Archivi del mese: settembre 2017

Inter, Pinetina 2.0 & progetto nuova sede


Inter, Pinetina 2.0: il centro sportivo dopo il restyling della nuova proprietà 

30 settembre 201 – articolo  di LUCIA LANDONI

Un tour virtuale di un minuto per presentare ai tifosi la nuova veste del centro sportivo dell’Inter ad Appiano Gentile (nel Comasco): quella che era la Pinetina con l’arrivo dei nuovi proprietari cinesi è stata ribattezzata Suning Training Centre (mantenendo però il legame con il passato grazie alla dicitura “in memory of Angelo Moratti”). Nel video postato sulla pagina Facebook ufficiale del club nerazzurro viene mostrato il centro sportivo al termine dei lavori di ristrutturazione, con “nuova sala stampa, nuovi spogliatoi, nuova area medica, ma anche una palestra e un’area wellness all’avanguardia”. E l’Inter Media House, da cui verranno gestiti i contenuti multimediali messi a disposizione dei tifosi

L’Inter progetta la nuova casa a due passi da San Siro: ecco la Media House

articolo: https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2017/09/30/serie-a-inter-nuova-casa-vicino-san-siro-.html

L’area di Piazza D’Armi, a due passi dall’ospedale San Carlo Borromeo e nei pressi del quartiere San Siro, potrebbe essere acquistata e bonificata dall’Inter per la costruzione della “Inter Media House“, la nuova casa del club che sostituirà Appiano Gentile. Il costo dell’operazione si aggirerebbe intorno ai 100 milioni di euro.

L’Inter potrebbe dire addio ad Appiano Gentile, lo storico centro sportivo dove si allena la squadra nerazzurra. La nuova casa? A Milano, in Piazza D’Armi, a due chilometri dallo stadio San Siro. È questo quanto emerge dagli incontri tra i dirigenti neroazzurri e Invimit, società gestore di molti immobili dello Stato con il fine di contribuire positivamente allo sviluppo e alla valorizzazione dei patrimoni immobiliari pubblici. L’ultimo incontro è andato in scena lo scorso martedì scorso, quando il presidente di Invimit Massimo Ferrarese e lo chief executive officer, Alessandro Antonello, hanno incontrato Nicola Volpi del consiglio di amministrazione dell’Inter. Non il primo, considerando che già da vari mesi la trattativa è avviata e i primi progetti hanno avuto una prima informale approvazione.

Una casa da 100 milioni di euro lunga 35 ettari

Piazza D’Armi è un’area compresa tra la Caserma Santa Barbara, i magazzini militari di Baggio, via Forze Armate, e a due passi dall’ospedale San Carlo Borromeo. Dei 45 ettari totali, la società di Suning ne comprerebbero 35 (lasciandone 10 a Invimit) facendosi carico delle necessarie bonifiche dell’area e delle necessarie opere di urbanizzazione. La nuova casa dell’Inter disporrebbe non solo di dieci campi da calcio per permettere alla Prima Squadra e alle Giovanili di allenarsi, ma anche una serie di attività commerciali e mediche legate all’attività sportiva. Proprio nei giorni scorsi, dal club di Suning erano giunte le prime voci che ammettevano la volontà di lasciare Appiano Gentile. Un’operazione dunque destinata ad andare in porto e che farebbe contenti tutti, sia Inter che Invimit. I neroazzurri avrebbero una nuova casa e, proprio dietro l’angolo, pure San Siro.

Amiens: crolla balaustra allo stadio,


Amiens: crolla balaustra allo stadio, tre feriti gravi tra i tifosi del Lille

Pagina articolo: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/ligue1/amiens-crolla-balaustra-allo-stadio-tre-feriti-gravi-tra-i-tifosi-del-lille_1175118-201702a.shtml

La balaustra è crollata durante l’esultanza dopo la rete della squadra di Bielsa

Ci sarebbero diversi feriti tra i tifosi del Lille che stavano assistendo ad Amiens alla sfida di Ligue 1. Una balaustra della tribuna che ospitava i tifosi della squadra di Bielsa – che stavano esultando per la propria squadra appena passata in vantaggio – è crollata e diverse persone sono cadute. Secondo l’Equipe tre tifosi del Lille sono stati ricoverati in gravi condizioni all’ospedale più vicino. E secondo i vigili del fuoco i feriti in tutto sarebbero una ventina.

Lo stadio della Licorne è stato appena sottoposto a lavori di ristrutturazione dopo la promozione dell’Amiens nel massimo campionato francese. La partita è stata sospesa definitivamente con il Lille avanti per 1-0.

Foto 1

Foto 5

Nina Zilli, un disco per cambiare strada:


“Mi piacerebbe che si capisse ascoltandolo”

intervista e articolo completo: http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2017/09/27/news/nina_zilli-176617983/

Si intitola ‘Modern Art‘ il quarto e nuovo album della cantante che racconta: “Il bello della musica, e di questo disco, è che è lo specchio di quello che sei, con tutti i pregi e i difetti, con tutte le insicurezze e le cose di cui sei certa di te stessa”

Si intitola Modern Art ed è un perfetto disco pop. Un disco pop nuovo e divertente, nel quale Nina Zilli mette a fuoco in maniera diversa dal passato i suoi amori musicali, le sue passioni sonore, pensieri e parole che assieme alla musica diventano canzoni, più intense e personali che in passato. “Io in realtà scrivendo canzoni e arrangiamenti sento sempre la necessità di rinnovarmi” dice Zilli, “credo con questo disco di essere riuscita a farlo meglio, con maggior forza, mi piacerebbe che si capisse ascoltandolo”.

Modern Art, il nuovo album di Nina Zilli

Risultati immagini per nina zilli modern art

Risultati immagini per nina zilli modern art

Nina Zilli – Mi Hai Fatto Fare Tardi

Qui sotto la tracklist del disco:

  • 01 – Domani arriverà (modern art) 
    02 – Ti amo mi uccidi 
    03 – 1XUnattimo 
    04 – Mi hai fatto fare tardi 
    05 – Il punto in cui tornare 
    06 – Notte di luglio 
    07 – Butti giù (feat. J-AX) 
    08 – Il mio posto qual’è 
    09 – IGPF 
    10 – Sei nell’aria 
    11 – Per un niente 
    12 – Come un miracolo

vigilia di Benevento – Inter


Serie A: Inter, Lazio e altre 8 in campo © ANSA

Live! Conferenza di Spalletti prima di Benevento-Inter 30.09.2017 13:30

21 i convocati per Benevento – Inter: 

  • Portieri: 1 Handanovic, 27 Padelli, 46 Berni.
  • Difensori: 13 Ranocchia, 21 Santon, 25 Miranda, 29 Dalbert, 33 D’ambrosio, 37 Skriniar, 55 Nagatomo.
  • Centrocampisti: 5 Gagliardini, 10 Joa Mario, 11 Vecino, 20Borjan Valero, 77 Brozovic.
  • Attaccanti: 9 Icardi, 17 Karamoh, 23 Eder, 44 Peresic, 87 Candreva, 99 Pinamonti.

APPIANO GENTILE – Alle ore 13.30 di sabato 30 settembre presso il Centro Sportivo Suning di Appiano Gentile si è tenuta la conferenza stampa di Luciano Spalletti in vista di Benevento-Inter, 7^ giornata della Serie A TIM 2017/18. . L’evento è stato trasmesso in diretta su Inter TV e inter.it. Aggiornamenti live sul profilo Twitter ufficiale @Inter.

