Ciclismo, è morto Patrick Sercu, re delle sei giorni


File:Patrick Sercu 1967.jpg

Patrick Sercu (Roeselare, 27 giugno 1944 – 19 aprile 2019) è stato un pistard ed ex ciclista su strada belga. Professionista dal 1964 al 1983, fu campione olimpico a Tokyo 1964 nel chilometro da fermo, tre volte mondiale nella velocità, e ben 11 volte campione europeo omnium endurance. È soprannominato “Il Re delle Sei Giorni”

articolo: https://www.ilmessaggero.it/sport/altrisport/ciclismo_morto_patrick_sercu_re_sei_giorni-4441073.html

Il mondo del ciclismo è in lutto. È morto oggi, all’età di 74 anni, Patrick Sercu, uno dei più grandi pistard della storia, specializzato nelle ‘Sei giornì. La notizia della morte del belga, nato il 27 giugno 1944 a Roeselare, fra gli altri, è stata pubblicata sul sito de L’Equipe. A soli 20 anni, Sercu vinse l’oro alle Olimpiadi di Tokyo, nel chilometro da fermo, battendo l’azzurro Vanni Pettenella. È stato, inoltre, tre volte iridato nella velocità e ben 11 volte campione europeo Omnium Endurance. In carriera, Sercu ha vinto 88 ‘Sei giornì: nessuno come lui. Anche nelle prove su strada, il belga è stato grande protagonista negli anni ’60 e ’70: al Giro d’Italia ha ottenuto 13 successi di tappa ai quali vanno aggiunte sei frazioni al Tour de France, dove nel 1974 si aggiudicò anche la classifica a punti. Su strada conta, inoltre, un successo nella Kuurne-Bruxelles-Kuurne e il ruolo da protagonista assoluto in numerossime volate al cardiopalmo, molte delle quali vinte nettamente. Dopo avere appeso la bici al chiodo, il ‘Re delle sei giornì, ha contribuito a organizzare un’altra ‘Sei giorni: quella di Gent.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...