Archivi del giorno: 31 dicembre 2020

Premier League, rinviata per Covid anche Tottenham-Fulham. La Lega: “Il campionato va avanti”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2020/12/30/news/premier_league_coronavirus_rinviata_anche_tottenham-fulham-280476370/

Dopo Everton-City, slitta a data da destinarsi anche la partita di Londra a causa di nuovi contagi nei Cottagers su richiesta proprio degli ospiti. Mourinho poco prima su Instagram: “Partita alle 18… E ancora non sappiamo se giocheremo. La miglior Lega del mondo”

LONDRA – Un’altra partita di Premier League rinviata causa coronavirus. Dopo Everton-Manchester City, rinviata non senza polemiche soprattutto da parte della squadra di Ancelotti, slitta a data da destinarsi il match della sedicesima giornata, Tottenham-Fulham, in programma mercoledì 30 alle 19 italiane, a causa di nuovi contagi nei Cottagers.

Rinvio chiesto dal Fulham – A chiedere il rinvio della gara è stato lo stesso Fulham, come conferma in una nota anche il Tottenham, e la Premier League ha dato il suo ok, con buona pace del manager José Mourinho che poco prima aveva postato su Instagram: “Partita alle 18… E ancora non sappiamo se giocheremo. La miglior Lega del mondo“.

Contagi in aumento. La Lega: la Premier non verrà sospesa – I contagi di coronavirus stanno crescendo esponenzialmente nel Regno Unito, tanto che lunedì sono stati annunciati 18 casi in Premier fra giocatori e staff, il più alto numero registrato da quando vengono effettuati controlli settimanali. Già lo scorso 4 dicembre, inoltre, era stata rinviata Aston Villa-Newcastle per il crescente numero di casi positivi fra i Magpies e Scott Parker, il manager del Fulham, non è andato in panchina nella sfida del Boxing Day contro il Southampton perché in isolamento dopo che un suo contatto aveva contratto il coronavirus. Ieri Sam Allardyce, manager del West Bromwich, aveva invitato la Lega a riflettere sulla possibilità di sospendere il campionato vista la situazione.

In serata la Lega inglese ha diramato una nota per precisare che “non e’ stato discusso di sospendere la stagione, ne si prevede di farlo. La Lega continua ad avere fiducia nei suoi protocolli per il Covid-19 perchè consentano di continuare a giocare secondo calendario e questi protocolli continuano ad avere il pieno sostegno del governo. Con la salute di giocatori e staff come priorità, la Lega appoggia in pieno il modo in cui i club stanno implementando i protocolli“.

Capodanno a Milano, i “pensieri illuminati” accendono il Duomo


articolo: https://www.milanoevents.it/2020/12/30/concerto-duomo-milano-capodanno-pensieri-illuminati/

Il 31 dicembre il cuore di Milano si accende con l’arte per scandire il passaggio tra il 2020 e il 2021. Un Capodanno atteso e diverso, che trascorreremo nelle nostre case lasciando vuote le strade e le piazze, ma che il Comune di Milano ha scelto di celebrare con Pensieri Illuminati di Felice Limosani e Beatrice Venezi: un’opera d’arte totale metafora di condivisione e rinascita, visibile solo in streaming, dalle 22.30 del 31 dicembre 2020
Prodotto da Comune di Milano, Videomobile e Area 62, con la regia di Marco Boarino, coniuga arti visive digitali, musica orchestrale diretta dal vivo, canto e prosa teatrale nei luoghi simbolo della vita civile, culturale e religiosa di Milano: Duomo, Sala delle Cariatidi, Palazzo Reale e Museo del Novecento.
Lo spettacolo coinvolgerà i tre luoghi simbolo di piazza Duomo: il Duomo, Palazzo Reale e il Museo del Novecento. Da mezzanotte Beatrice Venezi dirigerà infatti l’Orchestra ‘I Pomeriggi Musicali’ dalla sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, emblema di rinascita dopo la distruzione subita nella Seconda Guerra Mondiale, trasformata in una camera di luce e proiezioni.

Questo Capodanno ha un forte valore simbolico, rappresenta il passaggio fra il passato e il futuro ma sancisce anche l’era del prima e dopo Covid. Di fatto è una celebrazione che esige un cordoglio perenne per le vittime e induce a sentimenti di profonda gratitudine per il personale sanitario, auspicando per il futuro PENSIERI ILLUMINATI di cambiamento culturale e di rinascita.  

PENSIERI ILLUMINATI non è il titolo di un evento ma un invito a scrivere attraverso l’arte, parole positive e coraggiose per noi stessi e incoraggianti e di sostegno per gli altri. Con la vostra partecipazione, la musica l’arte visiva e la prosa diventano una metafora condivisa, per stringerci come in un abbraccio collettivo”.

Non ci sarà niente da celebrare se non la speranza per il futuro”. ‘Pensieri Illuminati’ sarà visibile solo in streaming e verrà trasmesso dalle 22.30 del 31 dicembre 2020 sulle piattaforme Live-now.com, Repubblica.it, YesMilano.it e Video.sky.it/arte.

Pensieri illuminanti – Trailer

Milan condannato a pagare a Boban 5,37 milioni


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/milan/2020/12/30/news/milan_condannato_boban_gazidis-280422652/

Licenziato in seguito a un’intervista, l’ex centrocampista e Chief Football Officer ha vinto la causa al tribunale di Milano. Il giudice aveva ascoltato anche le testimonianze di Maldini e del ds Massara

Vince Boban contro il Milan. Nella causa per il licenziamento dell’ex dirigente rossonero, avvenuta in seguito a un’intervista rilasciata dall’ex centrocampista croato che a fino a febbraio aveva il ruolo di Chief Football Officer, il tribunale di Milano, sezione lavoro, ha condannato la società a un cospicuo risarcimento: 5,375 Milioni di euro (a fronte di una richiesta di 8 milioni di euro, pari al doppio dello stipendio che doveva ancora percepire). Del risarcimento, una parte di 4 milioni e 125 mila a titolo di danno patrimoniale e e 1,250 mila a titolo di danno non patrimoniale. Il giudice, prima di arrivare a sentenza, aveva ascoltato anche le testimonianze del direttore tecnico del Milan Paolo Maldini e del direttore sportivo Frederick Massara.

L’intervista incriminata di Boban – Il licenziamento era arrivato a marzo, quando nell’intervista Boban disse che la società non stava rispettando le sue mansioni di capo dell’area sportiva. In particolare, il casus belli fu il contatto mai smentito dalla società per ingaggiare Rangnick senza coinvolgere né lui né Maldini. Il motivo del licenziamento fu “per giusta causa” a seguito dell’intervista che, secondo l’ad Gazidis, avrebbe screditato la società. Nei mesi scorsi non è stata trovato nessun accordo, motivo per cui la decisione l’ha dovuta prendere il giudice. Martedì 29 la sentenza che ha dato ragione all’ex centrocampista croato: nel dispositivo il giudice ha accertato “l’illegittimità del recesso unilaterale” del contratto di collaborazione coordinata e continuativa che prevedeva uno stipendio annuale da oltre un milione di euro più benefit. Secondo l’impostazione della difesa di Boban, le mansioni del lavoro svolto da Boban non erano regolamentate correttamente da quel tipo di contratto.