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/09/29/serie-a-lazio-sassuolo-benevento-inter_4185550a-6d9e-4836-b88e-8567b12d51f5.html

Continua in casa Inter il recupero di Cancelo che dovrebbe tornare a disposizione per il derby. Contro il Benevento soliti dubbi a centrocampo con Gagliardini che potrebbe essere preferito a Vecino e Joao Mario tornare trequartista. Spalletti deve poi fare i conti con l’infortunio di Zinho Vanheusden centrale difensivo della Primavera ma ormai pienamente inserito in prima squadra. Il difensore sarà operato per una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Baroni ha provato per il Benevento il 4-5-1, un modulo diverso dal 4-4-2 con cui ha affrontato e perso le precedenti gare. In tal caso in mediana Chibsah affiancherebbe Cataldi e Memushaj, dietro ad un unica punta. E’ tornato ad allenarsi il centrale difensivo Djimsiti che dovrebbe figurare tra i convocati, così come l’attaccante Pietro Iemmello. E’ clinicamente guarita la lesione al flessore di Ciciretti che però sarà disponibile solo per la gara a Verona. Restano indisponibili anche D’Alessandro e i difensori centrali Antei e Lucioni (sospeso per positività ad un controllo antidoping) che dovrebbe essere sostituito dal giovane Gravillon, cresciuto nel vivaio nerazzurro.

Inter, k.o. Vanheusden

Zinho Vanheusden

Vanheusden: “Grazie a tutti. E preparatevi, tornerò più forte che mai”

Arrivano brutte notizie sia per Stefano Vecchi che per Luciano Spaletti: Zinho Vanheusden ha subito la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro. Inevitabile uno stop di almeno 5-6 mesi, con il giovanissimo difensore che inizierà la fase riabilitativa in Belgio dopo l’intervento chirurgico del caso.

IL COMUNICATO — Intorno alle ore 16.00 è arrivata anche l’ufficialità da parte del club: “Gli esami clinici e strumentali cui è stato sottoposto il calciatore hanno evidenziato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Nei prossimi giorni il difensore sosterrà un intervento chirurgico“.

Esami per @ZinhoVanheusden. Ecco l’esito 👉http://bit.ly/2ftcePM 

Forza Zinho! 💪 

Photo published for L'esito degli esami di Zinho Vanheusden

L’esito degli esami di Zinho Vanheusden

Lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro per il difensore nerazzurro

inter.it

Blackout Rai: cosa è successo?


Fonte articolo: http://www.msn.com/it-it/video/intrattenimento/blackout-rai-cosa-è-successo-29-09-2017/vp-AAsCJv7

Nel corso della diretta di Storie Italiane, su Rai1, alle 10.41 si è verificato un guasto all’interno di un armadio rack della sala apparati della regia Saxa3 del Centro di produzione di Saxa Rubra. L’avaria ha provocato l’intervento delle protezioni di sicurezza locali e generali dell’impianto elettrico, causando l’interruzione del funzionamento della regia. Nel tempo più breve possibile è stato isolato il problema e sono state ripristinate le funzionalità dell’impianto complessivo. Rai1 si scusa con il pubblico e con lo staff di Storie Italiane e Buono a sapersi per l’interruzione e la mancata messa in onda.

Andrea Fabiano (Bari, 17 maggio 1976) è un dirigente d’azienda italiano, direttore di Rai 1 dal 18 febbraio 2016.

Alcuni twitter: 

Stiamo cercando di risolvere un grave problema tecnico che ha provocato l’interruzione della trasmissione di @RaiUno@storie_italiane

Stiamo risolvendo il problema tecnico che ha causato la temporanea interruzione delle trasmissioni di .
Ora in onda @_Techetechete

La normale programmazione di @RaiUno riprenderà alle 11.45 con @Provadelcuoco

Milano la più grande fattoria in città


Coldiretti: domani a Milano la più grande fattoria in città

Risultati immagini per Castello Sforzesco diventa fattoria

Link: http://villaggio.coldiretti.it/#

L’evento è per domani, venerdì 29 settembre, alle 9,30 a Milano, al Castello Sforzesco

articolo: http://www.affaritaliani.it/milano/milano-coldiretti-domani-a-milano-la-piu-grande-fattoria-in-citta-501420.html?refresh_ce

Milano, Coldiretti: domani a Milano la più grande fattoria in città

Il primo studio sulla rivoluzione green e salutista nei consumi a tavola e negli stili di vita con i primati che il Made in Italy può offrire sarà presentato all’inaugurazione della più grande fattoria mai realizzata in Italia nel centro storico di una città. L’evento è per domani, venerdì 29 settembre, alle 9,30 a Milano, al Castello Sforzesco, da Piazza del Cannone a Piazza Castello alla presenza del ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, il presidente di Federalimentare Luigi Scordamaglia e migliaia di agricoltori che si confronteranno sul tema l’’Italia che investe sul cibo’ insieme ad ospiti.

A ‘#Stocoicontadini’ per la prima volta la bellezza delle mille campagne italiane conquista la città per andare all’origine del Made in Italy e scoprire piante, prodotti, piatti e animali salvati dall’estinzione, ma anche i cibi piu’ antichi, rari, costosi, o i superfood dalle speciali proprietà e le new entry arrivate in Italia con l’innovazione con il biologo naturalista Francesco Petretti e il nutrizionista Giorgio Calabrese.

Castello Sforzesco diventa fattoria

Paura per Aguero


Notte di paura per Aguero, incidente in taxi e costole rotte

Risultati immagini per Aguero

Sergio Leonel Agüero Del Castillo (Buenos Aires, 2 giugno 1988) è un   calciatore argentino, attaccante del Manchester City e della nazionale argentina.

articolo: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/notte-di-paura-160-per-aguero-incidente-in-taxi-e-costole-rotte_1174766-201702a.shtml

Risultati immagini per aguero

Notte di paura per Sergio Agüero. L’attaccante del Manchester City è rimasto vittima di un brutto incidente stradale ad Amsterdam: si trovava a bordo di un taxi che è andato a sbattere contro un palo. Il Kun, salvato dalle cinture di sicurezza, è stato subito trasportato in ospedale: rottura di alcune costole e uno stop di circa due mesi. Una tegola per Pep Guardiola: l’argentino salterà anche il doppio confronto col Napoli in Champions League.

L’auto su cui viaggiava Aguero dopo l’incidente

Risultati immagini per Notte di paura per Aguero

Dai primi rumors il tassista sarebbe uscito di strada per via dell’elevata velocità. A bordo il Kun che era di ritorno dal concerto dell’amico Maluma. Un brutto infortunio che lo terrà lontano dal camp per un po’. Impossibile vederlo in campo il 17 ottobre e l’1 novembre contro il Napoli in Champions. Tegola importante per Guardiola: Agüero, infatti, ha iniziato ottimamente la stagione con 7 gol in 8 presenze. Intanto è tornato a Manchester dove è stato visitato dai medici dei Citizens e dovrà seguire un percorso di riabilitazione.

Risultati immagini per Notte di paura per Aguero

I TWEET DEL KUN

L’argentino ha ringraziato tutti i fan che su Twitter gli hanno inviato messaggi di supporto per l’incidente e l’infortunio, che non è dipeso da lui. Agüero ne ha confermato la dinamica: “Il taxi su cui ero ha fatto una manovra sbagliata ed è andato a sbattere contro un palo. È stato un colpo forte, ma la cintura di sicurezza ha evitato danni maggiori”. Poi ancora un paio di ringraziamenti ai medici che lo hanno aiutato al pronto soccorso, quelli dell’ospedale universitario della capitale olandese e quelli del Manchester City che hanno confermato la diagnosi: fratture alle costole. 

Infine una foto in cui il 29enne di Quilmes sorride nonostante il dolore ed è pronto a iniziare la riabilitazione per tornare in campo il più presto possibile

“29 settembre”


marzo 1967 usciva la canzone ” 29 settembre” son passati 50 anni….

“Seduto in quel caffè, io non pensavo a te…”: ……

 Equipe 84 ♪ 29 Settembre

Versione lucio battisti – 29 settembre

“29 settembre”

Writer(s): Giulio Rapetti Mogol, Lucio Battisti, Renato Angiolini

Seduto in quel caffè

io non pensavo a te.

Guardavo il mondo che

girava intorno a me.

Poi d’improvviso lei sorrise

e ancora prima di capire

mi trovai sottobraccio a lei

stretto come se

non ci fosse che lei.

 

Vedevo solo lei

e non pensavo a te.

E tutta la città

correva incontro a noi.

Il buio ci trovò vicini

un ristorante e poi

di corsa a ballar sottobraccio a lei

stretto verso casa abbracciato a lei

quasi come se non ci fosse che,

quasi come se non ci fosse che lei.

