“Atleti transgender, basta test e terapie”: le nuove regole del Cio per le Olimpiadi


articolo: https://www.repubblica.it/sport/vari/2021/11/17/news/regole_atleti_transgender_olimpiadi-326750237/

Pronto un decalogo che però diverrà legge non prima di marzo 2022. Valentina Petrillo, quattrocentista paralimpica trans: “Finora ci indagavano come delinquenti”

 Quinn (Canada) –  Laurel Hubbard (Nuova Zelanda).


Un decalogo per una rivoluzione. Dopo aver superato un tabù con Laurel Hubbard e Quinn ai Giochi di Tokyo, le prime atlete transgender nella storia delle Olimpiadi, lo sport potrebbe essere finalmente entrato in una nuova era, quella dell’inclusività, della non-discriminazione. Il Cio ha scelto questa strada. E tra le dieci regole, lanciate martedì in un documento destinato a fare giurisprudenza, una colpisce in particolare: agli atleti non verrà più chiesto di sottoporsi a procedure mediche non necessarie per rientrare nei criteri di eleggibilità per uno sport.

Nessun atleta, che sia uomo, donna o in una condizione di transizione tra l’uno e l’altro sesso (transgender e intersex), sarà più sottoposto a test medici per determinare il proprio genere di appartenenza. Il Comitato olimpico internazionale demanda alle singole federazioni il compito di stabilire dei criteri oggettivi per salvaguardare il normale svolgimento delle gare e impedire che atleti godano di vantaggi rispetto ai propri concorrenti.  continua a leggere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...