un’inchiesta criminale e il portavoce della polizia locale, Ajith Rohana, ha dichiarato che il capo dell’equipaggio e il meccanico del cargo incidentato erano stati entrambi interrogati per ore lunedì scorso, e che un tribunale ha ordinato la confisca dei loro passaporti. Infine, il presidente srilankese, Gotabaya Rajapaksa, ha chiesto aiuto all’Australia per valutare i danni già inflitti all’ambiente. Da ieri, intanto, tonnellate di granuli di plastica destinati all’industria dell’imballaggio e contenute in chissà quali container della “MV X-Press Pearl” sono affiorate sulle coste occidentali del Paese, tra le più ricche di biodiversità dell’Asia meridionale.

Inghilterra-Austria, ululati dei tifosi rivolti ai giocatori inginocchiati


articolo: https://sport.sky.it/calcio/europei/2021/06/03/inghilterra-austria-fischi-tifosi-ululati-razzismo

I calciatori delle due nazionali sono stati accolti da un misto di ululati e applausi mentre erano inginocchiati in campo prima del fischio d’inizio, segno di solidarietà per la campagna Black Lives Matter. Infortunio per Alexander-Arnold: Europeo a rischio

Non è sicuramente stato un bell’inizio quello della nazionale inglese che mercoledì ha giocato la sua prima amichevole di preparazione in vista di Euro 2020. Avversaria della nazionale del Ct Southgate era l’Austria, sconfitta per 1-0 con gol del 19enne Bukayo Saka, talento dell’Arsenal. A preoccupare è stato il comportamento del pubblico, specie in prospettiva Europei e delle partite che si giocheranno a Wembley. Sarebbe dovuta essere una festa  perché l’Inghilterra tornava a giocare davanti a dei tifosi, nello specifico gli oltre ottomila presenti al Riverside Stadium di Middlesbrough. Invece non è stato così. I sonori ululati rivolti ai 22 giocatori delle due nazionali quando si sono inginocchiati in campo, prima del fischio d’inizio in segno di solidarietà con la campagna ‘Black Lives Matter‘, fanno capire che gli appelli contro il razzismo e ogni forma d’intolleranza non sono stari recepiti da tutti, e dopo la gara anche Southgate non ha nascosto tutto il suo rammarico. Un gesto brutto, presto “coperto” o quasi dagli applausi da una parte del pubblico, ma l’amarezza resta. 

Infortunio per Alexander-Arnold: Europeo a rischio – Questioni di campo. A tenere con il fiato sospeso la nazionale inglese e il Ct Southgate è l’infortunio di Alexander-Arnold che ora rischia di essere ‘tagliato’ e di non partecipare all’Europeo: l’esterno del Liverpool infatti è uscito zoppicando dal campo nei minuti finali, dopo aver accusa un fastidio – con ogni probabilità di natura muscolare – alla coscia. Sorride invece Jude Bellingam, che con i suoi 17 anni e 338 giorni, è diventato il più giovane giocatore della nazionale a essere stato schierato dall’inizio dal 2003 a oggi.