 

Mi son svegliato e

e sto pensando a te…

Ricordo solo che,

che ieri non eri con me.

Il sole ha cancellato tutto

di colpo volo giù dal letto

e corro lì al telefono

e parlo, rido e tu,

tu non sai perché,

t’amo, t’amo e tu,

tu non sai perché…

parlo, rido e tu,

tu non sai perché…

Writer(s): Giulio Rapetti Mogol, Lucio Battisti, Renato Angiolini

Europa League: Clamoroso al Meazza


Clamoroso al Meazza per Milan – Rijeka

Fino al 84′ Milan – Rijeka  2 – 0 

al 89′ Milan – Rijeka  2 – 2

al 93′ Milan – Rijeka  3 – 2 

Risultato Finale : Milan – Rijeka 3 – 2 

Milano, tifosi croati in corteo con i fumogeni : tensione in Duomo prima di Milan – Rijeka

Articolo e video: http://video.corriere.it/milano-tifosi-croati-corteo-fumogeni-tensione-duomo-prima-milan-rijeka/8fde9b86-a464-11e7-b9ac-71d7c26035bb

Fumogeni, corti, cortei: i tifosi croati hanno invaso piazza Duomo a Milano prima della partita di Europa League tra Milan e Rijeka a San Siro. Circa 150 tifosi croati si sono ritrovati dalle prime ore del pomeriggio: hanno esposto un grosso striscione e cantano a squarciagola inni a sostegno della propria squadra

SERIE A TIM – Designazioni 7ª Giornata di Andata


SERIE A TIM – Designazioni 7ª Giornata di Andata

Per il comunicato premere qui: http://www.aia-figc.it/dettaglio.asp?ID=14287

28/09/2017, 12:30

Si rendono noti i nominativi degli Arbitri, degli Assistenti, dei IV Ufficiali, dei V.A.R. e degli A.V.A.R. che dirigeranno le gare valide per la settima giornata di andata del Campionato di Serie A 2017/18 in programma domenica 1 ottobre alle ore 15.00.

ATALANTA – JUVENTUS,  Domenica 1 ottobre 2017, ore: 20.45

  • arbitro: DAMATO 
    asssitenti: VALERIANI – MARRAZZO 
    IV: NASCA 
    VAR: ORSATO 
    AVAR: GHERSINI 

BENEVENTO – INTER,  Domenica 1 ottobre 2017, ore: 15.00

  • arbitro: DOVERI
    assistenti: DE MEO – DI VUOLO 
    IV: FOURNEAU 
    VAR: VALERI 
    AVAR: GIALLATINI 

CHIEVO – FIORENTINA,  Domenica 1 ottobre 2017, ore: 15.00

  • Arbitro: GIACOMELLI
    Assistenti: SCHENONE – LA ROCCA 
    IV: ILLUZZI 
    VAR: MARIANI 
    AVAR: TONOLINI

GENOA – BOLOGNA Sabato 30 settembre 2017, ore: 20.45

  • arbitro: ROCCHI
    Assistenti: DI IORIO – MONDIN 
    IV: DI PAOLO 
    VAR: IRRATI 
    AVAR: BARONI 

LAZIO – SASSUOLO,   Domenica 1 ottobre 2017, ore: 15.00

  • Arbitro: MARESCA
    Assistenti: BINDONI – PRENNA 
    IV: SACCHI 
    VAR: GUIDA 
    AVAR: SAIA 

MILAN – ROMA, Domenica 1 ottobre 2017, ore: 18.00 

  •  Arbitro: BANTI
    Assistenti: CRISPO – COSTANZO 
    IV: MANGANIELLO 
    VAR: MASSA 
    AVAR: AURELIANO

 NAPOLI – CAGLIARI,  Domenica 1 ottobre 2017, ore: 12.30 

  • Arbitro: ABISSO
    AssistentiLONGO – DEL GIOVANE 
    IV: PEZZUTO 
    VAR: CALVARESE 
    AVAR: PILLITTERI 

SPAL – CROTONE,  Domenica 1 ottobre 2017, ore 15,00

  • Arbitro: MAZZOLENI
    AssistentiPERETTI – ZAPPATORE 
    IV: PAIRETTO 
    VAR: PASQUA 
    AVAR: MELI 

TORINO – H. VERONA,  Domenica 1 ottobre 2017, ore 15.00

  • Arbitro: GAVILLUCCI
    Assistenti: POSADO – DEI GIUDICI 
    IV: ABBATTISTA 
    VAR: DI BELLO 
    AVAR: DI FIORE 

UDINESE – SAMPDORIA Sabato 30 settembre 2017, ore: 18.00

  • Arbitro: FABBRI
    AssistentiALASSIO – VIVENZI 
    IV: RAPUANO 
    VAR: TAGLIAVENTO 
    AVAR: GIUA

Bayern: ‘via Ancelotti


Club ufficializza licenziamento. Rummenigge: Carlo resta mio amico

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2017/09/28/ancelotti-si-dimette-e-addio-al-bayern-_d4ec789a-3e04-4194-8c13-70f70f309d42.html

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la pesante sconfitta di ieri sera in Champions in casa del Psg: il 3-0 subito in Francia è costato la panchina del Bayern Monaco a Carlo Ancelotti. “Le prestazioni della nostra squadra sin dall’inizio non sono state all’altezza delle aspettative che avevamo riposto. La partita di Parigi ha dimostrato che dovevamo prendere delle decisioni”, spiega il club bavarese nella nota nella quale si annuncia l’esonero del tecnico emiliano (e di tutto il suo staff: Davide Ancelotti, Giovanni Mauro, Francesco Mauri e Mino Fulco). “Mi dispiace per Carlo, che rimarrà sempre mio amico – le parole di Carl Heinz Rummenigge – ma abbiamo dovuto decidere per il bene del Bayern”. La squadra sarà ora affidata al vice di Ancelotti, Willy Sagno.

Paris Saint-Germain batte Bayern Monaco 3-0

Ma sia Rummenigge sia Hoeness, avrebbero gia’ identificato il vero successore di Ancelotti: il tedesco Thomas Tuchel, ex del Borussia Dortmund è in cima alla lista dei dirigenti del club bavarese. Per Ancelotti si tratta del terzo esonero in carriera, il primo però a stagione in corso visto che le esperienze con Juventus (nel 2001) e Real Madrid (2015) si conclusero comunque a fine stagione.  L’avventura di Ancelotti in Baviera si conclude, dunque, dopo poco più di un anno: in Baviera il tecnico emiliano ha vinto un campionato ed una supercoppa di Germania, ma nel conto c’è anche l’eliminazione ai quarti di Champions (contro il Reale Madrid) nella scorsa stagione. Non solo la debacle in Champions ma anche i risultati altalenanti in Bundesliga (il Bayern è attualmente terzo a tre punti dalla capolista Borussia Dortmund) e i rapporti tesi con i big della squadra hanno portato il club bavarese a decidere per il licenziamento del tecnico. In particolare, molte discussioni avevano sollevato impiego e rendimento di Thomas Mueller.

Bayern Monaco di Carlo Ancellotti vince la supercoppa di Germania

Che il clima non fosse dei migliori lo si era capito già durante il precampionato. Risultati altalenanti, tante critiche per un gioco spesso definito poco brillante (soprattutto rispetto al suo predecessore Guardiola) e soprattutto uno spogliatoio sempre più spaccato. Anche ieri sera Ancelotti ha lasciato in panchina alcuni dei senatori del Bayern (Robben, Ribery e Hummels), segnale evidente di un rapporto più che incrinato; le stesse parole di Robben ieri sera a fine partita hanno evidenziato un clima per nulla sereno.

