Archivi del giorno: 22 giugno 2020

Ciak, si ricomincia: riaprono i set delle fiction e delle serie tv Rai, Mediaset, Sky e Netflix


articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2020/06/21/news/ciak_si_ricomincia_riaprono_i_set_tra_rai_mediaset_sky_e_netflix-259794893/

Con l’arrivo dell’estate si torna sul set: da ‘L’allieva‘ a ‘Mina Settembre‘, da Napoli con ‘Un posto al sole‘ a Roma con ‘Suburra’, la macchina da presa torna a girare dopo il lockdown. Ed ecco che cosa ci aspetta

Con l’allentarsi delle misure di contenimento causate dalla pandemia, anche i set riaprono: ciak, si gira dunque. Ma sempre nel rispetto delle norme di sicurezza e dei protocolli anti Covid-19, che hanno bloccato tutta la macchina del cinema, delle fiction e delle serie tv, causando milioni di danni. Ma le ammiraglie del nostro piccolo schermo non hanno mollato. E, anzi, hanno creato molta attesa nei telespettatori più affezionati. Dalla Rete nazionale, la Rai, a Mediaset, fino alle piattaforme Sky e Netflix, con l’arrivo dell’estate sono ripartiti i principali set. Da L’allieva 3 a Un posto al sole, da Leonardo a Suburra, da Tutta colpa di Freud ad Anna di Niccolò Ammaniti, fino a Buongiorno mamma e Mina Settembre, passando per I Bastardi di Pizzofalcone, Luce dei tuoi occhi, Doc e infine, ma non ultima,la nuovissima fiction-action La fuggitiva, ecco che cosa ci aspetta. continua a leggere 

Addio a Joel Schumacher


Addio a Joel Schumacher, ha diretto due capitoli della saga di Batman e ‘Ragazzi perduti’

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2020/06/22/news/addio_a_joel_schumacher_ha_diretto_due_capitoli_della_saga_di_batman_e_ragazzi_perduti_-259911176/

Aveva 80 anni. Dopo Tim Burton, fu scelto per girare due film dedicati al Cavaliere Oscuro. Tra i suoi film più famosi, ‘Un giorno di ordinaria follia’. Era malato di cancro

Joel Schumacher, conosciuto soprattutto per i suoi ultimi lavori, Batman Forever e Batman e Robin, è morto all’età di 80 anni. Era da tempo malato di tumore. A darne l’annuncio un suo portavoce, che si trovava con lui questa mattina a New York.

Nato a nella Grande Mela il 29 agosto 1939 da madre svedese di fede ebraica e da padre americano praticante battista, cresce in una famiglia molto religiosa che però gli permette di seguire i propri interessi: il giovane Schumacher si iscrive così alla Parsons School of Design, attratto da tutto ciò che riguarda l’arte e l’estetica.

E’ morto Pierino Prati: bomber del Milan mondiale e della Roma


Pierino-Prati

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/2020/06/22/news/morto_pierino_prati-259917022/?ref=RHPPTP-BS-I259821489-C12-P1-S2.4-T1

È stato campione d’Europa con la Nazionale italiana nel 1968, fece parte della spedizione in Messico nel 1970 ma senza giocare

Pochi giorni dopo Mario Corso, il calcio italiano perde un altro grande campioni. All’età di 73 anni dopo una lunga malattia è morto Pierino Prati. Ha giocato con Fiorentina, Milan e Roma. È stato campione d’Europa con la Nazionale italiana nel 1968 e finalista mondiale nel 1970. Dopo la fine della sua carriera come giocatore, era stato anche allenatore per alcuni anni.

Capocannonieri: Pierino Prati (Serie A 1967-68)

“Salviamo la Lombardia”


“Salviamo la Lombardia”: in piazza la maxi protesta sulla gestione dell’emergenza. Minuto di silenzio per i morti

162304683-0cdea7a4-4ead-48f0-bb6b-0d5ec7aa96a3.jpg

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/06/20/news/salviamo_la_lombardia_protesta_sanita_coronavirus_milano-259704041/1/

Sessanta sigle e tanti testimonial in piazza Duomo per chiedere il commissariamento della Regione. Ci sono anche medici, infermieri, parenti delle vittime della pandemia. Presidi e cortei di centri sociali e anarchici

