Archivi del giorno: 3 settembre 2017

Milano: Nasce il nuovo Anteo


Nasce il nuovo Anteo: film on demand e baby sitter al cinema

articolo completo: http://www.corriere.it/spettacoli/17_settembre_04/al-cinema-film-on-demand-baby-sitter-0d8e9370-90d2-11e7-8eb0-0c961f9191ec.shtml

A Milano inaugurano l’8 settembre le 10 sale, tra librerie, ristoranti e spazi culturali
Lo storico gestore Cerri: «Niente cinepanettoni, al centro l’attenzione sociale»

«È un sogno che si realizza — racconta Lionello Cerri, gestore di Anteo —. Siamo partiti da un’unica sala per arrivare a questo progetto». Non ama definirlo una multisala, proprio perché non è solo una moltiplicazione dei posti a sedere. «Il Palazzo del Cinema sarà un posto in cui potersi incontrare, in cui troveranno spazio tante forme di spettacolo, perché non si proiettano più solo film ma anche concerti, spettacoli teatrali, opere. Sarà un posto dove crescere culturalmente grazie ad incontri e corsi. E anche un posto in cui divertirsi».

3 settembre 1982 – 35 anni dall’uccisione del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa


« Mi mandano in una realtà come Palermo con gli stessi poteri del prefetto di Forlì, se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue istituzioni e delle sue leggi, non possiamo delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti. »
(Carlo Alberto dalla Chiesa)

DallaChiesa.jpg

Carlo Alberto dalla Chiesa (Saluzzo, 27 settembre 1920 – Palermo, 3 settembre 1982) è stato un generale e prefetto italiano.

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Alberto_dalla_Chiesa

Il 3 settembre 1982  fu ucciso in un agguato mafioso assieme alla moglie e a un agente di scorta.

Alle ore 21:15 del 3 settembre 1982 la A112 sulla quale viaggiava il Prefetto, guidata dalla moglie Emanuela Setti Carraro, fu affiancata in via Isidoro Carini a Palermo da una BMW, dalla quale partirono alcune raffiche di Kalashnikov AK-47, che uccisero il Prefetto e la moglie.

Nello stesso momento l’auto con a bordo l’autista e agente di scorta, Domenico Russo, che seguiva la vettura del Prefetto, veniva affiancata da una motocicletta, dalla quale partì un’altra micidiale raffica, che uccise Russo.

Emanuela Setti Carraro, seconda moglie del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, assassinata dalla mafia assieme al marito a Palermo il 3 settembre 1982.

 

 

 L’agente di Polizia Domenico Russo, scorta del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, deceduto a Palermo il 15 settembre 1982 per le ferite riportate nell’attacco mafioso al generale e a sua moglie.

 

 

 

Il generale Dalla Chiesa è una miniserie televisiva del 2007 diretta da Giorgio Capitani, in due puntate trasmessa in prima TV da Canale 5, il 10 e 11 settembre del 2007.

4 settembre 2006 ci lasciava Giacinto Facchetti


Undici anni fa moriva Giacinto Facchetti: era il 4 Settembre 2006

Risultati immagini per giacinto facchetti

Giacinto Facchetti (Treviglio, 18 luglio 1942 – Milano, 4 settembre 2006) è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo difensore, impiegato principalmente come terzino e occasionalmente come libero.

Risultati immagini per giacinto facchetti

Fonte: http://it.blastingnews.com/calcio/2016/09/dieci-anni-fa-moriva-giacinto-facchetti-era-il-4-settembre-2006-001097247.html

Dire che si trattasse semplicemente di una bandiera nerazzurra sarebbe dire poco. Giacinto Facchetti è stato per l’#Inter molto più di una delle tante stelle del calcio che hanno vestito quella casacca per tanti anni, anche perché i grandi campioni passano, ma un uomo come lui quelle tinte a strisce ce le aveva tatuate sul corpo e se le è portate addosso con fierezza per tutta la vita, fino a quel 4 settembre del 2006, quando nonostante una dura lotta ha perso la sua battaglia con la malattia.

Giacinto Facchetti – Intervista Inter Channel 2004

Ricordiamo anche Gaetano Scirea deceduto il 3 settembre 1989 

Risultati immagini per gaetano scireA

Gaetano Scirea (Cernusco sul Naviglio, 25 maggio 1953 – Babsk, 3 settembre 1989) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo difensore.

Il 3 settembre 1989, da allenatore in seconda della Juventus, Scirea venne incaricato di visionare un incontro del prossimo rivale dei piemontesi in Coppa UEFA, il Górnik Zabrze, recandosi in Polonia; data la modesta caratura degli avversari, sia lui sia il tecnico Dino Zoff ritenevano superfluo tanto scrupolo, ma entrambi si attennero alle disposizioni della dirigenza bianconera. Durante il viaggio di ritorno verso Varsavia, dove avrebbe dovuto prendere il volo per Torino, accompagnato da un autista locale, da un interprete e da un dirigente del Górnik, la vettura su cui era a bordo fu tamponata da un furgone nei pressi di Babsk, prendendo fuoco anche a causa di quattro taniche di benzina che erano state stipate nel bagagliaio in caso di necessità. Dei quattro occupanti si salvò solo il dirigente della squadra polacca che, seduto sul sedile anteriore, ed essendosi aperto lo sportello alla sua destra durante il tamponamento, poté uscire dal veicolo. Per Scirea, l’autista e l’interprete il rogo fu fatale, visto che, in base agli esiti dell’autopsia, non avevano riportato lesioni nell’impatto. Scirea fu soccorso e trasportato presso un ospedale vicino ma, a causa delle gravi ustioni riportate, i medici non poterono fare altro che constatarne il decesso.