Bundesliga: Hoffenheim-Bayern Monaco 2-0

Rummenigge striglia il Bayern – Sulla panchina di Carlo Ancelotti hanno pesato le sconfitte contro l’Hoffenheim, in Bundesliga, e quella  per 3-0 subita ieri sera nel Parco dei Principi,contro il PSG 3-0, in Champions. Sui giornali tedeschi si era già aperto il processo all’allenatore italiano e anche il presidente del club bavarese, l’ex attaccante Karl-Heinz Rummenigge, durante la cena con la squadra e i dirigenti, ha parlato di “sconfitta molto amara”. “Questa sconfitta deve avere delle conseguenze – ha detto Rummenigge – e deve costringerci a un’attenta analisi sul momento che stiamo attraversando. Non era il vero Bayern. Ne parleremo oggi e poi trarremo le conseguenze in maniera chiara, netta e precisa”, aveva aggiunto. 

Inter: bilancio 2017, perdita di 24 milioni


Fair play centrato, ricavi aumentati del 33% rispetto al 2016

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/09/27/inter-bilancio-2017-perdita-di-24-mln_9bc34f1b-f9da-49c9-9311-6bc28e0da471.html

Inter, approvato il bilancio

Risultati immagini per Fair play centrato, ricavi aumentati del 33% rispetto al 2016

Il Consiglio d’amministrazione dell’Inter ha approvato il bilancio al 30 giugno 2017 con una perdita di 24 milioni di euro. I parametri del fair play finanziario, al netto delle spese per il settore giovanile, di Inter Campus e di quelle sostenute per gli impianti, sono comunque stati rispettati. I ricavi, rispetto al 2016, sono aumentati del 33%.
Ratificate, inoltre, le nuove nomine dirigenziali, mentre è stato richiesto di fissare una data per l’assemblea dei soci del club entro ottobre.
Risultati immagini per Fair play centrato, ricavi aumentati del 33% rispetto al 2016

articolo: http://www.fcinter1908.it/copertina/cf-inter-gardini-potra-firmare-per-acquisti-fino-a-20-mln-ausilio-fino-a-1-mln-i-nuovi-poteri/

(Fonte: Calcio e Finanza)

di   

  • Alessandro Antonello: nuovo amministratore delegato, “avrà potere di firma per una serie di operazioni non sportive (dalle sponsorizzazioni ai contratti per lo stadio) congiuntamente con Williams per un massimo di 5 milioni; firma congiunta con Williams e Williamson per operazioni finanziare (finanziamenti, fideiussioni) e bancarie per un massimo di 15 milioni; firma congiunta con Gandler o Gardini per le operazioni non sportive ma anche per i contratti di trasferimento dei calciatori fino a 5 milioni di euro. Infine, potere di firma libera per i trasferimenti di calciatori sul mercato fino a 20 milioni di euro e contratti con i giocatori per un massimo di 10 milioni lordi annui”, si legge su Calcio e Finanza.
  • Giovanni Gardini: potere di firma libera e disgiunta per i trasferimenti fino a 20 milioni di euro e la stipulazione di contratti con i calciatori fino a 10 milioni di euro lordi.
  • Piero Ausilio: potere di firma per trasferimenti di calciatori e contratti con calciatori fino ad 1 milione di euro.

La volontà di Suning, si legge nel documento visionato da C&F, è quella di garantire un’attribuzione “di poteri delegati a una più ampia gamma di soggetti con presenza stabile in Italia (seppur con estensioni e soglie diversificate a seconda della qualifica e dell’ area di competenza di ciascuno). Il Presidente sottolinea come, per quanto concerne i poteri di sottoscrizione di contratti in ambito extra-sportivo, il piano preveda un meccanismo di firma congiunta che mira ad assicurare la conformità dei processi decisionali al migliore interesse della Società”

Tour degli Aerosmith cancellato, Steven Tyler sta male:


“Non rischio la vita, ma devo curarmi ora”

Immagine correlata

Il leader del gruppo annuncia su Twitter la cancellazione delle ultime quattro date del tour sud americano della band: “Ho bisogno di fare i conti adesso con questo problema, la salute non può attendere”/

articolo: http://music.fanpage.it/tour-degli-aerosmith-cancellato-steven-tyler-sta-male-non-rischio-la-vita-ma-devo-curarmi-ora/

Le condizioni del cantante degli Aerosmith
Il messaggio di Tyler prosegue con una necessaria rassicurazione rispetto all’entità della sua malattia che, pur non essendo stata definita, non mette a rischio la sua vita: “Non sono in condizioni che mettono a rischio la mia vita, ma ho bisogno di fare i conti adesso con questo problema e curarmi immediatamente per mettere al sicuro le mie future performance. Vi prometto che tornerò presto. Sfortunatamente la salute non può attendere, è qualcosa che non si può programmare e che non può basarsi sull’ordine dei nostri concerti. Come si dice “Noi umani facciamo programmi e, nel frattempo, Dio ride…”. Grazie per il vostro supporto e la vostra comprensione, vi voglio bene e tornerò presto”.

Steven Tyler – I don’t want to miss a thing (Acoustic)

Il messaggio di Steven Tyler ai fan
L’annuncio della cancellazione delle quattro date sudamericane del tour degli Aerosmith è arrivata proprio da Tyler, che ha condiviso un messaggio personale su Twitter rivolto a tutti i fan che lo attendevano in concerto e a tutti gli altri che avrebbero potuto preoccuparsi per le sue condizioni di salute:

 A tutti i fan sudamericani, brasiliani, cileni, argentine e messicani, sono davvero dispiaciuto ed ho la sensazione di avervi abbandonato. Non sarò in grado di esibirmi nelle ultime quattro date di questo tour, sono tornato negli Stati Uniti su ordine dei medici dopo l’ultimo concerto a Sao Paolo. Per favore, non preoccupatevi.

Aerosmith – Live @ Moscow 23.05.2017

Aerosmith – Dream On (with Southern California Children’s Chorus) – Boston Marathon Bombing Tribute

Cassonetti della spazzatura differenziata ‘uguali’ in tutte le città


Cassonetti della spazzatura differenziata ‘uguali’ in tutte le città

articolo: http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/rifiuti_e_riciclo/2017/09/27/rifiuti-cassonetti-differenziata-uguali-in-tutte-le-citta_2f2e859f-ae2a-47fa-a943-dd90e7fecbff.html

Stop a ‘giungla’ di forme,colori, scritte e icone su contenitori

Niente più rifiuti al ‘posto’ sbagliato. D’ora in poi i cassonetti della raccolta differenziata avranno forme, colori, scritte e icone uguali in tutte le città, indicando anche ai turisti dove gettare la plastica, il vetro oppure l’umido. Sarà infatti pubblicata domani la nuova norma dell’Ente italiano di normazione (UNI 11686) sui Waste Visual Elements, cioè gli elementi visivi identificativi dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. L’Italia, si legge in una nota, è il primo Stato europeo a dotarsi di questa norma che vuole, tra l’altro, favorire l’obiettivo Ue del 65% di raccolta differenziata e del 50% di reale avvio a recupero. Attualmente in Italia i Comuni possono decidere autonomamente forme, colori e scritte sui contenitori per la raccolta differenziata: a Roma, ad esempio, il cassonetto verde è sinonimo di indifferenziato mentre a Milano e Napoli accoglie solo il vetro. I romani gettano vetro plastica e metallo nel cassonetto blu che a Milano non esiste mentre a Napoli accoglie l’indifferenziato. E così via. “La Direttiva europea 2008/98/CE e le leggi vigenti – spiega Giovanni Bragadina (esperto del gruppo di lavoro UNI ‘Attrezzature e macchine per la raccolta dei rifiuti’ della Commissione Ambiente) – prevede l’utilizzo di adesivi e di pannelli con colori e grafiche che caratterizzano ogni tipologia di rifiuto. Una semplice riqualificazione grafica migliora l’estetica e, soprattutto, spinge a migliorare la purezza dei materiali conferiti a tutto vantaggio del reale avvio al recupero di materia”. L’UNI è un’associazione privata senza scopo di lucro, i cui soci, oltre 4.000, sono imprese, liberi professionisti, associazioni, istituti scientifici e scolastici e realtà della Pubblica Amministrazione.