Distanziati, ma combattivi: alle 15 circa tremila milanesi si sono ritrovati in piazza Duomo per protestare con lo slogan #salviamolalombardia. Assieme ai cittadini, a oltre 60 sigle del terzo settore e a diversi partiti di centrosinistra, ci sono i medici e gli infermieri, quelli che hanno continuato a lavorare in ospedale durante la fase più dura della pandemia. Con loro tanti di quelli che hanno sofferto, che hanno pianto i loro cari, quelli che si sono ammalati e sono finiti in terapia intensiva o che hanno atteso a casa per settimane, se non mesi, le cure, i tamponi, l’assistenza della sanità lombarda che è stata così carente sul territorio mentre il coronavirus faceva la sua strage.

“Non è andato tutto bene”: migliaia protestano a Milano contro la Regione Lombardia (rispettando il distanziamento sociale)

Un minuto di silenzio per i morti del Covid in Lombardia e in Italia con i manifestanti seduti a terra. È iniziata così la manifestazione, poi è stato il momento del lungo e commosso applauso. Dal palco le testimonianze di famiglie, medici di base e altri che hanno vissuto o cercato di gestire l’epidemia. “Abbiamo dovuto guardare i nostri concittadini che morivano da soli a casa – ha detto dal palco Cecilia Strada, ex presidente di Emergency – Serve aprire una riflessione sul sistema sanitario, sul diritto alla salute perché quello che è successo non si può ridurre a uno scontro tra partiti“. E anche don Virginio Colmegna ha chiesto “Una svolta nella sanità per tornare a una cura sul territorio e all’assistenza nella prossimità delle famiglie“. continua a leggere

{}

agg. condizioni Zanardi


Alex Zanardi è stabile ma grave. La Procura: “Nessuna distrazione alla guida”

articolo: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/06/21/news/incidente_zanardi_cause_bollettino_medico-259780454/

L’atleta 53enne è in coma farmacologico. I medici: “Più tempo passa più c’è speranza. Nei prossimi giorni si valuterà se sospendere la sedazione”. Sequestrati telefonino e handbike. I pm e il cameraman: “Non aveva smartphone in mano al momento dell’incidente”

SIENA, 21 giugno 2020 – Un’altra notte trascorsa tranquilla, senza complicazioni, ma nemmeno con qualche miglioramento. Alex Zanardi continua la sua battaglia, l’ennesima di una vita che più volte gli è andata contro. “Ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d’organo sono adeguate. È sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perché resta grave il quadro neurologico“, sono le prime parole del professor Sabino Scolletta, primario del reparto di emergenza urgenza dell’ospedale Santa Maria delle Scotte di Siena, dove Zanardi è stato ricoverato dopo l’incidente avvenuto il 19 giugno nel Senese durante una staffetta in handbike.    continua  a leggere

Coronavirus, l’Oms: dopo tre giorni senza sintomi, niente isolamento


articolo: https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/06/21/news/coronavirus_l_oms_dopo_tre_giorni_senza_sintomi_non_serve_isolamento-259796790/?ref=RHPPLF-VE-I257251573-C8-P3-S2.4-T1

L’Organizzazione mondiale della sanità rivede le linee guida sul Covid-19. Non servono più necessariamente due tamponi negativi a distanza di almeno 24 ore, oltre alla guarigione clinica per interrompere l’isolamento. Ma il ministero della Salute chiede un approfondimento al Cts

Non servono più necessariamente due tamponi negativi a distanza di almeno 24 ore, oltre alla guarigione clinica per interrompere la quarantena. Cambiano le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) per il rilascio dall’isolamento dei pazienti che hanno contratto l’infezione da nuovo coronavirus. Le linee guida provvisorie prevedono i tre giorni senza sintomi (inclusi febbre e problemi respiratori) come criterio sufficiente a escludere la trassmissione della malattia.

Le nuove linee guida dell’Oms relative alla modalità di certificazione della guarigione segnano un cambiamento che può incidere significativamente sulle disposizioni finora adottate e vigenti nel nostro Paese. Chiedo di poter affrontare il delicato tema nel Cts, fermo restando il principio di massima precauzione che ci ha guidato finora“, si legge in una lettera inviata dal ministro Roberto Speranza al Comitato tecnico scientifico. Si attende dunque un approfondimento che chiarisca come e se cambieranno i protocolli sanitari dell’emergenza Covid. continua a leggere