Incendio in una ditta di smaltimento rifiuti a Rozzano, le fiamme distruggono dieci automezzi


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/04/04/news/incendio_alla_ecolab_di_rozzano_le_fiamme_distruggono_dieci_automezzi-295083726/

Nel primo pomeriggio l’incendio nella ditta Area Sud, ancora sconosciute le cause del rogo

Un incendio ha danneggiato nel pomeriggio oltre dieci mezzi all’interno dell’azienda Area Sud, che si occupa di smaltimento rifiuti, a Rozzano (Milano).

Sul posto, per domare le fiamme, sono ancora presenti sette squadre dei vigili del fuoco. Ancora non si conoscono le cause del rogo. La colonna di fumo è visibile a chilometri di distanza.

Bertolaso corregge Moratti: chi non è prenotato, lo faccia dal 7 con Poste. Sarà vaccinato dopo l’11


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/04/04/news/vaccino_over_80_moratti_bertolaso_poste_lombardia_covid-294992481/

Il consulente di Regione Lombardia per la campagna vaccinale spiega che cosa devono fare gli anziani  che ancora non si sono iscritti nel sistema e che quindi non hanno avuto l’appuntamento

Vaccini per gli ultra 80 enni, terza puntata. E’ Guido Bertolaso, consulente di Regione Lombardia per la campagna vaccinale, a spiegare che cosa devono fare gli anziani  che ancora non si sono iscritti nel sistema e che quindi non hanno avuto l’appuntamento.
Dal 7 aprile potranno iscriversi sul nuovo portale allestito da Poste Italiane e riceveranno un appuntamento per essere immunizzati dopo l’11”, ha spiegato ieri, chiarendo la situazione confusa che si era creata venerdì, 
dopo il discusso tweet dell’assessora al Welfare Letizia Moratti.

Moratti, forse preoccupata dalle reazioni suscitate dall’attacco alla Regione arrivato da Chiara Ferragni per la mancata vaccinazione della nonna di Fedez, aveva twittato. E nel suo tweet aveva invitato tutti gli over 80 “dimenticati” a presentarsi spontaneamente nei centri vaccinali, con la tessera sanitaria, anche se non si fossero già iscritti al portale di Aria. Sistema che ha creato mille problemi, fra cui la mancata convocazione della nonna Ferragnez.

Già nella mattina di sabato c’era stato l’assalto degli anziani ai centralini regionali, visto che la vicepresidente Moratti aveva nello stesso tweet invitato anche a chiamare il call center per avere un medico di base a domicilio col vaccino. Tutte promesse impossibili da mantenere, secondo i direttori delle Ats. Le vaccinazioni degli anziani si fanno solo con Pfizer, di dosi ce ne sono poche e di anziani non prenotati ancora circa 80 mila. Si fossero presentati tutti assieme per farsi vaccinare dopo Pasqua, sarebbe stato un problema impossibile da gestire.

Che fare, dunque, per evitare altre proteste e altre polemiche? Interviene Bertolaso a dare la linea e invita gli anziani a prenotarsi con Poste. Epilogo della vicenda: “La vicepresidente e assessore  al Welfare di Regione Lombardia ringrazia il dottor Guido Bertolaso e Poste italiane che, dietro sua istanza, hanno provveduto ad organizzare la fase conclusiva di vaccinazione degli over 80. In particolare per coloro che avevano aderito, ma non ancora ricevuto l’appuntamento per la somministrazione, che potranno recarsi direttamente  al centro vaccinale più  vicino muniti di tessera sanitaria  e documento di identità per farsi vaccinare dal 7 all’11 aprile. Per chi non ha invece fatto l’adesione sul portale di Aria:Dal 7 aprile tutti gli over80 che ancora non hanno aderito potranno farlo tramite il portale di Poste italiane. Verranno chiamati dopo l’11“.

Facebook: media Usa, rubati dati a oltre 533 milioni di utenti


Tra gli utenti colpiti, 32 milioni sono negli Stati Uniti, 11 milioni nel Regno Unito e sei milioni in India

I dati personali di oltre 533 milioni di utenti di Facebook, provenienti da 106 Paesi, sono stati rubati dagli hackers e pubblicati online in un forum dedicato. Lo riporta il sito Business Insider. I dati riguardano milioni di numeri di telefono, nomi completi, indirizzi e compleanni e, secondo esperti di cybersecurity, potrebbero essere utilizzati per compiere azioni fraudolente. I cybercriminali potrebbero aver sfruttato i dati per organizzare truffe online e contattare, via email, o attraverso il cellulare, gli utenti per accedere a ulteriori informazioni personali. Tra gli utenti colpiti, 32 milioni sono negli Stati Uniti, 11 milioni nel Regno Unito e sei milioni in India. Facebook non ha per ora commentato la notizia.