Probabili formazioni


Champions League, gruppo C: Qarabag FK-AS Roma (ANSA)

GRUPPO C
Classifica: Chelsea 3, Atletico e Roma 1, Qarabag 0
Probabili formazioni Qarabag-Roma
QARABAG (4-1-4-1): Sehic; Medvedev, Huseinov, Sadygov, Rzezniczak; Garayev; El Younoussi, Michel, Richard, Pedro Henrique; Ndlovu. Allenatore: Gurbanov
A disposizione: 1 Kanibolotskiy, 32 Yanuszada, 7 Amirquliyev, 22 Ismayilov, 91 Diniyev, 11 Madatov, 77 Guerrier. Indisponibili: Agolli 
ROMA (4-3-3): Alisson; Bruno Peres, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Pellegrini, Gonalons, Nainggolan; Defrel, Dzeko, El Shaarawy. Allenatore: Di Francesco
A disposizione: 28 Skorupski, 24 Florenzi, 20 Fazio, 16 De Rossi, 6 Strootman, 17 Ünder, 30 Gerson
Indisponibili: Karsdorp, Perotti, Schick 

Dove vedere Qarabag-Roma?  Per seguirla basterà sintonizzarsi su Premium Sport HD (fischio d’inizio alle 18). Gli abbonati potranno usufruire anche del servizio  streaming Premium Play.

GRUPPO D
Classifica: Barcellona e Sporting 3, Juventus e Olympiacos 0
Probabili formazioni Juventus – Olympiacos

Probabili formazioni

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Sturaro, Barzagli, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain; Allenatore: Allegri

Olympiacos (4-2-3-1): Kapino; Elabdellaoui, Romao, Engels, Diogo Figueiras; Odjidjia-Ofoe, Gillet; Carcela-Gonzalez, Fortounis, Marin; Djurdjevic; Allenatore: Lemonis

Dove vedere Juventus-Olympiacos? La gara verrà trasmessa in diretta esclusiva sui canali Premium Sport e Premium Sport HD. Gli abbonati potranno usufruire anche del servizio streaming Premium Play.

 

INTER, SUNING AL CDA DI OGGI ……..


Inter, Suning al Cda di oggi col sorriso. Non è nel mirino di Pechino

articolo: http://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/27-09-2017/inter-suning-cda-oggi-col-sorriso-non-mirino-pechino-220892782855.shtml

La proprietà non è tra le aziende cui il Governo cinese vieterà investimenti all’estero. Oggi il board nerazzurro

Risultati immagini per Zhang Jindong

Zhang Jindong parteciperà al Cda interista in conference call nella serata di Nanchino (le 13.30 italiane). Stesso destino per gli altri cinesi che siedono nel board (mentre Steven è rientrato a Milano domenica scorsa per assistere al match contro il Genoa), con il presidente Erick Thohir collegato da Giacarta. E’ lo strano Cda di una società che – in attesa di capire cosa ne sarà delle quote indonesiane – però durante l’estate si è data un’anima italiana. Dopo l’arrivo di Sabatini (in quota comunque a Suning Sports), Antonello è stato eletto Ceo, Gardini Cfoo con potere di firma per operazioni fino a 20 milioni. Anche la ratifica delle nuove deleghe è tra i punti all’ordine del giorno, insieme all’approvazione di un bilancio che poi andrà consegnato all’Uefa e all’Assemblea dei soci (in programma a fine ottobre). Centrato il fairplay finanziario, c’è una perdita di 20 milioni legati agli investimenti virtuosi sulle infrastrutture che Nyon lascia scorporare.

Immagine correlata

Oltre al bilancio ripulito, la buona notizia arriva però da Pechino. In attesa del Congresso del partito comunista cinese, il club infatti è tranquillo: Suning non sarà nella «black-list» delle aziende che dovranno continuare a congelare gli investimenti all’estero su sport ed entertainment. Questo non significherà spese folli, ma un vero rinforzo a gennaio probabilmente sì. Anche per la concomitanza con gli eventi cinesi, da confermare la presenza di Zhang al derby del 15 ottobre.

 

“A Ciambra” è il candidato italiano agli Oscar


articolo completo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2017/09/26/a-ciambra-candidato-italiano-a-oscar_0846e8d3-62d4-4267-8539-2c6a226211cf.html

Un anno fa Pietro Bartolo e Lampedusa con il suo carico doloroso di migranti in fondo al mare, quest’anno una comunità ‘diversa’, i rom di Gioia Tauro, con le loro regole, i loro rituali, i rapporti di forza e di solidarietà, un microcosmo che Jonas Carpignano illumina con una potenza che ha conquistato Martin Scorsese, uno dei suoi produttori. Nel 2016 Fuocoammare di Gianfranco Rosi, nel 2017 è A Ciambra il candidato scelto dall’Italia a rappresentarla agli Oscar per la selezione per il miglior film straniero.
Il cammino è appena cominciato ed è lunghissimo: l’annuncio delle nomination è previsto per il 23 gennaio 2018, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 4 marzo 2018.

A Ciambra | Trailer Ufficiale

La commissione – composta da Nicola Borrelli, Cristina Comencini, Carlo Cresto-Dina, Felice Laudadio, Federica Lucisano, Nicola Maccanico, Malcom Pagani, Francesco Piccolo – ha preferito A Ciambra nel gruppo dei 14 film iscritti tra cui La tenerezza di Gianni Amelio e Fortunata di Sergio Castellitto.
A Ciambra, che era stato una delle sorprese di Cannes (Quinzaine des Realizateurs) con ottime critiche, è stato selezionato anche a Toronto in Contemporary World Cinema ed è uscito in sala a fine agosto da Academy Two, presente in una decina di sale destinate dopo questa notizia ad aumentare.

Serie A, Giudice Sportivo: Squalifiche e ammende.


LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A 

Risultati immagini per serie a

Link:

http://www.legaseriea.it/uploads/default/attachments/comunicati/comunicati_m/7440/files/allegati/7490/cu57.pdf

COMUNICATO UFFICIALE (completo) N. 57 DEL 26 settembre 2017 –  

premere qui :  Comunicato ufficiale – 57

DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Il Giudice Sportivo dott. Gerardo Mastrandrea, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante dell’A.I.A. Eugenio Tenneriello, nel corso della riunione del 26 settembre 2017, ha assunto le decisioni qui di seguito riportate:

  •  CALCIATORI
    CALCIATORI ESPULSI – SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    BASELLI Daniele (Torino): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.
    MAGNANELLI Francesco (Sassuolo): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.
    OMEONGA Stephane Richie (Genoa):  per avere  commesso un intervento  falloso  su un
    avversario in possesso di una chiara occasione da rete.
    PISACANE Fabio (Cagliari): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.
    TAARABT Adel (Genoa): per essersi reso responsabile di un fallo grave di giuoco.
  •  ALLENATORI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA
    TOMEI Francesco (Roma): per avere,  al 45° del secondo tempo, a seguito della rete della
    squadra avversaria, proferito per tre volte espressioni blasfeme, chiaramente udite nei pressi della panchina; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale.
  • AMMONIZIONE CON DIFFIDA
    CORRADI Alberto (Genoa): per avere, al termine della gara, contestato platealmente una
    decisione arbitrale.
  • DIRIGENTI
    SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA ED AMMENDA DI € 2.000,00
    MARANGON Alberto (Fiorentina): per avere, al termine della gara, con  atteggiamento
    irriguardoso, rivolto in due occasioni all’Arbitro e al VAR frasi ironiche ed offensive.
  • SQUALIFICA PER UNA GIORNATA
    MOIOLI Mirco (Atalanta): per avere, al 49° del secondo tempo, rivolto gesti provocatori nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale.

Per cosa è stato condannato Andrea Agnelli


Il presidente della Juventus sapeva che la sua società vendeva irregolarmente biglietti agli ultras, ma tutta la storia della ‘ndrangheta è stata smontata

articolo: http://www.ilpost.it/2017/09/26/condanna-andrea-agnelli-spiegazione/

FIGC – Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare – ComunicatoUfficiale N. 11-TFN

Lunedì 25 settembre il Tribunale Federale Nazionale della FIGC ha inibito per 12 mesi il presidente della Juventus Andrea Agnelli per avere violato gli articoli 1bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi) del codice di giustizia sportiva. La sentenza – alla quale sia Agnelli che la procura hanno intenzione di fare appello, e che quindi potrebbe cambiare nel secondo grado – arriva al termine di una lunga e discussa inchiesta sui rapporti tra la dirigenza della Juventus e i gruppi della tifoseria organizzata sulla vendita dei biglietti. In breve, il TFN ha accertato che la Juventus ha avuto rapporti con gli ultras vendendo con modalità irregolari e per un lungo periodo lotti di biglietti per garantire l’ordine pubblico nello Juventus Stadium. 

La sentenza del TFN, infatti, accerta che la Juventus ha intrattenuto rapporti con i gruppi ultras, vendendo loro biglietti «oltre il limite normativo», cioè di quattro a persona. Secondo la sentenza, questo comportamento della Juventus è andato avanti almeno per cinque stagioni (tra quella 2011/2012 e 2015/2016), e si inseriva in una strategia della società per «ricucire i rapporti con gli ultras e ad addolcire ogni confronto con i Club, al punto da favorire concretamente ed espressamente le continue richieste di agevolazioni così da rendersi disponibili a scendere a patti pur di non urtare la suscettibilità dei tifosi, il cui livore avrebbe comportato multe e sanzioni alla Juventus». Questo comportamento viola l’articolo 12 del codice di giustizia sportiva, che dice che per le società è vietato «contribuire, con interventi finanziari o con altre utilità, alla costituzione e al mantenimento di gruppi, organizzati e non, di propri sostenitori, salvo quanto previsto dalla legislazione statale vigente».

La Juventus aveva ammesso questo reato nella sua difesa, sostenendo però che Agnelli non sapesse nulla e che la responsabilità fosse di Francesco Calvo, all’ epoca direttore commerciale della Juventus, di Stefano Merulla, responsabile del ticket office, e di Alessandro Nicola D’Angelo, security manager, le altre tre persone condannate ieri dal TFN. Nella difesa, Merulla e D’Angelo dicevano di averlo fatto «con ragioni di ordine pubblico che imponevano un dialogo maggiormente acquiescente da parte della dirigenza nei confronti della tifoseria», e spiegavano di avere informazioni sulla possibile operazione di bagarinaggio ma di non averci avuto niente a che fare.

Il TFN ha smentito la difesa di Agnelli, stabilendo che il presidente della Juventus non potesse non sapere, e che «abbia agevolato e, in qualche modo avallato o comunque non impedito» questo comportamento. A sostegno di questa tesi, il TFN cita il fatto che i biglietti venduti in questo modo sono stati tanti e per molto tempo, che Calvo non avesse una delega formale che ne specificasse queste responsabilità, e soprattutto che lo stesso Agnelli abbia incontrato personalmente membri della tifoseria organizzata.

Su quest’ultimo punto si sono sviluppate, per via delle intercettazioni fatte trapelare da chi conduceva l’indagine, le teorie poi smentite dal TFN. L’accusa sosteneva infatti che Agnelli sapesse che alcuni tifosi con cui la Juventus trattava fossero membri della ‘ndrangheta. Nello specifico l’accusa si riferiva a Rocco Dominello, esponente del tifo organizzato juventino coinvolto in una recente inchiesta giudiziaria per via dei suoi presunti rapporti con la cosca Pesce-Bellocco. Pecoraro, secondo i giornali, aveva parlato in una sessione secretata della Commissione antimafia di un’intercettazione nella quale Agnelli di fatto sembrava ammettere di sapere che Dominello era legato alla ‘ndrangheta: si era però poi scoperto che non era Agnelli a parlare al telefono, e che le reali parole pronunciate erano diverse. Pecoraro aveva detto che la sua era stata «un’interpretazione».

Il TFN ha stabilito che Agnelli incontrò Dominello, ma che fu una frequentazione «sporadica ma soprattutto inconsapevole con riferimento alla conoscenza del presunto ruolo malavitoso dei soggetti citati». Agnelli, secondo il TFN, era «completamente ignaro in merito alla peculiarità illecita del personaggio Rocco Dominello, presentatosi ai suoi occhi come deferente tifoso, ma non già come soggetto incline alla pericolosità sociale». Il TFN ha detto che la notizia che Dominello era coinvolto in un’inchiesta per criminalità organizzata venne fuori dopo la frequentazione con i dirigenti della Juventus, e che «non appena appresa la notizia connessa allo status malavitoso, ogni contatto ebbe immediato termine». La parte dell’indagine sulla “Juventus e la ‘ndrangheta”, quindi, è stata smontata dal TFN.

La parte confermata, invece, è quella che riguarda i rapporti tra dirigenti e ultras: è un tema molto attuale e controverso del calcio, non solo italiano, e riguarda quasi tutte le società. Il tema è il potere di ricatto dei gruppi ultras, che con i loro comportamenti allo stadio possono dare enormi problemi alle società: multe, partite a porte chiuse e danni di immagine, per esempio, con le relative ripercussioni economiche. L’influenza degli ultras sulle decisioni delle società, e l’eccessiva conseguente tolleranza nei loro confronti delle dirigenze sportive, è considerato uno dei problemi più gravi del calcio italiano: nel caso della Juventus, è stato accertato che questa tolleranza è sconfinata in un comportamento che va contro la giustizia sportiva.

Nell’accusa si sosteneva anche che Agnelli avesse acconsentito, in occasione di un derby contro il Torino del 23 febbraio 2014, all’introduzione nello stadio di uno zaino con “materiale pirotecnico vietato”, per tenersi buoni gli ultras. Il TFN ha stabilito che lo zaino fu fatto entrare, ma che Agnelli non ne sapesse niente: anche perché dopo Agnelli telefonò a D’Angelo, arrabbiandosi per quello che era successo.

Il tribunale ha respinto la richiesta della procura di far disputare alla Juventus due partite a porte chiuse, e ha specificato nella sentenza che la procura non aveva giustificato le ragioni dietro la richiesta di una pena più alta per Agnelli (due anni e sei mesi) rispetto agli altri imputati, nonostante la condotta contestata fosse la stessa.

Cosa succede adesso ad Andrea Agnelli
Concretamente, per Agnelli l’inibizione significa che non potrà rappresentare la Juventus
«in attività rilevanti per l’ordinamento sportivo nazionale e internazionale». Non potrà inoltre entrare negli spogliatoi in corrispondenza delle partite, nemmeno nei locali vicini, e nemmeno nelle amichevoli organizzate dalla FIGC. Non potrà infine partecipare a incontri con tesserati della FIGC, cioè con i calciatori che giocano in Italia, né con agenti di calciatori. Agnelli resterà presidente della Juventus ma non potrà fare concretamente molte delle cose che faceva finora, e che quindi dovrà delegare a qualcun altro. Il TFN ha stabilito che potrà rimanere presidente dell’European Club Association (ECA), un’organizzazione che rappresenta i club di calcio europei, carica per la quale è stato eletto a inizio settembre. Allo stesso modo potrà continuare a fare parte dell’esecutivo della FIFA.

Insieme ad Agnelli sono stati condannati anche Calvo, Merulla e D’Angelo: tutti a 20mila euro di multa, i primi due a un anno di inibizione, il terzo a un anno e tre mesi. La Juventus è stata poi multata per 300mila euro.

Calciopoli: Fiorentina ‘imputata’ per falso bilancio


Gip, per non aver accantonato il risarcimento al vecchio Bologna

Risultati immagini per della valle

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/09/25/calciopoli-fiorentina-sara-imputata_3a5a700d-9b20-43f8-ab2a-7988e206192c.html

 I vertici della Fiorentina saranno imputati per il mancato accantonamento nel bilancio della somma che il club potrebbe dover corrispondere a titolo di risarcimento per Calciopoli. Il gip di Firenze Matteo Zanobini, infatti, non ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura, ma ha disposto che venga formulata l’imputazione per 16 persone, tra componenti del cda e del collegio sindacale della Acf Fiorentina Spa.
    L’accusa è di false comunicazioni sociali e riguarda, appunto, il bilancio chiuso il 31 dicembre 2015 e la somma da risarcire, su cui è in corso un giudizio civile, alla società Victoria 2000, che controllava il Bologna all’epoca di proprietà di Giuseppe Gazzoni, finita in amministrazione in seguito allo scandalo che determinò la retrocessione in Serie B nel 2005. La stessa Victoria aveva fatto denuncia e con l’avvocato Simone Sabattini si era opposta all’archiviazione. Tra i 16, anche Andrea e Diego Della Valle, Sandro Mencucci e l’attuale presidente Mario Cognigni.

Peggiorano le condizioni di Salvador Sobral:


“Eʼ una corsa contro il tempo”

Risultati immagini per salvador sobral,

Salvador Vilar Braamcamp Sobral (Lisbona, 28 dicembre 1989) è un cantante portoghese.Ha vinto l’Eurovision Song Contest 2017 per il Portogallo con la canzone Amar pelos dois, scritta dalla sorella Luisa Sobral, prima vittoria per lo stato iberico.

articolo: http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/peggiorano-le-condizioni-di-salvador-sobral-e-una-corsa-contro-il-tempo-_3096918-201702a.shtml

Lʼartista portoghese ha bisogno di un trapianto di cuore il prima possibile. Secondo i media locali, la situazione è “preoccupante”

Risultati immagini per Salvador Sobral,

Sono rapidamente peggiorate le condizioni di Salvador Sobral, il vincitore dell’Eurovision Song Contest 2017 ricoverato la settimana scorsa all’ospedale Santa Cruz en Carnaxide di Lisbona per gravi problemi al cuore. Secondo i media portoghesi, la situazione in cui si trova l’artista è “preoccupante“, dato che ha bisogno di un trapianto di cuore. In proposito, si parla ormai di una “corsa contro il tempo“.

Salvador Sobral – Amar Pelos Dois (Portugal) Eurovision 2017 – Official Music Video

Le condizioni del cantante – collegato a una macchina che supporta l’attività degli organi vitali – inizialmente erano state definite “stabili”, grazie anche al costante monitoraggio del suo stato di salute. Verso il 23-24 settembre, tuttavia, è arrivato un significativo peggioramento. Per non affaticarlo, le visite di amici e parenti sono state ridotte al minimo.

Il ritiro – Qualche settimana fa l’artista aveva annunciato l’intenzione di ritirarsi temporaneamente dalle scene per i suoi noti problemi di cuore. Significativo, in particolare, quanto da lui dichiarato durante un concerto a Estoril, in Portogallo, durata solo un’ora e mezza, in cui i fan avevano simbolicamente portato tanti palloncini a forma di cuore. “Spero che uno di questi mi possa servire“, aveva detto Sobral in quell’occasione.

Salvador Sobral – “Change” – Ao vivo | RTP

Agg. Napoli: Milik, operazione riuscita


Tempi recupero simili a quelli dello stesso infortunio

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/09/25/napolissmilik-operazione-riuscita_0c2379d5-a6a8-421b-a62f-ca9ce87d9564.html

“Il Professor Mariani ha completato a Villa Stuart l’intervento al ginocchio destro di Arek Milik. Non si è trattato di una lesione isolata ma complessa, e l’intervento è perfettamente riuscito“. Lo fa sapere il Napoli suo suo sito. “Il ginocchio è stato rinforzato e l’attaccante azzurro tornerà in tempi simili a quelli dello scorso infortunio”.

Commento: inizia la parte più difficile e lunga, la riabilitazione, rinnovo il mio in bocca al lupo. 

Rapporti con ultrà non consentiti,


il presidente della Juventus Agnelli inibito per 12 mesi

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/09/25/ultra-agnelli-inibito-per-12-mesi_9c8a9322-c579-484f-9b32-a79ae5b2bfe5.html

Tribunale Figc dispone anche ammenda di 300 mila euro per il club bianconero

Risultati immagini per andrea agnelli

Un anno di inibizione per il presidente della Juventus Andrea Agnelli, ammenda di 300 mila euro per il club bianconero. E’ questa la sentenza del Tribunale nazionale della Federcalcio nel processo al massimo dirigente juventino per i rapporti non consentiti con i tifosi ultrà. La Procura federale aveva chiesto 30 mesi di inibizione per il presidente e due turni a porte chiuse per la società.

Capo Procura Pecoraro: “Soddisfatto in parte, presenteremo ricorso” – “Sono parzialmente soddisfatto perché siamo riusciti a provare la colpevolezza di tutti, ma i fatti sono talmente gravi che secondo me andavano sanzionati di più: per questo presenteremo ricorso”. Il capo della Procura Figc, Giuseppe Pecoraro, al telefono con l’Ansa commenta la sentenza del tribunale sulla vicenda Agnelli-ultrà e annuncia ulteriore battaglia legale. “Credo sia utile la valutazione di un’altra corte,tenendo presente che le risorse derivanti dal bagarinaggio sono andate alla criminalità organizzata,e questo è gravissimo”.

Nomadi, dal 6 ottobre singolo ” Decadanza “


Con la nuova voce della band, anticipa album in uscita il 27/10

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2017/09/22/nomadi-dal-6-ottobre-singolo-decadanza_86939d56-c101-44f1-88fb-3366aa6b4cdb.html

(ANSA) – ROMA, 22 SET – Dal 6 ottobre sarà disponibile “Decadanza“, il nuovo singolo dei Nomadi che anticipa il nuovo album di inediti in uscita il 27 ottobre (Edizioni e Produzioni I Nomadi/distribuzione Artist First). “Decadanza” (testo di Marco Rettani, Marco Petrucci e Massimo Vecchi – musica di Beppe Carletti e Francesco Ferrandi) è il primo brano inedito dei Nomadi cantato da Yuri Cilloni, nuova voce della band, insieme a Massimo Vecchi. Prosegue intanto “La storia continua tour”, uno spettacolo che ripercorre le grandi canzoni dei Nomadi.

Grillo in disco:”C’è puzza d’ascella manco il Psd’Az”


Beppe Grillo in disco pub: “Belìn, c’è una puzza che neanche il Partito sardo d’azione”

http://www.lanuovasardegna.it/sassari

Beppe Grillo

articolo: http://www.lanuovasardegna.it/regione/2017/09/24/news/beppe-grillo-in-disco-pub-belin-c-e-una-puzza-che-neanche-il-partito-sardo-d-azione-1.15896512

La frase è stata riportata da un quotidiano nazionale in un articolo di analisi della figura politica del leader del Movimento 5Stelle nell’occasione delle primarie di Rimini dove è stato incoronato candidato premier Luigi Di Maio

articolo: http://www.castedduonline.it/grillo-discoce-puzza-dascella-manco-psdaz-solinaschieda-scusa/

Alla infelice frase pronunciata ieri in un disco pub da Beppe Grillo “Belin, c’è una puzza di ascelle che nemmeno nel partito sardo d’azione” risponde a tono Christian Solinas, segretario nazionale del PSd’Az, 

« In quasi un secolo di storia il Partito Sardo d’Azione ha superato i tempi della monarchia e della dittatura ed è stato presente nell’Assemblea Costituente e nelle istituzioni repubblicane senza mai dover cambiare il proprio nome, il proprio simbolo, i propri ideali. Siamo da sempre, fieramente ed orgogliosamente, un partito rappresentativo di un Popolo e di una Terra alla quale Grillo dovrebbe rispetto e deferenza. Non foss’altro che ha sacrificato sulle trincee del Carso e del Monte Zebio intere generazioni di propri giovani; ragazzi che hanno dato la loro vita per realizzare e difendere i confini di quell’Italia che oggi egli si candida a governare con il suo Movimento. E noi sardisti siamo gli eredi di quel combattentismo reduce e portiamo ancora nella nostra bandiera il listato a lutto per ricordare quel sacrificio immenso e quei valori eroici che sono nel nostro dna e nella storia della nostra Isola.

“Certe espressioni – scrive Solinas sul suo profilo Facebook – qualificano chi le pronuncia e svelano finalmente quale sia il loro concetto borghese e salottiero del Popolo: da incantare ed usare per i propri fini. Bene farebbe Grillo a fare ammenda e chiedere pubblicamente scusa ai Sardi ed al Partito Sardo d’Azione.Comunque, per parte nostra, noi lo invitiamo a venire il 21 ottobre in Sardegna, al Villaggio Minerario di Rosas, dove il PSd’Az terrà la sua prossima conferenza programmatica per lanciare la sfida del governo, così che possa verificare personalmente che l’unico “odore” che si respira in casa nostra – tolto l’aroma del cisto, dei ginepri e del vento che spazza dal mare i nostri monti – è quello della storia, dell’impegno e della passione politica, della vittoria dei nostri valori e ideali che andiamo costruendo ».

nuovo blog


attivato nuovo blog: “alessandro54 – nostalgia canaglia”

http://alessandro54.myblog.it

un ricordo del mio paese di nascita

La grande notte dei Rolling Stones a Lucca


Concerto sotto mura storiche, unica data italiana No Filter Tour

articolo completo su: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/2017/09/23/la-grande-notte-dei-rolling-stones-a-lucca_9b5db4c6-a010-4ab1-a7d8-12b5b8553a7f.html

Lucca, i Rolling Stones arrivano in città: fan in delirio

Tra sbuffi di fumo e lampi rosso fuoco, la lunga notte di Lucca ha avuto il suo battesimo profano. Concerto evento doveva essere, e concerto evento è stato: i Rolling Stones hanno osato ancora e, dopo il Circo Massimo a Roma nel 2014, stavolta si sono presi le mura storiche di Lucca, per l’unica data italiana del No Filter Tour, partito da Amburgo il 9 settembre (si concluderà il 22 ottobre a Parigi). In 56 mila hanno risposto all’appello del quartetto di ultrasettantenni che non smette mai di stupire sul palco.Risultati immagini per rolling stone a lucca

 Nonostante l’età, nonostante gli acciacchi, nonostante quell’ultimo concerto sempre ipotizzato, ma finora rimandato all’infinito. “Ciao Lucca, ciao Toscana, ciao Italia. Come state tutti? Questa è la prima volta che suoniamo in Toscana”, dice Mick Jagger, entrando in scena per primo in luccicante giacca di lamè dorato e camicia viola, e in un italiano quasi perfetto,

Che grandissima emozione oggi nel pre dei con 🎶😄

I Rolling Stones Incantano Lucca

Risultati immagini per rolling stone a lucca

Rolling Stones Lucca 23/09/2017 (I Can’t Get No) Satisfaction

Rolling Stones Lucca 23/09/2017 Concert Start – Sympathy For The Devil –

Rolling Stones – Con Le Mie Lacrime (“As Tears Go By”) – Live at Lucca, Italy, 2017.09.23

Lucca Italy 23-9-2017 Mick Jagger – The Rolling Stones in Close-up

Napoli, per Milik rottura del crociato: rischia un lungo stop


Altro grave infortunio al ginocchio per il polacco, domani ultimi accertamenti a Villa Stuart e poi di nuovo sotto i ferri

Risultati immagini per milik

Arkadiusz Milik, noto anche con il diminutivo Arek (Tychy, 28 febbraio 1994), è un calciatore polacco, attaccante del Napoli e della nazionale polacca.

articolo: http://www.quotidiano.net/sport/calcio/milik-infortunio-1.3421974

Napoli, 24 settembre 2017 – Il dramma non ha fine per Arek Milik. Dopo il grave infortunio dell’anno scorso al ginocchio sinistro, out quattro mesi, il polacco dovrà quasi certamente sottoporsi ad un intervento chirurgico per la rottura del crociato destro patito a Ferrara contro la Spal. Stamattina Milik si è sottoposto ad una risonanza magnetica a Pineta Grande, dalle indiscrezioni pare confermata la rottura e, di conseguenza, un altro lungo stop. Notizie certe e ufficiali non ce ne sono, ma domani l’attaccante verrà visitato dal professor Mariani a Villa Stuart, colui che lo curò anche la passata stagione: se la diagnosi verrà confermata si procederà presto all’intervento chirurgico. Potrebbero volerci altri 4-5 mesi di stop.

Spal-Napoli 2-3 L’infortunio di MILIK

Commento: sono tifoso nerazzurro, ma queste cose vanno oltre il tifo, un grosso in bocca al lupo per una pronta guarigione.

MotoGp, Aragon: Marquez vince e va in fuga,


Dovizioso solo settimo. Rossi gigante, è quinto

articolo completo: http://www.repubblica.it/sport/moto-gp/2017/09/24/news/marquez_vince_aragon_rossi_quinto-176375070/?ref=RHPPBT-VS-I0-C6-P8-S1.6-T1

Lo spagnolo ha ora 16 punti di vantaggio sul forlivese, alla peggior gara della stagione. Sul podio anche Pedrosa e la Ducati di Lorenzo. Valentino, a 24 giorni dalla frattura di tibia e perone, completa una prova da fenomeno.

MotoGp, Aragon: Marquez vince e va in fuga, Dovizioso solo settimo. Rossi gigante, è quinto

ALCANIZ – Ha vinto il più intrepido, il più forte: Marquez, partito dalla seconda fila dopo l’ennesimo capitombolo di sabato, ha macinato tutti gli avversari e con questi 25 – meritatissimi – punti va in fuga. Il catalano ora ha 16 punti di vantaggio in classifica sul peggior Dovizioso della stagione, 7° al termine di una gara da dimenticare. Il quinto posto sul traguardo di Rossi conta come un successo, perché il pesarese è stato protagonista di una gara straordinaria per coraggio e tempra. A 24 giorni dalla frattura di tibia e perone era già un miracolo vederlo al via. Purtroppo il pesarese viene superato nel ranking da Pedrosa (ora è 5°, a -56 dal leader), con Dani che oggi completa la doppietta Honda.

articolo completo: http://www.repubblica.it/sport/moto-gp/2017/09/24/news/rossi_fatto_il_massimo_-176384443/?ref=nrsc

Dopo il Gp di Aragon, Valentino ammette: “Una settimana fa pensavo di guardare questa gara a casa, ho fatto il massimo, avevo un po’ di dolore ma sono riuscito a spingere fino alla fine“. Lo spagnolo: “In quattro gare può succedere di tutto”. Dovizioso: “Persi punti fondamentali”

MotoGp, Rossi: "Che soddisfazione esserci, alla fine ero cotto". Marquez: "Passo importante"

A livello fisico la risposta è andata ben oltre le aspettative. “Abbiamo fatto un grande lavoro a casa – prosegue Rossi -. Poco dopo l’infortunio abbiamo cercato di fare il massimo per la gamba ma mantenendo allenato anche il resto del corpo perchè 23 giri qui sono difficili anche se sei in forma. Negli ultimi giri ero abbastanza cotto, facevo fatica nei cambi di direzione, avevo un pò di dolore ma sono riuscito a spingere fino alla fine. Nel 2010 ho saltato 3-4 gare e ci ho messo un pò di tempo per ritrovare certi automatismi invece oggi, saltandone solo una, sono andato bene sin dall’inizio. Ora lavoriamo forte, ci sono due settimane e voglio arrivare a Motegi se non al 100% ma abbastanza in forma”.

Monza, Lambro “invaso” da 200 litri di gasolio:


si indaga per individuare i responsabili

articolo: https://www.facebook.com/repubblica.milano/?hc_ref=ARQ-4KgiQHcCn8TVsg-L5wsDjALFST3EzYfjnk5dYkyPe2RIm-_NwVOERx9v_GOtgq8&fref=nf

Sul posto sono intervenuti i tecnici dell’Arpa e i vigili del fuoco che hanno eseguito le operazioni di ripulitura delle acque

Circa 200 litri di gasolio sono confluiti nelle acque del Lambro, all’altezza del comune di Briosco, in provincia di Monza e Brianza. L’allarme è scattato intorno alle 15.30. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Milano, che hanno eseguito le operazioni di pulitura dell’acqua, e i tecnici dell’Arpa. L’interveno di “bonifica” si è concluso dopo alcune ore.

Al momento non si è stati in grado di capire da dove abbia avuto origine lo sversamento di gasolio e si indaga per individuare i responsabili. Sul posto sono intervenute anche la polizia provinciale di Monza e Brianza e la polizia locale di Briosco.